IL COLUMNIST di Luca Russo / Il mare agitato della lotta salvezza premia solo chi sa navigarlo senza indecisioni

il-columnist-luca-russo1-300x166(Luca Russo) – L’ultimo turno di Campionato ci ha consegnato due risultati che io spedirei con raccomandata A/R ai complottisti di professione. Il mio è un riferimento agli esiti, a dir poco sorprendenti, di Lazio-ChievoVerona ed Empoli-Spal. Nel primo dei due match citati i clivensi, già aritmeticamente retrocessi in B, hanno superato i capitolini a casa loro con un 1-2 poco pronosticabile alla vigilia. Per la verità lo era anche il fatto che riuscissero a segnare, a giudicare dalle quote dei bookmakers. Gli uomini di Di Carlo, che evidentemente si son tolti un peso grande così nel momento in cui la retrocessione da possibilità si è trasformata in certezza, hanno saccheggiato la Capitale con pieno merito. Segno che avere la testa libera da pensieri e retropensieri ugualmente negativi alleggerisce le gambe e rende praticabili strade che altrimenti non lo sarebbero. Splendida e balisticamente accattivante la conclusione del gioiellino Vignato, sul quale pare si siano già accesi i riflettori delle big del calcio nostrano; precisa e risolutiva l’inzuccata di Hetemaj. Ma la vittoria dei veronesi è stata agevolata da una Lazio forse affaticata dal recupero di metà settimana in cui ha steso l’Udinese, probabilmente convinta di avere vita facile contro un’avversaria già condannata alla discesa tra i cadetti e indubbiamente indebolita dall’inferiorità numerica alla quale è stata costretta dal rosso diretto rimediato da Milinkovic-Savic per un inconcepibile fallo di reazione su Stepinski. La squadra di Inzaghi non ha creato granché e quel po’ che ha combinato, lo ha sciupato. Immobile è rimasto a secco anche stavolta, Caicedo invece ha ribadito – con un gol pregevole per preparazione ed esecuzione – che lui c’è e “lotta insieme a noi”.

A Empoli, sia pure in presenza di un risultato finale imprevedibile almeno quanto quello maturato all’Olimpico di Roma, le cose sono andate diversamente. I toscani hanno fatto la partita e mostrato al pubblico che ha gremito le tribune del Castellani il solito gioco devoto allo spettacolo e alla ricerca della vittoria attraverso la chimica dell’orchestra più che il virtuosismo del singolo. Il guaio è che hanno sprecato gran parte delle numerose opportunità collezionate. Ovvio, quindi, che il pur significativo volume di gioco prodotto dagli azzurri non risultasse sufficiente per mettere a sedere una Spal che invece, costruita come è a immagine e somiglianza del proprio allenatore, in zona gol è stata pratica e chirurgica quanto basta per incamerare il bottino pieno e dare continuità alla strabiliante vittoria ottenuta contro la Juventus appena sette giorni fa. A proposito: il successo di Empoli, unito a quelli raccolti al cospetto di Roma e Lazio, conferma che la vittoria ottenuta dagli spallini ai danni dei campioni d’Italia non è stata solo frutto dell’ “asilo” schierato da Allegri al Mazza. E il trionfo all’Allianz Stadium da parte dell’Ajax, che invece dei baby bianconeri ha affrontato e maltrattato i “titolarissimi”, ha rafforzato il concetto. Tornando al match del Castellani, Petagna ci ha ricordato di essere in un gran momento, lo stesso dicasi di Floccari che, nonostante un’età non più verde calcisticamente parlando, è ancora capace di essere determinante. Così come la truppa di Di Carlo, anche quella di Semplici ha meritato l’intera posta in palio: il mare agitato – e la lotta per la salvezza ne è una riproduzione piuttosto credibile – premia solo chi sa navigarlo senza indecisioni.

Alzi la mano chi alla vigilia del turno pasquale immaginava che la praticità di Chievo e Spal scarabocchiasse la bellezza di Lazio ed Empoli. Nessuno, mi sa. Del resto, non era facile prevedere che i clivensi già retrocessi e i ferraresi appagati dal prestigioso successo ottenuto al cospetto di Dybala e soci potessero sbancare rispettivamente l’Olimpico e il Castellani. E invece è accaduto. Con buona pace di chi crede alla favola di una serie A alterata da aiuti ed aiutini e da non meglio precisate congiure di Palazzo. Il nostro non sarà il campionato più bello e divertente del mondo (come lo era fino a quindici anni fa), ma non è nemmeno sporco e pilotato come qualcuno vorrebbe farci credere. Luca Russo

13 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / Il mare agitato della lotta salvezza premia solo chi sa navigarlo senza indecisioni

  • 22 Aprile 2019 in 09:05
    Permalink

    Per chi pensasse che a Verona sarà una passeggiata
    ricordo che il nuovo Chievo con inserimento
    di validissimi giovani 🌟 🌟 🌟 🌟
    ORA
    è veramente forte 🐯 🐯
    Noi a Roma con la Lazio ne abbiamo presi 4 subendo goleada
    Loro con la nuova squadra vi hanno vinto….. 😇 😇
    😈 😈 Non dico altro.

    • 22 Aprile 2019 in 10:19
      Permalink

      Infatti la gara di sabato ci deve servire da monito per domenica.

    • 22 Aprile 2019 in 10:30
      Permalink

      Ora non esageriamo. Hanno messo 2/3 giovani. Di cui solo uno degno di nota, tal vignato..per il resto sono i soliti. Semplicemente retrocedendo hanno liberato la mente da un peso forse troppo grosso. L’ idea di dover rimontare alla lunga logora. ( Vedi Empoli?) Detto questo se giochiamo senza testa perdiamo anche dalla Juve Stabia. Viceversa non c’è storia. Buona pasquetta

      • 22 Aprile 2019 in 14:40
        Permalink

        Excelente on your part Manuel Parma …
        Que ha detto e’ realtà’ …tutto il resto sono parole parole ecc…
        https://www.youtube.com/watch?v=siQ3vEWSYkM

        Che dobbiamo fare e facciamo un partito come un finale di una Copa …con il Chievo …niente meno ..
        Siamo più’ forte che Lorro …pero ..como sappiamo LA Maglia di Parma no gioca sola …. ce’ bisogna de intensidad …iteligenzia. …. correre quando c’e’ bisogna …. cinico al Maximo etc. ecc.
        Forsza Paerma ,
        Magico Parma ,
        Straje’

      • 22 Aprile 2019 in 14:58
        Permalink

        Giusto Manuel. 😇 😇 😇
        Col Milan ho visto dopo tanto tempo una squadra che giocava senza paura ma se pensiamo di andare a giocare col Chievo sentendoci superiori e in gita premio come eravamo a Frosinone preparatevi a inghiottire un grosso rospo.
        😈 😈 😈
        Io son certo però che questa squadra ha capito la lezione è il MACH POINT di domenica non lo fallirà.
        Se invece lo fallirà dovrà soffrire fino all’ultima giornata come una bestia 🐂 da macello.
        Occhio a Vignato
        corre come Bolt e tecnicamente……Chapeau.
        Questo caro Faggiano sarebbe stato da prendere quando nessuno sapeva chi era è costava un piatto di lenticchie e non le scamorze Machin e Schiappaccasse che andrebbero bene se giocassimo in serie C è non in serie 🅰

  • 22 Aprile 2019 in 14:19
    Permalink

    Concordo sulla lazio, l altra era una partita da tripla, L Empoli doveva necessariamente rischiare e la spal in quel contesto è andato a nozze.
    Mi spiace molto perché sanno anche lavorare bene ma la società ha sbagliato e meritano di retrocedere, anzi, a dire il vero lo meriterebbe il Genoa ma è molto difficile

    • 22 Aprile 2019 in 17:15
      Permalink

      Credevo che la bellezza dell’Empoli opposta alla concretezza della Spal ne uscisse vincitrice. 5 giornate per certi versi sono ancora sufficienti perché una squadra possa, se non invertire il proprio trend, perlomeno dare il colpo di coda alla classifica e raggiungere in extremis l’obiettivo stagionale. Vale per l’Empoli in zona retrocessione come per Milan e Roma in quella Champions.

    • 22 Aprile 2019 in 18:43
      Permalink

      All’Empoli è stato negato al Var un rigore evidentissimo quando stava vincendo 1-0 .
      Era molto più netto di quelli che, sempre con il Var, ci hanno fischiato contro il Milan ed il Sassuolo

  • 22 Aprile 2019 in 19:09
    Permalink

    Distributore di meriti e demeriti…
    Si retrocede ai punti, sì, ma di classifica

  • 22 Aprile 2019 in 22:57
    Permalink

    ..levate il telefonino a CERAVOLO questa settimana..non vorrei che avesse amici a Verona sponda CHIEVO..con cui scambiare SMS!!!..

    • 22 Aprile 2019 in 23:04
      Permalink

      😂😂😂😂😂😂 ridiamoci su

  • 23 Aprile 2019 in 16:29
    Permalink

    Concordo sul fatto che Lazio – Chievo fosse inpronosticabile, e chi l’ha azzeccata ha sbancato i centri scommesse…vuoi vedere che…
    ma no dai. Sull’altra partita non vedo chissà quale risultato a sorpresa, anzi. Come dice Gabriele era partita da tripla. Parliamo dell’Empoli, non di una squadra di vertice come nel caso di Lazio Chievo. Abbiamo fatto un pirotecnico 3-3 noi al Castellani pur in un momento di difficoltà, figuriamoci se non poteva vincere la Spal, e infatti così è stato…e meno male!!

  • 23 Aprile 2019 in 19:21
    Permalink

    La società ha messo accanto a Ceravolo una guardia del corpo che
    deve stare con lui anche di notte nella camera da letto.
    Questa guardia 💂 ha c il solo scopo di controllare
    gli SMS che invia.
    Non si sa mai…..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI