FAGGIA SI! IL DIESSE RINNOVA FINO AL 2022: “NON SONO VENUTO A SVERNARE CON IL CONTRATTO DI PIZZAROTTI E SOCI…”

faggiano rinnovo

(Luca Savarese) – Sembra uscito dall’orale di maturità, il volto sfinito dopo un’interrogazione di quasi tre ore e mezzo. Lo zaino sulle spalle, e quella consapevolezza di non dover tirare fuori più i libri del “Chissà” e nemmeno le dispense del “Le faremo sapere”.  Daniele Faggiano ha passato l’esame. Ha saputo subito il risultato: sarà ancora il direttore sportivo del Parma. Prova superata. “E’ finita come è sempre iniziata dal primo giorno: bene. Sono felice”. Queste le prime parole del diesse. Accaldato come un ciclista dopo un Mortirolo e pensare che nel girone d’andata la bici Parma pareva andare, saettante, in discesa. Ora, però, non serve più essere passatisti ed alimentare quella dicotomia che recita: girone d’andata monstre, girone di ritorno mostro, da spavento, ma ripartire di buzzo buono, a mente sgombra e guardare negli occhi il futuro, che di fatto è iniziato non solo dopo la vittoria contro la Fiorentina (prova scritta), ma dopo l’uscita di Faggiano ieri dal palazzo delle decisioni (prova orale). Non si sa ancora che squadra sarà, ma una cosa è certa. Il Parma che verrà dovrà lavorare “Senza assillo, senza tanti patemi d’animo” come dice Faggiano 2022. Già, quante angosce venute fuori quando la strada e la classifica erano piuttosto buone. Ma Parma, come vuole l’etimo latino, è uno scudo: quando la procella si fa dura, lui si erge fiero e forte. “Non sono venuto a svernare con i contratti di Pizzarotti e i soci che ringrazio” continua a caldo, mostrando che più che la durata dei contratti, a lui interessa altro: “A me cambia poco, ora cerchiamo di sistemare tutto e ricominciare con l’entusiasmo che non è mai mancato”. Noicattaro, Bari, dove Perinetti, attualmente al Genoa, lo promosse capo degli osservatori, poi Siena, dove nell’Ottobre del 2011 sempre Perinetti lo proclamò Diesse, quindi Trapani, Palermo e dal 6 dicembre del 2016 Parma, che anche grazie al suo labor limae mercataro, è risalito prima in B e poi in A. E’ partito dal basso, ma con quel desiderio, quasi con quell’urgenza di arrivare in alto. Lo volevano in tante, il suo nome nei giorni scorsi era stato accostato anche alla Roma o alla Fiorentina, ma lui ha scelto di rinnovare le nozze col Parma. Ora è lecito sperare in qualche figlioletto, alias un campionato non al cardiopalma, con magari qualche nuovo innesto e qualche novità procedurale rispetto al recente passato: “L’anno scorso si era creata un po’ di confusione. Per esempio, potevamo fare un contratto con obbligo di riscatto ma abbiamo dovuto farlo senza. Un prestito libero. Libero è molto più alto, e adesso non ce lo possiamo permettere. Per esempio, per un calciatore (Inglese ndr), potevamo fare diversamente. Ora non ce lo possiamo permettere più. In altre situazione abbiamo pagato dei prestiti e potevamo fare altre operazioni. Se uno viene dopo di me giustamente dice: ‘cosa ha combinato?’“. Eh si, per fare un mercato saporito, ma senza eccessivi costi bisogna ponderare bene tutti gli ingredienti. In fondo Faggiano assomiglia un po’ allo chef Antonino Cannavacciuolo. Questi conduce “Cucine da incubo”, il diese crociato, fresco di conferma, dovrà essere bravo, amalgamare bene pedine, incastrare plusvalenze, trovare qualche colpo dei suoi ed evitare un… Parma da incubo. Luca Savarese (immagine di Daniele Faggiano tratta da video di ForzaParma.it)

 
 
 

36 pensieri riguardo “FAGGIA SI! IL DIESSE RINNOVA FINO AL 2022: “NON SONO VENUTO A SVERNARE CON IL CONTRATTO DI PIZZAROTTI E SOCI…”

  • 5 Giugno 2019 in 08:57
    Permalink

    Top Boss = Big Dani ….
    We are with you ….
    ” Rock ” that Calciomercato Parma …
    From Deep … Deep …South Spain ..
    My work ? It’s simple making more Tifosi here in the South …
    Straje’

  • 5 Giugno 2019 in 09:31
    Permalink

    Assumiamo Douglas come preparatore atletico.
    Farebbe senz’altro meglio del preparatore
    atletico attuale e poi DOUGLAS
    ci costerebbe molto ma molto meno.
    tanto avere più infortuni di così è matematicamente
    IMPOSSIBLE.

  • 5 Giugno 2019 in 09:33
    Permalink

    OT: il 23 giugno 2015 venivano premiate al cospetto del nostro Presidente della Regione E-R Bonaccini il Bologna Fc e il Carpi Fc.
    Cito Bonaccini: “Orgoglio per il calcio pulito e l’esempio sportivo che hanno saputo proporre”.
    Capisco che il Parma possa dare fastidio a tanti ma una minima riconoscenza anche alla nostra società capace in 3 – TRE anni di raggiungere la serie A partendo dalla serie D no? Mi scusi Presidente! Mi scusi!
    Forse pecco di troppo orgoglio e altezzosità! Sarà così

    COME NOI NESSUNO MAI!
    FORZA PARMA!!!

    • 5 Giugno 2019 in 12:05
      Permalink

      You got it…Suplex 👌🤙
      💪💪💪💪💪💪💪💪💪
      Forsa Paerma….
      Strajé

  • 5 Giugno 2019 in 10:25
    Permalink

    Cominci a fare un po di pulizia di contratti vecchi e giocatori in esubero

  • 5 Giugno 2019 in 11:20
    Permalink

    Da Faggiano mi aspetto di tutto.

    La quota 100 sicuramente sarà messa in pratica.

  • 5 Giugno 2019 in 11:32
    Permalink

    The Best!

  • 5 Giugno 2019 in 11:48
    Permalink

    “Per esempio, potevamo fare un contratto con obbligo di riscatto ma abbiamo dovuto farlo senza”
    Chiedere al magnate Ching Chang

  • 5 Giugno 2019 in 11:51
    Permalink

    Però ha detto che anche quest’anno sarà dura salvarsi

  • 5 Giugno 2019 in 13:08
    Permalink

    Credo che Faggiano abbia svolto un ottimo lavoro nel corso di questi anni e, al pari di D’Aversa, i risultati sono la dimostrazione di una più che meritata conferma per entrambi.
    Sono fiducioso che il nostro Direttore, si applicherà con le sue solite capacità ad allestire un organico competitivo per la prossima stagione.

    Ma ovviamente tutto dipende da quanto la società è in grado di mettere a disposizione in termini di budget ed obiettivi.

    A tal proposito, non ho più sentito alcuna notizia, nel corso di questi mesi, circa l’avanzamento della situazione societaria, e sorgono alcune lecite domande in proposito:

    1) I cinesi sono ancora all’interno della societa? Con che quota?
    2) L’advisor internazionale incaricato di trovare nuovi soggetti interessati al club, ha trovato qualcuno?
    3)Andremo avanti con la società in mano ai 7 soci capitanati da Pizzarotti? E con quali obiettivi?

    Direi che solamente allo scioglimento di queste domande, potremo capire a quale tipo di lavoro andrà in contro l’ottimo Direttore Faggiano questa estate.

    Sempre, Forza Parma

    • 5 Giugno 2019 in 15:18
      Permalink

      1- Sì al 30% – Nuovo Inizio 60% e PPC 10%
      2- Non si sa
      3- Sì, salvezza, credo che sia almeno l’obiettivo per i prossimi 3/4 anni salvo sorprese.

      COME NOI NESSUNO MAI!
      FORZA PARMA!!!

    • 5 Giugno 2019 in 17:46
      Permalink

      Merita la conferma ci sta perchè gli obiettivi annuali sono sempre stati raggiunti.
      Non condivido il paragone con il tecnico perchè rispetto a quest’ultimo faggiano ha potuto lavorare in condizioni decisamente più agevoli, soprattutto in serie b dove ha speso/sputtanato tanto

  • 5 Giugno 2019 in 14:46
    Permalink

    Ieri alla presentazione della importantissima diga di Armorano (opera famossima a livello mondiale) presso la sede UPI di strada al ponte Caprazzucca, evento documentato dalla stampa di regime più della salvezza del Parma, ho visto il pipante comandante in capo dell’Unione Piocioni Industriali abbastanza dimesso e giù di corda. Ecco i cinesini se proprio li vogliamo sarebbero da coinvolgere come fanno in Africa per tirar su la diga, il ponte di Colorno, la cassa di espansione del Baganza e perchè no i cessi dell’Ennio (a questo punto post calata delle orde barbariche bergamasche cariche di orina da birra e scoraus da panini con le salamelle). Al pipante capo, in luogo di occuparsi di dighe, deviazioni di corsi d’acqua e ponti chiederei di sensibilizzare i suoi pidocchiosi iscritti in merito ad una degna sponsorizzazione sulle maglie da parte di azienda del territorio

  • 5 Giugno 2019 in 16:13
    Permalink

    Mi chiedo come si possa stanziare un budjet di 20 milioni,

    quando per restare in serie con una salvezza tranquilla,

    bisognerebbe investirne almeno il doppio.

    Mi chiedo se questa è una programmazione.

    Sempre peggio…..forse i 7 sperano ancora nella vendita.

    • 5 Giugno 2019 in 17:20
      Permalink

      Un budget da 20/25 milioni- se questa è davvero la cifra – per il calciomercato il tanto osannato (ai tempi) Parma di Ghirardi non lo ha mai avuto. Ma tanto è skyfo.

    • 5 Giugno 2019 in 17:25
      Permalink

      Io non ho sentito parlare di cifre, ma se fossero 25 milioni come dicono solo per il mercato, tenete presente che è una cifra che verrebbe superata o eguagliata al massimo da altre 7-8 squadre in serie A.

  • 5 Giugno 2019 in 16:16
    Permalink

    Abbiamo dei “bagget” che sono più stitici di un anziano stitico che ha cambiato aria e che succhia del limone dal mattino alla sera.

    • 5 Giugno 2019 in 17:03
      Permalink

      Vai a rileggerti quando scrivevi che qualcuno faceva terrorismo mediatico….. aspetto ancora la tua soluzione al rebus societario del Parma, con i 2 soldi nel bussolotto del cinese!

    • 5 Giugno 2019 in 18:30
      Permalink

      Tutti quei milioni e nemmeno una coppa, tabula rasa.

      COME NOI NESSUNO MAI!
      FORZA PARMA!!!

  • 5 Giugno 2019 in 17:49
    Permalink

    Gervinho non convocato per la coppa d’africa: male in ottica di venderlo bene in ottica di non saltare buona parte del ritiro

    • 5 Giugno 2019 in 18:44
      Permalink

      Per me ottima notizia, io Cervignio non lo darei mai via

      • 5 Giugno 2019 in 19:28
        Permalink

        io speravo si valoirizzasse ancora in coppa e poi venderlo subito, non solo per la plusvalenza (sarebbe la prima) ma perchè credo calerà molto prossimo anno

        • 5 Giugno 2019 in 22:26
          Permalink

          Io ragiono da tifoso, non da ragioniere (limite mio) quindi non darei mai via un giocatore che ha generato da solo 15 punti netti tra gol e assist

  • 5 Giugno 2019 in 21:52
    Permalink

    Non so se essere felice per questa riconferma perchè a gennaio il suo mercato scellerato ha rischiato di affondarci.

    Lo aspetto alla prova d’appello estiva.

  • 5 Giugno 2019 in 21:57
    Permalink

    Perché ora che,Conte dell’Inter ci agevolera’ avendo come,amico D’Aversa non ci gemelliamo con i nerazzurri invece che con i blucerchiati che ci hanno quest’anno fatto fare la figura del PINGUINO?

  • 6 Giugno 2019 in 10:15
    Permalink

    Caro Rikman continuate pure col terrorismo mediatico e con la creazione del babau cinese che dovrebbe spaventare, problemi vostri. Io sul tema non sono tranquillo, ma di più. Forse nessuno lo ha scritto perchè nessuno si è preso la briga di approfondire, ma qui è avvenuta una cosa molto semplice che sintetizzo in modo definitivo in poche righe:

    1) Ching Chang (o chi per lui) compra la maggioranza del Pèerma in serie C per motivi che non vogliamo sapere ma che sono simili a quelli di Yongon Lee/Milan (anche lui ci ha rimesso apparentemente soldi, Elliot si è preso tutto, stesso schema del Parma). Ching Chang sa benissimo e i 7 (che non sono nàdari) sanno già altrettanto beneche ci potranno essere dei problemi, in particolare Ching Chang segnala subitoche oltre certe somme i suoi non intendono andare e di comune accordo con i 7 (ovvio visto che firmano non sotto minaccia di arma da fuoco) inseriscono le famose clausole di recompra in caso di inadempienze. In sostanza davanti a un piatto di involtini primavera, mentre viene cambiato il vetro del cellulare di Dallara si dice “proviamo e vediamo come va”, lasciando una via di uscita (o uei aut per chi ha studiato);

    2) Ching Chang e il collega spagnolo messo li da chi comanda (cit. PAblo De Gregori) non conoscono bene il calcio italiano e dopo 12 mesi si rendono conto che i bagget elaborati in Cina con la penna d’oca e l’inchiostro fatto col nero di seppia non tornano. Servono soldi, bisogna ripianare le perdite di bilancio, etc. In più il Pippein Cazzein mette a rischio l’idea di Chnig Chang, ovvero farsi la serie A con Ceravolo e Baraye, incassare le 50 ghelle dei diritti tv, sistemare il bilancio senza tirar fuori un pio tornare in sere B coi 10 borri del paracadute (schema che se non compri nessuno funziona). Terzi e De Col mettono a rischio questa idea perchè la serie A è a rischio e Ching Chang e is uoi capi nicchiano anche a mettere li la fideiussione per l’iescirzione al campionato e non può coprire le perdite, aveva un bagget diverso.
    in più i nostri 7 eroi giustamente non vogliono fare figure alla Vigorito/Vrenna/Sebastiani e si impuntano. No a Ceravolo (che purtroppo ci è però toccato come una maledizione fino all’ultima giornata) Baraye, si a un minimo di mercato, la città lo merita;

    3) seguono discussioni in dialetto, traditto in inglese, tradotto in cinese. I Ching Chang non possono ottemperare (come previsto fin dal 2017 dalla clausola di cui sopra). A quel punto i 7 e quello che comanda dei 7 danno ai cinesi una comoda via di uscita. Esercitare la clausola e spianare loro (i 7) le perdite. Qui tutti fan finta di non capire, ma i 7 non “rubano” le quote ai Ching Chang, ma anzi FANNO UN “FAVORE” AI CINESI. METTONO SOLDI AL POSTO LORO, ADEMPIONO A QUELLO CHE LORO NON HANNO ADEMPIUTO ED ESERCITANDO LA CLAUSOLA GLI CONSENTONO DI USCIRE DA UNA COSA CHE NON ERANO PIU’ IN GRADO DI SOSTENERE. Al di là delle scaramucce a mezzo mail pubblicate (dovute) rientra tutto in un piano e l’arbitrato non mi stiperei se finisse dopo n rinvii in un nulla di fatto. Il 30% che hanno ancora in mano i Ching Chang (esattamente come la stessa quota che avevano i 7),
    sarà regolato da una clausola nel contratto fatto nel 2017 che prevederà l’impegno ad una sua cessione in caso di cessione del restante 60%.

    In sostanza lasciamo li di maciullarci le p…e con sta storia dei cinesi, perchè sul tema i primi ad essere sereni e tranquilli sono proprio i 7 padroni del vapore

    • 6 Giugno 2019 in 14:33
      Permalink

      Ancora una volta caro Davide non hai spiegato niente, e forse non hai mai capito niente di quanto da me scritto. Punto primo, non ho mai detto che qualcuno abbia fregato, o si sia fatto fregare quote di maggioranza. Ho sostenuto solo che Nuovo Inizio voleva e vuole tuttora cedere la maggioranza del Parma Calcio, ad un socio che dia garanzie di seria continuità, la cosa non è possibile fino a quando Link detiene il 30% delle azioni, perché questo comporterebbe o l’uscita completa di Nuovo Inizio, oppure la presenza di Nuovo Inizio ma in minoranza anche rispetto a Link. Caro Davide la matematica non è una opinione se Link mantiene il 30% e PPC il 10% per avere la maggioranza bisogna avere almeno il 31% ed agli altri rimarrebbe il 29% quindi meno di 30%. Pensavo non fosse così difficile da capire. Se non convinci Link a cedere parte delle sue quote non vendi. Se per te la matematica è terrorismo psicologico, mi dispiace per te.

  • 6 Giugno 2019 in 10:18
    Permalink

    E chi dice eh ma si è fatto fregare la maggioranza etc invito ad andarsi a vedere che la stessa cosa è successa al Milan…i motivi per cui ci sono cinesi che fan ste robe sono intuibili ma all’atto pratico non ci interessano, dico solo che è uno schema già visto mille volte.

    • 6 Giugno 2019 in 14:47
      Permalink

      La faccenda Milan con la questione Parma non è nemmeno lontanamente paragonabile, sono due faccende completamente diverse, al Milan c’era un emerito nessuno, di cui si sono perse le tracce, Link esiste ed ha una sua potenzialità, 18 milioni veri al Parma li ha messi, può piacere o meno, ma questi sono i fatti, intanto il Granada è anche stato promosso in Liga, magari poi retrocederà subito, ma definirlo un nessuno come fai tu, dimostra quantomeno un certo pressappochismo.

  • 6 Giugno 2019 in 19:32
    Permalink

    Ho spiegato in modo chiaro cosa è successo e cosa sta succedendo dopo di che ognuno faccia le sue valutazioni. Chi vuole farsi rovinare l’estate dal babau Cinese è libero di farlo

  • 7 Giugno 2019 in 10:35
    Permalink

    Speriamo che Davide abbia un bud jet e se ne voli far away (ma che non atterri ad Orio al Serio…)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI