BOLOGNA-PARMA 4-1 (FINALE): HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE A CURA DI ILARIA MAZZONI

BOLOGNA-PARMA 4-1: CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

BOLOGNA-PARMA 4-1 – IL TABELLINO

Marcatori: 6′ st Orsolini, 14′ st Pulgar, 27′ st Lyanco, 36′ st Inglese, 39′ st aut. Sierralta

BOLOGNA – Skorupski; Lyanco, Pulgar, Orsolini, Krejci, Mbaye, Soriano (30′ st Svanberg), Destro (21′ st Santander), Danilo (41′ st Corbo), Palacio, Dzemaili (Cap.). All.: Mihajlovic
A disposizione: Da Costa, Santurro, Paz, Nagy, Donsah, Helander, Edera, Calabresi, Falcinelli

PARMA – Sepe; Iacoponi, Dimarco, Ceravolo (15′ st Inglese), Scozzarella, B. Alves (cap.), Gazzola (15′ st Siligardi), Gervinho, Rigoni, Bastoni, Sprocati (20′ st Sierralta). All.: D’Aversa.
A disposizione: Frattali, Brazao; Stulac, Machin, Gobbi, Gagliolo, Dezi, Grassi.

Arbitro: Sig. Luca Pairetto di Nichelino

Assistenti: Sigg. Filippo Valeriani di Ravenna e Matteo Bottegoni di Terni

 IV Ufficiale: Sig. Niccolò Baroni di Firenze

V.A.R: Sig. Gianluca Rocchi di Firenze 

A.V.A.R.: Sig. Giacomo Paganessi di Bergamo

Espulso: Bruno Alves per doppia ammonizione

Ammoniti: Dimarco, Rigoni, Soriano, Gervinho

Calci d’angolo: 13-3  Espulsi: B. Alves (P).

Recupero: 0’+2’

Spettatori: 20.656 (13.708 abbonati di cui 797 ospiti).

LA DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

BOLOGNA PARMA SERIE A 13 05 2019

Un derby che si tinge ancora più di pathos, le due squadre emiliane sono infatti alla ricerca dei punti finali necessari per giungere al traguardo agognato della salvezza.

La squadra di Mihajlovic, reduce dal ko con il Milan a San Siro, si trova, per ora a +2 sull’Empoli che invece ieri ha ottenuto la vittoria a Genova contro la Sampdoria. I crociati, invece, dopo il pareggio in casa proprio contro la Sampdoria se stasera ottenesse i tre punti sarebbe aritmetico salvo.

Crociati che attaccheranno da sinistra verso destra in questi primi quarantacinque minuti, formazioni che sono già sul terreno di gioco e che aspettano il fischio di inizio del direttore di gara.

01′ è iniziata! Parma che si spinge subito in avanti e che raccoglie un fallo laterale. A rimettere il pallone in gioco sarà DiMarco

02′ calcio di punizione assegnato ai padroni di casa nella metà campo gialloblù. Alla fine riesce a recuperare il pallone il Parma

03′ gran intervento del portiere gialloblù che interviene prontamente sul tentativo di Mattia Destro

04′ il Bologna, in questi primi minuti, sembra più aggressivo Parma che, invece, sembra ancora rimasto all’interno degli spogliatoi. La squadra bolognese avanza e prova quindi il tiro con Krejci, l’intervento di Sepe salva ancora una volta i crociati. Sarà calcio d’angolo per il Bologna. Corner battuto da Pulgar dalla destra

05′ ancora una volta salva la porta crociata Sepe che interviene in modo efficace Destro; l’attaccante aveva provato a sorprendere l’estremo difensore gialloblù cercando di piazzare il pallone nell’angolino destro della porta dopo l’assist di Palacio

07′ rimessa laterale a favore della squadra ospite; Parma che non sfrutta però l’occasione e il gioco torna tra i piedi del Bologna

08′ un altro brivido corre lungo la schiena dei tifosi gialloblù: l’attacco del Bologna continua a pressare in area riuscendo a trovare i varchi giusti per giungere nei pressi della porta avversaria. Per fortuna Sepe si fa, per l’ennesima volta nell’arco di questi primi minuti, trovare pronto riuscendo ad intervenire sul tentativo di Orsolini

09′ calcio di punizione conquistato da Simone Iacoponi

10′ primo calcio d’angolo per il Parma

11′ primo tentativo (fallito) dei crociati che si portano in fase offensiva con Gervinho. Il suo destro da centro area termina di poco a lato. L’assist era stato di Sprocati

12′ Palacio conquista un calcio di punizione sulla fascia sinistra dopo il fallo commesso da Simone Iacoponi

15′ questi primi quarantacinque minuti sono stati caratterizzati da un dominio nel possesso del pallone da parte del Bologna

17′ rimessa laterale concessa ai crociati dal direttore di gara

19′ DiMarco interviene sull’avanzata della formazione di casa e accompagna il pallone fuori dall’area crociata sarà, quindi, corner dalla destra per il Bologna, a batterlo è Orsolini. Nulla di fatto: il pallone si perde sul fondo

20′ calcio di punizione conquistato nella propria metà campo da Destro a seguito di un intervento giudicato, per l’appunto, falloso di Bruno Alves

24′ resta in zona d’attacco il Bologna che sembra deciso nel volersi aggiudicare i tre punti in questo spareggio per la salvezza

25′ calcio di punizione per i padroni di casa, a conquistarlo è stato Pulgar

26′ i rossoblu continuano a pressare la formazione di D’Aversa, questa volta a portare palla è Soriano che infine, dopo un intervento di Sprocati, conquista un corner, l’ennesimo per il Bologna

28′ fuorigioco segnalato ad Orsolini, il compagno aveva provato a servirlo con un tiro dalla distanza, brivido per i crociati

29′ pallone che ora è gestito dal Parma che prova ad offendere il Bologna ma infine commette fallo Rigoni nell’impeto di cercare di raggiungere la porta difesa da Skorupski

31′ tiro da parte di Dzemaili che riceve il pallone da Palacio; il suo destro da fuori area è nettamente fuori bersaglio, sarà Sepe a rimettere il pallone in campo

32′ primo cartellino giallo del match: ad essere ripreso dal direttore di gara è DiMarco

34′ ammonito anche Rigoni, il gialloblù era diffidato e dovrà quindi saltare la prossima partita in casa contro la Fiorentina per squalifica

35′ fuorigioco dei padroni di casa, è Lyanco ad essere in offside

36′ al Dallara conquista una rimessa nella propria metà campo il Parma

37′ provano ad avanzare i gialloblù, a portare palla è Dimarco. L’occasione non viene però sfruttata ed il pallone torna al Bologna

38′ partono in contropiede i crociati che, però, mancano di precisione nella conclusione finale

39′ ennesima posizione di offside segnalato alla squadra di Mijalovic, questa volta al di là della linea regolamentare viene colto Palacio

41′ è ancora Palacio che prova a pungere la difesa gialloblù, il tiro, però, non inquadra, fortunatamente, lo specchio della porta avversaria. Brava in quest’occasione la difesa di D’Aversa a chiudere e costringere l’attaccante rossoblu a tirare con il piede non prediletto

42′ Mattia Destro conquista per il Bologna un calcio di punizione nella metà campo crociata dopo aver subito un intervento irregolare di Scozzarella

43′ un altro tentativo fallito dal Bologna che prova il tiro dalla distanza; conclusione, di Lyanco, che termina abbondantemente a lato della porta difesa da Sepe

45′ assegnato il tempo di recupero : 1 minuto

45’+1′ sono terminati anche questi ultimi secondi addizionali, le squadre tornano negli spogliatoi. Il punteggio, ricordiamo, è fermo sullo zero a zero ma il Parma è stato fortunato in questi primi quarantacinque minuti, Bologna che, invece, non è riuscito a concretizzare le occasioni da rete che si è creato

46′ i due schieramenti sono tornati sull’erba del Dallara, pronti per l’avvio di questo secondo tempo. Nessun cambio è stato operato nel corso dell’intervallo

48′ primo cartellino giallo della ripresa per Soriano, il calciatore del Bologna è entrato in modo falloso per stoppare un tentativo offensivo dei crociati

49′ corner per i padroni di casa

52′ i padroni di casa riescono infine a concretizzare, conducono ora la gara grazie alla rete messa a segno di Orsolini che con un tiro di sinistro che parte dalla parte destra dell’area insacca il pallone alle spalle di Sepe. L’assist è stato di Dzemaili

54′ calcio d’angolo per i crociati che sembrano voler reagire al goal che hanno appena subito

55′ DiMarco prova a rimettere il Parma sul risultato di equilibrio ma la sua conclusione viene deviata da un intervento della difesa rossoblu

56′ colpo di testa di Ceravolo; sfortunato, in quest’occasione, l’attaccante crociato

58′ fallo di Gervinho che viene quindi ammonito, il gialloblù rischia addirittura la doppia ammonizione, infatti reagisce con impeto nei confronti dell’arbitro

59′ raddoppia il Bologna e si porta sul 2-0 grazie al tiro Pulgar; la palla tocca il palo e finisce per carambolare sul corpo del portiere crociato. Autogoal quindi per i gialloblù che si trovano ora nella complicata situazione di dover recuperare due reti

60′ prima sostituzione per i crociati: Gazzola lascia il posto a Siligardi

61′ sostituzione per D’Aversa: esce Ceravolo che lascia il posto a Inglese

62′ viene ammonito Bruno Alves a seguito di un brutto fallo commesso dal Capitano Crociato che poi, inspiegabilmente, reagisce irruentemente alla decisione. L’arbitro, quindi, gli mostra nuovamente il cartellino giallo seguito da quello rosso: espulso. Piove sul bagnato per i crociati che non solo dovranno cercare di recuperare due reti ma dovranno farlo in inferiorità numerica

65′ l’allenatore crociato si vede costretto ad effettuare la sua terza ed ultima sostituzione per cercare di tamponare la situazione di inferiorità inserisce Sierralta al posto di Sprocati

66′ ancora Bologna che dilaga e prova il tiro con Pulgar, per fortuna Sepe ci mette una pezza

67′ primo cambio anche per i padroni di casa: out Destro a prenderne il posto è Santader. Bologna che ha intanto conquistato un calcio d’angolo

70′ Bologna che ormai ha preso possesso del campo

71′ ammonito anche Scozzarella

72′ la sentenza rossoblu è un macigno per i crociati: i padroni di casa rifilano il terzo goal alla formazione di D’Aversa. Azione che si sviluppa a seguito di un corner, pallone che viene intercettato dalla testa di Lyanco che insacca il pallone. Tre a zero per i rossoblu

75′ il Bologna effettua una sostituzione: Mattias Svanberg sostituisce Roberto Soriano

77′ i padroni falliscono l’occasione di calare il poker, Santander non sfrutta infatti un’occasione più che ghiotta

78′ insacca il pallone a rete Sierralta, ma la rete non è valida e i crociati  non riescono a conquistare nemmeno il goal della bandiera

79′ corner per il Bologna

81′ Inglese, al rientro dall’infortunio che lo aveva colpito, riesce a segnare la nona rete del proprio campionato; una rete che certamente non riuscirà a riaprire il risultato ma almeno arriva una buona notizia: il centrocampista crociato è tornato. L’assist è stato di Gervinho. GOAL

84′ un’altra autorete per i crociati, è Sierralta lo sfortunato autore dell’episodio. Era dalla partita contro il Napoli, al Tardini, che i crociati non subivano quattro reti

85′ ultima sostituzione anche per Mihajlovic: raggiunge la panchina Danilo che lascia il suo posto in campo a Corbo

89′ sullo scadere del tempo regolamentare nasce un’occasione per i crociati, Siligardi, però, non trova la porta con il suo sinistro che termina abbondantemente a lato

90′ comunicato il tempo di recupero: 2 minuti

Termina al Dallara il derby emiliano che termina nel peggiore dei modi per il Parma. Crociati che sono affondati dalla formazione di Mihajlovic e che rimangono così a 38 punti e vengono sorpassati proprio dai cugini emiliani. Ora il gioco si fa duro, ai gialloblù serve assolutamente una vittoria (i punti potrebbero bastare solo nel caso in cui l’Empoli non racimoli più di 4 punti). I gialloblù ci riproveranno Domenica contro la Fiorentina; è necessario rimettere insieme i pezzi, per non mollare, per continuare a difenderlA. Ilaria Mazzoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

86 pensieri riguardo “BOLOGNA-PARMA 4-1 (FINALE): HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE A CURA DI ILARIA MAZZONI

  • 13 Maggio 2019 in 19:01
    Permalink

    Partita di importanza capitale. Forza ragazzi!

  • 13 Maggio 2019 in 19:01
    Permalink

    Forza …ragazzi …vamos por ello …

    • 13 Maggio 2019 in 19:58
      Permalink

      Vele,,, no puedo controlar me mas contigo,,,
      Eres troppo negativo…
      You play with the fears of i Tifosi…
      No mi piace niente che fai Tu ,,,
      Strajé
      P.S. are you happy? In your negative posture..
      We say your posture is a cheap way of ..,,

      • 13 Maggio 2019 in 23:05
        Permalink

        Duglas troppo negativo ?
        perché a te va bene come si gioca?

  • 13 Maggio 2019 in 19:53
    Permalink

    Altra partita in cui aspettiamo solo di prenderle. Che tristezza.

  • 13 Maggio 2019 in 19:54
    Permalink

    Pullman… Pullman… ed ancora pullman… Zero gioco…. l’unica cosa che sappiamo fare…. speriamo nel punticino….

  • 13 Maggio 2019 in 19:55
    Permalink

    Fortunatamente siamo entrati in partita anche se
    stiamo soffrendo come bestie da macello.
    Speriamo di non prendere gol nei primi 20 minuti,
    poi dovrebbe entrare Inglese e poi con i viola
    entreranno freschi pure Kucka e Barilla’.
    Speriamo nel miracolo perché strappare oggi anche
    unsolo un punto. ci vuole un miracolo.
    Stiamo troppo in difesa

  • 13 Maggio 2019 in 20:19
    Permalink

    Adesso la rimonta del 2 a 0 …lets go ..vamos
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif
    Straje’

  • 13 Maggio 2019 in 20:24
    Permalink

    Niente, stavo discutendo con il Piovani, parlavamo dei possibili innesti che la società vorrebbe, c’è da preparare l’Europa League.

  • 13 Maggio 2019 in 20:25
    Permalink

    Finita, ora speriamo negli altri. Preparata malissimo e giocata peggio. Speriamo in Toro e Inter, ma la vedo dura

  • 13 Maggio 2019 in 20:29
    Permalink

    Basta! Andate tutti a quel paese.
    Espertoni, maghi, fette biscottate, Bruno Alves, tifosi tremebondi, D’Aversa, piociè Davide & C

    • 13 Maggio 2019 in 20:37
      Permalink

      E RICORDIAMOCI DOVE ERAVAMO TRE ANNI FA,andate a tifare il city ,http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

      • 13 Maggio 2019 in 20:43
        Permalink

        Da dove siamo partiti eh? E sull’arrivo? Vacci anche tu

        • 13 Maggio 2019 in 21:39
          Permalink

          mo me lo segno

  • 13 Maggio 2019 in 20:32
    Permalink

    Senza dignità. Meritiamo la B.

  • 13 Maggio 2019 in 20:34
    Permalink

    Dai su iniziamo con i processi… partita orrenda, squadra senza mordente , d’aversa ha sbagliato tutto, gervinho pensionato, se scarpone, ceravolo brocco, scozzarella a zoppo ecc

  • 13 Maggio 2019 in 20:36
    Permalink

    Dimenticavo Bruno alves da linciare per l’espulsione.

  • 13 Maggio 2019 in 20:37
    Permalink

    E qui c’era qualcuno che pensava di vincere.
    È finita. Possiamo solo sperare che l’Empoli non faccia 4 punti.. . Che può anche succedere .
    Ma meritiamo la B . Come squadra come allenatore e come società.

  • 13 Maggio 2019 in 20:38
    Permalink

    Nota. In un attimo Bruno Alves mi ha completamente deluso.

  • 13 Maggio 2019 in 20:42
    Permalink

    Buongiorno a tutti quelli che pensavano di avere un allenatore seduto in panchina…. Se ve una scossa… domani dentro Guidolin o Donadoni…. alla svelta che con la viola domenica bisogna vincere

    • 13 Maggio 2019 in 20:47
      Permalink

      Non so quanto potrebbe servire un cambio di allenatore a due giornate dalla fine, anche perché in un lasso di tempo così breve un nuovo allenatore non riuscirebbe nemmeno a conoscere la squadra

      • 13 Maggio 2019 in 20:55
        Permalink

        DAversa andava esonerato due anni fa dopp L’ancona…. lei pensa che con quest’uomo in panchina riusciremo a salvarci? Si è resa conto di quale gioco esprimiamo ?

        • 13 Maggio 2019 in 22:07
          Permalink

          Ci stava alcuni mesi fa… Ormai il cambio nn ha senso… Va rimandato a fine campionato. Se saremo in A o in B determinerà anche il possibile allenatore sostituto. E se saremo in B vedrai che la società terrà D’aversa http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_sad.gif

          • 13 Maggio 2019 in 23:09
            Permalink

            no D’AVERSA VERRà ESONERATO SE ANDREMO IN B.iN A VERRà PURTOPPO CONFERMATO.
            COSTA POCO….

        • 14 Maggio 2019 in 11:04
          Permalink

          Io non sono entrata nel merito delle competenze di D’Aversa ma ho solo evidenziato il fatto che cambiare a due giornate dal termine non so a che vantaggi potrebbe portare.. se vogliamo parlare di gioco espresso sono un altro paio di maniche

      • 13 Maggio 2019 in 21:49
        Permalink

        L’unica soluzione praticabile anche se per certi versi irrazionale è quella dell’autogestione con un allenatore in campo designato dallo spogliatoio. Così si costringerebbero i ragazzi a guardarsi e parlarsi in faccia e a stringere un patto per le prossime ed ultime due giornate.

        • 15 Maggio 2019 in 01:43
          Permalink

          Nessuno si prenderà mai la responsabilità anche solo di proporre una simile soluzione

      • 14 Maggio 2019 in 11:05
        Permalink

        mi piace l’idea di isolarli togliendo gli smartphone: fantasticahttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    • 13 Maggio 2019 in 21:39
      Permalink

      Finalmente hai capito che le fette di salame del Cavaliere è meglio mangiarle che mettetele sugli occhi!!!! Ben svegliato…. speriamo che anche gli altri se ne rendano conto….

  • 13 Maggio 2019 in 20:47
    Permalink

    Ma scusate …Io perdono Bruno , che ha fatto fi male a giocare con sti scarponi…il nervoso verrebbe anke a voi..cmq quando la pasta è cotta si butta….L’allenatore !!!

  • 13 Maggio 2019 in 20:53
    Permalink

    Niente processi… vi è un unico responsabile…. quello pagato per far giocare, creare una squadra, dare degli schemi, far reagire una squadra… quell’uomo si chiama DAversa ed ha fallito in toto

  • 13 Maggio 2019 in 20:57
    Permalink

    Dai però su 4 goal 2 sono autogoal

    • 13 Maggio 2019 in 22:09
      Permalink

      Direi che ciò è ancora peggio

  • 13 Maggio 2019 in 20:57
    Permalink

    4 gol… a Bologna… non vi perdonerò mai. MAI.
    VOGLIO ANDARE IN B PER NON VEDERE PIÙ QUESTI GIOCATORI QUESTO ALLENATORE E QUESTA SOCIETÀ’
    La avete menata tutto l’anno sul ricordatevi dive eravamo 3 anni fa… VOGLIO TORNARE IN D E FARE IL DERBY CON LA REGIA
    NOI NON SIAMO DA SERIE A

    E non scrivo più niente. Da tanto che sono incazzato

    Se potessi gli vado a tirare uova e tomache.

    Adios. Però vi leggerò volentieri.

  • 13 Maggio 2019 in 20:58
    Permalink

    La cosa più brutta ..che mi ha ricordato la sciagurata stagione della b era ghirardi… è stata la testa persa da Bruno Alves. Un bruttissimo segno!! Bruttissimo

    • 13 Maggio 2019 in 23:15
      Permalink

      ALVES S’E’ GIOCATO PARMA
      e i suoi tifosi.
      in un momento così decisivo.
      HA CICCATO.
      Nemmeno s’e’ scusato.
      ce ne andava a lui
      PER ME NON ESISTE Più.

  • 13 Maggio 2019 in 21:12
    Permalink

    È tutto perfetto a parma. Società che non è in grado di gestire una squadra in serie a, allenatore che il buon ampolliini non definisce più da Chelsea o inter ma assolve dalla totale mancanza di gioco e giornalisti tv che sono più preoccupati di non dire qualcosa che dia noia ai datori di lavoro che di fare il proprio mestiere

    • 13 Maggio 2019 in 22:11
      Permalink

      Niente di nuovo sotto il sole

  • 13 Maggio 2019 in 21:18
    Permalink

    Bisogna fare un punto con la Fiorentina, cosa non impossibile, visto che con quello loro sarebbero salvi. Non ha senso fare volare gli stracci adesso, salviamoci e poi la societa’ fara’ le mosse dovute. Per fortuna che e’ tornato Inglese, l’Empoli non fara’ piu’ di quattro punti. A noi ne basta uno

    • 13 Maggio 2019 in 21:42
      Permalink

      1 punto in due partite potrebbe non bastare….

    • 13 Maggio 2019 in 23:18
      Permalink

      OR BISOGNA vincere con LA VIOLA.
      HO VISTO L’INTER CON L CHIEVO
      uno strazio.
      Con Empoli perderà in casa ma noi
      domenica vinciamo ed è fatta

  • 13 Maggio 2019 in 21:18
    Permalink

    Da domani tutti in ritiro con Giudolin

  • 13 Maggio 2019 in 21:20
    Permalink

    Abbiamo ancora 2 partite…. con DAversa non ce la faremo mai a fare 3 punti…. con Giudolin gabbiano una chance…. ritiro e full immersion con Giudolin da domani mattina

  • 13 Maggio 2019 in 21:23
    Permalink

    Aspettiamo le analisi di Gianni Barone sul gioco di D’Aversa.

    • 13 Maggio 2019 in 21:44
      Permalink

      Un’altro che le fette di salame del Cavaliere preferisce metterserle sugli occhi anziché mangiarle cime sarebbe meglio

  • 13 Maggio 2019 in 21:34
    Permalink

    Prepariamoci al prossimo campionato di serie b

  • 13 Maggio 2019 in 21:34
    Permalink

    Possibilmente senza d’aversa

    • 13 Maggio 2019 in 22:13
      Permalink

      Purtroppo sarebbe la scusa buona x farcelo sorbire ancora

      • 13 Maggio 2019 in 23:20
        Permalink

        Beh se in serie B c’e’ D’aVERSA
        abbonamento stracciato.

    • 13 Maggio 2019 in 22:26
      Permalink

      Ci pensate se l’Empoli dopo le vittorie su Fiorentina e Samp vincesse anche col Torino e a Milano con l’Inter?
      Sarebbe da GUINNES dei primati.
      Se con.la viola giochiamo come con il Milan
      e Torino ci salviamo domenica quindi niente è
      perso, abbiamo l’ultimo Mach Ball.
      Ci vuole Gagliolo.
      Senza di lui nelle ultime due partite
      abbiamo subito 7 gol.

      • 14 Maggio 2019 in 08:47
        Permalink

        Velenoso, l’Empoli gioca pure bene. Io non penso che faccia 6 punti nelle ultime due ma noi un punto non lo facciamo.

  • 13 Maggio 2019 in 21:40
    Permalink

    Faggiano patetico su Tv Parma. Societa ancora più ridicola

    • 13 Maggio 2019 in 21:54
      Permalink

      Cosa ha detto? Immagino che vada tutto bene.

  • 13 Maggio 2019 in 21:44
    Permalink

    Sui giornalisti d’ accordo con Stefano

  • 13 Maggio 2019 in 21:51
    Permalink

    Vi dicosolo una cosa
    RICOMPATTIAMOCI
    Nulla è perduto.
    Sosteniamo la squadra.
    Non diamo alla squadra quest’alibi
    di non averla sostenuta
    La Fiorentina l’abbiamo battuta in trasferta
    perché non batterla in casa?
    Diamo a questa società a questa squadra a
    a questa società
    NESSUN ALIBI.
    Diamogli l’ultima chance.
    Sosteniamo.la tappa dici il.nasi
    Poi se con la Fiorentina se faremo schifo
    S 😈
    C 😈
    A 😈
    T 😈
    E 😈
    N 😈
    E 😈
    R 😈
    E 😈
    M 😈
    O 😈
    L’ I. N. F. E. R N. O
    Un inferno.mai visto a Parma

  • 13 Maggio 2019 in 22:01
    Permalink

    Adesso basta ci dobbiamo salvare da soli! Se domenica in casa facciamo pietà allore meritano la b

  • 13 Maggio 2019 in 22:05
    Permalink

    Questa è stata la partita più brutta
    del campionato
    UN VOMITO
    Penso che eggio di così non si può giocare
    se non nei tornei parrocchiali.
    Abbiamo toccato il fondo
    Abbiamo raschiato il fondo
    Ecco perché domenica ci
    vogliono.veri uomini e non
    gente che si fa buttar fuori
    meritando.in pagella un bel 2
    Domenica avremo.il duo meraviglia
    Gervinho Inglese giocheranno
    e tutto.ne son certo
    cambierà.
    Basta rimanete calmi e concentrati.
    Siamo.padroni del nostro destino.
    La viola è in crisi
    Dobbiamo giocare per vincere e non
    come oggi solo per pareggiare.
    Tutti in area non si può stare
    Prima o.poi il gol lo prendi
    DI SICURO

  • 13 Maggio 2019 in 22:24
    Permalink

    l’avevo scritto…
    il problema era l’APPROCCIO alla GARA.

    entrati in campo timorosi per strappare un pari.

    sul 3-0 in inferiorità numerica abbiamo reagito con un gol annullato ed un gol regolare.

    poi loro hanno segnato il quarto gol (seconda nostra autorete) e rischiato di farne altri…

    accantono il discorso del BEL GIOCO.
    OGGI come ultimamente occorreva carattere e una grande organizzazione tattica, purtroppo ABBIAMO DEI GROSSI LIMITI.

    ed il problema è solo uno:
    gli INFORTUNATI ed il MERCATO DI GENNAIO che NON ci è stato d’aiuto, perchè a parte Kucka, gli altri 4 sono giocatori NON UTILI ALLA CAUSA.
    cosa li abbiamo presi a fare?

    evito critiche al portiere, per quelle ci pensate voi…

    comunque…

    RESTO CONVINTO CI SALVEREMO

    e vi spiego perchè:
    con EMPOLI, UDINESE, GENOA, siamo in vantaggio con gli scontri diretti. l’Empoli difficilmente ne vincerà due (Torino-Inter), e noi con la viola NON PERDIAMO.

    però ragazzi…
    ok che veniamo dalla serie D… però…
    GIRONE DI RITORNO IMBARAZZANTE
    SOTTO VARI ASPETTI

    aiuto.

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

  • 13 Maggio 2019 in 22:32
    Permalink

    Beh non è la prima circostanza. Qualche venerdì fa a Collecchio è successo ben di peggio e penso che la maggior parte dei tifosi che scrivono qui abbiano sentito pure l’audio registrato da uno dei presenti e girato a mezza città. Certo che nessuno ne ha parlato…

    • 14 Maggio 2019 in 06:33
      Permalink

      Cosa è successo qualche venerdì fa? Mi spieghi?

  • 13 Maggio 2019 in 22:36
    Permalink

    Ma è mai possibile che regaliamo sempre il centro campo agli altri? Siamo pessimi ma se metti due giocatori sulla linea in serie A o son fenomeni o ti freghi da solo. E poi, 3 attaccanti che sr di hanno? Dovevamo fare catenaccio? E facciamolo, ma così regaliamo sempre 3 giocatori agli altri, e gervihno, senza inglese raddoppiato non vede che 2 palle a partita. E poi, proviamo qualche asino vivo! Dezi, machin o chi volete voi. Ma prova o a giocare. Peggio di così non poteva andare.
    Tristezza…

  • 13 Maggio 2019 in 22:38
    Permalink

    Giusto per chiarezza, secondo me l’empoli non farà ne 6 ne 4 punti, con 3 rimane dietro per gli scontri diretti. Anche Udinese e Genoa sono dietro negli scontri diretti, lo so che è una magra consolazione ma se ci salviamo,ed io ne sono certo, sarà merito di ciò che abbiamo fatto tra il girone di andata e la prima partita del ritorno.

  • 13 Maggio 2019 in 22:47
    Permalink

    Io di questa squadra non mi fido piu’, troppe parole e quasi niente fatti, tutta la fortuna del girone d’andata e’ stata prosciugata e non vi e’ rimasto traccia alcuna nel girone di ritorno e i risultati son questi.
    Partite malamente buttate che erano quasi vinte sono figlie delle prestazioni che anche oggi ahime’ ci hanno npropinato.
    Ma cosa serve a questa sq2uadra e allenatore per trovare non il gioco, ma un sano agonismo? Hanno giocato,pur sapendo il risultato del giorno prima dell’Empoli, come se anziche vincere, avessero perso….
    La societa’, in primis Faggiano, troppi errori in sede di mercato invernale….nessuno ricorda che Kucka e’ arrivato a gennaio senza allenamenti e il Parma aveva perso Grassi e ha pure ridato senza colpo ferire Deiola al Cagliari …2 in uscita ed 1 in entrata e 2 ragazzini acerbi che mai hanno giocato o quasi…nel settore nevralgico piu importante in assoluto non si puo perdonare questa leggerezza, quind bocciato.
    D’Aversa….i commenti parlano da soli, ma stasera ne ha combinato una grossa davvero, caro Mister ma non lo sapeva che il Bologna d quando e’ arrivato Miha, (c’e l’avessimo noi,,) ha vinto le partite a centrocampo vero punto forte …almeno a Bologna hanno capito che e’ importante, noi no!
    Tutti dicono che il pallino ce l’abbiamo noi, invece lo hanno gli altri, perche credo che dobbiamo solo sperare che non vincano …Buona fortuna Parma.

  • 13 Maggio 2019 in 22:48
    Permalink

    Azzerate tutto
    Freghiamocene delle altre squadre.
    Che facciano.i cazzi che vogliono.
    Il coltello è tra le nostre mani.
    Siamo.padroni del nostro destino
    Pareggiare o perdere oggi era uguale.
    Domenica ci sarebbe sempre voluto una vittoria
    e domenica lo sento
    VINCEREMO PER 2-0
    Vinciamo domenica con una squadra in crisi e
    SIAMO SALVI.
    Basta avere concentrazione
    e consapevolezza di potercela fare
    perché credetemi se giocheremo come
    col Torino e col Milan, ne sono certo
    CE LA FAREMO.
    ALLA GRANDE.

  • 13 Maggio 2019 in 22:53
    Permalink

    Sosteniamo domenica la
    squadra come non abbiamo.mai fatto.
    Se li contestiamo domenica siamo.in B
    Facciamogli sentire n la nostra vicinanza
    Il nostro calore
    Diamogli un altra opportunità
    L’ultima ma diamogliela
    e son certo non ve ne pentirete.
    È CON LA VIOLA LA PARTITA DELL’ANNO
    Si vince e….si festeggia.
    C’è la faremo.

  • 13 Maggio 2019 in 23:25
    Permalink

    Domenica tappatevi il naso ma sostenete la squadra
    come non s’è mai fatto in questo campionato.
    Domenica dobbiamo giocare in 12
    ma mi raccomando non giochiamo più
    TUTTI IN AREA.
    Prima o poi ,un gol, un rigore
    o un autorete si prende sempre.
    La miglior difesa è l’attacco

  • 13 Maggio 2019 in 23:41
    Permalink

    Grandi a tributare le maglie perdere 4 1 nel derby! E poi quel gol di inglese fa ancora più rabbia!

  • 14 Maggio 2019 in 08:20
    Permalink

    “Non puoi entrare in un ristorante da 100 euro con 10 euro in tasca” (cit.)

  • 14 Maggio 2019 in 09:41
    Permalink

    Le contestazioni si fanno,

    grigliate e birra…..

    (vedi a Carpenedolo)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI