COPPA ITALIA: PARMA-VENEZIA 3-1 (FINALE), IL TABELLINO E LA DIRETTA LIVE A CURA DI ILARIA MAZZONI

Parma-Venezia 3-1

Marcatori: 9′ pt Gervinho, 22′ pt Iacoponi, 24′ pt Aramu (rig.), 27′ st Gervinho

Terzo turno eliminatorio di Coppa Italia: mentre il Tardini si prepara per la serie A i gialloblù si riscaldando affrontando il Venezia. Esordio in questa competizione per i ragazzi di D’Aversa mentre i veneti sono riusciti a passare il secondo turno grazie alla vittoria ottenuta contro il Catania. Partita in gara unica, chi passa se la vedrà con la vincente di Frosinone-Monopoli.

Queste le due formazioni che scenderanno in campo al fischio di inizio:

VENEZIA FC: Lezzerini, Fiordaliso, Zuculini, Aramu, Modolo, Felicioli, Fiordilino, Cremonesi, Maleh, Bocalon, Capello. Allenatore: Dionisi Alessio

PARMA CALCIO 1913: Sepe, Iacoponi, Inglese, Hernani, Brugman, Laurini, Barillà, Alves, Gervinho, Gagliolo, Kulusevski. Alennatore: D’Aversa Roberto

Arbitro: Sig. Paolo Valeri di Roma 2

Assistenti: Sigg. Giorgio Schenone di Genova e Davide Imperiale di Genova. IV Uomo: Sig. Daniele Minelli di Varese.

Calci d’angolo: 4-0. Ammoniti: Bocalon (V), B. Alves (P), Grassi (P)

Le due formazioni si sono disposte in campo, i gialloblù attaccheranno, nel corso di questi primi quarantacinque minuti, da destra verso sinistra

01′ il direttore di gara ha dato il via a questo match

02′ i crociati provano a portarsi subito in avanti avanzando, palla a terra, in territorio avversario, quindi Inglese serve Brugman che a sua volta innesca Barillà sulla sinistra. L’azione, però, si perde sul fondo

03′ calcio di punizione dal limite dell’area per la squadra che gioca ospite, nessun brivido per i crociati il pallone, infatti, termina abbondantemente a lato della porta difesa da Sepe

07′ calcio di punizione all’altezza del centrocampo per un fallo commesso su Inglese. Parma che può, pertanto, provare ad imbastire con ordine la propria azione offensiva

08′ alla prima vera occasione il Parma non si lascia sfuggire l’occasione di segnare la sua prima rete ufficiale della stagione, sperando che sia la prima di molte. Ad insaccare il pallone in rete è il numero 27, la freccia nera: Gervinho che fredda il portiere avversario con la sua conclusione rasoterra che termina nell’angolino destro della porta veneziana. GOOOOAL!

13′ uno scatenato Gervinho prova a destreggiarsi, nel cuore dell’area avversaria, tra due difensori, poi, però, interviene Lezzerini fermando così il tentativo crociato

15′ ancora una conclusione di Gervinho che sembra voler iniziare con il botto questa nuova stagione in gialloblù. Il suo colpo, però, questa volta termina sul fondo

16′ contropiede gialloblù; a guidare l’avanza è Inglese che cerca poi Gervinho. L’attaccante sfila la palla a destra per Kulusevski ma poi interviene l’arbitro: fuorigioco

18′ prova a reagire il Venezia che non sembra trovare, però, varchi in cui infilarsi ed è costretto quindi ad una sterile gestione del pallone

21′ calcio dalla bandierina destra per i crociati: il pallone calciato da Brugman è al bacio e per Iacoponi è semplice appoggiarlo di testa in rete. GOOOAL! I crociati conducono ora la gara godendo del doppio vantaggio

22′ il direttore di gara assegna un calcio di rigore alla squadra ospite, per un fallo di mano commesso dal Capitano crociato, Bruno Alves. Sul pallone Aramu che insacca il pallone in rete, accorciando dopo solo pochi instanti dalla rete di Iacoponi le distanze per i lagunari

24′ si fa avanti nell’area veneziana il solito Gervinho che prova poi a servire Barillà che nel frattempo era riuscito ad accentrarsi bene all’interno della stessa. L’intervento della difesa avversaria, però, blocca l’azione gialloblù

26′ timide proteste del pubblico per un fallo su Inglese che dopo essere entrato in area finisce a terra, ma per il direttore di gara è tutto regolare; Parma che, comunque, rimane in zona d’attacco, il Venezia, nonostante sia riuscito, infatti, a rimontare una rete non sembra, almeno per ora, in grado di mettere la squadra di D’Aversa in difficoltà

34′ Parma che gestisce la gara ma che non rinuncia, comunque, a provare ad avanzare. Ci prova ora Barillà il cui passaggio filtrante verso Gervinho viene però intercettato dal Venezia

35′ prova la conclusione dalla distanza Barillà, il suo tiro, però, termina abbondantemente sopra la traversa, nulla da fare per la squadra di D’Aversa

37′ si rifà vedere in avanti il Venezia che prova ad avanzare con Fiordaliso, il suo cross, però, non riesce ad impensierire Sepe che, infatti, fa suo il pallone. Sarà quindi proprio il portiere crociato a rimettere la palla in gioco

40′ gialloblù che giocano stabilmente nella metà campo avversaria e che usufruiscono ora di un calcio di punizione a qualche metro dal centrocampo

43′ il Venezia prova a terminare questa prima frazione di gioco in attacco senza riuscire, però, a rendersi veramente pericoloso

45′ il direttore di gara comunica che sono 2 i minuti da giocare ancora in questo primo tempo

46′ la squadra che gioca ospite al Tardini prova a rimettere in equilibrio il risultato ma i crociati chiudono bene e prontamente gli spazi

47′ termina il primo tempo, al Tardini stanno conducendo questo match di Coppa Italia i padroni di casa, che si sono portati in vantaggio grazie alle reti di Gervinho e Iacoponi, lagunari che sono riusciti, grazie ad un calcio di rigore, ad accorciare le reti di distanza. Il risultato è quindi di 2-1

Secondo tempo

46′ primo cambio per il Venezia che sostituisce Felicioli con Ceccaroni. Ha inizio quindi la seconda frazione di gioco

48′ la squadra veneta prova ad impostare un’azione offensiva ma la difesa crociata si chiude bene

49′ prima conclusione per i crociati di questo secondo tempo firmata da Roberto Inglese. Il tiro dell’attaccante crociato si infrange però contro i tabelloni pubblicitari alle spalle di Lezzerini

52′ il Parma manca di poco l’appuntamento con il terzo goal con Barillà che manca per un soffio una deviazione che sarebbe certamente stata vincente, ma il guardalinee aveva comunque ravvisato un fuorigioco

54′ calcio di punizione per i crociati per un fallo su Kulusevski; la posizione è interessante e sul pallone si presenta Brugman che confeziona un bel cross, devia quindi Hernani. La sua conclusione è però sfortunata e termina poco al di sopra della traversa veneziana

56′ avanza rapidamente il Parma sulla fascia sinistra, il pallone arriva quindi ad Inglese che viene però fermato da un fuorigioco. L’inizio della ripresa è brillante per i ducali che hanno creato già numerosi presupposti per incrementare il proprio vantaggio

58′ ammonizione per Capello per un fallo su Iacoponi

59′ gli ospiti provano ad uscire dalla propria meta campo ma il Parma non sembra intenzionato a lasciargli spazio, infatti sono proprio i ducali a ripartire all’attacco guadagnando un calcio d’angolo dalla sinistra; prova a deviare in rete Alves ma così facendo il Capitano crociato commette fallo e si guadagna pertanto un cartellino giallo

66′ prima sostituzione anche per D’Aversa: esce dal campo un applaudito Hernani che lascia il posto a Benassi

69′ grande occasione per il Venezia che manca, però, l’appuntamento con un goal che avrebbe regalato ai lagunari il pareggio

72′ un altro gran goal per Gervinho che prima scende in solitaria lungo la fascia sinistra poi insacca freddamente il pallone in rete con un sinistro che non lascia scampo a Lezzerini. GOOOAL. I ducali si riportano ancora in vantaggio di due reti

76′ il Tardini esplode in una standing ovation per accompagnare l’uscita dal campo di Gervinho opera, infatti, la sua seconda sostituzione Roberto D’Aversa che fa subentrare Karamoh

77′ secondo cambio anche per il Venezia: out Capello per Senesi

80′ il Venezia prova a liberarsi dall’assedio crociato e guadagna un calcio di punizione nella metà campo avversaria. Intanto opera la sua ultima sostituzione D’Aversa: Demarku prende il posto di Gagliolo

85′ cambio per la squadra ospite: fuori Aramu per Gavioli. Ammonito nel frattempo anche Grassi, il calciatore crociato è entrato in modo irregolare su Fiordalino

87′ non riesce proprio a trovare la rete in questo match Roberto Inglese che viene ancora una volta fermato dalla bandierina del fuorigioco

88′ calcio di punizione per il Venezia a qualche metro dall’area crociata, esce però bene Sepe che fa quindi suo il pallone

90′ il Parma è in totale controllo della gara, intanto il direttore comunica il tempo di recupero: 4 i minuti da giocare prima del triplice fischio

91′ calcio di rigore per i crociati. Sul pallone va Roberto Inglese, ma per lui è una gara sfortunata come contro l’amichevole con la Sampdoria il suo tiro viene respinto infatti da Lezzerini. Questa volta il gialloblù non riesce a rimediare all’errore, nulla di fatto ma il Parma conduce ancora la gara con due reti di vantaggio quando ormai mancano pochi minuti al termine

94′ si conclude il match al Tardini, Parma che vince ma soprattutto convince e che passa questo terzo turno di Coppa Italia con brillantezza e scioltezza. Certo, l’avversaria era, si, temibile ma comunque, almeno sulla carta, di livello inferiore

L’appuntamento è per il 24 Agosto, quando al Tardini si alzerà il sipario sulla serie A, un inizio con il botto: i crociati cercheranno di mettere i bastoni tra le ruote alla corazzata juventina

18 pensieri riguardo “COPPA ITALIA: PARMA-VENEZIA 3-1 (FINALE), IL TABELLINO E LA DIRETTA LIVE A CURA DI ILARIA MAZZONI

  • 17 Agosto 2019 in 18:05
    Permalink

    Gestione indegna delle biglietterie. Da Eccelenza. E il cartello no bancomat è degno del Pievepelago.

  • 17 Agosto 2019 in 18:19
    Permalink

    Forza ragazzi!

  • 17 Agosto 2019 in 18:21
    Permalink

    Forza Parma

  • 17 Agosto 2019 in 19:50
    Permalink

    Finalmente passiamo questo maledetto terzo turno di Coppa Italia. Ottima vittoria in vista dei gobbi.

  • 17 Agosto 2019 in 20:02
    Permalink

    Complimenti Ragazzi , Mister ,

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 17 Agosto 2019 in 22:00
    Permalink

    Buona prestazione nonostante la condizione atletica di alcuni elementi non ancora ottimale (soprattutto di Inglese).
    Dei nuovi (i più attesi) direi più che buona partita di Laurini in fase di spinta (alla faccia di chi lo aveva pesantemente criticato), bene Brugman in regia, Hernani ha tecnica da vendere e grande fisico, quando sarà al 100% potrebbe diventare un top player del centrocampo. Per quanto riguarda Kulusevski è un ragazzo con ottima gamba e buona tecnica, oggi giocava in una posizione un po atipica galleggiando tra centrocampo e attacco, prima in fascia poi nel mezzo. Sicuramente potrebbe fare meglio ma probabilmente deve ancora interiorizzare il ruolo. In ultimo Karamoh ha grande velocità e voglia di fare, ci vuole tempo ma potrebbe studiare per diventare l’erede di Gervinho.
    Veniamo a Gervinho, d’accordo che l’avversario era quel che era, però è davvero un fenomeno assoluto, sicuramente da inserire nella top 11 del Parma di tutti i tempi. Sicuramente si riesce a esprimere bene anche perché spesso la squadra si muove a suo servizio, però quando è in giornata è davvero incontenibile. Speriamo sia così anche con la Juve.
    Capitolo allenatore, in questi anni trovo che sia cresciuto molto nel modo di interpretare le partite e nelle scelte in corso, oggi è partito (in fase di possesso palla) con una sorta di 3-5-2 dove Laurini faceva l’esterno alto a destra in modo da sfruttare al massimo le sue doti offensive. In fase difensiva la squadra si disponeva con il 4-3-3 (o per meglio dirsi il 4-5-1), mentre nel secondo tempo Kulusevski si è accentrato disegnando un 4-3-1-2. Quini nessun modulo fisso e statico ma flessibile secondo le situazioni di gioco e le necessità.
    Avanti così e faremo tanta strada.
    Sempre e solo forza Parma

    • 18 Agosto 2019 in 09:16
      Permalink

      Mi fa un gran piacere leggere il tuo comento LG ….
      Purtroppo no potevo vedere il partido ieri perche no era in streaming …. e come in Spagna no se puo vedere Calcio Italiano …
      Se per caso c’e’ una manera vedere questo partido il giorno dopo per favore lascia un link …..
      Grazie

  • 17 Agosto 2019 in 23:16
    Permalink

    Meno male che serve poco, come biglietteria siamo rimasti ad alto vicentino – Parma

  • 18 Agosto 2019 in 08:22
    Permalink

    Ottima analisi, la mia speranza è che con il raggiungimento della migliore condizione fisica e il miglioramento di certi meccanismi Karamoh non sia solo l’erede di Gervinho ,ma il completamento del trio d’attacco per diventare fortissimi. Forza Parma

  • 18 Agosto 2019 in 09:24
    Permalink

    Sul tecnico concordo in toto con LG

  • 18 Agosto 2019 in 14:06
    Permalink

    Da quello che si comincia a vedere credo che d aversa non rinuncerà a kalusevsky neanche se lo fucilano…questo è un gran bel prospetto…l unico problema è che non è nostro…ma va bene così..

  • 18 Agosto 2019 in 20:14
    Permalink

    Concordo in parte con Alessio, perché Kulu può giocare in più ruoli quindi far respirare un po’ tutti, ma bisogna valorizzare Kara, che è nostro e solo giocando può migliorarsi, ma con il mister la vedo dura.
    Chi si lamenta dell’organizzazione dei biglietti ha ragione, roba da 4a serie.
    Un’appunto alla società , possibile che a 15 giorni alla fine del mercato non si riesca a prendere almeno un terzino sinistro?…su forza , la Juve è dietro l’anglolo…forza ragazzi!

  • 19 Agosto 2019 in 08:34
    Permalink

    di KULU… e di KARA… ( no, non è uno scioglilingua )

    ….la differenza tra i due è solo CULTURALE,
    la cultura del lavoro, dell’impegno, della ferrea volontà, dell’applicazione, del rispetto, e di tante altre piccole cose…

    da quel poco che ho visto, il macedone/svedese, anche se non è nostro, finirà per giocare parecchio,

    primo perchè è bravo e corre

    secondo perchè, tatticamente, consente al Mister di passare al 4-4-2 in fase di ripiegamento difensivo ..

    terzo …..ditemelo voi

    • 19 Agosto 2019 in 09:44
      Permalink

      Che sia bravo è fuori discussione, ma che non sia un giocatore ancora fatto è finito è altrettanto vero. Che con l’applicazione che mette negli allenamenti ci possa arrivare è fuori di dubbio, ma il ruolo é ancora indefinito ne rapido ne veloce per fare l’ala ne ancora determinante dietro le punte con il suo accentrarsi, in due partite viste non ho ancora visto qualcosa di determinante come passaggi filtranti o tiri in porta. Sicuramente al mister piace per la sua capacità di farsi valere in tutte e due le fasi e per l’impegno ,ma Karamoh in 15 minuti al di là degli errori fatti per la troppa voglia di strafare, ha provocato un calcio di rigore saltando due uomini e lo ho visto impegnarsi anche in fase di ripiegamento. Poi si sa che certe etichette di genio e sregolatezza se ti vengono appiccicate addosso ti rimangono tutta la vita, ma allora cosa lo abbiamo preso a fare?

      • 19 Agosto 2019 in 11:21
        Permalink

        “Karamoh in 15 minuti al di là degli errori fatti per la troppa voglia di strafare, ha provocato un calcio di rigore saltando due uomini ” ..
        Esattamente Linus….. no dico che e’ Dembele …pero ha lo stesso profilo …come ho detto qui in altre ocassione …. un classico extremo destro in un tridente di ataque …. ancora vedo Kulu in centrocampo … se e’ un ” Jolly ” insomma prende posto …
        P.S. ” lo ho visto impegnarsi anche in fase di ripiegamento ” … Dembele no fa cosi …. in il Parma …tutti devono ocupare teme ricuperare pallone i difendere …
        Cordialmente ,
        Luis Enrique

  • 19 Agosto 2019 in 09:00
    Permalink

    Mi accodo ai commenti sulla biglietteria, è uno scandalo. Complimenti soprattutto al veglione della sicurezza che ad un certo punto ha fatto disporre la gente su 2 file che poi convergevano in una sola…erano molto contenti quelli erano in coda da 1 ora e si sono visti passare davanti quelli appena arrivati…gli daremo il nobel dei veglioni

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI