CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / QUANDO LE OPINIONI DIVENTANO GIUDIZI

gianni barone(Gianni Barone) – Quando si è in presenza di due allenatori emergenti, uno ormai ex (tale) come Giampaolo, e uno ancora in pectore come D’Aversa, senza l’obbligo di ricorrere alla teoria di Kant dei principi a priori della conoscenza, ecco che le opinioni di fine gara Sampdoria Parma, espresse come apprezzamenti e valutazioni personali, diventano veri e propri giudizi, in quanto gli stessi assumono una forma definita e particolare. Perché  quando uno dice “E se non si considera che non siamo riusciti a tirare in porta quando siamo ripartiti in contropiede in tre  contro uno senza sfruttare poi questa ripartenza… A volte ci vuole anche qualità…”, come ha detto D’Aversa; oppure quando un altro afferma “Quella di oggi è stata una delle migliori espressioni di senso del gioco, di lavoro collettivo”, come nel caso di Giampaolo, ecco che non si è in presenza di semplici opinioni, ma di qualificati e qualificanti giudizi di natura tecnica e non solo. Non solo perché abbiamo a che fare con filosofie opposte, che si confrontano a vicenda, a volte s’intersecano e spesso si confondano e ci giampaolo sampdoria parmaconfondono di continuo. Si badi bene, che non parliamo di aria fritta o di luoghi comuni spendibili nel buon mercato della critica calcistica televisivamente esibita: abbiamo a che fare con giudizi di tecnici, l’uno che fa giocare la linea difensiva altissima (Giampaolo), e l’altro che la schiera bassissima (D’Aversa). Quindi ? Quindi direbbe Crozza quando imita Salvini, saremmo in presenza di visioni del calcio agli antipodi, ma se andiamo ben ad analizzare, queste due linee nascono dalla stessa prospettiva, quella di riuscire ad un esprimere un concetto di calcio attraverso il gioco. Addirittura? Qualcuno potrebbe obiettare, uno parla di contropiede e ripartenze nella stessa frase, mentre l’altro si l’allunga sul concetto di senso del gioco, e noi siamo qui ad accomunarli in unico abbraccio, un unico discorso, sulla tattica da adottare e sulla filosofia da seguire? Ma attenzione: se ben guardiamo agli sviluppi di questi giudizi espressi sotto forma di opinioni, concludiamo che Giampaolo si lascia andare ad un finale quasi roboante (Buffon docet) quando sostiene che “Abbiamo costretto il PARMA a correrci dietro. Che bello sarebbe giocare sempre cosi”, mentre D’AVERSA è più analitico quando ci propone “Chiaro che contro una squadra molto brava a giocare in verticale, con passaggi molto brevi, si tende giocare per vie centrali, così si fa una fase roberto d'aversa dopo sampdoria parma 16 12 2018difensiva abbastanza stretta e inevitabilmente li porti a giocare in ampiezza” e apre la strada ad un interpretazione perfetta di ciò che è stato il match in tutti i suoi sviluppi. Ineccepibile, non c’è che dire, eppure senza ricorrere a sterili discorsi di contrapposizione tra catenaccio (vade retro Paron) e gioco propositivo, siamo vicini ad affermare che i principi che ispirano l’uno e l’altro, se non sono simili poco ci manca. Ma come? Si direbbe stessi principi, quando l’evidenza del reale dimostrerebbe l’opposto. Il calcio, quello è, è uno, affermazione di principi, che coincidono e divergono, a seconda delle opinioni, ma che convergono inevitabilmente nei giudizi, di cui sopra. Giudizi che sono suffragati, anche dalla storia di ogni tecnico, e dalle metodologie che ogni tecnico, mette in atto negli allenamenti. Si fa sempre poca attenzione a giorgio-gandolfi.pngquello che si riporta sulla stampa, a quello che le varie squadre praticano in allenamento, al termine di ogni pezzo giornaliero, il solerte cronista, sia esso del locale o corrispondente del giornale nazionale o sportivo, riporta ciò che la squadra ha sostenuto nelle varie sedute di allenamento, si parla di esercizi sulla forza veloce, di esercitazioni tattiche su campo a dimensioni ridotte, di possessi palla, torelli, core stability (chissà mai cosa vorrà dire si chiede lo sportivo medio che non ha il tempo di approfondire). ma mai si parla di esercitazioni specifiche per il contropiede o per le ripartenze. Mai, e i casi sono due: o il povero e solerte cronista non li sa ricd'aversa conferenza stampa 07.10.2017onoscere o nessuno, tra gli allenatori italiani, li pratica, ci sarebbe anche il terzo caso che sulla scorta, delle dritte dell’addetto stampa, per non essere stati presenti al campo di allenamento, per qualsivoglia motivo, quando le stesse vengano o ad arte taciute, per non etichettare, di catenacciarismo il tecnico in questione, o che non vengono individuate, del tutto,  anche dallo stesso solerte addetto stampa. Eppure allenare i giocatori, al meglio a questo tipo di situazioni non sarebbe male, sempre vade retro … PARON. Ma tornado alla storia degli allenatori, nereo_roccoGiampaolo, oltre ad essere un emergente un po’ datato, che ha rischiato, in passato, di sedere addirittura sulla panchina della Juventus, passa per essere un allenatore che cura moltissimo la fase difensiva, a volte non si direbbe vista la discontinuità di prestazioni e risultati della sua fase di non possesso, ma per rischiare una linea altissima, come quella messa in campo contro il PARMA, occorre tanto lavoro di preparazione, non ci son dubbi; eppure lui teorico e pratico conclamato dalla critica, con C maiuscola, come uno dei massimi esponenti del calcio propositivo di casa nostra, non si vergogna di affermare che al posto delle scuole calcio e delle accademie, preferirebbe, per il giovane, il gioco di strada, che manca, nella preparazione, quello dei cortili e degli oratori, o quello dei paesi, una volta definiti in via di sviluppo, senza maglie uguali, quasi come quello descritto da Stefano Benni nel romanzo “La Compagnia dei Celestini”, stefano benni la compagnia dei celestinila pallastrada in cui una l’unica regola è quella di non avere regole. Contraddizioni che servono a farci capire quando sia semplice la strada da seguire dopo tutte le complicazioni intervenute, negli anni, per migliorare e poi complicare la materia.  Al punto che lo sportivo medio quello che vuole capire che cos’è il core stability e soprattutto a cosa serve, finisce per essere disorientato, quando si trova di fronte a notizie che parlano di allenatore propositivo che lavora tantissimo sulla fase di difesa e che rimpiange la strada, il cortile, l’oratorio, la pallastrada, e di un altro allenatore che pratica di continuo il possesso palla in allenamento, quando in partita gioca esclusivamente in verticale, o perché è costretto a farlo, o perché rientra nel suo ordine di idee adottarlo. Coincidenze e contraddizioni che nascono anche dai giudizi che ci vengono proposti, ma che non ci fanno capire da cosa nascono le amnesie di questo PARMA, celebrato a giorni alterni, in campionato, che sciorina grandi prestazioni frutto di equilibrio e pragmatismo assoluto, per poi scadere in partite prive di impulso, e soprattutto di idee. Sarà questione di core stabilty, quando cacchio avremo capito di cosa minchia si tratta, avvocato, o si tratta di cuore o altro che sfugge di continuo alle opinioni di chi ne sa e di chi se ne intende davvero.  Per la cronaca al corso allenatori, a cui ho partecipato più di dieci anni fa (ma sono in regola con tutti gli aggiornamenti di formazione obbligatoria), quando si accennava, intorno alle undici di sera, al core stabilty, io a stomaco vuoto, ero distratto dall’idea di un fumante maccherone. Quindi non sono preparato in materia. Bravo!!! Me dir stupid , direbbe il Trap… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

7 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / QUANDO LE OPINIONI DIVENTANO GIUDIZI

  • 18 Dicembre 2018 in 09:29
    Permalink

    Col gioco che ha D’Aversa GERVINHO è semplicemente
    ESSENZIALE.
    Se non ci fosse lui, D’Aversa non potrebbe fare il suo gioco
    non avendo nessun SPEEDY GONZALES come lui.
    In parole povere senza Gervinho probabilmente
    sentiremo già l’acre odore della serie B
    E D’Aversa probabilmente non avrebbe mangiato il panettone.
    Adesso per quello che sto per dire
    NON FRAINTENDETEMI
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif
    .D’Aversa per ilgioco che ha
    è come fosse un drogato e
    GERVINHO…la sua droga.
    Se infatti Gervinho non gioca
    D’Aversa ha crisi d’astinenza
    con prestazioni corali della
    sua squadra da
    BRIVIDI FREDDI.

    • 18 Dicembre 2018 in 13:41
      Permalink

      Quoto. In sua assenza per limitare i danni D’Aversa dovrebbe semplicemente cambiare modulo, provando Siligardi più vicino ad Inglese e non isolato sulla fascia.

  • 18 Dicembre 2018 in 09:47
    Permalink

    Avete notato che Inglese quando in squadra c’e Gervinho
    sembra Cristiano Ronaldo mentre quando Gervinho
    non gioca si sbatte ma non tocca mai un pallone?
    Questo dovrebbe fare molto riflettere D’Aversa.
    Quando manca il nostro GERVINHO bisogna cambiare
    modulo altrimenti saranno sconfitte su sconfitte.
    Biabiany non è più lo stesso, ora non incide, direi
    che la velocità che era il suo punto di forza ora con l’età è andata a farsi benedire.
    Ora per il Parma è un giocatore inutile.
    Ora a gennaio ci vuole
    Un centrocampista di qualità
    Un sostituto per INGLESE per farlo rifiatare
    visto che Ceravolo non sembra di categoria
    Un valido sostituto di Gervinho perché
    se di fa male lui, sono
    SUDORI FREDDY………..MERCURY

  • 18 Dicembre 2018 in 10:18
    Permalink

    Nooooo !!! È tornato. Finiti I domiciliari !!! Come passa in fretta il tempo !!! A quando l’ergastolo ???

  • 18 Dicembre 2018 in 11:21
    Permalink

    Lu.Po ti capisco.
    La tua pacchia è finita

  • 18 Dicembre 2018 in 13:46
    Permalink

    La magata 2018 secondo voi chi l’ha fatta?
    Secondo me l’ha fatta Faggiano portando a Parma
    Gervinho e Inglese anche se Inglese senza Gervinho
    è come un bimbo senza
    lecca lecca.
    A gennaio sarà il 2019 e il Parma diverrà
    centenario e bisognerà fare qualcosa di eclatante..
    Ecco perchè a gennaio attendo da Faggiano
    la magata 2019 per festeggiare il centenario
    UN CENTROCAMPISTA COI FIOCCHI.
    HERNANES?
    magari.

  • 18 Dicembre 2018 in 13:58
    Permalink

    Non ditelo a Faggiano, ho scritto che nel 2019 il Parma
    compirà 100 anni mentre in realtà ne compirà 106
    ma lui non lo sa e vorrà per questo, fare il colpo del secolo
    quindi muti. facciamogli credere che il 2019
    è il centenario e vedrete che farà un colpo clamoroso.
    Quindi.muti come pesci ma so già che,qualche pesce
    striato dirà ” ma il Parma n non compie 100 anni, li ha
    già compiuti” ma cosa volete se abboccato in molti….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI