CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / VERTICALIZZAZIONI IMPROVVISE: GIUSTE CONTRARIE PER IL SARRISMO SENZA SARRI

gianni barone(Gianni Barone) – Ormai è acclarato: non bisogna usare certi termini nel descrivere le partite del Parma: di sicuro dal vocabolario dei gazzettieri (dello sport o di Parma che siano), sono scomparsi definitivamente i termini contropiede, ripartenza, per non parlare di catenaccio, locuzione già bandita da tempo per ovvi motivi che non sto qui a ripetere. Quindi occorre trovare nuove espressioni per identificare certi atteggiamenti tattici (a mio avviso non mutati rispetto alla precedente edizione) per non urtare la suscettibilità di chi ritiene che certi termini mal si accostano con la mentalità calcistica e con il modernismo, vero o presunto, di chi non gradisce accostamenti con il calcio che fu (buono o non buono, non importa, basta non appiccicare etichette gratuite). E i solerti commentari si sono dati da fare per rispettare al massimo la consegna, al punto di ricorrere in luogo dei termini incriminati, a neologismi o sinonimi, più o meno azzeccati, più o meno veri: ed ecco che nascono espressività tipo verticalizzazioni improvvise, al posto di nereo_roccoripartenze o peggio ancora contropiede: l’importante è non rispolverare il passato. Si dovrebbe, dunque, coesistere – nel corso dell’anno, e anche a seguire – con questo tipo di equilibrismo verbale, al solo scopo di rispettare i vari diktat consigliati. Poi qualcuno ha cercato di andare oltre, parlando di gioco palla a terra, inserimento di centrocampisti, e udite, udite, difesa alta, a proposito della quale sarebbe bene ricordare – per chi ha assistito dal vivo alla gara di Coppa Italia col Venezia, e anche per chi non l’ha fatto preferendo i bagni in Riviera o in Versilia – che questo tipo di atteggiamento voluto, secondo le cronache da D’Aversa, non trova affatto in Bruno Alves un accanito sostenitore. Infatti l’afro-portoghese, ogni qualvolta il tecnico invitava la linea difensiva a salire fino a quasi la linea di metà campo, egli – con gesto della mano impercettibile ai più, quanto eloquente agli attenti quorum ego –  ordinava ai suoi adelante pedro cum juiciocompagni di reparto, fedeli, di non esagerare con l’avanzamento (adelante pedro, cum juicio…), in quanto lasciare tra loro e l’area più di 20/30 metri non risultava essere saggio e prudente, soprattutto in vista del prossimo impegno contro la Juve, sarrista, non ancora al punto giusto, ma guidata dallo spauracchio Cristiano Ronaldo, al quale concedere spazi alle spalle della linea difensiva non è mai consigliabile. Certo non tutti hanno avvertito i gesti e i messaggi lanciati dal capitano del Parma, ma Parma-Venezia, aldilà della vittoria e dello stato di grazia di GERVINHO, non ha potuto fornire altre indicazioni interessanti vista la pochezza dell’avversario che, quantunque tutti l’abbiano descritto come squadra che ha ben figurato, se non cambia qualcosa, farà davvero tanta fatica nel torneo cadetto. Eppure il tecnico Dionisi ci era stato descritto come abile stratega, o come allenatore capace di dare un volto propositivo alla sua squadra: niente di questo tutto, per lo meno alla luce di quanto messo in mostra al Tardini. A volte si scrive proprio e si giudica in base a stereotipi o false convinzioni… Per gli arancioneroverdi, un attacco asfittico, neppure un tiro nello specchio, centrocampo debole, e difesa incongrua che, non sappiamo se per presunzione o per noncuranza, in sara al tramontooccasione dei gol di Gervinho, non è stata in grado di provvedere ai necessari raddoppi di marcatura nei confronti dell’ivoriano. E addirittura, visto che siamo in vena di interpretazione dei segni o del labiale metri e metri di distanza (quasi come Sara al Tramonto), in occasione del terzo gol del PARMA, a noi non è sfuggito il gesto del terzino Fiordaliso, che puntato da Gervinho, faceva ampiamente cenno ai compagni, mentre scappava (come si dice in gergo), di accorrere per aiutarlo per l’eventuale provvidenziale raddoppio. Piccoli gesti che andrebbero scovati più spesso da chi segue con costanza le partite di calcio del massimo torneo, anziché propinarci le solite robe trite e ritrite (Anna Fanerani Cit.). Ma tant’è. Ora alla luce di quanto esposto incombe dire, prima di presentare l’impegno con la Juve, visto che molti hanno già cercato di farlo, quanto e come si stanno inserendo i nuovi arrivati, nei nuovi o vecchi meccanismi di gioco Crociati. Laurini, promosso dal tecnico e stampa, sembra più un fluidificante che un marcatore attento, Kulusevsky, che molti non hanno apprezzato, è più un tornante che un’ala pura, che predilige accentrarsi con i movimenti tipici della mezzala, quanto ad Hernani e Brugman, giudicati a metà da tutti, forse potrebbero, scambiarsi i ruoli, centrale il brasiliano e interno l’uruguaiano, per mettere in mostra meglio le loro potenzialità. E’ ovvio che il sarrismo senza Sarri, che diserterà per malattia (dicono polmonite) la prima di campionato, sarà un test diverso, però le scelte di D’AVERSA, potrebbero andare verso una direzione diversa rispetto a quelle fatte contro il Venezia. Forse sarebbe consigliabile parma venezia coppa italia 17 08 2019contro l’attacco bianconero, seppure non ancora al top, schierare la difesa a 4 stopper, ammirata in gare del genere lo scorso anno, con l’esclusione sull’out di destra di Laurini con l’impiego del più roccioso Iacoponi, sostituito, a sua volta, al centro, dal monumentale Dermaku, al centro al fianco di ALVES, con la conferma di Gagliolo a sinistra. Il Sarrismo, senza SARRI, non va mai sottovalutato in fase difensiva, contro Cristiano Ronaldo e soci, servono la grinta di Iacoponi, la forza di Gagliolo e Dermaku, e la cativeria (vero Morosky?), di ALVES, poi le verticalizzazioni improvvise (ci adeguiamo ai nuovi modi di dire, pur consci che stiamo così contrabbandando i vecchi arnesi di contropiede, ripartenza e catenaccio) faranno il resto con Gervinho che in campo aperto è e gervinho dj arafat parma venezia 17 08 2019sarà sempre devastante per le cosiddette difese alte, tanto gradite oltre che a Sarri anche a Giampaolo del Milan (ma non a Bruno Alves). Questo PARMA sinora schierato col 4-3-3, asimettrico, sulla destra con tanto di fluidificante tornante, proprio come ai tempi del catenaccio, quando, dopo gli adattamenti del vianema, del metodema e del mezzosistema, si era pensato di migliorare il tanto osannato modulo chiamato Sistema che era stato sfruttato al meglio dal grande Torino di Valentino Mazzola. Quando si cercano equilibri e compattezza, occorre ricorrere ad accorgimenti tattici frutto delle intuizioni dei vari tecnici per sopperire ai divari, evidenti, di natura tecnica. Questo il principale compito della tatticnon c'è sconfitta nel cuore di chi lottaa, aldilà dei numeri e delle mode, e delle etichette, senza offendersi e senza offesa per nessuno. Lo strapotere avversario va vinto con le astuzie varie e con lo spirito di chi pensa che “Non c’è sconfitta nel cuore di chi lotta”. Proprio ciò che ci vuole per sconfiggere pronostici scontati e da scontare quando non si fa uso di umiltà e coraggio. Il karma, della partita che si prepara da sola, ripetuto da più parti, potrebbe anche non bastare, senza ricorrere a qualche mossa, anche difensiva o di contenimento, da attuare a sorpresa. Anche questo è il modo di proporre qualcosa, quindi calcio propositivo. O no? Eh o no? Siamo forti o no? Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

11 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / VERTICALIZZAZIONI IMPROVVISE: GIUSTE CONTRARIE PER IL SARRISMO SENZA SARRI

  • 21 Agosto 2019 in 01:59
    Permalink

    Per farsi un idea del Parma di quest anno la partita con la juve servirà a poco o niente, a prescindere dal risultato finale

  • 21 Agosto 2019 in 08:37
    Permalink

    Non ho visto la gara contro il Venezia, quindi mi baso solo sulle amichevoli estive. Mi è sembrato il solito Parma dello scorso anno: difesa e contropiede.

  • 21 Agosto 2019 in 11:14
    Permalink

    Ciao Gianni,

    il “richiamo” di BRUNO ALVES non l’ho percepito ma

    …..il guardarsi intorno del n. 13, nell’azione del terzo gol ( visto che si era trovato temporaneamente solo contro Gervinho ) alla ricerca di un compagno che lo andasse a raddoppiare per limitare il nostro attaccante, LO AVEVO VISTO DAL VIVO BENISSIMO e rivisto + volte registrato….
    è una delle classiche azioni di CONTROPIEDE della nostra freccia nera…
    tale e quale a quella del primo gol ….

  • 21 Agosto 2019 in 11:18
    Permalink

    Il gioco però si è aperto un pò rispetto al passato..
    si cerca molto la costruzione della manovra …
    Sepe, dal fondo, non rilancia + quegli orrendi rinvii che 9 volte su 10 andavano direttamente in fallo laterale ..
    tutto questo senza disdegnare i nostri preferiti CONTROPIEDI …giusto per ultimare la giocata ….

  • 21 Agosto 2019 in 11:37
    Permalink

    Con interpreti diversi però…speriamo faccia la differenza

  • 22 Agosto 2019 in 16:46
    Permalink

    aldilà della vittoria
    aldilà dei numeri e delle mode
    aldilà della vittoria e dello stato di grazia di GERVINHO

    ad “aldilà” scritto tutto attaccato si da il valore di “oltretomba”, “vita dopo la morte”

    Forse sarebbe più giusto che nei casi sopra citati lei scriva “al di là” ma potrei anche sbagliare poiché non sono né pubblicista né giornalista

    • 23 Agosto 2019 in 13:53
      Permalink

      Al di lá del fatto che sembri un portasfiga crepuscolare tra marmi e cipressi…

      • 23 Agosto 2019 in 15:32
        Permalink

        Ma, dai! Un giornalista non può scrivere così… Errore rosso!

  • 22 Agosto 2019 in 16:53
    Permalink

    Il Parma con Kulu ha fatto un 442, il tornante era un’altra cosa negli anni ’90, è un termine che in questo caso può fuorviare, Gervinho e Inglese stretti, mentre Kulu se Laurini era un po’ dietro e c’era spazio si allargava ed avanzava sulla fascia se no nelle azioni d’attacco si accentrava e fungeva da trequartista tra le linee, il tornante era un’altra cosa, scrivere tornante dà l’idea di movimenti di altro tipo.

  • 23 Agosto 2019 in 09:33
    Permalink

    Il tornante era solitamente un centrocampista con due immensi polmoni che arava tutta la fascia destra da cima a fondo , in un 352. Nel nostro caso FUSER ne è stato uno dei migliori interpreti del ruolo.

  • 23 Agosto 2019 in 09:54
    Permalink

    Hernani e Brugman stanno benissimo nella loro posizione: mezzala e regista rispettivamente, per caratteristiche fisiche e tecniche possono al massimo alternarsi in certi frangenti dovuti all’impostazione tattica della squadra. Ma Hernani può essere letale negli inserimenti offensivi grazie al compasso di gamba e il tiro da fuori mentre Brugman con le sue verticalizzazioni improvvise che non abbiamo ancora visto ma che sono nel suo DNA.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI