BAGOLOZOOM di Tatiana Salsi / POKER FACE

Un Parma impalpabile esce sconfitto dal terreno di gioco dello stadio Olimpico. L’apatia dei giocatori di D’Aversa ha indubbiamente lasciato l’amaro in bocca a chi si aspettava una gara affrontata con coraggio e serenità, complice anche la classifica. Astuta e cinica la Lazio ha saputo capitalizzare tutto nei primi 45 minuti di gioco lasciando la seconda parte di gara all’ordinaria amministrazione.

Lazio – Parma 4-1

Tatiana Salsi(di Tatiana Salsi, da TifoBlog.it) – Poker per la squadra di casa che chiude la gara già nei primi 45 minuti di gioco. Face per il Parma che è sceso in capo con undici volti noti privi di qualsiasi motivazione, orgoglio ed entusiasmo. Tengo a precisare volti noti perchè nessuno possa pensare che il risultato sia figlio di una formazione d’emergenza (assente solo Scozzarella). Forse l’unico che ha leggermente mostrato un po’ di reattività è stato Kucka, pronto a tornare sulle palle perse come un cane affamato difende il proprio osso. Il tabellino della gara parla chiaro: Lazio-Parma 4-1

Aspettative vs Realtà

 Nessuno, ha mai neanche per un istante, ponderato di calcare il terreno dell’Olimpico pensado di portare a casa i tre punti. L’amarezza per la sconfitta di oggi non è dettata dal volare troppo in alto per poi accusare lo schianto, anzi. Oggi si volava bassi, e sereni.

Oggi, i tifosi, erano tutti pronti a godersi la partita illusi che la serenità dei giocatori e dello staff tecnico potesse regalare una bella sfida. Il cammino stagionale ci ha portato fin qui forse più di quel che avremmo meritato, se si parla di bel gioco, ma poco importa. Qui ci siamo arrivati con le intuizioni dei singoli, con la giusta cattiveria agonistica contro avversari blasoinati e con la determinazione nel difendere quanto conquistato con tanta fatica. Ecco oggi si poteva respirare, si poteva azzardare tatticamente, si poteva dare spazio alle nuove promesse offredo loro un banco di prova che li forgiasse anche caratterialmente, si poteva fare tutto tranne quello che è stato fatto.

Le scelte tattiche: Lazio-Parma 4-1 nel dettaglio

Biabiany fuori forma e fuori ruolo (praticamente un difensore aggiunto) in campo al posto di un Dezi che è stato pagato sul mercato come un giocatore vero e che si è sempre espresso con impegno quando chiamato in causa. Andava schierato non solo per questioni di rispetto nei confronti del giocatore, ma anche fosse solo per dare respiro alla risorsa “titolare”.

Sepe, idolatrato da molti, oggi era una delle sostituzioni da fare. Il portiere è un cambio sprecato? No!

 

Poco importa che l’autorevole Gazzetta dello Sport snoccioli statistiche sulla quantità di tiri subiti e la percentuale delle parate effettuate. Chi segue davvero i Crociati per 90 minuti tutte le domeniche ricorda benissimo le insicurezze mostrate ad inizio stagione. Chi trema per i colori gialloblu quando l’avversario varca l’area di rigore ricorda che le parate miracolose si riassumono in, si e no, una decina. Tutto questo per dire che Sepe è un primo portiere rispettabile, ma non immune dalla giornata storta (entrambi i primi due gol sono passati tra il terreno e il corpo del portiere).

Gervinho, comprendo che sia una delle stelle più luccicanti in questo firmamento e non lo si voglia “infastidire”, ma se non segue il gioco e non si propone in attacco va sostituito. In alternativa va aiutato a “correggere” la posizione, magari proprio con qualche cambio a supporto.

Siligardi, dalle indubbie attitudini a supporto degli attaccanti, sostituito sul 4-0 da Gazzola: Perchè?!? L’attacco è indubbiamente il reparto con più misteri, infatti anche il cambio Inglese per Ceravolo ha dell’inspiegabile. Schiappacasse è forse infortunato?!? A sostegno di quanto detto fin’ora Sprocati, unico ingresso corretto in tutto il reparto, ha in realtà potuto trovare la gloria del gol della bandiera soltanto grazie sd un errore di Patric.

Fermiamoci a 100 cifra tonda

Il gioco di mister D’Aversa non paga più. Giunti alla gara numero cento lo si può affermare con una certa sicurezza. Ci sono troppi schemi triti e ritriti, ci sono errori nei cambi reiterati nel tempo. Ci sono poche idee ed un centrocampo assente. I reparti nel calcio sono tre ed allenare una squadra vuol dire saprli far funzionare tutti. Cercare di collegare la difesa all’attacco non paga o meglio può dare qualche risultato, ma poi si presenta il conto. La serie A ce la siamo sudata e dentro c’è anche l’operato di questo allenatore, ma non vorrei mai si facesse l’errore di riconfermarlo soltanto per gratitudine.

Non nascondo che ho gradito il vociferare di un possibile interessamento della Fiorentina per D’Aversa. Io farei cambio all’istante con Pioli, per altro parmigiano doc. Quello che mi è piaciuto decisamente meno, invece, è il mirino su Faggiano. Il nostro direttore sportivo non si tocca perchè la vera arma segreta, soprattutto sul mercato, è indubbiamente lui.

Episodi da rivedere o forse dovrei dire da riVARdere

Per distrarmi dall’orrore calcistico della mia adorata squadra, ho forse prestato più attenzione del solito agli episodi e agli scontri di gioco. Ne cito due in particolare perchè a prescindere da tutta la tecnologia introdotta nel calcio moderno, sono passati inosservati.

Il primo a lasciarmi basita è stato un presunto fallo di Inglese con il giocatore avversario che senza essere minimamete stato sfiorato in volto cade e si dispera con la faccia tra le mani. Il mondo del calcio avrebbe bisogno di correttezza, lo ripetiamo tutti fino alla nausa, ma evidentemente certi attori protagonisti non sono d’accordo.

Al 58° invece c’è il contatto tra Caicedo e Gagliolo che ha più a che fare con il taekwondo che con il calcio. Nonostante la var, gli incaricati ad interpretala stabiliscono che non si tratti di un episodio rilevante. Perfetto, allora diciamo che attendo di vedere il medesimo intervento di gomito sul collo dell’avversario a palla lontana in una qualsiasi altra partita del mondo, per scoprire come verrà considerato.

Ora riprendiamo fiato nella sosta per le Nazionali, forse questa sosta arriva nel momento giusto per fare il punto della situazione.

Parma di nuovo in campo domenica 31 marzo nel lunch match delle 12,30 dove ospiterà l’Atalanta al Tardini. Tatiana Salsi, da TifoBlog.it

Stadio Tardini

Stadio Tardini

47 pensieri riguardo “BAGOLOZOOM di Tatiana Salsi / POKER FACE

  • 19 Marzo 2019 in 09:30
    Permalink

    su biabiany al posto di dezi ho interrotto la lettura

  • 19 Marzo 2019 in 09:32
    Permalink

    Pane al pane e vino al vino…. analisi ottima

  • 19 Marzo 2019 in 12:05
    Permalink

    Su Dezi che andava schierato anche io ho interrotto la lettura preferendo leggere l’editoriale della Rudarola che è tutto un dire. A questo punto si potrebbe anche dire che con Nocciolini e Baraye avremmo vinto e la chiudiamo qui.

    • 19 Marzo 2019 in 14:45
      Permalink

      I giocatori vanno utilizzati a seconda delle situazioni cercando di massimizzare il loro contributo. Nello sport professionistico americano, Douglas può confermarlo, fare entrare specialisti per determinate fasi di un match è una pratica comune.
      Per farti un esempio di cronaca recente ti chiedo di pensare a Cagliari – Parma.
      Partita persa inopinatamente negli ultimi 25 minuti per mancanza di aggressività nell’ostacolare la manovra avversaria.
      Era una situazione dove Baraye o Nocciolini potevano essere utilizzati con profitto per fare pressing alto e rallentare lo sviluppo dell’azione avversaria. Sarebbero serviti più di Gervinho in quel particolare frangente.
      Utilizzare per il meglio giocatori modesti e motivati anche per una manciata di minuti ha fatto la fortuna di molti allenatori in sport diversi dal calcio. Basta copiare bene per farlo

    • 20 Marzo 2019 in 12:09
      Permalink

      Non leggere è come censurare e addirittura sfiduciare qualcuno perché la pensa diversamente da noi.. Magari sul seguito dell’articolo tu e Gabriele vi sareste trovati d’accordo. Basta con sto criticare chi scrive giusto per affermare di essere diversi.. Tifiamo tutti Parma e ogni contributo è e deve essere visto come importante e va rispettato
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 19 Marzo 2019 in 13:09
    Permalink

    Per Dezi la società ha investito una cifra importante, non viene mai schierato. Se non gioca mai il suo valore di mercato diminuisce e ci sarà una forte minusvalenza.
    Domenica, con tanti indisponibili, mi sarei aspettato che l’allenatore gli desse fiducia o di vedere in campo Diakhate’ o Machin.

    • 19 Marzo 2019 in 14:34
      Permalink

      In effetti giocano sempre gli stessi 13 o 14… anche in crisi di formazione il mister non si è schiodato dalla “lista” dei suoi preferiti, Biabaiany, Gazzola, Ceravolo (che ci troverà in lui???).
      A gennaio, con il ragionevolissimo scopo di ringivanire la rosa ed offrire delle valide alternative in panchina sono stati presi Schiappacasse (attraverso una nostra vecchia conoscenza, il DS Berta, quello di Pepito Rossi, che di calco se ne intende….), Diakate e Machin. Sono stati presi questi senza il consenso del mister che li lascia sempre in panca? oppure, come ragionevole pensare, li ha scelti anche lui assieme a Big Daniele. Perche non li fa mai giocare? Orami quelli della suo lista sono fuori condizione, stanchi e spompati (vedi Gagliolo, Alves, Iacoponi, Inglese, Gervinho…). Provare a inserire qualcuno di più fresco giovane e motivato no? Giusto poi il discorso delle minusvalenza di Dezi… perchè il mister non lo impiega? gli sta sui coglioni? se non lo riteneva adatto alla A (come successo per Di Gaudio, Scavone, Baraye etc…) perchè non darlo in prestito in B? mah….
      Non vorrei che, viste le sirene fiorentine, Bobby avesse già mollato…

      • 19 Marzo 2019 in 14:47
        Permalink

        circa DEZI …
        molto probabilmente LUI NON E’ VOLUTO ANDARE VIA, vedi perche’, FORSE, lo STIPENDIO che percepisce qui, altrove non glielo garantivano…

        stessa cosa CERAVOLO….

        altra cosa, almeno prendere i soldi spesi per il loro acquisto, giusto per non rimetterci …immagino

      • 20 Marzo 2019 in 12:12
        Permalink

        Mooolto grave l’accusa dell’ultima frase.. Spero sia una boutade

  • 19 Marzo 2019 in 13:23
    Permalink

    ULTIME NOTIZIE DALLA REDAZIONE DI STADIO.TARDINI.IT:

    Prossima rubrica in uscita, IL VELENOSO, a cura del nostro commentatore + prolifico ( nemmeno io riesco a tenergli testa , lui ha una tiratura a livello industriale , altro che copia incolla e ciclostile, questo è una tipografia a gettito laser )

    spero vivamente che la Direzione dia il proprio benestare al novello articolista , ne leggeremo delle belle credo …
    in bocca al lupo ( disse la mamma a cappuccetto rosso prima che uscisse per andare a trovare la nonna )

    • 19 Marzo 2019 in 13:54
      Permalink

      Che tristezza.

      Contenti voi…

    • 19 Marzo 2019 in 14:23
      Permalink

      ne vedremo delle belle, io sono favorevole

  • 19 Marzo 2019 in 14:03
    Permalink

    Morosky nell’ ultimo articolo
    di Gianni Barone il.buon Majo mi aveva concesso
    8870 righe al giorno ⚡ ⚡ ⚡
    Quasi 9.000 emoticon al.giorno ⚡ ⚡ ⚡ e
    240 post al.giorno ⚡ ⚡ ⚡
    Non.ho.potuto accettare ma
    4.000 righe al.giorno le posso fare
    4.000’emoticon vanno.bene
    e 99 post giornalieri possono bastare.
    Non può pretendere il buon Majo il doppio.
    Piangeva 😢 💦 💦 ma si accontenti.
    Gliel’ho detto lo faccio per un amico 😇
    altrimenti gli ho detto sarei un 😈 😈 😈
    Ho già usato 16 emoticon, ne mancano 7.984
    Righe 13 ne mancano 7987
    Post 1 ne mancano 98
    Cosa si fa per gli amici…..

  • 19 Marzo 2019 in 14:16
    Permalink

    Guarda guarda su Dezi.mi hanno cestinato
    e ora tutti mi danno ragione 😈 😈 😈 😈
    Se D’aversa non.lo ha mandato in campo
    in quella situazione in cui.come centrocampista
    chiunque,allenatore
    dalla serie A ⚡
    alla B ⚡
    alla C ⚡
    alla D ⚡
    all’eccellenza ⚡
    alla promozione ⚡
    alla prima categoria ⚡
    alla seconda categoria ⚡
    alla terza categoria ⚡
    agli under 18-17-16 e ⚡ ⚡ ⚡
    pulcini ⚡
    avendo 3 centrocampisti in panchina
    chiunque e sottolineo
    C
    H
    I
    U
    N
    Q.
    U
    E
    avrebbe lasciato l’inutile Biabiany
    in panchina è al suo posto avrebbe messo
    un centrocampista

    Scusa,D’Aversa ma
    Se manca Sepe in porta
    mettiamo Inglese?
    😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈

  • 19 Marzo 2019 in 14:40
    Permalink

    Se Dezi non ha ancora fatto un minuto dopo essere stato un girone fuori rosa direi che è tempo perso parlarne. Investimento sbagliato, capita, capitolo chiuso. Faggiano che (non) ha condotto un mercato di gennaio all’altezza è responsabile della attuale situazione penosa (di gioco, forma e condizione) in cui versa la squadra. Se Inglese che sta fecndo pena non ha un’alternativa la colpa è di Faggiano. Se non abbiamo un regista basso sano la colpa è di Faggiano. Se non abbiamo terzini la colpa è di Faggiano. Meno male che con la crociata bianca si è vinto di culo col Genoa e speriamo che il Scansuolo fermi il Bologna del pidocchio canadese e che Andreazzoli e cicciocaputotuttoattaccato prendano delle belle mazzate e chiudiamo veloci questa agonia. Dopo di che i vari Dezi, Ceravolo, Iacoponi, Stulac, Sepe, Grassi, Sprocati, Machin, una bella stretta di mano, un abbraccio, una birra e saluti e grazie di tutto.

  • 19 Marzo 2019 in 14:43
    Permalink

    Credo che la

    ………………………LIBERTA’ di NON leggere………………………..

    ………………………sia sicuramente GARANTITA ……………………

    ai sensi delle comuni regole vigenti: la Direzione del sito non obbliga nessuno a farlo così come lascia esprimere le libere opinioni a tutti coloro che vogliono dire la loro su queste pagine..
    con EDUCAZIONE e all’ INSEGNA DEL RISPETTO verso gli altri !!

    Dico bene Majo ???

    • 19 Marzo 2019 in 19:11
      Permalink

      Grande Morosky
      Tu sei un valore aggiunto
      di questo sito è ti ringrazio per
      essermi amico 💋
      Il 15 maggio dopo la,strage di Parigi
      si scriveva

      JE SUIS CHARLIE HEBDO 😈 😈 😈

      ora nel nostro piccolo
      dobbiamo pensare almeno
      per un giorno e dire

      JE SUIS DEZI ⚡ ⚡ ⚡

      relegato il ragazzo come un
      povero panchinaro

  • 19 Marzo 2019 in 16:21
    Permalink

    L’errore è non farlo giocare titolare in serie a (come scritto nell’articolo) o averlo pagato tanto ?
    E’ stata una scommessa persa, ci stava ma ha deluso in b figuriamoci metterlo titolare in serie a. Poi vabbè dopo lazio parma tirare fuori dezi titolare come errore fa già ridere di per se
    Teniamo anche presente che per la società non era funzionale al progetto e ceduto in b alla salernatana, destinazione rifiutata dal giocatore quindi se non è da serie a per la società non si capisce perchè debba essere considerato utile dal tecnico
    Se poi si vogliono fare le analisi andrebbe pure tenuto presente che non gioca una partita da un anno, non proprio il massimo come presupposto per essere titolare a roma contro la lazio

    • 19 Marzo 2019 in 17:46
      Permalink

      Due anni fa Dezi fu giudicato il miglior centrocampista della Serie B. Su di lui la società ha investito parecchio e a forza di tenerlo in panchina si deprezza. Dargli qualche opportunità di giocare non può che fare bene alle casse della società, tanto più che non è che il nostro centrocampo stia ultimamente brillando per rendimento. Quanto ai progetti tecnici, se ad allenatore e ds non vengono fatti contratti a lunga scadenza, le scelte possono
      repentinamente cambiare. Ad un eventuale nuovo allenatore magari Dezi piace più di chi sta giocando. Chi lo sa ?

      • 19 Marzo 2019 in 18:22
        Permalink

        nel calcio i contratti si stracciano facilmente anche se lunghi, meno male che in questo non si eccede
        stavolta concordo solo sul fatto che all’epoca fosse parecchio appetibile
        il messaggio che volevo dare era comunque piu generale nel senso che ora nelle difficoltà la critica si sbizzarrisce contestando di tutto e di piu quando – classifica alla mano – ad oggi non siamo stati mai realmente invischiati nella lotta per non retrocedere per cui teniamo botta e facciamo quel poco che manca che non dipende da dezi

  • 19 Marzo 2019 in 18:56
    Permalink

    Era interesse della società far giocare Dezi.
    Spero che i MAGNIFICI 7 lo abbiano
    cicchettato per bene.
    È il minimo che dovevano fare e son certo
    l’avranno fatto.
    L’abbiamo pagato tanto e ora invece di avere
    plusvalenza ci rimettiamo se lo dovessimo
    purtroppo vendere😈 😈 😈
    Abbiamo.investito su di lui
    Ma porca bestia sul 4-0 si poteva provare
    non aveva centrocampisti D’Aversa
    Perché non l’ha fatto?
    Doveva dall’inizio buttarlo nella mischia ⚡ ⚡
    Era ovvio farlo giocare.
    Magari era più che concentrato, avrebbe fatto
    una partita ” mostre “per far capire chi era che
    non era quello che pensa D’Aversa.
    Son certo avrebbe fatto un partitone.
    Io l’avrei messo dall’inizio e chi.mi dice che
    ci avrebbe stupito tutti? 🍷 🍷
    Ma se D’Aversa che in squadra ha figli 🚼 🚼
    e figliastri 🐍 🐍 e si vede che Dezi gli è antipatico
    Non c’e altra spiegazione plausibile
    e Dezi mi sembra ovvio per lui è un figliastro 🐍 e
    non gli da nessuna possibilità ⛔ non
    facendogli fare nemmeno un minuto e non giocando
    come può dimostrare il suo valore?
    Spero di non vedere più Biabiany ora che
    abbiamo trovato Sporcati 😇 😇 😇
    Biabiany è finito il suo gioco fa
    acqua 💦 💦 da tutte le b parti
    Una larva in campo ⛔
    In quanto a D’Aversa abbiamo all’attacco un
    fenomeno come Inglese ma poveretto è sempre
    lasciato solo come un cane randagio 🐶 e
    questo grazie al non gioco che abbiamo.
    La nostra speranza ora è nel culo.
    Se ci abbandona pure lui sarà dura.
    Il Chievo pur retrocesso a Bergamo ha dato
    l’anima ha dimostrato di avere solide 🍒
    Per noi quelle cose 🍒 sono inarrivabili
    A me D’Aversa non piace
    Non mi piace il suo gioco
    è ho il coraggio di dirlo.
    Non sa caricare e motivare i giocatori
    È spento 🐑 non ha 🔥 nelle vene
    Fa poi figli e figliastri e questo non va bene
    in un gruppo che dovrebbe essere coeso.
    No così proprio non va caro Mister. 😈 😈 😈
    Adesso vediamo cosa fa con l’Atalanta
    e con il Frosinone ma se non porta a casa
    nemmeno un punto va esonerato
    perché se aspettiamo
    ancora un poco poi
    sarà tardi ⛔ ⛔ ⛔
    Con questa,squadra in casa ha battuto
    troppi record negativi e con il
    calendario che abbiamo
    con il gioco che abbiamo
    con figli 👶 e figliastri 🐍
    non si va da c nessuna parte.

    Oggi je sui DEZI 💕 😘

    • 20 Marzo 2019 in 15:20
      Permalink

      Beh…. ricordiamoci che qualcuno all’inizio aveva messo Siligardi fuori squadra ed è rientrato solo per intervento di Pizzarotti. Luca si sta rivelando infatti uno dei migliori fino a qui…. Fosse che non fosse che qualcuno non riesce a giudicare tecnicamente in modo corretto gli elementi della rosa?

  • 19 Marzo 2019 in 20:25
    Permalink

    Jdm perché ti sei buttato nel 🚽 Wc
    Amico mio non dovevi farlo, ti voglio bene ❤
    Perché porca bestia voler andare n in fogna.
    La mia unica speranza è che non hai ancora tirato lo sciacquone.
    Ciao amico mio 💋 💕 💕 💕

  • 19 Marzo 2019 in 22:00
    Permalink

    A parte la parte su Dezi, articolo che condivido dalla prima all’ultima riga. Finalmente qualcuno che ha il coraggio di dire che semplicemente il nostro non gioco non funziona più, altro che il fatto che siamo diventati troppo offensivi (lol!).

  • 19 Marzo 2019 in 23:03
    Permalink

    Brava,Tatiana finalmente molti la pensano
    come me 😇 😇 😇 😇 😇
    Dicono che le donne non capiscono.niente di
    calcio.invece ne capiscono più di noi ❤ ❤ ❤
    Condivido tutto, ho letto solo.ora l’articolo.
    D’Aversa si deve dare una regolata 🕒
    I giocatori lo stesso 🕒 stesso
    A fine campionato tireremo.le somme.
    IL NOSTRO CAMPIONATO INIZIA CON L’ATALANTA
    😈 😈 😈
    Quello che è stato è stato.
    Ora si azzera tutto.
    Si riparte da zero.
    A fine campionato poi decideremo se
    l’allenatore può rimanere e quali giocatori
    tenere e quali farli andare a giocate
    nelle serie inferiori avendo fallito
    LA SERIE A ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    Adesso basta ⛔ ⛔ ⛔
    Dopo tante gite fuori porta ingiustificate
    ora bisogna tirar fuori.le 🍒
    Le devono.tirar fuori i giocatori ed
    anche D’Aversa deve meritarsi il rinnovo
    se rinnovo ci sarà facendo quello che sembra
    non riuscire a fare 😈 😈 😈 😈
    motivare i giocatori,
    dare un gioco a,questa squadra
    e non fare figli e figliastri
    DEZI È LA BUCCIA DI BANANA SU CUI E
    È CADUTO D’AVERSA 🍌 🍌 🍌
    Io non concepisco questo tirare i remi.in barca
    quando.la salvezza non è ancora stata raggiunta
    da parte dei giocatori ed anche da parte del Mister
    che in quest’ultimo periodo sembra abbia
    una tempesta emotiva ⚡ ⚡ ⚡
    facendo scelte assurde e facendo
    giocare la squadra
    in un modo che non sta
    né in cielo né in terra
    e nemmeno sulla luna🌙
    Ora cari giocatori e caro allenatore
    siete tutti in discussione.
    La società non deve guardare in faccia
    a nessuno e deve colpire senza pietà. 😈 😈 😈
    Con l’Atalanta chi non da il
    130% uscendo dal terreno di gioco
    con la maglia inzuppato di
    sudore, non deve giocare la partita dopo
    CHIUNQUE ESSO SIA
    ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    e se D’Aversa fa ancora cazzate alla Dezi
    deve essere simbolicamente dalla
    società nel silenzio degli spogliatoi appeso
    a un gancio dello stesso.
    La pacchia è finita
    FUORI LE PALLE 🍒 se c’è le avete
    D’AVERSA compreso

  • 20 Marzo 2019 in 10:38
    Permalink

    😈 😈 È stata pubblicata su France Fotoball
    la classifica dei migliori allenatori
    di tutti i tempi
    Al primo.posto MICHEL 🔥
    Al secondo FERGUSSON 🔥 🔥
    Al terzo SACCHI 🔥 🔥 🔥 e al
    999.765 posto D’ AVERSA 😁 😁 😁

  • 20 Marzo 2019 in 16:53
    Permalink

    Invece di star dietro a Velenoso che è utile come una forchetta per tirar su il brodo, ritengo interessante pubblicare le quote salvezza degli ultimi anni..non so se il buon Moroski l’ha già fatto..in tal caso mi scuso… per una volta, dato che er direktor ricorda sempre di citare le fonti, giusto dare il merito a https://www.tuttomercatoweb.com/parma/?action=read&idnet=cGFybWFsaXZlLmNvbS0xNTA0NDI

    Serie A 2000-01* Reggina 37
    Serie A 2001-02* Hellas Verona 39
    Serie A 2002-03* Atalanta 38
    Serie A 2003-04* Perugia 32
    Serie A 2004-05 Bologna 42
    Serie A 2005-06 Lecce 29
    Serie A 2006-07 Chievo 39
    Serie A 2007-08 Empoli 36
    Serie A 2008-09 Torino 34
    Serie A 2019-10 Atalanta 35
    Serie A 2010-11 Sampdoria 36
    Serie A 2011-12 Lecce 36
    Serie A 2012-13 Palermo 32
    Serie A 2013-14 Catania 32
    Serie A 2014-15 Cagliari 34
    Serie A 2015-16 Carpi 38
    Serie A 2016-17 Empoli 32
    Serie A 2017-18 Crotone 35

    *campionati con 4 retrocessioni

  • 20 Marzo 2019 in 16:59
    Permalink

    PS. UNA NOTA: IN TABELLA SI RIPORTA L’ULTIMA RETROCESSA ANNO PER ANNO ED I PUNTI REALIZZATI DURANTE LA STAGIONE.

  • 20 Marzo 2019 in 18:28
    Permalink

    ergo, a occhio e croce, facendo la media degli ultimi 10 anni.
    a 34,5 ci si salva !!!!!!!

    diciamo 36 punti …..e andiamo in vacanza

    giusto ??

    • 20 Marzo 2019 in 20:20
      Permalink

      Occhio alle medie perché a mettere la testa nel microonde e i piedi nel freezer la temperatura media è ottima, ma in realtà si crepa…

      • 21 Marzo 2019 in 12:45
        Permalink

        Mi piace la battuta, hai ragione pure tu ma, la statistica dice questo e, in tutti i casi, secondo me ….con altri 4 punti da ora…..saremo salvi a metà aprile ….SALVO COSE STRAORDINARIE …

        ma, io dico anche che non sto qui a preoccuparmi della salvezza …..10 gare, li faremo 7..8 punti ?
        e chi ci viene a prendere ???

        • 21 Marzo 2019 in 13:46
          Permalink

          Sono ottimisticamente d’accordo con te al di là della battuta

    • 21 Marzo 2019 in 11:04
      Permalink

      La tabella è errata perché al posto di riportare l’ultima retrocessa meglio vedere la prima salva quanti punti aveva

      quinti
      2017-2018 38 Spal
      2016-2017 34 Crotone
      2015-2016 39 Udinese
      2014-2015 37 Atalanta
      2013-2014 34 Sassuolo

      Questa media fa 37 (36,4) non 36..

      • 21 Marzo 2019 in 12:03
        Permalink

        Se uno si mette a far la media
        sui punti che ancora mancano
        per una salvezza data certissima
        al termine del girone di andata
        per lui il Parma è messo male.
        😈 😈 😈
        Quando qualcuno farfugliava
        parlando di Europa Leagle come se
        quello fosse il nostro 🆕 obiettivo
        e io invece scrivevo che al termine
        del campionato saremmo andati in
        Europa Leagle solo capovolgendo
        la classifica. ⚡ ⚡ ⚡
        venivo contestato e offeso 📴
        Eccovi ora serviti non su un 🍛
        d’argento ma su un piatto di ferro
        arrugginito una salvezza incerta
        ancora tutta da conquistare dove
        cari i miei polli, 🍗 🍗 patirete fino alla
        penultima partita come bestie 🐮 🐮 da
        macello ELEMOSINANDO al Tardini
        un punto ala Fiorentina che a due
        giornate dalla fine non avrà più stimoli
        arrivando così a quota 38 e facendo
        così a Roma nell’ultima giornata
        un’altra gita fuori porta 🚪 come da
        prassi ormai consolidata nel tempo
        che sarà la quota minima 😢
        per salvarsi e rimanere in serie 🅰
        E alla fine diremo festanti in coro
        ” Ci siamo salvati per il rotto
        della cuffia”

  • 20 Marzo 2019 in 19:29
    Permalink

    Invece di star dietro a PAOLONETTO che è utile su questo.lo come
    un pettine per un calvo 🐑 🐑 🐑 ritengo.interessante nel far capire quelli che vedono il🍷 sempre pieno, anche quando questo è vuoto che nella vita c’e sempre una prima volta e la quota salvezza potrebbe essere anche a 43 punti 🌍 🌍
    L’ha stabilito il Padreterno che la salvezza è a 40 punti? ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    D’altra parte nel campionato 04-05 con 42 punti il Bologna fu retrocesso e allora perché non.potrenbe succedere anche quest’anno. 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈
    Scommetto che anche allora c’era il PALLONETTO di turno che sbraitava che la salvezza era a 36 punti e poi l’ha presa…. in quel posto dove non batte il sole. ☀ ☀ ☀
    I numeri lasciano il tempo che trovano 🃏 🃏
    Bisogna vincere partita dopo partita facendo il lavoro per cui si è pagati altrimenti si è dei mangia 🍞 a tradimento e la ➕ che debbono portare i tifosi si ritorcera’ su di loro come un boomerang.

  • 20 Marzo 2019 in 20:54
    Permalink

    Tutti matematici qui dentro! Ma chi è al confronto Otifreddi?
    A occhio e croce direi che 40 punti sono meglio di 36,5…

  • 20 Marzo 2019 in 21:52
    Permalink

    Non so quale sarà la quota salvezza ma con L esonero di iachini e Nicola si è sicuramente alzata

    • 21 Marzo 2019 in 00:19
      Permalink

      Gabriele da quando gli allenatori fanno alzare la quota salvezza? 🤣

  • 21 Marzo 2019 in 08:36
    Permalink

    L’ho detto e lo ripeto 😈 😈 😈
    Il mio computer da la
    quota salvezza a 38 punti 😇 😇
    a 37 si retrocede 😈 😈
    E IL MIO COMPUTER
    con un programmino
    oserei dire,ALIENO 👽 👽 👽
    non ha mai FALLITO
    Noi ci salveremo alla penultima
    giornata in casa con la
    🌸 NTINA strappando un pareggio
    Prima patiremo come
    bestie al macello.

  • 21 Marzo 2019 in 09:24
    Permalink

    Domani insieme a XiJinping e al gotha degli imprenditori mandarini viene a Roma anche il nostro ex cinese?O è impegnato a cambiare qualche vetro di iphone in stazione a Piacenza?

  • 21 Marzo 2019 in 09:40
    Permalink

    Molti vogliono sapere
    chi si.nasconde dietro
    ViELENOSO. 😈 😈 😈
    Dite a………Gene Gnocchi..
    Ah ah ah ah
    🍷 🍷 🍷 🍷 🍷 🍷

  • 21 Marzo 2019 in 17:11
    Permalink

    Domani aL Fidenza Village
    alle ore 17 CI SARANNO
    DIVERSI GIOCATORI DEL PARMAhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gif
    SE NON NE DATE COMUNICAZIONE
    tifosi ce ne saranno pochi
    iO CI SARO’ IN PRIMA FILA

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI