PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / COPPA CALDA, TORRIDA, MA STAVOLTA SEMIDOLCE

gervinho alves parma venezia 17 07 2019

(Mauro “Morosky” Moroni) – Dopo Correggese 2015 (0-0, a seguire i calci di rigore), Pro Piacenza 2016 (Pesenti dove sei ??  e tu, quando eri ancora Assio?), Bari 2017 (Galano mordi 2 e fuggi subito), Pisa 2018 (Zammarini), il Venezia ci ha lasciato le penne! 3-1

Ore 18, premesso che partire con 33° è dura per tutti, che l’avversario mi è sembrato molto modesto (non è che abbiano ancora la squadra impostata per la Serie C?), ciò nonostante, ho visto dei buoni miglioramenti tra le fila dei Crociati.

  • SEPE: non ha avuto lavoro da sbrigare
  • LAURINI: questo giocatore, che qui (intendo nel nostro spazio commenti) è stato bocciato ancora prima di arrivare, a me è piaciuto molto: si è sempre proposto, allargandosi, per spingere sulla fascia, ha partecipato con intensità e frequenza alle manovre offensive rendendosi intraprendente ed efficace, positivo!
  • IACOPONI: che rimanga titolare o rincalzo non importa, il suo ruolo è al centro della difesa, forte di testa, buon marcatore, ma non chiediamogli di far ripartire l’azione, palla a Bruno e finita lì!
  • BRUNO ALVES: speriamo che il tempo lo preservi così com’è, baluardo difensivo sia fisicamente che tecnicamente, una spanna sopra tanti difensori anche più giovani e titolati: un punto fermo della squadra, il faro, Vero Capitano!
  • GAGLIOLO: medesimo discorso fatto per Iacoponi, centrale difensivo ok, sulla fascia perde molto della sua forza non avendo il piede né la gamba per spingere, ma, in attesa di una valida alternativa di ruolo, va bene anche perché, da quella parte ci sono Antonino e Gervi…non so se mi spiego!
  • Dermaku: marcantonio era un ramoscello, granatiere Kastriot Hulk, 195 centimetri di roccia dura, formidabile di testa, l’impressione che sia un po’ grezzo-legnoso, ma efficace e, a suon di ramazza, si sta conquistando la conferma in rosa!
  • HERNANI: netto miglioramento rispetto alla settimana precedente: sta entrando nella dimensione Parma dove, prima del fioretto, si deve necessariamente usare la spada, la corsa e la garra! Fisicamente sembra un matusa, ma ha solo 25 anni, diamogli un po’ di tempo!
  • Grassi: per ora sembrerebbe il primo rincalzo di centrocampo, avrà così tempo per arrivare al top della condizione senza fretta né assilli
  • BRUGMAN: da lui continuo ad aspettarmi di meglio in quanto è perfettamente in grado di svolgere molto di più del solo compitino di giocare facile facile: lo vorrei vedere più determinante nelle verticalizzazioni veloci e profonde andando a tagliare le difese alte ed in linea dove le nostre frecce potrebbero fare sfracelli!
  • BARILLA’: Nino, tutti gli anni si deve conquistare il posto nei primi undici, ma quando è chiamato in causa offre sempre un grande e solido rendimento: motorino efficace e prezioso!
  • KULUSEWSKI: mi ha entusiasmato per tecnica e facilità di corsa anche se, contro i veneziani, oltre ad aver corso e lottato, ha fatto anche un po’ di confusione vanificando parecchie situazioni favorevoli che aveva creato, ma non finalizzato al meglio (oltre a 5 lingue parla bene anche coi piedi e, per ora, si è guadagnato il posto da titolare )
  • INGLESE: non è il mio tipo di centravanti preferito, ma non si discute: da lui pretendo di più, il gol innanzitutto e quindi più grinta in area, maggior cattiveria, cinismo e “bomberaggine”, alias, codign e cativ bombèn (come scrive Gianni Barone, cativ!)
  • GERVINHO: che dire, al signa sempar lu! Mi spiace dirlo, ma ho il grosso timore che, pure quest’anno, saremo “GERVI-dipendenti” e, se gli prendono le misure, co fema Mister? Bisogna iniziare a portare al tiro i centrocampisti coi loro inserimenti centrali (tutti coloro che stanno giocando hanno le capacità balistiche per farlo vero Kuko? Vero Hernani e Gaston?)
  • Karamoh: a me non è piaciuto molto: per fare il fenomeno prima devi dimostrare di esserlo, a mio avviso deve ancora mangiare del pane duro (grosten): come dicevo la settimana scorsa mi da l’idea di giocare con indolente sufficienza e di correre solo quando ha la palla lui, ma, nel calcio moderno, bisogna soprattutto giocare per la squadra mettendo le proprie doti personali al servizio della medesima.

     * Come giocherà la nuova Juve? *

Nuovo allenatore, nuovo centrocampo, ancora parecchi giocatori da sfoltire, una rosa pazzesca, tecnica, forza, hanno tutto, ma sono ancora in rodaggio: provo ad abbozzare la loro formazione anche se, non avendo ancora guardato nulla in casa altrui, sono in alto mare, ma ci provo lo stesso.    

SZCZESNY

Buffon

 

DANILO  BONUCCI  CHIELLINI  A.SANDRO

                              Cuadrado  De Light    Demiral     De Sciglio  

 

KHEDIRA     PJANIC      RABIOT

Emre Can   Ramsey  Betancur Matuidi

 

BERNARDESCHI  DYBALA  RONALDO

                                 Douglas Costa   Higuain  Mandzukic

Dopo la gara del Tardini mi sono guardato i suddetti nella partita amichevole al Nereo Rocco di Trieste: due categorie di differenza, giocava Douglas Costa al posto di Ronaldo, e la panchina era formata da tutto quel po’ po’ di campioni che vedete in minuscolo corsivo: hanno vinto 1-0 con perla capolavoro di Dibala, ma, come prestazione, non mi hanno impressionato più di tanto: certamente, con Ronaldo saranno più temibili e competitivi, ma se li aggrediamo alti,  francobollando Pianic a uomo, possiamo dar loro noia; in sostanza non mi sono sembrati ancora al top della condizione sia fisicamente, ma pure dal punto di vista tecnico di gioco e prestazione!

Certo che vedere inquadrati in panchina Higuain, Mandzukic, De Light, Ramsey, Betancur e Matuidi cosa si può dire? 300 milioni di patrimonio?

Questi sono altamente temibili anche con la squadra 2, ma confido sempre nella migliore condizione ancora da trovare, nell’affiatamento dei nuovi, insomma, in quelle piccole smagliature ancora da limare per arrivare al top della forma, soprattutto in funzione della Champions, il loro cruccio ormai diventato un tormento ossessivo! Essere o non essere, vincerla o arrivare solo in finale? (però, anche partecipare è bello vero De Coubertino?)

E anche per quest’anno, visto che fra dirigenza e tifoseria sono dei “gran simpaticoni”, avranno sempre uno stuolo di gufi contro, ma proprio tanti “cornacchioni” professionisti che spruzzano e sprizzano felicità immensa da tutti i pori per i loro insuccessi oltre le Alpi, ma, in Italia, per dirla tutta, muti!

Secondo me, nel campionato che sta per cominciare, con un Inter formato Conte come ho già visto crescere, non credo che a meno 7/8 partite dal termine si possano permettere di fare esordire i ragazzi under 23 della Terza C (vedasi gara con la Spal dell’anno scorso): qui c’è gente che ricorda, non dimentica e prende nota, soprattutto delle porcherie effettuate dall’uno e dall’altro, nessuno escluso, da Bolzano, passando per Chievo a Palermo (toh che combinazione, mi sa che quest’anno partecipino al campionato delle granatine al pistacchio!)

In attesa dei pezzi mancanti (anche Coentrao non sarebbe male se sano ed integro), giusto per riempire una delle ultime 3 caselle vuote, prepariamoci alla settimana che porta all’esordio col battesimo di fuoco!

Cordiali saluti,

Mauro “Morosky” Moroni,

profeta dei 50 punti a maggio 2020 e lo scudetto lo vincerà l’Inter, spero!

(influenszè@//menomalechemoroskyc’è.acapo)

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

33 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / COPPA CALDA, TORRIDA, MA STAVOLTA SEMIDOLCE

  • 19 Agosto 2019 in 14:48
    Permalink

    Premetto che non ho nulla di personale contro 7-KARAMOH ma, visto le sue ECCEZIONALI doti potenziali, visto il suo tiramolla, sia a gennaio che in questa sessione di mercato e, soprattutto, vista la cifra per la quale è arrivato a Parma,
    DA LUI MI ASPETTO MOLTO MA MOLTO DI +….
    è una sfida che deve vincere se vuole diventare GIOCATORE

    non ho pregiudizi nè remore ma nemmeno il paraocchi….
    SVEGLIA NA’NO se no Dejan al tà bele tot su al post …
    e con col mister chi, sa net fe miga a ment …at scheldi la panchina parecci volti …
    SPERO TI SERVA DA SPRONE ( la panchina )
    …mentre invece, le mie parole, sono solo impressioni personali..

    ps. ieri sera ho visto la gara FIORENTINA-Monza: al 36° del s.t il punteggio era ancopra 0-1 …
    nei rimanenti 13-14 minuti sono entrati due Primavera aggregati alla prima squadra….credo siano del 2000 …
    prendetevi nota dei nomi ..
    MONTIEL

    • 19 Agosto 2019 in 17:08
      Permalink

      Basta farlo giocare, semplice, se no ce lo soffia l’arsenal

      • 19 Agosto 2019 in 18:18
        Permalink

        Cornacio’.

  • 19 Agosto 2019 in 14:50
    Permalink

    e VLAHOVIC …….. sono due belle promesse …
    trequartista il primo..centravanti il secondo

    • 19 Agosto 2019 in 19:11
      Permalink

      Anche adorante, 5 maglioni son mica caccole

  • 19 Agosto 2019 in 19:06
    Permalink

    Pezzella mi aspetto sia Roberto Carlos a questo punto. Due mesi per prendere un mediocre del genere o mi sbaglio io e ne sarei felice ed è Roberto Carlos o era meglio lasciarlo a Ronchi dei Legionari.

  • 19 Agosto 2019 in 20:16
    Permalink

    Le squadre di Sarri sono lente ad entrare in forma, quindi sabato dobbiamo approfittarne. Dai!

  • 19 Agosto 2019 in 20:45
    Permalink

    Pezzella è giovane è visto in prospettiva secondo me arriverà anche Coentrao un terzino destro (Santon,Sala o un danese) e poi a posto così. I centrali li abbiamo già

    • 19 Agosto 2019 in 23:14
      Permalink

      Ottimo …. con questi giocatori …..
      Dico Io ….
      un 8,5 Calciomercato Parma Calcio 1913 di
      Big Dani Faggiano ,
      Best Regards ,
      Dal sud di Spagna
      Un Crociato firme

  • 19 Agosto 2019 in 20:53
    Permalink

    Esattamente Luca,
    Vamos por ello….
    💪💪💪💪💪
    🔥🔥🔥🔥🔥
    🤙🤙🤙🤙🤙
    Cordialmente,
    💛💙

  • 19 Agosto 2019 in 23:31
    Permalink

    Per me serve anche un centrale, forse ancora più del terzino.
    Per prendere pezzella bisogna che lo diano, fino a quando non prendono qualcuno è difficile che lo vendano, basta vedere la rosa e fare 2+2

    • 20 Agosto 2019 in 07:55
      Permalink

      Credo che viene anche Bastoni ….

  • 20 Agosto 2019 in 08:37
    Permalink

    Se arrivasse COENTRAO andrebbe molto bene ma, sul fronte arrivi io punto sempre sui cavallini dell’anno scorso:

    BASTONI e DIMARCO mi vanno benissimo ..e, a destra Jacopo SALA

    • 20 Agosto 2019 in 10:07
      Permalink

      Andrebbe meglio col coientrau, portoghese naturalizzato francese, bere per dimenticare

  • 20 Agosto 2019 in 08:46
    Permalink

    Senta Sig.morosky ma tutti quelli che arrivano a Parma
    sono tutte delle “belle promesse”?

    Ma per favore un po’ di obbiettività…….

    • 20 Agosto 2019 in 14:10
      Permalink

      A chi si riferisce Ludovico ?

      Kulusewski….ce lo hanno solo prestato e non venduto !!
      è un ragazzo sul quale puntano molto ma , naturalmente deve crescere …

      Karamoh …seppur a me non sia piaciuto ( e questa chiamasi forse obiettività, forse parere personale ) ha delle doti pazzesche ma..ha pure il suo perchè..

      LAURINI …è un mestierante che ci può stare da noi per quel ruolo …

      INGLESE ..ho già scritto che non è il mio tipo di centravanti preferito…

      non si chiama sincera chiarezza questa ?

      siamo a PARMA e in questo mercato hanno fatto acquisti importanti e dispendiosi …non lo dico io ….lo dice l’evidenza ..

      non possiamo aspettarci super campioni, super costosi ed inarrivabili …
      poi se io non le sembro obiettivo ..che posso farci ?

    • 20 Agosto 2019 in 14:26
      Permalink

      In questo articolo ( visto che me lo sono riletto ) non ho parlato di promesse ma di prestazioni relative alla gara di Coppa Italia : in altri articoli, se ho parlato di promesse o, comunque, di giocatori, giovani, di prospettiva, è solo dopo averli visti giocare …mai prima ..

      OBIETTIVITA’, obiettivo 50 punti ….

    • 20 Agosto 2019 in 14:54
      Permalink

      In tutti i casi, mi rendo perfettamente conto che non tutte le promesse ( ciambelle ) vengono col buco:

      leggasi, parlando della sola Serie A,

      Machin, Diakhatè, Schiappacasse

      ma pure Da Cruz, discreto per la B ma non oltre…

  • 20 Agosto 2019 in 10:18
    Permalink

    Scusate ma se è buono giovane e di prospettiva peste l’Udinese lo da via Pezzella?Per fare un piacere a noi?Temo “colpo” alla Machin o Diakitè.

  • 20 Agosto 2019 in 10:41
    Permalink

    Ma noi la seconda maglia la presentiamo quando?E’ assurdo che a tre giorni dal campionato non ci sia ancora l seconda maglia.

    • 20 Agosto 2019 in 11:52
      Permalink

      Ormai sono tre anni che come seconda maglia usiamo la maglia della salute, main sponsor gibaud

      • 20 Agosto 2019 in 14:54
        Permalink

        Tipo pancera ????

  • 20 Agosto 2019 in 11:27
    Permalink

    Lo strano caso di Giuseppe Pezzella da un mese dato ogni giorno in partenza per Parma ma mai arrivato, un caso da “Chi lo ha visto”. Molto probabilmente dopo che per un anno e mezzo è stato mandato a giocare in giro per l’ Italia ( io non ricordo niente di eclatante, a parte una partita con l’under 21), il suo nuovo allenatore Tudor, ha scoperto di avere tra le mani (e non glielo avevano detto)il nuovo Marcelo bloccandone la partenza finché non glielo rimpiazzano con un adeguato sostituto… quando il Watford squadra affiliata manda in tribuna alla prima di campionato addirittura due terzini sinistri in esubero. Purtroppo la frustrazione dell’Udinese di non avere ancora venduto Depaul per 35 milioni su cui ha incentrato la sua campagna di rafforzamento, la porta ad ostacolare in qualsiasi maniera l’arrivo a Parma di tale fenomeno, per non rafforzare una diretta concorrente.Ma per piacere prendiamo Coentrao e finiamola li.

  • 20 Agosto 2019 in 12:56
    Permalink

    Io non credo venga Coentrao per una serie di motivi, ossia che prenderanno Pezzella e forse anche Di Marco, che si libera con Biraghi all’ inter oppure l’alternativa sarà Gagliolo, che difende solo. Il portoghese è molto offensivo per il non- gioco di D’Aversa e finirebbe per giocare nei 3 di attacco. Parlando in maniera ambiziosa, prenderei Coentrao e Pezzella riserva, Ogbonna in coppia con Bruno A. , con Gagliolo e iacoponi riserve, ed un terzino destro. Bisogna cedere : Gazzola, Munari, Machin, baraye, Ceravolo, Siligardi, Sprocati e prendere un altro esterno di attacco. Dermaku da valutare in prestito.

  • 20 Agosto 2019 in 14:21
    Permalink

    Tutto questo, Nathan, potrebbe anche essere condivisibile ma, credimi, non è così semplice come scriverlo ….

    se i giocatori li vai a chiedere domandano barche di soldi…prima le società e poi i loro procuratori …
    se li vai ad offrire li vogliono gratis…
    quindi, giusto per gradire, anche il D.S. fa come può e non come vuole…
    entro la seconda gara ( udine ) dovranno presentare le liste definitive e, siccome i giocatori in esubero lo sanno benissimo come funziona, per andare via chiederanno delle buonuscite, altrimenti restano qui fine a gennaio…fuori rosa, fuori lista MA, PAGATI alle cifre del contratto in essere …

    da due-tre anni funziona così ….
    se il giocatore punta i piedi ti può tenere in scacco…
    quindi, o hai la possibilità economica per mantenerli tutti a sbafo oppure si deve trovare il giusto accomodamento tra le parti …

    se il giocatore PIPPO ha un contratto ancora di un anno e sa che si trova fuori dal progetto-rosa ….come minimo pretente gli stessi soldi e condizioni magari anche allungando il periodo ..

  • 20 Agosto 2019 in 15:14
    Permalink

    Io penso che il non gioco di una squadra sia dovuto in gran parte agli interpreti che mandi in campo rapportati al valore degli avversari che incontri. Lo scorso campionato abbiamo giocato con giocatori in prevalenza di serie b c alcuni di a a fine carriera e due per noi top Player che hanno fatto la differenza. Penso che si possa definire un miracolo sportivo quello compiuto con un centrocampo di una pochezza tecnica imbarazzante. Mi sembra che gli innesti effettuati quest’anno nel centrocampo vadano nella direzione giusta. Ai fini della costruzione del gioco pero’ penso che siano fondamentali due terzini che facciano bene le due fasi perché la coperta non sia troppo corta ,Laurini lo ho visto bene nella fase d’attacco un po meno in quella difensiva, Iacoponi e Gagliolo più portati a difendere (col Venezia giocavamo a tre dietro in fase di impostazione) a sinistra non abbiamo nessuno e vi sopperiva il generosissimo…..Barilla’ (ma i pe’….). Sabato abbiamo la Juve ormai sarà per le prossime, ma diamoci da fare.

  • 20 Agosto 2019 in 15:15
    Permalink

    Pezzella pur essendo un giovane (21 anni) e pertanto tesserabile tra gli under (e non è poco con la lista bloccata), ha già 43 presenze in A. L’Udinese probabilmente lo cede un po x fare plusvalenze, un po xché nel ruolo sarà già coperta e forse ha meno problemi di noi x la lista over.
    Poi occorre mettersi in testa che una squadra come il Parma i giocatori li può e li deve prendere prima che si affermino altrimenti sarebbero inarrivabili (oggi basta fare mezzo campionato decente per costare 20-30 milioni, una follia). Facendo così è ovvio che non ti va sempre bene ma è l’unica strada percorribile.
    Sempre e solo forza Parma

  • 20 Agosto 2019 in 15:51
    Permalink

    Su Pezzella giusta osservazione, è un under e a noi servono come il pane under che possono fare i titolari. Vendere è sempre più difficile che acquistare se non hai dei giocatori di un certo livello (poi a volte diventa difficile vendere anche Icardi se si mette di traverso). Il Parma deve anche accontentarsi di quello che può permettersi, sia come forza economica che come forza di squadra, perciò a volte si deve scommettere su giovanotti di belle speranze. Ormai i giocatori li devi prendere a 15 anni e se appena appena hanno fatto 2 goal negli allievi te li spacciano per Messi….ci vuole culo oppure un super culo a trovarsi in casa uno come Barella venduto a peso d’oro (e a mio parere sopravalutato) che ti permette di rifare la squadra. Noi prima del fallimento avevamo fior fior di giovani in giro per l’Italia, ma ci vogliono anni e anni per tirare fuori un giovane da prima squadra. Oppure una gran botta di culo…… lasciamoli lavorare senza bocciarli dopo 2 passaggi sbagliati… va beh che qui si fischiava Crespo e qualcuno voleva Baraye e Corapi titolari in serie A….

  • 20 Agosto 2019 in 19:03
    Permalink

    La seconda maglia la Errea aspetta che arrivi Matri o Caputo o che finisca il campionato per presentarla? Siamo la sola squadra di serie A senza.

    • 21 Agosto 2019 in 12:23
      Permalink

      Giocheremo in canottiera!
      Oh santo Dio che pare als’fa chilù con ‘sta seconda maglia.

  • 21 Agosto 2019 in 09:20
    Permalink

    Stanotte non riuscivo a prendere sonno perchè pensavo come fosse possibile non aver presentato ancora la seconda maglia..w l’Italia. Solo in un paese come il nostro capitano certe cose

    • 21 Agosto 2019 in 15:26
      Permalink

      Simone T. penso e spero che la Tua sia stata una iperbole: che certe cose accadano solo in Italia magari è anche vero (basta andare in questi giorni al di là del nostro naso sportivo…) però associare questo alla non ancora avvenuta presentazione virtuale della seconda maglia mi pare un tantinello esagerato…

      Posto che dal Nuovo Inizio il Parma ha sempre avuto le stesse due prime maglie – 1) Crociata 2) Gialloblù a strisce orizzontali – mentre qualche fantasiosa variabile è stata riservata alla Terza (un tempo si pescava nella storia, adesso nella mente dei creativi).

      Pertanto non vedo tutta questa attesa per vedere qualcosa che – a meno di sorpresone, che però reputo improbabili – già conosciamo, millimetro avanti, millimetro indietro…

      Tanto, trattandosi di casacca “away” non verrebbe di certo indossata per la prima di campionato che è casalinga.

      Magari è un po’ bizzarro che si presenti prima la prima, poi la terza e poi (prima o poi) la seconda, ma evidentemente ci saranno ragioni, immagino di cassetto, che hnno suggerito un determinato “timing”.

      La terza maglia, infatti, un anno fa – sia pure non sul campo – fece faville, nel senso che piacque parecchio e fece realizzare numerose vendite: quella di quest’anno mi pare una sorta di continuazione ideale del tema, e quindi chi si occupa di marketing probabilmente intendeva bissare il successo. Sicché, con ogni probabilità, il lancio della seconda avverrà dopo la prima di campionato, e prima della second, quando molto probabilmente verrà subito indossata dai calciatori in campo.

  • 21 Agosto 2019 in 09:46
    Permalink

    Oggi, 21 agosto 2019, a tre giorni dall’esordio contro la VECCHIA BEFANA, sulla base dei commenti, delle lamentele e delle critiche, giuste o non giuste, faccio il punto della situazione in casa Parma.
    ….
    1) DAVIDE, manca la seconda maglia, è vero ma, a noi che cavolo ce ne importa ? Siamo i tifosi allenatori direttori sportivi procuratori dirigenti soci azionisti commentatori articolisti , facciamo praticamente tutto e ti stai preoccupando della seconda maglia ?
    Useremo la prima e, se si bagnerà di sudore, tra il primo e secondo tempo la stendiamo al sole delle 18.45 dalle parti della Tribuna Est ( voi in tribuna siete all’ombra già da inizio partita )

    A PROPOSITO, QUANDO FANNO TESTA O CroCE, INIZIO GARA ….suggerisci a Bruno Alves di prendere la porta sotto la Sud così Sepe non avrà il sole negli occhi …
    na volta i giocatori avevano il berretto, oggi non +..chissa mai perchè ? Gianni Barone, tu che sei uno storico, sai mica perchè di questa involuzione ?

    2) che manca il terzino sinistro è già stato detto ?
    3) si sa magari pure qualche nome a tal proposito ?

    4) ho visto dei malumori circa la numerazione dei singoli …ma a Ricci e Ceravolo co ghani dè al numer da fer ??

    5) di China Town ne parla + nessuno ?
    6) col nuovo regolamento interno è stato vietato l’uso di whatsapp ai calciatori, dalla prima squadra fino agli allievi nazionali under 16

    ..a presto con gli altri temi scottanti ..

    moro

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI