PIETRO PIZZAROTTI È IL NUOVO PRESIDENTE DEL PARMA CALCIO 1913. LE SUE PRIME PAROLE, LE CONGRATULAZIONI DI AZIONISTI, DIRIGENTI E MISTER

(www.parmacalcio1913.com) – Il Parma Calcio 1913 comunica che questa mattina si è tenuta l’Assemblea dei Soci che ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione della società nelle persone di Luca Carra, Giacomo Malmesi, Paolo Piva, Marco Tarantino e Pietro Pizzarotti, che è stato nominato Presidente del Consiglio di Amministrazione.

Al neo-presidente del Parma Calcio 1913 Pietro Pizzarotti le congratulazioni di StadioTardini.it

(www.parmacalcio1913.com) – Poche

ore dopo la sua nomina, il nuovo Presidente del Parma Calcio 1913Pietro Pizzarotti ha raccontato al sito ufficiale crociato le sue prime sensazioni.

Presidente? Sig. Pizzarotti? Come la dobbiamo chiamare?
“Pietro, Pietro… Non scherziamo…”

Però tutti qui la chiamano “Pres” già da un po’…
“È vero, però non sono l’unico che viene chiamato così… – ride – A volte tra soci ci abbiamo anche scherzato: quando i giocatori uscivano dallo spogliatoio per allenarsi e magari eravamo lì per salutarli, tutti si rivolgevano a noi con un susseguirsi di “Ciao Pres”, “Ciao Pres”, “Ciao Pres”…”

ACP_1460aOra però il Presidente è lei. È più grande l’emozione o la responsabilità?
“Entrambe. È un ruolo che mi dà una grandissima emozione, e allo stesso tempo mi fa sentire il peso di una grande responsabilità. Peso che è sicuramente più leggero sapendo di essere circondato da persone che mi aiuteranno molto in quest’esperienza. È un ruolo molto, molto importante al quale posso dire senza ombra di dubbio che dedicherò tutto me stesso”.

Si può dire che la sua nomina rafforza, per così dire, il legame tra la città e una società dalle forti radici parmigiane? Quali sono le basi di questo Parma?
“La componente parmigiana è sempre stata forte sin dall’inizio di questa rinascita. Penso ai soci di Nuovo Inizio ma anche a Parma Partecipazioni Calcistiche. Una società moderna deve imparare dal proprio passato, certo, ma deve sempre guardare al presente e gettare le basi per il futuro. Serve molta attenzione dal punto di vista finanziario, perché questo Parma non deve mai fare il passo più lungo della propria gamba, senza dimenticare le esigenze legate al raggiungimento del proprio obiettivo. La salvezza per noi equivale a uno Scudetto, un sigillo su un’impresa sportiva – la risalita immediata dalla D alla A – che forse ancora fatichiamo a mettere a fuoco”.

Continuerà ad essere una proprietà che preferisce i fatti alle parole?
“Siamo sempre stati al fianco della squadra, della società e della città. Il Parma non è mai rimasto solo. Non abbiamo mai fatto proclami, abbiamo lavorato parlando poco, abbiamo dimostrato di avere il Parma nel cuore con i fatti, molto più che con le parole. Come piace a noi”.

Ciò non toglie che, come avete detto a più riprese, non siete imprenditori sportivi. Conferma che siete alla ricerca di un socio che possa acquistare una quota di maggioranza?
“Amare il calcio e viverci a contatto non ti trasforma automaticamente in imprenditore sportivo. La nostra passione è sempre stata forte, ricordo ancora quando con Marco (Ferrari, ndr) e Giacomo (Malmesi, ndr) negli anni ‘90 seguivamo il Parma, spesso anche in trasferta. Essere imprenditori sportivi significa però conoscere questo mondo alla perfezione. In questi tre anni siamo cresciuti molto, tutti insieme, sempre con un’ampia condivisione su tutto, ma ciascuno di noi ha costruito la propria vita prendendo direzioni diverse da quella che prenderebbe un imprenditore che fa del calcio il proprio business. Noi amiamo la nostra città e il Parma, e ciò che facciamo è esclusivamente guidato da questo. Mio padre non vuole che si sappia, ma dopo Spezia-Parma l’ho sentito al telefono davvero commosso. Per non parlare di quando eravamo insieme al battesimo di mio figlio, durante Parma-Carpi, e andavamo avanti e indietro in un angolo del Duomo mentre seguivamo con tensione gli aggiornamenti. Ma anche vedere Giacomo (Malmesi, ndr) quasi tutti i giorni al campo a seguire gli allenamenti, o le ore passate al telefono a parlare del Parma con Guido Barilla, Angelo Gandolfi, Giampaolo Dallara, Mauro Del Rio… Conosciamo però i nostri limiti. Dopo aver contribuito alla rinascita della nostra squadra e avergli garantito un futuro, manteniamo un ruolo di garanzia con un obiettivo dichiarato, con sincerità e serenità . Nei prossimi mesi inizieremo la ricerca di un imprenditore specializzato che possa continuare a far crescere questa società e questa piazza. Per evitare situazioni poco credibili o perdite di tempo, nomineremo presto un advisor specializzato di primario standing internazionale, che ci guiderà in questa ricerca. Non abbiamo alcuna fretta in questo percorso, che non riterremo completato sino a quando non avremo identificato il profilo ottimale. Questa è la strada che abbiamo condiviso in questo momento”.

news-nuovo-inizioQuella di Nuovo Inizio, con sette soci, è una formazione societaria che è sempre stata vista dall’esterno con curiosità. Ci racconta come ha funzionato finora?
“Credetemi quando dico che siamo prima di tutto un gruppo di amici. Questo Parma può davvero considerarsi una famiglia. È un gruppo nel quale ognuno ha i suoi ruoli ben precisi, senza “invasioni di campo” o gelosie. In Nuovo Inizio c’è una condivisione totale, ma dietro le quinte ci sono persone che lavorano tutti i giorni per far sì che si possa affrontare ogni tipo di ostacolo. Uno dei fattori che ha permesso questa scalata è il valore umano e professionale di tutti quelli che lavorano senza riflettori. Un esempio? Sabato, vigilia di Parma-Frosinone: alle 19 c’è stato un problema tecnico che ha lasciato il Centro Sportivo di Collecchio completamente senza elettricità. Solo 15 minuti dopo sarebbero arrivati i giocatori per il ritiro pre-partita, per non parlare della cena, che era fissata alle 19:45 ed era già quasi già pronta. In una manciata di minuti il nostro Team Manager Alessio Cracolici ha trovato una sistemazione in un hotel cittadino e i dipendenti del ristorante hanno fatto le corse per far sì che il menù stabilito dal nutrizionista fosse pronto anche nella nuova sistemazione. Spostare un intero ritiro in 30 minuti sembra quasi impossibile, ma tutti si sono messi a disposizione, da Stefano Perrone ai fisioterapisti e ai collaboratori, dando il 200% per la causa. Riuscire a superare e a mascherare le situazioni complesse grazie all’impegno e al lavoro non è da tutti”.

In questo gruppo ci ci sono anche un Direttore Sportivo e un Mister che, arrivati nel dicembre del 2016, hanno dato un contributo fondamentale al ritorno in Serie A…
“Daniele (Faggiano, ndr) e il Mister ci hanno impressionato da subito. Hanno saputo affrontare tutti i momenti difficili e hanno dato un contributo decisivo per permettere al Parma di superarli. In questi anni abbiamo visto con i nostri occhi quotidianamente il lavoro che hanno svolto, il gruppo che hanno creato. Ognuno con le proprie idee, con le proprie forze, il tutto al servizio del Parma. Il risultato è sotto agli occhi di tutti. Senza dimenticare, consentitemi, l’ottimo lavoro che sta impostando Luca Piazzi con il Settore Giovanile, come l’operato di tutti quelli che lavorano in questa società, dal primo all’ultimo”.

news-nuovo-inizioAi tifosi, da Presidente, cosa si sente di dire?
“Che devono essere orgogliosi, ma non di noi. Devono essere orgogliosi di loro stessi e di quanto è stato realizzato grazie al connubio tra la squadra e la città. Parma è una piazza non semplice, a volte incline al loggionismo, abituata ad avere il palato calcistico fine, ma questo non deve ingannare. Guardate gli ultimi anni: 10mila abbonati in Serie D, 9.500 in Lega Pro, 9.500 in Serie B, 13mila in Serie A. Abbiamo intrapreso un viaggio dopo il fallimento, siamo partiti dalle ceneri, e probabilmente senza Marco Ferrari non saremmo qui: lo ricordo anche se so che lui si arrabbierà perché non ama troppo le luci della ribalta, ma è stato un collante fondamentale per tutti noi e lo è tutt’ora. Ora siamo in Serie A, a lottare per rimanerci. C’è chi dice che è il denaro la benzina che alimenta una squadra di calcio. Io credo che invece ci sia molto di più, e anzi sono convinto che la spinta dei nostri tifosi sia decisiva. Quando penso alla famiglia Parma, mi riferisco sicuramente anche a loro. Ogni volta che siamo riusciti ad essere una cosa sola, nel bene o nel male, abbiamo fatto grandi cose. Spero che questo non venga mai dimenticato”.

Tre promozioni, ora la Serie A, ma questo Parma secondo lei dove può arrivare?
“La sfida di Torino, questo è il primo pensiero: domani abbiamo una gara importante contro una squadra che punta all’Europa League, e sono sicuro che daremo il massimo. L’obiettivo è chiaro, che è quello di salvarci, con le unghie e con i denti. Fino a quando non avremo raggiunto la quota fatidica dovremo essere dei martelli, non dovremo mai abbassare la guardia. Questo lungo viaggio ci ha ricordato a più riprese quanto sia importante non perdere mai l’umiltà, la cattiveria e la grinta, elementi necessari per arrivare al traguardo che ci siamo prefissati. A proposito di viaggi: ricordo come se fosse ieri quando quest’estate eravamo in treno, conf2908-1di ritorno da Roma dopo l’udienza di appello per il discorso legato ai messaggi WhatsApp. Ero con Giacomo Malmesi, Luca Carra, l’Avvocato Belli, Paolo Piva, Emanuele Calaiò. Abbiamo appreso la notizia e ci siamo abbracciati in mezzo al vagone, mentre al telefono parlavamo con Marco Ferrari, con gli altri soci, con il Direttore e il Mister. Penso spesso a quel momento. In ogni percorso ci possono essere ostacoli, difficoltà. Con questa compattezza e unione di intenti però nulla è insormontabile. Pensiamo al presente, pronti a lottare e a combattere sportivamentogni battaglia, e dopo ogni caduta dovremo rialzarci, pronti ad abbracciarci di nuovo”.

Marco Ferrari, portavoce di Nuovo Inizio S.r.l.“Sono davvero grato a Pietro per aver accettato questo ruolo di responsabilità in un momento importante per il Parma Calcio. Conoscendo la sua riservatezza, so che non è stato facile per lui compiere questo passo e credo che tutti i soci di Nuovo Inizio debbano essergliene grati. In questo momento, Pietro è sicuramente il profilo più adatto tra noi soci a ricoprire la carica di Presidente del Parma, anche perché questo avviene dopo un percorso che lo ha visto progressivamente sempre più vicino alla squadra e alla dirigenza, entrando in profondità in ogni meccanismo aziendale. Personalmente, provo una grande emozione, data dal fatto che – dopo tanti anni – questa carica viene finalmente ricoperta da un parmigiano, esponente di una famiglia estremamente radicata nel territorio e che ama il Parma e la città di Parma. Un abbraccio forte e un enorme in bocca al lupo, amico mio!”

Luca Carra, Amministratore Delegato del Parma Calcio 1913“Credo che la nomina di Pietro Pizzarotti a Presidente del Parma sia un ulteriore segnale di continuità da parte di una società parmigiana che a più riprese ha dimostrato l’amore nei confronti di questa squadra e di questa città. A Pietro, che soprattutto in quest’ultimo anno è stato un punto di riferimento al fianco di questa squadra, faccio un grandissimo in bocca al lupo, con la convinzione che darà tutto per questa società”.

Giacomo Malmesi, membro del Consiglio di Amministrazione del Parma Calcio 1913“Sono molto felice per la nomina di Pietro alla presidenza del Parma Calcio 1913 per l’amicizia e la stima che mi legano alla sua persona. Sono convinto che la scelta sia ricaduta sulla persona più adatta a ricoprire un ruolo così importante e spero di poterlo coadiuvare nel migliore dei modi”.

Daniele Faggiano, Direttore Sportivo del Parma Calcio 1913“Sono davvero felicissimo per lui. In questi anni da Direttore Sportivo posso dire che Pietro Pizzarotti è stato sempre vicinissimo alla squadra e ha vissuto quotidianamente il nostro lavoro, soffrendo al nostro fianco durante ogni partita. La forza del Parma Calcio è sicuramente quella di avere alle spalle una realtà come quella parmigiana, e Pietro Pizzarotti è colui che rappresenta al meglio quest’unione d’intenti”.

Alessandro Lucarelli, Club Manager del Parma Calcio 1913: “La nomina di Pietro Pizzarotti a Presidente del Parma Calcio 1913 mi rende davvero felice, in quanto lega il nome di una famiglia importantissima che fa parte di questa comunità a quello di una società che per tutti noi rappresenta moltissimo. In questi tre anni ho visto come vive in modo viscerale tutto ciò che riguarda il Parma Calcio, si vede quanto ci tiene: posso dire che avremo un Presidente che ama il Parma, e questo non potrà che essere apprezzato da tutti i parmigiani”.

Roberto D’Aversa, Allenatore del Parma Calcio 1913“Sono molto felice che Pietro Pizzarotti sia stato nominato Presidente. In questi anni ha dimostrato una passione fortissima per questi colori, per questa squadra e per questa società. Ha vissuto sempre al nostro fianco, a stretto contatto con me e con la squadra. Credo che il ruolo gli si addica per l’amore che mette nei confronti di questa società e per quella passione viscerale che riesce a trasmettere a chiunque gli sta vicino. Mi auguro davvero che sia l’inizio di un percorso che continui a regalare grandi soddisfazioni”.

Corrado Cavazzini, Presidente di Parma Partecipazioni Calcistiche: “Faccio a Pietro Pizzarotti i miei complimenti e il migliore augurio di avere successo, perché la sua affermazione sarà anche quella della società e della squadra. Sono convinto che la sua già dimostrata passione per questa realtà sportiva sarà sicuramente un elemento determinante per il nostro futuro. L’augurio lo estendo ovviamente anche ai componenti del CdA, ai soci e a tutti i tifosi del Parma”.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

9 pensieri riguardo “PIETRO PIZZAROTTI È IL NUOVO PRESIDENTE DEL PARMA CALCIO 1913. LE SUE PRIME PAROLE, LE CONGRATULAZIONI DI AZIONISTI, DIRIGENTI E MISTER

  • 9 Novembre 2018 in 14:19
    Permalink

    Paolo P.Iva. Dopo aver rimandato il cinese a speculare sulle rive del fiume giallo il prossimo passo sarebbe quello di far fuori quella ridicola e inutile (se no per qualche cena a cui scroccare due scaglie di grana) messa in scena del PPC.

  • 9 Novembre 2018 in 15:33
    Permalink

    Ora inizia il bello….attendiamo gli sviluppi…non vedo l’ora….

    Davide: il PPC al sèra al prosim an…

  • 9 Novembre 2018 in 16:12
    Permalink

    Serie A stabile, cantera parmigiana e proprietà parmigiana…..io sarei a posto cos’i……

  • 9 Novembre 2018 in 16:50
    Permalink

    Quand al PPC al sèra i fan na bella magneda al Petitot.

  • 9 Novembre 2018 in 20:29
    Permalink

    In bocca al lupo e benvenuto presidente!

  • 9 Novembre 2018 in 23:53
    Permalink

    Dopo 15 anni, c’è un presidente parmigiano.
    Ma su Internet non gliene frega un cazzo a nessuno.
    Ocio pero’ che se per caso Sepe dice che tifa Napoli o se Barilla’si incrina un’unghia, vengono giù i Signori e le Madonne dal web. In bocca al lupo Pizza.

  • 10 Novembre 2018 in 19:26
    Permalink

    Vrande pizza ora speriamo nella famiglia barilla.
    Prima che arrivi il mecenate di calcio che non capisce un cazzo di calcio e che ci mette i petroldollarii

  • 11 Novembre 2018 in 10:35
    Permalink

    Buongiorno Majo e ben ritrovato,
    non a caso sono tornato a scrivere su questo tuo sito internet dopo a nomina di Pizzarotti.
    Prego andare a vedere in dettaglio questa società
    PROMGAS

    • 11 Novembre 2018 in 11:12
      Permalink

      Buongiorno Mat e ben ritrovato. Come noto rispetto ai bei tempi andati non esercito più su stadio Tardini un ruolo da cronista e Grillo parlante per via del mio attuale incarico in seno al Parma.
      Come allora però vale la regola che chi dà informazioni, anche tra i lettori, lo deve fare con senso di responsabilità e in maniera circostanziata. Io non posso e non riesco ad effettuare verifiche o ricerche, per cui anziché gettare indizi ci dia direttamente, se lo desidera, la risoluzione del rebus proposto.
      Cordialmente
      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI