FANTAIMPAZZIAMO CON IL PARMA / FANTAPAZZ.COM FANTACALCISTICAMENTE CONSIGLIA DI SCHIERARE GERVINHO E BARILLA’, MA NON IACOPONI E RIGONI

fantapazz

(photo (4)Emanuele Muto per Redazione Fantapazz) – Dopo la parentesi infrasettimanale, domani,  domenica 30 Settembre 2018 al Tardini arriva l’Empoli, una squadra ostica che gioca un bel calcio. Tra i parmensi inseriamo tra i possibili top Gervinho, un giocatore che con la sua velocità potrebbe far venire un bel mal di testa ai difensore empolesi e Inglese, un giocatore che fa tantissimo lavoro sporco, porta a casa sempre grandi prestazioni, e la possibilità che fornisca ai fantallenatori assist e gol è molto alta. Tra i giocatori di sicuro affidamento in chiave fantacalcistica va menzionato ancora una volta Barillà: il centrocampista porta a casa prestazioni quasi sempre “cazzute”.

Tra i flop inseriamo Iacoponi, un difensore un pò troppo approssimativo, che non ha sex appeal in chiave fantacalcistica, e Luca Rigoni, che ci sembra un lontano parente del giocatore visto negli ultimi anni.

Emanuele Muto per Redazione Fantapazz 

fantapazz parma

Edit

Stadio Tardini

Stadio Tardini

9 pensieri riguardo “FANTAIMPAZZIAMO CON IL PARMA / FANTAPAZZ.COM FANTACALCISTICAMENTE CONSIGLIA DI SCHIERARE GERVINHO E BARILLA’, MA NON IACOPONI E RIGONI

  • 29 Settembre 2018 in 00:28
    Permalink

    Secondo me non avete visto giocare bene Rigoni. Da quando gioca titolare il nostro centrocampo è molto più quadrato e solido.

  • 29 Settembre 2018 in 12:11
    Permalink

    Luca il giudizio su Rigoni è in chiave fantacalcistica, quello del Genoa e Palermo si inseriva di più e regalava bonus al fantacalcio.

  • 29 Settembre 2018 in 13:09
    Permalink

    L’intervista oggi al fantasma Cordon sulla Rudarola è inquietante. Ha chiaramente detto quello che nei fatti è già dimostrato. Al pioccinese non interessa la serie A, ma crescere giovani da vendere. Potrei consigliargli di comprare un bel pollaio e commerciare in pulastar. Costa meno ed è più attinente alla cultura imprenditoriale della grande muraglia. In tutta l’inervista mai un riferimento a obiettivi sportivi. Solo trading e autofinanziamento. Questa gente se ne deve andare. Sono squallidi conta fagioli, per loro gestire un Mio Hao in stazione a Piacenza o un club con 100 anni di storia è la stessa cosa.

    • 29 Settembre 2018 in 14:39
      Permalink

      Ciao Davide,

      da quando stamani mi ero letto l’intervista a Cordon ti stavo aspettando al varco perché immaginavo l’effetto che avrebbe potuto avere su di Te e su quella tipologia di tifosi che gode avere un riccone che sbrachi e faccia vivere due stagioni di gloria e poi pazienza se falliamo…
      A me, viceversa, l’intervista di Cordon ha infuso rassicurazioni, perché non conoscendo direttamente le idee della proprietà cinese con la quale non ho mai avuto modo di confrontarmi avendo ora un incarico differente, mentre in precedenza la filosofia e il pensiero fondante di Nuovo Inizio era il mio pane quotidiano, visto che ne ero portavoce, dicevo mi ha infuso rassicurazioni perché trovo una certa continuità di pensiero appunto con la minoranza, che peraltro continua la gestione della società appunto su mandato della maggioranza.
      Se non ha mai fatto proclami – anche di natura sportiva – Nuovo Inizio, che ha parlato con i fatti (e insieme tutta la proprietà vantano 3 promozioni in stecca) è un bel lavoro che mantengano il profilo basso anche i cinesi. Sarei molto più preoccupato per esternazioni all’americana (ogni riferimento è puramente voluto).
      Che la società debba stare in piedi con le proprie zampe è un must che StadioTardini predica fin dall’era Ghirardi, il primo a coniare l’espressione Gestione Virtuosa, che a me, quale Grillo Parlante, piace parecchio. Peccato che allora fossero solo parole e non fatti.
      Insomma, cinesi o italiani, il Parma – e sarebbe bene fosse così per qualsiasi società di calcio – fa bene a mantenere l’attenta gestione dei costi, puntare all’autofinanziamento, e appunto cercare di ricavare risorse investendo sul settore giovanile. Mi pare un ottimo programma. Ribadisco: rassicurante.
      Per fare questo la serie A è sottintesa: ma non tanto dal punto di vista sportivo, quanto per il famoso discorso dei ricavi.

  • 29 Settembre 2018 in 15:15
    Permalink

    Adesa selta fora anca l’infuso,l’infuso di bagola

  • 29 Settembre 2018 in 16:20
    Permalink

    Direttore, Cordon al fa al ragiunèr o il direttore sportivo?Va bene tutto ma il calcio è anche passione ed emozione. Se devo leggere uno che mi dice che l’unico obiettivo è vendere giocatori e in due pagine non parla mai di obiettivi sportivi per me se se ne devono andare a fare gli speculatori con i bar presi a 10.000 euro sulla via Emilia. Io non godo un riccone. Ma uno che mi parla di calcio si però. E non di Hope o di sinergie (con chi poi?) o di pioccionate varie. Ma il tempo di questa gente non sarà per fortuna lungo. Il pioccione viaggiatore va dove lo porta la speculazione quindi….

  • 30 Settembre 2018 in 11:27
    Permalink

    L’articolo è di una tristezza infinita.
    Zero investimenti….
    Auguriamoci di salvare la categoria.

  • 30 Settembre 2018 in 14:03
    Permalink

    Con questi piocioni sarà difficile mantenere la categoria

  • 30 Settembre 2018 in 20:03
    Permalink

    Pettinali così le uova restano incastrate nei denti (del pettine…)

I commenti sono chiusi.