CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / MEGLIO IL DUBBIO O LA CERTEZZA?

gianni barone(Gianni Barone) – Il Professor Bellavista nato dalla magica penna dell’appena scomparso Luciano De Crescenzo (un grande in un mare di ottusi), diceva “Questo è il bene (e disegnava un punto interrogativo “?”) “e questo è il male (e disegnava un punto esclamativo “!”). Per dire che il bene è un dubbio, mentre da quelli che hanno certezze, una fede incrollabile, bisogna starsene accuorti (parole sue, di Bellavista, che così parlò), e, a volte, di loro bisogna mettersi paura. Tradotto alle nostre latitudini calcistiche, fuori da metafore filosofiche, non lasciamoci attrarre da tanta sicurezza: coltiviamo, nei giudizi e nelle aspettative, un briciolo di dubbio su quello che sarà il PARMA prossimo venturo. Le manovre della società hanno rincuorato tutti, hanno spiazzato gli scettici e hanno infondato certezze che fino a qualche settimana fa, erano ben lungi dall’essere accarezzate o prese in considerazione. Quelle certezze punto interrogatvo ed esclamativoche spingono verso l’ottimismo trovano conferme nelle dichiarazioni di D’Aversa, finora uno dei pochi tecnici di serie A soddisfatti dal mercato condotto dalla propria società. Contrariamente al suo amico Antonio Conte, che all’Inter, spara bordate d’insoddisfazione tutt’altro che nascoste, il tecnico gialloblù, quando afferma “La società fino adesso ha lavorato in maniera eccellente, perché mi ha dato la possibilità di provare già dei meccanismi all’interno di questo gruppo”, va senz’altro in controtendenza con molti dei colleghi di serie A, che possono, tra droni e tecnologie varie, ritenersi non aiutati nel lavoro, dai movimenti in entrata in uscita compiuti dalle loro rispettive società. Da Sarri a Giampaolo, passando per Fonseca, Ancelotti, Montella, fino arrivare al più irritato di tutti, Conte, appunto, non possono certo avere le certezze finora avute, dopo la prima fase di ritiro, da D’Aversa. Quindi PARMA, di nuovo dopo tanti anni, Isola felice? O è presto per affermarlo? Ma in attesa degli sviluppi della seconda fase di preparazione, avere oltre a qualche certezza, in barba a Bellavista, cultore del dubbio, potrebbe agevolare, non poco, il lavoro di costruzione di una squadra, che a detta di molti, dovrebbe essere – oltre che nuova in alcuni elementi della rosa – sicuramente nuova anche nel modo di proporsi prof sassaroliin campo, in poche parole, nel gioco, senza orma di dubbio. Ahiaiahai, il dubbio che viene cancellato, allegramente, e di peso, dopo solo pochi giorni di preparazione, e dopo qualche amichevole, condotta a ritmo ancora blando. Però la maggioranza gongola e non bada a quelle che potranno essere le difficoltà future, con eccessiva apprensione. Quindi in attesa che il nuovo gioco, da tutti invocato ed intravisto esploda, lasciamo che i nuovi dimostrino appieno le loro potenzialità. Già sentire il tecnico, solitamente non avvezzo a giudizi sui singoli, parlare di un giovane come l’ex atalantino Kulusevsky, in termini più che positivi, è da considerare sicuramente di buon auspicio su quello che sarà guidizio sul reale valore tecnico dell’organico, messo a disposizione. “Quest’anno la società sta operando per fare si che, nel momento in cui ci possano essere delle assenza, questo non vada a discapito del rendimento della squadra”, così dicendo D’Aversa, ha ribadito le sue convinzioni, lontane anni luce, sempre, in questo periodo, da quelle del suo caro amico e collega Conte, che dopo aver accantonato, dal suo progetto tecnico, con pesanti ricadute al ribasso in termini economici, due mostri sacri come Icardi e Nainggollan (molto deprezzati nell’operazione), si può permettere (non sappiamo fino a quando) di rinunciare anche a Perisic, conte agghiaccianteritenuto anch’egli inidoneo al suo gioco. Accidenti, anzi agghiaggiande. Ma gli affari degli altri vanno tenuti solo come paragone per meglio evidenziare, la chiarezza della situazione, una volta tanto, che si verifica dalle nostre parti. Tutto va bene, al momento, fra arrivi che soddisfano e partenze, che lasciano qualche dubbio (oh, finalmente!: Bellavista è accontentato), tipo quella di Dezi, definito, sempre da D’AVERSA, “grande professionista che sta dimostrando, dentro e fuori dal campo, di meritare anche di restare qui”. Della serie si può sbagliare tutti, nelle valutazioni e nei giudizi, limitatamente allo scorso anno, al pari di quei critici un po’ ottusi, che vedevano catenaccio, sempre limitatamente allo scorso anno, dappertutto. Quest’anno i critici meno ottusi che seguono le vicende giurano che sarà un altro PARMA, con un nuovo volto tattico, inserimenti, pressing alto, difesa meno bassa, e jacopo dezi prato allo stelviovia discorrendo, le stesse cose che si descrivono negli altri ritiri, in quello del novello Sacchi Giampaolo al Milan, o in quello della Juve di Sarri, che farà possesso palla già nelle propria area (vista la nuova regola del rinvio con palla che deve più uscire dai sedici metri per essere rimessa in gioco) o in quello della Roma, dove il nuovo santone portoghese Paulo Fonseca predica intensità, intensità, intensità, straordineria, direbbe il solito Arrigo, sempre di moda e sempre tirato in ballo per questo tipo di occasioni. Anche in questo caso zero dubbi in materia e in proposito, quelli vengono lasciati ai soliti ottusi, che li coltivano e che mai e poi mai si scorsport-mihajlovicarebbero permessi di rivelare, in anticipo, per dare il buco agli altri, una notizia delicata, confidata loro in via amichevole. Nel calcio certe commistioni non dovrebbero esistere, ma purtroppo sono all’ordine del giorno, oggi come ieri, il giornalista complice del giocatore, del direttore sportivo, dell’allenatore, del procuratore, è molto ricercato, perché sfrutta presunte (o false) amicizie per i propri scopi personali o di testata. Gli altri, quelli ottusi del catenaccio, pieni di dubbi, e senza amici, sempre ai margini, mi raccomando, poi non ne parliamo di quelli che non baciano l’anello, o che fanno domande, giudicate del cavolo, per loro non resta altro che l’oblio. Altro che vacanze di lavoro, al fianco di Vip della pedata di ieri, o di oggi, a Ibiza, Formentera o Sabaudia: per loro un piccolo aperitivo nel bagno economico di Marinella di Sarzana o giù di lì con un bel selfie a ricordo con le labbra a guisa di culo di gallina. In questo caso non ci sono dubbi le categorie sono due gli uomini di amore e di amicizia, senza libertà,  da una parte e gli uomini di libertà, senza amori e senza amicizie, dall’altra, perché le 5 categorie sciasiane del Giorno della civetta: quelle di, uomini, mezzi uomini, ominicchi, piglianculo (o ruffiani) e quaquaraqua, sono forse un po’ troppo impegnative per il calcio di oggi. Qui al posto delle civette ci sono, solo,  molti cornaccioni… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

24 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / MEGLIO IL DUBBIO O LA CERTEZZA?

  • 22 Luglio 2019 in 14:28
    Permalink

    La società ha operato benissimo non solo per avere acquisito in proprietà (e questo va ben sottolineato) tutti i principali obiettivi di mercato, ma anche xké li ha messi a disposizione dell’allenatore con più di un mese di anticipo rispetto all’inizio della stagione in modo da farli trovare pronti e integrati sin dalla prima partita (si vedano al proposito le giuste lamentele di Conte ancora senza una prima punta di ruolo in rosa…. ovviamente tolto Icardi x i noti motivi).
    Quello che manca sono per lo più dei rincalzi, uno per reparto (difensore sx, centrocampista/regista, esterno di attacco di piede destro da schierare a sinistra). Poi attenzione alle occasioni perché negli ultimi giorni potrebbe essere disponibile qualche esubero eccellente delle grandi non ancora sistemato (es. Ounas) o qualche giovane bisognoso di spazio…
    Vorrei inoltre perorare la causa di J.Mauri, bravissimo giocatore e ragazzo serio, che in seria A può giocare tranquillamente da titolare in almeno 3/4 dei club. Un mistero che sia svincolato… io al Parma lo prenderei senza se e senza ma.
    Sempre e solo forza Parma

    • 22 Luglio 2019 in 14:48
      Permalink

      mauri? mo mama,,, è alto 1 c. e un barattolo… E l’anno del fallimento si era fatto compatire…

    • 22 Luglio 2019 in 15:08
      Permalink

      Sperema ed no. E’ un miracolato, balordo come pochi, potrebbe si e no giocare in eccellenza. A Parma tutti lo godono ma non hanno capito che e’ scarsissimo, se per 5 anni non ha mai giocato titolare ci sarà un motivo. Non e un incompreso e decisamente mediocre.

      • 23 Luglio 2019 in 21:47
        Permalink

        Se avete letto il libro di Lucarelli capirete perchè sarei molto sorpreso di vedere ancora costui a Parma.

        • 24 Luglio 2019 in 09:49
          Permalink

          Anno 2015,
          Mauri,19 enne, ha un contratto da giovane professionista col Parma
          ( tra i 40 ed i 60 mila euro anno ): non prendono soldi da un tot di mesi…
          la società fallisce…
          un ragazzo, agli esordi cosa dovrebbe fare ???

          I big potevano concedersi il lusso di non prendere quegli stipendi, lui non fu d’accordo e non accettò..
          i soldi non li prese cmnq….
          e, da svincolato, se ne andò al Milan..
          o doveva seguirci in serie D…
          ..
          ma come si ragiona ??

          • 24 Luglio 2019 in 14:01
            Permalink

            Condivido, alla fine prendeva come un normale dipendente, magari non prendendo soldi è anche stato in difficoltà, leggendo il libro non capivo perchè Lucarelli l’ha così colpevolizzato, poi tecnicamente parlando anche io ho i miei dubbi che possa giocare in A, ha giocato talmente poco.

  • 22 Luglio 2019 in 14:59
    Permalink

    Mauri l’è balord

    • 22 Luglio 2019 in 15:14
      Permalink

      hai ragione, qui ci sono balordi come pochi nel giudicare:mauri non ha tempi e visione di gioco, porta palla e la perde, non è incontrista e non è bravo di testa, non sa giocare con la squadra è sempre fuori posizione. Insomma, nessun fondamentale, eppure lo godono tutti

  • 22 Luglio 2019 in 15:41
    Permalink

    Non sono d’accordo con i giudizi su Mauri, l’anno del fallimento fu uno dei più positivi segnando anche un gran gol alla Juve (una delle poche sconfitte della Juve di quell’anno).
    Poi è vero che non ha un fisico come Pogba, ma tecnicamente è un buon elemento ed in una squadra come il Parma, preso a parametro zero, ci può stare benissimo, tenuto conto anche della sua relativamente giovane età.
    Sono curioso di sentire il pensiero di Moroski

    • 22 Luglio 2019 in 18:56
      Permalink

      Bravo …LG ..Esta chiarissimo ….c’e’ quelcosa che dimentica persone qui … …
      Questa cosa e’ D’AversA …. Nostro Mister sa come lavorare con i giocatori e prendere il migliore di Loro … se per caso viene Jose Mauri con Noi …fa bene …ansi benissimo …pero in fondo e’ una cosa di tutti due Big Dani e D’AversA

    • 22 Luglio 2019 in 20:22
      Permalink

      Ciao LG,
      chiamato in causa e premesso che il mio parere ha poco valore ( non essendo il vangelo del calcio ), dico semplicemente come la penso:

      il Mauri che è andato via da qui, nel 2015, 19 enne, era un bel giocatorino che in Serie A ci stava così come ci starebbe pure adesso…

      ha giocato pochissimo, quasi niente nel Milan ..ma se fai un centrocampo muscolare lui sparisce…

      A ME PICEREBBE, svincolato, 23 anni….ha già masticato il calcio che conta, ha gli attributi, corre, lotta e mena….

      quello che hanno fatto l’anno scorso i vari
      DEZI, MACHIN, DIAKHATE’ , STULAC e SCOZZA …
      secondo me lo avrebbe fatto anche lui….

      io direi SI ma non credo che lo prendano …

      • 23 Luglio 2019 in 09:32
        Permalink

        Mauri è del livello dei vari Machin e Dezi , quindi se devo rimpolpare numericamente il centrocampo piuttosto mi tengo uno di questi che ho già in casa.

      • 23 Luglio 2019 in 10:20
        Permalink

        Poi io ho una mia personalissima e opinabilissima opinione: nel calcio se non arrivi al metro e 65 o ti chiami Gianfranco Zola o vai a fare un altro sport…

      • 23 Luglio 2019 in 17:10
        Permalink

        Grazie x la risposta!!
        Concordo che non può essere un titolare ma come dici bene è giovane, sicuramente al Milan avrà acquisito esperienze e capacità allenandosi con giocatori di livello alto e poi è uno che corre lotta e non molla mai… per cui a parametro zero un pensiero lo farei, visto le probabili partenze di Dezi e Stulac, Diakhate è andato in prestito in Belgio e Scozzarella non ha molte partite nelle gambe in un anno.
        Sempre e solo forza Parma

  • 22 Luglio 2019 in 17:28
    Permalink

    Penso che sia arrivato il momento di BATTERE CASSA.

    Diciamo che sotto a libretto ci sono ancora dei calciatori,

    sono buono, che dovrebbero andarsene….

    “Ometti” che pur di continuare a farsi STIPENDIARE dal Parma,

    rifiutano qualsiasi situazione…..vedi NOCCIOLINI….

    è ora che vada in altri lidi….

    • 22 Luglio 2019 in 18:19
      Permalink

      I contratti si rispettano. Il Parma è una società sana che paga puntualmente gli stipendi, è normale che prima di andare a giocare in Serie C un calciatore voglia garanzie. Nessuno lavora gratis rinunciando ad un contratto sicuro

      • 23 Luglio 2019 in 21:50
        Permalink

        Esatto. Ci sono carovane di squadre di B e C che finanziariamente sono molto malmesse, rischiano di saltare da un momento all’altro, cosa che puntualmente accade ogni anno.
        La Regia senza i 10 ripescaggi col piffero che giocava in C, poverini.
        E questi giocatori ci pensano 3 volte prima di andare via da un posto dove lo stipendio lo prendono di sicuro.

  • 22 Luglio 2019 in 19:03
    Permalink

    Ovviamente il dubbio su come sarà questo nuovo Parma di D’Aversa c’è, però adesso il mister non ha davvero più scuse. La rosa è nettamente migliorata rispetto alla scorsa stagione e quindi sta a lui farla girare al meglio.

  • 23 Luglio 2019 in 08:40
    Permalink

    Siberianhusky ti sembra una cosa logica che Nocciolini abbia
    uno stipendio da serie A?
    Se ha un minimo di dignità…si svincoli e vada….

    • 23 Luglio 2019 in 10:04
      Permalink

      Nocciolini ha uno stipendio da serie B ed è frutto di un contratto, I contratti vanno sempre rispettati se un calciatore non ritiene opportuno rinunciarvi anche in parte è un suo sacrosanto diritto. Allo stesso modo non sono d’accordo che un calciatore dopo una buona stagione chieda un aumento dell’ingaggio, i contratti andrebbero sempre rispettati da ambo le parti.

    • 23 Luglio 2019 in 10:47
      Permalink

      A me hanno sempre insegnato che i contratti, liberamente sottoscritti dalle parti, si rispettano. Quello di Nocciolini non fa eccezione. Ti dirò di più, io non lo avrei mai ceduto perchè se serve un giocatore in grado di fare 10-15 minuti sparati per pressare alto lui va benissimo. Adesso che in lista gara vanno in 22, uno specialista utilizzabile in spezzoni di gara per situazioni particolari fa sempre comodo. Mica gli devi affidare l’attacco …. , lo utilizzi unicamente per difendere un risultato nei finali di partita dove la tecnica ha molta meno importanza della corsa

    • 24 Luglio 2019 in 09:24
      Permalink

      Sono sicuro che se lei avesse un contratto di 3 anni in un’azienda e nel suo ruolo arrivasse uno più capace, strapperebbe in giornata il contratto e andrebbe da un’altra parte a prendere un terzo dei soldi. Per me Nocciolini non ruba niente a nessuno, ha firmato un contratto in accordo con l’altra parte, non c’ero ma non credo che il Parma abbia sottoscritto il contratto sotto la minaccia di armi, più probabilmente in quel momento l’hanno reputato opportuno sapendo i costi in prospettiva e l’inutilità del calciatore in serie A.

  • 23 Luglio 2019 in 21:55
    Permalink

    Il mercato del Parma direi che per adesso è molto soddisfacente e sulla carta la squadra c’è e può giocarsela con tutti, parlo della seconda metà della classifica ovviamente.
    Voglio sperare, e credere, che ci sia però “sotto qualcosa”.
    A parere mio c’è un cambio societario in vista, per il momento nessuno ne parla ma quando cominciano a girare dei soldi o dei riscatti forzati, significa che probabilmente si sa di avere le spalle coperte. Da chi non lo so e credo che lo vedremo presto.

    Mi auguro davvero che il mega-catenaccio dell’anno scorso possa essere messo da parte.
    Nessuno pretende le geometrie del Barcellona, prima di tutto i punti, ma neanche una squadra tutta chiusa in area ad aspettare le ripartenze di Gervinho e Inglese.
    Sulla carta quest’anno c’è modo di giocare in modo molto diverso e più propositivo.

    • 24 Luglio 2019 in 12:03
      Permalink

      Per me la spiegazione della società è credibile, hanno un piano triennale per rendere appetibile la società ad eventuali compratori, questo include creare un parco giocatori, le spalle coperte per questo progetto triennale le si hanno con gli attuali proprietari.
      M

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI