CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / IL NOSTRO CALCIO E’ BELLISSIMO

gianni barone(Gianni Barone) – Credo non ci possa essere titolo migliore, se non quello da noi scelto, sulla scorta delle ultime dichiarazioni post gara del tecnico Roberto D’Aversa, che già qualche giorno prima – dopo l’inaspettata vittoria sulla Fiorentina – si era dimostrato provvido di consigli e soprattutto di idee per i vari titolisti di giornali o di siti web, i cosiddetti geniacci, allorché aveva servito, il tutto, su un suntuoso piatto d’argento, la sua affermazione “Il nostro top player è il gruppo” poi usato e abusato a dismisura, meno che dal titolista in servizio su StadioTardini.it. Ora dopo, Parma-Roma, in piena fase di incazzatura per aver subito un gol su calcio piazzato, suo pezzo forte, quasi come il filè, di piccioniana memoria, si è lasciato  andare ad una dichiarazione, non dico forte, neanche solo ottimistica o originale, in cui evidenziando tutto il suo fastidio possibile per le etichettature di catenacciaro, piovute su di lui da più parti, ha definito il suo, il nostro, o meglio quello della sua squadra “un calcio bellissimo”. Pensiero legittimo e condivisibile, che avrebbe – come sottolineato dal Direttore della Gazzetta di Parma, che di cognome fa Brambilla, in un suo fondo – fatto piacere anche ad un grande maestro d'aversa brambilladi giornalismo e di calcio all’italiana, quale Gianni Brera. Ma il punto è proprio questo: nel momento in cui il tecnico afferma la grande bellezza espressa dal gioco della sua squadra, l’accostamento, con Brera, grande e strenue assertore e cantore, del calcio all’italiana, e quindi del catenaccio, è, per sillogismo, come dargli del catenacciaro direttamente, in barba all’irritazione che il tecnico stesso aveva a chiare lettere evidenziato, per quell’etichetta a lui attribuita da soloni in servizio permanente effettivo in testate più o meno note, più o meno nobili, più o meno autorevoli. D’Aversa, prende le distanze, da un certo tipo di mentalità, da un certo tipo di filosofia, da un certo tipo di calcio, e poi si ritrova un parallelo, fatto da un autorevole direttore di giornale locale, con il massimo vate del non 2019 feltricalcio, del contropiede, della negazione del gioco manovrato. Eh no così non va, come direbbe Sandro Piccinini, telecronista mio coetaneo, ormai in pensione (lui, io ancora no), così non si può chiudere un anno fortunato e non si può iniziare quello nuovo, anche se qualcuno, sempre per rimanere in tema di direttori di giornale, come Vittorio Feltri, ha definito il 2019 come “Un ottimo anno di merda”. Ma di sicuro il buon cattivo Feltri, si riferiva ad altro, non certo alle vicende del Parma, e nemmeno al gioco della squadra Crociata, definito dal suo allenatore, come da titolo, e come da inizio pezzo, un calcio bellissimo. Eh si: noi siamo d’accordo, quello che ha fatto il Parma, nelle 7 vittorie del girone d’andata, è un gioco bellissimo, aldilà delle etichette più o meno sgradite, è un calcio vero, esemplare, semplice sin che si vuole, ma efficace al punto giusto, al punto da risultare indigesto a chi lo ha affrontato con sufficienza e con supponenza e ci riferiamo a quelle inter parma san sirosquadre e a chi le guidate, che ci hanno lasciato le penne sul campo al cospetto dei Crociati. E si tratta di squadre, se si eccettua l’INTER, di fascia alta, e l’Empoli di fascia bassa, appartenenti al ceto medio come Torino Fiorentina, Sassuolo, Cagliari, Genoa. Con le grandi, le prime otto, il Parma ha perso sette volte, mentre con le piccole, cioè le ultime sette, ha pareggiato ben quattro volte. Un andamento regolare, non tanto secondo l’ormai sepolta, media inglese, che attribuiva vittorie alle gare casalinghe e pareggio alle trasferte come base di confronto, quanto al tipo di atteggiamento tenuto e mantenuto: arrendevole con le grandi, con le dovute eccezioni vedi gara con la Juve, sicuro contro le medie un po’ presuntuosette, e in affanno perché costretto a snaturarsi con le piccole, che hanno fatto le barricate, sempre con le dovute eccezioni tipo la vittoria contro l’Empoli, quando era ancora, propositivo, cioè targato Andreazzoli. Il quale andreazzoli empoliAndreazzoli, è stato individuato, sebbene non segnalato da nessun organo di stampa, sulle tribune vip del Tardini, durante Parma-Roma, qualcuno potrebbe dire in virtù dei suoi trascorsi nella capitale ai tempi del primo Spalletti, quando, per intenderci, aveva battezzato col suo nome, Aurelio, la prodezza in dribbling originale di Rodrigo Taddei; qualcun altro potrebbe motivare la sua presenza con la possibilità, in un fantamercato prossimo a venire, di allenare a Parma, qualora D’Aversa, visti i buoni risultati, si trasferisse in una grande del torneo, tipo il Milan o Inter, in caso di insuccessi finali degli attuali titolari delle panchine meneghine. Potrebbe essere uno scenario possibile, in quanto D’AVERSA, lo abbiamo già detto – e i risultati lo confermano, ogni giorno di più – sta studiando da Allegri e da Conte, e come loro sta percorrendo, nelle varie categorie, la stessa parabola ascendente, e sebbene abbia ancora tanti detrattori qui a PARMA – qualcuno come il diesse FAGGIANO non capisce il perché – non è difficile immaginare un suo futuro professionale su di una panchina importante, e proprio come negli anni, hanno fatto proprio Allegri, d'aversa conte faggiano foto parma todaypartito da Sassuolo e Cagliari  e Conte, da Arezzo e Bari (magari smussando alcune asperità del suo carattere, in primis la permalosità, che qui gli va anche bene, visto che in pratica non c’è stampa…). Lo so questi scenari, poco interessano i tifosi, secondo la logica che quello che rimane, per la fede, sono maglia e bandiera, e non giocatori e allenatori che vanno e vengono, alcuni vengono ricordati ed altri meno o addirittura niente. E il mercato che sta per iniziare e presto irromperà, anche nelle nostre cronache, non farà altro che confermare questo dato: molti volti che hanno caratterizzato le ultime promozioni, presto cambieranno lido e aria, visto che molti di loro non possono nemmeno giocare perché fuori lista (ed è improbabile che vi tornino dentro ora). Quindi via Baraye, al Parma dalla D, via Munari, via Dezi, via Calaiò, via il richiestissimo Ceravolo, in B, insieme a Ciciretti, e pizzarotti gdpall’oggetto misterioso Da Cruz, scomparso dai radar della prima squadra e destinato ad un ritorno, fino a qualche mese fa inatteso, in patria, cioè in Olanda. Nuovi scenari, nuovi volti, per un Parma, che dopo aver superato le emergenze di stagione, dovrà pensare – se vorrà ripercorrere le orme, come affermato ieri dal Presidente Pizzarotti, dell’Atalanta nel panorama calcistico nazionale – ad un serio progetto d’investimento sul vivaio, a parole e nei primi fatti già iniziato. Non sarà facile, non sarà semplice e non sarà sicuramente rapido, perché nonostante l’ottimismo locale e nazionale, la strada intrapresa oltre ad essere lunga, sarà piena d’ostacoli. Lavorare bene sui giovani, ultimamente è riuscito a pochi, soprattutto dalle nostre parti, lentigione-parma primavera 2018 19mancano strutture e soprattutto mancano tecnici, osservatori, formatori ed istruttori all’altezza; ci sono molte scuole e molte accademie, ma molti rimpiangono la strada, l’oratorio, i fossi da saltare, e gli alberi su cui arrampicarsi per migliorare le capacità coordinative a tecniche. A volte basta poco, ma quel poco o non c’è o non viene considerato affatto o non viene addirittura mai ricercato. Ora si plaude ai vari Zaniolo (no, non Zagnoli…), che stanno per esplodere, da noi purtroppo, e parlo del Parma, non vi sono neanche quelli; tutti i prodotti del settore giovanile, ben che vada, finiscono in serie D, che in fine dei gianni-breraconti, da molti è considerata una serie A, però dei dilettanti. Sarà un calcio bellissimo, su questo non ci sono dubbi, però c’è ancora tanto da fare, da lavorare, da discutere, da incazzarsi, da non sopportare, e da avere fastidio e da essere risentiti; i fantasmi dei vari Brera e degli avi di un calcio che non c’è più e che tutti vorrebbero scordare per sempre, con buona pace di benpensanti e di maggioranze silenziose di comodo, purtroppo o per fortuna riemergono e vengono a galla non solo per compiacere o dispiacere a qualcuno che non sa, che non ricorda, e che non vuole accettare la realtà bella, anzi bellissima di un calcio tutto nostro. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

17 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / IL NOSTRO CALCIO E’ BELLISSIMO

  • 3 Gennaio 2019 in 16:10
    Permalink

    ogni scarrafone e’ bello a mamma sua (pino daniele)

  • 3 Gennaio 2019 in 17:00
    Permalink

    Ciao Assio, Auguri, Buon 2019….come stai ?
    dammi due anticipazioni dai !!!!

    Come ci piazziamo ?
    Cosa succederà ?
    Il cinese come si comporterà ?
    Lo scopriremo solo vivendo o presumi che sia già tutto scritto nei sacri testi del Vangelo secondo Velenoso ??

    ..
    sta ben lomo !!

    moro

    • 4 Gennaio 2019 in 10:05
      Permalink

      ciao Moro tut be ,grasia.

      1) campionato abbondantemente finito (sgrat)
      2) succedera’ che ci tireremo dietro i piedi fino a maggio 🙂
      3) il cinese si comportera’ come al solito cioe’ ag mandema al risulte’ via sms

      si sta come pesenti in area piccola d’autunno http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    • 4 Gennaio 2019 in 10:55
      Permalink

      Caro Moro, inviti Velenoso ad una trasmissione come opinionista (!?!?), chiedi pronostici a jdm, noto tuttologo del sito, che non ne indovina mai una da anni……..

      • 4 Gennaio 2019 in 13:18
        Permalink

        tipo quella dei ciaina ahn ? mandog un smsm adesa nador

      • 4 Gennaio 2019 in 15:53
        Permalink

        Ciao, premesso che non penso di dovermi giustificare per queste due situazioni ribadisco che

        – L’invito a Velenoso è arrivato dalla conduttrice, io ho fatto solo da tramite…;

        – Circa le due chiacchiere con Jdm era solo per sentirlo, salutarlo e fargli gli auguri: certo, ciò che pensano gli altri ( anche se fosse diverso dal mio ) fa sempre parte del confronto dei pareri, punti di vista cmnq da ascoltare anche se non vengono poi condivisi ..

        non la possiamo pensare tutti nel medesimo modo, sia nel calcio, sia per il Parma che per le altre situazioni della vita …

        ciao

        moro

        • 5 Gennaio 2019 in 11:41
          Permalink

          la principessa del distretto tutte le sere cia’ er vizioetto de porta’ gli alpini a letto

  • 3 Gennaio 2019 in 17:42
    Permalink

    Idea Mercato… Usain Bolt… perchè non ci facciamo un pensiero?

  • 3 Gennaio 2019 in 19:41
    Permalink

    A me piace il Parma guerriero, difensivo e battagliero perchè è questa la nostra realtà. Poi mi piacciono anche Liverpool, City, Barcellona e Arsenal. Ad ognuno il suo.

  • 4 Gennaio 2019 in 16:05
    Permalink

    Ciò che mi fa sorridere, a proposito di pareri diversi è che,

    su questo sito si esaltano certe “prodezze” di determinati allenatori e si “deridono” i vari Andreazzoli ed Inzaghi ( Pippo per intenderci ):

    vorrei ricordare a tutti che, il primo ( quasi Carneade perché ha fatto sempre il secondo nella Roma ) , l’hanno scorso, SERIE B, ha ammazzato il campionato con oltre 10 lunghezze sulla seconda ( noi ) unendo al bel calcio pure il risultato finale !!!

    il secondo ( Pippo ) l’anno precedente fece la medesima cosa nel campionato di Lega Pro…i punti di distacco erano + o meno 10….o giu di li….

    il primo ha mantenuto più o meno la medesima squadra
    ( comunque giocando bene ) mentre il secondo ha cambiato squadra e città…..

    i risultati PURTROPPO, CONDIZIONANO IL LAVORO, PULITO ED ONESTO, di tanti addetti ai lavori, è spesso così:

    SE VINCI SEI BRAVO ( e furbo )

    SE PERDI SEI BALORDO ( e ti esonerano )

    …. non ci sono morali, noi vogliamo il risultato subito e non teniamo conto di tantissimi fattori collegati ed influenti su quanto sopra ……

  • 4 Gennaio 2019 in 19:33
    Permalink

    Realta’ Mauro …. “SE VINCI SEI BRAVO ( e furbo )

    SE PERDI SEI BALORDO ( e ti esonerano ) ” ….
    in calcio …the law of the jungle …..
    Andiamo avanti con nostro DAversA …..
    que esta trabajando . de ” puta madre ”
    Straje’

  • 4 Gennaio 2019 in 22:26
    Permalink

    Sono i giocatori a fare le fortune degli allenatori, specie in Serie A.
    L’Empoli ha giocato molto meglio del Parma nello scontro diretto, ma Gervinho gioca per noi.
    Merito di D’Aversa è quello di essere stato super pragmatico allestendo un catenaccio estremamente proficuo sfruttando la classe superiore di due attaccanti da squadra di alta classifica.
    La difesa funziona. Il centrocampo fa molta fatica ed occorre intervenire per migliorare in qualità e sul piano fisico. La classifica consente di farlo in modo massiccio

    • 5 Gennaio 2019 in 06:56
      Permalink

      Siber….che pensi di Cigarini per noi 🤔

      • 5 Gennaio 2019 in 14:14
        Permalink

        Cigarini è sempre stato abile nelle verticalizzazioni ed ha un’ottima visione di gioco. Il Parma ha bisogno di un giocatore con le sue caratteristiche, in grado di impostare con precisione le ripartenze. Concludiamo poco in porta perché vanifichiamo molto spesso potenziali opportunità sbagliando passaggi non particolarmente complicati da eseguire

        • 5 Gennaio 2019 in 15:15
          Permalink

          ma tu sei un visionario ve che giochiamo come l’atletico madrid

        • 5 Gennaio 2019 in 15:46
          Permalink

          Penso iguale… Vediamo se viene 🤙

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI