CARMINA PARMA di Luca Savarese / NELLA TERRA DEI VINI UN SORSO DI INGLESE E UN CALICE DI GERVINHO: PROSIT!

Luca Savarese(Luca Savarese) – La ripresa del campionato, è di rigore. Inglese, dal dischetto, dopo la prima irruzione del 2019 di Gervinho. Grande condizione atletica dei ragazzi di Roberto D’Aversa, insomma panettoni e leccornie varie, ampiamente digeriti. Kucka che prende il numero 87 parte dalla panchina (entrerà al 72’ al posto di Deiola) mentre titolarissimo, riparte lo spirito coraggioso che ha contraddistinto le prima parte di stagione crociata. Okaka, che ritrova l’Italia all’inizio predica un po’ nel deserto, salvo creare qualche scompiglio sul tramonto del primo tempo, dove è tutta la truppa friulana a mettere forsing nei suoi cannoni. Nicola, che aveva lasciato il Parma in Europa League quando guidava il Livorno (ultima giornata del campionato 2013-2014) e che nel frattempo ha salvato il Crotone nel 2017, ritrova i crociati, rinati, in serie A. “Ha fatto meglio il Parma nella prima parte di gara”, sentenzia Massimo Ambrosini, dai microfoni di Sky. Il secondo tempo invece inizia con la parola meglio la snocciolata dai friulani, che iniziano come avevano finito la frazione, cercando di recuperare la gara. Il Parma sembra come un po’ rattrappito, come le mani quando inglese e gervinho udinese parmafa freddo e togli i guanti. Striger Larsen a destra ed Opoku, che nel primo tempo si è visto davvero poco, sembrano ora più vivi che mai. Ma è dal centro che la Nicola band trova il pari: classico flipper, vado io vai tu, invece ad andare, di cabeza, è Stefan Okaka, che festeggia nel migliore dei modi il ritorno nel bel paese. Dopo che Deiola rimedia un giallo, è da giallo nel senso di thriller l’errore di Biabiany servito da un attimo focoso della Gervinho dance. Il senegalese Seko Fofana, uno dei giocatori più sottovalutati del campionato di A, intanto, nelle terre di mezzo, arpiona un sacco di palloni. Bella la sfida tutta africana, con l’ivoriano del Parma. Nicola e D’Aversa, in panca, non stanno zitti un momento, non ce l’hanno proprio nel sangue. Anche l’Udinese parla la lingua, della pericolosità: cross del solito Striger Larsen, davvero un terzino come si deve, spizzata di Lasagna, palla che arriva sul mancino del neo papà De Paul, tiro e montante esterno. I bianconeri mordono: Fofana, questa volta in versione costruttore di gioco per De Paul che cerca il piazzato, Sepe, deve volare. A un certo punto Gervinho decide però che solo lui può aiutare il Parma ad uscire dalla sua trincea. Il campione, è colui che quando la truppa è stanca, ci pensa lui a ridarle vigore. Prende palla, vince il duello con Fofana, che non è certo esilino, che non è certo malmesso fisicamente, che non è certo un pivellino. Si ricorda che col Cagliari è andato fino in fondo, che per lui fino in fondo vuol dire solo in gol e da solo in gol. Li eravamo al Tardini qui alla Dacia Arena. Lui vuole essere universale. Progressione, scatto, come se tutti i termini per descrivere la sua azione uscissero dal vocabolario e lo seguissero, silenziosi complici. Ieri nel ducato gol così li faceva uno che veniva dalla Colombia, si chiamava Tino Asprilla. Oggi, queste meraviglie le porta in rete Gervinho, viene dalla Costa d’Avorio e sta nobilitando questo primo campionato in A del Parma, dopo la katabasi parmense nel sottoscala del calcio.

De Paul, vuole anche lui cercare di imprimere all’Udinese la scintilla che Gervinho ha acceso al Parma. L’hombre del partido, Gervinho, ha la fascia nera sulla testa che ne tiene raccolte le treccine, comunque svolazzanti. Quando Esce al minuto 87 per Gazzola tutta Parma, angiol d’oro compreso, andrebbe ad abbracciarlo, ad accarezzargli le treccine.

Il 2019 crociato inizia, nella terra dei vini, con un bicchiere di Inglese ed un calice di Gervinho. Alta gradazione. Prosit, ma con cautela, domenica, di nuovo sul pezzo, a casa, con la Spal… Luca Savarese

12 pensieri riguardo “CARMINA PARMA di Luca Savarese / NELLA TERRA DEI VINI UN SORSO DI INGLESE E UN CALICE DI GERVINHO: PROSIT!

  • 20 Gennaio 2019 in 01:12
    Permalink

    La nostra “perla nera”.

  • 20 Gennaio 2019 in 09:14
    Permalink

    Dejola non lo darei via assolutamente
    dato che Kucka si vede lontano un
    miglio che non è in condizione.
    Per rivedere una copia sbiadita del
    vero Kucka forse ci vorrà un mese
    se non due.
    Quando ieri è entrato abbiamo
    giocato in 10.
    Non ha nelle gambe attualmente
    nemmeno 10 minutie poi cosa molto
    ma molto mportante
    deve riadattarsi al calcio italiano
    e agli schemi di D’aversa che non sono
    semplici come si pensa ed anche
    per questo i tempi saranno molto.lunghi.
    Potremo contare al 100% su di lui e
    vedere chi realmente è il
    prossimo campionato.
    NON PRIMA.
    Ecco.perche’ Dejola io lo terrei
    COME ORO COLATO

  • 20 Gennaio 2019 in 12:03
    Permalink

    La prestazione di Deiola la miglior risposta a Morosky che è tutta la settimana che ce la mena con giocatori in partenza che non devono scendere in campo…

    • 21 Gennaio 2019 in 13:51
      Permalink

      Concordo con la prestazione ma non GODO CHE VENGANO SCHIERATI GIOCATORI PREVISTI IN PARTENZA IN PARTITE UFFICIALI …con i rischi che si corrono …
      ..
      poi io ho espresso un parere personale, NON HO MENATO il piffero a NESSUNO,,

  • 20 Gennaio 2019 in 14:22
    Permalink

    Per comprendere la grandezza di Faggiano basta solo un dato.
    L’anno scorso finimmo a pari punti col Frosinone e andammo in serie A per differenza reti negli scontri diretti.
    Ci salvò una loro autorete e se non ci fosse stata quella in A ci sarebbe,andato senza play off il Frosinone per la migliore differenza reti.
    Ora abbiamo 18 punti di vantaggio sul Frosinone.
    La differenza è il mercato di Faggiano fatto quest’estate.
    SU QUESTO NON CI PIOVE
    Avesse il Frosinone avuto Faggiano ora noi saremmo al loro posto e il Frosinone al nostro.
    Ecco perché FAGGIANO è il miglior acquisto fatto dal Parma Calcio 1913 in tutta la sua sbarcata storia e questo Faggiano il Parma se lo deve tenere stretto stretto.
    Il giorno che andrà via retrocederemmo di sicuro.
    Se in futuro dovessi lodare ancora Faggiano son certo che Majo interverrebbe dicendo che dico sempre le stesse cose e che sono ripetitivo ma io continuerò sempre a lodare Faggiano.
    Costi quel che costi.
    Io sono un amico del Parma e di Faggiano anche se non lo conosco purtroppo personalmente.

  • 20 Gennaio 2019 in 14:23
    Permalink

    Per comprendere la grandezza di Faggiano basta solo un dato.
    L’anno scorso finimmo a pari punti col Frosinone e andammo in serie A per differenza reti negli scontri diretti.
    Ci salvò una loro autorete e se non ci fosse stata quella in A ci sarebbe,andato senza play off il Frosinone per la migliore differenza reti.
    Ora abbiamo 18 punti di vantaggio sul Frosinone.
    La differenza è il mercato di Faggiano fatto quest’estate.
    SU QUESTO NON CI PIOVE
    Avesse il Frosinone avuto Faggiano ora noi saremmo al loro posto e il Frosinone al nostro.
    Ecco perché FAGGIANO è il miglior acquisto fatto dal Parma Calcio 1913 in tutta la sua SBARBATA storia e questo Faggiano il Parma se lo deve tenere stretto stretto.
    Il giorno che andrà via retrocederemmo di sicuro.
    Se in futuro dovessi lodare ancora Faggiano son certo che Majo interverrebbe dicendo che dico sempre le stesse cose e che sono ripetitivo ma io continuerò sempre a lodare Faggiano.
    Costi quel che costi.
    Io sono un amico del Parma e di Faggiano anche se non lo conosco purtroppo personalmente.

    • 21 Gennaio 2019 in 14:48
      Permalink

      Vele 🤔… tutto questo discurso per Te … va bene…per Te
      Pero Tu hai dimenticato quelcosa in la tua logica…
      Che il Parma é Mágico….
      Sempre ( anche de le volte con molto sufriamento) va avanti forte…
      Io personalmente sono tranquilo… perche credo un Parma sempre.,.,,
      Strajé

  • 20 Gennaio 2019 in 15:38
    Permalink

    Meno male che non è mai arrivato tale Pinamonti. Imbarazzante. E lasciamo che Edera se ne vada al Real Frosinone (ricordate la corazzata dell’anno passato dove tutti i campioni volevano andare invece di venire da noi?), giocatorino da Lega Pro in stile Baraye e adatto al palcoscenico del Benito Stirpe. Complimenti anche ai ciociari per il ds Capozucca. Veramente un bel uomo. Uno che valorizza le divise del club.

  • 20 Gennaio 2019 in 17:24
    Permalink

    Commento (con un po di ritardo) la partita di Udine. La prova della squadra è stata ottima, riprendendo da dove aveva lasciato, ossia una squadra che sa soffrire, che non ha timore a lasciare la palla agli avversari e che sa aspettare il momento più giusto per colpire e fare male (il Parma tira poco in porta ma quando lo fa ha una percentuale realizzativa molto alta).
    Ovviamente quando la rosa è al completo e vi sono Gervinho ed Inglese in condizione il Parma diventa molto difficile da battere per tutte le squadre, nessuna esclusa, e se viene affrontato con un po di sufficienza (come ha fatto l’Udinese) allora sono dolori.
    Per quanto riguarda i singoli direi Gervinho devastante, Biabiany su ottimi livelli, Inglese ancora non al top (anche se si è sacrificato molto come al solito con un gran lavoro di copertura), Stulac in ripresa anche se non ancora come ad inizio campionato ed infine un pacchetto difensivo solido ed efficace con una nota di merito per Sepe, uno dei migliori portieri della serie A in questo momento.
    Per gli obiettivi ribadisco che il Parma deve pensare ad arrivare più in alto possibile (ottenendo un conseguente beneficio economico nel prossimo campionato per la spartizione dei diritti televisivi) senza però cercare necessariamente la qualificazione in Europa in quanto come ho già scritto ci sono sicuramente almeno 8/9 squadra più attrezzate.
    Per il mercato, sostituito Grassi con Kukca, penso che sia giusto cercare di portare qualche elemento da plusvalenza e costruire la rosa del futuro attorno ad un nucleo portante di veterani, vedremo cosa succederà.
    Sempre e solo forza Parma

    • 21 Gennaio 2019 in 23:40
      Permalink

      Buon análisis ……

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 20 Gennaio 2019 in 19:35
    Permalink

    Velenoso predica siccità…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI