IL COLUMNIST di Luca Russo / UN BRODINO, SI’, MA I PARAMETRI VITALI DEL SASSUOLO ERANO MIGLIORI

russo 1(Luca Russo) – Sassuolo e Parma si sono affrontate per la sesta volta in A. Nei 5 precedenti, 3 vittorie dei Crociati e 2 dei neroverdi: normale, dunque, che prima o poi arrivasse un pareggio. Alla stessa maniera era lecito attendersi che il calcio coraggioso proposto da De Zerbi e quello speculativo di D’Aversa si annullassero a vicenda e che la sfida tra le due opposte filosofie di gioco finisse pari e patta. Per il Parma è un punto d’oro, perché ottenuto a dispetto di un’infermeria ancora discretamente affollata (Inglese, Bruno Alves, Biabiany e Sierralta fermi ai box) e in un momento della stagione nel quale i segni x non possono essere archiviati alla voce “brodino che muove la classifica”, ma pesano perlomeno il doppio, specie se la concorrenza frena di colpo o rallenta vistosamente. Ai punti, però, la vittoria sarebbe dovuta finire al Sassuolo. Ce lo raccontano sia le tante occasioni create e sistematicamente polverizzate una dopo l’altra da Berardi e soci che i riflessi statistici dell’incontro. Prendendo in prestito quelli della versione online de La Gazzetta dello Sport, se ne deduce che in campo c’è stata una sola squadra, il Sassuolo che ha letteralmente governato la partita dal principio alla fine, mentre l’altra, il Parma, si è limitata a parcheggiare il più classico e maestoso degli autobus sulla linea della porta difesa da Sepe, migliore in campo e vero mattatore del match con parate in serie – alcune di pregevole fattura – che hanno neutralizzato i ripetuti assalti imbastiti dagli uomini di De Zerbi. I padroni di casa hanno stravinto la sfida del possesso palla (72% contro 28%) e quella delle conclusioni a rete (11 tiri a 1); hanno crossato statistiche sassuolo parmadi più (28 a 11), dribblato di più (21 a 8) e battuto più calci d’angolo (7 a 3). Ma sono due i dati che più degli altri ci danno l’idea di quanta voglia avesse il Sassuolo di aggredire il match senza alcun indugio per far suoi i 3 punti; e di quali fossero le reali intenzioni del Parma, disposto solo ad arroccarsi nel suo fortino e nulla più. Il primo: i neroverdi hanno commesso più falli (11 contro 6), e in realtà ti aspetteresti che il primato nella specialità finisse ai gialloblu giunti a Reggio Emilia in modalità catenaccio. Il secondo: i Crociati sono stati pizzicati in fuorigioco più volte dei padroni di casa (6 a 1), segno evidente che erano così preoccupati di difendersi che le poche volte che si sono riversati nella metà campo avversaria lo hanno fatto male. Rigore fallito da Ceravolo compreso. Il pari alla fine permette al Parma di togliersi di dosso un bel po’ di ansia in attesa della gara che queta sera vedrà l’altra pericolante Empoli duellare con l’Atalanta per un testacoda in cui si incroceranno la voglia di Champions degli orobici e il sogno salvezza dei toscani. Ma accontenta, e parecchio, pure il Sassuolo, che col punto conquistato ieri ha blindato direi definitivamente ciò che da quelle parti a inizio stagione avrebbero considerato poco più di una formalità: la permanenza in massima serie. Luca Russo

31 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / UN BRODINO, SI’, MA I PARAMETRI VITALI DEL SASSUOLO ERANO MIGLIORI

  • 15 Aprile 2019 in 08:58
    Permalink

    Ora ci lamentiamo del catenaccio di Bobby? Eppure fino a poche settimane fa qui era pieno di elogi sperticati al suo “calcio all’italiana vecchio stile”. Cambiato idea? http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cool.gif

  • 15 Aprile 2019 in 09:32
    Permalink

    Un punto d’oro ☀ ☀ ☀ ☀ ma rubato.
    Ceravolo è il rigorosa della squadra?
    MAMMA MIA. ! !
    Se giochiamo così con il Milan
    prendiamo una goleada e col Chievo
    un punto non basta, diavolo 😈 😈 😈 😈
    Penso che col Chievo sarà la
    partita verità.
    DENTRO
    O
    FUORI
    Pareggiare sarà come perdere.
    Visto il calendario dell’Empoli
    domenica avremo 3 o 4 punti sulla terzultima
    e non vincendo poi a Verona col Chievo
    vorremmo quasi raggiunti e col
    calendario che avremo senza vittoria col
    Chievo saremmo raggiunti e poi dopo due
    partite superati.
    In tempi non sospetti dissi che a fine aprile
    saremmo stati raggiunti.
    Spero vivamente di essermi sbagliato.
    Ieri come gioco.penso sia stata la peggiore partita
    del Parma quest’anno. 😈 😈 😈 😈 😈 😈 😈
    Verona sarà partita da vincere
    oppure…. un’anteprima per la
    prossima stagione.
    Chievo – Parma in serie B.
    A parte il preparatore atletico che ha fallito alla grande 😈
    grosse colpe le hanno coloro che
    nel.mercato di gennaio non hanno
    voluto rinforzare la squadra pensando
    già di essere salvi.

    Ma toglietemi una curiosità ma quel
    Machin e quel Schiappacasse sono
    stati acquistati per
    Rinforzare la squasra? 😈
    Per avere giocatori in prospettiva? 😈
    Per elevare il tasso tecnico della squadra? 😈
    Per rinforzare la panchina? 😈
    Per preparare il Parma del futuro? 😈
    MA FATEMI IL PIACERE…… ⚡ ⚡ ⚡ ⚡ ⚡
    Due zavorre da non tenere nemmeno
    in serie B.
    Ieri Ceravolo è stato ALLUCINANTE.
    Che delusione non avere un valido
    sostituto di Inglese. ⚡ ⚡ ⚡
    Molti hanno sbagliato quest’anno
    specialmente nel mercato di gennaio.
    Volete i nomi?
    Preparatore atletico in primis 😈
    ( questo ha sbagliato proprio tutto non solo a gennaio ma tutto l’anno ) poi
    Società 😈 che ha snobbato il.mercato invernale.prendendo
    2 bidoni su 3 e un portiere che sarà pronto tra 15 anni)
    Faggiano 😈 ( che è andato a pescare a gennaio tra gli scarti della serie B E dell’Atletico)
    D’Aversa. 😈 ( che ha avvallata gli acquisti di Machin e Schiappacasse due delusioni epocali) 😈 ➕ ➕
    Io continuo a vederla nera.
    Se ci salviamo lo dico e lo ripeto, mi faccio frate 😇 😇 😇
    Vado nel convento di Chiaravalle ma nemmeno
    sono andato in convento a chiedere delucidazioni
    in merito tanto son certo della retrocessione. 😇 😇 😇 😇
    😁 😁 😁 😁 per non 😢 😢 💦 💦

  • 15 Aprile 2019 in 11:24
    Permalink

    Ma siete sicuri che con il CHIEVO vinciamo???
    Io ieri allo stadio ho visto una squadra che ad oggi perderebbe con metà squadre di serie B…. Se non si vince a CHIEVO si rischia veramente di perdere la categoria…

  • 15 Aprile 2019 in 11:48
    Permalink

    Non me ne voglia ma ai punti conta a boxe e andarci vicino a bocce.. non si poteva pensare di andare a reggio per prevalere sul gioco, avessimo fatto a gara a chi segnava di piu avremmo perso sicuramente
    Io preferisco evidenziare che la squadra, seppur rimaneggiata, ha rimesso la tuta da lavoro e sono arrivati 2 bei punti contro torino e sassuolo.
    Vedremo stasera ma la sensazione è che manchino pochi punti e che siano fattibili, magari col milan la poca qualità delle ultime partite non basterà, però abbiamo messo fieno in cascina e ripreso morale

  • 15 Aprile 2019 in 13:10
    Permalink

    Che il gioc onon ci sia con Daversa è ormai assodato da 100 e più partite, per questo l’anno prossimo bisognerà cambiare staff tecnico, a partire dal mister fino al preparatore atletico.
    Per ora vediamo di raccimolare questi 4 o 5 punti che ci permetterebbero la permanenza nella massima serie.
    Pertanto domenica contro il Milan bisognerà usare la testa, spazio ad un ampio turnover, spazio alle reserve, e primavera.
    Evitiemo infortune e cartellini gialli, facciamo riposare I titolari per puntare tutto sul Chievo. Li servono I 3 punti, contro il Milan non ci sarà storia, lottano per la champions, e se falliscono l’obiettivo rischiano il fallimento…. Risparmiamoci col Milan e puntiamo sul Chievo… Usiamo la testa…

    • 15 Aprile 2019 in 18:25
      Permalink

      E poi come la si mette con la prevedibilissima accusa di falsare la corsa Champions League?

      • 15 Aprile 2019 in 20:50
        Permalink

        la juve ne è uscita indenne dopo aver “salvato” la Spal..

  • 15 Aprile 2019 in 13:54
    Permalink

    Mi ripeto, eravamo scarsi e fortunati nel girone di andata ( nonostante qualcuno avesse addirittura tirato in ballo l’Europa League), siamo solamente scarsi oggi. Vincere a Verona non è affatto scontato, speriamo di recuperare Inglese per poter fare ancora 4 o 5 punti

  • 15 Aprile 2019 in 14:42
    Permalink

    una rosa nettamente superiore comporta quasi inevitabilmente “parametri vitali” migliori” , o no?
    se l’inadeguatezza della rosa del Parma è conclamata un po’ da tutti qui, quindi una realtà, inutile porsi domande sul gioco della squadra che, vista la già citata insufficienza strutturale, non può fare altro che quello che fa.
    D’altra parte più d’uno, all’inizio, paragonava la serie A del Parma a quella catastrofica del Benevento.
    L’eventuale salvezza, comunque conquistata, sarà un grandissimo traguardo.

  • 15 Aprile 2019 in 15:52
    Permalink

    ANDATA
    GARE = 19
    PUNTI = 25
    media punti x gara = 1,31
    gol fatti = 17
    gol subiti = 23
    Vittorie = 7
    Pareggi = 4
    Sconfitte = 8

    RITORNO (ad oggi)
    GARE = 13
    PUNTI = 10
    media punti x gara = 0,77
    gol fatti = 16
    gol subiti = 27
    Vittorie = 2
    Pareggi = 4
    Sconfitte = 7

    dato allarmante nelle ultime 5 gare =
    3 sconfitte e 2 pareggi (0,4 punti/gara)

    ora, mancano altre 6 gare.
    la proiezione sarebbe di 2,4 punti, ma confido in episodi a nostro favore, pertanto in almeno 8 punti, anche SENZA GIOCO e senza spettacolo.
    a quello penseremo dopo.

    mia proiezione.

    PARMA-MILAN = …
    incognita (non si sà, non metto nulla)

    CHIEVO-PARMA = 3 PUNTI
    0-2 gol di Inglese, Gervinho.

    PARMA-SAMP = 1 PUNTO
    in amicizia

    BOLOGNA-PARMA = 3 PUNTI
    e li sbattiamo in B!
    con 12° gol gi Gervinho!

    PARMA-FIORENTINA = 1 PUNTO
    2-2 gol di Inglese e Kucka.

    ROMA-PARMA = 0 PUNTI

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 15 Aprile 2019 in 23:49
    Permalink

    E così anche l’Atalanta si è iscritta al club delle squadre che hanno falsato la lotta salvezza: è la terza dopo Napoli e Juventus, no?

    • 16 Aprile 2019 in 12:00
      Permalink

      mA SE HANNO FATTO 450 tiri nello specchio della porta cavolo…

      ed hanno giocato con la formazione migliore SCHIACCIANDO i toscani nella loro area …….

      • 16 Aprile 2019 in 15:47
        Permalink

        Ma tu l’hai vista Spal-Juventus o no? Hai letto l’undici di partenza della Juventus o no? Sei convinto che 9 elementi di quella formazione siano più scarsi degli 11 schierati dalla Spal o di quelli che avrebbe schierato una formazione che come la Spal è in lotta per la salvezza? Detto questo, gradirei un tuo pensiero sui giovanotti, allora sconosciuti, che schierava il buon Carmignani nell’edizione 2004/2005 della fu Coppa Uefa con lo scopo di preservare i titolari per il campionato che vedeva il Parma esposto seriamente al rischio di retrocedere. Il Parma falsò l’andamento di quella edizione della seconda rassegna continentale?

        • 16 Aprile 2019 in 20:23
          Permalink

          SPAL-JUVENTUS non l’ho vista !!!!
          Ho solo letto le formazioni di partenza: detto questo , per me va bene, al presidente dell’ Empoli mi pare di no, a Mihajlovic nemmeno…

          ..con la SPAL ABBIAMO PERSO ENTRAMBE LE GARE …quindi, nei loro confronti, nessun problema ..

          della gara di Carmignani ecc …sinceramente non ti so dire nulla …
          non ricordo perché non seguivo molto ..

          GIUSTO PER CHIUDERE LE POLEMICHE, se si vuole far rispettare le regole, tutti DEVONO FARLO ….
          ..poi, si sa, siamo in Italia, nel territorio dei furbetti di quartiere,
          QUANDO FA COMODO A NOI VA BENE, QUANDO LO FANNO GLI ALTRI …NON CI PIACE….

          per quanto mi riguarda …e l’ho già scritto …
          LE ALTRE POSSONO FARE CIO’ CHE VOGLIONO, dai miei pretendo l’ IMPEGNO, LA GRINTA, LA LOTTA E LA MASSIMA CONCENTRAZIONE …

          TANTO PER RICORDARE…NON DOBBIAMO CHIEDERE NULLA A NESSUNOI …
          BASTA PORTARE A CASA …4..5 PUNTI …e gli altri facciano pure ciò che gli pare ….

          aumento il pacchetto scommessa..
          PARMA SALVO ….punto 1.000 euro ..
          chi ha fegato depositi cash presso il Direttore Majo …

          • 16 Aprile 2019 in 23:54
            Permalink

            mah…
            la scelta di Allegri è stato un fulmine a ciel sereno, secondo me neppure quei ragazzotti erano preparati mentalmente per affrontare una gara di sacrificio contro una squadra che lotta per la salvezza.

            poi, sul Parma 2004/2005 se vai a rivederti le varie formazioni della Coppa Uefa, noterai che Carmignani centellinò all’inizio l’inserimento dei giovani che inserì gradualmente mantenendo una ossatura stabile.

            Carmignani fece un grande lavoro quell’anno.

            ricordo che il Parma arrivò in semifinale, persa contro un grande CSKA Mosca che poi vinse la FINALE.

            arrivare in semifinale es essere eliminati dai campioni significa snobbare
            la coppa Uefa?

            FORMAZIONE:

            Bucci (19’pt Frey); P.Cannavaro, Bonera, Bovo; Camara, Savi, Grella (15’st Simplicio),
            Dessena, Bresciano; Furlan (4’st Gilardino); Ruopolo.
            In panchina: Cardone, Contini, Pisanu, Sorrentino.

            USCITI CON ONORE.

            fonte?
            http://www.repubblica.it/2005/e/sezioni/sport/calcio/uefa/parcska/cskapa/cskapa.html

            http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 16 Aprile 2019 in 05:23
    Permalink

    È una provocazione.

  • 16 Aprile 2019 in 12:01
    Permalink

    No, era una GROSSA PROVOCAZIONE …ma le partite bisogna anche guardarle …per saper giudicare….

  • 16 Aprile 2019 in 12:06
    Permalink

    LA JUVE, UN GIORNO, PAGHERA’ ..per tutto ciò che ha FALSATO, DISTRATTO ed OCCULTATO, +++++
    DISTRAENDO …arbitri, assistenti, uomini var, tabellone luminoso,
    PERDENDO TEMPO,
    PERDENDO 7 FINALI DI CHAMIPONS
    l’ultima perchè l’arbitro aveva un BIDONE DELLA SPAZZATURA al posto del cuore…
    CHE POI GIGI è andato in Francia e loro han preso RONALDO
    ..
    insomma, AL TRIBUNALE DEI GIUSTI, a partire dagli anni 75/80 nessun dirigente bianconero sarebbe potuto entrare ..
    loro hanno questo slogan ………WE ARE THE LADRONS
    IN THE WORLD ..

    • 16 Aprile 2019 in 13:14
      Permalink

      da straconvinto antijuve come posso non approvare!

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    • 16 Aprile 2019 in 15:43
      Permalink

      Mauro, ripensa attentamente al Parma-Verona del 2001… Io non sono pro Juve, ma di certo non sono antijuventino alla maniera vostra e di tutti quelli come voi che si preoccupano della pagliuzza altrui invece di dare un’occhiata al proprio curriculum. Se il clima del calcio italiano è avvelenato ed è simile a quello di una fogna, in cui per continuare a starci bisogna turarsi il naso un minuto sì e quello dopo pure, parecchia della colpa sta pure nel vostro atteggiamento incredibilmente incoerente. Ed è anche per questo che gradualmente me ne sta passando la voglia. La cultura del sospetto alimentata da chi non ha alcun titolo per farlo sta rovinando quello che una volta era realmente il gioco più bello del mondo, almeno alle nostre latitudini. Continuando di questo passo finirete col trasformare quello che dovrebbe essere uno sport in una faida tribale che in confronto i Flinstones sembrano vivere nel futuro.

    • 16 Aprile 2019 in 15:50
      Permalink

      E comunque non temere, se non succede stasera, succederà al prossimo turno o in finale: la Juve la Champions la guarderà in cartolina anche quest’anno. E così, da antisportivi quali siete (così come lo sono gli juventini che gufano l’Inter o i napoletani che gufano la Roma), avrete almeno un buon motivo per ricordare con soddisfazione e gioia questa annata calcistica. Perché, e ormai è accertato, in Italia il tifo contro questa o quella squadra vien prima del tifo a favore della propria. E il mal comune assolve tutti dai propri limiti, grandi o piccoli che siano. E’ una tendenza diffusa in ogni settore, dal lavoro all’università passando finanche per la pratica amatoriale dello sport: chissenefrega se io non vinco, mi basta che non vincano nemmeno i miei avversari. Tipicamente italiano.

      • 16 Aprile 2019 in 18:30
        Permalink

        1) sulla cultura del sospetto, c’è chi l’aveva molti anni prima di moggiopoli, col tempo i nodi vennero al pettine (anche se non penso tutti ma almeno una piccola parte SI)… e certe dinamiche di potere OGGI RESTANO, questo al di là degli uomini. comunque…
        aspetto di vedere uno o più Leichester in Italia, aspetto di vedere un utilizzo paritario della Var, “l’inglesizzazione” del nostro campionato e meno scandali delle e sulle curve per poi RICREDERMI. sono queste le cose che dovrebbero farti schifo in primis.

        2) su questa edizione di Champions League NON mi pronuncio.

        3) sul tuo concetto “Tipicamente italiano” credimi c’è anche in Inghilterra, Olanda, Germania, ecc.. dove le squadre rappresentano una città, un quartiere, una comunità, un dialetto, un’unione di intenti.

        se tu auspichi un diffuso spirito sportivo dove il genoano applaude a fine gara l’avversario che vince il Derby, secondo me siamo ben lontani dalla realtà.

        http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

    • 16 Aprile 2019 in 17:42
      Permalink

      Bravo …. Mauro per chiamare un mailiale un mailiale …
      rubentus = mierdril ….
      Noi , che viviamo in Spain sappiamo che e’ il mierdril e tutto que fa qui …dal epoca di Franco fino adesso …. per vincere a tutti costi .(. iguale che fa rubentus in Italia )… Il calcio , come vedo Io , deve essere giocato nel campo …
      Purtroppo no e’ sempre cosi …
      Forsa Ajax stasera ..
      Straje’

      • 16 Aprile 2019 in 18:41
        Permalink

        Douglas, concordo con te.

        certo che il Real Madrid, ieri sera, per pareggiare col Leganes, E’ RIMASTO NEGLI SPOGLIATOI?

        eppure hanno giocato i TOP player:
        Keylor Navas; Carvajal, Varane, Nacho Fernández, Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos; Bale, Benzema, Asenjo.

        boh…
        NO COMMENT

  • 16 Aprile 2019 in 14:15
    Permalink

    la “provocazione” era riferita al trafiletto di Russo, non certo al tuo che al momento non appariva…

  • 16 Aprile 2019 in 19:26
    Permalink

    Allora vi racconto due episodi. Uno di un’ora fa. L’altro della settimana scorsa. Entrambi accaduti qua a Napoli, davanti ai miei occhi.

    Il primo: supermercato, banco frutta. Padre e figlio intenti a far la spesa. Il fruttivendolo, improvvisamente, si mette a urlare in dialetto “stasera forza Ajax e gli juventini devono morire tutti”. Poi guarda il padre e figlio di cui sopra e gli chiede “non siete d’accordo?”, al che il padre ribatte “perché devono morire tutti gli juventini?”. Da questo momento scoppia un parapiglia verbale in cui il fruttivendolo ripete più di una volta che gli juventini devono fare una brutta fine e il tipo che cerca di non cavalcare lo scontro, anche per la presenza del figlio. Il tutto in un esercizio commerciale durante l’orario di lavoro.

    Il secondo riguarda me. Ero in trattoria, leggevo la Gazzetta. Arrivo alla pagina della Juventus, uno di fronte a me vede, mi guarda e dice: domani l’aereo della Juve deve cadere e tutta la Juve deve morire. Io faccio finta di non sentire perché di infilarmi in certe discussioni con certi elementi, mi fa schifo.

    Questo è il clima calcistico italiano. Se lo condividete e tollerate, se lo ritenete normale, allora io sono preoccupato per i vostri figli, il loro futuro ed anche il mio, ma mi confermate anche che il calcio per come l’ho conosciuto io è finito e forse non vale più la pena seguirlo.

    • 16 Aprile 2019 in 20:40
      Permalink

      Caro Luca,
      tu sai che ti stimo e ti condivido quasi sempre, detto questo,
      VEDO CALCIO DAI PRIMI ANNI 70..
      ..ho sempre cercato di farlo in modo distaccato ma, di fronte a certe manifestazioni, quantomeno molto dubbie, mi sono sempre incazzato ….
      OGGETTIVO e non SOGGETTIVO …
      ….LA JUVE, SOCIETA’ E SQUADRA + FORTE IN ITALIA DA MOLTO TEMPO ….non ha assolutamente bisogno di sotterfugi né giochini per vincere nel campionato italiano:::

      in Europa le cose cambiano …

      io NON ODIO , detesto ..
      io vorrei le cose pulite per tutti …
      SE TU DEVI COMPRARE PER VINCERE …
      ti piace vincere facile ?

      IO HO VISTO VINCERE SCUDETTI A:::

      cagliari e verona ….al Leicester ….

      E’ UN DISCORSO MOLTO AMPIO E COMPLICATO …
      però mi piacerebbe che si giocasse pulito….
      IL MIGLIORE VINCE …a volte anche no…

      ….troppi interessi monetari incidono sul gioco del banco !!

    • 16 Aprile 2019 in 23:06
      Permalink

      Luca, io non ti conosco ma ovviamente sono solidale con te con questi due episodi che sono il primo a NON tollerare, spece se in presenza di minori, diseducativi a prescindere dalle arlie territoriali e campanilistiche.

      detto questo, i tuoi due episodi citati spero rappresentano CASI ESTREMI, sinceramente dal fruttivendolo o al bar, sia a Parma che a Reggio non mi è MAI capitato una scena del genere.

      pertanto oltre il NO alla VIOLENZA, sostengo il NO a questi COMPORTAMENTI ESTREMI e NEGATIVI.

      felice per la bella vittoria di un bel progetto che si chiama Ajax, monte stipendi 55 MLN che batte la Juve (monte stipendi 5 volte tanto) con CR7.
      l’organizzazione e la progettualità VALE e PAGA.
      teniamone conto nei nostri confronti..

      Goedenacht

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 16 Aprile 2019 in 19:45
    Permalink

    Caro Savo ….
    Te dico ..no vedo mierdri …casi’ ninca solo quando gioca incontra Barca y de le volte Atleti ..perche de le volte che vince Atleti e’ male per lorro …
    Adesso scrivo in Spagnolo …credo che capisci Tu … perche voglio dire quelcosa che funziona meglio in Spagnolo ..
    Mierdil esta en capacaida …que me hace feliz …ha llegdado su ” San Martin ” …
    Savo se no capicisci ..mi dices y pruevo de traducirlo ….
    Un Abbraccio ,
    Straje’

    • 16 Aprile 2019 in 23:38
      Permalink

      che guardi il Real nelle partite top contro Barca e Atletico che la mettono in difficoltà.

      Real Madrid sulla carta è più forte del Leganes, invece hanno pareggiato; questo il bello del calcio.

      non servono Top Player, basta motivazione e buona organizzazione.

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 16 Aprile 2019 in 21:41
    Permalink

    I understend un caz

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI