KUCKA SI PRESENTA: “DIMOSTRERO’ CHE NON E’ STATO SBAGLIATO SCEGLIERMI”. IL PRES PIZZAROTTI: “IL SUO ARRIVO VUOL DIRE CHE NON CI SEDIAMO SUGLI ALLORI”

(www.parmacalcio1913.com) – Nella sala stampa del Centro Tecnico di Collecchio è stato il giorno della presentazione alla stampa di Juraj Kucka, nuovo centrocampista del Parma Calcio. Il giocatore sloveno ha parlato in conferenza stampa, preceduto da una introduzione del presidente del Parma Calcio, Pietro Pizzarotti.

“C’era bisogno di tornare sul mercato dopo l’infortunio di Grassi: abbiamo visto che c’era una mezzala molto importante come Juraj e abbiamo colto l’occasione. Siamo molto contenti che sia qui: noi abbiamo voluto molto lui e lui ha voluto molto noi. Il mercato di gennaio è rappresentato da Kucka; tutti gli altri eventuali arrivi saranno giocatori pronti a giocare subito ma saranno anche visti in ottica futura, giocatori di proprietà e che allo stesso tempo possano ringiovanire la rosa. Stiamo cercando in questo senso di lanciare uno sguardo anche al futuro”, ha esordito Pizzarotti.

kuco-10“Nonostante i 25 punti, non siamo tranquilli, la salvezza è ancora da conquistare. L’acquisto di una mezzala forte come Kucka fa capire che non abbiamo alcuna intenzione di sederci sugli allori, siamo sul pezzo e sappiamo che ci sarà ancora da lottare molto. Volevo ringraziare il procuratore e l’intermediario di Kucka per questa trattativa, hanno fatto un grande lavoro”, 
ha concluso il presidente crociato.

Quindi è stato il turno di Kucka“Volevo ringraziare molto il Presidente, spero di poter dimostrare in campo che la società non si è sbagliata. L’Italia è la mia seconda casa, di Parma mi hanno parlato solo bene sia della città che del club; conto di dare una mano per centrare gli obiettivi della squadra. Volevo tornare in Italia, di questo calcio non posso parlare male, sono quindi stato contento quando è arrivata questa offerta. Combattiamo, voglio combattere, non sarà facile: l’attuale posizione di classifica del Parma non è male, se facciamo bene spero che si possa finire in una posizione ancora migliore”.

“Se giocherò già a Udine? Sarò disponibile, ma non credo dall’inizio, ho avuto qualche problema fisico e in Turchia avevo rimediato una botta in allenamento ma poi mi sono messo a posto, devo riprendere la condizione fisica ottimale. Se il calcio italiano è peggiorato? Non posso dirlo con certezza, visto che ho passato l’ultimo anno e mezzo in Turchia. Di questo gruppo conosco già Calaiò, abbiamo giocato assieme a Genova, dove ho conosciuto anche Rigoni sebbene io stessi partendo e lui era appena arrivato”, ha proseguito Kucka.

kuco-13La mia posizione ideale? Destro o sinistro da mezzala va bene, anche dietro è un ruolo che ho già ricoperto, ma in passato ho anche fatto il terzino al Milan o l’esterno offensivo al Genoa, cerco sempre di dare il 100%. Al momento ho fatto un solo allenamento con la squadra, ci sono bravi giocatori ma li devo conoscere ancora bene, ci vuole tempo per conoscere compagni e staff. Con D’Aversa mi ero già sentito al telefono una volta, mi aveva detto che gli sarebbe piaciuto avermi qui, mi ha spiegato come gioca il Parma e in che ruolo mi vede lui. La responsabilità? La sento, mi è stata data la possibilità di tornare in Italia,voglio dimostrare in campo che il Parma non ha sbagliato, darò sempre il massimo per lottare per la maglia. Perchè Kuco sulla maglia? Semplicemente è un diminutivo di Kucka, anche mio padre e i miei fratelli si chiamano così, condividiamo il soprannome”.

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DI JURAJ KUCKA CON IL PRESIDENTE PIZZAROTTI

Stadio Tardini

Stadio Tardini

15 pensieri riguardo “KUCKA SI PRESENTA: “DIMOSTRERO’ CHE NON E’ STATO SBAGLIATO SCEGLIERMI”. IL PRES PIZZAROTTI: “IL SUO ARRIVO VUOL DIRE CHE NON CI SEDIAMO SUGLI ALLORI”

  • 16 Gennaio 2019 in 18:47
    Permalink

    Grazie Presi ….. and Welcome Kucka …..
    Magico Parma …
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 16 Gennaio 2019 in 23:09
    Permalink

    Buon giocatore ed ottimo acquisto, ma temo che dovrà rimettersi un pó in condizione prima di essere presentabile….sembra gonfio!

  • 17 Gennaio 2019 in 00:38
    Permalink

    *slovacco. Comunque benvenuto.

  • 17 Gennaio 2019 in 08:03
    Permalink

    Premessa col se (dubitativo):

    – se Kuko è lo stesso

    ( fisicamente parlando, senza problematiche fisiche )

    di due anni fa, è un gran giocatore, da fascia alta;
    credo che, con 10 giorni di preparazione per riallinearsi ai ritmi, ai metodi e all’intensità del campionato italiano, questo ragazzo, ci darà grandi soddisfazioni con la sua vigoria fisica, con la tecnica e pure come incursore tra le linee: tutto dipende dalla sua integrità fisica e dal metodo di allenamento:
    IL GIOCATORE C’E’ , garantito Morosky

    • 17 Gennaio 2019 in 13:29
      Permalink

      🤙……
      Queste parole per me “ va da misa “
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif
      Strajé

  • 17 Gennaio 2019 in 13:36
    Permalink

    Tranquillo morosky, anche se fosse integro ci pensa poi il mister a metterlo KO

  • 17 Gennaio 2019 in 14:45
    Permalink

    Dissento alla grande,

    – anche se non sono un grandissimo estimatore del modo di far giocare la squadra da parte del Mister : c’è da dire che la fa giocare con le risorse a disposizione, 3 ottimi giocatori e tanti altri che, o arrivano dalla Serie B, o esordienti o figure professionali di livello normale, onesti pedatori di categoria che hanno fatto, quasi tutti, la loro parte ( e coloro che non l’hanno fatta credo che stiano per salutarci presto ) ..

    non è sicuramente il Mister, nè il campo e neppure il preparatore atletico che provocano infortuni traumatici, strappi, distorsioni e/o altri infortuni particolari ….

    ci sono calciatori che hanno fasce muscolari particolarmente delicate e che soffrono + di altri determinate sollecitazioni , tipo Ciciretti, Gervinho, Biabiany e forse, pure Ceravolo ..

    spesso ci si è messa anche la malasorte da dare il proprio contributo negativo , sbaglio ??

    moro

  • 17 Gennaio 2019 in 15:47
    Permalink

    Let us be positive …. at least for me …
    Parma sempre per mi stupisce ….
    We are all existencialisti …we take with us our personal histories ..and interpret what we have in front of us … it is easier for some to cry ..or to think small…..it is their nature …. I am not personally afraid …I think big for Parma …
    I accept this with respect and humilta’ ….
    Se Io …ogni tanto ….faccio un ” Clickbait ” …Rocky Marciano e’ per un ragione …
    Parma ….sempre rinde …con sufriamento etc …pero sempre rinde ..
    My experiance with this Magic Team which is now called ..
    Parma Calcio 1913
    Forsa Paerma
    Straje

    • 17 Gennaio 2019 in 19:40
      Permalink

      Two more days until “ Calcio Giocato “
      Vamos… un partido vale mas que 1000 palabras…
      Se no capisci Vele… entonces Google traduzione…
      Forsa Paerma
      Strajé

  • 17 Gennaio 2019 in 19:38
    Permalink

    Morosky, ricordi in passato una serie di infortuni come quella dei Parma degli ultimi due anni? Reiterati tra l altro? Io francamente no… Solo un caso? Libero di crederlo per carità, ma per me no. L comune denominatore si chiama d aversa, sono cambiati i preparatori e i medici, ma gli infortuni ci sono sempre e comunque. Io alla sfortuna non ci credo, mi spiace

  • 17 Gennaio 2019 in 19:56
    Permalink

    infatti ha voluto kucka perché e’ slovacco invece la fortuna e’ ceka,ne prendesse una

  • 17 Gennaio 2019 in 21:45
    Permalink

    Arriva diabate?

  • 17 Gennaio 2019 in 22:09
    Permalink

    Rispetto tutti voi ma, non si faccia del “terrorismo” sul tema infortuni anche se, in certi periodi, ho, pure io, ironizzato sull’argomento …ma, l’allenatore è, sicuramente, proprio l’ultimo ad essere dovuto chiamare in causa …

  • 18 Gennaio 2019 in 09:45
    Permalink

    Carissimi, come ho già avuto modo di scrivere gli infortuni dipendono anche e soprattutto (oltre che dalla sorte) dalla qualità fisica del giocatore, che fa parte della qualità complessiva e quindi del prezzo dell’atleta. Ronaldo non si infortuna mai, Ciciretti, Scozzarella e Ceravolo sempre. Non è un caso. D’Aversa non c’entra una benedetta mazza, anzi come disse Sepe la preparazione del Parma è in grado di dare un quid in più a gente oggettivamente scarsa. Negli ultimi anni gli infortuni sono stati molto perchè la qualità media dei giocatori/atleti era scarsa rispetto a quelli a cui in passato eravamo abituati.

  • 18 Gennaio 2019 in 09:50
    Permalink

    Sensini, Baggio, Couto, Thuram, Cannavaro, Chiesa, Crespo (giocatore, dirigente/mediatore non voglio nemmeno nominarlo) ve li ricordate mai e dico mai infortunati nonostante campionato, coppe europee, coppa Italia e rispettive nazionali? Cicirotto, Scozzarella, Ceravolo giocano una partita ogni morte di papa e ien sempar rot.

I commenti sono chiusi.