CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / ANCHE GLI STORICI NUMERI DIFFUSI DALLA SOCIETA’ CERTIFICANO L’ITALIANITA’ DEL PARMA

gianni barone(Gianni Barone) – A campionato fermo, con il calcio mercato che comincia a scaldare i motori in attesa di mettere in moto la fiera delle vanità e dei sogni che tutti attendono, ecco che i numeri della prima parte del torneo vengono analizzati, commentati, un po’ da tutti. Ricordo che una volta le statistiche erano poco seguite: io nel mio piccolo, quando iniziavo radiofonicamente la mia avventura di cronista, cercavo timidamente di proporle, con scarso seguito e scarsi consensi. Ora invece con i tanti mezzi informatici a disposizione è tutto un proliferare di dati, numeri, statistiche che, appunto, possono anche essere considerate, anche se il più delle volte finiscono per essere dimenticate in fretta perché non forniscono spunti o idee di discussione interessanti.  A noi che stiamo conducendo una campagna un po’ impopolare (anche se si sta via via popolarizzando, grazie ai risultati dell’Ital-Parma Daversiano) sul calcio nostrano, quello italiano, che trae spunto dalla tradizione; a noi che sosteniamo che il catenaccio non è poi brutto e scandaloso, come tutti vorrebbero farci girone d'andatacredere, anzi, direi persino bello, di più bellissimo, e spettacolare; a noi salviniani del calcio, i numeri potrebbero anche venire in soccorso e salvarci dalle accuse di chi non crede, non ci crede o non ci vorrebbe credere. Un dato, direbbe il già citato vicepremier: 23 gol subiti dal PARMA, nel girone d’andata, sono – come rimarcato dallo stesso sito ufficiale del club – un record, per la squadra crociata, dalla stagione 2004/2005, da quando, cioè, il campionato è a 20 squadre: nelle ultime 11 edizioni la squadra della nostra città aveva fatto la stessa cosa solo una volta nel 2010/2011. Questo cosa vuol dire che il gioco bellissimo di D’AVERSA, da molti definito in modo diverso, paga, eccome in termini pratici, in termini di classifica e restituisce un’immagine positiva d'aversa conte faggiano foto parma todaydel lavoro svolto, grazie a quel tipo di gioco, che noi approviamo, e che invece fa storcere il naso a molti perché legato ad un modo sparagnino d’intendere il calcio che molti non vorrebbero farsi piacere. Ma noi lo abbiamo ripetuto a dismisura: quando una squadra riesce a mettere in campo una tattica difensiva efficace, ecco che tutte le etichette negative, vanno a farsi friggere e rimane intatta l’idea che un calcio semplice, verticale, anche un po’ catenacciaro, praticato bene, possa essere utile alla causa di qualsiasi squadra non necessariamente in lotta per la salvezza. Questo tipo di calcio bellissimo, lo ribadiamo, piace a Capello, Lippi, Allegri, Conte, Mourinho, allenatori vincenti, abili gestori del gruppo, non scienziati, non visionari come qualche altro loro collega è o è stato, perché dà equilibrio, sicurezza e  anche spettacolo, quando presenta rapidi capovolgimenti di fronte in manch livcampo aperto. Questo tipo di calcio, e qui lancio una provocazione storica, potrebbe anche piacere, e a tratti essere adottato anche da Santoni che hanno fatto, per anni, e continuano a fare, del calcio propositivo la loro bandiera, per aggiustare una partita o per difendere un risultato prezioso, che, se portato a termine, può riaprire le sorti di un campionato. E qui mi riallaccio all’attualità, prima giornata del 2019 Premier League, sono di fronte Liverpool di Jurgen Klopp e il Manchester City di Pep Guardiola: due grandi squadre a confronto una che ha sette punti di vantaggio, il Liverpool, che sta perdendo e l’altra, che se riesce a vincere, grazie al gol del genero o ex genero (non saprei) di MARADONA, riduce le distanze in classifica e riapre tutti i giochi del più grande campionato al mondo. Cosa succede, direte voi, di tanto eclatante, di tanto clamoroso, dopo una grande partita condotta in attacco da entrambe le squadre? Succede che il commentatore tecnico Paolo Di Canio, grande esperto di calcio inglese, nei minuti finali, quelli di recupero con la squadra, in svantaggio protesa in avanti alla ricerca del pareggio dice, testuale “Mai visto, e chi l’avrebbe detto, una squadra allenata da GUARDIOLA che fa catenaccio, si difende come una provinciale e questo paolo di caniolo dico nell’accezione positiva del termine”. Ecco il punto, l’accezione positiva del termine, quando anche un mostro sacro, fa le barricate, si può dire liberamente, che anche il catenaccio è un calcio bellissimo. Un GUARDIOLA, comunque grande, che cerca ancora il fraseggio, non più quello ossessivo e ripetuto del tiki taka prima maniera di barcelloniana memoria, che fa giocare la squadra, anche in verticale, e quando è difficoltà fa calciare lungo in avanti, portiere, e difensori,  e soprattutto, quando deve difendere, un prezioso punteggio, sa cosa bisogna fare, anche ricorrere a quel brutto atteggiamento, il cui termine, fa offendere, fa risentire anche chi ne trae fortune professionali, e che, comunque, in qualche modo, il bizzarro ed estroso ex giocatore di Juve e Lazio, convertito al calcio d’oltremanica della perfida Albione, Di  CANIO, ha a chiare lettere, voluto sdoganare per sempre. Sul nostro spazio commenti qualcuno, ha affermato che va bene il calcio pratico del PARMA, però il calcio preferito resta quello di Klopp e Guardiola (il quale, peraltro, quando giocava in Italia aveva avuto un grande maestro di catenaccio: Carletto Mazzone); ecco che tutti siamo d’accordo su di un punto: che il calcio, quello bello, va bene, fa divertire (specie se lo scrive Grossi il giorno dopo, anche se alle volte lo scrive dopo, sì, ma qualche mese, ma l’importante è che lo scriva così ci aiuta a divulgare il Credo), restituisce un volto estetico migliore, però – quando ci vuole ci vuole – quando si è alle strette un bel calcio al pallone lontano da scaraventare, metaforicamente, fuori dallo papirus ultra cholostadio, da noi fino in Piazza Garibaldi, a Manchester non saprei, è sempre la cosa ideale da fare se si vuole vincere o per lo meno per evitare di perdere. Quindi all’insegna del catenaccio, che serve, e che a volte è pure bello, ben vengano i numeri, quelli positivi dei pochi gol subiti, e quelli negativi del possesso palla, dei pochi tiri in porta, e delle molte parate fatte, tanto ci sarà sempre, lo sapete, un musico fallito un pio, un teorete, un Bertoncelli, un prete a sparare cazzate, come cantava Guccini. Intanto incassiamo tutto e non importa se il Parma gioca come l’Atletico Madrid, come sancito dallo YouTuber Papirus anche su queste colonne, poi, paro paro ripetuto da Grossi sulla Gazzetta qual che giorno dopo, o come la Dinamo Kiev del Colonnello Lobanowsky, o addirittura come il Foggia del Mago di Turi, Oronzo Pugliese, tanto giocherebbero cosi anche Klopp e Guardiola se non avessero gli AGUERO, i Firmino, i Fernandinho, i Salah, i Matè o i Sanè ? O no?  Eh? O no? Affidiamo ai numeri e a Di Canio l’ardua sentenza. Della serie “Anche i ricchi piangono e anche quel geniaccio di Guardiola fa difendere la sua squadra come una provinciale”.  Quindi BUON CATENACCIO A TUTTI. INCLUSO A CHI SI OFFENDE… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

12 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / ANCHE GLI STORICI NUMERI DIFFUSI DALLA SOCIETA’ CERTIFICANO L’ITALIANITA’ DEL PARMA

  • 5 Gennaio 2019 in 13:12
    Permalink

    e pensare che io cretino credevo avessimo avuto un presidente cinese

  • 5 Gennaio 2019 in 14:11
    Permalink

    GIANNI BARONE ha scritto. “a noi salviniani del calcio…” Accidenti che brutta metafora! Ho smesso subitodi leggerti! 🙁

    • 5 Gennaio 2019 in 15:13
      Permalink

      in effetti gervinho lo stiamo aiutando a casa sua

    • 5 Gennaio 2019 in 23:21
      Permalink

      Peccato perché si è perso davvero un bel pezzo del nostro “Vicario”.

      Lungi da lui l’intenzione di fare outing del suo pensiero politico (peraltro ci sono in giro sul web foto equivoche che lo ritraggono…): il riferimento al “salvinismo” era relativo al sostegno – puramente calcistico – alla mentalità italica, da anni abbandonata, con grave nocumento per la nostra pedata, sbattuta fuori a pedate dall’ultimo mondiale…

      • 6 Gennaio 2019 in 09:30
        Permalink

        co dit LOTITO,nocumento non si puo’ sentire dai

        • 6 Gennaio 2019 in 10:51
          Permalink

          Adoro riesumare e riproporre lessemi vintage
          Lotito è più latinista

          • 6 Gennaio 2019 in 11:27
            Permalink

            quindi caceres ce lo dara’ ad libitum ? , non creto

          • 6 Gennaio 2019 in 15:00
            Permalink

            Bisogna dimandar a Davide: è lui lo specialista dei manga lerga

          • 6 Gennaio 2019 in 18:21
            Permalink

            tranquillo ci pensa lizzy ,mandog un sms

  • 5 Gennaio 2019 in 14:11
    Permalink

    Matri al Parma. Solo se il Sassuolo troverà un sostituto. Vi prego basta. Ci sono migliaia di attaccanti. Sta storia qui ha fiaccato anche mia nonna

  • 5 Gennaio 2019 in 19:06
    Permalink

    Ma infatti dipende dall’obiettivo e dai giocatori. è una questione di intelligenza, umiltà e capacità di riconoscere i propri limiti.

  • 6 Gennaio 2019 in 14:00
    Permalink

    Matri… e dagla… a ogni campagna acquisti sta fola di Matri… sempòr…spero che arrivi solo perché così ci diamo un taglio.

    Nota: il più delle volte la campagna acquisti si risolve all’ultimo minuto e con nomi che non erano mai stati tirati in ballo. E quelli che stavano per arrivare, dati per certi, che vanno da un’altra parte.
    Ergo aspetto a fine mese per tirare le somme.

    Sull’articolo concordo in gran parte con quanto scritto, noi giochiamo con il più classico dei catenacci perchè obiettivamente non si può fare diversamente.
    Certo però che almeno due passaggi giusti a centrocampo potremmo farli…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI