C’ERA UNA VOLTA LA CURVA NORD SENZA BARRIERE: DOPO IL RIPRISTINO DELLE RETI, DA DOMENICA LE BEVANDE SOMMINISTRATE NEI BICCHIERI PER CONTRASTARE LA PIAGA DEL LANCIO DI BOTTIGLIETTE

(www.parmacalcio1913.com) – Un Tardini senza barriere, senza limitazioni e organizzato a misura di supporters, per un tifo appassionato, caldo e civile, senza cui il calcio non esiste.
Questo è sin dal primo giorno di Serie D l’obiettivo del Parma Calcio 1913, purtroppo ancora lontano dall’essere realizzato.
Dopo gli inaccettabili avvenimenti che si sono verificati in occasione dell’ultima gara casalinga contro l’Inter, la società crociata e’ stata infatti costretta ad adottare alcuni provvedimenti.
Per comportamenti individuali di pochi viene così penalizzata la grande maggioranza dei tifosi, che popola con rispetto e spirito d’appartenenza gli spalti del nostro stadio. A tutti loro vanno le nostre più sincere scuse per eventuali disagi, con la speranza che si possano rimuovere le criticità al più presto.
Di seguito i provvedimenti che verranno adottati a partire dalla gara Parma-Napoli (domenica 24 febbraio, ore 18:00).

ACCESSO ALLO STADIO TARDINI
Nelle operazioni di prefiltraggio e di filtraggio ai cancelli dei singoli settori verrà rafforzata notevolmente la verifica di ogni titolo di ingresso, sia esso il biglietto acquistato per la singola partita o l’abbonamento stagionale al Parma Calcio.
Per la gara contro il Napoli, infatti, è stata stabilita dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive del Ministero dell’Interno con Determinazioni n.06/2019 e n.07/2019l’assoluta incedibilità di entrambi i titoli di ingresso (biglietto e abbonamento). Questa decisione non é volontà del Parma Calcio, ma deriva appunto da un’applicazione delle suddette Determinazioni dell’Osservatorio.
Ogni abbonato, come da normale prassi, dovrà tassativamente presentarsi ai cancelli con l’abbonamento e il relativo segnaposto cartaceo, emesso contestualmente alla sottoscrizione del titolo stagionale.
Qualora il segnaposto fosse stato smarrito, lo si può stampare tramite il portale del circuito Ticketone cliccando su questo link.
Si ricorda che il segnaposto, nel caso di Fidelity Card malfunzionante al momento dell’accesso, è l’unica prova che testimonia la reale titolarità dell’abbonamento per poter entrare allo stadio.
A chi tenterà l’ingresso con un biglietto o un abbonamento intestati a un’altra persona oppure con una Fidelity Card in cui non è caricato il titolo stagionale saranno applicati i provvedimenti contemplati dal Programma Adesione Sistema di Gradimento del Parma Calcio.
Il Parma Calcio, pertanto, raccomanda di presentarsi agli accesi muniti del proprio documento d’identità valido, del proprio titolo di ingresso (singolo tagliando o abbonamento) e, soprattutto, in largo anticipo rispetto alle consolidate abitudini per evitare assembramenti e code.
A tale proposito si invita la tifoseria a essere collaborativa con il personale addetto ai controlli.

BEVANDE IN CURVA NORD
Il Parma Calcio informa che dalla gara contro il Napoli di domenica 24 febbraio ai bar del settore Curva Nord le bevande torneranno a essere somministrate all’interno di bicchieri di plastica.
E’ un accorgimento adottato a malincuore, alla luce dei ciclici inaccettabili lanci di bottigliette di plastica in campo e nelle immediate vicinanze del terreno di gioco, che ostacolano il lavoro dei diversi operatori oltre a mettere a rischio la sicurezza degli stessi.

UNO STADIO SENZA BARRIERE
Agli albori della ripartenza in Serie D, lo Stadio Tardini era diventato un impianto privo di barriere. L’aver rimosso la rete di protezione dalle curve voleva essere un primo passo verso quella che dovrebbe essere la normalità, in ogni impianto sportivo. Invece, tra decine di palloni mai restituiti in campo ad ogni partita e l’incivile consuetudine di lanciare bottiglie sul terreno di gioco durante le gare dei crociati, la società si è vista costretta a ripristinare le recinzioni.
Il Parma Calcio 1913 si augura che la tifoseria, nel suo insieme, riesca a portare a termine un processo di maggiore responsabilizzazione interna.
Sogniamo un Tardini senza barriere e organizzato a misura di tifoso. Cerchiamo di dimostrare coi fatti – tutti insieme – che questo sogno non è lontano, ma che si potrà realizzare il prima possibile.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

27 pensieri riguardo “C’ERA UNA VOLTA LA CURVA NORD SENZA BARRIERE: DOPO IL RIPRISTINO DELLE RETI, DA DOMENICA LE BEVANDE SOMMINISTRATE NEI BICCHIERI PER CONTRASTARE LA PIAGA DEL LANCIO DI BOTTIGLIETTE

  • 21 Febbraio 2019 in 12:12
    Permalink

    E’ una cosa triste però, vedo che a udine, frosinone, cagliari, torino ecc non esistono reti e nemmeno barriere di cristallo tra campo e gradinate e il pubblico è anche più vicino che al tardini. Loro sono dei fenomeni o dei santi? Bisogna concludere che sono solo più civili e furbi? Spero di no…

  • 21 Febbraio 2019 in 13:16
    Permalink

    😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈
    Pensierino del pomeriggio.
    😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈
    Si sono fatti male in allenamento
    STULAC e BASTONI
    Grazie allo stratosferico mercato
    invernale possiamo fare come ha fatto la
    PRO PIACENZA
    Col Napoli possiamo far giocare
    IL MAGAZZINIERE
    😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈

  • 21 Febbraio 2019 in 13:49
    Permalink

    Gagliolo torna a fare il centrale con Gobbi sulla sinistra (nel disastro di Cagliari alla fine non ha fatto tanto schifo) con Scozzarella a centrocampo …. Sarà che nel secondo tempo vedremo Pepin?

  • 21 Febbraio 2019 in 13:56
    Permalink

    Mo co dit ????

    ……………………………. SEPE
    ….IACOPONI BRUNO ALVES GAGLIOLO GOBBI
    ………………RIGONI KUCKA BARILLA’
    ………….SILIGARDI INGLESE GERVINHO

    per la panca :

    …………………….GAZZOLA
    ………..MACHIN DIAKHATE’ DEZI
    ….BIABIANY CERAVOLO SPROCATI

    il problema non sono i nostri infortunati, SONO GLI AVVERSARI

    • 21 Febbraio 2019 in 14:15
      Permalink

      E che differenza c’è? Gagliolo torna central con Gobbi sulla sinistra… come avevo detto.
      Scozzarella è indisponibile?

      • 21 Febbraio 2019 in 14:41
        Permalink

        No Lukfur la mia risposta non era per te ma per Velenoso ….

        Quando ho scritto io il tuo commento era sicuramente in attesa …e non si vedeva ancora

        moro

    • 21 Febbraio 2019 in 17:58
      Permalink

      Morosky ieri la Juventus sembrava……. noi.
      😈 😈 Una squadra se squadra si può
      chiamare quella vista ieri
      Sconclusionata 😈
      Senza palle 😈
      Strafottente 😈
      Un disastro. 😈
      CR7 sembrava il Gervinho di Cagliari.
      Mi sa che domenica il Bologna di questa
      Juventus modello Parma, se ne farà
      UN BOCCONE. 🍛 🍛
      e saremo a meno 8 ➕ ➕
      Attualmente il Bologna è più forte della Juventus.
      Domenica vincerà per 1-0 ⚡ ⚡ ⚡
      Dopo questa divagazione
      toglimi una curiosità Moro
      Come fai a dire che ci salveremo
      se nella tabella fatta ieri non hai messo
      NEMMENO ⚡ ⚡ ⚡ una sola vittoria
      in casa nel girone di ritorno?
      Solo qualche misero pareggio e
      sconfitte a iosa
      Invece hai messo vittorie e pareggi
      su campi infuocati come sono.icampi di
      Empoli e Frosinone?
      A Empoli scommettiamo io & te un
      VIAGGIO ALLE MALDIVE ?
      Tu dici che pareggiamo
      Io dico.invece che perderemo.
      Te l’ho già detto ⛔ e
      te lo ripeto.
      Tu vedi il 🍷
      mezzo pieno mentre in
      realtà è un 🍷 VUOTO.
      Ciao grande…….ottimista

      • 21 Febbraio 2019 in 20:41
        Permalink

        Papirus e altri dicono che il Parma e’ stilo Cholista … Como vivo in La Spagna ….dicono qui che Atleti gioca a la Italiana Classica… e adesso Vele …. Tu hai detto Parma come rubentus …. no vedo cosi …Io ho visto nel partito rubentus – Parma …3 a 3 ..un Parma Cholista che e’ il più logico di gioco per una squadra Neopromesa con un asensione di tre catagorie in tre anni …. cosa di Guiness ….
        Forsa Paerma ,
        Cordialmente ,
        Straje

  • 21 Febbraio 2019 in 14:43
    Permalink

    Scozzarella ..penso che sia da oltre una settimana in terapia e palestra…niente campo…
    ma, ripeto, il problema, domenica, non siamo noi ma, gli avversari ..che ritengo molto forti …

  • 21 Febbraio 2019 in 15:46
    Permalink

    Mauro con Sciappacasse e Mechin abbiamo ridotto il gap.

  • 21 Febbraio 2019 in 18:17
    Permalink

    È tutto l’anno che siamo in emergenza 😈
    Infortuni su infortuni in maniera
    INDUSTRIALE 😈
    Qualcosa non mi quadra.
    Se si fa male Bobby chi mettiamo
    al suo posto? 😈
    Ceravolo? ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    Ma per l’amor di Dio ➕
    A questo punto potevamo tenere Calajo
    Abbiamo fatto un mercato come se fossimo già salvi
    ma purtroppo non lo siamo. 😈 😈 😈
    Preparatevi umani a vedere l’inferno
    😈 ⚡
    😈 ⚡ ⚡
    😈 ⚡ ⚡ ⚡
    Adesso c’e il Napoli
    Punti zero ⚡
    Poi si va a Empoli
    punti zero ⚡
    C’è il Genoa, uno spareggio
    Se non si vince….. ⚡ 😈 ⚡ 😈
    Poi si va a Roma. con la Lazio
    punti zerob⚡
    Dopo queste 4 partite se non
    riempiamo il carniere con
    ALMENO e sottolineo ALMENO
    3 PUNTI 3 🍷
    Siamo spacciati. 😈 😈 😈 😈 😈 😈 ⚡
    e impacchettati pronti per la
    CADETTERIA ⚡

    • 22 Febbraio 2019 in 10:01
      Permalink

      Ma la società cosa sta facendo? Quello che a noi manca è una “SANTA COLLERA” sportiva beninteso.
      Sono stanco di continuare a vedere una squadra senz’anima e criterio.
      Siamo i benefatori del campionato, salviamo squadre disperate, facciamo segnare giocatori in crisi marcia, etcc…
      Ora basta, se il D’Aversa non è più gradito e non lo è, allora lo si mandi via, sono anni che siamo sul filo, infortuni continui, squadra molle, il salto di qualità ce lo scordiamo.
      Ora ciascuno si prenda le proprie responsabilità e che sia finita qui . Questa è una denuncia sportiva, siamo stanchi di essere zimbelli dell’Italia, siamo stanchi di essere dei coglioni che si pappano trasferte bestiali e si ritorna scornati. Ora basta.

  • 21 Febbraio 2019 in 18:47
    Permalink

    c’era una volta la curva nord e basta

  • 21 Febbraio 2019 in 21:08
    Permalink

    Non esisteranno mai le curve centrali

  • 21 Febbraio 2019 in 23:27
    Permalink

    Più di questi provvedimenti, a me interesserebbe sapere quando si penserà finalmente a sistemare i bagni del Tardini. Ogni volta preferisco tenermela, piuttosto che entrarci.

  • 22 Febbraio 2019 in 09:31
    Permalink

    Luca io sto orinando in una bottiglia di plastica (quelle forse lanciate) nel parcheggio del Barilla quando vado a prenderel’auto piuttosto che entrare in quegli antri infernali. Anche perchè il problema sono i liquami in terra che arrivano fin sulla porta e gioco forza ti ritrovi con le scarpe inzaccherate. Evidentemente il proprietario dell’Ennio, ovvero il primo cittadino quando viene a farsi vedere allo stadio quelle due volte all’anno soffre di ritenzione idrica e non abbisogna di utilizzare le latrine.

  • 22 Febbraio 2019 in 10:12
    Permalink

    Così adesso con il bicchiere sarà ancora più facile lanciare birra ad ogni goal !!! E andare a casa con la tua donna che ti guarda sospettosa e a tradimento ti fa domande su chi ha segnato sugli ammoniti e sugli episodi del VAR perchè da come puzzi di birra più che all’Ennio sembra che ti abbiano usato per pulire i tavoli del Chelsea pub !!!

  • 22 Febbraio 2019 in 10:15
    Permalink

    Si però l’altro problema di fondo è che i tornelli non funzionano da anni e non mi pare una cosa ne irrisolvibile ne troppo onerosa, basta sincronizzare lettura e cancello, altro che segnaposto dai su

  • 22 Febbraio 2019 in 11:35
    Permalink

    I tornelli li ha messi lì Pizzarotti (quello con la fascia tricolore) presi dal rudere della Bormioli in Via San Leonardo par spendar meno. Ci credo che non funzionano.

  • 22 Febbraio 2019 in 12:13
    Permalink

    😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈
    I bagni dello stadio
    SONO INFETTI.anzi
    ALTAMENTE INFETTI.
    Entrate sani e uscirete
    con malattie.da
    RICOVERO OSPEDALIERO
    Ci vogliono gli stivali
    perché il liquame di piscio
    è come un lago
    USL se ci siete
    (ma ne dubito)
    FATEVI SENTIRE. 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈
    Un consiglio?
    Fatevela addosso
    Rischierete meno

  • 22 Febbraio 2019 in 12:32
    Permalink

    I tornelle credo li avesse Messi Ghirardi per fare il figo (probabilmente mai pagati…), erano ancora i tempi di Vignali e dopo più o meno una settimana a seguito di disordini erano diventati obbligatori ma di un’altra misura, tant’è che per ottenere almeno una deroga hanno poi dovuto montare i cancelli. A ben vedere con l’obbligo del prefiltraggio non ha neanche molto senso la loro posizione, tant’è che devono montare la gabbia antistante. Immagino che verranno sostituiti e riposizionati più all’interno quando un giorno ci saranno interventi di ristrutturazione importanti….

  • 22 Febbraio 2019 in 14:40
    Permalink

    “quando un giorno ci saranno interventi di ristrutturazione importanti….” ecco..aspetta e spera

    • 22 Febbraio 2019 in 16:24
      Permalink

      Se un giorno…

  • 22 Febbraio 2019 in 15:14
    Permalink

    il NAPOLI potrebbe schierarsi così:

    ………………………………….MERET
    MALCUIT ALBIOL ( Maksimovic) KOULIBALY GHOULAM
    ……………..FABIAN RUI ALLAN ZIELINSKI
    ……………..CALLEJON MILIK MERTENS ( Verdi)

    Le loro fonti di gioco sono
    SIA DALLE FASCE, coi terzini ma, ma pure
    CENTRALMENTE con le percussioni dei centrocampisti, molto abili ad inserirsi per andare al tiro ….

    come sempre, sul piano del gioco e dell’iniziativa, CI METTERANNO NELLA NOSTRA META’ CAMPO e da li non si smuoveranno….schiacciandoci nella nostra area…..sia coi cross sia col palleggio rasoterra …ma pure coi tagli degli esterni ….per andare a cercare soluzioni dall’altra parte del campo…

    SERVIRA’ UNA GRANDE PROVA FISICA, UNA GARA ATTENTA, UNA GENEROSITA’ ESTREMA, TANTA CORSA, APPLICAZIONE e SACRIFICIO DI GRUPPO, andando a raddoppiare sulle fasce per non lasciare uno contro uno i loro esterni molto veloci e tecnici ….
    LA VEDO DURA ma, se venisse messo in campo , per 95 minuti, tutto ciò che abbiamo dentro, si potrebbe provare a portare a casa un punto …
    NON BISOGNA PRENDERE GOL EVITABILI
    non bisogna lasciarli tirare anche perchè, dai 20 metri hanno ottimi tiratori ( FABIAN RUI e ZIELINSKI in primis )

    FORZA PARMA CALCIO 1913….fuori la grinta, fuori i COLLEONES..
    avete visto il gesto di Simeone ?
    sarà anche poco fine a vedersi ma…RENDE BENE L’IDEA DI COSA SI DOVREBBE FARE IN CAMPO….
    avete visto come girava lontano dall’area il fenomeno cr7 ?
    stava lontano dalla zona calda vero ?
    avete visto come si sono resi ridicoli Bonucci e Chiellini, sempre a simulare, a protestare, chiedere falli a favore e…cercare di intimorire/ingannare l’arbitro ??

    1, 10, 100 gesti come Simenone ….quello si che ha i COCONES, pure quando giocava era un guerriero ed ora lo è ancor di +, dapprima con la propria squadra e poi in campo…

    grinta, ferocia e cattiveria sportiva, farsi sentire cavolo !!

    • 22 Febbraio 2019 in 20:28
      Permalink

      Posso non essere d’accordo? Per me Simeone è l’emblema dell’antisportività e della maleducazione. Prova a contare le giornate di squalifica collezionate da giocatore e peggio da allenatore. Ha sempre atteggiamenti provocatori e arroganti. Personalmente non riesco a considerarlo un esempio da imitare. Pensa che mercoledì tifavo Juve, contronatura. Io credo che gli esempi di grinta e determinazione siano altri, tipo Gattuso, uomo vero e corretto anche se sanguigno al massimo. È solo la mia opinione. Ciao

    • 23 Febbraio 2019 in 14:13
      Permalink

      Caro Morosky, sono quasi sempre d’accordo con lei, ma questa volta no, il paragone non mi piace, se la mia squadra ha bisogno di vedere un buzzurro maleducato che la guida, che per dimostrare il carattere utilizza la metafora di una becera ostentazione di attributi, allora non mi interessa più questo sport. In tutti i casi, l’educazione deve prevalere, deve prevalere il buongusto e la sensibilità, anche altrui, non è necessario denudarsi anche metaforicamente per dimostrare di avere gli attributi, si può avere grinta e determinazione senza essere volgari., anche perché chi ostenta, normalmente non possiede, quanto vuol convincere di avere.

  • 22 Febbraio 2019 in 15:29
    Permalink

    Pensate a me che soffro di prostata….
    Per quanto attiene alle mogli, in più d’un casa, quando si torna dallo stadio è bene che il marito non faccia domande alla moglie…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI