D’AVERSA: “BARAYE HA VINTO TRE CAMPIONATI, MERITA L’OPPORTUNITA’ DI VENIRE A UDINE. CICIRETTI E’ IN USCITA, MI HA CHIESTO DI NON PARTECIPARE…” (VIDEO) / I CONVOCATI

d'aversa alla vigilia di udinese-parma(www.parmacalcio1913.com) – Concluso l’allenamento di rifinitura, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Tecnico di Collecchio, per parlare con la stampa della sfida di domani alla “Dacia Arena – Stadio Friuli” contro l’Udinese alle 18 valida per la prima di ritorno della Serie A Tim 2018/19.

Ecco le sue parole:

“La squadra arriva da un giusto periodo di stacco dopo la partita contro la Roma, poi abbiamo lavorato bene in queste due settimane, sia nelle sessioni quotidiane che nell’amichevole con il Ravenna. Siamo consapevoli del fatto che bisogna riprendere questo girone di ritorno con la stessa cattiveria e intensità con le quali abbiamo iniziato quello d’andata. Farò per quanto riguarda la formazione di domani ancora le dovute valutazioni, di certo Kucka non partirà dall’inizio poichè viene da un periodo dove per 10 giorni non si è potuto allenare per una botta al piede, dunque ha perso un po’ di continuità e ci vorrà del tempo per ritrovare la condizione fisica ottimale. Rigoni non è convocato, perchè porta ancora le conseguenze di una distorsione rimediata in allenamento la scorsa settimana”.

“Deiola? Sulla chiusura del mercato era stata fatta una scelta giusta, decidendo di finirlo stasera, poi si è deciso di prolungarlo e questo va a discapito del fatto che in mezzo ci sono le partite e ci posso essere delle problematiche; ma siamo professionisti: su Deiola si era detto potesse partire già da qualche tempo, forse addirittura prima della Fiorentina, ma a Firenze ha poi giocato titolare ed è stato tra i migliori in campo, dunque quello che devo fare io è valutare solo il campo per poi fare le dovute scelte per vincere la gara, non posso farmi influenzare dalle scelte di mercato. Finchè si appartiene a questo club, si lavora per fare bene con questo club. Tante volte si sono date per certe tante situazioni, poi a volte basta poco per cambiarle”.

“Stamattina ho parlato con Baraye, devo decidere se portarlo in panchina o in tribuna; ma credo che il ragazzo meriti questa opportunità e lui è ben contento perché ha partecipato a questa cavalcata già prima del mio arrivo vincendo tre campionatI. Ciciretti è in uscita e da persona matura quale lui è mi ha chiesto di non far parte di questa trasferta; apprezzo l’onestà, ognuno caratterialmente è fatto a modo suo”.

L’Udinese da quando è arrivato Nicola, che stimo, ha fatto 9 punti in 7 gare, vedendo la classifica ha dato equilibrio a questa squadra riuscendo a cogliere anche in casa due vittorie contro Roma e Cagliari e pareggiandone tre. Sarà una gara difficile, dove sotto l’aspetto tattico mi aspetto da parte loro un 5-3-2. Ho seguito Nicola nel suo percorso a Crotone e in quell’esperienza ha variato modo di giocare: nel girone d’andata era un gioco più bello sotto l’aspetto estetico, mentre in quello di ritorno era più pragmatico per ottenere quella salvezza miracolosa, hanno badato al sodo per portare a casa il risultato e credo che in questo momento Nicola stia allenando come quel girone di ritorno, hanno fatto cose positive e dobbiamo dunque essere consapevoli del fatto che andiamo ad affrontare una squadra con qualità importanti, la cui classifica prima non rispecchiava il valore; ma anche consapevoli del fatto che possiamo dire la nostra affrontandola con cattiveria e determinazione, cioè con lo stesso atteggiamento mostrato nel girone d’andata che ci ha permesso di fare cose importanti”.

“Loro hanno operato sul mercato prendendo un attaccante come Okaka che è molto bravo sia a livello fisico e pericoloso sui cross ma anche bravo ad attaccare sulla profondità, così come è molto veloce e potente uno come Lasagna. Dovesse giocare De Paul a centrocampo con il 5-3-2 è un giocatore molto bravo a variare per il campo oltre che bravo tecnicamente; è una squadra molto fisica con giocatori abili tecnicamente, ne abbiamo analizzato pregi e difetti. Quello che è importante è come noi interpretiamo la gara, con determinazione e cattiveria su ogni situazione che sia un contrasto o un passaggio. Bisogna fare una partita al massimo”.

“Il mercato? Il direttore sa cosa c’è o non c’è da fare, noi dobbiamo pensare alla gara di domani. Dubbi su domani? Ce ne sono diversi, Scozzarella è rientrato dall’infortunio, devo valutare il fatto che si allena solo da mercoledì con la squadra; davanti ho ampia possibilità di scelta, tra Biabiany e Siligardi ci sono anche giocatori come Sprocati e Di Gaudio che stanno facendo cose egregie. le scelte le farò all’ultimo anche in base a quanto fatto oggi, rifletterò anche sulle situazioni di palla inattiva perché credo sia una gara che possa sbloccarsi a che su quel tipo di episodi. Per come si allenano, meriterebbero tutti di giocare. Che margini di miglioramento abbiamo? Credo che nella vita non ci si debba mai accontentare, si deve cercare sempre di migliorarsi, abbiamo fatto un girone d’andata straordinario ma ho ancora ho in mente la sconfitta con la Roma nell’ultima d’andata: vorrei riprendessimo con quella rabbia post-gara e trasformarla in energia positiva domani. Calaiò? Si tratta di un giocatore in uscita”.

“La pausa lunga è un format che nasce dalla Serie B, per la A è il primo anno ma per noi è lo stesso visto che l’abbiamo provata in B la scorsa stagione. L’incognita è sempre legata al come si riprende mentalmente, poichè sono tanti giorni che non si gioca, ma è una problematica che hanno tutti, la bravura sta nel cercare di fare di tutto fin dal fischio dell’arbitro per portare a casa il risultato. Nel test come quello con il Ravenna sono rimasto molto soddisfatto perchè raramente capita di vedere una squadra che affronta una gara in quella maniera contro un’altra di due categorie inferiori; poi cambia ovviamente l’avversario, cambia il fatto che giochi fuori casa e cambia il fatto che ora le altre squadre faranno la rincorsa su di noi e nel girone di ritorno non c’è molto tempo per rimediare, dunque i punti hanno una valenza diversa”.

“Dimarco e Sierralta? Federico contro il Ravenna ha fatto 70 minuti buoni, dunque sotto l’aspetto dell’infortunio è recuperato; Francisco non lo abbiamo utilizzato per un problemino non dove si era già infortunato ma per la conseguenza di una lunga inattività ma sta migliorando ,molto. Per vederli entrambi al 100% ci vorrà tempo. Il razzismo? Su questo argomento si stanno facendo un po’ troppe polemiche, dobbiamo fare del nostro meglio rispetto al ruolo che abbiamo; noi vogliamo sempre che la partita sia un evento sportivo, si deve partire dall’educazione scolastica, non è solo una questione di stadi. Se vogliamo iniziare a cambiare, il calcio può essere un’occasione per iniziare a fare qualcosa di importante: l’unica cosa che possiamo fare è noi tenere un comportamento idoneo per fare sì che certi episodi diminuiscano anziché aumentare, senza farsi trasportare tanto dalla gara e lo dice uno che la partita la vive a 360 gradi. Ognuno sta esprimendo la propria opinione, Ancelotti ha detto il suo pensiero perchè la questione l’ha vissuto personalmente”.

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA ALLA VIGILIA DI UDINESE-PARMA

I CONVOCATI

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine della seduta di allenamento a porte chiuse sostenuta questa mattina al Centro Sportivo di Collecchio, Mister Roberto D’Aversa ha convocato per la gara contro l’Udinese, in programma domani alle 18.00 alla ”Dacia Arena” e valida per la ventesima giornata del campionato Serie A Tim 2018-2019, i seguenti 25 calciatori: 

  • Portieri: Bagheria, Frattali, Sepe;
  • Difensori: B. Alves, Bastoni, Dimarco, Gagliolo, Gazzola, Gobbi, Iacoponi, Sierralta;
  • Centrocampisti: Barillà, Deiola, Dezi, Kucka, Scozzarella, Stulac;
  • Attaccanti: Baraye, Biabiany, Ceravolo, Di Gaudio, Gervinho, Inglese, Siligardi, Sprocati.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

39 pensieri riguardo “D’AVERSA: “BARAYE HA VINTO TRE CAMPIONATI, MERITA L’OPPORTUNITA’ DI VENIRE A UDINE. CICIRETTI E’ IN USCITA, MI HA CHIESTO DI NON PARTECIPARE…” (VIDEO) / I CONVOCATI

  • 18 Gennaio 2019 in 16:45
    Permalink

    Mi fa molto piacere per baraye poi, ripeto, quello che ha fatto ciciretti quest’anno lo puo fare anche lui

  • 18 Gennaio 2019 in 17:50
    Permalink

    Io però sollevo nuovamente il problema: ci sono parecchi calciatori in partenza, è giusto convocarli e farli magari giocare ?
    Se si dovessero infortunare, gente come ceravolo di gaudio o Deiola stesso…come la mettiamo ?? Mandiamo all’ aria trattative e accordi già definiti ??

    • 18 Gennaio 2019 in 18:25
      Permalink

      Un calciatore fin che è di una squadra è di quella squadra. E le esigenze di campo vengono prima di tutto…

      • 18 Gennaio 2019 in 19:10
        Permalink

        Ed io continuo, imperterrito, ad essere contrario:

        I GIOCATORI IN PARTENZA SI LASCIANO A COLLECCHIO, se domani si infortunasse Ceravolo, Di Gaudio o DEIOLA …VEDI CHE CASINO SALTA FUORI ….una roba da dilettanti, dai la , Direttore….di casini ne abbiamo già avuti anche troppi,

        ti rimarrebbero in casa, infortunati, inutili e DA PAGARE lo stesso …..ma per favore …!!!

          • 18 Gennaio 2019 in 19:31
            Permalink

            Lei Direttore, quando si esprime in vernacolo, mi fa letteralmente impazzire, tipo la Rosy !!!

          • 18 Gennaio 2019 in 19:46
            Permalink

            zugot con la zeta ,se no al pera cal faga da magner

          • 18 Gennaio 2019 in 21:06
            Permalink

            E due…

        • 18 Gennaio 2019 in 19:18
          Permalink

          Probabilmente non sono così certe le uscite. Non a caso Ciciretti non è convocato.
          Probabilmente sono tutti giocatori che vanno quando si hanno i sostituti, altrimenti rimangono e giocano quando servono.
          Questa è la mia impressione.

  • 18 Gennaio 2019 in 17:51
    Permalink

    Forza IVO…. se l’è meritata questa chance…. speriamo lo faccia entrare e per vederlo giocare un po…. scommetto che farà bene…. del resto chi avrebbe scommesso sulle buone prestazioni di Iacoponi Barillà Scozzarrella ad inizio campionato… anche lui ci sorprenderà in positivo….

    • 18 Gennaio 2019 in 18:24
      Permalink

      Attenzione, però, che D’Aversa ha detto di non sapere ancora se lo porterà in panchina o in tribuna: per cui può anche darsi che faccia solo una gita in Friuli, anche se sarebbe veramente una storia da libro cuore se potesse entrare…

      Peraltro a Melli, l’anno della D, ricordo perfettamente che gli feci l’esempio di Baraye come calciatore che avrebbe potuto arrivare col Parma sino in serie A (io romanticamente speravo anche altri, ma lui mi prese per pazzo… Location dell’aneddoto: un noto ristorante nei pressi dei Boschi di Carrega, per festa del Parma Club Collecchio)….

      • 18 Gennaio 2019 in 19:27
        Permalink

        Se, per OMAGGIARLO DI UNA GRATIFICAZIONE, UNA TANTUM, lo si vuole fare esordire in Serie A, capisco ed apprezzerei il gesto, magnanimo da parte della Società: se si fosse creduto in lui, ad agosto, si doveva inserire in lista, ergo, lui non è ritenuto da Serie A e, su questo sono d’accordo !!!

        Purtroppo, il SENZA CUORE ha coinvolto pure il sottoscritto, non bisogna affezionarsi ai calciatori, ai tecnici ma , SOLAMENTE AGLI UOMINI, che, NONOSTANTE LE CATEGORIE, I GOL ED I TROFEI, vanno stimati, ricordati ed apprezzati.

        punto

        • 18 Gennaio 2019 in 19:32
          Permalink

          Abbiamo visto certe sorprese in serie A (dove, anche se non tutti la pensano come me, non è che ci siano chissà quali valori, a parte le grandissime) per cui Yves potrebbe anche dire la sua, considerate le qualità che ha. Il fatto che non ci abbiano creduto ad Agosto non significa che non ci possano credere (anche se ne dubito) a gennaio… Fatto sta che sarebbe una bellissima storia simbolica se – magari prima di salutare – potesse giocare uno spezzone di gara A ed diventare un “come lui nessuno mai”… Se questo, logicamente, in qualche modo rientra nella testa dell’allenatore il quale ha – unico, al di là del nostro cicaleccio – le responsabilità delle scelte che fa

        • 18 Gennaio 2019 in 19:34
          Permalink

          P.S. : La lista, come ben sai, è circoscritta e tiranna e chi è chiamato a fare scelte, le fa. Magari non sempre tutte le ciambelle riescono col buco e questo è un altro discorso, ma adesso, visto che la lista è provvisoria e non definitiva, appunto si può anche fare una tantum una scelta di cuore

          • 18 Gennaio 2019 in 20:14
            Permalink

            Si, certo, limitatamente a questo ” simbolo, proprio da libro cuore”, ( anche se la Dirigenza non cambierà parere oggi rispetto ad agosto )
            sono e sarei sicuramente d’accordo per dare ad Yves un riconoscimento per ciò che lui, insieme ai suoi iniziali compagni ( tutti, nessuno escluso ), ultimo, ma non ultimo, il CAPITANO, ALEggenda, …
            HA DATO E CONTRIBUITO…
            ma …giustamente, le categorie ci sono apposta per delineare le capaccità dei giocatori e, solitamente dicono la verità sui valori:

            succede poi, a volte , che ci possano essere situazioni anomale, vuoi la testa del giocatore, vuoi il “procuratore”, vuoi il fattore X FACTOR, fortuna, culo, opportunità, cogli l’attimo ….
            ci sono molte variabili

            …domani a Udine si vince …seeeeeeee

      • 18 Gennaio 2019 in 20:38
        Permalink

        Baraye in lista può starci benissimo, le motivazioni non gli mancano di certo. Lo stesso vale per Dezi. Sono due giocatori di proprietà e sarebbe bene farli giocare per valorizzarli. Va data loro una chance.
        Non si è ancora dibattuto sul sito della rescissione contrattuale intercorsa con Zommers. Un epilogo triste perché aveva fatto vedere di poter diventare un buon portiere

        • 18 Gennaio 2019 in 21:52
          Permalink

          Condivido. Inoltre Baraye potrebbe eguagliare il record di Lucarelli, gol in A, B, C, D.

  • 18 Gennaio 2019 in 19:14
    Permalink

    E’ sempre la solita storia del cavolo, il mercato doveva chiudere oggi, giorno prima della ripresa del campionato: NO, PER CHI DECIDE ERA TROPPO FACILE E BEN FATTO, MEGLIO PROCURARE ALTRE PROBLEMATICHE , OGGI TIZIO GIOCA CON ME E FRA UNA SETTIMANA GIOCA CON LA SPAL…al Tardini
    ma siamo solo ridicoli …con queste cavolate ..!!
    cambino mestiere certi dirigenti del calcio…
    incompetenti, politicizzati e ….bla bla bla
    cavolo

  • 18 Gennaio 2019 in 19:22
    Permalink

    No, non gioco io e non pago io ma, sicuramente, con educazione e gentilezza, posso esternare le situazioni che non mi piacciono…
    RIPETO, QUESTA NON E’ LA CORRIDA, dilettanti allo sbaraglio, questa è la Serie A: abbiamo già pagato in abbondanza, sia giocatori infortunati, sia giocatori rimasti in casa ( a fronte di contratti “principeschi” per la categoria di appartenenza, dalla Serie C in avanti si intende )…e sia, MOLTO PROBABILMENTE, SENZA SAPERLO CON CERTEZZA, GRAN PARTE DI COLORO CHE SONO ANDATI IN PRESTITO …..Ne vogliamo disquisire ??
    ..
    io faccio l’appassionato, certe volte opinionista ma, quando sono chiamato in causa, per quanto mi è dato di sapere, cerco di ragionare con la mia testa, anche se NON PAGO DI TASCA MIA ….
    poi ..se va bene alla Società…meglio così..
    io non sfiderei troppo la sorte …che già ci ha dato giù di brutto …e non poco…
    poi…vedete voi

    • 18 Gennaio 2019 in 19:28
      Permalink

      Appunto siccome non è la corrida, e siamo in serie A e non in serie D ci sono allenatori e dirigenti che se la sono guadagnata sul campo che hanno tutto il diritto di fare le convocazioni che vogliono, assumendosi la responsabilità della propria condotta, senza che ci mettiamo qui a fare i vecchietti che guardano il cantiere…

  • 18 Gennaio 2019 in 19:51
    Permalink

    Perfetto, ho capito !!

    Cercherò di spiegarmi meglio, visto che non sono stato “afferrato”:

    domani, al 20° entra il calciatore BIRILLO per il quale c’è già un accordo definitivo con la società BELLA FIDENZA: Birillo, acquistato l’anno scorso ad un prezzo elevato, contrattualizzato pluriennalmente con stIpendio loro, pure esso elevato, SI SPACCA :
    ….come la mettiamo ?

    INSISTO SULL’ARGOMENTO perché queste, indipendentemente dai meriti e traguardi raggiunti, sia dai Dirigenti, sia dallo Staff Tecnico, sia dai giocatori, DIVENTANO AUTORETI NEL MOMENTO IN CUI SUCCEDE IL PATATRAC ..

    ..abbiamo un tot di giocatori, forse non di categoria, forse perché non hanno dato risposte pari alle aspettative, DA SFOLTIRE ( lo so perfettamente che è brutto a dirsi ma…se c’è da far legna si fa )….nel momento in cui dovessero RIMANERE IN CASA …….chiudo qui la mia opinione …
    non mi serve replica…
    IO LA PENSO COSI’….e mi pare di essere supportato dalla razionalità del concetto ….

    dalla panchina lato Edicola, di fronte all’Ennio, sono qui con Pepen, Carlen, Gigen, Tolen e, ovviamente, Pavlen

    stia bene Direttore, ha visto che i miei collaboratori la seguono anche al cinema ??

    • 18 Gennaio 2019 in 21:26
      Permalink

      Ci pensi Morosky se Baraye entra
      segnando magari il gol della vittoria?
      E se così fosse,
      lo venderesti ancora?
      Penso proprio di no.
      Mi metto nei panni di Baraye per cui
      ora non n sono.piu VELENOSO ma,Baraye
      Vengo chiamato dal Mister a una mezz’ora dalla fine.
      Debutto in serie A, faccio una MEGA PARTITA
      È L’OCCASIONE DELLA V MIA VITA
      perché chissà se mai mi capiterà ancora
      l’occasione di giocare ancora in serie A.
      Do tutto me stesso anzi do di più.
      DO QUELLO CHE NON HO MAI DATO.
      Entro sullo 0-0 e segno il gol vittoria giocando da Dio.
      E adesso vendetemi pure….se volete INDEBOLIRVI.
      Capito Morosky?
      Bravo D’Aversa
      Volete il mio pronostico?
      Non so come finirà la cv partita ma
      se entra a mezz’ora dalla fine Baraye segna un gol.
      SICURO.

  • 18 Gennaio 2019 in 19:59
    Permalink

    campagna pro Baraye “Ivo deve giocare!”

  • 18 Gennaio 2019 in 20:01
    Permalink

    Scusi Direttore,
    come mai non è stato convocato Gianni Munari ??
    Lei ha notizie in merito ?

  • 18 Gennaio 2019 in 20:14
    Permalink

    Grande mister su Baraye. Merita minuti n A per chiudere uno splendido cerchio.

  • 18 Gennaio 2019 in 20:21
    Permalink

    -lazard + hazard, forti sti cinesi de

  • 18 Gennaio 2019 in 20:25
    Permalink

    Io ho “parlato” molto con Yves, dalla Serie D in avanti: egli è un ragazzo educato, umile, modesto e, comunque, UN BUON GIOCATORE : dal mio punto di vista può giocare tranquillamente in Serie C e, in una fascia media di Serie B…

    classe 1992: va per i 27 anni, c’è da aggiungere che ha già avuto le sue abbondanti chances, anche a livello di Serie A, ha giocato in Serie B giovanissimo ma, forse, NON SO PER QUALI MOTIVI, non è riuscito ad ESPLODERE IN MODO DIROMPENTE ….
    …non credo che sia un caso, 1 su 1000 ce la fa, ma, appunto, ci sono le varie categorie in cui potere esprimere il proprio valore e talento ..
    auguri Yves Bertrand
    Moro

    • 18 Gennaio 2019 in 23:43
      Permalink

      Non sono d’accordo con te Morosky.
      Baraye per me può giocare
      tranquillamente in serie A
      In serie A non l’abbiamo mai visto
      Non ha mai giocato
      Non lo abbiamo mai provato
      e allora come fai a dire che è
      un giocatore da serie inferiori?
      Lo pensi tu, non certamente io.
      Barilla’ l’anno scorso a vederlo giocare ti
      cascavano le braccia eppure ora in serie,A
      si trova nettamente meglio ed è
      sempre tra i migliori.
      È LA SUA CATEGORIA.
      La sua categoria non era
      certamente la cadetteria.
      Potrebbe essere così anche per Baraye.
      In A potrebbe essere una rivelazione.
      A Udine potrebbe essere decisivo.
      Com fai a dire il contrario?
      Facciamolo giocare
      e poi giudichiamolo.
      NON PRIMA
      Ad ogni modo
      GRANDE D’AVERSA
      Baraye meritava di debuttare
      in serie A.
      Su questo non ci piove.

  • 18 Gennaio 2019 in 21:25
    Permalink

    D’AversA ….
    Cuando hay padron no manda marinero ..

  • 18 Gennaio 2019 in 22:33
    Permalink

    Ma sto cinese allora i soldi li ha…adesso.glie ne chiedono 3
    5 e ne tira fuori 7 e rivuole la società! Ma come stanno le cose veramente?

    • 18 Gennaio 2019 in 22:48
      Permalink

      lo scopriremo solo vivendo…

      Comunque esistono dei tempi che debbono essere rispettati, e alle volte non è sufficiente intervenire fuori tempo massimo.

      In ogni caso, ora, non è il tempo delle congetture, dei se e dei ma.

      La proprietà parmigiana ha deciso di intervenire per sopperire alle carenze della proprietà cinese, che comunque aveva contributo – parecchio – con le risorse immesse al raggiungimento degli obiettivi raggiunti.

      Ci sarà un giudizio a Giugno che è lontano sei mesi, inutile scervellarsi prima. Nuovo Inizio è sicuro del fatto suo, così come i cinesi era evidente che non potevano rimetterci i 18 milioni messi prima senza battere ciglio. Ma questa partita, come dicevo, sarà giocata avanti, prima c’è tutto il girone di ritorno che dovrebbe essere quelloc he dovrebbe più affascinare i tifosi Crociati.

  • 18 Gennaio 2019 in 22:41
    Permalink

    CICIRETTI NON TI HO MAI POTUTO VEDERE.GO HOME.ERA ORA.

  • 19 Gennaio 2019 in 11:52
    Permalink

    I cinesi non sono poi così sprovveduti….

    In bocca al lupo…Direttore….ci saranno tempi duri…

    • 19 Gennaio 2019 in 12:03
      Permalink

      Preferisco evitare commenti sui cinesi che comunque restano soci del Parma, al di là del fatto che diverse loro mosse mi lasciano perplesso, inclusa la gazza tra mediatica (perché solo di questo trattasi).
      Tempi duri? Non direi. Comunque ne ho passate di ogni nel passato, sicché sono forgiato per qualsiasi tipo di problematica si possa prospettare, pur non intravedendo nulla di che all’orizzonte…

    • 19 Gennaio 2019 in 14:32
      Permalink

      Non sono sprovveduti? Non credo nemmeno siano delle aquile, con la loro mossa hanno confermato le loro inadempienze e che la favola degli impedimenti politici era una favola, hanno depositato i quattrini fuori tempo massimo, accorgendosi che il Parma non è il Granada.

  • 19 Gennaio 2019 in 12:52
    Permalink

    a si sono soci ? io pensavo fossero i proprietari ,infatti si e’ vista la mano di cordon

  • 19 Gennaio 2019 in 15:52
    Permalink

    I cinesi…ma chi sa che siano cinesi?A parte un tizio che non parlava nemmeno in inglese e vestito come un usciere di un condominio non abbiamo mai visto nessuno. Che non siano aquile penso sia assodato ma nemmeno aquile sono stati quelli che li hanno fatto accomodare al tavolo. In ogni caso non possono fare nulla e non hanno nemmeno la forza di fare nulla visto che se non era per i pramsan saremmo a giocare il derby in serie D stante che gli pseudo mandarino non erano nemmeno in grado di versare le fideiussioni per l’iscrizione alla Serie A. Queste mosse ridicole sono quelle della disperazione del poveraccio che ha sputtanato i soldi che qualcuno gli aveva affidato con l’intento di farli rendere sulla pelle del Parma. Chiaramente il padrone del vapore che si è visto fumare i soldi dal sartino mal vestito sarà un po’ incazzato. E come ho già detto laggiù i metodi non sono propriamente urbani. Quindi mando un saluto all’ ex presidente perché prevedo per lui tempi grami…le galere cinesi non sono molto confortevoli dicono.

  • 19 Gennaio 2019 in 19:56
    Permalink

    Davide avranno dormito, ma piocioni non lo sono proprio.
    I circa venti milionicini versati non sono briciole…
    Ripeto non sono per nulla tranquillo…staremo a vedere
    le prossime mosse…ti consiglio qualche goccia di lexotan…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI