ZAMPARINI, LA VITTORIA DI PIRRO DELLA PROCURA FEDERALE IN SECONDO GRADO PER LE ESTERNAZIONI DOPO PARMA-PALERMO. E INTANTO IL RIESAME NE DISPONE I DOMICILIARI…

GABRIELE-MAJO-Foto-Franco-Sacc-Archimmagine-007.jpg(Gmajo) – Di acqua sotto i ponti ne è passata dalla turbolenta estate che aveva impedito il climax massimo dopo la terza promozione consecutiva, quella del Come Noi Nessuno Mai: il deflagrare del WhatsApp Gate con gli annessi timori di retrocessione e/o gravi penalizzazioni per il Parma aveva strozzato la gioia in gola ai tifosi Crociati, facendoli sprofondare, per l’ennesima volta in quel clima di tensione e preoccupazione che ciclicamente si ripresenta e non sempre per fondate ragioni. Il tutto con il cacofonico accompagnamento del rumore di fondo delle esternazioni di Maurizio Zamparini – che diversi tra i nostri lettori additavano quale maestro di lessico da seguire, in luogo della più opportuna strategia del silenzio e dell’agire, marchio di fabbrica della rinata Società ducale – e i timori di congiure di Palazzo per favorire la squadra siciliana ai danni del Parma. Poco prima del principio del Massimo Campionato, come ben sappiamo, la CFA rimise le cose apposto, evitando inique penalizzazioni al Parma, rischedulando il capo d’accusa della Procura Federale, avallato in primo grado dal TFN (illecito sportivo di Emanuele Calaiò con responsabilità oggettiva del Parma) in semplice “Slealtà Sportiva”, con multa poi oblata e stop fino alla fine dell’anno dell’Arciere (che peraltro in questi giorni avrebbe pure fatto comodo…) il quale ha rinunciato all’ultimo grado di giudizio, accettando, per quieto vivere quel responso decisamente più leggero e meno infamante rispetto al primo. Tra i mille rivoli della diatriba sulla linea Parma-Palermo anche le frequenti reiterate sparate dello “Zampa” (ovviamente “pro domo sua”) sfociatmediagol zamparinie, infine, in un esposto che la Società Crociata aveva presentato, senza preventivi annunzi ed inutili clamori sempre per il principio del fare e non del dire (a sproposito), alla Procura Federale che lo aveva mandato avanti deferendo ed arrivando sino al giudizio di Primo Grado con bacchettata a seguire del TFN agli investigatori rei di avere presentato il ricorso troppo appiattito (sic!) sulle tesi del Parma (presentatore dell’esposto) e perché le frasi incriminate di Zamparini essendo state riportate solo da MediaGol (in realtà anche da altri, tra cui un giornale stampato siciliano, la cui riproduzione, stranamente, pur essendo stata allegata dai presentatori non è stata passata dai passacarte…) avevano una rilevanza locale, curioso principio per cui, di fatto, uno se parla ai suoi tifosi può ingiuriare arbitri ed avversari restando impunito. Al di là della considerazione che MediaGol, essendo un sito collegato alla galassia GazzaNet ha una diffusione ben più che locale, ma anche ne fosse svincolato tutti quanti sappiamo che lasportparma rete non ha confini… Dalle cronache di oggi, riportate prima dai media siciliani e poi rilanciate anche alle nostre latitudini, apprendiamo che la Procura Federale non si era arresa dinnanzi a quel rigetto e, subita la reprimenda del TFN, aveva presentato ricorso alla CFA che in questi giorni le ha dato ragione. Ma se bene andiamo a vedere quella della Procura (non tanto del Parma, come han scritto i media locali, giacché la bega legale, una volta presentato l’esposto, era a totale carico degli organi della Giustizia Sportiva, e mai il club è stato parte in causa in questi procedimenti) è stata la classica vittoria di Pirro, se si considerano il tenore e i toni di quanto detto in quella occasione dal patron del Palermo (nei confronti del Parma e dell’arbitro) e in altre successive occasioni: egli, infatti, è stato condannato a una ammenda di ben 2.500 euro (poco più di un divieto zamparini by la duchessadi sosta con rimozione del mezzo…) e a una semplice ammonizione, ma, ancora una volta, sono più inquietanti le motivazioni del provvedimento, giacché secondo la Corte, Zamparini è andato “appena oltre la soglia di un’ammissibile critica”? Appena oltre la soglia di un ammissibile critica? Nel caso in questione, e nei tanti correlati, mi pare un tantinello risibile… Anche perché poi certe etichette ti si appiccicano addosso indelebilmente creandoti dei danni incalcolabili; ad esempio i  presunti favori nella gara col Pordenone, ricordati dallo stesso Zamparini proprio in questa circostanza. C’è gente che finisce per credere a questecome loro nessuno mai leggende metropolitane allargando a propria volta il raggio d’azione della diffamazione: dall’altra parte dell’Enza, invece di capire almeno tardivamente i danni dell’ultima gestione che ha fatto finire miseramente, proprio nell’anno del Centenario una società comunque gloriosa come la Reggiana, si dilettano a dare le stampe, non paghi dei moderni social, vera latrina del pensiero umano, un pamphlet dal titolo: “Come Loro Nessuno Mai”, e l’esplicito sottotitolo: “Storia di una squadra di calcio a cui le regole si possono applicare con disinvoltura”, di cui non ho ancora avuto il piacere (si fa per dire) di leggere i contenuti, ma mi basta per trarre un giudizio il biglietto da visita poc’anzi citato. L’autore? E’ tale Francesco Fantuzzi, già assurto agli onori della Rete per le profonde valutazioni sul caso Parma-Ancona (finito in una bolla di sapone per la gioia di Nello Mazzone e degli estimatori della sua professionalità) e per poco frequentate colorite manifestazioni di protesta. Forse sarebbe stato meglio se questi sforzi investigativi li avesse riservati alle cose di casa loro vista la fine miserrima dopo la grandeur americana della Reggiana. Gabriele Majo (Quadro di Zamparini by La Duchessa di Parma)

zamparini ansaAGGIORNAMENTO DELLE ORE 17.30: DOMICILIARI PER ZAMPARINI

La notizia era nell’aria da alcuni giorni, ma alle 17.28 l’Agenzia ANSA ha battuto la notizia che il Tribunale del Riesame ha disposto gli arresti domiciliari per Maurizio Zamparini.

Ecco il testo del lancio:

Il Tribunale del Riesame di Palermo, accogliendo il ricorso della Procura, ha disposto gli arresti domiciliari, negati in prima istanza dal Gip, per l’ex patron del Palermo Maurizio Zamparini accusato tra l’altro di riciclaggio e autoriciclaggio.
L’inchiesta è coordinata dai pm Dario Scaletta e Francesca Dessì, dall’aggiunto Salvo De Luca e dal procuratore Francesco Lo Voi. Il provvedimento non è esecutivo fino alla pronuncia della Cassazione.

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

7 pensieri riguardo “ZAMPARINI, LA VITTORIA DI PIRRO DELLA PROCURA FEDERALE IN SECONDO GRADO PER LE ESTERNAZIONI DOPO PARMA-PALERMO. E INTANTO IL RIESAME NE DISPONE I DOMICILIARI…

  • 5 Ottobre 2018 in 16:47
    Permalink

    Visto il livello della giustizia sportiva italiana, l’unica cosa che bisogna augurarsi è quella di non finire mai più coinvolti nei suoi gangli, neanche di striscio…anche se come insegna il nostro caso talvolta ci si finisce al di là delle proprie colpe. Una domanda: a questo punto mi pare di capire che anche il Palermo abbia rinunciato, come l’arciere, all’ultugrado di giudizio, vero?

    • 5 Ottobre 2018 in 16:51
      Permalink

      Esatto e lo stesso dicasi per la Procura Federale, quindi quel capitolo possiamo considerarlo concluso definitivamente.

  • 5 Ottobre 2018 in 19:40
    Permalink

    E questo vale per tante oche che hanno starnazzato e sgacazzato spiumando dappertutto

  • 5 Ottobre 2018 in 20:21
    Permalink

    E il tribunale del riesame ha disposto il suo arresto ai domiciliari anche se deve essere confermato dalla cassazione. Adesso avrà problemi più grossi su cui fare i ricorsi.

  • 5 Ottobre 2018 in 20:31
    Permalink

    Il giorno che gente come Zamparini sparirà dal calcio sarà un grande giorno. È gente capace solo di gettare fango e far allontanare i tifosi.

  • 5 Ottobre 2018 in 20:50
    Permalink

    ed io aggiungo, dig chi sla vaghen a thor ..tutt in tal tanganica …
    al Palermo, al so padron e cla giustiszia dal piffero….potente e forte coi piccoli ( ma cresceremo ) e debole coi grandi e prepotenti…
    PUNTO A CAPO ..
    resterete, resterete, resterete in SERIE B…to su, take away e lesa li ed rompar el bali …
    moro

  • 6 Ottobre 2018 in 10:49
    Permalink

    Sarei quasi tentato di leggerlo quel libro (Come loro nessuno mai), giusto per vedere quante “inesattezze” sono contenute e farmi due risate. Poi naturalmente ci sarà chi lo dovrà leggere per lavoro, immagino i legali del Parma e vedremo poi come andrà a finire per l’autore.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI