IL COLUMNIST di Luca Russo / LE SETTE NON FINALI (ANALISI)

il-columnist-luca-russo.jpg(Luca Russo) – Qualcuno, evidentemente a corto di fantasia, le definirebbe 7 finali: parlo delle ultime 7 partite di campionato da cui è atteso il Parma. Che io faccio fatica a considerare finali per due semplici ragioni: alle finali di solito ci si arriva dopo aver messo in riga le altre concorrenti e in genere a seguito di un cammino ai limiti del trionfale, e non mi pare che i Crociati ammirati di recente si siano prodotti in imprese da ricordare; le finali, per definizione, sono gare senza un domani, gli ultimi turni di campionato al contrario son legati tra loro da un filo molto sottile. Basta topparne uno per vanificare ciò che si è costruito in precedenza o sottrarre valore a quelli successivi. Sassuolo, Milan, Chievo, Sampdoria, Bologna, Fiorentina e Roma: ecco le 7 compagne di viaggio del Parma nelle battute conclusive dell’annata in corso. Un viaggio che si svilupperà prevalentemente lontano dal Tardini (4 su 7 i match in esterna) e da cui i gialloblu dovranno uscire necessariamente illesi, se non vogliono cancellare la cronologia delle ultime tre fantastiche stagioni. Analizziamo lo stato di forma di ognuna delle prossime avversarie dei ragazzi di D’Aversa.

SASSUOLO
La sconfitta di Bologna aveva messo in discussione ciò che fino a poco tempo fa i neroverdi consideravano poco più di una formalità: la permanenza in massima serie. La vittoria col Chievo, questa sì una formalità, e il pareggio quasi vittoria contro la Lazio, maltrattata dagli uomini di De Zerbi come mai le era occorso al cospetto di rivali ben più attrezzate, hanno riportato il sereno in casa Squinzi. Ora gli emiliani galleggiano in tutta tranquillità a metà classifica a quota 36 e con ben 8 punti di vantaggio sulla terz’ultima: se non sa di salvezza in anticipo, poco ci manca.

MILAN
Lo stop del Ferraris e il mezzo passo falso casalingo contro l’Udinese hanno sverniciato il sogno Champions dei rossoneri trasformandolo in un incubo: di non farcela nemmeno quest’anno. Poi è arrivata un’altra batosta, ma allo Stadium e avendo di fronte i campioni d’Italia in carica. Una mazzata che paradossalmente ha restituito autostima e convinzione alla banda di Gattuso, che a Torino, per il coraggio ed il gioco esibiti, avrebbe meritato molto di più. Di sicuro non di perdere. Dalla maratona che ha come traguardo la coppa dalle grandi orecchie difficilmente il diavolo si ritirerà prima dell’arrivo. Ma la condizione fisica, apparsa non eccellente proprio nel finale di partita contro i bianconeri, desta parecchie perplessità. Così come la tenuta del pacchetto arretrato: 8 le reti incassate nelle ultime 5 partite, nelle precedenti 5 erano state 2.

CHIEVO
Tre sconfitte negli ultimi tre incontri e la B che è ormai dietro l’angolo. Solo l’aritmetica tiene i clivensi strenuamente aggrappati alla massima serie, ma già il prossimo turno potrebbe essere quello buono per sancirne ufficialmente il ritorno tra i cadetti. Una certezza che però, una volta “conquistata”, alleggerirà testa e muscoli degli uomini di Di Carlo: non avendo più nulla da perdere, se non la faccia, il Chievo potrebbe trasformarsi nella variabile impazzita del finale di stagione. Non sarebbe la prima volta che una formazione già sicura di retrocedere riesca nell’impresa di mettere a segno il più beffardo degli scherzetti ad una rivale ancora in corsa per il proprio obiettivo: ve lo ricordate nel bel mezzo dei favolosi anni ’80 lo sgambetto del Lecce ai danni di una Roma convinta di avere il titolo in tasca? Attenzione, dunque. Son comunque lontanissimi i tempi del magico Chievo di Del Neri, una squadra per la quale ho provato un’ammirazione che nemmeno per l’altrettanto spettacolare ed emotivamente trascinante Parma di Cesare Prandelli. Ma se è successo una volta, può accadere di nuovo: auguro ai mussi volanti un rapido ritorno tra i grandi del calcio nostrano. E poco sportivamente vi confesso che mai avrei voluto che fosse proprio il Chievo una delle 3 retrocesse di questo torneo. Peccato.

SAMPDORIA
La vittoria col Milan ci aveva convinti che i blucerchiati potessero partecipare alla volatona per la Champions. Poi sono arrivati gli schiaffi di Torino e Roma e i doriani hanno dovuto fare ritorno sul pianeta terra. Anche l’ipotesi Europa League appare poco praticabile: con 6 punti da recuperare sulla sesta piazza e Atalanta, Roma, Lazio e Torino davanti, servirebbe un’impresa dei liguri e il crollo verticale di almeno 3 delle squadre appena elencate perché la Sampdoria si regalasse i giovedì di coppa. Difficile, appunto. Ma considerati i trascorsi, lo spirito, l’anima e il dna del club, non impossibile: quella blucerchiata resta pur sempre l’unica società italiana, escluse le grandi storiche, ad aver centrato, e poi purtroppo perso, una finale di Coppa dei Campioni (nel 1992 contro il Barcellona), quindi ha quella vocazione al miracolo che potrebbe sostenerne le ambizioni nelle ultime battute stagionali.

BOLOGNA
Prima dell’ingaggio di Mihajlovic, che ha spettinato la squadra dandole un look più audace e sottraendola alla timidezza che le impediva di considerarsi se non degna perlomeno all’altezza della A, i felsinei erano tatticamenti scollati, per niente in confidenza col gol, poco ermetici in fase di non possesso e avviati irrimediabilmente verso la B. Le due vittorie contro Sassuolo e Chievo, oltre che ad essere state una ribellione al destino, hanno sparigliato le carte in fondo alla classifica: finisse oggi il campionato, i rossoblu sarebbero in salvo, l’Empoli la prima delle retrocesse. Il 4-1 subito per mano dell’Atalanta nel turno infrasettimanale non fa testo e soprattutto non deve trarre in inganno, per due ragioni: quel Bologna, complice l’ampio turn over allestito dal tecnico serbo, non era il vero Bologna; e i bergamaschi un paio di giorni dopo hanno fatto la voce grossa anche al Meazza contro l’Inter, quindi…

FIORENTINA
Certi amori fanno dei giri immensi e poi ritornano: fuori Pioli, dimissionario (o dovremmo dire dimissionato?), dentro Montella. Minestra riscaldata? Il rischio c’è. Ma è pur sempre meglio del digiuno di vittorie, gioco, emozioni, coraggio, fantasia e allegria in cui da qualche tempo a questa parte era piombata la gestione Pioli. Il pareggio con la Roma sapeva di luce in fondo al tunnel. La sconfitta al Franchi contro il Frosinone lo ha allungato di parecchi chilometri. I Della Valle sono sul piede di guerra, e non solo nei confronti della squadra. A Corvino hanno chiesto spiegazioni sul rendimento della rosa, che la proprietà immaginava di aver adeguatamente attrezzato con una campagna acquisti di tutto rispetto e indubbiamente allineata ai piani aziendali. Il campo ci ha raccontato qualcosa di diverso e ora la Fiorentina è alle prese con un finale di stagione avaro sia di ambizioni che di preoccupazioni.

ROMA
Col Napoli, all’Olimpico, è stato toccato il fondo. Con la Fiorentina, di nuovo tra le mura amiche, i giallorossi hanno iniziato a scavare. Poi han deciso che un futuro, in questo campionato, possono ancora meritarselo. E la riscossa è partita proprio dal futuro, pardon Capitan Futuro. È stato infatti De Rossi ad autografare il successo di Marassi e, per effetto del rallentamento della concorrenza, a riavvicinare la sua Roma a quota “cen…pions” (passatemi e perdonatemi il gioco di parole). Se la società sembra più interessata alla questione stadio che non all’esito della stagione in corso, squadra e staff stanno dando prova di una maturità superiore e indubbiamente piu nobile: sanno che per guadagnarsi un futuro all’altezza delle aspettative e delle richieste societarie, servono come il pane i cosiddetti 40 milioni della Champions. Diversamente, ciao ciao allo stadio e alla possibilità, già remota in caso di qualificazione, di blindare il gioiellino Zaniolo, sul quale la famelica Juventus sta lavorando sotto traccia da almeno un paio di mesi. A proposito: Roma-Parma chiuderà il campionato, esattamente come nel 2000/2001, stagione del terzo e ultimo scudetto giallorosso. Ma, salvo variazioni stabilite dalla Lega, andrà in onda il 26 maggio, stessa data della finale di Coppa Italia persa dalla Magggica contro la Lazio sei anni fa. Ragion per cui è complicato dar torto a chi sostiene che Roma-Parma il 26 maggio sia il più grande ossimoro di sempre.

CONCLUSIONI

Quindi, tirando le somme, nelle prossime e ultime 7 partite il Parma affronterà ben 3 formazioni in corsa per l’Europa (Milan, Sampdoria e Roma), una a rischio retrocessione (Bologna), il Chievo che essendo di fatto già condannato alla B potrebbe voler togliersi lo sfizio di lasciare il segno, e far da guastafeste, e solo due squadre che non hanno più nulla da chiedere al campionato (Sassuolo e Fiorentina). Certo, chi adesso è in gioco per questo o quel traguardo non è detto che lo sia anche tra un paio di settimane, ma mi sembra francamente difficile immaginare grossi ribaltoni da qui alla fine. Pertanto, dei 7 match rimasti sono almeno 5 quelli in cui il Parma “rischia” grosso. Salvarsi sarà un’impresa, pure se il girone di andata ci aveva persuasi che fosse semplicemente una questione di tempo. Luca Russo

10 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / LE SETTE NON FINALI (ANALISI)

  • 10 Aprile 2019 in 06:58
    Permalink

    Corna e bicorna, ‘uagliò tiè

  • 10 Aprile 2019 in 11:47
    Permalink

    Conclusioni assai superficiali e con logica molto forzata… non aggiungo altro vah

  • 10 Aprile 2019 in 11:50
    Permalink

    Ci giocheremo la salvezza con l’Empoli, sperando di arrivare almeno a pari punti avendo il vantaggio degli scontri diretti. Se non torna un briciolo di buonasorte (recupero degli infortunati) e qualche risultato favorevole, salvarsi sarà veramente dura.
    Le partite di ritorno con Spal e Frosinone sono i due macigni che ci portiamo dietro.
    Speriamo bene, Forza Parma

  • 10 Aprile 2019 in 13:56
    Permalink

    Anche la Fiorentina ha perso una finale di Coppa dei Campioni, nel 1957 con il Real Madrid

    Questa imprecisione unita a diverse forzature di analisi fanno di questo articolo un’esperienza non indimenticabile

    • 10 Aprile 2019 in 14:36
      Permalink

      Data la sua presenza direi stabile ai vertici del calcio italiano, considero la Fiorentina, come la Roma per esempio, una delle grandi italiane. La Sampdoria, invece, ha vissuto un’epoca d’oro, il cui perimetro temporale si è rivelato piuttosto ristretto, ci ha abituati al miracolo (vedi le eccellenti partecipazioni alle coppe europee degli anni novanta) ma non ha una storia ugualmente prestigiosa. In tal senso, la trovo più imparentata al Parma che non alle grandi storiche del calcio nostrano. Meteore di successo, ma pur sempre meteore: il loro posto nel mondo del pallone italiano, e lo dico con dispiacere, non è quello che hanno occupato durante i loro anni migliori.

      • 10 Aprile 2019 in 15:03
        Permalink

        non sono d’accordo, ma poco importa, consideriamola un’altra forzatura

  • 10 Aprile 2019 in 16:06
    Permalink

    Tralasciando il resto (l’analisi mi sembra sia comunque quella delle ultime 4 righe) non sono in grado di comprendere le considerazioni sul sassuolo:
    – “galleggiano in tutta tranquillità a metà classifica a quota 36 e con ben 8 punti di vantaggio sulla terz’ultima: se non sa di salvezza in anticipo, poco ci manca”
    – “solo due squadre che non hanno più nulla da chiedere al campionato (Sassuolo e Fiorentina)”
    Leggendo il pezzo si apprende che secondo lei per il parma, che ha 34 punti, “salvarsi sarà un’impresa”, mentre il sassuolo a 36 è praticamente salvo..
    Io sono convinto che il sassuolo sia superiore al parma e che ora stia attraversando un periodo migliore, però, al di la del calendario che non sono andato a vedere, mi sembra che le riflessioni sulle due squadre non possano essere cosi diverse, in fin dei conti sono stati tanto tempo sotto di noi in classifica con il problema di avere un minimo di continuità. In ogni caso cio che non condivido è soprattutto aver definito il sassuolo squadra che non ha piu nulla da chiedere al campionato.. vorranno la salvezza matematica il prima possibile tanto come noi e in quell’ottica sarebbe stato meglio affrontarli qualche settimana dopo..

    • 11 Aprile 2019 in 05:30
      Permalink

      Avere due punti in più o due punti in meno a sette giornate dal termine non è esattamente la stessa cosa. Cerco di spiegarmi meglio: il vantaggio attuale del Sassuolo sulla terz’ultima è di quasi tre partite, il nostro di poco più di due esatte per via degli scontri diretti. Ecco, quantificare il vantaggio sulle rivali in termini di numero di partite – ovvero stabilire quante partite si possono toppare prima di essere ripresi – ci aiuta a comprendere quanto in questa fase, più che dieci giornate fa, l’avere un punto in più o in meno possa fare la differenza. Tre giornate di bonus, a sette giornate dal termine, pesano significativamente di più di due.

  • 10 Aprile 2019 in 22:09
    Permalink

    Facciamo la tabellina, dai:

    Sassuolo 1
    Milan 1
    Chievo 3
    Sampdoria 1
    Bologna 0
    Fiorentina 3
    Roma 0

    Direi che 43 punti sono sufficienti per salvarsi.

  • 10 Aprile 2019 in 23:53
    Permalink

    Sarebbe importante battere il Sassuolo e vincere una tra Samp,Fiorentina e Chievo (o magari tutte e 3, non pongo limiti alla provvidenza)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI