IL COLUMNIST di Luca Russo / IMPORSI E’ DIFFICILE, CONFERMARSI ANCOR DI PIU’: SPENDERE PER INSEGUIRE OBIETTIVI ESAGERATI EQUIVARREBBE VANIFICARE IL GRAN LAVORO DELLE PRECEDENTI QUATTRO STAGIONI

russo 1(Luca Russo) – I tifosi del Milan danno dei poveracci ai proprietari del club rossonero, colpevoli a loro dire di mercanteggiare troppo nell’individuazione delle figure dirigenziali e tecniche che dovranno pianificare la prossima stagione. Quelli della Fiorentina, prima del passaggio di mano che ha consegnato i viola a Rocco Commisso, si lamentavano dei Della Valle, accusati a più riprese di spendere poco e male per la squadra gigliata. A Napoli ce l’hanno su con De Laurentiis per le stesse ragioni. E anche a Parma, ahinoi, inizia a serpeggiare un certo malumore nei confronti dei vertici del sodalizio Crociato. Il bello è che in nessuno dei casi appena elencati il timore appare fondato o giustificabile. Appurato che è fin troppo comodo fare gli imprenditori coi soldi degli altri, se da Milano a Napoli, passando per Firenze e la nostra Parma, i padroni del pallone spendono con oculatezza e buon senso, un motivo c’è e dovrebbe essere ben noto a tutti: oggi si può partecipare a questa o quella competizione solo se si hanno i conti in regola. Per preservarne l’equilibrio è sufficiente non spendere più di quanto si guadagna e porsi come obiettivo contabile il pareggio di bilancio. In ambito Uefa, questo complesso di principi è comunemente definito Fair Play Finanziario. Va da sé che in assenza di ricavi particolarmente significativi – e il Parma per la sua giovane età societaria, adesso non riesce ad averne – questo equilibrio lo si può raggiungere soltanto sottoponendosi in maniera permanente a una cura dimagrante in termini di spese relative alla gestione del personale, ovvero acquistando calciatori senza ricorrere a cifre folli e riconoscendogli ingaggi che non superino un predeterminato tetto. Che questi concetti non vengano afferrati a Milano, Firenze o Napoli, mi importa fino a lì. Ma che non facciano presa a Parma che nel 2015 (quindi l’altro ieri calcisticamente parlando) conobbe l’onta del fallimento, mi duole parecchio. Perché significa essere irriconoscenti nei confronti dell’attuale proprietà e degli sforzi che ha profuso (leggi milioncini di euro) per raccoglierci dalle ceneri del crack e riportarci al livello più alto del calcio italiano. Il tutto nel breve volgere di 4 stagioni, senza interruzioni rispetto ad un’ipotetica tabella di marcia e senza mai essere esposti a particolari avversità di classifica. Qualche tifoso, a proposito della gestione corrente, non di rado utilizza termini come elemosina e sopravvivenza, peccando evidentemente di eleganza e obiettività. Vi pare sopravvivere un club che centra 3 promozioni consecutive? Vi sembra bisognosa di elemosina una società che ha speso ciò che noi tutti sappiamo pur di far riaccomodare il Parma al tavolo delle grandi? Capisco che da parte della piazza, dopo parecchie stagioni di vacche magre, ci sia la voglia di ritornare a gioire per una qualificazione europea o per la vittoria di una coppa. L’esempio dell’Atalanta è lì ad alimentare sogni ed ambizioni di chi non vuole rassegnarsi ad una vita da eterna provinciale. Ma, proprio perché siamo reduci da due fallimenti praticamente consecutivi, ci tocca essere realisti. E allora liberiamoci dalla logica del tutto e subito. Si può ritornare a certi livelli, e magari vincenti ed invincibili, anche con la politica dei piccoli passi volta ad avviare un processo di crescita costante e graduale. La Juventus – che pure dispone di un arsenale economico e finanziario impressionante se rapportato al nostro – ne ha impiegato di tempo, e di campionati, prima di riprendersi il ruolo che storicamente più le si addice in campo nazionale, ovvero quello di squadra da battere. I suoi due settimi posti in serie che hanno preceduto il titolo del 2012, ci ricordano che per risalire bisogna cadere o quantomeno barillaattraversare qualche strettoia. E accettare l’idea che per ricominciare a collezionare successi o recuperare la stabilità perduta, occorre tempo. Ecco, diamo tempo al tempo e alla nostra attuale proprietà. Il prossimo anno, passatemi il ragionamento un po’ forzato, sarà il primo vero anno di serie A, quello più difficile e impegnativo sotto certi aspetti, perché dovrà essere quello del consolidamento. Imporsi è difficile, confermarsi lo è ancora di più. Sbagliare la prossima stagione, magari spendendo e spandendo senza criterio per inseguire obiettivi più grandi di quelli che ci possiamo permettere, equivarrebbe a vanificare il gran lavoro delle ultime 4. Un rischio che in tutta onestà è meglio non correre. Luca Russo

41 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / IMPORSI E’ DIFFICILE, CONFERMARSI ANCOR DI PIU’: SPENDERE PER INSEGUIRE OBIETTIVI ESAGERATI EQUIVARREBBE VANIFICARE IL GRAN LAVORO DELLE PRECEDENTI QUATTRO STAGIONI

  • 12 Giugno 2019 in 02:57
    Permalink

    Bravo. Oculato, obiettivo e realistico. Era ora che qualcuno lo dicesse.

  • 12 Giugno 2019 in 05:51
    Permalink

    Tre promozioni di fila e tutti quei soldi spesi testimoniano eccezionale capacità organizzativa e disponibilità a supportarla economicamente, non ci piove.
    Ma non sognamo, scordati le coppe o la sola qualificazione se qualcuno non ci mette 100/150 milioni di euro, scordati l’Atalanta che, come evidentemente non sai, ha creato negli anni una struttura dove può contare su accordi con ogni singola società della provincia di Bergamo per avere giocatori, noi abbiamo la provincia che ha 450.000 abitanti contro il milione di Bergamo e assolutamente non abbiano l’esclusiva con ogni società del territorio, questo ha portato l’Atalanta ad incassare circa 200 milioni negli ultimi 4 anni. Noi la contiamo come un impresa epica ma il girone di ritorno può dire molto su quello che puoi fare con 10/15 milioni di mercato, puoi prendere o affittare due giocatori che fanno la differenza e pregare che giochino almeno 28 partite a testa se no hai Ceravolo e Sprocati, e spero che non arrivi il più furbo di tutti che ha avuto un’illuminazione che dobbiamo prendere giovani fortissimi a poco, farli crescere e rivenderli a millemila milioni, perché tutti ci provano ma i giovani forti li conoscono e vogliono tutti, Dybala ad esempio era stato pagato 10 milioni quando aveva 14 anni da Zamparini, noi ci facciamo più di mezzo mercato con quei soldi e storie tipo piatek sono più uniche ha rare. E’ tutto grasso che cola quello che mette la proprietà, ma caro autore dell’articolo, non prendiamo in giro i tifosi, per i valori economici di adesso con le risorse che ha il Parma puoi aspettarti un’altra salvezza risicata ed imbarcate di gol, niente di più, non crei risorse sufficienti ad.andare in Europa solo con i diritti televisivi ed una gestione oculata, per andare in Europa servono parte di giocatori che il solo cartelino per uno costa il nostro mercato, è matematica mica poesia che vai in Europa con Iacoponi e Siligardi, se tu sai come accumulare con i diritti televisivi ed una buona gestione 130 milioni per il solo mercato per fare un campionato di semi vertice fai una relazione dettagliata al Parma e ti fanno direttore sportivo subito.

    • 12 Giugno 2019 in 10:28
      Permalink

      E chi ha mai scritto che il Parma l’anno prossimo debba puntare al piazzamento europeo? Semmai ho espresso un concetto che va nella direzione esattamente opposta, ho richiamato tutti al realismo e invitato la platea a non aspettarsi di centrare obiettivi più grandi di quelli che possiamo permetterci.

      Detto questo, il player trading, che ha permesso all’Atalanta di mettere in fila due o tre belle stagioni non grazie ai “prodotti” del suo tanto decantato vivaio, ma per merito dei giocatori di esperienza (tipo Ilicic, De Roon, Freuler, Gomez, Zapata) presi da altri club coi soldi, appunto, frutto della gestione intelligente dei tanti calciatori al servizio dei suoi club satellite, non se lo sono inventati a Bergamo. Anche il Parma di Ghirardi e Leonardi ci provò, prima del fallimento. E, anzi, la sua non efficace esecuzione ne fu proprio una delle cause, se non l’unica causa.

      Però poi non mettiamola tutta sul player trading, che oltreutto può dirti bene un anno e male quello dopo. Il Sassuolo, che mi pare abbia una politica gestionale differente da quella dell’Atalanta e comunque più orientata alla valorizzazione dei giocatori in rosa piuttusto che alla compravendita di quelli delle società satellite, nel 2015/2016 si classificò sesto e ottenne la qualificazione all’Europa League della stagione successiva. Insomma, non di solo player trading si vive, si cresce e si vince. Esistono anche altre strade: puoi puntare sullo stadio di proprietà e sui naming rights dello stesso; puoi passare ad uno sponsor tecnico che ti dà di più; e puntare su tutti quelle figure professionali e quelle attrezzature che siano in grado di portare al top i giocatori che già hai alle tue dipendenze, così da “spremerne” risultati sportivi migliori di quelli preventivati a inizio stagione; e pure più milioncini quando e se volessimo non trattenerli più con noi. Il tutto, ovviamente, nell’ambito di una gestione oculata delle risorse derivanti dai diritti tv e dal mercato.

      • 12 Giugno 2019 in 14:13
        Permalink

        Si è vero esistono diversi modi di gestire una società di Calcio e i risultati sportivi si possono raggiungere percorrendo strade diverse cercando semmai, quella più idonea alle proprie caratteristiche.

        Io personalmente non vedo criticità o allarmismi come avvenuto in passato. Da tifoso mi sento orgoglioso di quanto fatto in questi 4 anni e resto fiducioso sulla voglia di far bene anche in futuro.

        L’unico disappunto è semmai rivolto alla stampa parmigiana che sembra quasi assente nell’approfondire con la società, quali sono gli obiettivi che la stessa vuole raggiungere e attraverso quali strade da intraprendere.

        Ad oggi, ci sono molti aspetti che andrebbero approfonditi e sui quali semplicemente si è scelto di tacere.
        Penso alla situazione in corso con la ex proprietà cinese (di cui non è ancora stata risolta la vicenda), penso al tentativo di trovare un nuovo partner societario (in che forma poi? cessione delle quote di maggioranza o altro?).
        Abbiamo in società Pizzarotti, possibile che non ci sia interesse a realizzare un nuovo impianto? Eppure non se ne parla.
        Quali investimenti si pensa di effettuare sul settore giovanile? Si parla di modello Atalanta, ma cosa si sta facendo realmente per avvicinarsi a questo modello?

        Insomma, i temi di cui parlare con la società sarebbero molti, eppure nelle interviste o negli articoli di giornale, si pensa solamente a celebrare le Coppe vinte 30 anni fa o a riciclare interessi di mercato degli anni scorsi.

        Possibile che a Parma non esista una stampa sportiva attenta, libera ed interessata?

  • 12 Giugno 2019 in 10:03
    Permalink

    Totalmente d’accordo con l’articolo.
    Ma si sa, i tifosi, tutti i tifosi, non ragionano. Ed il problema è che a volte anche i dirigenti ragionano da tifosi.
    Io spero che i dirigenti/soci del Parma continuino a ragionare da imprenditori appassionati.

  • 12 Giugno 2019 in 10:38
    Permalink

    Io condivido la parte centrale, non l’inizio e la fine.
    I tifosi di milan fiorentina napoli fanno/facevano bene a lamentarsi, per le ragioni indicate e per altri motivi, ma vabbè fatti loro.
    Il fair play finanziario è talmente “giusto” che per stessa ammissione dei vertiti uefa sarà rivisto. Va bene non alterare la competizione e mettere alcuni paletti ma se, ad esempio, inter o milan volessero investire nell’arco di 1-2-3 anni per ritornare competitivi non capisco perchè no, l’importante è controllare come ciò avviene.
    Verissimo che il parma ha speso tanto negli ultimi anni e che alcuni tifosi hanno la memoria corta e/o pretese assurde però la scalata è finita ed iniziata un altra fase, che dovrebbe essere quella del consolidamento, graduale fin che vuoi ma sempre tale. Spendere non significa per forza buttare soldi ad minchiam, il parma è una società sana ma se guardi il parco giocatori c’è poco o niente, solo degli stipendi da pagare, anche a giocatori di cui non si è mai capita l’utilità.
    Io preferire rischiare ancora di più di retrocedere ma tentare di seminare qualcosa perchè inglese è forte ed è stato determinate ma ora di quei 5 milioni del prestito non è rimasto nulla

    • 12 Giugno 2019 in 11:35
      Permalink

      Concettualmente il fair play finanziario è sacrosanto. Ma è chiaro che se si consente a determinati club di vivere di “autosponsorizzazioni” gonfiate, qualche paletto vada necessariamente rivisto. Peraltro io andrei oltre e strutturerei la serie A come la NBA, ovvero con tetto salariale e mercato in funzione del piazzamento in classifica.

      Quanto al resto, affermare che dei soldi spesi per Inglese non sia rimasto nulla, non è corretto: intanto grazie alle prestazioni di Inglese ci siamo assicurati un altro anno di A, con tutti i benefici che ne conseguiranno in termini di ricavi commerciali, da diritti tv e da botteghino, grazie ai quali l’attuale proprietà avvierà il processo di consolidamento indispensabile per non vivere sempre di prestiti e aiuti altrui. Scusate se è poco, eh…

    • 12 Giugno 2019 in 11:44
      Permalink

      Con un budget di 15/20 milioni puoi al massimo fare prestiti onerosi per avere una squadra da mettere in campo decente, acquistare per creare un capitale con 15/20 milioni non puoi farlo se non hai già una squadra fatta, cosa che non non abbiamo, ricordo che per comprare giocatori di serie A servono molti più soldi, per un Pavoletti servono 18 milioni per Bastoni 30 e cifre del genere non per i più quotati ma per giocatori decenti, con 3 milioni porti a casa calciatori come Dezi e Da Cruz, non di più. Essere in serie A è un lusso che solo 17 città hanno in Italia, dobbiamo sentirci privilegiati solo per questo e ringraziare chi ci ha portato qui. Però volare basso significa anche partire da dati di realtà, noi non abbiamo un parco giocatori da serie A se non in 5/6 elementi spendibili e 15/20 milioni per saltarci fuori, il Bologna sta pagando cartellini da 10/14/18 milioni e non è nessuno, Faggiano dovrà fare miracoli, non è che per stare con i piedi per terra bisogna raccontare che ci si consolida per crescere, purtroppo non è più il 95 che con 50 miliardi facevi uno squadrone, ora con 25 milioni non paghi neanche il cartellino di Bastoni.

      • 12 Giugno 2019 in 13:12
        Permalink

        Qui il famoso budget è stato già ridotto dal fantomatico 25 a 15-20…

        Allora: ribadisco. Tutte le cifre nel calcio sono interpretabili e quando si parla di “25” bisogna intendersi bene su cosa concretamente possa significare.

        Questa proprietà ha investito fiori di milioni dapprima per la scalata (e non per il platonico slogan “come noi nessuno mai”, quanto per il più prosaico scopo di raggiungere i maggiori ricavi possibili in questo mondo) e ora farà altrettanto per il consolidamento, dal momento che non è interesse di nessuno buttare nella latrina risorse, perché al di là di qualche individualità che non ne ha però intenzione, nessuno comunque ha la possibilità di farlo.

        Quello che dovrebbe tranquillizzare il tifoso è la gestione simil “amministrazione straordinaria” tesa a garantire il più a lungo negli anni il privilegio di essere tra le 17 città benedette dalla Serie A. E quanto e come spendere lo sapranno ben loro. E i primi a rimetterci qualora non ci fossero scelte oculate sarebbero – di tasca propria – loro. Mi pare che i risultati finora abbiano sancito la bontà delle loro operazioni.

      • 12 Giugno 2019 in 16:07
        Permalink

        @se ciao
        intanto cominci a prenderne un paio, gli altri vanno bene anche i prestiti nessuno li schifa di principio, poi come sempre bisogna vedere anche a che condizioni te li danno e a che costi
        Non è che bisogna spendere 30 per bastoni o inglese, l’udinese è passata un po di moda ma sono 20 anni che fa la serie a e che compra giocatori a prezzi ridotti, a volte si rivelano bravi altre meno però ci campa e ci ha rifatto pure lo stadio. Chiaramente bisogna seguirli i giocatori
        io in generale ho fiducia in cio che la società fa perchè ha dimostrato di parlare poco e di ottenere risultati e la serie a è un autentico lusso, però dico quello che penso un parma bis dello scorso anno con prestiti dagli amici strapagati non mi piace, anche se andasse bene mi sa tanto di anno buttato

    • 12 Giugno 2019 in 14:58
      Permalink

      Quindi?

  • 12 Giugno 2019 in 11:52
    Permalink

    Purtroppo stamani hanno arrestato Proto. Mi chiedo adesso chi può rilevare il Palermo dai Tuttolomondo o la Samp dal Viperetta.

  • 12 Giugno 2019 in 13:50
    Permalink

    Ho fatto una cazzata.
    Mi trovavo giorni fa’ con quasi tutto
    il convento di clausura a vedere
    la partita femminile Italia- Australia.
    Dovete sapere che tutti i.monaci non
    avevano.mai visto una partita di calcio
    femminile e molti di loro.nemneno nuna
    ragazza giovane in calzoncini molto
    probabilmente da una vita altrimenti
    che clausura’ era?
    Quella sera li vedevo scossi ma non successe
    niente nonostante che la BONA—NSEA
    li avesse messi tutti in crisi.
    L’indomani tutti hanno consegnato il saio
    Si erano stancati di fare i monaci di clausura.
    Se ne SONO andati quasi tutti.
    Il priore per non chiudere il convento
    per mancanza di frati ha preso
    nel convento vicino a
    PARAMETRO ZERO
    tre monaci ma oltre a,essere troppo vecchi
    erano troppo pochi, c’è ne volevano
    come minimo una ventina per cui il priore ha
    dichiarato il fallimento del.convento.
    Lo so è colpa mia, se non gli facevo vedere
    la BONA —NSEA
    chissa’……

  • 12 Giugno 2019 in 14:25
    Permalink

    Più Proto meno Cing Ciang

  • 12 Giugno 2019 in 14:56
    Permalink

    Direttore secondo lei è meglio:

    una DIGNITOSA SERIE B

    o un’ IMBARAZZANTE SERIE A?

    Io preferirei la prima….

    • 12 Giugno 2019 in 15:01
      Permalink

      Io non sono abituato a ragionare con il calore del tifoso ma con la freddezza obiettiva dell’analista: la risposta è molto semplice, è evidente che la Serie A (indipendentemente dalla cifra stilistica mostrata, che è solo un dettaglio) coi suoi ricavi ha molto più appeal della serie B (bagno di sangue). E’ altresì anche vero che oltre agli alti ricavi vi sono uscite pure alte. e la bravura sta nell’indovinare l’esatto equilibrio tra dare ed avere offrendo quanto di meglio possibile ai fruitori

    • 12 Giugno 2019 in 15:57
      Permalink

      Il caldo sta iniziando a dare alla testa…..

    • 12 Giugno 2019 in 17:23
      Permalink

      Ludovico il Moro
      Preferiresti la serie B?
      I casi sono tre 😈 😈 😈
      1) 😈 Tu o non hai messo il cappellino sotto il sole
      2) 😈 Ti si è rotta una vena nella testa e straparli
      3) 😈 Sei un perdente nato.
      DA QUI NON SI SCAPPA

      SERIE 🅰 🅰 🅰 🅰 🅰 sempre
      anche patendo
      anche soffrendo come bestie da macello
      ma
      SERIE 🅰

  • 12 Giugno 2019 in 18:25
    Permalink

    Clamoroso!!!
    E’ l’unica volta che sono d’accordo con Vele…
    Non succederà più!

    Metafora:
    meglio avere una bella donna oggetto di desiderio anche degli altri, quindi rischiare le corna
    oppure
    meglio una modesta rezdora grassa e pelosa?
    con la prima a ghe da magner di coron, con la seconda al masim as magna di anolè

    a voi la scelta

    • 12 Giugno 2019 in 19:20
      Permalink

      Siano in due ad essere in accordo con lui per questa volta 😂

    • 12 Giugno 2019 in 20:56
      Permalink

      Agnolini …anolini …. anole’ …
      Caro Pencroff … c’e’ bisogna un Brodo meglio per fare questo piato Pramzan …
      Straje’

  • 12 Giugno 2019 in 19:50
    Permalink

    Se Ludovico spara un’altra str****ata così grossa magari è la volta che si mettono d’accordo pure israeliani e palestinesi…

  • 12 Giugno 2019 in 20:06
    Permalink

    La butto lì a mo’ di provocazione: qui qualcuno non apprezza la A perché l’abbiamo riconquistata troppo presto. E a furia di vincere, anche se in categorie minori, non abbiamo mai avuto realmente fame. E chi è sazio certe cose non riesce a concepirle.

    • 12 Giugno 2019 in 21:57
      Permalink

      Tutti apprezzano la A. C’è chi a volte la spara grossa qui..ma è raro. Comunque è questione di obiettivi. Sperare di andare in Europa il prossimo anno ad esempio, sarebbe pura utopia. Bisognerebbe essere un po più razionali o quantomeno provarci. Non penso sia questione di fame

  • 12 Giugno 2019 in 23:10
    Permalink

    Il discorso di fondo fila. Questo però non vuol dire costruire una squadra di soli scarti e pensionati come è stato fatta la scorsa stagione.

    Tuttavia, essendo stati pesantemente influenzati dal caso Calaiò, non abbiamo potuto fare mercato fino a praticamente inizio campionato. Speriamo che questa estate sia meglio.

    • 13 Giugno 2019 in 14:41
      Permalink

      Come ho già specificato in altri commenti, si cresce un passo alla volta. E nel rispetto delle regole, che al momento impongono alle società calcistiche di non spendere più di quanto guadagnano. Non scordiamoci che 4 anni fa, non 20, di questi tempi stavamo preparando un campionato di serie D. E che il Napoli, tanto per farvi il primo esempio che mi viene in mente, la C se la fece due volte prima di approdare in B. Peraltro gli azzurri al primo anno di A dopo il fallimento, nel 2007/2008, è vero che si qualificarono al terzo turno della Coppa Intertoto, ma avendo messo insieme 50 punti. Ovvero “appena” 9 in più rispetto a quelli collezionati dal Parma al suo primo anno di massima serie dopo il crack. E che gli sono valsi il 14mo posto – piazzamento comunque molto più che positivo considerate le previsioni della vigilia – con l’ottava piazza finita alla Lazio che ha chiuso a quota 59. Ora, con tutto il rispetto che nutro nei confronti della squadra per la quale faccio il tifo, pensate che il nostro potenziale economico e il nostro appeal mediatico e commerciale reggano la concorrenza di quelli del Napoli? Non credo. Non in questo momento, perlomeno. Ecco perché invito tutti ad apprezzare di più i risultati raccolti nella passata stagione. E il lavoro dell’attuale proprietà, troppe volte ingiustamente accusata di essere “accattona”.

  • 13 Giugno 2019 in 09:21
    Permalink

    Gli “scarti” ed i “pensionati” si sono messi dietro 5 squadre.
    Vero che ora occorrerebbe cambiare marcia, ma non si possono disprezzare così coloro che hanno conquistato e mantenuto la serie A.

    • 13 Giugno 2019 in 14:22
      Permalink

      Condivido la tua osservazione. Ma è esattamente per la mancanza di fame cui mi son riferito in altro commento che la piazza Crociata non riesce a godersi ciò che, al momento, considerati i nostri recenti trascorsi e lo sforzo economico profuso per risalire velocemente in A, è oro colato, ovvero l’essere in massima serie. Con tutti i benefici, in termini di ricavi da diritt tv e commerciali, che ne conseguono. Certo, la A impone anche spese sensibilmente più alte rispetto a quelle necessarie in categorie inferiori, ma se dalla B in giù si è sottoposti esclusivamente a bagni di sangue, in A hai almeno la possibilità di preservare l’equilibrio di bilancio o stare addirittura su, se ci sai fare.

  • 13 Giugno 2019 in 09:38
    Permalink

    Per riuscire a fare calcio in serie A, oltre ai diritti TV serve un fatturato importante ed un presidente che metta ogni anno di tasca propria una cifra tra i 5 e i 10 milioni. Tanti soldi che difficilmente sono destinati a rientrare.
    Per far fruttare sperabilmente i soldi messi occorrono un grande direttopre sportivo, capace di vedere cose che altri non vedono ( prospetti e giocatori poco conosciuti o non completamente affermati, destinati a migliorare) e un allenatore che sappia valorizzarli.
    Al di là dei risultsti ottenuti, credo che i limiti del Parma siano in questi due ultimi elementi

    • 13 Giugno 2019 in 14:28
      Permalink

      Non credi, caro Stefano, che certe considerazioni, così perentorie e nette, andrebbero fatte tra qualche anno? Non dovremmo dimenticarci che stiamo pur sempre parlando di una società venuta alla luce appena 4 anni fa. In questo momento siamo equiparabili a una repubblica appena sorta o appena divenuta indipendente: prima che vada a regime, di tempo ce ne vuole. E non poco. Credo che se saremo bravi a non avere fretta e a non metterne ai diretti interessati, il Parma a breve inizierà a darci parecchie soddisfazioni. Ma se si pretende tutto e subito, il rischio è quello di mandare gambe all’aria l’eccellente lavoro delle ultime 4 stagioni.

      • 14 Giugno 2019 in 10:28
        Permalink

        a me non interessa la questione dove ewravamo. guardo a oggi. se uno compra un telefono oggi si preoccupa del fatto che 4 anni fa la tecnologia era diversa e di minore valore? oggi e’ oggi. se vuoi stare al top ti strutturi. diversamente fai come il venezia , il crotone il frosinone e compagnia briscola. per inciso a me tifoso che crede che il parma potra’ sempre e solo ambire a una salvezza dignitosa in serie A e fare campionati di vertice in B, la compagnia va bene

  • 13 Giugno 2019 in 11:30
    Permalink

    Dato che criticate tanto Squinzi….bhe…cari miei…
    tanto di cappello a lui e al suo staff….
    Stadio di proprietà,
    settore giovanile coi fiocchi (molti arrivano dalle ceneri del Parma),
    allenatore di buone prospettive
    e infine Squinzi sgancia ogni anno fior di QUATTRINI….

    • 13 Giugno 2019 in 13:24
      Permalink

      Ma chi è qui che ha mai criticato Squinzi?

    • 13 Giugno 2019 in 16:34
      Permalink

      vabbè grazie tante, ultimo mecenate in italia
      settore giovanile dove pagano per far giocare i figli

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI