UNA VITA DA PORTIERE: LA BANDIERA EDOARDO CORVI RACCONTATA DALLA RIVISTA ON LINE “PDF”

(www.parmacalcio1913.com) – PDF, acronimo di “Parma Domani Forse” – giornale “patinato” on line di idee, critiche, dubbi e visioni, espressione del Corso di Giornalismo e cultura editoriale & Master in Web communication, social media e Iot dell’Università di Parma – ha dedicato un servizio, firmato da Gianluca Ciuffi, alla bella storia di Edoardo Corvi, portiere parmigiano della Primavera del Parma Calcio 1913, così attaccato alla squadra del territorio da rimanerne fedele anche durante la diaspora post-fallimento che aveva falcidiato le giovanili gialloblù. Una bandiera, dal volto fresco, genuino e pulito ben narrata da un giovane che ha nel cassetto il sogno di diventare giornalista e che spera di aver intrapreso la strada giusta per trovare la chiave per aprirlo…

Una vita da portiere

Intervista alla  “promessa” Edoardo Corvi

di Gianluca Ciuffi (da piedieffe.eu)

Un bambino con il sogno di diventare un calciatore. Un ragazzo che, oggi, ambisce a diventarlo. Quella di Edoardo Corvi è una storia tutta da scrivere e di cui non possiamo che tracciarne solo l’inizio. Il resto sono pagine bianche in attesa di essere riempite, magari in futuro.

L’attuale primavera del Parma si racconta, dai primi calci nel Felino fino ad arrivare a vestire la maglia crociata. Quella di cui va orgoglioso, essendo uno dei pochi rimasti dopo il fallimento del 2015.

C’è un ragazzo che nel 1984 inizia a giocare a calcio. Di ruolo fa il centrocampista, perché gli piace fare gol. E non se la cava nemmeno male. Poi un giorno finisce tra i pali e da quel momento la porta diventa casa sua. Quel ragazzo si chiama Gigi Buffon e l’idea di fare il portiere gliela fa venire il nonno, Lorenzo, che il numero 1 lo ha indossato per una vita, anche con la Nazionale. Nel 2001 Buffon è un ragazzo prodigio che alla Juventus costa quasi 100 miliardi di lire (52,4 milioni di euro per i più giovani, più il cartellino di Bachini) al Parma. Nello stesso anno, a Parma, nasce anche Edoardo Corvi, che oggi difende la porta della Primavera della squadra emiliana. Strano che un ragazzo cresciuto a pane, Messi e Ronaldo decida di abbandonare i sogni di gloria per preferire il ruolo di portiere. Strano fino a un certo punto, perché da piccolo pare si divertisse già a tuffarsi per parare. Parare i tiri del nonno. “Era lui che calciava e io mi buttavo da una parte e dall’altra“. La storia di Edoardo Corvi inizia così.

Un mestiere per pochi, quello del portiere. Un sogno per tanti, diventare calciatori. Ecco, Edoardo si trova proprio nel mezzo.
La passione per il calcio la eredita dalla sua famiglia, in modo particolare dal padre:
“A casa mia si vedeva e si parlava praticamente solo di calcio”.

Tutti i bimbi, o quasi, iniziano a dare i primi calci ad un pallone quasi prima di imparare a camminare. Vedono quell’oggetto come qualcosa che li attrae. Anche il piccolo Edo ha più o meno le stesse caratteristiche delle maggior parte dei bambini. Con una differenza non trascurabile, quella di preferire buttarsi e tuffarsi a terra. Poi arrivano i primi guanti, quelli che la nonna, a cui Edoardo si mostra particolarmente affezionato, gli regala per il suo compleanno di cinque anni. L’emozione ancora viva negli occhi del ragazzo, quando ricorda quei momenti, di un passato non troppo lontano.

A sette anni comincia a calcare i primi campi di calcio, nel Felino, squadra della sua provincia. Inizia da subito come portiere ma dopo un po’ di tempo, guarda caso anche lui, si mette a fare il centrocampista.

“Mi ero stufato, quindi ho deciso di provare lì. Non sono male con i piedi, ho un bon sinistro e mi piaceva giocare la palla”.

Nel destino però, c’era un’altra strada per Edoardo. Il caso vuole che in quell’anno arriva a chiamata del Parma. Non per fare il centrocampista ma il portiere.

“Non mi dimenticherò mai il giorno del mio provino al Parma con Luca Bucci e Luca Mondini. È stata una giornata speciale”.

È in quel momento che inizia la sua carriera per i colori gialloblù. Quei colori che lo hanno portato a diventare oggi uno dei titolari della primavera crociata.

In mezzo a tutto ciò, il fallimento del Parma Calcio, avvenuto nel 2015.
In uno dei momenti più difficili della storia del club Edoardo militava nei giovanissimi e si è trovato di fronte a dover fare delle scelte in un’età in cui magari non si è pronti.

“La scelta è stata ben pensata perché quando il Parma era fallito io ero con i più grandi a far le finali a Chianciano. Tutti i miei amici volevano andare via e, ovviamente, uscendo sempre con loro, anche io avevo la tentazione di andare. Successivamente, però, mi è stato spiegato il nuovo progetto e io ci ho creduto sin da subito. Andavo anche a scuola a Parma, quindi, dopo averne discusso anche con i miei genitori, abbiamo deciso che fosse la scelta migliore.”

Una bella favola finita male, quella di quei giovanissimi.
Il Parma era già fallito ed era terminato anche l’esercizio provvisorio che gli aveva permesso di concludere la stagione in corso. Quando era iniziato il torneo di Chianciano, sulla carta, le giovanili non esistevano più. Per una serie di permessi, gli fu concesso di disputare il torneo. La cosa più incredibile è che quella squadra arrivò fino alla finale, persa poi ai supplementari con l’Inter dopo un rocambolesco 4-3.

Sarebbe stata una bella storia da raccontare ma forse era anche imbarazzante che una squadra scomparsa vincesse il titolo di campione d’Italia.

Dopo l’approdo in Lega Pro, Edoardo diventa uno dei punti fermi degli allievi tanto che arriva la prima chiamata nella Nazionale Under 17.

“È stata una bella esperienza. Mi ha fatto crescere tanto. Ho conosciuto molti giocatori nuovi che poi sono diventati miei amici. Abbiamo disputato vari tornei, eravamo veramente una buona squadra.”
Il presente, invece, si chiama primavera nazionale, di cui è il titolare fisso tra i pali.

“Siamo a metà classifica, abbiamo una buona squadra e un buon mister che ci fa giocare molto la palla. Mi trovo molto bene. Costruiamo dal portiere, giochiamo molto la palla. E io amo molto questo stile di gioco. Con il sinistro sono bravo ma calcio anche con il destro. Dicono sia abbastanza bravo con i piedi.“

Mi è rimasta a cuore la partita con l’Hellas Verona vinta 2 a 1

Oltre che giocare la palla, Edoardo, è un amante delle uscite in area. Ecco le sue parole mentre racconta una delle partite migliori nel campionato in corso:

“Mi è rimasta a cuore la partita con l’Hellas Verona vinta 2 a 1. È stato un match sofferto però noi siamo riusciti a fare il nostro gioco. Ero molto soddisfatto della mia prestazione. Su una punizione, prima del fischio finale, erano tutti dentro e io sono andato a prender palla in uscita. Tutti i miei compagni, a fine partita, sono venuti ad incitarmi”.
Nel curriculum del ragazzo mancano, per ora, rigori calciati e goal all’ultimo minuto.
“Non sono cose a cui penso. Alcune volte mi sono spinto nell’area avversaria ma non sono mai riuscito a trovare la palla”.
Umiltà, impegno e “prima la squadra poi i premi individuali”.
Quando si parla di scuola, guai a nominargli la matematica e la geometria.

“Faccio il quarto anno all’Alfieri e vado bene. Sono sempre andato bene e voglio continuare a crescere, anche dal punto di vista culturale. Nelle materie umanistiche vado forte. In quelle scientifiche, un po’ meno”.
Playstation e televisione nel tempo libero e una passione anche per la formula uno.

“Peccato per la Ferrari quest’anno. Poteva essere l’anno giusto per tornare a vincere un mondiale”.
Un ragazzo tranquillo, genuino, amante delle piccole cose.

“A ballare non ci vado mai perché non mi piace e non mi dà l’idea dello sportivo ideale. Per quanto riguarda i miei amici, posso dire che esco il sabato verso sera dopo la partita oppure la domenica quando c’è riposo. Questi sono sacrifici perché vedi tutti i tuoi coetanei divertirsi e invece tu magari devi pensare alla partita o ad un allenamento. Ma ormai sono abituato e ora preferisco allenarmi anziché andare a ballare”.

Sul compleanno di 18 anni che compirà il prossimo 23 marzo non desidera nulla in particolare. È già molto contento di quello che ha.

Pizza e pasta quando può e per il resto, attento ad ogni minimo particolare. Uno sportivo a 360°. Con Ter Stegen come idolo e Buffon come guida, Edoardo sogna un giorno di poter arrivare a quei livelli. Per ora, si gode la sua primavera con l’ambizione un giorno di poter arrivare ad esordire in prima squadra. In un universo, quello calcistico, dove le bandiere non esistono più, sarebbe molto bello. Da parmigiano, nato e cresciuto a Parma, sarebbe una bella favola.

Una favola che magari diventerà realtà. Quelle di cui il calcio vive. Quelle per cui questo è considerato lo sport più bello del mondo. E noi, possiamo solo che farti un grande in bocca a lupo. 

Gianluca Ciuffi (da piedieffe.eu)

Stadio Tardini

Stadio Tardini

One thought on “UNA VITA DA PORTIERE: LA BANDIERA EDOARDO CORVI RACCONTATA DALLA RIVISTA ON LINE “PDF”

  • 13 Dicembre 2018 in 20:14
    Permalink

    Grandissimo. Un altro su cui di spera di poter puntare per il futuro 🙂

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI