PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / Di ritorno da Frosinone con 3 bufaline fresche fresche

INCOMMENTABILI

impalpabili, inguardabili, indifendibili

Mauro-Moroni.jpg (Mauro “Morosky” Moroni) – La delusione per l’ennesima sconfitta in casa di quei “poverelli” del Frosinone ( che, in 14 gare allo Stirpe, non avevano mai vinto siglando solamente 9 gol ), i quali, però, almeno hanno corso e lottato dal 1° minuto fino al 104° o giù di li, mi ha fatto aprire l’articolo così, INCREDIBILI ed IRRICONOSCIBILI aggiungo e qui mi fermo per rispetto, anche perché, sarebbe come sparare sull’ambulanza della C.R.I. con a bordo tutti gli infortunati ma pure quelli sani, balordi, scarsi e pure poco allenati, da quello che hanno fatto vedere anche ieri sera: NO COMMENT.

* Borsino e “corsa per la salvezza”  *

borsino dopo frosinone parma

(da queste 9 gare dovrebbero scaturire almeno 4 punti)

9) 0  >>> Frosinone
8) 1  TORINO
7) 1  >>>Sassuolo
6) ??? MILAN
5) 3  >>>Chievo
4) 1  SAMPDORIA
3) 1  >>>Bologna
2) 1 FIORENTINA
1) 0  >>>Roma

Il risultato di mercoledì sera, per me inaspettato, ha fatto un po’ vacillare il mio solito ottimismo legato ai punti (ancora da racimolare) salvezza: è un po’ di tempo che non parlo di gioco, di prestazioni, di Mister, di errori e di colpe: ebbene, oggi vado in deroga e vi elenco quelli che sono i maggiori colpevoli (in stretto ordine decrescente per il grado di colpevolezza) di questo pessimo percorso nel girone di ritorno:

  • Morosky
  • Lettori di Stadio.Tardini
  • Tifosi del Parma
  • Curva Nord
  • Pensionati Lato Edicola di fronte allo Stadio
  • Pagine Facebook
  • Velenoso, Enrico Boni, Davide, Lukfur, Il Linguista, Pencroff, Siberianhusky, Il cinese, Gabriele, Ludovico il Moro, Luca (e omonimi), Princess, Ciccio.Caputo, Baraye, Calaiò, Terzi, De Col, Gianni e Pinotto, Ollio e Stanlio, Elio e le Storie Tese
  • 7 soci fondatori
  • L’ex presidente cinese
  • La società
  • Il Direttore Sportivo
  • I giocatori infortunati
  • I giocatori fortunati
  • I giocatori che volevano venire (ma non posso)
  • I giardinieri del Tardini
  • Il mister

Legenda a posteriori: chiaramente sono io il maggior responsabile e, a scendere, ognuno di quelli sopra-eccitati, anche perché, ora che l’abbiamo fatta fuori dal vaso, dovremo stare molto attenti a queste ultime 8 gare nel senso che sta tirando una brutta aria!

* I risultati del 11° turno, 30^ giornata di ritorno ( meno 9) *

1-1 Milan-Udinese (Martedì 02/04 ore 19.00)
0-2 Cagliari-Juventus (ore 21.00)
2-1 Empoli-Napoli (Mercoledì 03/04 ore 19.00)
1-0 Spal-Lazio (ore 21.00)
3-2  Frosinone-Parma
2-2 Roma-Fiorentina
0-4 Genoa-Inter
2-1 Torino-Sampdoria
4-0 Sassuolo-Chievo (Giovedì 04/04 ore 19.00)
4-1 Atalanta-Bologna  (ore 21.00)

Tanto per capirci, visto che ho già letto delle insolite sconfitte di Napoli e Lazio, vi cito solo questo (legato alle gare che ho seguito): il Napoli è venuto da noi e ci ha mollato 4 pappine, è andato ad Empoli e ne ha prese 2 (se aggiungiamo un paio di gol mangiati e/o miracolose parate di Meret, potevano pure essere di più), la differenza è che, contro di noi, hanno incontrato degli “zombi” sotto di 4 gol già al 45°, mentre, ad Empoli, hanno trovato una squadra che, poi, seppur perdendo, aveva tenuto in scacco anche la Juventus almeno per 70 minuti giocando un gran calcio a ritmi elevati (Dio te benedissa Andreazzoli, Ciccio Caputo & your Friends).

Le previste sconfitte di Cagliari, Genoa, Chievo e Bologna hanno lasciato la classifica inalterata, con una gara in meno da disputare ma pure con alcune squadre che hanno incredibilmente rosicchiato già parecchi punti ai Crociati (Sassuolo, Udinese, Empoli, Spal, Bologna)

percorso pericolanti

 Come chicca finale vi anticipo le gare del prossimo turno, proprio un menù niente male, ogni giornata potrebbe essere decisiva per le sorti di qualcuno dietro di noi:

* Le gare del 12° turno, 31^ giornata di ritorno (meno 8) *

 PAERMA-Torino (Sabato 06/4 ore 15.00)
Juve-Milan (ore 18.00)
Sampdoria-Roma (ore 20.30)
Fiorentina-Frosinone (Domenica 07/4 ore 12.30)
Udinese-Empoli (ore 15.00)
Cagliari-Spal
Lazio-Sassuolo (ore 18.00)
Inter-Atalanta
Napoli-Genoa (ore 20.30)
Bologna-Chievo (Lunedì 08/4 ore 20.30)

I marcatori * (33 gol)

10 gol – Gervinho
08 gol – Inglese
03 gol – Bruno Alves, Barillà
02 gol – Rigoni, Kucka, Ceravolo
01 gol – Dimarco, Siligardi, Sprocati

Situazione cartellini gialli*

4 Barillà, Biabiany, Rigoni, Iacoponi,  (4 in diffida)
3 Stulac, Inglese, Gobbi
2 Siligardi, Bastoni, Kucka, Bruno Alves
1 Dimarco, Sepe, Gervinho, Scozzarella, Sierralta, Gazzola, Ceravolo

Noi siamo il Parma & noi abbiamo vinto in Italia ed in Europa, ora non contano più, sono solo slogans del passato da lasciare ai visitatori del Museo dei Crociati intitolato al Sig. Ernesto Ceresini (il presidente).

P.S. Giusto per non farmi mancare nulla mi sono guardato le ultime due gare di questo turno; Sassuolo-Chievo coi veronesi letteralmente asfaltati al Mapei Stadium (dovremo incontrare entrambe a casa loro), ma pure Atalanta-Bologna, già 4-0 dopo 14 minuti: risultati a noi favorevolissimi ma non è questo il punto, il punto è come giocano e come corrono tutti (dovremo andare anche a Bologna).

Di tutte le gare visionate, anche tenendo conto degli infortuni, assenze, magagne, tutto ciò che vuoi, ma SIAMO LA SQUADRA CHE GIOCA PEGGIO, anzi, proprio non gioca e pure la SQUADRA CHE CORRE DI MENO, qui lo scrivo  e qui lo confermo: oggi come oggi non meritiamo di rimanere in Serie A, spero che ci si salvi e auspico pure un bel “terremoto di mercato”: al 30 giugno 2019 vorrei vedere almeno 17-18 armadietti vuoti, Staff Tecnico compresi: mi sono spiegato bene? Avete capito oppure vi servono pure i cognomi?

Con un po’ meno ottimismo (il mio) e col fiatone corto (quello dei giocatori), vi saluto cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

27 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / Di ritorno da Frosinone con 3 bufaline fresche fresche

  • 5 Aprile 2019 in 07:56
    Permalink

    Vedo Morosky che hai “leggermente” cambiato idea rispetto a qualche giorno fa… 🙂
    Non è una critica, ma una constatazione.

    Approvo soprattutto l’ultima parte.

    Per me siamo ai titoli di coda di una rappresentazione che sembrava una commedia e invece è una tragedia (sportiva ovviamente).

    Nota: allenatore nuovo? Ok potrebbe dare una scossa, almeno mentale, su questo non ci piove ma ricordiamoci che:
    – i giocatori sono questi
    – ci sono i soldi per pagarlo?
    – chi viene lo fa per restare e adesso non vedo basi per il futuro
    – occorre trovare un mezzo pazzo

    Che delusiò…

    • 5 Aprile 2019 in 10:55
      Permalink

      ma, anche se fosse una critica,sarei in grado di accettarla:

      sono sempre stato molto ottimista su quello che ( anche in passato ) sarebbe poi stato il risultato finale dei vari campionati::

      fino a quando ( a fronte di un gioco così così ) cè stato il supporto dei punti e della classifica, mi sono fatto andar bene e scivolare via tutto…
      adesso sto cominciando a preoccuparmi un po’, mi sembra naturale…

      SENZA CERTEZZE ASSOLUTE MA, penso che ci si salverà, magari tribolando, arrancando, alle corde e sulle gambe molli ma, CI SI SALVERA, anche perché, OLTRE AI NOSTRI LIMITI E MOMENTO, dietro sono messi ..SICURAMENTE PEGGIO…

      primo perché, il nostro riferimento, BOLOGNA, ha sei punti di meno e secondo, HANNO TUTTE UN CALENDARIO SUPER IMPEGNATIVO…

      sinceramente, sul cambio degli allenatori, NON SONO MAI STATO D’ACCORDO ….e, pure in questo momento, NON MI SENTIREI DI CAMBIARE ma …al 30 giugno, qualsiasi sia l’epilogo del campionato ….PER ME, SI DEVE CAMBIARE REGISTRO…….

      • 5 Aprile 2019 in 13:28
        Permalink

        Quello che al Parma sarebbe servito da tempo è un direttore tecnico. La persona che a livello sportivo coordini lo sviluppo tecnico di tutto il sistema Parma che deve autosostenersi tipo Ajax.
        D’Aversa ne avrebbe tratto supporto e avrebbe avuto più flessibilità. Ha, come tutti, qualità e difetti.
        Con un direttore tecnico crescerebbe.
        A noi serve questa figura di riferimento per creare un ciclo.
        Guidolin sarebbe perfetto. Trasmetterebbe la sua esperienza

  • 5 Aprile 2019 in 08:01
    Permalink

    Infatti se perdi contro una squadra che comunque a fine anno retrocederà (Frosinone) non meriti di rimanere in A. Chiaro e semplice.

    • 5 Aprile 2019 in 11:41
      Permalink

      Bisogna anche vedere come si è perso… con mezza squadra fuori e con un rigore dubbio deciso al VAR dopo 10 minuti.
      Ovviamente si poteva fare meglio ma avessimo avuto noi un Pinamonti e dico tutto.

  • 5 Aprile 2019 in 08:12
    Permalink

    Caro morosky non capisco a cosa serva questo articolo…. hai scritto cose che si sanno da almeno 2 anni e mezzo, hai difeso staff giocatori e società fino a ieri e adesso vorresti fare piazza pulita….
    Forse sarebbe meglio dire le cose come stanno nei tempi giusti e si eviterebbe di arrivare alla fine dei giochi senza aver nulla in mano…
    Questa non è una squadra e non lo è mai stata, abbiamo vissuto sulle individualità di Gervigho e inglese e soprattutto sul culo…. adesso sono finite tutte queste cose e abbiamo raccimolato 7 sconfitte nelle ultime 10 partite, perdendo anche a frosinone dove nessuno era uscito sconfitto….. sabato perderemo anche con il torino e sinceramente di vedere cosa fanno gli altri mi sono rotto… giusto retrocedere rimarremo anche per questo “come noi nessuno mai”… questi sono gli sloogan che piacciono alla società…. preferisco tornare ad arzignano che essere rappresentato da questo staff dirigenza e squadra…. saluti

    • 5 Aprile 2019 in 11:17
      Permalink

      IO HO ACCETTATO ciò che hai detto tu ( STAFF, GIOCATORI E SOCIETA’ ), FINO A QUANDO, ALMENO I RISULTATI E LA CLASSIFICA, gli consentivano di essere tutelati e difesi …..

      nel girone di ritorno, dopo la vittoria di Udine, anche a causa di parecchi infortuni agli uomini decisivi ( MA QUESTA NON VUOLE ESSERE UNA MIA SCUSANTE ) …ci siamo ridotti con 7 sconfitte, 2 pareggi e la sola vittoria contro il Genoa…

      IO HO SEMPRE SCRITTO CHE, nel girone d’andata, indipendentemente da una diversa cattiveria, grinta e discreta fase difensiva,
      ABBIAMO AVUTO DELLE GARE IN CUI LA DEA FORTUNA CI HA DATO UNA GROSSA MANO:

      Inter
      EMPOLI
      Fiorentina ….

      partite letteralmente RUBATE ( dal punto di vista del gioco, delle occasioni, i tutto )

      RIPETO……fino a quando i risultati e la classifica erano lusinghieri, con 9, scrivo nove squadre dietro, le magagne sono state coperte e mascherate….
      OGGI CREDO CHE SIA ORA DI SVEGLIARSI, CHI VUOLE GIOCARE IN SERIE A, PURE IL PROSSIMO ANNO, DEVE SMUOVERE LE GAMBE E LE CHIAPPE …
      darsi una mossa e attaccare la spina della grinta, cattiveria, combattività ed impegno massimali..

      comunque stai tranquillo, oltre alle due già retrocesse
      ( CHIEVO e FROSINONE )
      CI SALVEREMO …
      anche perché, oltre a queste, dietro, ce ne sono altre 6 ..le quali, ripeto, SONO MESSE PEGGIO DI NOI..
      ti saluto ragazzo
      moro

    • 5 Aprile 2019 in 11:33
      Permalink

      Ad ogni modo, se tu oggi intervistassi un tifoso del Bologna, secondo te, cosa sceglierebbe ?
      la nostra o la loro classifica ad 8 giornate dalla fine, a quasi parità di difficoltà del calendario ?

      ED ALLORA CREDO SIA GIUSTO PREOCCUPARSI, STARE ALL’OCCHIO, ALLERTA ED IN GUARDIA MA…
      abbiamo 6 lunghezze in + …OLTRE ALLO SCONTRO DIRETTO, ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE …

      TE NE DIRò UN ALTRA:

      all’andata, ci sono state 3 squadre, DIETRO DI NOI, che sono venute al Tardini ESCLUSIVAMENTE PER NON PERDERE, ERGO, PER PAREGGIARE ……

      0-0 FROSINONE
      1-1 CHIEVO
      0-0 BOLOGNA

      si sono messi tutti dietro, difendendo, lottando, non concedendo nemmeno un centimetro…
      io non sto criticando il loro atteggiamento, hanno fatto bene e portato a casa il punto…
      E QUESTE TRE SONO TUTT ORA DIETRO DI NOI….non ti puzzano di punti buttati al vento ???

      noi, nel girone di ritorno, abbiamo scialacquato sia in casa che in trasferta…

      SPAL
      Cagliari
      Empoli
      Frosinone
      GUARDA CASO …TUTTE DIETRO DI NOI …..
      ma di cosa stiamo parlando ??

      • 5 Aprile 2019 in 20:40
        Permalink

        ah ecco ,si sarebbero messe dietro per non perdere,infatti ,se a nel fa mighe gol da quaranta metor bruno alves la ciapema in tal cul anca dal chievo ,lasema perdor bologna e Frosinone dove abbiamo tirato all’indietro assieme vala’,guardasi possesso palla addiruttura del 45% na roba incredibbile

  • 5 Aprile 2019 in 08:32
    Permalink

    DONADONI ti aspettiamo !!!!

  • 5 Aprile 2019 in 10:47
    Permalink

    Quasi quasi ci conviene perdere con il Toro perché SOLO IN QURSTO MODO salterà D’Aversa.
    Dietro stanno volando.
    In mezza settimana addirittura la,SPAL ci ha rosicchiare 6 punti.
    L’Empoli batte il Napoli MERITATAMENTE mentre noi già prima della partita, con.la mentalità perdente del nostro coach che ha trasmesso ai giocatori, sapevamo che non c’era scampo e abbiamo giocato senza 🍒 sicurissimo di.perdere……in casa.
    Le palle sono mancate 🍒 🍒
    Con DONADONI la musica cambierà perché giocatori forti noi li abbiamo.
    😇 😇
    Tecnicamente siamo più forti di Empoli Frosinone Chievo Udinese Spal.Cagliari e Genoa per cui con DONADONI i veri valori usciranno.
    Sono contento che Pizzarotti abbia capito che se non si cambia allenatore si va in B sparati e se si va in B sparati perdendo i 50 milioni che avremmo con la permanenza in 🅰 la favola del Parma finirà volenti o Nolenti.
    I migliori ( Gervinho Inglese Kucka) se ne andrebbero.
    Rimarrebbero Schiappacasse e Machin due giocatori da parte bassa di squadre di serie B
    Ecco perché se io fossi Pizzarotti
    SALVEREI D’AVERSA,
    solo con la vittoria sul Torino altrimenti anche con un pareggio
    ⛔ lo esonererei tanto anche se retrocederemmo non penso che il prossimo anno terrebbe D’Aversa
    Col gioco che fa, mezzi abbonati non rinnoverebbero l’abbonamento e io purtroppo sono tra quelli.
    Sono stanco del non gioco di D’Aversa, il calcio è uno spettacolo altrimenti che ⚽ è?
    Ormai ilgioco del Parma lo conoscono tutti e ci bloccano
    Con Donadoni verrebbero mischiate le carte e non daremo più punti di riferimento come gioco alle squadre avversarie e poi diamine
    DONADONI è un signor allenatore.
    Una bravissima persona e un grande tecnico

    Ora faccio un appello al.presidente PIZZAROTTI.
    Chissà che almeno lui mi ascolti.
    Esoneri D’Aversa anche se si dovesse pareggiare poi andremmo a Sassuolo e sarebbe nuovamente sconfitta poi avremmo il Milan….
    Dietro corrono e noi invece siamo fermi.
    Via D’Aversa senza rimpianti anche con un pareggio.
    La quota salvezza si è alzata e noi con D’Aversa di punti ne faremo.pochi forse nemmeno a Verona col Chievo e poi presidente diciamocelo chiaro senza peli sulla lingua
    A noi D’Aversa poteva anche andar bene se pur non facendo gioco metteva nel carniere punti.
    Ora oltre a non far gioco non fa nemmeno punti e i tifosi sono stanchissima di andare,allo stadio ed essere umiliati da tutti
    D’Aversa attualmente è un VELENO per il.Parma e Donadoni è il suo antidoto.
    Presidente faccia quello che deve fare.
    Credo in lei Grazie 💕 💕 💕

    • 5 Aprile 2019 in 11:42
      Permalink

      Donadoni non verrà ma anche se venisse con mezza squadra fuori e Schiappacasse di punta non vincerebbe con nessuno.

    • 5 Aprile 2019 in 15:27
      Permalink

      Analisi razionale…. speriamo…. per sabato mi accontenterei di vedere un barlume di gioco e combattività…. perderemo di sicuro perché il toro è in formissima e vorrà vendicare la sconfitta dell’andata…. speriamo solo di perdere cin dignita

  • 5 Aprile 2019 in 14:04
    Permalink

    FINALMENTE I BOYS PRENDONO POSIZIONE.
    1) NON GIOCO DEL PARMA E FINE FATTORE C. DI D’AVERSA
    2) GIOCATORI CHE SI SONO SENTITI ARRIVATI
    3) LA COLPA E’ anche di noi tifosi, della stampa locale e di tutti quegli pseudo giornalisti che vedevano già praticamente salvo il Parma.
    Non occorre criticare da menagrami ma nemmeno piovanizzarsi. Una sana via di mezzo

    Attraverso un lungo comunicato apparso sul proprio sito, i Boys hanno voluto commentare il difficile periodo di stagione del Parma dopo la sconfitta contro il Frosinone.

    “Benvenuta paura! Con una serie di prestazioni sconvolgenti siamo finiti nella m***a, una situazione quasi drammatica.
    Sono emersi tutti i limiti di una rosa senza mai rincalzi, di un continuo non gioco e soprattutto della fine del fattore C… quello che ci ha permesso di arrivare fino a qui. Non ci possiamo attaccare alle assenze, ne tanto meno agli episodi, che nell’arco di una stagione vanno e vengono.
    Frosinone, non è altro che la punta dell’ iceberg di una situazione che stava maturando domenica dopo domenica, partita dopo partita.
    Neanche la fortunata carambola con il Genoa ha potuto mascherare questa debacle clamorosa, che ora ci vede nella classica posizione di chi ha tutto da perdere, quella categoria che ci eravamo guadagnati con tanto sudore e fortuna nella passata stagione.
    Siamo e saremo sempre i classici toccasana per ogni squadra che ci incontra e sta attraversando un particolare momento di crisi: per il Frosinone si è trattato della prima vittoria stagionale in casa.
    Qualcosa non va, si è rotto quell’equilibrio che nonostante il non gioco a cui ormai siamo abituati, ci ha comunque portato risultati sufficienti per gestire le ultime fatiche……fino a mercoledì sera! Ora senza certezze, con una rosa falcidiata dagli infortuni e una confusione tecnica evidente, crediamo sia giunto il momento di dimostrare quanto si è disposti al sacrificio, per il bene del Parma e della sua gente.
    Non ci sono più scuse, ci vogliono le palle e quell’umiltà smarrita, quella voglia di stupire e dimostrare, ormai un lontano ricordo.
    Basta con gente che gioca con sufficienza, con errori grossolani perché così non si va da nessuna parte. Abbiamo perso partite contro dirette avversarie, che con un poco di attenzione in più sarebbero finite in altro modo ma soprattutto abbiamo dato la forza di crederci alle avversarie che non si sono fatte pregare e ora ci tallonano da vicino.
    Qualche mese fa, avevamo detto che la flessione di risultati e prestazioni doveva risuonare come un campanello d’allarme citando la clamorosa retrocessione dell’Empoli di qualche anno fa con la clamorosa salvezza del Crotone.
    Speriamo di essere cattivi profeti e che nelle ultime giornate si possano ritrovare tutte le virtù che ci avevano contraddistinto per più di metà campionato.
    L’ambiente ha perso entusiasmo e pazienza, ma soprattutto fiducia perché non si può buttare via una stagione così, con ingenuità macroscopiche, con prestazioni senza attenuanti, ma soprattutto con l’atteggiamento di chi si sente già arrivato.
    La colpa è anche di noi tifosi, della stampa locale e di tutti quegli pseudo giornalisti che vedevano già praticamente salvo il Parma.
    Ed ora c’è da lottare, contro tutto e tutti perché siamo finiti nella m***a, tutti insieme!!!”

    • 5 Aprile 2019 in 15:35
      Permalink

      Guarda guarda anche i Boys la pensano come me.
      Finalmente 😘
      Giocatori demotivati e montati molti dei quali se ne fregano del Parma sapendo già ( vedi Bastoni e altri ) che il prossimo anno non saranno più tra noi comunque vada
      La pensano come me anche sull’ allenatore che è in confusione totale che ha paura, che non crede nei propri giocatori ( vedi Dezi e altri che tiene perennemente in panchina anche quando servirebbero) che sbaglia tutti i cambi, che negli ultimi 15 minuti della partita fa cambi osceni avendo una paura pazzesca di.prendere gol, cagandosi addosso. un allenatore questo D’Aversa che non sa motivare la squadra e che non da uno straccio di gioco a questa squadra spenta e zombizzata.
      Però Boys lasciatemelo dire, la colpa di questo tracollo è anche vostra. 😈
      Avete applaudito prestazioni vergognose in casa come contro il Napoli o come contro la SPAL applaudendo i ” vostri eroi” non certamente i miei, come se avessero vinto.
      I fischi quando ci vogliono bisogna farli altrimenti si è dei codardi.
      Nel Parma attualmente ci sono.giocatori che gigioneggiano in campo fregandosene altamente dei nostri colori e della nostra maglia 😈 facendo errori da oratorio senza concentrazione ( vedi rigore causa Gobbi che era già sotto la doccia a Frosinone)
      Che fare ora?
      DIAMO A TUTTI UN’ULTIMA CHANCE.
      MA CHE SI L’ULTIMISSIMA
      Applaudiamoli dall’inizio anche contro il Torino come se il passato recente fosse stato solo un brutto incubo.
      Se ci accorgeremo però che questi non hanno.le palle che fanno errori da squadra da dopolavoro ferroviario, non onorando con corsa sudore e concentrazione la maglia bcominceremo a FISCHIARLI e fischiando loro fischieremo anche D’Aversa che non sa mettere in campo e motivare i giocatori e poi dopo Torino si tireranno le somme 🕒
      D’Aversa va sostitiluito con Donadoni.
      Ormai è in trance. non sa cambiare schemi non da gioco alla squadra, se ne sta sempre seduto in panchina senza spronare la squadra sconfitto e deluso 😕 non si fa vedere per vergogna per il gioco che ci propone settimanalmente. ha finito anche lui la benzina. 😈
      Bisogna cambiarlo per cambiare schemi che tutti i nostri avversari ormai conoscono a memoria e che non sa cambiarli con altri schemi nuovi.
      Bisogna sostituirlo urgentemente con un allenatore come DONADONI che è tosto e non ha paura e negli ultimi 15 minuti non mette tutta la squadra in area sperando.nel culo.
      D’Aversa va sostituito altrimenti la serie 🅰 diventa una chimera.
      😈
      Pensate che a 15 minuti dal termine con.la Spal sul 2-0 eravamo in Europa Leagle con 17 punti di vantaggio sulla terz’ultima che stava perdendo in casa per 4-0 e ora di punti sulla terz’ultima ne abbiamo solo 6 e,allora MI VIENE UNA VOGLIA PAZZESCA DI
      FISCHIARE
      D’AVERSA che ci sta portando B ⚡
      Il preparatore atletico che mi ha fortemente deluso ⚡
      La curva che come ebeti applaudono sia quando si vince e sia quando si perde senza combattere ( vedi Napoli) ⚡
      Giocatori che non hanno 🍒 palle ⚡
      La società perché se domani con un pareggio dovessero confermare D’aversa bravissima persona ma come tecnico non da serie A mi deluderebbero in modo abnorme ⚡
      Via D’Aversa se si vuole ancora avere speranze di conservare la serie 🅰
      Teniamoci D’AVERSA se siamo rassegnati al nostro destino da perdenti 😈 😈

  • 5 Aprile 2019 in 14:04
    Permalink

    Ho atteso 48 ore….speravo di smaltire la delusione e l’incazzatura ma niente. La scimmia sulla spalla non se ne vuole andare. Facendo un grande respiro… dobbiamo prepararci ad un mini campionato di 8 partite. Note positive: partiamo da + 6 nei confronti di Bologna ed Empoli. Un calendario che ci può far guadagnare i punti rimanenti per la salvezza. Fare 25 punti in 19 partite è stato superlativo. 8 in 11 una Caporetto. Finite le note positive. Negative: affrontiamo queste 8 partite con 5 giocatori (mezza squadra) infortunati e con nessuna buona notizia nell’immediato. In evidente difficoltà fisica e con la testa che è in stato di allarme. Con giocatori in prestito che non dico si defilino dalla lotta, ma che dovendo scegliere se combattere al fronte o marcare visita non esitano a preservare la propria carriera.Tanto loro mal che vada spariranno da Parma così come sono apparsi.Del gioco/non gioco in questo momento non mi importa niente. 5 punti che arrivino anche con la carta Fidality dell’Esselunga ma che arrivino.Tappiamoci gli occhi, molletta al naso e andiamo all’Ennio fiduciosi.Non possiamo fare altro.Nella storia delle retrocessioni degli ultimi anni 2 sono le più scarse la 3^ e quella che va in “cagone” nelle ultime 10 partite. E’ toccato a Sampdoria Verona Empoli Bologna….. Per ora i principali indiziati siamo noi. Abbiamo sollevato le braccia dal manubrio ancora prima di tagliare il traguardo. Abbiamo davanti una macchia d’olio. Sta a noi e soltanto a noi poterla evitare. Cadere sul traguardo ….. lascio a Voi lo scenario toccandomi le palle vigorosamente….attento a non farmi del male !!!

  • 5 Aprile 2019 in 14:38
    Permalink

    Il girone di andata è stata la nostra sfortuna, vincere partite immeritatamente (Milano con Inter, in casa con L’Empoli, a Firenze), ha gettato fumo negli occhi della società e di certa critica, impedendo di correre ai ripari per puntellare una squadra fondamentalmente scarsa e senza un gioco. Il tecnico non andava confermato dopo la vittoria dei playoff in Lega Pro, siamo arrivati in serie A, grazie ad eventi favorevoli inimmaginabili ed irripetibili. Il cinese ha scombussolato i piani degli imprenditori di casa, non onorando i suoi impegni ed ora che la fortuna ha deciso che a noi ha già dato tanto, si è girata di lato e noi siamo questi, incapaci di fare punti a Frosinone, perdiamo in casa con la Spal dopo che eravamo in vantaggio 2-0, ci facciamo riprendere e perdiamo con il Cagliari. Questa è la nostra vera dimensione, dopo Chievo e Frosinone siamo la peggior squadra di serie A, come gioco e forse. Anche come organico, costretti a sperare nelle disavventure altrui

  • 5 Aprile 2019 in 15:14
    Permalink

    Conferenza stampa di d’aversa da TSO…… prego ci sia qualcuno in società che allontani questo soggetto…… siamo al ridicolo……..
    Ma tanto lui ha le spalle larghe………………..
    E gli dispiace per il Frosinone ma lui crede che non si salvi…….
    INCREDIBILE!!!!

  • 5 Aprile 2019 in 15:40
    Permalink

    Caro Pizzarotti
    Ascolta il.tuo popolo
    Ascoltaci ti prego
    Esonera D’Aversa.
    Non te ne pentirai
    Promesso. 💕 💕

  • 5 Aprile 2019 in 15:49
    Permalink

    Con grande attenzione ed umiltà ho letto tutti i commenti:

    se la dobbiamo vedere da un punto di vista RAZIONALE , ci dobbiamo basare sui punti, sulle partite, SULLO STATO DI FORMA, sul calendario e sulle avversarie, nostre e delle squadre che dovranno salvarsi.

    Dato per retrocesse CHIEVO e FROSINONE dobbiamo vedercela con le altre 6 dietro di noi:
    NOI SAREMO ANCHE MESSI MALE ma…

    SCONTRI DIRETTI A FAVORE:
    Sassuolo, Genoa, Cagliari, Udinese, Empoli

    CALENDARIO PARTITE: mi sembra molto difficoltoso per tutte con picchi elevatissimi per molte delle squadre dietro di noi ….

    STATO DI FORMA: onestamente, oggi come oggi, siamo messi maluccio ( INFORTUNI, FISICAMENTE, TESTA, ECC ECC ) ma, pure le altre non è che siano tanto lontano …GENOA, BOLOGNA …

    ….tocca a loro, IN CAMPO, così come hanno fatto loro, SEMPRE IN CAMPO , anche con fortuna, nella prima parte del campionato …: a volte anche con inesperienza, sfiga, rilassamento, fragilità…

    SOLO LORO, IN CAMPO, POTRANNO RIMEDIARE E RECUPERARE …

    grazie ai Boys per il loro intervento …
    sincero, solido, pulito e deciso …
    OGNUNO SI PRENDA LE PROPRIE RESPONSABILITA’
    …IN CAMPO SOPRATTUTTO …
    poi …si accetteranno sempre i verdetti provenienti dal verde prato …
    unico giudice finale

    • 5 Aprile 2019 in 16:48
      Permalink

      Hai dimenticato un po di cosette molto importanti
      1) è finto il culo… ciò che la fortuna ci ha doato all’andata adesso se lo riprende
      2) non abbiamo ne schemi ne gioco che possano dare personalità alla squadra
      3) ormai tutti conoscono quei due schemini di DAversa e adottano le dovute contromisure

      • 5 Aprile 2019 in 17:27
        Permalink

        Morosky credimi vedi il.bicchiere.mezzo pieno 🍷 ma credi a me il bicchiere 🍷 è vuoto.
        Anche con l’Empoli avevi scritto che.il Napoli vinceva a Empoli e noi a Frosinone si pareggiava e l’Empoli andava sott’acqua.
        Io avevo scritto che l’Empoli avrebbe vinto 1-0 e noi avremmo perso.
        Così è stato.
        L’Empoli ha vinto 2-1 e noi abbiamo perso.
        Vedi, io ti sembrero’ pessimista ma sono solo REALISTA e tu sei troppo ottimista.
        Se non si esonera D’Aversa il bicchiere 🍷 non è mezzo vuoto ma è 🍷 vuoto addirittura asciutto.
        Credimi
        Occorre esonerare D’aversa…..finché si è in tempo anche con un pareggio col Torino.
        Dopo Sassuolo sarà tardi.
        Ricordati quello che ti ho detto tra 20 giorni quando. se rimarrà D’Aversa saremmo terz’ultimi e il cambio non servirà più di tanto, se si retrocede 😈 il prossimo anno non ci B sarà più,
        A questo punto con un.pareggio tanto vale che la società
        TIRI FUORI LE B PALLE 🍒 e lo esoneri anche con un pareggio.
        Ciao

  • 5 Aprile 2019 in 15:49
    Permalink

    CIAO Mauro,
    QUALCHE GIORNO FA, DA QUESTO BLOB, avevo invocato il Presidente, anche con parole dure e me ne scuso sinceramente con Lui, ha risposto attraverso la GAZZETTA, bene questo è il momento di infondere positività, quando le cose non girano nel verso giusto.
    Colloqui individuali per capire, analizzare e porre rimedio. TIRATA D’ORECCHI che servono e dalle quali il Parma deve ripartire.
    VINCERE sabato servirebbe soprattutto alla classifica, che avrebbe il sapore della salvezza. Sarà dura ma ora occorre il cuore e la testa giusta.
    VINCERE e basta, poi i processi li facciamo dopo.
    LO STADIO TARDINI SIA TUTTO CON I COLORI DELLA SQUADRA.

  • 5 Aprile 2019 in 15:52
    Permalink

    Ricordiamoci tutti però una cosa :

    QUI NON SI TRATTA DI AVER RAGIONE, TORTO O DI AVERLO DETTO….

    qui si tratta di portare a casa una salvezza che ci dobbiamo ancora meritare ma…nulla è vano, nulla è perduto…

    STANNO PEGGIO LE OTTO DIETRO, credetemi ……e, visto che, due di loro sono già retrocesse …..
    ne manca solo una …..di quelle 6 rimaste, DIETRO DI NOI

  • 5 Aprile 2019 in 15:56
    Permalink

    Consiglio a Pizzarotti ogni tanto di cambiare “maglione”.
    Capisco che è c’è il ritorno del Vintage,
    ma chèra….al spol cambier maia ogni tant….

  • 5 Aprile 2019 in 17:16
    Permalink

    Siamo qua con la merda al mento che basta aprire la bocca per ingoiarla e questo qui guarda il maglione di Pizzarotti….. e pigia sulla tastiera per farcelo notare ….è questo il bello !!! An ghè etor da fer incò ??? C’è l’ora legale la giornata si è fatta al bello…. va a fer un gir dailá !!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI