CARMINA PARMA di Luca Savarese / VAR PENSIERO

milan parma 2 1 finale(Luca Savarese) – Il Parma, che al fischio finale esce dalla Scala del Calcio rossonera, è una squadra solida: non ha fretta di andare negli spogliatoi, nonostante il freddo meneghino, ieri davvero pungente.  E’ riuscito a giocarsela, a scaldare i suoi tanti tifosi che hanno raggiunto Milano. Anzi, è anche andato in vantaggio. Lo ha fatto per primo. Calcio d’angolo di Scozzarella dalla sinistra. Inglese anticipa Zapata e mette dentro. Minuto 49. Quarto centro per il bomber di Lucera. Brividi e ricordi che riaffiorano alla mente. Uno recente. Nella stessa porta infatti segnò Federico Di Marco contro l’Inter. E, con un gol di testa, riavvolgendo il film di Milan-Parma, Mario Stanic su cross di Ze Maria, permise al Parma di Ancelotti, nel 97, di sbancare la Casa del Diavolo, scrollandosi di dosso paure e ansie. inglese milan parmaFu la gara della svolta, che portò i Ducali al secondo posto finale. Questa volta il gol d’Inglese ha però uno strano potere: risveglia l’orgoglio del Milan e paradossalmente, indebolisce il Parma. Come già successo ai padroni di casa contro il Dudelange ed in varie altre occasioni, per iniziare a carburare, devono subire. Per macinare gioco, devono prima spaventarsi. Così Patrick Cutrone suona la carica. Come dicono le sue iniziali, è lui il PC del Milan. Il personal computer che preme con una certa facilità, l’invio, sulla tastiera del gol. Coglie un pallone lanciato da Suso e respinto dalla difesa crociata, lo scaraventa in rete, trovando, con l’ausilio del palo, un gol spettacolare. Uno a uno. I gol hanno rotto l’equilibrio di due squadre che, nel primo tempo avevano preparato due scacchiere impenetrabili, due schieramenti innalzati sull’altare della compattezza. Bakayoko, che Gattuso in conferenza ha paragonato a Marcel Desailly, e Kessie, sono polmoni che corrono, falcate che irrompono. Il ritmo, è molto alto. Poi ad un certo punto, entra in gioco il Var. Calvarese ascolta il dictat di Valeri e Peretti, che stanno vivisezionando le immagini. Trovano un’irregolarità di Bastoni, un tocco in area, con la mano. Kessie, dal dischetto, buca Sepe. Secondo gol consecutivo, dopo milan parma san siroquello alla Lazio, per l’ivoriano. E l’ivoriano del Parma? Non una partita da ricordare per Gervinho, francobollato da chiunque, in maglia rossonera, passasse dalle sue parti. Al suo posto, anche Ciciretti, non riesce a incidere e a trovare la giocata risolutiva, il colpo ad effetto. Il Parma più che dal gol di Kessie, viene frastornato dall’intervento retroattivo del Var, che toglie energie e brio a Inglese e company. “Mentalmente un episodio del genere ti porta via qualcosa”. Dirà poi mister Roberto D’Aversa in conferenza. Si, al Parma ha portato via la freschezza di stare sul pezzo, ha creato un tarlo. Al contrario, dal rigore in poi, il Milan ha creato diverse palle gol, poi sprecate dai vari Cutrone, Borini e Suso. Il Parma, per quest’anno, non dovrà più tornare sotto la Madunina. Ma, entrambe le volte, se l’è sempre giocata, cogliendo la posta piena con l’Inter e cadendo col Milan solo per un Var pensiero.
Luca Savarese Inter ParmaInteressante, l’analisi fatta sui crociati, da Rino Gattuso. Il tecnico di Schiavonea, interpellato, dal sottoscritto, sul Parma e se si aspettava il salto quadruplo dei crociati, dalla D alla A, ha risposto cosi’: “Non mi aspettavo questo salto in pochissimo tempo. Mi piace molto come squadra. Ha giocatori molto funzionali. Come per esempio Bastoni. Mi piace la tipologia di gioco dove i suoi interpreti sanno quel che devono fare. E’ una squadra molto difficile da affrontare. Pochi, infatti l’hanno affrontata così come oggi l’abbiamo affrontata noi”. Quando non riesci a vincere ma arrivano questo tipo di attestati dagli avversari, be allora puoi davvero uscire dalla San Siro dei casciavit a testa alta. Luca Savarese

16 pensieri riguardo “CARMINA PARMA di Luca Savarese / VAR PENSIERO

  • 3 Dicembre 2018 in 08:23
    Permalink

    Piano piano tutti si stanno accorge di noi. Non siamo semplicemente dei “catenacciari senza gioco”. Avanti così.

    • 3 Dicembre 2018 in 08:51
      Permalink

      Catenacciari senza gioco? Non é un concetto intellettualmente corretto. Ti consiglio di rileggere il Cattivo Cittadino di Gianni Barone della scorsa settimana che va in profondità sull’argomento senza restare solo in superficie con etichette e luoghi comuni…

  • 3 Dicembre 2018 in 09:53
    Permalink

    Possiamo giocarcela contro chiunque se mettiamo la grinta e la voglia di ieri.
    Purtroppo essendo una neopromossa gli arbitri ci penalizzano anche perché sanno che non facciamo mai polemiche e per questo. non essendoci contraddittorio fanno quello che vogliono e nel dubbio calcato la mano.
    Questa è la verità amici cari.
    Purtroppo come è già successo con l’udinese rigore inventato e quattro punti tolti e con quei 4 punti tolti saremmo quarti.
    Un rigore che nemmeno i giocatori del Milan avevano visto.
    Se l’arbitro ammonisce un giocatore dell’Inter poi, non puoi dare rigore.
    Se un giocatore dell’Inter nell’azione del rigore, fa un fallo e un giocatore del Parma sfioria la palla con la mano i casi sono due
    O non dai il fallo e dai il rigore.
    O dai il fallo e non dai il rigore
    Non puoi darli entrambi
    Col Sassuolo un rigore inventato ieri un altro ma dimenticavo al Var di campo c’era l’arbitro che domenica ha arbitrato come dodicesimo giocatore in campo per il Sassuolo e ci ha dato contro un rigore inventato.
    Si vede c’è l’ha con noi.
    I giocatori devono sapere che se sei il Parma e sfiori soltanto la palla che ti accarezza i peli della mano, a te danno rigore, agli altri no.
    Ho seguito la telecronaca della partita su DEZN.
    Mai ho sentito un telecronista così di.parte come è stato ieri GUIDOLIN.
    Da v lui non me l’aspettavo, pensavo fosse un amico invece era un nemico
    Ma quest’uomo c’è l’ha con noi?
    Sembrava la telecronaca di un tifoso sfegatato della,Reggiana mentre,assisteva a Milan Parma.
    Io mi sono vergognato per lui

    • 3 Dicembre 2018 in 12:44
      Permalink

      Condivido: Guidolin è stato pessimo ieri, sembrava stesse cercando di farsi assumere dal Milan… ma siamo sempre lì, contro le grandi i commentatori cercano la popolarità perché se piaci al pubblico ti richiamano, anche a discapito della competenza. Al di là della partigianeria, Guidolin non è stato comunque in grado di esprimere concetti che andassero oltre l’incredibilmente generico. Nel primo tempo sembrava un chiaroveggente quando continuava a ripetere che il gol del Milan era imminente. Se devo dire la verità, ricordando il grande tecnico che è stato mi ha fatto un po’ di tristezza, a volte bisognerebbe capire quando è ora di farsi da parte per non rovinare quanto di bello si è fatto in passato…

  • 3 Dicembre 2018 in 14:03
    Permalink

    Purtroppo a mio avviso il rigore su Bastoni c’era. Certe ingenuità bisogna risolverle e lavorarci sopra, come sulla palla persa che ha portato al pareggio di Cutrone (gran bel giocatore!).
    In questa occasione credo la VAR sia stata molto generosa, a mio avviso la posizione di Chalanoglu era ben in fuogigioco, ed era influente, in quanto ben davanti a Sepe (e quindi a disturbare il portiere) e sulla traiettoria della palla.
    Per il resto non è che il Milan ci abbia preso a pallonate ed abbiamo giocato alla pari per tutto il match.
    Forse abbiam opeccato un po di presunzione noi.
    Sarebbe stato meglio sostituire Gervinho con Gobbi (e passare ad un 5-3-2 o con Rigoni) per meglio difendere il vantaggio, ma anche il pareggio.
    Peccato davvero, ma alla fine questa sconfitta ci serva da lezione per rimanere più con I piedi per terra e non dimenticare I lvero obiettivo… La salvezza (anche se sognare è bello!…. forse chissà… succertderà…. salta con noi che….)

    • 3 Dicembre 2018 in 15:51
      Permalink

      Sarebbe stato meglio sostituire Gervinho con qualsiasi altro giocatore che non fosse Ciciretti, in modo da giocare in 11
      Il fuorigioco era punibile, il mani netto e senza scusanti ma comunque era dal primo tempo che cercavano disperatamente al var un possibile rigore per il milan

      • 3 Dicembre 2018 in 18:13
        Permalink

        Ieri ciciretti è stato inguardabile come la maggior parte delle partite giocate con noi… compreso l’anno scorso

  • 3 Dicembre 2018 in 14:34
    Permalink

    Adesso il momento di passare página..
    Un buon prestazione dei ragazzi e andiamo avante… é chiarisimo che arbitro sente presion de grande scuadra…
    Purtroppo no cé niente di fare…
    Parma will prevail 💪💪💪
    Rocky Marciano 🔥🔥🔥 no Mike Tyson 😝
    Strajé

  • 3 Dicembre 2018 in 15:43
    Permalink

    Ieri GERVINHO è stato il peggiore in campo.
    Per Gervinho non ci sono mezze misure.
    O è il migliore in campo o è il peggiore.
    Al suo posto COL SENNO DI POI
    avrei fatto giocare Siligardi.
    Un lusso tenerlo in panchina.
    Ieri serviva
    Eccome se serviva.

  • 3 Dicembre 2018 in 16:01
    Permalink

    Gia ‘ alla prima giornata CALVARESE ci avegna scippato la vittoria
    con l’udinese con un rigore in fotocopia non visto da nessuno come quello di ieri e ieri…. la stessa solfra.
    Ieri addirittura due gol dubbi.
    Fosse successo al Milan, si sarebbe comportato così?
    Penso proprio di no.
    Perché non dirlo che CALVARESE tifa Milan?
    Sulla gazzetta dello sport gli hanno affibiato un bel 6,5
    Era invece da 4
    Col Sassuolo l’arbitro si becco’ sempre dalla gazzetta un bel 7
    Era da invece 3.
    Qualcosa a non mi quadra
    E poi perché la,VAR viene utilizzata sempre a nostro sfavore e mai a c nostro favore?
    DIAMO PER CASO FASTIDIO A QUALCUNO?

  • 3 Dicembre 2018 in 17:23
    Permalink

    Siamo una,squadra che possiamo battere chiunque
    ma possiamo anche perdere con tutti.
    Bisogna vedere con che spirito entri in campo.
    Domenica col Chievo sarà una delle partite più difficili
    che giocheremo al Tardini in questa stagione.
    Loro ora con il cambio allenatore son un’altra squadra
    trasformata nello spirito da Di Carlo.
    Hanno pareggiato a Napoli dove noi abbiamo preso
    una goleada e hanno.pareggiato con.la Lazio con.la
    quale noi invece abbiamo.perso.
    Questo per dirvi che se prendiamo la partita sottogamba
    la prendiamo in quel posto in modo SICURO.
    Loro sono riusciti a fare alla prima di campionato
    due gol alla Juventus, non c’è finora riuscito
    NESSUNO è poi lorosono sempre gli stessi
    rigenerati dopo il bluff di “VENTURA la sciagura”
    RICORDATEVELO.
    In difesa non si passa e in attacco sono tosti.
    Sarà una partita all’ultimo sangue,
    Una partita da
    1X2
    loro ci credono ancora e di un punto non sanno che farsene.
    Quindi occhio….

  • 3 Dicembre 2018 in 17:27
    Permalink

    considererei integrati i presupposti per un clamoroso gesto: la tue dimissioni da Provocatore ufficiale.
    Ad ogni azione deve corrispondere una reazione uguale e contraria!
    sennò se ne approfittano.

    • 3 Dicembre 2018 in 22:23
      Permalink

      Pencroff un altro pesce striato ha abboccato alla mia esca o provocazione.
      Quasi quasi dalla,SIP ( Società Italiana Provocatori) mi faccio aumentare lo stipendio.

      • 4 Dicembre 2018 in 07:03
        Permalink

        Ma no dai, mi diverto a provocarti e ogni tanto, pur essendo tu un pesce esperto, abbocchi dolcemente, senza accorgetene.
        Devi migliorare la difesa

  • 3 Dicembre 2018 in 17:42
    Permalink

    Purtroppo è sempre stato così! Quando certe squadre (un paio in particolare) stentano e non riescono ad imporsi col gioco arriva un aiutino … Nemmeno il VAR dona oggettività e purtroppo permane l’oggettività dell’interpretazione. In certe occasioni c’è il braccio aderente al corpo o l’involontarietà ma solo quando questa valutazione non impedisce di raddrizzare il risultato a favore di certe squadre.

    Anche con la Var non è cambiato niente. Rassegnatevi !!!

  • 3 Dicembre 2018 in 23:06
    Permalink

    Si è perso per due ingenuità, altro che var. Complimenti al mister che non ha a accampato scuse. Ne usciremo più forti di prima.
    Ora testa al Chievo; domenica di ingenuità non potremo permettere e!
    Dai ragazzi…!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI