CARMINA PARMA, di Luca Savarese / Quattro babà spazzano via troppo facilmente il Parma… Adesso urge riflettere un po’…

Luca Savarese(Luca Savarese) – Il Napoli che arrivava a Parma era reduce dallo zero a zero di Torino e dal due a zero in Europa League contro lo Zurigo. Quello che torna in Campania, si è mangiato il Parma come fosse un babà morbido e zuppo di Rhum, troppo inconsistente, che quasi si scioglie in bocca. Tre gol al San Paolo, quattro al Tardini. Milik e soci contro i crociati, tra andata e ritorno hanno fatto razzie, ribadendo, a lettere infuocate, la loro enorme padronanza tecnica. Sarri non c’è più, ma la sua rivoluzione continua anche con Ancelotti, che ha, dal canto suo, fatto una cosa che il mister toscano non faceva: mettere Milik al centro dell’attacco, come fece con Sheva al Milan e con Benzema al Real. Infatti dei 7 centri rifilati dagli azzurri al Parma, ben 4 portano la firma del forte numero 99 polacco. Prima che Piatek fosse, Milik era. Certo non è arrivato nel bel paese con le stimmate del predestinato e nemmeno riempendo gli occhi e le reti, ma effetto diesel, ora è uno dei punteri più completi. Un cecchino, uno che è il solo, ma con la buona compagnia di Messi, ad aver segnato nei rispettivi campionati tre punizioni dirette. Un bomber vero insomma, uno che non solo sente la porta ma la vede, la annusa, la gusta, la tocca, in perfetta sinestesia col gol. Uno che il Parma, non ha. Inglese? E’ un puntero, vero, ma ha anche la poca continuità per essere uno, sul cui killer instinct, scommettere ciecamente e per più gare. Non a caso, il Napoli, lo ha parcheggiato nel ducato senza arruolarlo subito nella propria rosa. Gervinho? Il suo arrosto improvviso è tra i più prelibati del torneo, si ma quanto fumo nelle giornate no. Cercasi un attaccante, uno che la butti dentro. Inter, Cagliari ed ora Napoli. Gol presi? 7 Gol fatti? 1, con un centrocampista, Juraj Kucka. Non proprio un attacco da bocche da fuoco. Ma se le cose davanti non vanno bene, nelle terre di mezzo, per i ducali, vanno peggio. I duelli tra Machin e Rigoni contro Allan e Zielinski, a tratti, sono risultati impietosi. Josè Machin era al suo esordio in massima serie. Gettarlo nella mischia contro una macchin(a) che gioca a memoria, qual’è il Napoli, è parso come mandare un piccolo ghepardo in mezzo ad un branco di lupi. I ragazzi di Carletto hanno completato 593 passaggi, quelli di D’Aversa 250. Non è riuscita, la squadra, a far nemmeno un gol. L’unico, lo ha fatto mister D’Aversa quando, ad inizio ripresa, ha cambiato il modulo, passando dal 4-3-3 al 3-4-3. Mossa che non ha pagato ma comunque apprezzabile. Il 4-3-3 e tutti i suoi dictat, come l’aspettare statico ed il ripartire subitaneo, le palle inattive e compagnia briscola, sanno dare tanto ma sanno al contempo togliere parecchie energie. Al di là di elucubrazioni tattiche, è però innegabile una cosa. Quando giochi contro il Napoli, questo Napoli, più leggero mentalmente dell’ultima sarriana edizione, più libero d’inventare, certo sai che sarà dura ma fai di tutto per renderla, nell’atteggiamento, nelle motivazioni, nella forza interiore, meno parma napoli saluti finaliimpraticabile. Il Kilimangiaro è arduo da scalare per tutti, ma se provi a scalarlo con le infradito, allora fai una bruttissima fine. Una differenza tra il Parma, pieno di cazzimma della prima parte di stagione e questo, languido come una foglia ungarettiana? Prendere la partita casalinga con la Juve per credere: alla fine ha perso ma ci ha messo ogni goccia che aveva in corpo ed ogni forza che aveva dentro. Di questa mentalità, contro i partenopei, nemmeno l’ombra. Ma un progressivo irretirsi ed estraniarsi dai giochi. Piccola postilla finale: il mercato di gennaio spesso risulta un tritatutto. Ciciretti, finito all’Ascoli, era davvero meno meritevole di serie A che Schiappacasse? Alle prossime sfide, l’ardua sentenza. Luca Savarese

Stadio Tardini

Stadio Tardini

27 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / Quattro babà spazzano via troppo facilmente il Parma… Adesso urge riflettere un po’…

  • 25 Febbraio 2019 in 00:24
    Permalink

    Finita la benza fisica e mentale, siamo rimasti a nudo per quello che siamo: la squadra più scarsa della A. Sarà dura salvarsi.

    • 25 Febbraio 2019 in 11:38
      Permalink

      Il Bologna ha ora un calendario favorevole
      Verso la fine di aprile ci sarà
      l’aggancioa m a tranquilli
      abbiamo.nelle ultime due partite
      la Fiorentina in casa con la quale
      vinceremo facilmente anche con
      le riserve e la Roma.all’ olimpico con cui faremo di questa
      un solo boccone.
      😈 😈 😈 😈

  • 25 Febbraio 2019 in 08:15
    Permalink

    banderuole al vento ,francamente me ne infischio ,dei vostri giudizi ad minchiam pre e post botte di culo

  • 25 Febbraio 2019 in 08:23
    Permalink

    Caro Luca, tutti i lunedì devo leggere questo disfattismo generale.
    Ok abbiamo perso male, ma non ne farei una tragedia.
    Perdere con il Napoli ci sta, 0-1, 0-2, 0-4 non importa.
    Abbiamo perso con la squadra che gioca meglio in Italia e la 2° in classifica generale.
    L’Empoli ha perso 3-0 a Milano con il Milan e ad oggi ha 21 punti in classifica.
    Eppure trovate sempre il modo di dire che sono più forti, che giocano meglio, però sono sempre dietro di 8 punti e nel girone di ritorno, rispetto a noi ne hanno guadagnato 1 PUNTO CARO LUCA 1 PUNTO.
    E noi abbiamo già giocato con JUVENTUS, INTER E NAPOLI.
    Loro con LAZIO E MILAN.
    Ragiona prima di parlare.
    CI HANNO ROSICCHIATO SOLAMENTE UN PUNTO.
    E NOI STIAMO SI GIOCANDO MALUCCIO MA NON PERDIAMO PUNTI.
    PRIMA O POI RIPRENDEREMO IL NOSTRO CAMMINO.
    ALLORA TUTTI SUL CARRO DEL VINCITORE.
    BENE, MOLTO BENE I BOYS.
    UN GRANDE APPLAUSO PER IL TIFO DI IERI.

  • 25 Febbraio 2019 in 08:31
    Permalink

    Aggiungerei anche il BOLOGNA.
    Ad oggi CI HA ROSICCHIATO 1 PUNTO E TUTTI A DIRE CHE SONO IN RIPRESA.
    LORO HANNO GIOCATO CON INTER, ROMA E JUVENTUS.
    NOI, LO RIPETO, CON INTER, NAPOLI E JUVENTUS.
    Quindi attenti a dire siamo retrocessi.
    NON TI CAPISCO LUCA.
    GIOCHEREMO ANCHE MALE, ma forse non vedi le altre squadre.
    Se l’Empoli o il Bologna fossero così in ripresa sarebbero già a 26-27 punti.
    INVECE GUARDA A CASO HANNO GUADAGNATO 1 PUNTO AL PARMA.
    Poi attenti alla condizione fisica.
    Queste squadre che stanno così bene, e, a dire il vero, vedo che corrono davvero tanto, voglio vedere se reggono tutto il girone di ritorno ai ritmi visti nelle ultime partite.
    Penso che noi a breve saremo più in palla di queste squadre che stanno spingendo al massimo ma che non si sa se reggeranno fino alla fine.
    Ed in ogni caso non stanno guadagnando punti.
    Poi ne riparleremo in seguito, visto che siete tutti dei fenomeni a dire che retrocederemo.

    • 25 Febbraio 2019 in 13:15
      Permalink

      D’accordissimo con te su tutto, avevo anche pronosticato il filotto di sconfitte e che le distanze sarebbero rimaste praticamente immutate. E ci sta pure il calo fisiologico di mezza stagione a livello fisico. Rimane il fatto che l’approccio alla partita di ieri a livello mentale è stato inaccettabile e proprio contro il Napoli due su due allo stesso modo…va be’ senza stare lì a tirare fuori il solito “ricordiamoci dove eravamo tre anni fa”, che francamente ha fiaccato anche me, è pur vero che squadra e società possono vantare ancora qualche credito….però adesso muoviamoci e ripartiamo .

  • 25 Febbraio 2019 in 08:32
    Permalink

    Anche stasera a Bar Sport tarallucci e vino, tanto vinciamo la prossima?? Ragazzi qui stiamo affondando e nessuno ci mette la faccia….. dov’e la società????? Quarta sconfitta nelle ultime 5, se continuiamo di questo passo andiamo in B sparati….. La gente è stanca di questo allenatore nessuno ha il coraggio di scriverlo ????
    BASTA!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • 25 Febbraio 2019 in 10:50
      Permalink

      Bravo Luca
      Sono con te.
      Siamo in vacanza
      Ci risveglieremo in B
      se i tifosi RINCOGLIONITI
      che applaudono anche.una
      sconfitta v per 4-0…. in casa
      senza lottare
      se i BECERI giornalisti
      e la SOCIETÀ ASSENTE
      continueranno a dire che siamo salvi
      che non corriamo pericoli
      e che perdere
      1-0
      2-0
      3-0
      4-0
      5-0
      6-0
      è la,stessa cosa dato che loro sono più forti.
      allora B sicura
      Anche la Roma è più forte del Frosinone
      Anche la Juventus è più forte del Bologna
      eppure hanno giocato entrambe con
      onore e con il coltello tra i denti.
      COME VERI PROFESSIONISTI e non come noi che siamo
      MANGIAPANE A TRADIMENTO.
      Frosinone e Bologma
      Hanno perso ma con ONORE
      Noi abbiamo perso con DISONORE
      Attualmente siamo la squadra più scassa della,serie A
      Ma vi rendere conto che con le ultime tre della classifica in casa non abbiamo vinto ma pareggiato e segnando solo un gol su punizione e nessuno su azione??
      Voi pensate che andremo a vincere a Bologna Chievo e Frosinone?
      Ma fatemi il piacere
      A Empoli perderemo
      DI BRUTTO
      e col Genoa in casa al massimo
      faremo un pareggio
      ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡

      SE CI SALVIAMO
      PRENDO IVOTI
      Mi RITIRO IN CONVENTO.

      Invece per la squadra
      R
      I
      T
      I
      R
      O. ⚡
      PUNITIVO ⚡

  • 25 Febbraio 2019 in 08:32
    Permalink

    SARA’ DURA SALVARSI PER EMPOLI, BOLOGNA , UDINESE E SPAL.
    PER IL RESTO CAMPIONATO GIA’ CHIUSO PER LA RETROCESSIONE.

    • 25 Febbraio 2019 in 10:52
      Permalink

      Preparati Lele
      Preparati a un rusco risveglio……

  • 25 Febbraio 2019 in 08:37
    Permalink

    L’ultima sconfitta per 4 a 0 in serie A risale al 2006-2007 con la Roma.

    …penultimo a metà torneo, raggiunge la salvezza: a giovare è l’avvicendamento in panchina, …

    Cosa stiamo aspettando?

  • 25 Febbraio 2019 in 08:52
    Permalink

    Ricordati che tre anni fa eravamo ad Arzignano e a gennaio è stato fatto un mercato “parametrato agli obiettivi”. Ovvero farsi risucchiare dal Bologna. Ma tanto come detto e letto da più parti siamo già salvi e noi siamo più furbi perchè non abbiamo speso un euro epure siamo salvi ed anzi abbiamo fatto un mercato “di prospettiva”. DI serie B.

    • 25 Febbraio 2019 in 09:25
      Permalink

      Davide i commenti che stai postando da ieri hanno fracassato gli zebedei.

      Il mercato non c’entra una Benedetta Mazza: una squadra di calcio non è formata da un’accozzaglia di nomi dati in pasto al tifoso, tipo Matri, visto che volevi un attaccante. E’ vero che è stato un mercato menomato (perché alcuni obiettivi identificati non era possibile prenderli, e quindi tanto valeva restare con quel che si aveva),, ma è contro la verità reale dei fatti il tuo insistere con la supposta piocioneria. Guardati chi c’àè in organico e guarda quanto costa. Per me, che sono un Grillo Parlante, hanno anzi speso anche troppo.

      Il calcio non è la raccolta delle figurine, e tutto non si risolve col vil denaro (come purtroppo secondo me pensate in troppi).

      A chi chiede la testa di D’Aversa: ricordo che un periodo di crisi (su stadiotardini.it il vice direttore barone non ha avuto paura, unico, a chimarae le cose col loro nome) è fisiologico in tutte le squadre, incluse le più forti. E nel caso specifico di questi tempi abbiamo sempre difficoltà. Se non ci sta bene la sofferenza andiamo a tifare la Juve, che peraltro fuori dai confini italici di sofferenza ne prova pure.

      L’obiettivo è evitare la retrocessione^? Bene, siamo abbondantemente sopra e le squadre sono a debita distanza. E’ un trend negativo: è nell’ordine fisiologico delle cose.

      E questo non è leccare il culo – cosa che tu non hai mai fatto, direi tutt’altro – e neppure altri che vengono qui a scrivere corbellerie come le tue.

      A me le stronzate del tipo “stiamo tutti uniti” non sono mai piaciute, perché ognuno deve fare la sua parte: però ogni parte rispetti l’altra. Perché il bene comune lo si persegue ognuno facendo il proprio. Per cui io non starò qui a dire remiamo tutti dalla stessa parte. Però sto qui a dire che serve anche un po’ di equilibrio anche quando non si hanno soddisfazioni dal campo e anche quando si è nel bel mezzo di una crisi.
      Se ci si agita si finisce giù dal barcone, cosa che a molti stakeholders farebbe anche piacere…

      Calma e gesso.

  • 25 Febbraio 2019 in 09:01
    Permalink

    Voglio Faggiano che parli del mercato di gennaio. Neanche l’anno del fallimento ne abbiamo perse 4 di fila in casa. E’ una cosa vergognosa altro che come noi nessuno mai. Cmq va bene così, tanto ervamo ad Arzignano. Vorri solo sapere da Gobbi se domenica l’Empoli è giocabile oppure no, perchè nel caso sto a casa direttamente ed evito di buttare i soldi e di prendere il tetano in quello schifo del Castellani.

  • 25 Febbraio 2019 in 09:12
    Permalink

    Mi vergogno per loro.
    Ieri tutti insufficienti
    TUTTO DA 3- 4
    Non c’è nessuno che si salva
    D’Aversa compreso che va
    URGENTEMENTE ESONERATO
    In alternativa
    RITIRO PUNITIVO
    Se non si cambia
    SI VA IN B IN PICCHIATA.
    Perdere poteva anche,starci ma
    MON IN QUESTO MODO
    SENZA LOTTARE con i tifosi
    RINCOGLIONITI & RIMBAMBITI
    che felici a fine gara
    applauditvano questi
    giocatori balordi.
    VERGOGNA
    VERGOGNA
    VERGOGNA
    VERGOGNA
    VETGOGNA
    VERGOGNA
    VETGOGNA
    VERGOGNA
    VERGOGNA
    VERGOGNA
    ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ una

  • 25 Febbraio 2019 in 09:55
    Permalink

    Adesso salterà fuori il presidente a dire di stare tranquilli … che d’Aversa è intoccabile e che mancano pochi punti alla salvezza…

    A me non sembrano pochi 11 punti.
    Con la media Attuale (1 punto ogni 5 partite) ci vogliono solo 55 partite per farne 11 peccato che da qui alla fine ne manchino solo 13..

  • 25 Febbraio 2019 in 10:29
    Permalink

    Negli ultimi 20 minuti prendiamo
    i soliti due gol ( come minimo)
    Con la Spal 3
    VIA D’AVERSA se si vuole avere ancora
    qualche risicata chance per la salvezza

    QUESTA SQUADRA DA L’IMPRESSIONE
    DA QUI ALLA FINE FEL CAMPIONATO DI
    PERDERE CON TUTTI.
    Sembra
    la brutta ⚡ ⚡
    della brutta ⚡
    della brutta ⚡
    della brutta ⚡
    della brutta ⚡
    della brutta ⚡
    della brutta ⚡
    COPIA
    vista nel girone di andata.
    Cosa fare?
    Semplice
    O sostituzione Mister
    O
    RITIRO PUNITIVO.

  • 25 Febbraio 2019 in 11:05
    Permalink

    Quattro sconfitte in casa consecutive
    E….. non è finita 😈 😈 😈 😈 😈
    Tre vittorie in casa in tutto il campionato
    Con Empoli per 1- 0 con due legni empolesi
    negli ultimi 20 minuti e con il dodicesimo
    uomo in campo IL CULO.
    Col Sassuolo per 2-1 con prodezze negli
    ultimi 20 minuti di San Sepe.
    e con il Cagliari che ne ha presi due
    nonostante il bombardamento verso la
    nostra porta negli ultimi 20 minuti e poi
    pareggi e sconfitte
    IN MANIERA INDUSTRIALE
    😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈
    Serie B non sicura ma
    SICURISSIMA
    Pensate che vi salveremo!
    Allora fatevi sentire e giochiamoci
    una vacanza ai Caraibi.

  • 25 Febbraio 2019 in 11:31
    Permalink

    BRUNO ALVES da quando gli è stato rinnovato
    il contratto sembra una larva. una gruviera.
    sembra un pensionato
    pronto per una sedia a rotelle.
    LUCARELLI dove sei…😇 😇 😇 😇 😇
    Tra lui e LUCARELLI c’è differenza come
    una FERRARI e una TOPPLINO.
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif
    BIABIANY
    è semplicemente.INDECENTE.
    Dovrebbe appendere le scarpette al chiodo
    invece di mangiare pane a tradimento
    Da quando gioca titolare fisso ( Siligardi vale 10 volte più di lui ma
    sta SEMPRE in.panchina ) Biabiany pur essendo un attaccante mai ha fatto un tirato in porta.
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif
    MACHIN
    bruciato da D’Aversa ha dimostrato di essere un
    mediocre giocatore di serie B non certamente di A.
    Investimento “Ad minchiam”
    D’Aversa mi deve spiegare perché lo ha fatto esordire
    e BRUCIATO dal primo minuto.
    Si vede che SAPENDO GIÀ DI PERDERE DI BRUTTO. ( D’Aversa è un perdente nato) voleva fare esperimenti già dall’ inizio della partita non credendo per ilParma a un risultato favorevole.
    Che schifo ieri questi 3 giocatori
    I PEGGIORI IN CAMPOhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

    e se ora scusate
    VADO A VOMITARE. 😈 😈 😈 😈

  • 25 Febbraio 2019 in 11:57
    Permalink

    “E’ vero che è stato un mercato menomato (perché alcuni obiettivi identificati non era possibile prenderli, e quindi tanto valeva restare con quel che si aveva),, ma è contro la verità reale dei fatti il tuo insistere con la supposta piocioneria.”. Mi spiace essere sempre una Cassandra..ma dissi un mese fa che avremmo fatto 1 punto in 4 partite e così è stato. Sul mercato se va a leggere tra le righe la parole di D’Aversa lo sa cosa dice?Che a centrocampo è corto, che non ha cambi e che non ha un vice Inglese per dargli un pò di cambio e cambiare modulo. Lo dice lui non io. E dico anche che riscgiare così è stato un errore gravissimo. Se sono buoni quelli che abbiamo perchè non gioca Dezi? Ieri vedere il povero Pepin preso a pallate è stato poco dignitoso per noi ma anche un torto fatto a lui. E anche ieri era palese che ci manca un terzino, anche mia nonna lo sa. Faggiano per me può andare pure al PSG sto schifo con 4 sconfitte di fila in casa in 30 anni non si era mai visto. E ripeto mandare allo sbaraglio dei ragazzini è poco dignitoso.

  • 25 Febbraio 2019 in 13:24
    Permalink

    State tutti sereni, facciamo 4 punti tra Empoli e Genoa. Sono molto contento di avere preso 4 gol, in quanto ricordo quello che diceva il saggio Boskov: “meglio perdere una partita 4 a 0 che quattro partite 1 a 0”.
    La squadra deve essere arrabbiata e vogliosa di riscatto come è oggi. Tutti uniti che l’obiettivo è vicino!!
    Sempre e solo forza Parma

  • 25 Febbraio 2019 in 14:38
    Permalink

    Non vedo l’ora che arrivi questa sera.

    Chissà “Piovanone” che romanzo rosa tirerà fuori dalla cassapanca.

    Tecnica e possesso palla by Azzali.

    Sicuramente non servirà nessun sonnifero.

  • 25 Febbraio 2019 in 15:07
    Permalink

    LG ma cosa dici
    I nostri giocatori non
    sono uomini veri
    ma femminucce.
    Negli ultimi 20
    minuti sono già negli spogliatoi,
    Negli ultimi 20 minuti si
    CAGANO ADDOSSO.
    Hanno.paura dell mago.
    Ma non senti la puzza
    che proviene dal campo?
    ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡

  • 25 Febbraio 2019 in 15:54
    Permalink

    IL DISCORSO DI LELE NON FA UNA PIEGA.CONCORDO IN PIENO.10 E LODE CURVA NORD.
    CON 35 punti siam salvi…a EMPOLI l importante è non perdere.

    • 25 Febbraio 2019 in 18:02
      Permalink

      😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈
      Rico chi vive sperando muore…….Cag_ _ _ _
      Fare 6 punti per arrivare a 35 punti dove pensi di farli?
      E poi 35 punti non.bastano.
      Te ne accorgerai.
      Con la squadraccia che abbiamo
      dove pensi di farli?
      A Empoli scordatelo
      A Empoli un altro 2 o 3 a zero
      Alla curva do 0+ ( il più è regalato)
      perché quando il fischio ci vuole…..CI VUOLE.
      Leccarli quando non lo meritano
      è controproducente
      😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈

  • 25 Febbraio 2019 in 19:32
    Permalink

    A parte il fatto che secondo me facciam più di 35 p.ti(e con 35 quest’anno ci si salva).I 29 punti li abbiamo meritati o è stato tutto culo finora??ci preoccupiamo di Empoli???ma per favore.
    Dopo un girone d’andata sopra le aspettative ci sta una flessione o no?non eravamo il Barcellona prima, ma non siamo nemmeno i più scarsi adesso.Quel che manca a molti tifosi del Parma è l’EQUILIBRIO.
    Personalmente D’Aversa non mi fa impazzire come allenatore, ma devo dire che da quando è a Parma sta facendo il massimo con i giocatori messi a disposizione.
    Quest’anno( e l avevo scritto anche all andata su questo forum) fare punti col Napoli sarebbe stata dura..non solo per il gap tecnico..(chi vuol capir capisca!)..
    VELENOSO SEI UNICO!!MENO MALE!!!!!!
    AD EMPOLI PER VINCERE…AVANTI CROCIATI..SU LA TESTA..

  • 25 Febbraio 2019 in 20:24
    Permalink

    Velenoso, ciò che dici ai giocatori, aggettivi, epiteti ecc. sono cose serie. Che ne dici di andarglielo a dire di persona?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI