CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / IL RINNOVO DI D’AVERSA E IL COMMISSO VIAGGIATORE

ROCCO COMMISSO DALLA PAGINA FACEBOOK NY COSMOS(Gianni Barone) – Se una notte d’inverno un viaggiatore, titolava Calvino in uno dei suoi più geniali romanzi, così noi potremmo dire se in una notte, non ancora d’estate, un Commisso viaggiatore…, approdasse in Italia, al momento non si sa di preciso dove… Mister, viene prima Firenze o Parma? E pensare che qualcuno, bene informato, dal piccolo schermo (ma non dalla Rosea) sosteneva che poteva (e aggiungo io potrebbe ancora), iniziare il suo percorso dalle nostre parti… L’imprenditore italoamericano, dirigente sportivo, Rocco B. Commisso, è stato dato quasi certo a Firenze, visto che il suo braccio destro, il mio quasi omonimo Joe Barone, era presente sulle tribune del Franchi, per assistere all’ultimo – tutt’altro che indimenticabile, anzi Andrea-Schianchi-Teleducato-23-01-20122.jpgproprio dimenticabile, incontro salvezza tra Fiorentina e Genoa, due squadre salve per miracolo (sic) ed entrambe in cerca d’autore, leggi nuova proprietà, in luogo delle contestate attuali presidenze (Delle Valle-Preziosi), decisamente ai minimi storici, in termini di popolarità. Abbiamo scoperto, ricordandoci tutti che il Parma attuale – tuttora in vendita – poteva essere oggetto del desiderio del Commisso, più che mai viaggiatore, visto, che già in un recente passato, prima dell’avvento del fondo Elliott, era stato accostato al MILAN (e ci sarebbe da toccarsi gli zebedei rimembrando il percorso di un certo Taci…) , ora la Fiorentina, e prima, all’oscuro di tutto e tutti, al PARMA, e domani chissà? Forse, con un po’ di fortuna, il calabro statunitense potrebbe farcela ad accasarsi prima della fine, sarebbe meglio dell’inizio, del gds-taci-schianchi.jpgmercato, o prima che sia troppo tardi e che tutte le opportunità svaniscano definitivamente. Strani questi atteggiamenti dei nostri ex connazionali che hanno fanno fortuna e quattrini oltreoceano, che una bella mattina si destano e vogliono investire parte dei loro quattrini nel calcio, di casa nostra, che notoriamente, a detta dei diretti interessati (non tutti sono portati a credere loro, però…), salvo casi eccezionali, non garantisce lauti profitti (certo con i 44 milioncini di ricavi tv, ricordati ieri da Grossi, che toccheranno al Parma far non quadrare i conti sarebbe da dissennati… E al tifoso medio va ricordato che con quei soldi non ci fai il mercato, ma devi gestirci una stagione intiera). Invece il bissiness (scritto business) cosiddetto, secondo l’idioma del Little Italy, tira e attira ancora, magnati, tycoon, appassionati, sportivi, manager, e molto, a quanto pare. A Reggio Emilia han già dato con i funambolismi non tanto di Michele (abbiamo little-italianizzato il nome di battesimo d’oltreoceano Mike) Piazza, ma della sua conturbante signora Alicia Rickter, capace di movimenti tellurici del grado più alto della quasi omonima scala Richter, mentre a PARMA ancora non si sa se si possa in effetti beneficiare degli investimenti, di Commisso, per lo meno per adesso, poi chissà. Si vedrà… Per intanto, salvo, scosse di terremoto, d'aversa rinnovo repubblica vasiniil PARMA, conferma, tutto ciò che c’è da confermare, proprietà, presidente, allenatore (il primo in ordine di tempo, come documentato, per primo in ordine di tempo, da Vasini di Parma Repubblica che dinnanzi alla sede dell’Impresa Pizzarotti, in via XXII Luglio, ha documentato i protagonisti dell’incontro decisivo per il rinnovo del contratto fino al giugno 2022, con adeguamento dell’ingaggio e programmazione della nuova stagione. Secondo il portale, alla riunione di oggi, venerdì 31 Maggio 2019, durata oltre quattro ore, erano presenti il presidente Pietro Pizzarotti, il vice presidente Giacomo Malmesi, i soci Angelo Gandolfi e Paolo Pizzarotti. La firma e l’ufficialità sono previsti nelle prossime settimane. Da domani D’Aversa partirà con la famiglia per un periodo di vacanza), il direttore sportivo (che parrebbe il grande assente della Messa di oggi) e giocatori acquistati per intero, sembrerebbe banale, ma rispetto ad altre parti, questa tendenza alla pizzarotti d'aversa malmesi rinnovoconservazione (e non alla sola conversazione), è qualcosa di veramente raro. Infatti è in atto oltre un cambio di vertice, in  alcune società importanti (già citate in precedenza) il cosiddetto valzer degli allenatori, che, mai come quest’anno, sta registrando, giornalmente, continue novità sulle panchine della serie A. Sarà come, ha sentenziato il sempiterno Righetto Sacchi, sulla rosea, per il fatto che, salvo rare e circostanziate eccezioni, nel nostro campionato, domina sempre e comunque il gioco difensivo, e che quindi per invertire la tendenza, molte squadre (quasi tutte quelle di vertice), ricorrono ai ripari cambiando il condottiero, la guida tecnica. Infatti sempre secondo l’analisi del Santone di Fusignano, quest’anno “Come sempre ha dominato, in generale il gioco difensivo, la prudenza e la paura, che hanno così mortificato il arrigo-sacchigioco le emozioni e lo spettacolo”, all’insegna del deprecabile (per lui e per molti altri soloni), motto di primo non prenderle e poi si vedrà. Ma Righetto la vede alla sua maniera, come è ovvio che sia, e facendo una pagella fra gli allenatori che hanno concluso l’ultimo campionato, effettua bocciature a tutto spiano e promozioni risicate, e ristrette a quelli come De Zerbi (Sassuolo) e Giampaolo (Sampdoria) che cercano la vittoria attraverso il dominio del gioco, pur essendo italiani. Italiani e non italianisti, beninteso, perché sotto la scure dell’ex CT e pupillo del CAVALIERE, sono pochi gli altri che si salvano: Di Francesco, definito ottimo tecnico, sebbene scaricato dalla Roma, ovviamente il tanto alla moda Gasperini, che ha dato concetti, idee e coraggio oltre ad organizzazione di gioco e di lavoro, sempre secondo Arrigo, passando per Mihajlovic, che tutti ammirano, al momento, chissà per quanto ancora, per finire ad Andreazzoli, retrocesso, ma di successo, acclamato come europeista (sempre secondo il vangelo sacchiano). Per il resto il giudizio, oltre che essere assente per il trio Gattuso-Spalletti-Inzaghi (tutti freschi di esonero, dimissioni, o mancata fiducia) è benevolo per il figlioccio Ancelotti che ha cercato col suo Napoli stile e armonia di gioco, d'aversa chievo verona parma 28 04 2019ma è negativo per quelli che sono stati ignorati dall’analisi e cioè Prandelli, Montella, Maran, Ranieri, Tudor, Di Carlo, Baroni, e per quelli che sono stati tacciati d’italianismo puro come Allegri, nonostante lo scudetto, Semplici latore di un calcio italiano espresso con chiarezza e semplicità (ovviamente), Mazzarri che non concede spettacolo ma garanzia d’intenti, forza e agonismo, e dulcis in fundo, D’AVERSA che ha ottenuto l’obbiettivo (con due b si noti bene) grazie più all’identità che al gioco. Ahi ahiahi, questo non “l’aggio detto mica io”, ma una sorta di Zarathustra del pallone, che ancora tutti ascoltano, e in cui molti, ancora credono, e che continua, ancora, indisturbato (tranne che da quel senza-dio di Allegri) a pontificare, urbi et orbi. Quindi i ribaltoni tuttora in atto trovano allegri e sacchicittadinanza, e pieno riconoscimento nelle parole, di chi una volta era maniscalco (calzolaio nello specifico), e ora si è tramutano in equino a tutti gli effetti, un po’ come ha fatto, a suo tempo, Mourinho, mettendo da parte le traduzioni del suo lavoro d’interprete di lingue, e come sta facendo il neo vincitore dell’Europa League, e prossimo tecnico bianconero (anche se ancora noi non ci crediamo, noi no… no, noi) Sarri ex esperto di bonifici e conti corrente nello suo sportello bancario. Tanti cambi al vertice, ma da noi non cambia niente, da noi non si cambia, nonostante mugugni e bocciature, per la mancanza di gioco, a Parma, i commissi viaggiatori della parola, non attecchiscono, non trovano spazio, se non nelle tribune, e negli spazi commenti, nelle chat, e nei social, sempre ignorati da vianello noi noichi di dovere. A PARMA, s’inseguono i miracoli, con la semplicità, il buon senso, qualcuno ha la consapevolezza di affermare, non servono cambi di rotta, cambi di timone, cambi della guardia, cambi di gioco, quello non muterà, fino a quando i risultati lo sorreggeranno con buona pace dei soloni e dei profeti di turno che predicano idee, e coraggio, e tutto quello che consegue. Al momento da queste parti gira così, pare non siano previsti ribaltamenti di sorta: sono tutti con i piedi saldamente piantati su di una nuvola, quella di un sogno che sta per continuare. E, il mercato, che inizia ufficialmente, fra oltre un mese, già divampa tra rinnovi e conferme di giocatori utili e con le solite voci sull’asse PARMA-NAPOLI. Ma siamo solo all’inizio. A un Nuovo Inizio… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

16 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / IL RINNOVO DI D’AVERSA E IL COMMISSO VIAGGIATORE

  • 31 Maggio 2019 in 19:29
    Permalink

    “44 milioni di tesoretto”. .detta cosi, risulta un pochino fuorviante effettivamente. Sarebbe bello sapere dopo aver scalato i costi fissi del prossimo anno quanto rimarrebbe per il mercato. Magari qualcuno sa.

  • 1 Giugno 2019 in 18:33
    Permalink

    Quindi D’Aversa fino al 2022. Spero solo che si evolva e che soprattutto si comprino giocatori un po’ più bravi di quelli attuali, altrimenti saranno cavoli amari salvarsi.

  • 2 Giugno 2019 in 17:25
    Permalink

    Pallotta, Saputo, Tacopina, Piazza. Commisso? No grazie.

  • 3 Giugno 2019 in 10:12
    Permalink

    Non sono in grado di inquadrarlo in termini di affidabilità però mi pare riduttivo presentare commisso alla stregua degli altri italo americani menzionati. A tutto voler concedere è un personaggio molto piu singolare: emigrato calabrese si è pagato gli studi grazie ad una borsa di studio concessagli per le sue capacità di calciatore, grazie alle quali divenne capitano della squadra dell’università. Dopo la laurea e qualche anno da dipendente ha fondato la sua azienda partendo come sede dal proprio garage ed ha raggiunto risultati importanti. Ora sull’andamento attuale dell’azienda di leggono voci discordanti, alcuni sostengono sia in netto regresso, resta un imprenditore con un patrimonio personale da 4,7 miliardi di dollari. Se pensiamo che quello di piazza è stimato in 170 ecco che il paragone è piuttosto risibile. Men che meno con Taci, visto che ad oggi commisso in galera non c’è mai stato.
    Poi è chiaro che conta quello che uno investe..
    Juventino sfegatato mi fa ridere pensarlo alla guida della fiorentina, la scalata al milan già non era andata bene, ha ormai 70 anni per cui se il calcio gli interessa come dice bisogna che compri

  • 3 Giugno 2019 in 10:28
    Permalink

    Commisso non è Tacopina e non è Piazza. Mi sembrano discorsi banalizzanti in modo imbarazzante. Sarebbe come dire che siccome sono tutti italiani Ghira…i (ah molto presente nel Brescia di Cellino….) è uguale ad Agnelli. O siccome sono tutti cinesi il nostro Cing Ciang è uguale a Suning dell’Inter o a quello di Alibaba. E Saputo sta cacciando grano vero mica balle, per i riscatti di Orsolini, Soriano e Sansone, oltre che per rinnovare il serbo ha scucito il budget di annuale di poveri micragnosi.

    • 3 Giugno 2019 in 16:44
      Permalink

      per Saputo vediamo, intanto non sgancia i soldi per la ristrutturazione dello Stadio (è ancora alla ricerca di finanziatori) poi pare sia orientato verso l’acquisto del KV Kortrijk.

      • 3 Giugno 2019 in 18:17
        Permalink

        Saputo è persona seria e come tale prima di investire nello stadio così come da progetto presentato, vuole avere le necessarie garanzie.
        Avercene……!
        P.S.
        La ristrutturazione totale di Casteldebole è farina del suo sacco

  • 3 Giugno 2019 in 13:50
    Permalink

    Banale o non banale ribadisco: no grazie. E più in generale no alle proprietà straniere. Noi dobbiamo solo sperare che uno dei sette soci acquisisca pacchetto di maggioranza, scelga una dimensione per la squadra, si spera più in alto possibile, e accettarlo. L’identikit, combinando passione reale e patrimonio non può che essere Pizzarotti (tramite figlio si intende, perché papino è notoriamente milanista sfegatato). Quando i vostri Re Mida italo arabo Cino americani ci lasceranno ( sempre che ci compri mai qualcuno) e prima o poi lo faranno, non avremo più jolly da giocarci, sarà scomparsa definitiva dal calcio che conta. Questa è la realtà.

  • 3 Giugno 2019 in 15:42
    Permalink

    Carissimo, io sono d’accordo con te. Di Cing Ciang uno ne abbiamo avuto e per fortuna è durato lo spazio di una scoreggia e chiaramente preferisco Pizzarotti che va sotto la curva ed è a Culèc tutti i giorni ad un tizio che non parla neanche in inglese e nessuno sa chi è. Dico solo però che non si può generalizzare. E’ americana la proprietà di Liverpool e United e mi risulta non abbiano fatto la fine della Reggiana, è cinese l’Inter e mi sembra che il di loro cinese sia un pò diverso dal nostro Cing Ciang.

  • 3 Giugno 2019 in 16:37
    Permalink

    Pizzarotti proprietario a lungo termine sarebbe fantastico però è un po che ho smesso di credere alle favole. Ormai trovi solo colossi esteri (veri o presunti), nessun magnate, solo gente che fa business, per cui sperema be, con la gestione attuale magari non arriviamo a metà classifica però non falliamo

    • 3 Giugno 2019 in 17:38
      Permalink

      Esatto, e parafrasando un famoso slogan per noi “non fallire è l’unica cosa che conta”…Poi se la dobbiamo dire tutta mi sembra meno favola Un Pizzarotti al 60% e gli altri al 30% che non il principe Ali Babà che ci compra e ci riporta ai fasti anni Novanta. Sul calcio inglese io ho la mia idea che ho espresso più di una volta e non sto qui a ripetere.

  • 3 Giugno 2019 in 17:17
    Permalink

    Sono d’accordo in pieno con te. C’è anche da dire però che non tutti sono straccioni o pistapòci. Per intenderci tra Cing Ciang/Taçi e che so Glazer/Suning c’è una via di mezzo magari valida. Chiaro non bisogna farla cercare a Crespo.

  • 3 Giugno 2019 in 21:27
    Permalink

    Noi non vogliamo proprietá straniere… noi vogliamo che il Parma lo prenda un parmigiano… noi vogliamo che Pizzarotti pisci soldi sul mercato…noi noi… Va vi rendete conto che non possiamo “volere” perchè non siamo un cazzo?

    • 3 Giugno 2019 in 22:54
      Permalink

      Bravo. Ottimo contributo.

  • 4 Giugno 2019 in 08:17
    Permalink

    Hablando de interior derecho ….. Gazzola ha hecho un buen trabajo …. me he gustado sus subidas y cross que hemos faltados en algunos ocasiones ..
    Gazzola = Buon Pramzan ..
    Forsa Paerma ,
    Straje’

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI