CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Ci vuole forza, grinta, cativeria e Sprite (spirito)…

gianni barone(Gianni Barone) – Mi ero ripromesso di non farlo, visto che ormai, era sulla bocca e sulla penna di tutti, poi proprio nella settimana, che ha registrato il picco più basso del gradimento del cosiddetto calcio propositivo, culminato con l’esonero di Andreazzoli dall’Empoli, per manifesta inferiorità di risultati, non ho resistito alla tentazione di farlo. Cosa?, direte voi. Semplice parlare di calcio  all’italiana, di contropiede, catenaccio, gioco di rimessa, e fare un po’ di ordine. Lo abbiamo sempre detto l’etichetta di catenacciaro, al giorno d’oggi, non fa piacere a nessuno, nemmeno a chi che con questo tipo di filosofia, adottata non sappiamo se per vocazione e se subita per necessità o peggio ancora usata obtorto collo, sta costruendo le sue fortune e quelle della sua squadra con risultati sorprendenti un po’ per tutti. E ci riferiamo al Parma, e a D’Aversa, che pur essendo, per scelta, sempre fedele al suo 4-3-3 sin dalle sue prime parole di presentazione quando la squadra era ancora in C, è riuscito in questa prima parte del campionato a calamitare l’attenzione dei media più schianchi calcio e calcio 15 04 2013quotati, e di conseguenza anche delle penne più in vista, sul modo con cui riesce ad ottenere vittorie in trasferta contro avversari, sulla carta molto più forti, e reduci da momenti di forma esaltanti prima di affrontare i Crociati, tipo Genoa di qualche mese fa, e Torino di qualche giorno fa. Citiamo dalla Gazzetta dello SPORT, firma Andrea SCHIANCHI, titolo  “Così il PARMA di D’Aversa rivaluta il made in Italy”,testo stralciato: – 3 vittorie in trasferta…. Solida difesa su un rapido contropiede: verticalizzazioni immediate, pochi fraseggi in mezzo la campo, niente titic-titoc (LIEDHOLM docet n.d.a). lo scopo del gioco è fare gol, ripete l’allenatore, e si deve arrivare il più velocemente possibile a servire gli attaccanti (sdong)”. E fin qui siamo tutti d’accordo a fotografare le imprese del PARMA: lo sarà un po’ meno D’AVERSA, visto che, il giorno prima, dopo la vittoria col Torino si era d'aversa napoli parmalasciato andare, con qualche briciolo d’ironia e qualche brandello di compiacimento ad affermazioni che vanno in direzione opposta al senso di quanto affermato dal giornalista parmigiano delle rosea, del tipo “Quando vinci sei bravo, ci siamo costruiti delle situazioni importanti, soprattutto nella prima mezzora, attraverso il fraseggio (attenzione alle parole direbbe NANNI MORETTI di Palombella Rossa), e bravi poi a sfruttare alcune situazioni in velocità con GERVINHO e Biabiany, ma se guardiamo il gol di INGLESE, credo che sia stato il frutto di un’azione di qualità”. Allora ma questo fraseggio c’è o non c’è? C’è mai stato come dice Schianchi o c’è o ci sarà come afferma con nitore D’AVERSA ? Si tratta di calcio di qualità o no ? E o no? Per chi vuol sapere se si è divertito o meno, poco importa chi ha ragione, ma per chi ci vuole andare in fondo e per chi crede che sia andreazzoli empolimeglio, per noi italiani, giocare in certo modo piuttosto che un altro, la cosa importa eccome. Schianchi lo sappiamo, è simpatizzante di una scuola di pensiero un poco sacchiana, e molto guardiolista e ulteriormente sarriana, il tecnico del PARMA, sulla carta anche lui, ha sempre professato, di esserlo, anche se poi nei fatti, oggettivamente, ha dovuto, per necessità, come detto, adattarsi a principi legati ad un tradizione, che sembrava tramontata, e forse non lo sarà mai. Quindi hanno ragione tutti, come al solito, e non ha ragione nessuno. Però noi, che abbiamo sempre sostenuto la bontà del calcio all’italiana senza mai nasconderci, possiamo candidamente affermare che aveva ragione, anche se con tempi diversi, e con toni da aggiornare, sempre rispetto ai tempi, Gianni BRERA, che tutti citano giornalisticamente per la prosa e neologismi da lui coniati, che popolano, anzi affollano, le cronache sportive, e non solo, di oggi, quando da teorico del catenaccio, in opposizione alla scuola napoletana dei vari GHIRELLI e PALUMBO, che sosteneva con forza il contrario, affermava che “L’italiani non erano all’altezza degli altri popoli, e che di gianni-breraconseguenza non potevano impostare un calcio sistematicamente offensivo, per 90 minuti, che occorreva giocare d’astuzia economizzando le energie utilizzando tattiche di opportunità”. Ecco il punto che unisce tutti l’opportunità di questo tipo di mentalità, filosofia, pensiero, chiamatelo come volete, che rimane sempre attuale, e che è nato nella notte dei tempi calcistici, si parla addirittura del 1938, al Campionato del Mondo, quando la nazionale elvetica allenata da RAPPAN, che lo aveva già sperimentato, prima, nel suo club il Servette, aveva proposto, quella che era, inizialmente, un variante prudenziale e difensiva del Sistema, allora imperante in tutto il continente. Veniva chiamato alla francese “verrou”, che tradotto ci porta al termine di catenaccio ancora usato, e sinonimo di calcio giocato di rimessa, in contropiede, neologismo ideato appunto da Brera, poi trasformato in spriteripartenza con l’avvento del modulo a zona, anche da noi.  Fin qui la storia che ritorna, che non avremmo voluto riportare, per evitare di essere ossessionanti e noiosi, però l’attualità ci porta sempre su quella strada che ebbe, da noi, Brera come teorico, e gli indimenticati Gipo Viani e Nereo Rocco, già nei primi anni 50, come tenaci sperimentatori nonché come strenui sostenitori. La scuola italiana non è morta, dice SCHIANCHI, ma non solo lui lo afferma, perché è semplicità che dovrebbe essere insegnata nelle scuole calcio, le quali dovrebbero essere meno legate all’accademia e più allo spirito, (di qui il riferimento del titolo alla sprite bibita gassata molto gradita ai giovani o quasi) del cortile, dell’oratorio in cui si predicava, al limite della blasfemia, parallelamente alle orazioni, la forza (i muscoli attuali) la grinta e la cativeria, come urlato, dall’altra parte della strada, dai santoni di periferia, ripetutamente citati su queste colonne, e come ripreso anche dal nuovo Presidente tifoso del PARMA, Pietro PIZZAROTTI, al quale tutti hanno voluto dedicare news-pizzarotti-intervista-750x330gol e vittoria. Il quale Presidente, oltre a predicare orgoglio, spirito di appartenenza, umiltà, passione ed entusiasmo, ha voluto ribadire che si cerca, per il futuro, di individuare, per la presidenza, una specifica identità imprenditoriale calcistica. Su quest’ultimo argomento sarebbe meglio che se ne parlasse, molto più in là, in quanto la figura del Presidente tifoso, vicino alla squadra, amato dai tifosi, dai giocatori e dall’ambiente tutto, piace e riscuote il generale gradimento, quindi al momento, azzeccata e utilissima alla causa, e valido supporto per chi lavora, sul campo, per il raggiungimento degli obiettivi. E poi diciamocelo, visto il panorama calcistico attuale dei vari presidenti di serie A, chi è che veramente un vero imprenditore di calcio, tra tutti? Io non saprei individuare nessuno. Voi? Intanto godiamoci, si fa per dire, in attesa del prossimo impegno col SASSUOLO di De Zerbi, altra squadra in salute, uno degli ultimi baluardi del calcio propositivo de zerbisopravvissuto agli ultimi esoneri o dimissioni, la nazionale di MANCINI, che con le convocazioni continua a prendere in giro chi si sta veramente impegnando in campionato, chiamando giovani dalla B, ancora immaturi, o sconosciuti elementi che giocano all’estero, ultima invenzione Vincenzo Grifo, ma chi è ? Per tacere poi di elementi che non giocano mai come Rugani, che ALLEGRI non schiera titolare neanche contro il Roccacannuccia, perché forse non si fida, in luogo che so, di un Gagliolo, che tornato nel ruolo di terzino sinistro, ha letteralmente incantato, allo Stadio Grande Torino, con assist perfetti e gradi conclusioni, ma rimane fuori dall’ottica del presupponete e snob Commissario Tecnico, che per evitare brutte figure future, come capitato al suo predecessore già dimissionario al Chievo, farebbe bene a ripassarsi la lezione del calcio all’italiana, ora tanto celebrata un po’ da tutti. Quando si vince si è tutti bravi a scrivere bene, anche di cose non piacciono. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

8 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Ci vuole forza, grinta, cativeria e Sprite (spirito)…

  • 13 Novembre 2018 in 10:51
    Permalink

    Bello tutto l’articolo, ci sta la stilettata finale perchè se egoisticamente fa comodo che i nostri giocatori possano riposare un po, per i ragazzi stessi dispiace che non abbiano avuto la soddisfazione della chiamata. Parlo non solo di gagliolo ma anche di inglese e barillà. teniamo presente che ultimamente in azzurro abbiamo visto biraghi gagliardini etc. Poi vabbè per me inglese è proprio uno scandalo, un attaccante forte e completo ma si preferisce assecondare la fantasia di tiqui taka o affini quando la realtà è che prendiamo gol da tutti

  • 13 Novembre 2018 in 11:18
    Permalink

    Ieri all’ora del vespro mi sono recato presso lo store dell’Ennio per alcuni acquisti. Ovviamente non frega nulla a nessuno, ma volevo fare alcune brevi considerazioni che avevo già maturato nelle altre mie visite prima/dopo le partite o durante la settimana. Negozio ok, personale ok e sempre gentilissimo, prodotti ok (bellissima l’idea della sciarpona gialloblu vintage che sembra fatta al ferro dalla nonna). Venendo ai punti negativi lo store manca totalmente di insegne, di indicazioni che permettano a chi si trova fuori dallo stadio (nei giorni senza le partite) e non lo conosce di trovarlo agevolmente e sopratto c’era un buio pesto dal cancello al negozio. Ieri sera tre turisti inglesi erano nel piazzale davanti al cancello spaesati e non sapevano dove entrare e dove e se ci fosse un negozio. Ed è un vero peccato non valorizzarlo come merita. Immagino che essendo l’Ennio ancora e purtroppo nelle mani di quel tizio col maglione ex impiegato di banca che lavora sopra i portici del grano e che si è accorto che il Parma esiste quando ha ricevuto Manenti, i margini di intervento siano limitati. Immagino anche che il cinese controllasse le lampadine e ordinasse su amazon quelle da un euro con l’ordine di accenderle solo alla bisogna però…adesso che il micragonoso orientale si è levato dai piedi valorizziamo le eccellenze.

  • 13 Novembre 2018 in 11:23
    Permalink

    Col flusso di turisiti che c’è in città è un peccato che non si trovi lo store e che qualcuno scapussi parchè a ghe mia nà lusa. P.S. hanno visto il cinese vendere le maglie crociate tarocche nel chinese store vicino al casello.

  • 13 Novembre 2018 in 13:13
    Permalink

    Inglese & C in Nazionale? Mo noooo. Lasciamo pur lì, volete che ce li rompano in un imperdibile Italia-Lituania o similari?
    Teniamoceli stretti e siamo felici della mancata chiamata in Nazionale, se sono bravi che ci vadano quando giocano già da altre parti.
    Sono egoista? Forse, ma anche un certo Fabio Capello la pensava così. E prima delle partite dell’Italia guarda a caso i suoi giocatori si rompevano… salvo essere freschissimi la partita dopo in Campionato.

    • 13 Novembre 2018 in 16:53
      Permalink

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif.
      Bravo Gaio 1974
      Parma first
      Capisco che é importante per i giocatori il nazionale..
      pero … piú problemi fisici no,,,,
      Energia…Fame…,tutto per Parma…
      Con D’AversA,,,,,
      Forsa Paerma

  • 13 Novembre 2018 in 13:16
    Permalink

    Fichi, mi fai morire Davide …
    almeno rido un pò…
    ma dove le trovi fuori ?

  • 13 Novembre 2018 in 14:05
    Permalink

    Cosa Grifo più di Inglese? Ma d’altronde si sa che Mancini fa le convocazioni in base alle simpatie personali.

  • 13 Novembre 2018 in 17:04
    Permalink

    Forse Grifo più di Inglese ha che gioca in un altro ruolo…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI