CARMINA PARMA, di Luca Savarese / SARRI HA LA POLMONITE, MA LA JUVE STA BENONE… I CROCIATI RESISTONO, MA NON SONO CONCRETI

Luca Savarese(Luca Savarese) – Si rinnova la saga di Parma-Juve. Come la prima volta in assoluto dei Crociati in A: 9 settembre 1990. Il risultato, oggi come allora, è lo stesso e premia Madama. Quello era il primo Parma di A e perse di misura per 1 a 2. Questo, è il primo Parma di questa stagione ed ha perso sempre di misura, per 0 a 1. La Juve inizia subito forte, subito a spron battuto, subito da colei che ha vinto 8 scudetti, uno dopo l’altro, come birilli di uno strike perfetto e prolungato. Il Parma inizia come ha finito lo scorso anno, con l’antica arte della resilienza: cioè subisce ma tiene botta, pugile indomito che non cade al primo gancio, che rimane lì. Douglas prima, Cristiano poi, primi squilli di Juve. Quando può, ecco che i suoi ganci li assesta anche il Parma, come mister D’Aversa chiede ed ha impresso nel DNA di questa squadra. Gervinho vede Inglese, lo serve. Bobby sembra cadere, anzi no, sinistro, Szczesny è però sul pezzo. Hernani che ha il 10 sulle spalle e accanto al cognome la dicitura JR, come un certo Neymar Jr, fa sapere che con la palla, da brasiliano puro, ci sa fare. Un suo tiro, destro, è però debole. La Juve non è che detta legge, ma gioca, è lì, creativa e tonica. Douglas Costa e Ronaldo sono spesso una sciarada che Gagliolo Iacoponi e Bruno Alves faticano a capire fino in fondo. L’unico che appare intuirne l’enigma pernicioso è Laurini, alla sua prima con la casacca crociato ma già navigato dopo le stagioni tra Empoli e Firenze e che sembra proprio il terzino che mancava e che finalmente è arrivato. Quando la resistenza sta nettamente vincendo il confronto con la sudditanza verso madama, ecco la frittata. Sepe invece che bloccare la palla usa i pugni e smanaccia goffamente, rischio contro qualsiasi formazione, suicidio contro la Juve. Chiellini da due passi e neanche in bello stile, mette dentro. Il Parma inizia il suo secondo torneo di serie A da quando è uscito a riveder le stelle del calcio che conta dopo il fallimento e la rinascita, con un atto di grande generosità, un regalone del signor Sepe da Torre del Greco. La signora, ringrazia. Non ne ha bisogno lei, ma se arrivano i doni, massaia nell’animo, mica li butta via. Ronaldo poco dopo, manda al bar il suo amico e connazionale Bruno Alves, tira e fa gol. Maresca però è avvisato dal Var: millimetri impercettibili di off-side. Si resta sullo 0 a 1. Il Parma però quando può, esce dall’apnea e prova a costruire. Lo fa anche nel secondo tempo, Solo che prima Brugman poi Siligardi subentrato ad un Kulusevski (svedese come un certo Brolin) più quantitativo che qualitativo, sbagliano a calibrare i centimetri dell’ultimo passaggio. Così due potenziali occasioni si trasformano in due rimpianti certi. Gervinho corre ma non riesce a sfondare come suo solito, merito anche di un ottimo De Sciglio che lo affronta a testa alta e non concedendogli nulla. Brugman per Grassi è un tentativo di atalanta parma slide savaresecambiare rotte, ma niente. Karamoh per Barillà, esce la tuta operaia ed entra l’imprevedibilità. Però il francesino non è ancora croccante e quelle che si faranno notare non saranno le sue giocate ma le sue dorate treccine. Morale della favola? Un gol frutto di un errore. Il gol di Chiellini, primo gol del campionato di A edizione 2019-2020, l’errore di valutazione di Gigi Sepe e quel Buffon in panchina Juve, che tra i pali del Parma, non avrebbe fatto certo male. Lì tra i seggiolini della panca, dove la sua storia in un lontano novembre del 1995 decollò. No, il primo Parma non è decollato. Ha girato sulla pista, ma quando hai gente come Hernani, Gervinho, Karamoh, non puoi solo proteggerti ma devi anche provare a spiccare qualche volo, qualche cosa che non t’aspetti, specie quando l’avversario si chiama Juve ed è andato in vantaggio nel modo che non t’aspetti, con un harakiri. Luca Savarese

Il Carmina migliore: Laurini

Il Carmina peggiore: Sepe

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / SARRI HA LA POLMONITE, MA LA JUVE STA BENONE… I CROCIATI RESISTONO, MA NON SONO CONCRETI

  • 25 Agosto 2019 in 10:09
    Permalink

    Spero che con i recuperi di Grassi e Kucka si veda qualcosa di meglio in termini di occasioni create. Anche ieri tanta buona volontà, ma pericolosità pari quasi a zero.

  • 25 Agosto 2019 in 18:00
    Permalink

    Ho paura che arrivi ancora paletta, sperema de no

    • 25 Agosto 2019 in 23:02
      Permalink

      Ostregheta!

  • 25 Agosto 2019 in 20:36
    Permalink

    Vorrei sapere dal nostro direttore se verranno presi jn considerazione i lavori di copertura del nostro stadio.per me che vengo da lontano comincia ad essere un problema…oramai siamo poche squadre a non aver fattointerventi sulle coperture.saluti

    • 25 Agosto 2019 in 22:59
      Permalink

      Cosa c’entra la copertura col fatto che vieni da lontano? Mica ti fanno l’aeroporto…

      • 26 Agosto 2019 in 09:53
        Permalink

        Forse qualcuno non ha ancora capito che non si tratta solo di coprire le curve. Prima di farlo sono necessari grandi lavori di ristrutturazione altrimenti avremmo delle belle coperture su strutture non all’altezza. Ci sarebbe da demolire finalmente la tribuna est ormai veramente obsoleta ed inadeguata. Detto questo è opportuno ricordare che lo stadio è di proprietà del Comune e in concessione al Parma e quindi provvedere ai suddetti lavori è difficile, sia per le lungaggini burocratiche che per il reperimento delle risorse. Infine già mi immagino le battaglie all’ultimo sangue dei residenti nei palazzi adiacenti con cause e ricorsi perchè la copertura toglie loro la luce (è tutto già avvenuto nel 92 quando sono state costruite le curve nuove). Ci vorrà molta pazienza…
        P.S. però una cosa che non riesco a spiegarmi è perchè l’anno scorso si è preferito non cambiare tutti i seggiolini della tribuna mantenendo nella parte alta quelli vecchi e orrendi (qui il biglietto costa 80 euro a partita con un seggiolino peggiore delle curve)

        • 26 Agosto 2019 in 18:28
          Permalink

          Basterrebbe solo stenderci sopra un velo pietoso

  • 26 Agosto 2019 in 01:15
    Permalink

    Era una domanda a titolo informativo,siccome penso sia un discorso che sta a cuore a tanti ,il fatto che stia lontano e macino migliaia di km l anno è un fattore in più per il quale uno vorrebbe assistere ad uno spettacolo in una struttura al passo coi tempi…se te caro fenomeno e professore stai a Parma bon per te,.

    • 26 Agosto 2019 in 07:18
      Permalink

      Bonci bonci bon bon bon

    • 26 Agosto 2019 in 11:53
      Permalink

      Chiedo scusa per il ritardo nel rispondere, ma ieri ero piuttosto affaccendato nel seguire le squadre giovanili peraltro foriere di risultati importanti come il 1° posto al Vitulano (under 17) e il 2° al Righetti (under 16), sicché non avevo la possibilità di dare udienza… Nel frattempo vedo che mi ha preceduto Lorenz, adducendo argomentazioni che potrei sottoscrivere appieno: sono infatti dell’idea – e sempre l’ho scritto anche in precedenza, inclusa l’era precedente – della inutilità di interventi a spot: meglio prendere in mano la situazione per bene una volta per tutte e risolvere alla radice la situazione. Senza voler dare anticipazioni, ché non sono autorizzato e comunque non sono esattamente una persona informata dei fatti, a naso credo che la progettualità, in stato più che avanzato, sia proceduta in questo senso; anche l’iter burocratico, che se possibile è il più complesso, potrebbe essere a buon punto, visto le non poche esternazioni di esponenti della municipalità, in primis il vice sindaco Bosi. Aspettiamo quindi che possa arrivare il momento dell’ufficializzazione della possibilità della messa in opea, poi logicamente dovrà seguire il tempo della esecuzione. Insomma, ci vuole ancora pazienza e l’ombrello a portata di mano (sempre ammesso li facciano entrare, ricordo qualche polemica qualche anno fa…), per proteggersi dalle intemperie o dal sole come fanno le orientali…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 26 Agosto 2019 in 21:05
    Permalink

    Grazie per l informazione direttore.saluti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI