PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / MA CHE MERCATO! ETOR CHE PIOCIONI… E MI E DAVIDE MUTI!!!

mauro morosky moroni marzo 2019(Muaro “Moroni” Morosky) – Correva la “spending pramszana summer2019 (anno terzo dopo Faggiano), in casa Parma Calcio 1913 si verificarono cose che voi tifosi-umani (in questa gestione) non avevate mai visto…. segue….
Come succede spesso aveva ragione il Direttore (lo diceva sempre anche mio nonno di dare retta ai più “anziani”) e mi e Davide muti !!!: diciamo proprio che ci hanno stupito, io che scrivevo di piccolo mercato, di mercato dei poveri, no money no party ecc. ecc.: mi hanno letteralmente smentito e ne sono molto contento: non mi sarei mai aspettato queste performance e, visto come sono partiti forte, presumo che non sia ancora del tutto finita l’opera di questo mercato che definirei, già così, importante seppur “dispendioso” ma tecnicamente e, solo sulla carta, eccellente, veramente di livello molto elevato (ricordiamoci che il nostro obiettivo è sempre la salvezza ed io personalmente vorrei che stazionassimo tra il 13° ed il 10° posto in classifica, sarebbe un piccolo passo avanti, un leggero miglioramento, tutto questo senza allargarmi più di tanto, passi piccoli, con cautela ma attributi roteanti, su tutti i campi!)
Cosa potrebbe essere successo di eclatante? Hanno già stipulato nuovi contratti per circa 60 milioni (sessanta milioni di euro) e, come finanza vuole, con costi dilazionati nel tempo. Hanno vinto al Superenalotto? Hanno trovato la lampada di Aladino in qualche buia soffitta? (al tassel... in dialetto parmigiano), qualcuno l’ha sfregata bene e, trac, hanno cominciato ad uscire gli euro? Oppure i soci si sono voluti dare una botta di vita ed hanno deciso di fare gli “americani”, altro che cinesi, altro che russi, altro che magnati del petrolio, e l’Upi? muti, tutti muti! (Semplicemente hanno voluto patrimonializzare la società con un parco calciatori di proprietà, abbassando l’età media ed attuando investimenti secondo un ben preciso piano triennale, lavorando finanziariamente sui costi, senza cartolarizzare i ricavi, nota di Majo).

Sepe, Grassi, Dermaku, Karamoh, Hernani, Laurini, Inglese e ora pure Pezzella di proprietà e, a seguito di questo, la squadra ha aumentato il suo potenziale tecnico ed il proprio valore economico, ma non è finita in quanto manca ancora 1 mese e mezzo e, sempre a mio avviso, potrebbero arrivare ancora 4/5 giocatori per completare adeguatamente il gruppo! (Io, caro Moro, realisticamente credo, invece, che i fuochi d’artifizio siano terminati: probabilmente all’appello manca ancora un centrocampista, ma stavolta c’è tutto il tempo a disposizione per fare un’operazione oculata, senza il coltello alla gola. Con Inglese sarebbe stato un rischio troppo grosso star lì a tintognare, con Commisso pronto a buttare sul piatto quei 25 milioni che Adl voleva… Non sono un grosso esperto di robe di mercato, ché non mi appassiona, preferisco di gran lunga la Rosy, però sono convinto che anche i passaggi di Frattali e Scavone al Bari possano essere messi in correlazione – visti i tempi – con la conclusione dell’affaire Bobby, nota di Majo)

Quindi, ricapitolando

  • Staff Tecnico confermato con proroga contratti fino al 30/06/2022, ok
  • Mercato in corso, MOLTO ok 
  • Cinesi muti (e senza nessun membro in CdA), ok
  • Prato allo Stelvio, sede del ritiro: campi in perfette condizioni, temperature fresche, doppio allenamento quotidiano, clima ed umore ottimo per il gruppo che lavora sereno.
  • Anche i professionisti al seguito (parrucchiere, tatuatore e piercing-man) hanno ottemperato ai loro impegni ed i ragazzi sono doppiamente soddisfatti dei loro nuovi body-accessori.

Che siano partiti in pochi è vero, che ci stiano ancora lavorando è altrettanto vero, che bisogna aver pazienza è già stato detto: piano piano stanno entrando tanti piccoli “tasselli” che contribuiranno al completamento del puzzle: non ci sono nomi roboanti (anzi, qualcuno è proprio sconosciuto ai non addetti ai lavori, me compreso !!!  – Hernani), ci sono anche buone certezze (Laurini, Sepe, Grassi, Inglese, Pezzella), ci sono i giovani-issimi (Karamoh, Minelli, Corvi, Kasa) ed i meno giovani (Dermaku, Colombi), chi di categoria e chi dovrà guadagnarsela!

* Che cosa manca? *

  • 1 centrale difensivo esperto (un po’ di tempo fa si parlava di Skrtl)
  • 1 play centrale (se non rimane uno dei due tra Stulac e Scozzarella)
  • 1 centrocampista (se non rimane uno dei due tra Dezi o Munari)
  • 1 centrocampista Under (Kulusewski che pare pure ormai già fatto0)
  • 1 punta centrale vice Inglese (Cornelius idem come sopra)
  • 1 esterno d’attacco Under 21 (Barrow?)
  • 1 esterno d’attacco ( se non rimane Sprocati!)

Visto che l’obiettivo è quello di avere due giocatori per ruolo, diciamo che, coi 3 portieri, siamo a 23, aggiungiamo 5/6 giovani aggregati e si arriva a 28/29 effettivi ripartiti come da legenda sottostante (riportata in grafica nella tabella esposta):


bozza rosa in costruzione 17 07 2019

01- SEPE

02- COLOMBI

**CORVI – 2001 ( under )

La porta mi sembra ben coperta, unico dubbio, già esternato l’anno scorso, è quello di avere il “terzo guardiano baby” anche se questo giova al portierino per la sua crescita e maturazione (comunque, a tal proposito, esiste sempre la possibilità, in caso di infortunio di un portiere, di sostituirlo nella lista)

03- LAURINI

04- GAZZOLA

05- IACOPONI

06- DERMAKU

07- BRUNO ALVES

08- >>>>>>>>>>> a mio avviso ne serve un altro esperto!

** MINELLI1999 (under)

09- GAGLIOLO

**PEZZELLA 1999 (under)

Se arriva un altro centrale esperto, oltre a Pezzella sulla fascia sx, direi che dovremmo essere sufficientemente attrezzati sia qualitativamente che come quantità (10 per 4 ruoli)

10- KUCKA

11-

12- MACHIN: non è più Under e questo lo penalizzerà! Dezi? Munari?

13- GRASSI: è stato “battezzato” come regista in prova

14- >>>>>>>>>>play centrale ???? Stulac o Scozzarella?

15- HERNANI

16- BARILLA’

** Kulusewski?

Io dico che manca un regista centrale ed un interno a destra, un altro giovane non farebbe male e rimarco pure che Machin (avendo sforato l’età per essere considerato under) avrà delle difficoltà a guadagnarsi la conferma!

17- GERVINHO: ma lui, siamo sicuri che resta? mi an cred miga !!

**  >>>>>>>>> Barrow ??????  (under)

**KASA – 2001 – (under) farà gavetta, crescita e maturazione

18- INGLESE

19- >>>>>>>>>> vice bomber (Cornelius?)

20- SPROCATI ?

**KARAMOH  (under)

21-

E’ sicuramente il reparto dove c’è da lavorare ancora, quello dove servono più denari per acquisire gente valida, esperta, continua ( nel senso di continuare a buttarla dentro ): qui, come anticipato, ne servono almeno altri 3 , e non è poco !!!!!

Un cordiale saluto,

Mauro “Morosky” Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

92 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / MA CHE MERCATO! ETOR CHE PIOCIONI… E MI E DAVIDE MUTI!!!

  • 17 Luglio 2019 in 14:03
    Permalink

    Ringrazio il Direttore per le postille integrativo-esplicative ma, a mio avviso , se non tengono due degli attuali citati in rosa

    Dezi o Munari
    Stulac o Scozzarella
    serviranno altri DUE RINFORZI IN MEZZO …

    E PURE DAVANTI, una volta arrivato CORNELIUS, seppur tenendo , forse ,SPROCATI , servirà un altro ESTERNO …

    stessa cosa per la difesa ….un altro penso che arrivi …

    ma sono dettagli…la struttura della squadrà è fatta, serve solo effettuare gli ultimi ritocchi….3-4 pennellate faggianesche …

    E INTANT CHI RAGASZ I MAGNEN
    ….

    • 17 Luglio 2019 in 15:16
      Permalink

      Quest’anno la società ha voluto subito mettere a disposizione dell’allenatore la squadra pressoché al completo, probabilmente qualche elemento attualmente in ritiro che si pensava potesse venire ceduto/parcheggiato in Serie B rimarrà in rosa.
      Potremmo già essere a posto così.
      L’unico interrogativo è quello riguardante la permanenza di Gervinho. Se rimanesse si potrebbe puntare ad un piazzamento nella parte sinistra della classifica perché obiettivamente D’Aversa ha a disposizione una rosa decisamente superiore a quella dello scorso anno. Il fatto che non ci siano, o quasi, prestiti è un miglioramento importante

    • 17 Luglio 2019 in 15:48
      Permalink

      Esplico meglio il mio pensiero:

      io credo che sia finito il periodo dei fuochi d’artificio, che, in questo caso particolare, stante l’emergenza viola, sono stati anticipati dal 31 agosto a metà luglio. Penso, però, che a questo punto sia lecito non aspettarsi un colpo al giorno, se no dovremmo concorrere per vincere la Champions… Invece bisogna che teniamo bene a mente tutti quanti – incluso l’ambiente, perché le imprese si fanno e gli obiettivi si raggiungono se c’è anche un contesto all’altezza – che l’obiettivo rimane quello di riuscire a fare un punto in più della terzultima a fronte di un campionato dove non sei più una sorpresa, dove le medio_grandi che l’anno scorso han traballato si stan tutte parimenti rinforzando, mentre le tre neorpomosse perlomeno per bacino d’utenza e bacheca (non ho elementi precisi per giudicare il presente) mi paiono sostanzialmente più pericolose rispetto alle competitor di un anno fa (e senza penalizzazioni).
      In sostanza: serve una estrema maturità da parte del pubblico che sappia capire che questa pur essendo una signora squadra ha solo (e scusate se è poco) l’obbligo tassativo di salvarsi (pena il cosidetto “bagno di sangue”) e nulla più; le pugnette sul “gioco” che a lungo hanno alimentato il dibattito l’anno passato, lasciano il tempo che trovano, nel minuto in cui stai raccogliendo quella quarantina di punti necessaria per evitare la retrocessione; il prendere di mira certi calciatori (vedi Sepe, tanto per dirne uno) è autolesionistico ed ora che è di proprietà del Parma (lasciate perdere le formule alchimiste dei prestiti con obbligo che, come vi sta ben istruendo nella sua meritoria opera di divulgazione il nostro Giannino, servono solo dal punto di vista finanziario-contabile per rendere le operazioni meglio sopportabili, ma di piena proprietà già si tratta e non di prolungamenti come nel caso di Inglese qualche titolo ha equivocato)) si spera che cessino le pessime insinuazioni di un anno fa (al netto del giudizio critico che ovviamente ci sta, ma senza paventare dubbi infamanti) magari cessando quel pizzico di indisponente razzismo che serpeggia tra il detto e il non detto (personalmente non mi sono molto piaciuti tutti quei reportage locali dove di tutto il discorso del calciatore si è fatto la summa nell’elogio della napoletanità, proprio quasi a voler esaltare questo aspetto, giocando, sui rumoreggiamenti di un anno prima).
      Sul discorso mercato, dunque, anche se ci siamo fatti la bocca a vedere il Parma tutti i giorni in locandina per degli acquisti, occorre ora tornare mentalmente nella normalità, senza sentirsi frustrati se ancora non tutte le 24 caselle sono completate. Se no ci si fa del male da soli, come un anno fa quando a un certo punto non si sono più macinati i punti come nella prima parte della stagione.
      Per ora abbiamo assistito a un mercato – e qui dissento da Morosky che ce lo ha presentato come una sorta di unicum, ma che io vedo in continuità con gran parte del passato, eccetto, forse la sessione estiva di un anno fa – in cui si è investito (e scelgo “investito” e non “speso”) parecchio, proprio perché c’è un obiettivo importante da centrare, ergo dare una patrimonialità al parco giocatori del club (di cui circa la metà della rosa sarà di proprietà), che sostanzialmente giustifca quelle che a prima vista e ai superficiali sembrano soldi buttati nel capirone (cioè spesi e non investiti): claro che il Grillo Parlante, sui soldi investiti è già più clemente che su quelli spesi o buttati via, per capirci. E appunto c’è un fine un obiettivo da raggiungere, così come quando in serie D, e poi in C e poi in B, parimenti si era investito tanto (parecchio, quasi al confine con lo spendere) perché via via c’erano degli obiettivi indispensabili da centrare, ergo le promozioni, ma non solo per bearsi delle stesse, quanto perché concretamente o prosaicamente c’era il fine di arrivare sempre dove esistevano maggiori possibilità di ricavi. E’ ovvio che una proprietà non fatta di “imprenditori calcistici”, ma di “imprenditori tout court” badi più alla solidità e stabilità della propria azienda che non alla effimere oddisfazioni di campo: poi abbiamo notato che spesso le due cose coincidono, perché è stata esaltante la corsa “come nessuno mai”, ma non è che si è speso per inseguire questo platonico record, quanto per far sì che fossero garantiti i i maggiori ricavi. L’anno scorso, arrivato dove gli competeva, complici anche gli equilibri interni con un socio di maggioranza non idealmente e praticamente allineato a quello dei fondatori, c’è stato il vero e proprio unico mercato in controtendenza (anche per via di quella vicenda del cazzein), ma ad onta di quel che dice Davide, i “piocions” non sono mai stati tali, a partire dall’anno della D e poi di nuovo in C con 7 milioni bruciati; idem per la B e pure per le sessioni di riparazione, come ben testimoniano gli impegni a lungo nel tempo da onorare. Poi è chiaro che fanno più notizia 60 milioni in serie A che 7 in serie D, però la ricetta è sempre stata la medesima, e non trattandosi di ricchi scemi e/o imprenditori calcistici, significa che il tutto è fatto con un obiettivo e una finalità sempre superiori, tali che giustificano mosse che superficialmente possono parere azzardate. I dirigenti hanno dimostrato – visto che c’è l’unanimità di consensi (e andrà ricordato in caso di vacche magre, ché non essendo il calcio una scienza esatta vanno sempre messe in preventivo) – di saperci fare con i movimenti in entrata, e ora si attende l’accelerata su quelli in uscita e qui, caro Moro, concludo la mia lunga dissertazione tornando ciclicamente al punto di partenza: quando si materializzeranno certe uscite si faranno certe entrate, che poi sarebbe l’ideale per una gestione virtuosa. Ma l’accelerazione su Inglese, ribadisco, è stata fatta onde evitare problemi e inutili rischi, data anche l’agguerrita concorrenza attorno.

      • 17 Luglio 2019 in 16:27
        Permalink

        Condivido quasi in toto il suo commento/articolessa, l’unica cosa su cui non mi ritrovo è quando parla di squadre medie che si stanno rafforzando: io al contrario vedo una “classe media” abbastanza in difficoltà dal punto di vista tecnico e societario: Sampdoria, Sassuolo, la Fiorentina del magnifico Rocco, il Bologna del vecchio Zio Joe…mi sembrano un po’ tutte squadre in crisi di identità…in più l’Atalanta potrebbe pagare la champions…si stanno muovendo bene Cagliari e Genoa (che però poi a gennaio smonterà tutto come al solito), ma in compenso includo anche il
        Milan e la Roma ormai nella classe media…insomma ci sarà da ridere e
        Non escludo grosse sorprese per il prossimo campionato, pur condividendo, ripeto, la sosatanza del suo ragionamento.

        • 18 Luglio 2019 in 00:09
          Permalink

          C’è ancora un mese e mezzo nel quale anche altri potranno sbizzarrirsi: i nostri per non correre rischi hanno anticipato i fuochi d’artificio, ma non credo che altri resteranno a guardare. La concorrenza sarà agguerrita e variegata, magari come dice lei anche con delle sorprese in mezzo. A maggior ragione non va perso di vista l’obiettivo principale che si traduce nel punto in più sulla quartultima. E questo deve bastare: se no ci si fa del male da soli. Vedesi la seconda metà della scorsa stagione…
          Il precedente campionato, che ha fatto storcere il naso a taluni, non ha mai e sottolineo mai, visto il Parma in zona rossa per un minuto: siccome quando lotti per non retrocedere può succedere, invece, di trovarvicisi, mi domando se ci sia una tifoseria pronta a superare tali momenti che sono fisiologici…

      • 17 Luglio 2019 in 17:21
        Permalink

        Majo approposito di inglese mi toglie una curiosità? È fermo da fine marzo ed anche a Napoli faceva differenziato.. Si hanno notizie precise sul rientro?

        Ps. Ho letto che Cornelius è fermo da febbraio per infortunio.. Novità?

        • 18 Luglio 2019 in 00:02
          Permalink

          No, non ho notizie precise sul rientro, ma credo che chi di dovere, prima di impegnarsi una operazione che non è uno scherzo, abbia fatto tutti gli accertamenti del caso

      • 17 Luglio 2019 in 17:32
        Permalink

        Gabriele, un colpo al giorno no, hai ragione, cosi come per le polemiche sul gioco, però non sono d’accordo sul punto in piu della terz’ultima, l’obiettivo deve essere fare meglio dello scorso anno. I giocatori sono piuttosto pigri (dico in generale) per cui a mio parere bisogna alzare appena l’asticella in modo da responsabilizzarli senza chiedere la luna, abbiamo una bella squadra

        • 18 Luglio 2019 in 00:01
          Permalink

          I giocatori saranno anche pigri, ma anche i tifosi sono esigenti: per cui non credo sia geniale fare proclami roboanti (cosa che per altro questa società nonn fa per indole e scelta) quando si ha la consapevolezza sì della propria forza, ma anche delle difficoltà della competizione. C’è chi mi ha scritto che non è vero che le medio-piccole si stiano potenziando, però, appunto, il mercato è ancora lungo e hanno tutto il tempo di farlo, ma resta fattuale che l’anno del consolidamento è il più difficile e sulla carta al pronti via ci sono maggiori difficoltà rispetto a un anno fa.
          Credo che da anni la politica di base della tanto citata Atalanta sia appunto quella di centrare il prima possibile la salvezza: non va mai perso di vista questo obiettivo e non vanno fatti voli pindarici. Come spesso ripeto: se non vuoi deludere, non illudere… E poi vedi come è il tifosi: non gli basta mai… Hai fatto 6-7 colpi in stecca, allora adesso aspettano l’ottavo e poi il nono… Io invece ribadisco: calma e gesso, che non sarà una passeggiata, ed evitiamo di farci del male da soli…

      • 18 Luglio 2019 in 06:24
        Permalink

        Non discuto mai i soldi spesi e come, non sono in grado di capire il bilancio di una società, due appunti che farei sono questi: l’anno scorso non siamo mai stati terz’ultimi ma nel girone di ritorno abbiamo fatto due vittorie, negare che in quella fase ci sia stato un problema oltre alla rosa non di primo piano mi sembra difficile. Se no su questa base il prossimo campionato possiamo fare 4 vittorie e nessuno potrà criticare il lavoro fatto.
        Il secondo appunto è il fatto del “detto e non detto” del razzismo su Sepe, io non ci casco. Imporre di non poter criticare Sepe pena essere tacciati di razzismo è comoda per lui, ma per me anche se è napoletano può essere criticato come tutti gli altri, a livello tecnico oltre a De Lucia sfido chiunque a dirmi un portiere peggiore che abbiamo avuto in A, quanti palloni gli sono blisgati dalle mani? Non si contano. Quante volte invece di respingere a lato ha respinto in mezzo all’area? Non si contano? Quante uscite scriteriate a vuoto ha fatto? Non si contano?
        Per quanto riguarda le 4 (e ripeto 4) gatte con il Napoli, che un portiere di A per essere tale, non fa nemmeno in un campionato intero, lo vedremo quest’anno se erano casuali, mi consenta che a me e ad altri il dubbio rimane, solo un dubbio sperando che non si ripeta.
        Se vuole può tacciarmi di malcelato razzismo perché i napoletani non si criticano, a differenza dei Teramani e dei Costaricani, faccia pure.
        So che dopo un campionato, una parte dei parmigiani , ha valutato le sue azioni circa per come le ho descritte io. Se Sepe è convinto che non è criticato per le sue azioni ma per essere napoletano, ci può spiegare perché Lauria e Longobardi sono stati idolatrati a Parma se critichiamo i giocatori solo per essere napoletani.

        • 18 Luglio 2019 in 08:51
          Permalink

          Premesso che a me Sepe come portiere piace, anche se non lo ritengo certo un campione, condivido in pieno il tuo ragionamento. Aggiungiamoci anche il saluto alla curva del Napoli dopo che hai appena incassato quattro pere…cosa sarebbe successo se l’avesse fatto un ex sotto la curva della Juve? Di napoletani amatissimi a Parma ce ne sono stati tantissimi, a volte è solo una questione di stile…comunque si può sempre migliorare anche sotto questo aspetto.

          • 18 Luglio 2019 in 13:17
            Permalink

            Caro Linguista, stavolta, mi spiace, sono io a non essere per nulla d’accordo con Te.

            Intanto già la premessa fa acqua: Tu sostieni che, come portiere, Sepe ti piace, anche se non è un campione. Ecco, se Sepe fosse un “campione” forse non giocherebbe nel Parma 2019-2020, che, a differenza di quello di 25 anni fa non concorre per le coppe europee. Quindi nessuno vuole contrabbandare Sepe per un portiere da Nazionale, ma, per la taglia nella quale siamo, ci sta.

            Il saluto alla curva del Napoli, dopo che ha incassato quattro pere, ci può stare, proprio perché lui ha giocato lì, ed è di lì: non è da queste cazzate che si giudica un calciatore e ogni tanto dovrebbe esserci la dovuta maturità per capirlo. Poi se lui fosse altrettanto scaltro da non andare a saltare la curva, sapendo di non essere prorpiamente il più amato specie dopo una rumba, sarebbe anche meglio, ma, ripeto, non sono queste quisquilie che debbono influenzare il giudizio di uno sportivo e di un tifoso, vieppiù che oggi un professionista è qua e domani è là, quindi quando uno dà il massimo e si impegna poi può salutare chiunque senza che nessuno si debba offendere.

          • 18 Luglio 2019 in 16:31
            Permalink

            Beh lei dice di non essere per nulla d’accordo con me ma nella sostanza delle sue argomentazioni poi di fatto dice quello che penso io. Sepe tecnicamente è un portiere più che accettabile dal punto di vista tecnico per il Parma di oggi, ma non particolarmente scaltro in alcuni atteggiamenti, cosa che lo ha esposto a critiche molto più dei suoi (pochi ) errori sul campo. Iacoponi, Alves, Gagliolo, tanto per intenderci (che avranno pure una squadra del cuore che non è il Parma) per me sono giocatori tecnicamente accettabili e professionali 365 giorni all’anno e questo basta a renderli dei campioni, almeno per me. I tifosi dovranno anche maturare nel fare certe considerazioni, ma alcuni giocatori dovrebbero capire che a volte sono i piccoli gesti a renderti speciale e spesso anche immuni da critiche.

        • 18 Luglio 2019 in 13:07
          Permalink

          Buongiorno SeCiao,

          vorrei subito sgombrare ogni possibile dubbio sulla libertà di critica da parte del tifoso. Cerchi di non equivocare le mie parole, se possibile, visto che sono stato molto chiaro nello specificare, nel mio precedente intervento: “al netto del giudizio critico che ovviamente ci sta, ma senza paventare dubbi infamanti”.
          La mia sollecitazione era tesa a far capire a chi lo scorso anno aveva fatto pesanti insinuazioni ed autolesionistiche su Sepe dello scorso campionato, quando, appunto, era in prestito e per questo motivo – al di là di un certo razzismo che sarebbe da ipocriti far finta non esista come la mafia una volta – c’era chi si lasciava andare…

          Quindi nessuno impone niente (e poi chi sarei io per potermi permettere di imporre qualcosa? Io cerco solo di far ragionare il lettore

          Ne approfitto per allargare il discorso anche su Faggiano (che ora è idolatrato per il… SuperMercato) e D’Aversa: se la proprietà ha deciso di investire su di loro per il prossimo triennio (dunque ben inseriti all’interno dell’ormai citatissimo “piano triennale”) penso che i loro detrattori una volta per tutte se ne dovran pur fare una ragione, oppure continueranno a fare i Tafazzi?

          Infine posto che la critica “costruttiva” non solo dovrebbe esser ben accetta, ma è pure auspicata, io nel rimarcare che non siamo stati mai sotto la terz’ultima non intendevo certo nascondere il deludente girone di ritorno che è stato sotto gli occhi di tutti e che è esercizio inutile negare. Però siccome ormai sono vecchio di questo mondo, intendevo sollecitare i lettori a riflettere che – pur essendosi la proprietà sforzata per allestire una squadra appunto “di proprietà” ben attrezzata per navigare nel mare insidioso della zona retrocessione – la prossima stagione non sarà affatto una passeggiata, e dunque se ci sono stati isterismi assortiti senza che mai si fosse accesa la spia alert, cosa mai potrebbe succedere qualora disgraziatamente non dovesse arrivar subito la quadratura del cerchio e stazionassimo negli sconosciuti bassifondi? Ecco allora che, forti anche proprio dell’esperienza dell’anno scorso, si dovrà cercare di essere ragionevoli senza cadere nel comune vizio di buttare via il bambino con gli stracci sporchi. Siamo maturi al punto tale di saper bere senza che ci vada per traverso l’amaro calice della sconfitta, o dobbiamo volare per forza in Champions League?

          Infine non sono neppure d’accordo sul fatto che la rosa dello scorso anno “non fosse di primo piano”: o meglio, intendiamoci. Datosi che l’obiettivo dichiarato era il raggiungimento del quartultimo posto in classifica, la rosa allestita era adeguata. Questo non significa affermare che fosse perfetta, ma non mancano gli alibi o le giustificazioni per tali imperfezioni che non vanno ascritte, come farebbe un Davide, alla mancanza di money. Poi è anche vero che il ritorno dei 7 alla maggioranza ha favorito un piano investimenti di più ampio spessore e vedute rispetto al meno propenso agli investimenti cinese, ma ritenere che quella del Parma 2018-19 fosse una rosa al di sotto del quartultimo posto sia una bestemmia

          • 18 Luglio 2019 in 14:05
            Permalink

            “Buttare via il bambino con gli stracci sporchi “ non l’avevo mai sentita!! 😁😁

          • 18 Luglio 2019 in 15:25
            Permalink

            In effetti il motto corretto è “Non buttare via il bambino con l’acqua sporca”, il fatto gli è che stamani avevo a che fare con degli stracci sporchi (che di solito come i panni si lavano in famiglia). per cui ho un po’ pasticciato… Ma quel che volevo dire spero si sia capito… Sorry…

  • 17 Luglio 2019 in 14:18
    Permalink

    Io mi ripeto, terrei Brunori almeno fino a gennaio, il ragazzo ha grandi doti, se si confermasse sarebbe un gran valore aggiunto, sia tecnico che economico.

    • 17 Luglio 2019 in 14:37
      Permalink

      Io l’avrei tenuto come vice inglese. Con cornelius rischia di essere la terza scelta è di fare una stagione in panchina. A sto punto allora forse meglio farlo giocare una stagione in serie B e vedere se si conferma anche in quella categoria!

  • 17 Luglio 2019 in 14:35
    Permalink

    Mi sembra che tu abbia dimenticato Siligardi…che è ancora in rosa anche se nella prima amichevole non ha giocato (sembra per una botta subita in allenamento)

  • 17 Luglio 2019 in 14:53
    Permalink

    Mauro ….c’e’ anche questi due giocatori …adesso occupati con il finale Copa Africa …Argelia – Senegal ( Forza Atgelia )..
    Ounas e Abeid …..
    Vediamo se uno di questi …viene da Noi …
    P.S. se vede bene que tu amico vele …no odia Marciano ,… che e’ absurdo …con Mike Tysen e Mohamed Ali …i tre più grande e anche Italo – Americano …. deve essere un orgoglio per Italiani …e’ chiaro come l’Aqua che vele odia a mi …va bene cosi’ ..los haters anche son importante

  • 17 Luglio 2019 in 14:56
    Permalink

    Ciao Rikman,
    io non l’ho messo semplicemente perchè:

    1) non lo conosco
    2) è in fase di valutazione, quindi non lo conosce nemmeno ….D’Aversa
    3) se gioca solo prima punta sarebbe il terzo attaccante dopo ….Inglese e Cornelius ….giocherebbe con questi due davanti ??
    4) è over e, al max, possono essere 21 ..anche questo incide…

    • 17 Luglio 2019 in 20:17
      Permalink

      BRUNORI va mandato a giocare in B
      come Da Cruz e poi se è valido si porta
      in rosa altrimenti come Da cruz si lascia perdere.
      Cornelius farà rifiatare Inglese e secondo
      me giocherà molto per avere così BOBBY
      sempre al massimo della forma nelle partite
      decisive.
      I MAGNIFICI 7 hanno dimostrato di essere
      veramente MAGNIFICI.
      E ora sotto con gli abbonamenti.
      Quest’anno ci sarà veramente da divertirsi.

      • 17 Luglio 2019 in 21:34
        Permalink

        Brunori potrebbe rivelarsi un’inaspettata sorpresa.
        Ha un ottimo tiro dalla distanza e buona tecnica, sicuramente ha voglia di affermarsi in un contesto professionistico. Diamogli una chance

        • 17 Luglio 2019 in 21:49
          Permalink

          Devono dargliela Faggiano e D’Aversa anche facendo il computo nell’ambito dei 21 over ..
          soprattutto nel reparto d’attacco che dovrebbe essere il nostro fiore all’occhiello….punto di forza della squadra…

    • 17 Luglio 2019 in 22:20
      Permalink

      Credo che il terzo attaccante deve essere Adorante ….

  • 17 Luglio 2019 in 14:58
    Permalink

    Nessuna dimenticanza con SILIGARDI …
    se per caso tengono SPROCATI il primo non rimane …

  • 17 Luglio 2019 in 15:12
    Permalink

    Dopo tutti gli acquisti ci voleva un articolo così
    In mezzo bisogna capire che giocatore è il brasiliano, scrivevano mediano ma lui ha detto mi piace giocare a sx (dove è stato inserito qui).. stulac mi spiace se lo cedono ma sono ormai rassegnato
    Per me manca soprattutto un centrale difensivo che possa fare il titolare e nel caso la faccenda diventerebbe davvero interessante, se parte gervinho chiaramente va sostituito, brunori ceravolo adorante siligardi credo partiranno, forse pure sprocati
    Vedremo sul campo ma sono stati fatti acquisti ben mirati sulle lacune dello scorso anno o per portare giocatori con caratteristiche diverse quindi concettualmente un mercato ottimo finora

  • 17 Luglio 2019 in 15:18
    Permalink

    Al momento, comunque, è ancora bonora ..!!

    Manca un mese e mezzo e , MI RIPETO, per me ne arriveranno ancora 3/4 ….minimo

    ….se come è stato dichiarato dal nuovo DIRIGENTE , responsabile della programmazione delegato dalla proprietà,
    siamo all’anno 1 del PIANO TRIENNALE ,
    credo proprio che la SOCIETA’ abbia invertito la rotta andando
    ( alla grande ) a costruire il nuovo impianto di squadra volto al futuro, un pò di tutto di ciò che avevamo sperato e richiesto:

    RINGIOVANIMENTO
    GIOCATORI DI PROPRIETA’
    quindi PATRIMONIO e OSSATURA già pronta..
    in modo tale da dare il via a quel ciclo che, anno dopo anno, con pochi innesti mirati, sull OSSATURA DI CUI SOPRA, si possa sempre migliore assetto, qualità tecnica e rendimento, oltre che risultati..
    sulla carta è POSITIVO, il famoso progetto lungimirante nel breve termine …CONSOLIDAMENTO..per consentire di riuscire a camminare senza protesi esterne ( nuovi partner o continui-ripetuti interventi dei soci ) …magari vincendo qualche scommessa su chi si è puntato …

    AVANTI TUTTA PARMA ..

  • 17 Luglio 2019 in 15:35
    Permalink

    Mercato sopra ogni aspettativa, il migliore tra tutte le squadre di A facendo ovviamente le dovute proporzioni in relazione agli obiettivi da raggiungere.
    Sono davvero molto soddisfatto, mancano pochi ritocchi ed avremo una grande squadra che ci darà molte gioie.
    Perché chi ha criticato ingiustamente non parla più? Mistero…
    Sempre e solo forza Parma

  • 17 Luglio 2019 in 16:04
    Permalink

    Siligardi io lo terrei, poi dimentichi Schiappacasse che sicuramente farà parte della rosa.

    • 17 Luglio 2019 in 19:03
      Permalink

      Mio parere su SCHIAPPACASSE:

      mi risulta fosse in prestito fino al 30/06/2020 ma, seppur abbia giocato i mondiali under 20, da 2 mesi la società non ha detto nulla e, se al giorno 17 non è ancora in ritiro mi sa….che non verrà + convocato…anche se, come UNDER , ci potrebbe stare ma, visto che non è nemmeno nostro…..

      questo è quanto !!

  • 17 Luglio 2019 in 18:09
    Permalink

    Si, la società mi sta stupendo in positivo. Avrei pagato oro per riprendere Inglese e non svenarmi con Balotelli e la cosa si è avverata. Poi ottima la riconferma di Grassi, che ora ha un intero campionato per far vedere cosa vale.

    Direi finora un 7,5 come voto al mercato.

  • 17 Luglio 2019 in 18:43
    Permalink

    Il primo grande colpo è stato tenersi stretto e confermare Faggiano. Ha dimostrato di sapersi muovere con maestria e tempismo, seguendo i progetti della società, da quando è arrivato ha centrato tutti gli obiettivi (promozioni e salvezza).
    Mercato ottimo fino ad ora
    Bravo Big Daniele!
    Forza Parma

    • 17 Luglio 2019 in 22:29
      Permalink

      D’accordo per il fatto di aver tenuto Faggiano ….anche perché, dopo che si sono aperti notevolmente i cordoni della borsa..

      è stato in grado di portare a casa giocatori di buon livello …
      ..
      ora toccherà a loro ed al campo….dimostrare il valore di queste scelte effettuate ….

    • 17 Luglio 2019 in 22:55
      Permalink

      Con i soldi che ci stanno mettendo i magnifici 7 penso che qualsiasi direttore sportivo avrebbe centrato gli stessi obiettivi

      • 18 Luglio 2019 in 09:17
        Permalink

        E invece con i soldi che NON aveva l’anno scorso gli altri cosa avrebbero fatto? L’importante è sminuire e criticare vero?

        • 18 Luglio 2019 in 09:40
          Permalink

          Non ho sminuito Faggiano: ho solo evidenziato che i meriti per l’acquisto di Inglese vanno alla proprietà che ci ha messo tanti soldi.
          L’anno scorso? Faggiano ha avuto grandi intuizioni come Gervinho e Bruno Alves che nessuno gli nega, tanto meno io, però dire bravo Faggiano per Inglese mi sembra fuori luogo. Semmai glielo diremo per Hernani.
          A parte che i soldi c’erano anche l’anno scorso, nonostante i suoi fastidiosi piagnistei

          • 18 Luglio 2019 in 09:53
            Permalink

            Paratici invece i 75 milioni di De light li ha pagati lui o la Juve? Ma che ragionamenti sono che il merito è della proprietà? Mi sembra naturale che la proprietà indichi gli obiettivi e metta le risorse a disposizione! Hamilton vincerebbe il mondiale sulla Toro Rosso?

  • 17 Luglio 2019 in 18:55
    Permalink

    Vediamo se arriva anche skrtl

    • 17 Luglio 2019 in 23:42
      Permalink

      ribadisco quanto scritto pocanzi a Nathan: è vero che ci siamo fatti la bocca con uno o più arrivi al giorno, però adesso è necessario pensare più ai movimenti in uscita che in entrata. Certo il mercato è lungo e non escludo ulteriori operazioni di rafforzamento (o meglio di aumento del patrimonio calciatori), ma senza troppa fretta e senza farsi prendere per il collo…

  • 17 Luglio 2019 in 20:08
    Permalink

    Direttore, per Skrtel ci sono aggiornamenti? È fattibile?

    • 17 Luglio 2019 in 23:39
      Permalink

      Salve Nathan, rispondo in coerenza con il mio precedente intervento: credo che il Parma abbia già fatto importanti operazioni in entrata, per cui al momento non penso se ne debbano aspettare altre di un certo peso quale questa. Ritengo che la priorità ora sia correlata più ai movimenti in uscita che in entrata…

  • 17 Luglio 2019 in 20:47
    Permalink

    Il centrale difensivo arriva e teniamo Scozzarella. Poi prenderei Ciano e mercato finito da 10

  • 17 Luglio 2019 in 21:20
    Permalink

    Io ho cercato di pensare a molteplici possibilità …tipo quella di tenere qualcuno già in rosa ma ciò dipenderà da tanti fattori …

    STULAC, SPROCATI, DEZI, CERAVOLO provocherebbe un INTROITO , leggasi plusvalenza …..altri giocatori no !!!!!
    ..
    sono tutti conti che farà la società in base alle richieste di mercato
    in base agli affari in entrata che si vorranno ancora perseguire…
    ed in base pure al ok coi giocatori stessi …

  • 17 Luglio 2019 in 22:35
    Permalink

    Al mercato degli altri non ho guardato moltissimo ma …ribadisco ancora che ….il GENOA mi piace parecchio…..

  • 18 Luglio 2019 in 08:19
    Permalink

    Se le parole del Direttore dovessero corrispondere alla realtà, a questo punto io personalmente terrei ,,,,

    DEZI e STULAC…per coprire adeguatamente il settore mediano..
    SPROCATI davanti …

    anche se, a conti fatti, mancherebbero ancora , comunque,
    sia un CENTROCAMPISTA che un ATTACCANTE ESTERNO ,,,

    oltre al difensore ( SKRTL ????? ) ….

    intanto che siamo in spese….NON FACCIAMOCI MANCARE NULLA …..e, per gli anni a venire……vedremo come butta ……

    se hanno deciso di FARSI UNA BELLA SQUADRA DI PROPRIETAì……ormai che hanno fatto tanto …..si vada fino in fondo, si compia l’opera e poi…..nessuno potrà dire BAU….
    anche se, come ha già accennato qualcuno saggio, questo CALCIO non è una scienza esatta …..e dovrà essere il campo, col rendimento dei giocatori, aiutati dallo staff….
    a dare corpo alle aspettative di chi ha INVESTITO MOLTO DENARO …
    io ci conto e ci credo ….
    moro

    • 18 Luglio 2019 in 08:48
      Permalink

      Necessario numericamente credo sia un centrale difensivo sinistro, credo che c’è solo Gagliolo

      • 18 Luglio 2019 in 10:14
        Permalink

        Di seguito a quanto scritto prima ….oltre a PEZZELLA, posto che Gagliolo possa giocare al centro …
        servirebbe proprio un altro est sx…
        come vedi, per ora, nei secondi tempi ha giocato Barillà …

        ad ogni modo …chiunque arrivi…credo che la difesa di partenza….inizio campionato ..sia quella solita col solo LAURINI a destra …

        LAURINI IACOPONI BRUNO ALVES GAGLIOLO
        affiatata, affidabile, e, proprio per il fatto di avere uno abile nello sganciamento, a destra ….
        spesso, in fase offensiva ….
        difenderanno a 3 CENTRALI …

        • 18 Luglio 2019 in 19:05
          Permalink

          Da quello che scrive non ha compreso una cosa, di centrali difensivi mancini abbiamo solo Gagliolo, che si giochi a 3 o 4 manca un centrale mancino di riserva, o pensa di giocare con 3 destri se Gagliolo è indisponibile?

  • 18 Luglio 2019 in 09:49
    Permalink

    Vero, infatti ho citato SKRTL …
    ma, cmq, al momento, le coppie difensive ci sarebbero …

    LAURINI ….IACOPONI …ALVES .. GAGLIOLO
    GAZZOLA.. DERMAKU ..MINELLI ..PEZZELLA

    bisogna vedere se Minelli va o resta , al limite potrebbe servire un under esterno difensivo sinistro …..

    • 18 Luglio 2019 in 19:10
      Permalink

      Skertl è destro, una difesa a quattro, come indica, con Iacoponi e Alves non è contemplata perché sono entrambi destri, sulla carta Iacoponi è la riserva di Alves.

      • 18 Luglio 2019 in 20:17
        Permalink

        Sinceramente non so se SKRTL ( compro un paio di vocali ) sia dx o sx….non credo sia un problema
        mio/nostro ma ..gente di questo livello gioca sia da una parte che dall ‘altra…secondo me ..
        in tutti i casi, quando non giocava BASTONI ….IACOPONI, parecchie volte ha giocato a dx con ALVES a sx…ricordo male ??

        ….col mercato che stanno facendo …
        questo è un minimo. seppur intelligente e corretto, appunto alla rosa in costruzione ..

        a presto …

        • 18 Luglio 2019 in 21:58
          Permalink

          Mi spiace contraddirla ma non rientra tra le opinioni personali, un destro a sinistra come centrale ci può giocare in caso d’emergenza, è proprio un motivo pratico e non di ipotesi teoriche, ma non me la sento di insistere a disquisire più di tanto, perché anche se uno non ha mai giocato basta guardare le partite di calcio e si vede che a sinistra come centrale c’è sempre un mancino, ma mica per vezzo…

          • 19 Luglio 2019 in 10:30
            Permalink

            Mi piace molto dialogare con persone che di calcio ne capiscono ma, essendo testone io, mi permetto di aggiungere che, a questo punto, se il ragionamento fila, secondo la sua idea, come aveva anticipato il fatto che manca un centrale sx, non prenderanno SKRTL ???

            perche se sarà come afferma lei la difesa titolare dovrebbe essere
            LAURINI
            ALVES
            GAGLIOLO
            PEZZELLA

            ???????

            io invece presumo che D’AVERSA partirà con

            LAURINI
            IACOPONI
            ALVES
            GAGLIOLO

            …nelle amichevoli così e’ stato, d’accordo, mancava Pezzella ..infatti, nei secondi tempi ha giocato BARILLA terzino …

            quindi, conoscendo un pò il Mister, presumo che, di partenza, Pezzella partirà dalla panchina e GAGLIOLO farà l’esterno sx …

            dai ..staremo a vedere..l’importante che non prendano gol..
            ..
            P.S
            IACOPONI è un fedelissimo fidato del Mister e, prima di metterlo riserva di chicchessia il mister ci penserà parecchio ……voglio vedere

          • 19 Luglio 2019 in 10:45
            Permalink

            Mi permetto di aggiungere che, seppur il suo ragionamento fili,
            citando sempre le amichevoli ( che potrebbero pure non far testo )

            IACOPONI è stato sostituito da MINELLI

            e BRUNO ALVES da DERMAKU , quindi, se arrivasse SKRTL se la giocherebbe, a dx, con SIMONE

            fermo restando che, BRUNO ALVES potrebbe rimanere a sx….

            credo però che non sia un problema ,,,
            BRUNO ALVES ..può giocare dappertutto , ciò che conta sono i movimenti sincronizzati e l’affiatamento tra i difensori …
            lui è un mito ..

  • 18 Luglio 2019 in 10:03
    Permalink

    Il Direttore Sportivo indica gli obiettivi, la proprietà ci mette i soldi: niente di nuovo sotto il sole. Ma per un calciatore che già aveva militato qui un anno fa e che aveva volontà piena di tornare, i meriti dell’operazione conclusa sono decisamente superiori per la proprietà che ci ha messo i soldi che non per il direttore sportivo che ha concluso la medesima.
    Comunque prendo atto che lei pensa che sia stato bravo per questo, e ora speriamo tutti che sia altrettanto bravo a vendere come sa acquistare. Perché il sogno SKRTL (alt canc) si potrà concretizzare quando qualcuno dei tanti esuberi si sarà trasferito altrove.

    • 18 Luglio 2019 in 11:45
      Permalink

      Io sono sempre stato tutto tranne che un fan di faggiano e anche in questo ottimo inizio di mercato (che probabilmente in entrata è quasi finito) si sono intraviste logiche che non mi fanno impazzire ma, detto questo, la tua analisi non la condivido perchè mi sembra ingenerosa e un po superficiale.
      Chiaro che per prima cosa bisogna dare meriti alla proprietà, senza programmazione e investimenti vai al mercato della ghiaia ma non fai quello dei calciatori, però faggiano – in attesa del giudizio del campo – sembra aver messo in pratica molto bene il volere dei soci.
      tu affermi che le conferme sono merito della società, verissimo ma anche di faggiano che evidentemente aveva scelto bene già lo scorso anno, sia i calciatori che i ragazzi. tutto questo senza contare che sono stati fatti innesti in ruoli scoperti o coperti da ottimi professioniti con qualità non eccelsa, e che altri rinforzi permettono di scegliere giocatori con caratteristiche diverse, cosa che lo scorso anno non era possibile
      Gli esuberi sono un problema legato al mercato degli anni scorsi, se ne parla poco ma mi pare che si stia anche sfoltendo la rosa molto meglio che in passato e sono convinto che nella parte finale si riuscirà a piazzare qualche altro giocatore

  • 18 Luglio 2019 in 10:16
    Permalink

    comunque mi hanno assicurato che arriva SKRTL…

    ci sono solo degli intoppi burocratici …
    dopo le vacanze al mare è tornato nel suo paese natale per
    FARSI INSERIRE UNA VOCALE NEL COGNOME, forse 2

  • 18 Luglio 2019 in 10:30
    Permalink

    Alessio, stavolta sono d’accordo con LORENZ ….

    il D.S la sa lunga, il mercato ed i giocatori li conosce bene …

    l’anno scorso gli hanno messo a disposizione una cifra X ed ha speso in proporzione ….facendo ciò che ha potuto, incasinato pure dal NADOR PIPPEIN …

    quest anno gli hanno messo a disposizione una CIFRA ICS x 4 e, di conseguenza, ha un raggio di manovra molto più ampio sul quale lavorare…

    SERVONO, in egual misura le due cose, SOLDI in primis e CAPacITA’ MANAGERIALI nello spendere ….

  • 18 Luglio 2019 in 10:35
    Permalink

    quando, nei tempi scorsi, parlavo di soldi da poter spendere …
    confermo il concetto…
    con poco non prendi nulla

    ti devi accontentare arrabattandoti alla meglio…
    …quest anno si sta FACENDO UN MERCATO OLTRE IL NORMALE ..
    per i canoni ai quali eravamo abituati …

    ribadisco, OGGI SONO MOLTO SODDISFATTO, merito alla società, merito allo staff, a chi fa le scelte …..
    un buon lavoro di gruppo, non c’è che dire….

    ciò che succederà nei due anni successivi del previsto ciclo triennale ….sarà da vedersi in seguito ..
    un passo alla volta..
    ma, ripeto, intanto che siamo in spese ( visto che non sono i nostri )
    diamoci dendro per costruire qualcosa di veramente valido ..
    anti mugugni
    anti cornacion
    anti spaca bali..
    per i quali an va mej ben gninta..
    o là ..!

  • 18 Luglio 2019 in 11:31
    Permalink

    …….COMPLIMENTI con TIRATINA D’ORECCHIE al D.S. ….

    Partiamo coi complimenti…..

    – buon mercato, POSITIVO , non c’è che dire, sulla carta si sono abbinate quantità e qualita ( aggiungo, ripetendomi, che non è ancora finita ), se il campo darà seguito alle tue scelte, avrai vinto ancora altre scommesse per giocatori portati a casa
    ( qualcuno c’era già ) e per alcuni nuovi arrivi ( Hernani, Karamoh, Laurini, Cornelius ecc ecc )

    Le operazioni effettuate negli anni scorsi, tutte intendo, anche qualche scelta non proprio sfociata bene ( Da Cruz e qualcun altro ) , hanno contribuito ai successi, alle promozioni e, di recente , alla salvezza, MAI STATA IN DISCUSSIONE ..

    vengo ora alle note dolenti..
    ho ricevuto numerosi msg privati da tifosi contenti di quanto sopra con una sola nota stonata, diciamo negativa….

    la formazione dei gruppi precedenti ha portato anche parecchi giocatori che, in questa categoria, NON SONO ADEGUATI..
    così come in quella precedente ..

    io ho cercato di spiegare loro che per avere giocatori di categoria superiore ( e mi riferisco agli anni scorsi ) i medesimi richiedevano ( per la maggiore ) contratti triennali e di conseguenza, SEMPRE SALENDO, una volta sopra, non andavano + bene per quella successiva…

    da questo status di cose siamo arrivati al punto di avere parecchi over in casa con contratti aperti e da …SFOLTIRE…
    la lamentela dei tifosi è questa ..
    dobbiamo riuscire a liberarci di questi contratti…una volta per tutte…
    tenere solo una decina di giovani in giro per la Serie C o B e, tutti gli altri…. vedere di riuscire a sistemarli, per loro ma, soprattuto,
    per il PARMA.CALCIO ….giusto per avere un monte contratti-salari giusto per la prima squadra e …non per mezza serie C …

    immagino che non sia così facile come sembra ma…
    il buon Direttore Sportivo, il buon padre di famiglia, deve , giustamente, equilibrare anche questo tipo di discorso…

    come diceva un mio saggio conoscente…
    la massaia buona è quella che con 4 soldi ti fa mangiare bene,
    andare al mercato con la carta di credito , spendere e
    spandere soldi al banco della gastronomia ..siamo capacii anche io e Carlen ..

    DAI, VIA, per una decina di giorni mettiamo a posto solo gli ESODANDI , gli ESUBERI …e poi fatte queste operazioni, anche alla luce del discorso OVER, NON + DI 21,riprendiamo il discorso

    ROSA IN COSTRUZIONE …..e ceselliamo qualche altro colpo per arrotondare il gruppo…

  • 18 Luglio 2019 in 11:43
    Permalink

    morosky: per ora ha fat di debit………po’ vedèma tra tri an…….

    • 18 Luglio 2019 in 14:15
      Permalink

      Facciamo che per ora stai muto e magari ritorni a parlare tra 3 anni…?

  • 18 Luglio 2019 in 11:51
    Permalink

    Da ciò che mi risulta, rispetto ai nuovi contratti stipulati,
    hanno spalmato anche i pagamenti nell’arco di 4 anni …grosso modo seguendo il concetto del costo ripartito in + esercizi …

    pure io, dapprima, avevo male interpretato …e, osservando le cifre spese, mi sembrava un enormità il fatto di TIRARE FUORI, IN UN SOLO COLPO …..60 MILIONI ….

    ma 15 all’anno invece …sono sicuramente + sopportabili e gestibili anche dal punto di vista del CASH FLOW….che altro non è che un USCITA MATERIALE DI DENARO…..

  • 18 Luglio 2019 in 14:43
    Permalink

    Il capolavoro Faggiano lo ha compiuto lo scorso anno, allestendo una rosa tale da consentire una salvezza quasi tranquilla (“quasi” almeno per noi tifosi), con poche risorse ed in tempi ristrettissimi, non tanto per la faccenda Calaiò, ma quanto per le inadempienze dell’allora socio di maggioranza con la conseguente incertezza relativa ad una corretta programmazione.
    Quest’anno con il cambio dell’assetto societario è stato possibile predisporre un piano triennale di investimenti e sviluppo, con obiettivi ben precisi
    I successi di ogni società si raggiungono con gli investimenti, ma sopratutto con la capacità dei dirigenti di raggiungere gli obiettivi. I soldi da soli non bastano.
    Per ora la squadra pare ben costruita con calciatori di buona qualità, poi attenderemo i risultati per giudicare.
    Sugli esuberi anche quest’anno la serie B ci penalizza, il fallimento del Palermo ha liberato diversi calciatori, chiudendo qualche spazio ad eventuali nostri esuberi.

    • 18 Luglio 2019 in 15:28
      Permalink

      Per il mercato estivo di un anno fa, io non addosserei particolari colpe alla componente cinese, in quanto quella locale, comunque, anche allora aveva già provveduto a coprire le inadempienze sostituendosi di fatto alla maggioranza. del resto il management è sempre stato “griffato” Nuovo Inizio, poi, magari qualche operazione potrà esser stata limitata, ma quando si è trattato di concludere Nuovo Inizio ha fatto la propria parte e quella altrui garantendo al club quanto anche allora pianificato.

      Anche se tendono ad essere sottovalutate, tutte le problematiche correlate alla vicenda del cazzein hanno pesato ben di più, perché benché vi fosse la piena consapevolezza che era tutta una roba che sarebbe finita in una bolla di sapone, dovevi trovare un tribunale che ti desse ragione e per ben due volte, invece, incredibilmente, le cose andarono in un senso opposto.

      Poi, come spesso ripeto, il Signore ci ha messo 7 giorni per fare un mondo che alla fine non è risultato perfettissimo come lui: per cui anche gli umani hanno percorsi che van fatti con calma. Anzi, noi abbiamo brucitao parecchio le tappe, “come noi nessuno mai”, per cui i tempi giusti per patrimonializzare il club con calciatori di proprietà sono arrivati oggi, e non è detto che fossero maturi un anno fa, indipendentemente da “Lizzy”.

      • 18 Luglio 2019 in 16:28
        Permalink

        Una colpa, certo non marginale, visto che probabilmente é costata qualche milione alla Società, é riferibile al prestito con obbligo di riscatto di Inglese nella passata stagione.

        Come reso pubblico da Faggiano qualche mese fa: “su Inglese vi posso dire che inizialmente il contratto prevedeva un obbligo di riscatto in caso di salvezza, poi la parte cinese della società ha voluto togliere l’obbligo”. Il nuovo accordo prevedeva un prestito oneroso, sembra di 3 milioni, con il solo diritto di riscatto del Parma e contro riscatto da parte del Napoli.

        Non sappiamo le cifre del contratto rivelatoci da Faggiano, ma il costo del primo prestito oneroso, aggiunto all’operazione conclusa da qualche giorno mi fanno pensare ad una inevitabile lievitazione dei costi per ingaggiare definitivamente l’attaccante, imputabile sicuramente alla morigerata maggioranza cinese.

    • 18 Luglio 2019 in 15:04
      Permalink

      Rispondo io, nella mia veste di direttore, e poi semmai, per competenza, potrà approfondire Robert Giannino, che è lo specialista della materia economica.

      Non è che quando c’è da acquistare un calciatore è come quando si va dal bottegaio a farsi fare un panino… Il Parma è un’azienda e come tale ha una proprietà e usufruisce di strumenti finanziari. Quindi non è che tutte le volte che c’è da prendere un giocatore ognuno mette la sua quota nel bussolotto… Sono stati fatti aucap e ne verranno all’evenenienza, fatti altri e ognuno ha concorso/concorre/concorrerà per quella che è la propria quota di partecipazione al club. Al momento quella del cinese è del 30% per cui a lui l’onore e l’onere di partecipare col 30% (pena riduzione del proprio capitale).

  • 18 Luglio 2019 in 18:07
    Permalink

    Ma biabiany, pagato 1,5 mln€ l’anno scorso, che fine ha fatto???

    • 18 Luglio 2019 in 19:04
      Permalink

      Direi svincolato per mancato rinnovo del contratto annuale sottoscritto lo scorso anno

  • 19 Luglio 2019 in 11:37
    Permalink

    Morosky non è una questione di opinioni, perché la società ha sondato Skertl non lo so, forse se lo prendevano avrebbero preso un terzino dx in meno e in quel ruolo utilizzato Iacoponi o forse D’Aversa ha l’idea di fare la difesa a 3, ma anche in questo secondo caso un centrale sx di riserva o che panchina Gagliolo verrà preso, lei vuole convincere i lettori che si possono mettere 3 centrali destri o 3 sinistri che è uguale, ma non è così e lo sanno tutti, non è una questione di capire di calcio, io non mi vanto di capire di calcio, qui siamo all’ABC e parliamo di fatti assodati da ormai 170 anni, basta vedere una partita per capire che Gagliolo e Lucarelli sono mancini e non li schieravano a destra, la prossima partita che le capita di vedere, qualsiasi sia, ci faccia caso che a sx sta un mancino, ma se lei è convinto che quando si ingaggia un centrale difensivo il piede che utilizza non viene considerato alzo le mani, il calcio è fatto di opinioni ma non proprio su tutto. Se si vuole autoconvincere che destro o sinistro è uguale faccia pure, mi stupisco che in tanti anni che segue il calcio non abbia mai ragionato su questo aspetto, vedrà che verrà preso un centrale mancino, anche se arriva Skertl.

    • 19 Luglio 2019 in 13:38
      Permalink

      Premetto che non voglio convincere nessun lettore e capisco perfettamente che non è la stessa cosa …lo so benissimo che non è la medesima cosa ….
      il suo ragionamento fila ..eccome ..
      ..
      i fatti però dicono che abbiamo

      LAURINI
      GAZZOLA …..esterni di destra ( di conseguenza, se uno l’hanno preso ex novo e l’altro prorogato di un anno il contratto, IACOPONI giocherà CENTRALE ma, per me, fa il titolare e non la riserva……

      ALVES
      IACOPONI
      MINELLI ..centro destra…

      GAGLIOLO ..centro sinistra ma pure terzino sx
      DERMAKU ..i secondi tempi li ha giocati al posto di ALVES, proprio sulla sx ma, visto che le amichevoli non le ho guardate, non saprei se è mancino o destrorso …

      PEZZELLA …esterno sx …

      MINELLI resta ?
      DERMAKU resta ?

      PER ME MANCANO 2 MANCINI :
      uno, come dice lei CENTRALE
      ed uno, TERZINO ….
      ..
      rimpiango sia BASTONI che DIMARCO …e la questione sarebbe messa a posto ….

  • 19 Luglio 2019 in 12:32
    Permalink

    Non è esattamente la stessa cosa ma è diventata un ossessione di diversi allenatori negli ultimi anni, prima sta caccia al centrale di piede sinistro non c’era proprio, beati tutti i balordi mancini tipo aronica che ne hanno beneficiato.

    • 19 Luglio 2019 in 17:32
      Permalink

      Anche se gli allenatori non esigevano che il gioco venisse immediatamente impostato fin dalla fase difensiva, la tecnica dei giocatori era migliore di oggi e utilizzavano decorosamente anche il piede che non preferivano.

      • 19 Luglio 2019 in 19:04
        Permalink

        Caz ..
        cavolo ..
        finalmente uno che capisce perché ho insistito …

        quando c’era il libero , poteva essere destro o mancino ..il marcatore centrale, stopper, marcava il centravanti dappertutto ..a sx a dx….anche negli spogliatoi ..

        ai giorni nostri ..i difensori NON SANNO + MARCARE A UOMO ( a parte Chiellini )…

        guardano molto la palla e la linea difensiva …
        bene, giusto ma, I CIAPEN UN SAC ED GOL ..

        … ciò che volevo significare io è che …1 come ALVES …non avrà, avrebbe problemi..nel giocare a SX…
        poi …indipendentemente dalle opinioni,

        UNO DELLA SUA CLASSE E STATURA TECNICA, CON ESPERIENZA DA VENDERE …

        può ancora giocare dove e come vuole …

        • 19 Luglio 2019 in 20:42
          Permalink

          Il più’ grande Libero di Tutti Tempi ..
          per me Barese del Milan

        • 19 Luglio 2019 in 21:43
          Permalink

          Chiellini, se fosse nato ai tempi del baby boom, la Nazionale l’avrebbe vista solo in televisione.

  • 19 Luglio 2019 in 13:41
    Permalink

    Esempio pratico:

    MANCINI ex ATALANTA, gioca indifferentemente sia a dx che a sx …
    sia nella difesa a 3 che in quella a 4 ….

I commenti sono chiusi.