PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / Lazio aquila reale, Parma uccellino di Del Piero… (Articolo Silenzioso n. 2)

Nel secondo  articolo silenzioso del Campionato si contempla:

sabato 16/03 ore 23.00, dopo le prime 4 gare d’anticipo mi ritrovo a guardare gli avversari dietro di noi:

2-1 CAGLIARI -FIORENTINA
3-5 SASSUOLO-SAMPDORIA
2-1 SPAL-ROMA
2-3 TORINO-BOLOGNA

Tutto questo in attesa delle gare successive ma, mi pare di capire che, in molte, hanno fatto risultato: oggi ci è andata male, molto male, galline in trasferta in altro pollaio, e nemmeno in fuorigioco !!!!!

* Gli altri risultati del 28° turno, 9^ di ritorno (meno 10 alla fine) *

2-0 GENOAJuventus  (Domemica 17/03 ore 12.30)
1-1 AtalantaCHIEVO
2-1 EMPOLI-Frosinone
4-1 Lazio-Parma
4-2 Napoli-UDINESE (ore 18.00)
2-3 Milan-Inter (ore 20.30) 

*** Lazio-Udinese  ( da recuperare )***

mauro morosky moroni marzo 2019Altro articolo silenzioso (dopo quello successivo ad una vittoria). Vista la gara, anche oggi, commentate voi la prestazione e la partita del Parma: io mi accontento solo e sempre della classifica, ma propongo un suggerimento: Parma, svegliati, cambia ritmo e regime, non sempre va bene quando, in campo, non si fa nulla per essere squadra competitiva, compatta e combattiva; poi, si sa, io sono poco umile, presuntuoso, non ne capisco molto, ma non rischiate troppo, lì, dalle parti di Collecchio, la buena suerte non è sempre a favore, a volte, il vento potrebbe cambiare direzione: sono sempre arci convinto della salvezza, da acquisire, ma non scherziamoci troppo sopra: ATALANTA in casa e trasferta a FROSINONE, occhio alla penna, anzi, facciamo così: SALVIAMOCI E POI FATE PIAZZA PULITA DI TUTTE LE RISORSE CHE NON SERVONO, DAL PRIMO ALL’ULTIMO SENZA GUARDARE IN FACCIA NESSUNO, DALLA A ALLA ZETA,  cavolo, lo si vuole capire o no?
Per un anno e mezzo ho predicato “lasciamoli lavorare”, ma se dopo tale periodo, se dopo 100 partite siamo messi così, lasciamoli lavorare, si ma, in tel tomachi, in un altro podere però:e smettiamola di continuare a difendere l’indifendibile!

In collegamento Sky Tv, in diretta live dalla sede di  Via Zarotto Channel allo Stadio Olimpico di Roma, col fido Alberto (che appena sbagliano due passaggi si inca$$a di brutto) il quale, sul 4-0 se n’è tornato a casa, incavolato nero: ci siamo fatti anche questa trasferta TV eno-calciofila, ci leggeremo la prossima gara, col campionato fermo per le qualificazioni della Nazionale, una delle quali proprio a Parma.

Sempre in alto il gioco del Parma, avanti così, chi si contenta gode, a dire il vero, poc, second mi,

Vi saluto cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

23 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / Lazio aquila reale, Parma uccellino di Del Piero… (Articolo Silenzioso n. 2)

  • 18 Marzo 2019 in 12:44
    Permalink

    E’ stato dett oche Micio Melandri e Riccardo Musetti non erano da serie C, e non sono stati confermati.
    E’ stato detto che Nocciolini ed Evacuo non erano da serie B, e non sono stati confermati.
    E’ stato detto che Baraye e Scavone non erano da serie A, e non sono stati confermati.Adesso bisogna riconoscere che DAversa non è un allenatore da serie A. Non confermarlo per l’anno prossimo.
    Tutti I limiti sono venuti fuori, assenza di gioco, scarsa personalità, incapacità a leggere le partite e cambiare in corsa con le giuste sostituzioni, incapacità di motivare la squadra, prestazioni imbarazzanti…
    Ringraziamo il mister per le due promozioni, per essere stato parte di un gruppo che ha raggiunto risultati importanti, ma con DAversa non possiamo crescere più… Questo è molto evidente.
    Oramai ci salveremo, mancano 10 partite e fra figure imbarazzanti e colpi di fortuna 4 o 5 punti riusciremo a raccimolarli.
    Per l’anno prossimo già comincierei a muovermi valutando allenatori che sanno costruire gioco in base agli elementi che hanno a disposizione cominciando a valutare profile come DiFrancesco, Guidolin o Donadoni

    • 18 Marzo 2019 in 14:23
      Permalink

      caro Lukfur,

      sui giocatori da te citati (aggiuno Corapi ma ce ne sono anche altri..) ho scritto più volte, il punto è che Faggiano ha fatto piazza pulita dei giocatori NON da lui acquistati, purtroppo è andata così, lui difende a spada tratta SOLO i suoi acquisti, secondo me chi c’era prima di lui NON aveva sbagliato completamente tutto…

      noi tifosi non possiamo dire nulla.
      muti e rassegnati.
      se lo notiamo e lo scriviamo veniamo definiti fenomeni da tastiera.
      se scriviamo domande dirette all’interessato su tvparma non vengono lette.

      questo è quanto.
      e anche in questo caso, mi manca molto il Direttore, che “sapeva metterci il naso” ed aprire interessanti spunti di riflessione..
      così come oggi mi manca “Calcio&Calcio”.

      concordo con i nomi di mister da te citati (che ho scritto anch’io ieri sera) ma temo la società creda ciecamente in mister D’AV.

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

      • 18 Marzo 2019 in 14:39
        Permalink

        Il principio è che nella crescita del parma calico 1913 abbiamo dovuto salutare tanti personaggi che hanno fatto anche bene. Come un missile che per entrare in orbita deve consumare e sganciare il primo, il secondo ed il terzo stadio…. Ora per continuare a crescere il parma deve per forza cambiare la guida tecnica. DAversa sono 100 partite che gioca così, non cambia di un millimetro, non cresce lui come allenatore, rimane uguale a se stess. Ricordate la monoidea? un unico schema, anche nelle sostituzioni. ciò va bene ma solo per un po. Adesso come Musetti, Melandri, Corapi, Nocciolini, Baraye, Pippein Calaiò etc… deve iniziare a far parte del passato. Grazie mister (ripeto) per le due promozioni, ed anche per la salvezza di quest’anno… ma adesso è ora di crescere ancora un po…

        • 18 Marzo 2019 in 15:30
          Permalink

          comprendo Lukfur…
          ma…
          il bilancio costi-risultati (come punti e NON come GIOCO) sono hainoi a favore del mister.

          la società, QUESTA SOCIETA’, a differenza dei tifosi dal palato fine come noi, NON punta all’estetica e allo spettacolo ma al concreto (i punti).

          pertanto…
          rassegnamoci.

          http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 18 Marzo 2019 in 13:14
    Permalink

    Chi pensa che DAversa possa crescere o cambiare è un illuso! se non lo ha fatto dopo 3 anni e 100 partite non lo farà mai. sono 100 partite che gioca sempre così, con un solo modulo ed una sola idea. 10 giocatori dietro la linea della palla, poi lancio in avanti alla viva il parroco sperando che qualcuno ci metta del suo e segni.
    Ha vinto qualche partita? beh…. anche un orologio rotto due volte al giorno segna l’ora esatta

    • 18 Marzo 2019 in 14:27
      Permalink

      ho avuto un dejavù?
      hai fatto copia incolla di altro tuo messaggio su altro articolo, dovrei fare copia incolla della mia risposta se non l’hai letta.

      dobbiamo rassegnarci.
      la società, almeno, questa società (unitamente al Dir. Faggiano) credono in mister D’AV.

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

  • 18 Marzo 2019 in 13:16
    Permalink

    Il colmo della mancanza di idee e schemi? Avete mai notato Scozzarella che corre in orizzontale a metà del campo???? E si è visto tante volte…

  • 18 Marzo 2019 in 13:21
    Permalink

    Per l’amor di Dio. Osso no. Lasciamo lui è Carpino a fare danni da altre parti. E il Don Guidolin dopo tutta la m…a che ci getta addosso quando fa la telecronache su DAZN per me può stare sul Mortirolo con la sua bici. Ok si Di Francesco ma con un mercato fatto finalmente in un certo modo.

    • 18 Marzo 2019 in 14:35
      Permalink

      concordo,
      le sue telecronache sono un pò acide contro il Parma..

      DiFra ottimo nome.
      non dimentichiamoci però del discorso INGAGGIO.

      DiFra, sotto contratto con la ROMA per un’altro anno, percepisce 7 VOLTE quanto percepisce D’AV.

      D’AV è uno degli allenatori più “ECONOMICI” della serie A, se dovessimo fare un rapporto punti/ingaggio è sicuramente il migliore in serie A.
      ripeto: IL MIGLIORE.
      anche senza gioco, schemi, ecc. ecc.

      se guardiamo l’INGAGGIO e il tipo di lavoro espresso (miglior gioco di squadra) il nome è solo uno: ANDREAZZOLI che percepisce meno di D’AV (-15%).

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

      • 18 Marzo 2019 in 14:44
        Permalink

        C’è una cosa che devo dire: per me Guidolin è stato un ottimo allenatore e ricordo bene le campagne a suo favore fatte solo da questo sito (e prima ancora da Settore Crociato) quando invece altrove era tutta una critica, anche perché gli esperti di dove tira il vento avevano perfettamente capito che non era nelle grazie di Leonardi che non a caso pochi mesi dopo portò il “suo” Marino (che non lasciò ricordi indelebili).
        Ricordo perfettamente che il CCPC avrebbe dovuto premiarlo (dopo regolare votazione) dol Tardini d’Oro o qualcosa del genere, ma che poi tutto saltò appunto perché non era stata una designazione gradita al governo del club dell’epoca…
        Quindi adesso quando vedo il pullulare di nostalgici di Guidolin mi scappa da ridere…

      • 18 Marzo 2019 in 15:00
        Permalink

        sempre sul discorso SOLDI, SOLDI, SOLDI…

        La SPAL, penultima come monte ingaggi a 21 mln (nota: l’Empoli è fanalino di coda con 16 mln) sabato ha battuto la Roma (monte ingaggi 100 mln, 5 volte tanto) per 2-1

        pertanto..

        l’allenatore della Roma Ranieri ieri in conferenza stampa ha punzecchiato i suoi giocatori

        > Mister, ha la percezione che i tuoi giocatori si stiano giocando il posto nella Roma?
        > E’ quello che ho detto loro. Se la Roma va in Champions c’è un programma, se non si va in Champions si cambia aria in parecchi. Devono meritarsi quello che guadagnano. Abbiamo perso con una squadra che guadagna meno, è stata più umile e determinata.

        fonte:
        https://www.pagineromaniste.com/ranieri-non-siamo-stati-squadra/

        tornando al PARMA…

        il PARMA come monte ingaggio ha 24 mln, il 15.mo in serie A, se valutiamo la classifica (11.mo) sotto questo aspetto, stiamo andando oltre ogni rosea previsione!!!

        nb: anche l’ingaggio di mister D’AV è al 15.mo posto in serie A tra gli allenatori in servizio (escludendo gli esonerati ancora stipendiati) pertanto, il bilancio, sotto questo aspetto, CONSIDERANDO SOLO I PUNTI (e non il GIOCO), è molto POSITIVO.

        IL PARMA come posizione monte ingaggi giocatori e allenatore E’ IN LINEA CON IL BUDGET SPESO, ANZI… STANDO AI NUMERI, STA ANDANDO ALLA GRANDE!!!

        ora..
        cosa ne pensate?

        http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

      • 18 Marzo 2019 in 15:04
        Permalink

        Hai azzeccato la questione: possiamo anche mandare via D’Aversa che bene o male sta conducendo in porto una salvezza tranquilla ma poi chi credete che potremo prendere? O si fa un’altra scommessa su un allenatore emergente nelle categorie inferiori…magari la si vince anche ma statisticamente gli allenatori la prima in A la bucano, persino gente come Allegri e Conte furono esonerati con Cagliari e Atalanta, e lo stesso Ancelotti da noi a Parma ci andò vicino…Altrimenti si punta sui soliti noti alla Donadoni, Iachini e compagnia bella (Dio ce ne scampi), ma se è il “gioco ” che volete… Di Francesco? Sì, aspetta e spera…E perché a un De Zerbini(a parte che a me non piace nemmeno) chi glielo fa fare di mollare il Sassuolo per andare a guadagnare meno? Volete i Grosso? I Nesta? I Bucchi? Auguri…Io personalmente mi tengo D’Aversa un altro anno, con una squadra che andrà però parecchio rinforzata e alla quale anche a livello societario dovrà essere trasmessa una mentalità più vincente, perché figure come quelle di ieri rimangono inaccettabili .

  • 18 Marzo 2019 in 14:52
    Permalink

    Riguardo a Big Daniele ed al mercato in generale non sono insoddisfatto, anzi.
    Big Daniele ha completato in C la squadra di Minotti e Galassi, tamponando con Iacoponi, Scozzarella, Munari etc…
    In B ha rinforzato con DiGaudio, Gagliolo, etc… gente esperta che doveva performare solo un anno o due per raggiungere l’obiettivo, la promozione.
    Quest’anno, pur con budget limitatissimo ha preso giocatori ottimi, vedi gervinho in primis.
    Ringraziamo pertanto innanzitutto la società, che contrariamente a quanto sostengono I “pocionisti” ha sempre messo a disposizione un budget più che sostazioso, in modo da acquistate ottimi giocatori per la categoria, fornendo al mister DAversa squadre super competitive che potessero sopperire alla sua inesperienza e carenze tecniche.
    Sepe, è un ottimo portiere, e lo ha dimostrato all’inizio, quando le motivazioni erano al Massimo, compiendo parate eccezionali e salvando il risultato molte volte.
    Le statistiche lo davano com il portiere con più interventi determinant di tutta la serie A.
    Ora ritengo si sia scassato le cosiddette, stufo di giocare in una squadra sonza gioco, che lascia possesso palla per 80 minuti su 95 agli avversari, trovandoseli sempre perciò davanti.
    In questa parte della stagione conteranno molto le motivazioni, vedi bologna empoli chievo Cagliari e genoa, che hanno ripreso a muoversi in classifica, mentre noni ci siamo rammolliti pensando di aver già raggiunto l’obiettivo salvezza.
    E anche questa è una responsabilità del mister, che non riesce più a motivare la squadra, avendo già suonato il rompete le righe e mandato tutti al mare….
    Sarà pertanto interessante vedere se nelle prossime giornate il mister avrà gli attibuti per ricompattare la squadra e ridare carica e motivazione…. ma ne dubito.

    • 18 Marzo 2019 in 15:24
      Permalink

      scusami ma…

      se Sepe è davvero un ottimo portiere, (tu scrivi “e lo ha dimostrato all’inizio, quando le motivazioni erano al massimo”) e sta attraversando un periodo negativo, che ci può stare dopo 28 partite da titolare, senza motivazioni, perchè non sostituirlo facendolo riposare e ri-motivare?

      le alternative (Frattali, Brazao) forse NON sono all’altezza?

      allora è stato commesso un errore nel completare la rosa portieri.

      o no?

  • 18 Marzo 2019 in 15:02
    Permalink

    Allora non offendendiamo ma in democrazia
    lasciamo la parola a tutti anche se uno.non.la
    pensa come ilmoderatore
    altrimenti.non è democrazia ma
    DITTATURA ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    SE uno dice una cosa scomoda che non è
    gradita e condivisa al moderatore e questo la censura
    È DITTATURA
    Su questo penso anche il dittatore
    pardon il.moderatore sia d’accordo. 😘
    Da quello che si sente tra i tifosi si notano diverse cose.
    che penso nessuno potrà negare.
    1) Non c’è gioco 😈 😈 😈 😈
    Guardate qualsiasi partita.
    Un giocatore del Parma con la palla
    tra i piedi non sa a chi darla.
    Notate si ferma si guarda spaesato
    intorno.e poi la tira a casaccio.
    Diciamo che
    NON GIOCHIAMO A MEMORIA.
    Tre passaggi di fila in rapida successione
    non riusciamo mai a farli 😈 😈
    C’e qualcuno che ha il coraggio
    di contestare quello che dico?
    2) il nostro Mister ha idee confuse.
    Come si fa a far giocare Biabiany come
    centrocampista quando hai Dezi e Machin
    in panchina. ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    Perché li tieni in.panchina,se nel momento
    del bisogno.non.li fai giocare.
    Perché allora li hai voluti?
    Non credi a loro?
    Ci può stare ma allora come si spiega
    il fatto che sul 4-0 non li provi?
    Li hai voluti e cazzo li devi.provare.
    Addirittura poi sul 4-0 metti un difensore in.piu’
    togliendo un attaccante? 😈 😈 😈 😈 😈
    I casi sono due o temi di prenderne altri 4 e finire
    la gita fuori porta sul 8-0 oppure speri nella rimonta ma allora
    mettendo un difensore per una punta sembra che più che pareggiare. temevi di prenderne 8 e allora ti sei coperto.
    3) La squadra non viene motivata
    Non ha,stimoli 😈 😈 😈 😈 😈
    Non ha fame 😈 😈 😈 😈 😈
    Non ha palle 😈 😈 😈 😈
    Non corre 😈 😈 😈 😈 😈
    Non pressa 😈 😈 😈 😈 😈
    Ha paura 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈
    Rispetto per quei 500 tifosi
    che sono andati fino aroma
    per incitarli.
    Loro non erano.in gita
    VOI INCVCE SI. ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    IERI sembrava una partita di
    allenamento fatta al mercoledi’
    tra la,Lazio e la squadra primavera
    ma dimenticavo.
    ERAVATE IN GITA…..fuori porta
    Non dico altro 😈 😈 😈 😈

    • 18 Marzo 2019 in 15:17
      Permalink

      e la Lazio, a mio avviso, nel secondo tempo ha rallentato contenendoci, altrimenti ce ne faceva veramente 8.
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif
      altro che “secondo tempo del Parma migliore del primo” per merito nostro…
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif
      il nostro gol nasce su un “regalo” loro, non dimentichiamolo.
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 18 Marzo 2019 in 15:34
    Permalink

    Direttore io il Don per come gestisce le telecronache in cui ci troviamo a giocare, ripeto lo lascio volentieri sulla piattaforma web tv russa. E penso anche che sia ora c’al vaga in pensiò, essendo per altro un fan di Zamparini di cui ho sentito tessere le lodi

  • 18 Marzo 2019 in 15:41
    Permalink

    A Parma da anni vige IL PENSIERO UNICO.

    Viviamo in una pseudo sistema apparentemente filo-democratico,

    ma in realtà quando si assiste ad una partita del Parma,

    si assiste ad una parata militare coreana “nordista”,

    e se sei molto fortunato ti trovi a fianco uno

    di quei tifosi viscidi e lecchini con un finto sorriso,

    che applaudono tutto e tutti anche la security…..

    Ave, Caesar, morituri te salutant…………..

  • 18 Marzo 2019 in 16:52
    Permalink

    Per gli amanti della statistica segnalo che nel girone di ritorno abbiamo segnato 13 gol subendone ben 21. La peggior difesa della serie A, subendone due in piu del Chievo, 4 in più dell’Empoli e 5 in più del frosinone.
    Praticamente subiamo 2.3 gol a partita. E pensare che la difesa dovrebbe essere I lfiore all’occhiello del mister….

  • 18 Marzo 2019 in 19:12
    Permalink

    Troppe censure
    Avete esagerato
    Penso che dovro’ lasciarvi.
    Avevo ultimato il discorso di Lukfur
    Se c’era un post che non andava cestinato.era questo.
    Non ho detto niente di sconveniente
    Non ho offeso nessuno è
    non mi sono ripetuti
    Ho detto sole cose giuste
    Io sono così
    Prendere o.lasciare
    Sono.offeso

    • 18 Marzo 2019 in 20:44
      Permalink

      no dai, non fare così.

      è proprio nei momenti difficili che dobbiamo ricompattarci e pensare tutti all’unisono allo stesso obiettivo che si chiama Atalanta.

      FORZA \+/ PARMA

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 18 Marzo 2019 in 22:03
    Permalink

    Come ho detto questa mattina a dei miei colleghi, “possiamo sperare solo in qualche botta di culo perchè ormai il gioco con questo allenatore è una chimera”.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI