PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / FAVOLE SPORTIVE: PARMA-TRAPANI E RITORNO?

corapi

(Mauro “Morosky” Moroni) – Sono contento per loro (tutti i nostri ex, barra prestiti), per Faggiano e per un gruppo che, nonostante la società sia sull’orlo del baratro fallimentare, leggasi 6 mesi di salari impagati (questo, almeno, è ciò che si capisce leggendo sui giornali sportivi), dopo lo spareggio di sabato scorso contro il Piacenza, è ritornato in Serie B dopo solo due anni di permanenza nella categoria inferiore: un bravo a tutti, Dini, Ramos, Scognamillo, Evacuo, Corapi, Garufo, Golfo, Mastaj e Rubino (D.S., uno dei 3 calciatori ad aver segnato dalla Serie D alla Serie A, cioè in ben 4 categorie, così come Pasciuti e Aleggenda 6 Lucarelli). Un po’ di tempo fa avevo ironizzato, punzecchiando, circa il fatto che, ben 8 calciatori più il D.S, avessero migrato da Collecchio alla Trinacria, andando ad “appellare” la formazione sicula Parma 2, squadra amica, satellite in orbita crociata: ebbene, costoro, insieme ai loro compagni, alla luce di una situazione societaria davvero difficile, hanno compiuto un miracolo sportivo. Ancora bravi a loro! Chapeau!

Calciomercato *

balotelli bodoni 01 06 2019Non c’è nulla da fare: è più forte di me, non riesco a stare lontano da questo argomento, soprattutto alla luce del fatto che, non essendoci il Campionato e, non essendo ancora aperto ufficialmente il mercato, ci si tuffa nei soliti tormentoni estivi, chi arriverà? Ora lè tornè ed moda Baloteli, e la pera anca la volta bona (ora è tornato di moda Balotelli e sembra la volta buona); quale sarà il nuovo centrocampo? Tutti noi “sogniamo” di vedere nuovi giocatori, una squadra rinfrescata/ringiovanita, auspicando pure una nuova salvezza con un piazzamento, se possibile, ancora migliore: potrei aggiungere, anche, un gioco migliore, ma questo dipende soprattutto dagli interpreti, dagli attori principali, i giocatori!

Un passo indietro *

GABRIELE-MAJO-Foto-Franco-Sacc-Archimmagine-007.jpgSe dovesse andare come sto immaginando io, se andranno bene le trattative con Inter e Napoli, arriveranno (seppur in prestito) 4 o 5 ottimi giocatori: ragazzi, fino a quando la Società non si sarà adeguatamente consolidata, con un asset societario economico ben definito, ci dovremo “accontentare”, da piccola squadra cresciuta molto in fretta, di fare passi corti, ben misurati, tali da consentire uno sviluppo graduale, lento ma solido (se ho 25, tanto per postare una cifra che farà storcere il naso al Direttore (anche perché 25 vuol dire tante cose e niente, come ho abbondantemente spiegato io nei commenti, e come sta cercando di fare opera di divulgazione il dottor Robert Giannino, giornalista economista che ha iniziato oggi la sua collaborazione con noi, ricordando che esistono anche gli ammortamenti, sovente dimenticati da chi fa i conti della serva, oltre che netti, lordi, etc, etc. nota di Majo), non posso spendere 26, normale no? E’ un po’ come il nostro piccolo bilancio famigliare: mutuo, bollette, vitto, vestiario, vacanze, accessori, tasse, imprevisti: è lo stesso criterio anche se, con cifre diverse, decisamente diverse!).
Lo so che l’argomento è stato già trattato e sviscerato diffusamente, sia dagli articolisti sia dai lettori, ma personalmente, non mi sento di condannare, attaccando in modo esasperatamente negativo, i 7 “ragazzi d’oro”, loro hanno gettato le basi per ripartire ed hanno proseguito, vincendo e senza perdere anni di Tifo Crociato Parma Reggiana foto filoramo wire studioscuola (mai rimandati né bocciati, sempre promossi con la sufficienza piena, il minimo indispensabile, (sufficienza piena. minimo indispensabile, Moro, da retta a me: alza il voto, va là, che è meglio, pensando anche alla crescita infrastrutturale dell’azienda oltre al miracolo sportivo. Forse siamo più vicini all’ottimo che alla sufficienza piena. e tutti i mugugnatori da social o da tribuna sarebbe ora se ne rendessero conto, che è meglio!, nota di Majo) ma di fatto siamo arrivati in Alto e ci resteremo, tal dig mi!): non vuole essere una sviolinata, nessuno di loro ha mai detto nulla, sempre silenziosi, ma efficaci, un profilo sempre basso, mai nessuna “sbragonata” come tanto piace a parecchi “presidenti o presidentelli” di lungo corso, che poi, se andiamo a vedere, o si trovano in bancarotta (fraudo-veloce e voluta), o si trovano ai domiciliari o nelle grane giudiziarie-amministrative più pesanti.
pizzarottiPreferisco tener duro ancora qualche tempo piuttosto che volere tutto e subito: d’altronde, chi è arrivato al vertice di fior di società, non l’ha fatto in  pochi minuti, immagino che siano occorsi anni di lavoro, di idee e progetti sani, partiti dai nonni, continuati dai padri e poi dagli attuali Angelo, Giacomo Guido,  Marco, Mauro, Paolo e Pietro (beh, prima che qualcuno mi contesti, non sono tutti imprenditori, ci sono pure degli stimati professionisti che hanno aderito a questa grande genesi, bravi ragazzi, continuate a parlare poco, continuate pure a dare voce al vostro lavoro oscuro coi fatti chiari, ben riscontrabili ed evidenti. (Si certo, così evidenti da meritare persino da te una misera sufficienza piena! Forse sarebbe bello che ogni tanto – visto che piacciono tanto i pugni sbattuti sul tavolo – che qualcuno di loro abbandonasse il proverbiale stile, marchio di fabbrica della casa, e urlasse agli ingrati che lo negano tutto quanto è stato fatto per il nostro comune divertimento domenicale e quanto gli è costato, visto che nessuno se ne accorge, neppure tra l’immensa claque che suonava la grancassa prima…, nota di Majo).

ceresini

A proposito di Presidenti, vi ricordo, dal compianto Ernesto Ceresini all’attuale Pietro Pizzarotti, i nomi dei precedenti numeri uno:

  • Ceresini Fulvio
  • Pedraneschi Giorgio
  • Tanzi Stefano
  • Bondi Enrico (commissario)
  • Angiolini Guido
  • Bondi Enrico (commissario)
  • Ghirardi Tommaso (Premio Top.One “Arjen Robben”)
  • Giordano, Kodra (Taci), Manenti ( un po’ come il Trio Lescano)
  • Scala Nevio (uno da stimare sempre e non aggiungo altro)
  • Carica Vacante ( f. Grande Marco Ferrari )
  • Lizhang Jiang

Da parte mia aggiungo solo che, tra commissariamenti e presidenti fantasma tragattini, siamo stati molto spesso in pessime mani (per alcuni basta leggere le cronache per vedere la fine che hanno fatto!): dalla Famiglia Ceresini alla Famiglia Pizzarotti, teniamoci stretta la concreta e nostrana parmigianità, non è questione di campanilistica piaggeria, ma di solide certezze, niente fumo, fatti e non pugnette! Tal dig mi!

Tutto questo anche se, molto probabilmente, non riusciremo mai più a ritornare ad essere quella squadra che, per essere una piccola provinciale, vinse molto, sia in Italia che in Europa: i tempi sono cambiati in peggio, e per il discorso economico, e per l’immenso divario che si è ulteriormente dilatato tra le società di vertice, 2-3, non di più, rispetto alle altre 16-17 società rimanenti: questione di $$$$$$$$$ ma pure di feeling!

Allora, chi arriva? *

Posto che dovranno partire parecchie unità, (senza considerare coloro che rientreranno dai prestiti), io mi aspetto sempre queste NUOVE figure professionali:

1 PORTIERE (Sepe?)

1 PORTIERE UNDER

1 DIFENSORE EST. DX

1 DIFENSORE EST. SX (Radu?)

2 CENTRALI (Skrtl, Dermaku, Gravillon?)

1 CENTROCAMPISTA DX

1 REGISTA (Cigarini, Brugman?)

1 CENTROCAMPISTA SX (Rog ?)

2 ATTACCANTI CENTRALI (Balotelli?, Stepinski?)

2 ATTACCANTI ESTERNI (Ounas, Iturbe?)

per un totale di 13 elementi da integrare a coloro che rimarranno in forza:

IACOPONI

GAZZOLA

GAGLIOLO

BRUNO ALVES

KUCKA

BARILLA’

GERVINHO

Mai come quest’anno non si riesce ancora ad intravedere chi resterà e chi arriverà: mi sa proprio che, visto che non siamo abituati ad avere così tanto tempo a disposizione, abbiamo solo l’imbarazzo della scelta, ma, come già anticipato in altro pezzo, sono convinto che 5/6 nuovi arriveranno subito dopo l’apertura del mercato: purtroppo queste sono le dinamiche del medesimo, i pezzi grossi sono sempre gli ultimi a smuoversi, non è questione di incapacità ma solo di potere economico nel senso che, coloro che possono spendere, vanno al mercato, riempiono il carrello, pagano e tornano a casa: noi ne abbiamo pochini e, a momenti, ci fregano pure il carrello! Non so se mi spiego! (Pochini, Morosky, una benedetta mazza: dagli autori di StadioTardini.it mi attendo che non vengano divulgate-alimentate corbellerie: di soldi – dall’attuale proprietà – ne sono stati fumati parecchi prima – magari anche troppi – e non verranno lesinati ora. Quindi basta parlare di budget ridotti e pochi soldi da spendere perché non corrisponde alla realtà dei fatti, nota di Majo)

Ho visto alcuni spezzoni del campionato europeo Under 21 e presumo che se si andasse a pescare nella formazione polacca non si sbaglierebbe, così pure come nel Belgio (circa l’Italia, se con questa squadra non vince il titolo, non lo vincerà più per un altro secolo!): come sempre, puntando sui giovani semi sconosciuti, è più facile fallire che prenderci, ci sono troppe  variabili che possono far diventare difficile il salto dalle formazioni giovanili alla prima squadra, soprattutto se si cambia paese, lingua, abitudini, alimentazione, metodi di preparazione, ecc.: negli ultimi anni il calcio polacco ha sfornato parecchi talenti, tanti sono in Italia e molti in giro per l’Europa, basta avere occhio e bus dal kulovic, vai Daniele, si pesca!

Dal Botteghino Village, in diretta con Lorenzo ed i mitici collaboratori, auguri per una calda summer 2019!

Un cordiale saluto,

Mauro Morosky Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

16 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / FAVOLE SPORTIVE: PARMA-TRAPANI E RITORNO?

  • 19 Giugno 2019 in 17:55
    Permalink

    Mauro il carrello della spesa prova ad andarlo a chiedere domani al Regio all’assise dell’UPI. Se sei fortunato magari vieni a casa con una cassetta di tomacche vansate offerte dalla casa.

  • 19 Giugno 2019 in 18:23
    Permalink

    Peccato per Doca altrimenti sarebbe stato un poker d’assi

  • 19 Giugno 2019 in 19:29
    Permalink

    Buonasera a tutti, SONO VERAMENTE EUFORICO: ho scritto tante ca$$ate che il Direttore in persona è sceso in campo ( nel mio articolo ) bastonando forte e riprendendomi come uno scolaretto monello e screanzato:
    – non vorrei inserire quel termine bandito dal sito (

  • 19 Giugno 2019 in 19:40
    Permalink

    Buonasera a tutti, SONO VERAMENTE EUFORICO: ho scritto tante ca$$ate che il Direttore in persona è sceso in campo ( nel mio articolo ) bastonandomi forte e riprendendomi come uno scolaretto monello e screanzato:

    – non vorrei inserire quel termine bandito dal sito ( B.D.G.T ) ma, in ogni intervista è il D.S. che minimizza dicendo che …bla bla bla..

    vedremo alla fine del mercato, rigorosamente all’ultimo giorno, ultimo minuto, ultimo secondo …e ne sapremo di + se sarà stato
    scarso, abbondante o in linea con le competitors ..
    QUESTA, TRA L’ALTRO, E’ UNA DELLE STRONZATE + GROSSE CHE E’ PARTITA DALLA SERIE C….
    ma cosa me ne frega del budget del Venezia, Pordenone, Reggiana o Padova ????
    Ma dove sono ora costoro ??
    Ma, al di la di questo …io guardo alla mia squadra….

    ….portate a casa dei bravi giocatori ..

    DA OGGI ME NE FREGO DEL BILANCIO, DEL BUDGET, DEI COSTI E DEI RICAVI….
    …vorrei vedere una squadra che gioca a calcio ….

    SE C’E’ GENTE IN GRADO DI FARLO BENE, ALTRIMENTI…SI CERCHI ALTRA GENTE ….

    DALLA PROPRIETA’ AI GIOCATORI, NESSUNO ESCLUSO…
    NON GUARDO + IN FACCIA NESSUNO ….

  • 19 Giugno 2019 in 20:15
    Permalink

    Scusami Moro, c’è modo e modo di spendere con pochi soldi. Dobbiamo per forza diventare una ritiro per pensionati e vecchie glorie? Puntare su qualche giovane forte e in prestito o scovato per pochi soldi no, eh?

    P.s.: preferirei di gran lunga Caputo a Balotelli.

    • 19 Giugno 2019 in 20:20
      Permalink

      La storia dei “pochi soldi” , come ripeto, mi ha scassato gli zebedei. Se la piantassimo non sarebbe male. Anche perché da Grillo Parlante io potrei confutare dicendo che di soldi se ne sono spesi parecchi. Per cui con questa fola mi sono veramente rotto i maroni.

      Quindi piantiamola. Grazie

      • 20 Giugno 2019 in 12:53
        Permalink

        Direttore, più che una questione di “pochi soldi”, nelle nostre menti si annida sempre il pensiero di quello che è successo con chi ha fatto il passo troppo lungo…di conseguenza ci si “accontenta” anche di quel che c’è…e non che sia costato poco…ne siamo certi…

        buona giornata

        • 20 Giugno 2019 in 13:08
          Permalink

          Ciao LucaDena,

          il mio inasprimento degli ultimi giorni nei confronti di chi sproloquia di pochi soldi da spendere o di budget basso è dovuto proprio al nervoso che mi genera chi in maniera pervicace – da ignorante o in cattiva fede a seconda delle singole individualità – si inerpica a parlare di argomenti senza avere elementi concreti per poterlo fare, limitandosi alla superficie, senza mai approfondire arrivando persino a negare la realtà dei fatti che mi pare bella eloquente dinnanzi agli occhi di tutti.

          Un conto è essere spendaccioni (ricchi scemi), un conto è essere imprenditori che ponderano su un possibile affare e poi decidono se farlo o meno.

          Ringrazio il Signore di avere messo sulla strada di Stadio Tardini Robert Giannino il quale è davvero molto bravo a tradurre anche al popolino la materia tecnico economica applicata al calcio. A lui i complimenti per avere messo sulla bilancia due ipotetiche operazioni ragionandoci su con profondità.

          Per quanto riguarda quello che abbiamo passato, io dico: proprio perché ci sono stati danni incalcolabili prima che adesso c’è da baciarsi i gomiti se c’è adesso chi è attento (o piocione) al portafoglio. Come scrivevo anche ieri, da Grillo Parlante direi persino che i Nostri abbiano speso anche troppo, quindi piocioni cosa?

          Le risorse ci sono, gli investimenti è giusto farli – gli azzardi no – pur nella consapevolezza che la palla è rotonda, Eupalla è capricciosa e il calcio non è una scienza esatta, però con intelligenza e raziocinio si può cercare di fare operazioni oculate.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 19 Giugno 2019 in 20:27
    Permalink

    Ma che delocalizzino questi tomaccari parmigiani, si estero vestano. Perderemo qualche migliaio di posti di lavoro, il consumatore non avrá la stessa qualitá ma si toglieranno dalle balle. È questo che desideri Davide? Rodolfi e Mutti, se ne vadano tutti.
    La se strica anca par ti Veh Davide, ma pasensia, imitiamo il Frosinone e l’Avellino, saremo più poveri ma avremo un calcio spettacolo, per un anno o due almeno. Tubi e bussolotti che li producano in Austria, paese calcisticamente depresso.
    I parmigiani sono viziati, troppo Pil e poco calcio da sogno. Nuovo reparto oncologico? Meglio uno stadio pieno di merchandising, magliette e sciarpette

  • 19 Giugno 2019 in 21:07
    Permalink

    Forza Italia …sub 21 ….
    Straje’

    • 25 Giugno 2019 in 09:50
      Permalink

      Una vergogna il biscotto che hanno fato ieri … mettendo fuori Italia …. Il più’ forte sub 21 dei ultimi 10 anni …Nostro futuro Nazionale ….
      Andiamo avanti …. solo c’e’ questa strada ….
      Straje’

  • 19 Giugno 2019 in 22:24
    Permalink

    Rodolfi e Mutti intanto potrebbero iniziare a mettere il loro prestigioso nome sulle maglie. E se lo fa Pharmanutra da Pisa senza licenziare nessuno possono farlo anche i nostri tomaccari e buslotari perché di questo si parla a sema mia la Silicon Valley. Stessa cosa vale per quello che fa le aspirine di fianco all’autostrada. Quando c’è da tirare fuori la testa pleda o grisa e dir dal casedi sul territorio sono tutti in prima fila. Quando c’è da tirar fuori die borri meno male che c’è Pizzarotti (quello vero). Poi li vedi allo Skybox di Cetilar a vedere la partita a macca. Che schifo.

  • 20 Giugno 2019 in 13:09
    Permalink

    Ciao Mauro, è un po’ che non riesco a scrivere, vedo con piacere che ti è partito il neurone eheheheh

    Comunque, restando nel giusto, è anche lecito sognare un po’ in questo periodo…

    Lecito pensare che un Balotelli versione superMario possa vestire la crociata senza perdere la testa..per esempio…

    Inglese a mio parere ha una valutazione troppo elevata per quello che è stato il suo campionato…è forte, ok, ma se gioca poi 20 partite su 40….e le altre devo far giocare ceravolo…

    tra balotelli e caputo preferisco balotelli…a parita di possibilità è anche molto più giovane, detto che sono sempre stato un grande estimatore di caputo fin dai tempi dell’entella..e mi piacerebbe un bel po’…

    in difesa si potrebbero tentare dei cavalli di ritorno…donati? masina? io sarei poco propenso ad ingaggiare giocatori a fine carriera, tra le conferme siamo già zeppi di esperienza…bruno alves…gervinho…per dirne due…cercherei di prendere giocatori non oltre i 30, poi per carità i conti li fa la società e farà come potrà…

    il resto saranno prestiti ok…ma iniziamo a inserire giocatori di categoria per consolidarci..il che va benissimo…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI