mercoledì, Luglio 24, 2024
Videogallery AmatorialeIn EvidenzaNews

D’AVERSA: “HA FATTO LA DIFFERENZA LA VOGLIA DI PORTARE A CASA IL RISULTATO” (VIDEO)

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine del match vinto 0-1 sul campo della Fiorentina, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del “Franchi”.

Ecco le sue parole:

roberto d'aversa dopo fiorentina parma“Questa partita l’abbiamo preparata analizzando i video delle gare in cui la Fiorentina ha giocato contro avversari che sfruttano un modulo simile al nostro, il 4-3-3. Abbiamo visto che hanno alternato nella costruzione del gioco i 3 difensori con Veretout oppure i 3 difensori con 2 centrocampisti, o Biraghi o una delle due mezzali che si abbassava; considerando anche che portano quattro uomini in rifinitura con una punta brava ad attaccare la profondità. Indipendentemente dalla preparazione della partita in cui lo staff ha lavorato molto bene, specialmente in questo momento in cui si sono delle gare ravvicinate, quello che ha fatto la differenza è la volontà di portare a casa il risultato, quando ci sono tre attaccanti che si sacrificano in fase difensiva come hanno fatto oggi è più facile cercare di portare a casa i punti. Avevamo giocatori in campo importanti come Inglese, Gervinho, Siligardi, ma penso che oggi sia stata la vittoria del gruppo: nonostante l’assenza di Bruno Alves, Iacoponi ha ricoperto il ruolo di difensore centrale in maniera ottima, Gazzola ha fatto molto bene nonostante fosse la prima da titolare per lui quest’anno, dunque il merito è di tutti quanti, questi ragazzi stanno facendo qualcosa di straordinario nonostante quello che si potesse pensare all’inizio del campionato”.

“Considerando che c’è ancora una partita contro la Roma, se si va a rivedere tutto quanto finora, i ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario. Il nostro top player è il gruppo, la sua forza, se no non si spiega quanto fatto nonostante la difficoltà di costruire una squadra nell’ultima settimana di mercato, quando fino a poco prima dell’inizio del campionato non sapevamo in quale avremmo giocato: c’è stata la bravura della società, della proprietà, del direttore sportivo, poi fondamentalmente alla base di ogni risultato c’è il gruppo e questi ragazzi hanno dimostrato fin dall’inizio di andare in campo in maniera solida”.

“Cosa ci siamo detti con Pioli a inizio gara? Ci siamo fatti complimenti a vicenda, credo stia facendo un ottimo campionato considerato che ha a disposizione una squadra molto giovane, lo stimo come allenatore e come persona, ho avuto la possibilità di conoscerlo a Parma: credo sia una grande persona, oltre che un grande allenatore, non ha mai fatto sentire di essere un allenatore navigato e bravo rispetto a chi ha iniziato da qualche anno”.

“Se pensiamo di venire a giocare a Firenze nonostante una squadra molto giovane e pensiamo di metterla sotto l’aspetto tecnico, tra i due undici iniziali non c’è partita: noi per cercare di portare a casa il risultato l’abbiamo messa sul piano dell’intensità, del dinamismo, della voglia di vincere i duelli. A me interessa portare a casa i punti, l’estetica non penso ti porti a salvarti e questo è il nostro obiettivo da raggiungere. Stulac? Ha ricevuto un colpo al ginocchio ed è stato costretto a uscire, Scozzarella ha sentito una fitta al polpaccio e potrebbe essersi stirato, ora starà ai medici valutare le condizioni e cercare di recuperare uno dei due, altrimenti ci sarà qualcun altro che giocherà, come Deiola che oggi ha fatto una grandissima gara dopo tanto tempo che non giocava, dunque da questo punto di vista i ragazzi hanno sempre dimostrato di essere affidabili”.

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA DOPO FIORENTINA-PARMA 0-1

Stadio Tardini

Stadio Tardini

8 pensieri riguardo “D’AVERSA: “HA FATTO LA DIFFERENZA LA VOGLIA DI PORTARE A CASA IL RISULTATO” (VIDEO)

  • Quando decidiamo di fare una gara di sofferenza siamo difficile da battere. Questa è il nostro segreto perchè ci porta a gettare il cuore oltre l’ostacolo.

  • Eccellente intervista con DAversA ……
    Obiettivo …. più’ chiaro che L’Aqua ….
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • Siberianhusky

    La vittoria di oggi e’ stata ottenuta combattendo su ogni pallone contro un avversario tecnicamente superiore al Parma. D’Aversa con estremo pragmatismo ha strutturato un efficacissimo “catenaccio” 2.0 che risulta fatale a chi affronta il Parma con la presunzione di vincere facilmente. L’obiettivo salvezza, a meno di inaspettate ed improbabili debacles può essere raggiunto in anticipo rispetto alla fine del torneo. Non è realistico puntare all’Europa League, meglio iniziare a programmare la prossima stagione anticipando la concorrenza nell’ingaggiare giovani di prospettiva e qualche giocatore affermato, magari attualmente emarginato dal suo club in Serie A e voglioso di rilanciarsi. Parma ora e’ diventata la destinazione ideale per chi vuole emergere.

  • Le ragioni della vittoria a Firenze
    – abbiamo ripreso a lottare su ogni pallone
    – la Viola ci ha sottovalutato e snobbato, almeno nel primo pempo, contando di vincere facile
    – il Cul de Dav ha ripreso a funzionare dopo 4 partite di assenza
    A questo punto per evitare prevedibili rilassamenti per una salvezza ormai ottenuta, bisogna alzare l’asticella e continuare a tenere la squadra ben motivata con l’biettivo di una ulteriore impresa, la ZONA UEFA.
    Ci siamo, è li ad un passo, almeno proviamoci, nessuno si lamenterà se solo la sfiorassimo, ma almeno proviamoci, è li ad un tiro di schioppo.
    Cio avrebbe un paio di ripercussioni interessanti:
    1 – arrivare 17mi ha un valore economico di molto diverso dall’arrivare 8vi 9ni o 10mi, in vista della ripartizione dei diritti tv premi vari etcc…
    2 – saremo più attrattivi per gli sponsor l’anno prossimo e pertanto si può strappare di più per i contratti di sponsorizzazione merchandising etc…
    3 – nel mercato di gennaio 2019 come in quello di agosto 2019 saremmo più attrattivi per giocatori di fascia più alta. Quanti no abbiamo ricevuto questa estate perchè puntavamo solo alla salvezza? (quagliarella in primis?) una squadra che punta all’europa e che compie una impresa come quella di qualificarsi all’uefa dopo 3 promozioni consecutive sarebbe sicuramente molto allettante per giocatori forti in cerca di rilancio o giovani desiderosi di mettersi in mostra.
    Peranto direi di finirla con la falsa modesti e le dichiarazioni di circostanza circa l’biettivo salvezza, questo può cambiare in corso della stagione… pertanto … CHE UEFA SIA….

  • VELENOSO

    Se ci sentiamo inferiori all’avversario facciamo
    PARTITE EPICHE di grande sofferenza portando
    a casa i tre punti.
    Una sofferenza che gli altri non conoscono
    Noi su questo siamo MAESTRI be ne siamo
    ORGOGLIOSI.
    Sabato arriva la Roma che sembra uscita dalla crisi.
    Verranno questi POLLI per vincere
    La trappola è pronta.
    Accomodatevi pure romani.
    Non scopro l’America dicendo che siete
    NETTAMENTE PIÙ FORTI DINOI.
    Attaccate attaccateci pure…..
    Gervinho si sta preparando…
    Per lui è
    LA PARTITA DELL’ANNO.
    Tutti gli occhi sono puntati su di lui.
    NON PUÒ FALLIRE questo bocconcino.
    Non abbiamo niente da perdere
    per cui……non perderemo.
    A Bastoni prima di entrare in campo
    non si potrebbe legargli le braccia?
    Si potrebbe fargli indossare la maglietta
    senza fargli uscire le braccia dalla maglia
    Tengo a precisare che questa non è una boutade.
    Pensateci bene, potrebbe correre normalmente
    tenendo oltretutto le braccia al caldo e senza
    avere la tentazione di toccare la palla con la mano.
    Fosse la palla una bella donna lo capirei
    ma diamine toccare la palla che è un ammasso
    di plastica e gomma e voler sempre toccare in
    ogni partitacon una mano quella cosa rotonda
    che niente ha di sensuale, proprio non lo capisco
    Con le braccia dentro alla maglietta,
    si.eviterebbero RIGORI e VAR ormai
    con i suoi tocchi di mano erogati dall’arbitro a
    RITMI INDUSTRIALI

  • PARMALETALE !!!

  • Mister, se la ricorda la famosa intervista del grande Carletto Mazzone in cui quando il giornalista facendogli i complimenti perchè giocava bene (ma perdeva spesso) gli chiedeva “lei preferirebbe giocare male ma vincere?” lui rispondeva con genuinità in romano “MAGARA…” (da cui il soprannome: er Magara).
    Credo che Carletto potrebbe essere orgoglioso di lei.
    Si scherza mister, ma le assicuro che i tifosi la pensano come l’indimenticabile Mazzone, meglio giocare male e vincere, che giocare bene ma perdere…

  • Forse anche Max Catalano la pensava così….http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gif

I commenti sono chiusi.