I BENEFICI PER LE SOCIETA’ DI CALCIO DEL DECRETO “RIENTRO DEI CERVELLI” di Robert Giannino

I BENEFICI PER LE SOCIETA’ DI CALCIO DEL DECRETO “RIENTRO DEI CERVELLI”

di Robert Giannino

robert giannino

LA STORIA

Tutto ebbe inizio nel 2005 con la Legge Beckham, un decreto legge approvato dal Governo spagnolo, allora guidato da Aznar, che prevedeva un’aliquota di tassazione ridotta dal 43% al 24% per tutti i lavoratori stranieri con introiti superiori ai 600.000 euro annuali.

Pensata per favorire il soggiorno di lavoratori qualificati in Spagna è invece stata poi sfruttata principalmente dai club calcistici per attirare fuoriclasse. Il suo nome è legato al calciatore David Beckham, fra i primi ad avvalersi dei benefici della legge addirittura retroattivamente al 2004, anno dell’ingaggio del campione inglese da parte del Real Madrid.

Grazie alla legge Beckham i club spagnoli hanno potuto beneficiare di una tassazione estremamente favorevole se paragonata a quella degli altri campionati europei. In questo modo hanno potuto offrire ingaggi milionari a campioni come KakáZlatan IbrahimovićCristiano Ronaldo pagandoli mediamente il 40% in meno rispetto alle squadre degli altri principali campionati europei.

Inutile soffermarsi sui benefici che hanno avuto tali misure, eliminate però nel 2010, per rendere il campionato spagnolo così bello tecnicamente e così richiesto dai media internazionali: noi nel 2019 li conosciamo bene, ma allora si parlava di doping fiscale.

napoli governoL’ATTUALITA’

Da qualche giorno si vedono sempre più spesso quotidiani sportivi italiani che titolano “Il Decreto Conte aiuta l’Inter”intendendo il nuovo allenatore dell’Inter, non il Presidente del Consiglio oppure “Napoli, il colpo James te lo paga il Governo”.

Ma cosa sta in realtà succedendo?

L’art. 5 del decreto crescita 2019, approvato ieri alla Camera e da approvare in Senato entro il 29 giugno, pena la sua decadenza, denominato rientro dei cervelli, ha apportato significative modifiche al regime dei lavoratori impatriati deciso nel 2015 e dedicato in via esclusiva ai laureati, consentendo di estendere le agevolazioni fiscali a diverse categorie di lavoratori tra cui anche gli atleti professionisti.

La Camera dei Deputati ieri ha approvato un’agevolazione fiscale del 50% con decorrenza dal 01.01.2020, quindi i calciatori, o gli allenatori, italiani e stranieri residenti all’estero da almeno 2 anni e che si impegnano a rimanere in Italia almeno per i successivi due, pagheranno un’aliquota del 21,5%, quindi più bassa di quella spagnola del 2005.

Per evitare derive qualunquiste, che già fioccano sui social e fanno le prime timide comparse anche su questo spazio, ci tengo a precisare che:

solo nominalmente il beneficiario di queste misure è il già ricco e privilegiato campione di calcio, ma in realtà chi ne trarrà beneficio saranno le squadre di calcio. Questo perché l’agente dell’atleta, esplicitandolo nel contratto, generalmente chiede un compenso annuale netto, indipendentemente dalle leggi fiscali in vigore; se la fiscalità si inasprisce i costi sono coperti dalla Società, ma se, al contrario, si alleggerisce, come in questo caso, i benefici saranno goduti esclusivamente dal club, lasciando indifferente il calciatore;
questi incentivi, con un costo sociale così pericoloso politicamente, perché a vantaggio di professionisti già ricchi o di società possedute da imprenditori perfino miliardari, vogliono, nelle intenzioni del legislatore, dare una scossa ad un settore, l’industria del calcio, così importante nell’economia del nostro Paese, replicando il miracolo spagnolo di qualche anno fa. Più campioni torneranno a calcare i nostri campi, più l’intero indotto se ne avvantaggerà, rendendo l’impopolare costo delle misure un investimento per l’intero movimento.

IL DECRETO E IL PARMA CALCIO 1913

inglese o balotelliGrazie a questo provvedimento il Parma Calcio 1913 potrebbe risparmiare nell’affaire Balotelli circa 1,5 milioni all’anno, contribuendo a renderlo molto più conveniente, analizzando i diversi aspetti dell’operazione, rispetto all’acquisto del cartellino di Roberto Inglese, come già avevo scritto nel precedente articolo.

Inoltre l’introduzione di queste misure fiscali potrebbe esaltare le doti del DS Faggiano, che già ha dimostrato con gli ingaggi di Gervinho e Kucka di saper scegliere all’estero giocatori vogliosi di riscatto, dal costo contenuto ed ora anche con la prospettiva di portare in dote un congruo risparmio fiscale.

Questo sconto fiscale mette un po’ i bastoni nelle ruote a De Laurentiis, quando sbandiera a tutti la sua super valutazione di Inglese – nell’ultima versione siamo arrivati a 30 milioni.

Con queste dichiarazioni i DS interessati avranno gioco facile a cercare alternative più convenienti economicamente all’estero, godendo degli incentivi fiscali, che ovviamente nella operazione dell’ex attaccante crociato non potrebbero essere applicati.
Proprio per questo avevo scritto, nel mio precedente intervento, una valutazione di Inglese di 14 milioni, definendola non troppo distante dalla realtà. La concorrenza dei benefici previsti del decreto Crescita 2019, il fatto che le valutazioni che si sentono oggi difficilmente saranno quelle di fine agosto, con sconti last minute che sempre caratterizzano gli ultimi convulsi giorni di mercato, la voglia comunque di portare in bilancio una buona plusvalenza consiglieranno il vulcanico presidente del Napoli a più miti consigli e forse il DS Faggiano attende proprio questo.

POLEMICHE SCAMPATE

Pensate che in una prima stesura del Decreto l’incentivo fiscale sarebbe stato addirittura del 90%, ma solo per le società con sede in Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia. In sostanza, il Napoli, avrebbe goduto di un vantaggio fiscale non indifferente nella lotta per lo Scudetto – ma anche il Lecce nella lotta per non retrocedere – dovendo pagare, praticamente esentasse, il solo ingaggio netto ai calciatori convinti a trasferirsi sotto al Vesuvio.

Per fortuna questa assurda misura, nella legge votata ieri, è stata cancellata insieme ad una valanga di polemiche. Robert Giannino

Stadio Tardini

Stadio Tardini

15 pensieri riguardo “I BENEFICI PER LE SOCIETA’ DI CALCIO DEL DECRETO “RIENTRO DEI CERVELLI” di Robert Giannino

  • 23 Giugno 2019 in 08:34
    Permalink

    Pensierino (cit). Coi cervelli che hanno gli sbaratori potrrbbero usufruire della 104,oh ma ne azzeccassi una di figura retorica

    • 23 Giugno 2019 in 18:36
      Permalink

      Caro Giannino, liquidare come pensierino la postura telematica del grande Joe temo le costerà un po’ di livore online nei prossimi mesi. Il ragazzo è molto permaloso.

      • 23 Giugno 2019 in 19:51
        Permalink

        Assolutamente no, a me non piace il livore sobo astemio

        • 23 Giugno 2019 in 19:57
          Permalink

          Sei simmia anche qua? Guarda che gnanca chi i gan du sold par ferot baler nani

  • 23 Giugno 2019 in 11:12
    Permalink

    Perfetto per Balotelli

  • 23 Giugno 2019 in 11:58
    Permalink

    Polemiche qualunquiste un paio di CIUFOLI! Senza un mercato drogato da un fisco scandalosamente ingiusto, col cavolo che prenderebbero gli stessi soldi i “Cervelli Pedatori”
    Se Balotelli non trova chi gli dà 4.000.000 netti riduca le sue pretese, non che lo stato gli riduca le tasse per consentirgli di continuare a prendere 4.000.000 netti, che evidentemente non merita. Queste dovrebbero essere le leggi di mercato. E lei mi parla di polemiche qualunquiste, ma mi faccia il piacere!

    • 23 Giugno 2019 in 12:11
      Permalink

      Aggiriamo anche l’art. 53 della nostra Costituzione, tanto ormai per qualcuno è diventata carta straccia

  • 23 Giugno 2019 in 13:23
    Permalink

    Fa ridere pensare che con una legge pensata per far “rientrare i cervelli “ il primo a rientrare potrebbe essere Balotelli…

  • 23 Giugno 2019 in 13:32
    Permalink

    Allora a questo punto andremo forte su Balotelli.

  • 23 Giugno 2019 in 20:59
    Permalink

    Proposta per l’Empoli. Vi diamo Stulac e Scozza e la belva è in omaggio

  • 24 Giugno 2019 in 08:42
    Permalink

    E aggiungiamo pure Dezi e Pépin Machin

  • 24 Giugno 2019 in 11:55
    Permalink

    meno di due settimane al ritiro e solita fola vista dai tempi di Minotti&Galassi, ovvero il nulla.

    • 27 Giugno 2019 in 13:16
      Permalink

      Beh dai il mercato non è ancora formalmente aperto…lo sarà dopo il 30.06…

      Comunque il senso dell’articolo credo fosse più a far capire che questo decreto, incentivando gli acquisti all’estero, finiranno per svalutare gli acquisti nella nostra serie A…quindi il buon Inglese a 30 mln non lo prenderebbe nessuno…ma nemmeno a 20, contando che pagare un Balotelli costerebbe comunque meno di un Inglese a 14 mln…

      ragionate su questo a livello sociale…perchè qualcuno dovrebbe dare a voi 1000€ al mese (costandone 2000)se prendendo un lavapiatti da londra a 1000€ ne costa 1500?

      Comunque, tornando ad essere un po’ effimero…vedrete che Faggiano ha gia pronti dei rientri dall’estero…sono confidente…e a me continua a piacere Caputo…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI