UN UOMO IN DUE MAGLIE. A TU PER TU CON… BENNY CARBONE, di Luca Savarese

Luca Savarese(Luca Savarese) – Si scriveva Benny Carbone, si leggeva fantasia al potere. Laccetto a raccogliere i capelli, portieri spesso costretti a raccogliere le sue parabole. Nella seconda metà degli anni novanta, sbarcano anche in Italia i nomi sulle magliette. Così, ti capitava di andare all’oratorio a giocare con gli amici e di trovare una nidiata di piccoli Benny Carbone con la maglia più grande di loro ma con ben impresso il primo 10 personalizzato della storia nerazzurra. Il nostro, nella stagione 2003-2004, ha però avuto modo di deliziare anche gli appassionati crociati, giocando con la maglia del Parma. Grazie alla disponibilità di Maurizio Russo e della NF Sports, agenzia che gestisce la comunicazione di Benny, lo abbiamo contattato per le nostre colonne come “Uomo in due maglie” ( A volte ritornano…) di questa terza giornata.

 Partiamo da lontano… Scilla e Cariddi non furono solo due creature mitologiche, ma l’A. S. Scilla Calcio, fucina giovanile della U.S. Scillese, diede di fatto inizio al tuo mito?

 “Si, ho iniziato proprio con la Scillese, che mi chiese in prestito alla mia squadra di appartenenza (la Bagnarese). Mi chiesero di andare a Torino per fare un torneo. Lì si giocava contro Juve, Toro e la squadra che organizzò il torneo, il Pino Maina. Fu in quell’ occasione che mi misi in mostra, vincendo. Fui decretato miglior giocatore e capocannoniere del torneo. Ciò suscitò l’interesse del Toro, ma anche della Juve. Mi ricordo ancora che proprio la Juve mi propose di andare da loro l’anno successivo, perché avevano chiuso le entrate del settore giovanile. Invece il Toro mi disse che se avessi avuto un appoggio, loro mi avrebbero preso subito. E così andai lì, avendo la possibilità di abitare con mia sorella a Settimo Torinese. Grazie a loro ( Maria Carbone e Domenico Luppino) è iniziata la mia avventura da giocatore professionista”.

 Poi arrivò il 15 gennaio 1989, Torino-Pisa. Al Comunale fa freddo, arbitra il signor Fabio Baldas, ma tu quando entri con la maglia numero 16 al posto di Alvise Zago, ti dimostri già caldo, al punto da andare a cogliere il montante esterno dopo un lampo sulla mancina. Insomma, il primo giorno di A, non si scorda mai?

 “Come potrei dimenticare il mio esordio. In quel momento fu come un sogno . Giocare al Comunale con la maglia del grande Torino, del vecchio cuore granata fu un’emozione bellissima. Entrai in una partita che risultava fondamentale per la salvezza, appunto Torino – Pisa, nella quale riuscii a fare un ottimo di partita; ho colpito un palo con un tiro che, se invece fosse entrato, avrebbe cambiato le sorti sia del Toro quanto mie. L’anno dopo andai infatti in prestito alla Reggina, in serie B”.

 Poi Reggina, Casertana, Ascoli, ancora Toro e Roma e Napoli: giri un po’ lo stivale, dispensando qua e là, giocate d’alto bordo

“Si, ero nella lista dei confermati per l’anno successive, insieme a Dino Baggio. Poi arrivò Moggi e cambiò tutto. Dino rimase al Toro, io invece trascorsi 3 anni in giro per “farmi le ossa”.

 Si arriva all’estate del 1995. Anni di grandi cambiamenti. L’anno prima arrivarono i tre punti, ora ecco le tre sostituzioni e, sulla scia degli sport statunitensi, le maglie personalizzate con tanto di cognomi stampati sopra i numeri. La tua dice 10 Carbone. Che effetto ti fece?

“Fece un grandissimo effetto, considerando il fatto che stiamo parlando della maglia n.10 al Napoli (quell’anno non ancora personalizzate, nda) pesantissima dopo Maradona e Zola. Nel 95 prendo in eredità la maglia personalizzata numero 10 nella mia squadra del cuore, con i colori nerazzurri, dei vari Beccalossi , Matthaus , Bergkamp. Insomma, vederla addosso a me, con il mio nome, sapendo chi l’aveva indossata mi riempiva di orgoglio, ma nello stesso tempo di grande responsabilità. Ho cercato sempre di portarla con onore e dignità e credo di esserci riuscito”.

 Ma il prato del Meazza che profumo aveva e Roberto Carlos davvero tirava le punizioni con le tre dita?

 “Profumo di campo , profumo di stadio di prestigio, dove grandi campioni del passato avevano fatto la storia dell inter. Per me era un privilegio avere la possibilità di calcare quel terreno. Roberto Carlos ha dimostrato con la sua carriera il campione che fosse. Qualcuno all’Inter non aveva capito di avere il terzino sx più forte di tutti i tempi, sapendo calciare le punizioni si con le tre dita, ma con una potenza allucinante. La palla “fischiava” quando la calciava Roby”.

 Poi ecco che il tuo calcio cominciò a parlare inglese. Fosti uno dei pionieri del made in Italy nella Premier League nata solo pochi anni prima. Lo stadio più bello ed il cibo più buono made in England?

 “Si fui il primo ad andarci , anche se adesso con il senno di poi posso dire di aver sbagliato i tempi , visto che lasciai l’Inter , una delle squadre più importanti al mondo .Ma L esperienza inglese l’avrei fatta comunque e sono stato felice di rimanere lì per 6 stagioni lavorando veramente bene. Lo stadio più bello, senza togliere nulla a nessuno , il vecchio Wembley, dove feci una finale di F.A CUP CONTRO IL CHELSEA … stadio superbo .. e se devo dirne uno della premier sicuro dico Old Trafford di Manchester, da brividi …” 

 Un anno in riva al Lario e poi arrivi nel ducato di Parma. Non c’era più Maria Luigia però da quelle pbenito carbonearti, amanti delle raffinatezze, il tuo modo di dare del tu alla palla ricordava quello di Zola. Lui dopo Parma scelse la Premier, tu al contrario arrivasti al Tardini dopo aver parlato inglese?

“Si le mie strade e quelle  di Zola si sono sempre rincorse. Lui era a Napoli ed io al Toro , lui al Parma ed io al Napoli, io in Inghilterra e lui a Parma, io a Parma e lui al Chelsea. Incredibile non aver mai potuto giocare con questo grande campione. Credo che l’umiltà fosse l’arma migliore che potesse avere un grande calciatore di quel livello” .

 Un anno con la casacca crociata, Prandelli in panca, Gilardino e Adriano là davanti, ma anche quattro tuoi gol, come uno in casa che aprì le marcature contro la Juve…?

 “Beh, l’anno di cui stiamo parlando lo ricordo sempre con grandissimo affetto. Arrivai l’ultimo giorno di mercato e mi guadagnai tutto con fatica e sudore per arrivare a conquistare la fiducia di un mister (che ancora oggi sento) e del grande gruppo che avevamo. Ragazzi meravigliosi, con cui Prandelli fece un miracolo, facendoci arrivare a giocarci l’accesso in Champions all’ultima giornata a Milano con l’Inter. Per non parlare del fatto di aver affrontato tutto l’anno con il disastro Parmalat. Sono ricordi stupendi”.

 Sabato sarà di nuovo Inter-Parma. Sono entrambe due formazioni a contatto con due novità: i ragazzi di D’Aversa ritrovano il gusto di giocare nella Scala del calcio dopo gli anni bui, i nerazzurri, forse mai come quest’anno, dovranno essere nuovi ogni partita, in Italia e nella ritrovata Champions?

 “Beh nessuno credo possa essere felice quanto me per la promozione del Parma nella massima serie, dove questa grande piazza meritata di stare. Auguro loro con il cuore che rimangano più a lungo possibile in serie A . L’Inter per me è un mondo a parte. Sono un tifoso, un ex calciatore, che ancora oggi sente di far parte di questa grande famiglia. Progetti come InterForever non fanno altro che aumentare l’attaccamento a questa grande squadra. Mi auguro che la squadra di Spalletti possa continuare il suo cammino spedita, facendo capire a tutti di essere l’anti Juve, e giocarsi il campionato fino alla fine”.

 Non ti chiediamo il pronostico ma siamo curiosi: sarai allo stadio o ti gusterai la gara altrove?

 “Sarò allo stadio con il mio amico fraterno Walter Zenga e, per ragioni di cuore, tiferemo Inter. Sarò felice di vedere due squadre che per me sono state importanti e che mi hanno dato molto. Hanno la possibilità di giocare nello stadio più prestigioso d’Italia. Vinca il migliore!”.

One thought on “UN UOMO IN DUE MAGLIE. A TU PER TU CON… BENNY CARBONE, di Luca Savarese

  • 14 Settembre 2018 in 16:17
    Permalink

    Quella partita con gol di Carbone fu vinta 2-1, no?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI