CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / RASSEGNAZIONE PARMA? SCANSIAMOLA…

zazzaroni napoli parma(Gianni Barone) – Non mi va di credere alla teoria dello ”scansamento” avanzata stamani su Ballando con le Stelle… Eh, pardon, sul Corriere dello Sport-Stadio, da Ivan Zazzaroni, secondo la quale, alcune squadre, tra cui il PARMA, nel turno infrasettimanale, al cospetto di squadroni di alta classifica, si siano scansati per mantenere le energie per il turno successivo, visto l’esito scontato dei confronti con le grandi. In poche parole l’ex esperto di mazurke, valzer, polke e milonghe, sostiene che Parma, Frosinone e il suo Bologna – squadre in lotta per la salvezza – non abbiano nessun interesse a forzare, perché già battute in partenza, contro Napoli, Roma, Juventus… Non oso nemmeno credere alle malignità e alle cattiverie di pensiero – apparse, ahìnoi anche nel nostro spazio commenti, sempre poco frequentato quando si vince e lavandino della peggior specie quando si perde – espresse nei confronti di chi si sarebbe arreso per riconoscenza di buoni rapporti di mercato con l’avversario di turno. Come non mi va di credere che l’esclusione di Gervinho, dal primo all’ultimo minuto di gara, frutto dell’accordo preventivo col giocatore, secondo quanto dichiarato ieri dall’allenatore, sia stato in effetti preso bene dal giocatore medesimo. gianni baronePersonalmente, debbo dire, che l’assenza dell’ivoriano contro il NAPOLI ha penalizzato non poco la prestazione dei Crociati. Perché, lasciatemelo affermare, un conto è difendersi dagli assalti, di uno scatenato NAPOLI – ben messo in campo tatticamente con un 4-4-2, che consentiva ampiezza alla manovra, e superiorità continua sulle corsie esterne (alla faccia di chi dice che la tattica non conta niente) –  con la speranza di affidarsi al contropiede con un Gervinho in campo, con tutto il suo armamentario di imprendibile velocità, e un contro è farlo senza di lui, sperando nel niente offensivo che si è materializzato al San Paolo. Quindi, dal punto di vista PARMA, e dei tifosi, la scelta di accantonarlo dalla gara per preservarlo, non so quanto sia stata compresa o gradita dalla maggioranza e dall’interessato stesso che, dopo esser stato catapultato in ogni telegiornale sportivo e sui giornali ad alta tiratura per il supergol coast to coast col Cagliari alla Weah, si è visto negare il prestigioso palcoscenico del San gervinho wea gaz sportPaolo, sì da esser fresco, e immagino io sai quanto motivato, per la prossima rappresentazione con l’Empoli. Epperò, comunque. rinunce del genere, ritenute necessarie da chi è preposto ad operare scelte, diventano dolorose dal punto di vista del rendimento di squadra e del risultato. Su questo non ci piove: quindi con che spirito si è potuto affrontare la gara, mi chiedo, quando si sapeva già in partenza di essere nettamente inferiori, e fatalmente già battuti? Senza aderire in toto o a metà alla teoria zazzaroniana, di cui sopra, verrebbe da affermare, come scritto sulla stampa sportiva nazionale, che il ruolo di sparring-partner sostenuto dal PARMA, era già previsto in partenza, lasciando la possibilità al Napoli di esprimersi al meglio e vincere, con la possibilità di allenare la fase difensiva crociata, non so quanto in maniera proficua, e di far schierare giocatori, fino ad oggi poco utilizzati, e bisognosi di mettere minuti nelle gambe, per il proseguo del torneo. Purtroppo dopo le napoli parma undici crociatobrillanti prestazioni contro Juventus, Inter, Cagliari, che hanno fruttato 6 punti in tre gare, ci saremmo aspettati tutti, dalla truppa di D’AVERSA, un atteggiamento diverso, sicuramente meno arrendevole, e più in linea con lo spirito esibito in precedenza, condito da forza, grinta e cativeria. Purtroppo niente di tutto questo, con buona pace dei patiti dell’approccio, dell’atteggiamento e dell’interpretazione, che hanno dovuto arrendersi di fronte ad una squadra, il NAPOLI, lo ribadiamo ancora una volta, fortissima soprattutto dal punto di vista tattico, in quanto da quando ha variato il sistema di gioco, passando dal sarriano 4-3-3 all’ancelottiano 4-4-2, cambiando, ben 9 uomini titolari nel giro di due partite, sembra un’altra squadra, solida in difesa (ha subìto gol solo ciciretti napoli parmasu rigore) compatta a centrocampo, e fantasiosa in attacco, grazie ai movimenti imprevedibili delle due punte e degli esterni. E poi permettetemi: ogni tanto cambiare sistema potrebbe giovare anche al PARMA! Non pensate che in luogo dello spurio 4-3-3 con Ciciretti e Di Gaudio, a traccheggiare tra l’esterno e l’interno del campo, senza incidere, né in una fase e né nell’altra, sarebbe stato meglio mettersi a specchio col Napoli, con un 4-4-2, per togliere libertà, ai due terzini (Malcuit e Mario Rui), che hanno giocato costantemente in appoggio all’attacco nella metà campo avversaria? Chiedo? Non sarebbe stato meglio? Invece si è giocato, al risparmio energetico, in vista del prossimo impegno, quasi per dar ragione a Zazzaroni stesso, e si è persa l’occasione per vedere una bella partita, combattuta, come lo sono state le altre due contro le grandi, o presunte tali (con risultato altrettanto proibitivo alla vigilia), con la speranza di attuare la profezia di Nereo Rocco del “Vinca il d'aversa e ancelottimigliore speriamo di no”.  Invece ha vinto veramente il migliore, ma è un migliore (Ancelotti in testa), che cambia, che vuol cambiare, che ha dubbi, che sa cambiare, e che cerca di risolvere i dubbi con le idee di gioco, e con la capacità di adattare le caratteristiche dei giocatori al sistema di gioco e non viceversa, come nel caso di Insigne che da punta esterna, con Sarri, che segnava meno, a seconda punta con libertà di movimento che segna molto di più. Aggiustamenti continui, dettagli cambiati, flessibilità, sono gli ingredienti che fanno crescere il livello tecnico della squadra, e di questo Ancellotti, dimostra di essere maestro, al di là della lezione tattica che ha saputo esprimere nella gara dominata contro il PARMA. La cosa che ha dato fastidio è stata la rassegnazione dopo il primo gol, nato da un errore individuale, che ci può stare, e dal secondo gol, preso in contropiede, che non ci dovrebbe stare, e che ha tagliato le gambe a una formazione che aveva abituato, sinora, i suoi tifosi, a prestazioni migliori. Qualcuno, ora, dgdp d'aversa gervinhoirà che occorre avere pazienza, che bisogna risparmiarsi, e che bisogna saper dosare anche l’utilizzo di giocatori importanti come Gervinho: lo fanno tutti il turn over e il mini turn over, nelle partite infrasettimanali, però stranamente, gli avvicendamenti non vedono mai coinvolti giocatori come Insigne del Napoli, e Cristiano Ronaldo della Juve, chissà perchè… Sarebbe stato meglio che anche il Parma avesse fatto la stessa cosa con il suo elemento migliore, quello che ha fatto parlare di sé, un po’ tutti, con il suo stratosferico gol contro il Cagliari.  Non parliamo di scelta impopolare, perché, come sostenuto da D’Aversa, si è trattato di scelta conservativa concordata, necessaria, sì, a far vincere il Napoli… ora eccepisce qualche maligno, alludendo slide colombiai fitti scambi di mercato. Però a chi ha la memoria corta ricordiamo che all’altra fornitrice ufficiale, l’Inter, il gol l’ha fatto proprio Dimarco, quel prodotto nerazzurro in cui il Biscione crede tanto… Ma tant’è, consoliamoci con il solito luogo comune (sdong) che ci fa dire che sono ben altre le partite che il Parma deve vincere: però, appunto dopo aver battuto l’Inter, si poteva cercare di preparare ed impostare la partita in modo diverso, nonostante il divario enorme, gagliolo napoli parmaesistente, tra le due squadre, come qualche eccellente osservatore, ha voluto ribadire. Un ultimo appunto, nessuno, ha sottolineato la prestazione di GAGLIOLO, il migliore del Parma: come centrale sta dimostrando, anche in serate, collettivamente negative, come quella del San Paolo, di non perdere mai l’attenzione e la concentrazione nei confronti di attaccanti molto forti, che hanno sì segnato, ma non per colpa sua. E adesso arriva l’Empoli, quindi auguri ai teorici dell’approccio e dell’atteggiamento, questa volta non si può sbagliare niente, lo sappiamo: per loro, la tattica conta poco, il risultato, invece, un po’ di più. Non scansiamolo per favore… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

10 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / RASSEGNAZIONE PARMA? SCANSIAMOLA…

  • 27 Settembre 2018 in 19:01
    Permalink

    s può dire tutto, ma l’evidenza è che, in blocco, la squadra non è di fatto scesa in campo ed è pertanto inutile commentare una non prestazione che è gemella di quella di empoli lo scorso anno. Da dichiarazioni rilasciate successivamente risultò che empoli fu uno spartiacque per la stagione. Auguriamoci che si colga l’occasione anche quest’anno per ripartire più forte da una partita ignobile. Se vogliamo essere magnanimi si può sempre fare appello ad an altro dei luoghi comuni che è anche una verità: una serata storta può capitare a tutti.
    Insomma non abbiamo potuto vedere Gervinho, ma non abbiamo visto nemmeno gli 11 che erano sul prato verde

    • 27 Settembre 2018 in 22:19
      Permalink

      Tra la partita di ieri sera e quella con l’empoli l’anno scorso c’è una differenza : col Napoli la differenza di forza è nota, mentre l’anno scorso con l’empoli potevi provare a giocartela. Curiosamente, domenica incontriamo proprio l’Empoli in condizioni simili a quelle dello scorso anno (abbiamo lo stesso obbiettivo, la salvezza). Speriamo che la partita a vuoto di ieri sera, faccia incazzare il giusto tutto l’ambiente e che questa rabbia si traduca in determinazione e attenzione domenica.

  • 27 Settembre 2018 in 20:19
    Permalink

    Nessuno si è reso conto che la maglia nera porta sfiga?Bella ok ma prego non indossiamola più.

  • 27 Settembre 2018 in 20:25
    Permalink

    Comunque già dal viaggio in treno si percepiva un atteggiamento da dopo lavoro dell Tep. Sicuramente anche incosciamente essere il Napoli B con ben 4 giocatori tra i titolari o presunti tali pesa è inutile negarlo. Di Marco con l’Inter aveva il dente avvelenato i nostri in prestito dal Napoli sono qui uno per essere curato e gli altri per favori personali al Ds. Ergo non ci può aspettare che giochino col coltello tra i denti.

  • 27 Settembre 2018 in 21:20
    Permalink

    Battiamo l’Empoli ed è tutto dimenticato. Sono sicuro che rivedremo un grande Parma.

  • 27 Settembre 2018 in 22:49
    Permalink

    Concordo che la maglia nera sarà pur bella ma con quella per adesso si è solo perso. Scaramanzia….

  • 28 Settembre 2018 in 00:06
    Permalink

    Il portiere dell’ EMPOLI col Milan
    è stato STREPITOSO ma anche
    la squadra mi è piaciuta.molto
    Occhio Parma, questi sono tosti.

    Ma che purter ragass !!
    ( ma che portiere ragazzi)

    • 28 Settembre 2018 in 12:17
      Permalink

      Velo …come se dicen en Spain …
      Vamos a comer Empolii con patatas …. mi capisce ?
      Tranquilo …do not worry bro ..
      ForsA PAerma
      El Straje’

  • 28 Settembre 2018 in 11:25
    Permalink

    Vorrei sfatare uon dei luoghi comuni + assurdi che possano esistere, quello della scaramanzia :
    abbiamo perso con SPAL e NAPOLI perchè sono state ( non )giocate due partitacce inguardabili da ogni punto di vista, soprattutto quello preincipale, dell’impegno e grinta FEROCE…

    la maglia NON C’ENTRA NULLA , può piacere o meno, essere apprezzata cromaticamente oppure no ma, ciò che importa E’ CHI CI STA DENTRO e COME GIOCA , cavolo
    moro

  • 28 Settembre 2018 in 11:47
    Permalink

    Che se ne intende di maglie accusate di portare sfiga…

    3 promozioni su 3, mica male…

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI