CARMINA PARMA, di Luca Savarese / Bum bum Zapata. Parma, ma che fine hai fatto?

Luca Savarese(Luca Savarese) – Lunch match. Partita di pranzo, ma alla fine mangia solo la Dea che fa razzie, che lascia, al Parma, solo le briciole, dopo che i Crociati avevano trovato, per primi, il vantaggio. Sembrava una di quelle gare dove dopo aver trovato il ristoro del gol si viaggia tranquilli sull’autostrada di una certa tranquillità. Sembrava. Si perché presto cambiano le segnaletiche. Pasalic, dopo aver innescato la corsa con rete di Gervinho, vuole subito redimersi. Ci riesce. Sterzata, in area, tiro, Sepe non proprio irresistibile nella circostanza. Pari. La macchina Parma così si ritrova subito in un ingorgo, quando il suo viaggio, era appena cominciato. Gasperini, maestro di teste prima che di piedi, fa distendere i suoi come un elastico armonioso: ficcanti dietro, tonici in mediana, prestanti davanti. Ah, come gioca la Dea! Avrebbe detto Maurizio Mosca. E come gioca invece il Parma? Tutti serrati e via a sfornare ripartenze. Virtù nella prima parte di stagione, habitus tatticus, ora come ora,  un po’ scontato. Ha ragione Roberto Cravero, che dai microfoni Dazn, commenta: “Il Parma dovrebbe trovare un piano alternativo, perche’, adesso il suo metodo, lo conoscono un po’ ceravolo atalanta parma 31 03 2019tutti”. Anche se questo commento è pure un po’ scontato, visto che lo fanno tutti, anche in strada… La via del contropiede andrebbe anche bene, però se hai una palla gol, devi, gioco forza, metterla dentro. Il Parma ce l’ha. Con Ceravolo, mandato davanti a Gollini da una genialata di Gervinho. Ma il numero 9 spara addosso a Gollini. E pensare che Calaiò è finito a Salerno… E pensare che ieri Baraye è risultato uno dei migliori in campo nell’acceso derby patavino tra Cittadella e Padova. La ripresa continua ad essere una carreggiata aggrovigliata. La vettura Parma è spompa, fa fatica anche a far cio’ che le riesce meglio: ripartire. C’e’ da fare i conti anche con un caldo quasi orrido visto il cambio d’ora, che ricorda le partite di Usa 94. Si perdono tante energie, ci si continua ad idratare. atalanta parma slide savareseEsce Gervinho, che dopo aver timbrato il suo sigillo numero 10 (mai aveva fatto meglio) piano piano si scioglie come cono gelato sotto il solleone. Ma per sostituire lui chi getta nella mischia D’Aversa? Non Schiappacasse subito ma Gazzola. Cioe’ una gomma difensiva, che immette trazione posteriore a tutta la masnada. Il Parma si asserraglia nel tentativo di preservarsi. La dea ci mette pochissimo per sbranarla. Castagne, dopo aver vissuto un primo tempo sulla mancina, adesso e’ dirottato sulla destra. Assistenza precisa per Duvan Zapata, che buca Sepe. Piccole reminiscenze parmensi: quando un colombiano aveva la maglia del Parma e si chiamava Asprilla. Piccole reminiscenze calcistiche: quando l’Atalanta di Gasp si chiamava Parma di Scala. L’ingresso di Schiappacasse, al posto di un bigio Ceravolo, appare tardivo ed inutile. parma atalantaAndava messo forse prima, al posto di uno stracco Gervinho. Gomez, che nel gioco dei rimandi tra calcio e storia, se Zapata ricorda Asprilla, lui ricorda Zola, nella sua nuova veste di suggeritore, guida la truppa come fanno gli sciamani coraggiosi: gli bastano pochi tocchi, non ha mica bisogno di fronzoli. Su uno di questi tocchi, si avventa, indisturbato, ancora Zapata. Festeggia la dea, che tra andata e ritorno col Parma si cucca la posta piena: 6 punti. Mastica amaro il Parma, che pare aver smarrito la trebisonda, l’autostrada buona, la sua stima. Ultimo perche’, tra i tanti che sballonzolano nella testa: ma dar fiducia dal primo minuto a Sprocati dopo il gol della bandiera a Roma sponda Lazio? A proposito di Lazio, la prossima si va a Frosinone. Sperando, che il conducente D’Aversa ed i suoi passeggeri, escano presto da questo traffico scomodo: d’idee, di dettami tattici rivedibili, di motivazioni, da tirare a lucido. Luca Savarese

21 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / Bum bum Zapata. Parma, ma che fine hai fatto?

  • 1 Aprile 2019 in 09:48
    Permalink

    Senza Gervinho e Inglese purtroppo siamo una squadra da serie B, e di questo passo ci andremo sicuramente. Non è possibile fare ogni domenica cappelle clamorose, o di singoli o di reparto. Ogni giornata incassiamo dai 2 ai 3 gol a partita, quando dovremmo curare in maniera maniacale la fase difensiva per difendere con gli artigli e con i denti, il miracoloso vantaggio che abbiamo costruito (non si sa come a questo punto) nel girone di andata. Al primo gol incassato ci sciogliamo sistematicamente e spariamo dal campo. L’allenatore invece che dare una mano alla squadra non riesce ad incidere minimamente dalla panchina e i giocatori sono palesemente in apnea. Non dovessimo fare risultato a Frosinone,cosa al quanto probabile, è notte fonda e sarebbe qualcosa di clamoroso. L’immobilismo della società sarebbe a quel punto una grave colpa, altro che magnifici 7. D’Aversa è palese che non ci capisce più dentro niente, e mantenerlo al timone si sta rivelando una scelta catastrofica.

  • 1 Aprile 2019 in 10:07
    Permalink

    La sintesi di tutto è molto semplice ed il fatto che sia semplice in modo disarmante fa cadere le braccia per la superficialità in cui la società (o i suoi dipendenti questo non lo so) si è mossa. Fino alla partita con l’Udinese per una serie di circostanze favorevoli, sottostima mista a supponenza da parte degli avversari, gesti tecnici dei due/tre singoli in rosa da serie A (Gervinho, Alves, Inglese) ci siamo ben comportati, evitando di sostare in zona rossa, zona che necessita di grani energie psicofisiche per essere affrontata e la cui gestione non sarebbe stata alla nostra portata. I limiti erano però sotto gli occhi di tutti, ma quello che era chiaro anche a un infante era la fragilità del tutto, diciamo la casualità. Ogni risultato veniva infatti salutato con stupore, quasi con meraviglia, come una sgroppata di Gervinho o uno zero sul tabellino dei goal subito dopo n tiri in porta subiti. Le fragili basi su cui ci reggevamo erano ultriormente indebolite dalla scarsa tenuta fisica di due dei tre di cui sopra ovvero Inglese e Gervinho (su Inglese sarebbe interessante fare alcune considerazioni visto che ha giocato 2/3 delle partite con acciacchi, compresa una cagaglia prima di Parma Roma). Se a ciò aggiungiamo un Grassi mandato qui da Giuntoli rotto, oltre ai due interni di centrocampo (Stulac e Scozzarella) con la tenuta fisica di amatori del calcetto del lunedì ecco che una società minimamente attenta avrebbe dovuto accendere una spia rossa grossa come i giocatori dell’Atalanta. A luglio/agosto per le note vicende Cazzein/Spezia, cinese che non paga non hai potuto fare mercato se non con prestiti dell’ultimo giorno, presentandoti ai nastri di partenza con la ultima o penultima rosa della serie A (Rosea, etc.). Ti è andata bene, sei in comfort zone, ma DEVI sapere che sei lì quasi per caso, che ci saranno problmei prima o poi. Una società attenta cosa fa?Interviene con quei 3/4 puntelli che sarebbero stati INDISPENSABILI per gestire con buona tranquillità quel margine, ovvero una punta, un terzino e un altro centrocampista, visto che KUKO banalmente sostituisce numericamente porcellana ed ematoma Grassi. Nulla di che eh, nessun campione, ma 3 onesti pedatori di categoria. Invece cosa succede?In modo arrogante si fa un mercato ridicolo (Brazao penso sia una barzelletta, così come Machin e Schiappa), non prendendo quello di cui c’era bisogno e tenendo elementi assolutamente indadeguati evdi Dezi e Ceravolo. Il Cagliari ed il Bologna con un buon mercato ci hanno recuperato n punti. Adesso siamo con la cioccolata nelle braghe ad anadare a FROSINONE senza attaccanti con Siligardi e Ceravolo ricordando che in B entrambi non facevano una benedetta mazza. Qualcuno deve avere l’onestà di fare mea culpa.

  • 1 Aprile 2019 in 10:21
    Permalink

    Siamo diventati la barzelletta d’Italia.
    Abbiamo una società “fantasma”,
    un ds da orizzonti molto ma molto limitati,
    un tecnico da scuola calcio (forse sono stato ottimista),
    una tifoseria felice e contenta, basta bere birrette…
    e di giornalai veramente pupazzi di questa omertà.
    “VERGOGNATEVI”

    Che dire….se i 7 meravigliosi non sono più interessanti
    che si diano una mossa a vendere….
    perché è arrivato il momento di chiudere il cerchio.
    E le bugie hanno vita breve ed inevitabilmente la verità viene sempre a galla…..cari miei “SAPIENTONI”.

  • 1 Aprile 2019 in 10:30
    Permalink

    Ora si va a Frosinone
    senza l’attacco titolare 😈 😈 😈
    Fuori Gervinho Inglese e Biabiany.
    Visto che 2 gol come minimo
    li prendiamo da tutti
    ( unica eccezione col Genoa)
    col Frosinone oltre a non segnare
    ( Se non segna Inglese o Gervinho chi segna?)
    ne prenderemo minimo 3 quindi
    FROSINONE 3 😈 😈 😈 😈
    Parma 0 😈 😈 😈 😈 😈 😈

    LA RETROCESSIONE È SICURA
    oserei dire MATEMATICA.

    Sono mesi che lo dico
    PURTROPPO ma mai sono
    stato ascoltato 😈 😈 😈
    Perché si andrà in B?
    Vi elenco i motivi.
    La squadra tecnicamente ha giocatori
    validi e non siamo certamente
    inferiori a
    CHIEVO
    FROSINONE
    SPAL
    EMPOLI
    UDINESE
    CAGLIARI
    SASSUOLO
    ma purtroppo abbiamo
    1) 😈 Un allenatore che non ha mai
    saputo motivare la squadra e
    fare cambi giusti oltre a non dare
    un gioco alla squadra
    2) Un preparatore atletico che
    peggio non si può. 😈 😈 😈 😈
    La squadra sembra un
    PRONTO SOCCORSO permanente.
    e poi con i primi caldi oltre a
    essere
    ROTTI ⚡ ⚡
    siamo anche
    COTTI ⚡ ⚡
    Negli ultimi 15 minuti oltre a
    non riuscire quasi a respirare dalla
    stanchezza psicologicamente
    abbiamo una
    TEMPESTA EMOTIVA ⚡
    che ci paralizza e c’è la fa fare addosso..
    Ieri appena è uscito Gervinho
    siamo andati nel pallone
    Siamo crollati.
    La partita è cambiata come
    cambia il giorno dalla notte.
    Per la squadra Gervinho
    attualmente è l’unico che può
    segnare e senza di.lui la squadra
    ha vistosamente
    MOLLATO 😈 😈 😈 😈
    Ora per Frosinone non
    recuperare purtroppo 😈 😈 😈
    le energie spese e a Frosinone
    dove tutti hanno
    stravinto anzi sottolineo
    S. T. R. A. V. I. N. T. O
    perderemo di brutto. ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    Dopo 2 giorni ci sarà il
    TORINO e,anche lì, sconfitta
    annunciata 😈 😈 😈
    Inizieremo la partita con la
    lingua in fuori.
    Con la preparazione,atletica
    che abbiamo
    3 partite in una settimana
    per il Parma è come scalare
    L’ Everest
    Che fare ora?
    Ora niente.
    È

    T
    A
    R
    D
    I

    Se mi ascoltavano
    alla fine dello scorso campionato
    avevo suggerito alla società
    di esonerare il
    PREPARATORE ATLETICO
    e tutto il suo staff 😈
    dal primo all’ultimo.
    Non sono stato ascoltato.
    Ora per la B del prossimo
    anno non facciamo il
    PECCATO MORTALE di
    rinnoviamogli
    assolutamente il contratto
    😈 😈 😈 😈 altrimenti
    in B rimarremo a lungo.

    Un nuovo preparatore atletico
    sarebbe il colpo di.mercato
    del Parma Calcio1913 💕 💕 💕

    Purtroppo i più buoni se ne andranno visto
    che Inglese Bastoni e Di Marco non sono
    nostri e anche ,Gervinho se ne andrà
    dato chevha una clausola contrattuale
    che gli permette di andarsene a parametro
    zero se si retrocede

    Ora un pensierino finale agli ottimisti che
    vedono il bicchiere mezzo pieno anche
    quando questo è vuoto e asciutto.
    PREPARATEVI 😈 😈 😈
    A PATIRE COME BESTIE DA MACELLO.
    La retrocessione è SICURA AL 100%
    ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡

  • 1 Aprile 2019 in 10:51
    Permalink

    Ci salviamo e questa è una certezza!!!

  • 1 Aprile 2019 in 10:54
    Permalink

    Solo gente come voi, beccamorti, non hanno ancora realizzato che ci salviamo. Siete gente che disprezza una squadra che fino ad oggi ha fatto bene. Perdere con l’Atalanta ci sta. Alla fine del primo tempo in quanto ad occasioni eravamo meglio di loro e comunque la resa è arrivata all’80 minuto. Il Frosinone non è l’Atalanta e se giochiamo con grinta, anche con tutte le assenze, portiamo a casa punti, così come con il Torino.
    Torno a dire: CI SALVIAMO DI SICURO!!!
    FORZA CROCIATI, AVANTI TUTTA…

    • 1 Aprile 2019 in 12:41
      Permalink

      Accetto la tua provocazione Lele ⚡ ⚡ ⚡
      Allora ti faccio una domanda.
      Ammettiamo che perdendo con l’Atalanta ci può stare
      ma se perdessimo anche col Frosinone dove
      allo Stirpe hanno vinto tutti
      ci starebbe? 😈 😈 😈

  • 1 Aprile 2019 in 11:08
    Permalink

    Ho capito Lele, è un pesce d’aprile!C’ero quasi cascatoI
    Grande!
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yahoo.gif

  • 1 Aprile 2019 in 11:22
    Permalink

    Certo che ci salviamo….
    ma il discorso è più ampio….
    il prossimo campionato che si vuole fare?
    Di idee chiare né vedo poche,
    l’unica certezza è il SALDO A FINE GIUGNO.
    Chi pagherà gli stipendi “milionari” mia nonna in cariola?
    Qualcuno si è già permesso in società di preventivare
    il budjet di spesa per il prossimo campionato?
    O aspettiamo i saldi di fine agosto?

      • 1 Aprile 2019 in 12:59
        Permalink

        Sì, ma ne perdi oltre 40 di diritti televisivi. Un pessimo affare…

        Quindi evitiamo di scrivere delle castronerie più castronerie del solito. Grazie

        Il momento è delicato e serve che ci sia calma e sangue freddo in tutti.

  • 1 Aprile 2019 in 11:25
    Permalink

    Anche io spero nella salvezza ma il nostro presidente Pizzarotti DEVE ASSOLUTAMENTE darsi una Mossa
    D’Aversa va mandato via adesso prima che sia troppo tardi.

  • 1 Aprile 2019 in 11:43
    Permalink

    DI beccamorti prego ce n’è solo uno e scrive sulla Rosea e va ospite a Bar Sport. Non togliamoli il lavoro. Per il resto ovvio tutti speriamo di salvarci, etc. Ma penso sia anche doveroso dopo 14 goal presi in 4 partite, infortuni a catena e prestazioni imbarazzanti come Lazio, Napoli ed il secondo tempo di ieri accendere la spia dell’allarme rosso e fare delle riflessioni, per non ripetere nei prossimi mesi i medesimi errori. Le birrette e le beccate non devono coprire gli occhi con fette di parsut. Ieri cmq complice la bella stagione e l’ora pasto e forse il timpore per il Frosinone sarebbe stato necessario distribuire più pannoloni agli anziani perchè le latrine versavano in condizioni se possibile peggiori del solito.

  • 1 Aprile 2019 in 11:50
    Permalink

    Ci salveremo… ma velenoso ha ragione… cominciamo a cercare un nuovo mister adeguato alla categoria e nuovo preparatore atletico… Non siamo più in serie C ma in A e dobbiamo essere all’altezza

  • 1 Aprile 2019 in 11:55
    Permalink

    premesso che anche secondo me la salvezza non è in discussione, quello che non mi è piacito da febbraio in poi è il non utilizzo di alcuni elementi su cui per imposizione o scelta son rimasti, e altri che son arrivati:
    nella prima lista Dezi, Ceravolo, Sprocati che magari giocando un po’ avrebbero capito gli “schemi” (parola grossa comunque) del mister e forse sarebbero venuti utili in questa fase;
    nella seconda i diversi giovani arrivati e direi idem come sopra.
    questo riguarda il direttore d’ orchestra ovvero D’AVersa.
    non mi sono piaciute poi le critiche di parte della tifoseria su Sepe.
    per buona parte della stagione si è rivelato una gradita sorpresa. dopo alcuni episodi è diventato un bersaglio (in maniera immeritata) e le prestazioni sono sicuramente state inferiori.
    se non si ricuce meglio lasciarlo andare a fine stagione e puntare su Frattali perché non c è serenità.
    contro il Frosinone mi aspetto un goal fra Siligardi e Ceravolo.
    statisticamente deve arrivare!!! poi penso che sarà pareggio.

    • 1 Aprile 2019 in 12:54
      Permalink

      la salvezza va conquistata. E’ in discussione come ogni altra cosa. L’anno scorso di questi tempi nessuno pensava si potesse salire e invece Frosinone e Palermo si sono suicidate.
      Mercoledi è difficilissimo. Servono tripli coglioni. Il mister DUBITO abbia quelli base, visto che inserisce sistematicamente un difensore per una punta per paura di perdere … e perde ( peraltro lui è bravissimo a studiare la partita e a schierare la squadra base, ma veramente inesistente nel capirci qualcosa non appena l’avversario modifica leggermente l’impostazione v. ingresso di Reca ieri o il cambio della Spal o altre dieci situazioni almeno). I calciatori sono modesti. Vediamo se il D.S. fenomeno riesce a caricare a dovere l’ambiente. Giovedi potrebbe essere tardi. Forza e coraggio

  • 1 Aprile 2019 in 13:01
    Permalink

    Dare la colpa a D’Aversa fa comodo a molti,
    Puvret…ha un parco giocatori da amatori infrasettimanali,
    tranne un paio, che ad oggi sono infortunati,

    • 1 Aprile 2019 in 14:43
      Permalink

      Domenico ⚡ ⚡ ⚡

      Alves
      Gervinho
      Inglese
      Kucka
      Siligardi
      Non penso siano scadenti
      e che siano da amatori
      infrasettimanali…..
      Diciamo che da
      amatori infrasettimanali sono
      LO STAFF DEI PREPARATORI ATLETICI 😈 😈 😈

  • 1 Aprile 2019 in 14:52
    Permalink

    Se poi ci metti un allenatore in confusione la frittata è fatta

  • 1 Aprile 2019 in 18:09
    Permalink

    Anche uno che non capisce un cacchio di calcio dopo un po’ capisce come giochiamo. Solo il nostro mister non lo vede.
    Speriamo solo di “biscottare” qualche punto e di salvarci perchè di più non possiamo fare.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI