AUMENTO DI CAPITALE PER RIPIANARE LE PERDITE: NUOVO INIZIO COPRE L’INTERA CIFRA (11,7 MILIONI), I CINESI HAN 30 GIORNI DI TEMPO PER SOTTOSCRIVERE LA PROPRIA QUOTA

slide parma

(www.parmacalcio1913.com) – Parma Calcio 1913 comunica che l’Assemblea dei Soci – opportunamente convocata il 7 dicembre scorso a norma di Statuto – ha deliberato nella giornata di ieri un Aumento di Capitale per un importo complessivo di € 11,7 milioni.

L’intero importo è stato contestualmente sottoscritto e già versato per il 100% nelle casse sociali da parte del socio di maggioranza Nuovo Inizio S.r.l., coprendo in base agli accordi parasociali anche la quota (10%) del socio PPC SpA.
In caso di sottoscrizione nei prossimi 30 giorni della quota (30%) anche da parte del socio Link International, l’eventuale eccedenza verrà restituita al socio di maggioranza.

Il suddetto aumento di capitale si è reso necessario per ripianare ogni perdita di esercizio maturata con il Bilancio chiuso al 30 Giugno 2018, le perdite maturande al 31 Dicembre 2018 e ricostituire il capitale sociale.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

57 pensieri riguardo “AUMENTO DI CAPITALE PER RIPIANARE LE PERDITE: NUOVO INIZIO COPRE L’INTERA CIFRA (11,7 MILIONI), I CINESI HAN 30 GIORNI DI TEMPO PER SOTTOSCRIVERE LA PROPRIA QUOTA

  • 17 Dicembre 2018 in 11:13
    Permalink

    Il top sono i PPC (Piocioni Parmigiani Cronici) che partecipano agli aumenti coi soldi versati da altri :). Dire che è una barzelletta è riduttivo.
    Sul versamento dei cinesi direi di chiedere lumi al cornacione siftone nero penna d’oro della “rosea” (che fino a salvezza raggiunta non nominerò mai) ospite da Piovani ogni lunedì sera. Lui avendo visto i bonifici di Ghirardi potrebbe individuare i soldi in arrivo dalla Cina, gli stessi soldi che dovevano arrivare per fare un minimo di mercato…

  • 17 Dicembre 2018 in 11:25
    Permalink

    Io piuttosto ripianerei i piedi ai nostri, ieri hanno fatto pena!

  • 17 Dicembre 2018 in 11:32
    Permalink

    Il PPC non ha un due da far ballare una scimmia…

    I cinesi pagheranno tramite piccione viaggiatore…..

  • 17 Dicembre 2018 in 12:11
    Permalink

    Devono urgentemente dirci come hanno intenzione di andare avanti. Senza scouting si va poco lontano e la squadra va rinforzata come si è chiaramente visto nella schifosa partita di ieri

    • 17 Dicembre 2018 in 13:25
      Permalink

      Fatti coraggio o cambia squadra perchè di “schifose partite” ce ne saranno altre. La samp era in palla ed è nettamente più forte quindi ha vinto, tutto qui

  • 17 Dicembre 2018 in 12:23
    Permalink

    I soldi sembra siano partiti dalla cina…stanno arrivando

    • 17 Dicembre 2018 in 13:03
      Permalink

      I soldi sono già partiti da Parma, e questo è l’essenziale. E un grazie, forse, lo si potrebbe anche tributare, dato che non sono noccioline…

  • 17 Dicembre 2018 in 12:29
    Permalink

    Se non ho capito male dunque il debito ammonta a 11 milioni? Non pochi se si considera il campionato appena trascorso. E se i cinesi non sganciano?? Perdono le quote?

    • 17 Dicembre 2018 in 13:02
      Permalink

      11 milioni e spiccioli (si fa per dire…) rappresentano l’aumento del capitale che va a coprire, come esplicato nella notula, le perdite di esercizio degli esercizi precedenti e a ricostituire il capitale stesso oltre alle perdite che si prevedono ci possano essere a fine esercizio (o stagione).
      Non è corretto parlare di debiti, in quanto, appunto, il club non risulta ne abbia.
      I soldi sono messi “cash” e non attraverso manovre abituali nel calcio come spalmature i avanti del debito o rivalutazioni del marchio. E anche in questo i nostri magnifici 7 rappresentano delle mosche bianche.
      Più che di debiti si può parlare di passivo, che è differente: in effetti aldilà della nomea di “piocioni” che gli stessi si portano dietro, in realtà di “pila” ne hanno cacciata e parecchia. Molta? Poca? Io da Grillo Parlante (piocione davvero) fossi stato in loro ne avrei cacciato di meno, ma c’è da dire che alla fine l’impresa ne valeva la pena, e comunque è stata perfezionata sempre all’ultimo sospiro, a parte la vittoria piuttosto larga della D, ergo certi investimenti che potevano sembrare un po’ da “sboroni” o una ostentazione di potenza, sono stati fondamentali.
      Nuovo Inizio ha coperto tutto quanto deliberato – appunto 11,7 milioni – che rappresentano non certo una manovra speculativa, quanto lo stretto necessario per garantire la continuità aziendale (come prevede il codice civile il capitale va immediatamente ricostituito quando le perdite lo hanno eroso (art. 2447 c.c. per le S.p.a.). Al verificarsi di tale circostanza, l’assemblea straordinaria deve adottare due delibere consecutive: una che azzeri il capitale sociale ed una che aumenta ad una cifra almeno pari al minimo legale.
      Nuovo Inizio, come esplica il comunicato, ha coperto, come da accordi parasociali, la quota di PPC, e in questo singolare caso anche “anticipato” quella dei Cinesi: i quali ora hanno 30 giorni di tempo per adempiere pro quota (il 30%): se lo faranno verrà restituita a Nuovo Inizio la quota in esubero versata. Se non verseranno perderanno anche il 30% di fatto uscendo dalla Società.

  • 17 Dicembre 2018 in 12:47
    Permalink

    ma se il cinese non paga lo cacciano fuori

    • 17 Dicembre 2018 in 13:09
      Permalink

      Ho già spiegato prima, leggi i precedenti commenti fatti.

      Nessuno caccia fuori nessuno: ognuno risponde delle proprie azioni. Se non ci fossero state inadempienze pregresse probabilmente non sarebbe stato necessario che Nuovo Inizio si riprendesse il 60%. Se i Cinesi non dovessero sottoscrivere il loro 30% (temporaneamente anticipato da Nuovo Inizio nel nome della continuità aziendale) non verrebbero cacciati fuori, ma sarebbero loro stessi ad uscire.

  • 17 Dicembre 2018 in 12:52
    Permalink

    Buhahahahaha! Buahahahahah!
    E che bus! Mi immagino la faccia di Dallara quando gli han fatto firmare l’assegno…uahahahahuaha..
    Furrrrrrrrbi i nostri industrialotti che al fan sbragher dal ridor

    • 17 Dicembre 2018 in 13:07
      Permalink

      Questa è la classica tipologia di commento che – se io fossi uno dei Magnifici 7 – mi farebbe pentire dell’esborso fatto.

      Per fortuna però di invidiosi (e mi autocensuro) ce ne sono pochi (anche se davvero fastidiosi…)…

      Ma dovrebbe essere la maggioranza a fare capire a costoro quanto siano fuori luogo.

      Bus? Allora: se non mettono i soldi sono dei piocioni, se li mettono non va bene perché c’è il buco. Ma quale buco, poi? Una volta tanto, a differenza di quanto accaduto nel recente passato (e pure in quello remoto) il giochino della serie A non sta gravando sulle tasche dell’indotto e del territorio, appunto perché gli industriali che a lei fanno sbracare dal ridere, i soldi li hanno cacciati. E anche per far divertire lei, o forse sputare rabbia.

    • 17 Dicembre 2018 in 16:38
      Permalink

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cry.gif

      Se io fossi un tifoso come Medesano
      MI FUSTIGHEREI.
      perché peggio di così
      un tifoso non può essere
      Ma come si fa a criticare
      I MAGNIFICI 7
      Caro Medesano se fossimo
      nell’800, ti SFIDEREI a duello
      all’ultimo sangue.
      Mi ero AUTOBANNATO
      stanco di.non essere capito
      nemmeno da Majo ma sentendo
      dire cazzate su cazzate su chi ci
      ha salvato sono dovuto intervenire.
      Vergognatevi, voi vi meritavate
      un presidente come ora ha la
      Reggiana è il.Modena.
      Vergognatevi
      W I MAGNIFICI 7
      Ieri
      Oggi
      Sempre.
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gif

      • 17 Dicembre 2018 in 21:47
        Permalink

        Grande Velenoso. Commento furbo evviva. Quoto in pieno a nome di tutti i tifosi GRAZIE.

  • 17 Dicembre 2018 in 13:07
    Permalink

    Il comunicato parla chiaro!!!!!
    A Gennaio se non si venderà qualche giocatore,
    i nuovi innesti li vedremo con lanternino….
    Battere cassa sarà la priorità…

    • 17 Dicembre 2018 in 13:13
      Permalink

      Appunto perché il comunicato parla chiaro di riferimenti ad operazioni di mercato non ve n’è traccia.

      Il comunicato di oggi riguarda un aumento di capitale – fatto con soldi veri e non dall’estetista con plusvalenze famtasma o marchi o finti finanziamenti – che copre le perdite del passato (e pure quelle future).

      I nuovi innesti – se ritenuto necessario – ci saranno, ma finora il così detto “player trading” non è iniziato.

  • 17 Dicembre 2018 in 13:33
    Permalink

    Recuperare il 30% del Cinese è necessario per il proseguo. Credo infatti, come dichiarato, che l’obiettivo è di trovare un socio di maggioranza de lsettore, solido e serio che investa nel Parma. Con Nuovo inizoio al 60 ed il cinese a 30, quale percentuale potrebbe prendere il partner forte? Meglio per noi con nuovo inizio al 90% e cedre il 60% al partner forte, con la clausola che ci salvaguarda che in case di inadempienze, ci si riprende tutto

    • 17 Dicembre 2018 in 13:43
      Permalink

      Onestamente non so se lo schema di sicurezza applicato a Lizhang possa essere di nuovo riproducibile: qui ha funzionato anche grazie all’effetto “sorpresa”, nel senso che non esistevano analoghi precedenti. Credo comunque che, in caso di successive cessioni, il 30% “di garanzia” Nuovo inizio lo manterrà.
      Indubbiamente per una migliore funzionalità di prospettiva un Nuovo Inizio al 90% con la fuoriuscita del residuo cinese sarebbe efficace: però, come scrivevo in altro commento, ognuno è responsabile delle proprie azioni ed artefice del proprio destino. Per cui se Lizhang dovesse mettere la sua quota (30%) dovrebbe esser rispettato, così come sempre ringraziato per i 18 milioni arrivati – sia pure con qualche fatica e in ritardo – nel passato.
      Per quanto concerne la quota di maggioranza se dovesse esser espressione di uno dei Big dei Magnifici Sette (trasformato in “imprenditore calcistico”) sarebbe magnifico: ma onestamente non so quanto ciò possa esser possibile considerato che è vero che c’è l’affetto di molti quando le cose vanno bene, per converso, però, basta una partita come quella di ieri per armare certa gente sui social a scrivere peggio di Bertoncelli…

      • 17 Dicembre 2018 in 14:23
        Permalink

        ci sarà anche un Cyrano tra queste lande !

        • 17 Dicembre 2018 in 14:42
          Permalink

          Quanto a naso non ho di che lamentarmi, personalmente… Quanto a naso, eh…

  • 17 Dicembre 2018 in 13:54
    Permalink

    Colleghi cantautori, eletta schiera, che si vende alla sera per un po’ di milioni,

    voi che siete capaci fate bene a aver le tasche piene e non solo i coglioni…

    Che cosa posso dirvi? Andate e fate, tanto ci sarà sempre, lo sapete,

    un musico fallito, un pio, un teorete, un Bertoncelli o un prete a sparare cazzate!

  • 17 Dicembre 2018 in 14:05
    Permalink

    Ho letto i commenti e ne ho uno solo da aggiungere: vi meritate GHIRARDI!

    • 17 Dicembre 2018 in 14:45
      Permalink

      Si veramente! C’è da sperare che sia solo la solita minoranza rumorosa.

      Io non ringrazio apertamente, perchè mi sembra anche superfluo ringraziare ad alta voce la società dopo quello che ha fatto per il Parma e i tifosi.
      Credo che dopo 3 promozioni consecutive almeno la fiducia ci dovrebbe essere.
      Poi gli errori li fanno tutti, però l’importante è farli in buona fede.

      Quindi grazie mille ai Magnifici 7!! E speriamo che continuino a voler aprire il portafoglio quando necessario.

      • 17 Dicembre 2018 in 15:05
        Permalink

        Io, invece, non penso sia superfluo: qui tutti danno tutto per scontato. E purtroppo anche il nostro spazio commenti ne é un esempio: appunto una tristezza. Senza dover produrre il noto consenso di stampo coreano, sarebbe d’uopo ogni tanto gratificare con qualche manifestazione d’affetto chi in questi anni ha fatto sì che il calcio – a differenza di quanto accaduto per lo stesso calcio anni prima, o comunque di altri gloriosi sport – non sparisse da Parma, ma anzi tornasse più forte di prima. Basta dare un’occhiata al di là dell’Enza dove i commoventi Vandelli hanno riempito d’alloro i coniugi americani, anche a ridosso dell’abbandono se non dopo, perché han messo 5 milioncini in due anni. I magnifici (e il loro compagno di viaggio cinese) ne han messi una quarantina, fa ti… E veri. cioè niente aqssegni o fideussioni cabriolet, e maquillage vari. Non un’analisi, non un approfondimento, solo il rumore di fondo dei social.
        Davide0 parla di errori: ma chi non ne fa? Ma credo comunque che si tratti di pagliuzze e non di travi dato gli obiettivi sempre centrati peraltro anche in anticipo o atempo di record, mentre altri alzavamo il fumo della progettualità… Ma per piaser…

        • 17 Dicembre 2018 in 16:01
          Permalink

          Concordo in pieno. Le critiche sono sempre giuste quando ragionate e costruttive.
          Riguardo agli errori, chiaramente, il mio pensiero era lo stesso. Soprattutto, se si pensa che, nonostante siano tutti imprenditori di successo, si sono inseriti in un contesto completamente nuovo, quindi più di così era quasi impossibile fare.

          Grazie anche a lei per gli spunti di riflessione sempre puntuali e precisi.

  • 17 Dicembre 2018 in 14:31
    Permalink

    Direttore io aspetto il bilancio poi giudico.

    Dal bilancio caro direttore si potrà capire un sacco di cose.

    Non vedo l’ora……

    • 17 Dicembre 2018 in 14:59
      Permalink

      Carlo Ludovico, quando in gioventù (si fa per dire, visto che è relativamente poco tempo fa) primo ed unico pubblicavo i bilanci su questo sito, Lei, magari pretoriano, obbediente alla parola di quello che non è certo stato il Salvatore, mi considerava un nemico del Parma… Anche se poi col passare degli anni mi ha preso in simpatia, preoccupandosi sempre delle mie condizioni di salute. Cancheri ne ho ricevuti parecchi, ma finora non hanno attecchito, che io sappia, vedremo in successive analisi…

      Ora, io non ho tutta questa fretta (postuma) che ha Lei di sbirciare i sacri testi con le cifre, in quanto, grosso modo, quel che c’è da sapere è abbastanza noto, e dovrebbro esserlo anche per gli osservatori attenti quale è lei.

      Aspetta il bilancio per strapparsi le vesti perché ci sarà una perdita sanguinolenta? Eh beh, caro lei, non fosse stato così i Soci non avrebbero deliberato il qui presenta aumento di capitale, fatto apposta per tappare le falle, senza colpo ferire su nessuno – e qui sta la piacevole novità (giacché questo territorio, come scrivo da anni, il prezzo della serie A lo ha pagato a caro prezzo in termini di fornitori e dipendenti non pagati e relativo indotto) visto che per pagare il giochino che ci fa divertire tutti quanti i Munifici, anziché scimmiottare quanto abitualmente avviene nel mondo del calcio, non sono ricorsi all’estetica per un bel maquillage di plusvalenze, marchi stra.quotati venduti riacquistati e compagnia bella, fusioni ed incorporazioni di scatole più o meno cinesi o che: hanno preso in mano il portafoglio, ne hanno estratti i bigliettoni necessari e li hanno cacciati sul tavolo (o nel rudo). E stiamo parlando di euro 11 milioni et 700.000. Quindi niente pagherò, o amenità del genere.
      Onestà intellettuale mi porta ad affermare che, se io fossi stato nei panni dei Munifici, col cavolo che avrei largheggiato così come han fatto loro, ma, ripeto, pagando di loro. Io, da Grillo Parlante parsimonioso sento la cicala cantare, ed è gradevole questo suono, se, per l’appunto, non ha ripercussioni (come accaduto in passato) sulla Comunità Crociata. Hanno speso circa un quarantello per potersi fregiare del “Come noi nessuno mai”: bene, perché come nessuno prima di loro il giochino lo hanno pagato (per se stessi e per noi fruitori). hanno avuto perdite hard (in soldoni 2 milioni dalla D alla C, circa 7 dalla C alla B e una ventina – questo dovrebbe essere in soldoni il dato che lei sta attendendo con ansia… – dalla B alla A? Bene: l’importante è che siano stati ripianati dagli azionisti.

  • 17 Dicembre 2018 in 15:02
    Permalink

    Il cinese (che non esiste già più) si è fatto furbo…ha preso le quote del PPC. Così sta nel capitale coi soldi dei 7 senza cacciare uno yaun.
    Cmq la pèartita di ieri fa capire che se non fosse arrivato per miracolo Gervinho l’ultima ora dell’ultimo giorno di mercato grazie a Faggiano e probabilmente cll’intervcento dei soci di allora minoranza, oggi avremmo 5 punti 8quelli fatti senza di lui), ovvero 3 meno del Chievo al netto delle panalizzazioni e del Frosinone. Lascio ogni considerazione su Lihzang con questo esempio pratico.
    Dire che a gennaio urgono 3 innesti SANI è quasi superfluo. Sperando di fare almeno altri 3 punti prima della sosta.

    • 17 Dicembre 2018 in 16:06
      Permalink

      Il tuo ragionamento, in generale, può anche essere corretto, però dire che senza Gervinho non avremmo fatto neanche uno dei punti che abbiamo fatto quando lui ha giocato, mi sembra veramente una banalizzazione.
      Questo non toglie che Gervinho sia importantissimo per questa squadra.

  • 17 Dicembre 2018 in 15:37
    Permalink

    a livello di calcio mercato ritengo che di innesti a gennaio vadano fatti pochi. ovviamente sensati altrimenti meglio star così.
    un centrocampista…oltre a sperare che Dezi finalmente possa darci qualcosa di concreto nella seconda parte di stagione e
    uno/due laterale alto se vogliamo chiamarlo d’ attacco. qui in uscita mi aspetto almeno 2 o 3 dei 5 over.
    poi è da valutare Ceravolo si o no .con eventuale rientro di Calaiò, che a me non dispiacerebbe tenere, assieme ad un Da Cruz che ritorna finalmente sulla terra. potrebbero essere loro due i vice Inglese.
    la difesa con il rientro pian piano dei 2 infortunati non mi preoccupa.

    obbiettivo salvezza e conti a posto!!!

  • 17 Dicembre 2018 in 15:40
    Permalink

    scusami direttore leggevo un tuo commento sopra e ho una domanda perchè l’argomento per me non è affatto è semplice da comprendere: aumento di capitale ok, pagata anche quota ppc (una comica) e anticipata quota cinese ok .. poi hai scritto se non pagano perdono il 30%: premesso che non lo so ed è solo un dubbio ma se i cinesi non sottoscrivono l’aumento la loro quota non dovrebbe solo ridursi proporzionalmente e non azzerarsi?

    • 17 Dicembre 2018 in 15:50
      Permalink

      Con questo aumento di capitale viene ricostituito il medesimo (credo interamente) essendo il precedente andato eroso per via delle perdite di esercizio (in ciò ottemperando agli obblighi previsti dal Codice Civile per le società di capitali). La cifra deliberata dall’Assemblea, come si evince dalla notula, è stata commisurata “per ripianare ogni perdita di esercizio maturata con il Bilancio chiuso al 30 Giugno 2018, le perdite maturande al 31 Dicembre 2018 e ricostituire il capitale sociale”.
      La quota che dovrebbero versare i cinesi fa riferimento al 30% attualmente detenuto: se entro i prossimi 30 gg arriverà detto importo, a Nuovo Inizio verrà restituita la parte eccedente, e la compagine societaria manterrebbe l’attuale assetto (60% Nuovo Inizio, 30% Link International, 10 % PPC). In caso contrario il 90% sarà di Nuovo Inizio

      • 17 Dicembre 2018 in 16:10
        Permalink

        Perfetto grazie mille

  • 17 Dicembre 2018 in 15:44
    Permalink

    Non hanno i soldi e se ne fregano di noi [cit.]. Non vi basta neanche questo, vero?

  • 17 Dicembre 2018 in 15:56
    Permalink

    I magnifici 7 sono veramente Persone serie! Niente da dire e teniamoceli stretti.
    Magari uno di loro avesse l’intenzione di….

  • 17 Dicembre 2018 in 16:22
    Permalink

    Scusi direttore,
    ma si può avere una perdita di bilancio pari a 11 milioni e passa?
    Le sembra una cosa normale? In serie B?
    Posso essere perplesso o devo stare al volere comune?
    Che va bene comunque tutto stile corea del Nord?
    A me sta un po’ stretto che si paghino giocatori da lega pro
    come se fossero dei buoni giocatori da serie A.
    Qui il ds mi sa che ha dormito parecchio…o ha fatto finta di dormire.

    • 17 Dicembre 2018 in 16:30
      Permalink

      Il ragionamento che faccio io è: chi rompe paga e i cocci sono suoi… Pertanto, condivisibili o meno che siano le scelte fatte dai gestori, anche a fronte degli indubbi risultati ottenuti, penso le si possano accettare sereni, in quanto non toccano le tasche di nessun altro se non le loro. Il “come nessuno mai” è come una vittoria di Pirro, per via degli sforzi profusi? Ribadisco: lo han fatto con proprie risorse, senza gravare – come accaduto in precedenti occasioni, anche rinomate – sul territorio o sulla comunità. Potevano spendere meno o meglio? Può anche darsi, ma a fronte dei risultati ottenuti non sarebbero criticabili neppure se avessero gestito soldi nostri… E, ribadisco, sono soldi loro…

  • 17 Dicembre 2018 in 16:26
    Permalink

    Comunque non mi sembra di aver letto un fiume di commenti contro l’attuale proprietà, tutt’altro. Per un commento stupido non è direttore che dobbiamo generalizzare e fare passare la finta convinzione che ci sia una corrente di tifosi che “contro” i magnifici 7, perchè da quello che si percepisce in giro e sui social è esattamente l’opposto..poi è normale che non si può mettere d’accordo tutti, ma è sempre stato così per ogni situazione nella vita, figuriamoci sui social dove c’è pieno di haters!

    • 17 Dicembre 2018 in 16:37
      Permalink

      Io, invece, non sottovaluterei il fenomeno. Ha ragione “tristezza”: è appunto una tristezza vedere tutto un pullulare di commenti alla Bertoncelli, a fronte di 12 milioni veri messi nelle casse del Parma dai soci parmigiani. Non per fare il noioso ma ripeto l’esempio d’Oltr’Enza, con una ingenuità peggiore della vostra (non dico nostra, perché io non ero su quel carro…) con Ghirardi, nei confronti dei conturbanti coniugi yankee… Qui ci sono 12 milioni sul piatto e c’è gente che dice vergogna per la sconfitta di ieri con la Sampdoria, che chiunque sa essere più forte di noi specie in un momento di splendida forma…

  • 17 Dicembre 2018 in 16:51
    Permalink

    Sportivamente parlando
    criticando con odio
    come noto sul sito
    I MAGNIFICI SETTE
    che dalla D ci hanno.portato in A
    è come criticare la propria madre
    e il proprio padre.
    Sono.offeso con questi pseudo tifosi
    che si lamemterebbero anche se
    perdessimo in finale la
    CHAMPIONS LEAGLE.
    Noto che da quando mi sono
    AUTOBANNATO il sito sembra
    divenuto un sito di reggiani.
    È tutta una critica ma a differenza
    delle mie critiche costruttive
    queste sono critiche ingiuste
    Non si critica chi ti ha salvato
    Non so critica chi ti ama
    Non si critica chi ama il Parma
    W i MAGNIFICI 7
    Ieri
    Oggi
    Domani
    Sempre
    W I MAGNIFICI SETTE

  • 17 Dicembre 2018 in 16:55
    Permalink

    Io però scinderei il discorso societario con quello sportivo. Un conto è criticare la squadra per una prestazione decisamente non all’altezza di quelle passate, un altro è criticare una dirigenza che ad oggi non ha fatto nulla per poter essere criticata e infatti sinceramente questo clima ostile proprio non l’ho percepito…forse bazzico social diversi da quelli che frequenta lei, non saprei. Ma, ribadisco, dal punto di vista sportivo, il bello del calcio è proprio quello di poter giudicare ed esprimere le proprie opinioni in merito alle prestazioni che vede, ovviamente senza offendere personalmente nessuno e senza correre il rischio di essere additato come nemico del Parma, cosa che lei purtroppo ha vissuto sulla propria pelle.
    La Sampdoria è evidente e direi persino logico che sia più forte di noi, e si può perdere eccome contro di loro, ci mancherebbe altro. Ma anche il Torino è più forte di noi, tanto per fare un esempio e al di la del fatto che abbiamo portato a casa i 3 punti, abbiamo anche affrontato la partita in maniera differente e a viso aperto, cosa che non è avvenuto ieri e da qui l’enorme delusione per la prestazione più che per il risultato.

    • 17 Dicembre 2018 in 17:50
      Permalink

      Bene, si critichi la partita, ma con moderazione. Indirizzare dei “Vergogna” mi pare senza senso anche per quanto concerne la componente sportiva

      Il problema è che le pretese non finiscono mai

  • 17 Dicembre 2018 in 17:01
    Permalink

    Temo che Medesano sia rappresentativo di una fascia non trascurabile di tifosi primitivi ed infantili.
    Forse agisce in società con Davide, o quantomeno in simbiosi.
    Fossi in un industriale importante non caccerei nemmeno un pio per questa gente.
    Dallara è una factory di valore mondiale, scantot va’ Medesano.

  • 17 Dicembre 2018 in 17:17
    Permalink

    Direttore ma la famosa “oculatezza” che accennava lei qualche tempo fa, da parte della proprietà parmigiana, dov’è finita?
    Suvvia….11 milioni non sono mica spiccioli…
    Ma il progetto Parma dei 7 è questo?
    Cash a go go tutti gli anni?
    Strano…a capo ci sono imprenditori di alto livello….

    • 17 Dicembre 2018 in 17:48
      Permalink

      No, la proprietà parmigiana di “sputtanare” dei soldi non ne ha proprio intenzione: se è stata munifica in questa fase di “start up” è perché la finalità era quella di raggiungere, assieme al traguardo sportivo, la categoria che maggiormente consente introiti e di conseguenza un più facile equilibrio economico-finanziario.

      In tutto questo c’è da sottolineare, e lo ribadisco ancora una volta, che i soldi “bruciati” per perseguire questa mission sono solo loro (e del loro compagno di avventura esotico che ha profuso altrettanto). Il territorio (fornitori, dipendenti indotto), una volta tanto, non paga a caro prezzo la serie A.

      Di metterci cash a gogò a profusione non penso proprio ne abbiano l’intenzione, proprio per la statura di questi capitani d’Industria, con a I maiuscola.

  • 17 Dicembre 2018 in 17:59
    Permalink

    Diciamo pure che hanno scelto un patner fantasma,

    che li ha messi in condizioni di dover aprire il portafoglio.

    Ma prima di cedere le quote a questo qua non si poteva

    fare una bella verifica finanziaria?

    Devo dire che hanno proprio dormito….

    • 17 Dicembre 2018 in 18:43
      Permalink

      Non vorrei dare ragione a chi mi dice da anni che la mia opera di divulgazione non serve perché tanto la gente prevenuta (e pure in malafede) resta tale.

      Allora: ribadisco che dinnanzi al buon Lizhang ogni tifoso Crociato dovrebbe genuflettersi per la generosa trasfusione di 18 milioni che, uniti a quelli immessi dai Magnifici 7, consente oggi a ognuno di noi di vantarci perché come noi nessuno mai. Ma come predica master card ogni cosa ha il suo prezzo. E i nostri non hanno fatto i piocioni per raggiungere quello che volevano.

      A Lizhang erano state fatte le “analisi del sangue” e le aveva superate. Se cammin facendo ci sono stati intoppi (ci si può sempre ammalare…) ne è stato preso atto e attraverso una opportuna clausola di garanzia si sono rimesse le cose a posto. Quindi affermare che qualcuno ha dormito mi pare fuori luogo. Le condizioni per aprire il portafoglio sono state dettate dalle inadempienze del compagno di viaggio, assieme alle esigenze di portare la start up al punto desiderato.

  • 17 Dicembre 2018 in 19:28
    Permalink

    Long live the Magnificent Seven …..
    ” We ( Parma Calcio 1913 ) will overcome all obstacles ..
    as usual …our history speaks for it self …..
    When for some people here have doubts it could be normal for them …. For me I have no doubts ….
    because Parma. Calcio 1913 always ….. always comes through ..from top to bottom ….remember Rocky Marciano
    Believe and you will be pleased and content …..
    Forsa Paerma ..
    Straje’

  • 17 Dicembre 2018 in 19:34
    Permalink

    Ma io dico se questa notizia dell’aumento di capitale fosse stata divulgata dopo una vittoria molti di questi che si reputano tifosi avrebbero reagito così?
    Penso di no e allora datevi una svegliata.
    Capisco la partita orrida che abbiamo fatto con la Sampdoria, una figura pessima in cui abbiamo fatto vomitare ma la società in questa sconfitta c’entra come i cavoli a merenda.
    Prendetevela non con.la società ma con i giocatori che domenica erano dei
    MANGIAPANE A TRADIMENTO
    Volete un pronostico sicuro per sabato col Bologna.
    Dunque se gioca,Gervinho ed è in forma si vince alla grande
    Se invece Gervinho non gioca o gioca ma non è in forma, un pareggio sarebbe già buona cosa perché diciamocelo
    SENZA PRENDERCI IN GIRO
    Questo Parma è
    GERVINHO DIPENDENTE.
    Un Parma senza,Gervinho e è come una FERRARI senza motore o
    come un cantante senza voce o se preferite un Parma senza GERVINHO è come questo sito senza VELENOSO.

  • 17 Dicembre 2018 in 20:20
    Permalink

    Direttore se si fidavano di questi cinesi non avrebbero inserito la clausola di garanzia…

    • 17 Dicembre 2018 in 20:52
      Permalink

      Mah. Credo che la famosa clausola sia figlia del nostro passato. Certo i Magnifici l’hanno messa, ma i Cinesi l’hanno accettata…

      • 18 Dicembre 2018 in 02:11
        Permalink

        forse l’hanno accettata in quanto si trattava di una “conditio sine qua non”…

        http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_mail.gif

  • 17 Dicembre 2018 in 20:36
    Permalink

    La situazione è molto più semplice…per trovare un nuovo socio devono prima liberarsi del vecchio….La cifra scelta? Avranno scelto un importo che sicuramente Lizhang non riuscirà a coprire.

    • 17 Dicembre 2018 in 21:01
      Permalink

      È una lettura non so quanto realistica al lume della considerazione che per garantire la continuità aziendale a seguito della erosione del capitale, si rende necessario ricostituirlo. E l’ex socio di minoranza ha fatto le veci di quello di maggioranza. La cifra fissata non è stata fatta in base alle possibilità proprie o dei cinesi, quanto commisurata alle perdite passate, presenti e future (fino a fine esercizio). Come ho già scritto prima ognuno è padrone delle proprie azioni. Se i cinesi metteranno la cifra richiesta salvaguarderanno il loro 30 per cento e parte dell’oneroso investimento iniziale. Se non lo faranno perderanno tutto, ma è concettualmente errato considerare questa una manovra speculativa di Nuovo Inizio

  • 17 Dicembre 2018 in 22:55
    Permalink

    il PARMA è rinato GRAZIE a questi imprenditori parmigiani, ai quali non è certo stato ordinato dal dottore di mettere i soldi nella squadra della città, pertanto a loro va soltanto il nostro GRAZIE.

    l’operazione cinese a mio avviso non è andata come auspicavano, ma per fortuna si sono cautelati con la possibilità di riappropriarsi della maggioranza.
    mettendoci appunto altri soldi.

    questo è quello che conta, tutto il resto sono solo inutile chiacchiere da bar… bla bla bla…

    FORZA PARMA / AVANTI SOCIETA’.
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif
    AND THANK YOU VERY MUCH.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI