CARMINA PARMA, di Luca Savarese / AL TARDINI SI CANTA VAR PENSIERO. MA IL PARMA SUONA MALE LE SUE NOTE

Luca Savarese(Luca Savarese) – Dopo la sosta per le Nazionali, si riparte. Pronti via ed è ancora campionato. Quello del Parma, ritrova Darmian, il colpo ad effetto delle ultime curve di mercato. Come avversario ecco il Cagliari, che lo scorso anno all’andata Gervinho scelse come la vittima perfetta per il suo coast to coast e che però, al ritorno, a Casteddu, servì la vendetta con la vittoria in rimonta per 2 a 1. Brutto cliente la squadra di Maran, specie trovarla dopo le prime due giornate, perse contro Brescia ed Inter. Certo, è incerottata e piena di defezioni, i gran tenori Cragno Naingollan, Pavoletti non ci sono ma chi va in campo, non deluderà. Il Parma dopo quel tiro violento di Bruno Alves che si stampa sul palo, viene assediato, come una pallina da ping pong ripetutamente schiacciata. Cigarini serve Nandez,talento uruguagio, altra stellina di questo sontuoso mercato sardegnolo, parte sulla destra, cross per Ceppitelli che apre il destro. Dura lex sed l’ex…Luca Ceppitelli infatti è transitato da Parma, pur senza costrutto, prima di approdare nella terra dei nuraghi nell’agosto del 2014. Trovato il vantaggio, il Cagliari ci prende gusto e, qui sta forse il merito maggiore dei ragazzi di Maran, lo vuole subito rendere più pingue, più rassicurante, più spiazzante per gli avversari. Ceppitelli fa bis, questa volta di cabeza, imbeccato da una palla dolcissima dell’altro ex Luca Cigarini e per il Parma ecco oscurarsi la vallata. Dov’è la vis agonistica vistasi al Friuli prima della sosta? Questo doppio uno due cagliaritano, sinceramente, era piuttosto inaspettato.

La squadra ducale però prova a riordinare le idee. Darmian la mette in mezzo e Barillà, operaio delle terre di mezzo col bernoccolo del gol, prova ad innescare la rimonta.

parma cagliari serie a slide savareseGagliolo si sente troppo sicuro dei propri mezzi di mediano e così Simeone junior con la stessa garra che aveva il padre a centrocampo, gli scippa il pallone e parte, taglia il campo in due e buca Sepe con un fendente preciso e rasoterra. No, il Parma sembra non esserci stato tanto a livello mentale. La voglia, è rimasta negli spogliatoi. Poi, ad un certo punto, quando i protagonisti coi tacchetti sembrano un po’ stanchi, sale in cattedra la Var. Ecco, nella terra di Verdi e dei fini palati musicali, il Var pensiero. Stacco di Bruno Alves, gol. Macché. Pasqua, fischia ma il Var lo corregge. Rigore per il Parma, anzi no. Mento e non mano di Klavan. Gol del Cagliari, ma va, Joao Pedro strattona prima Gagliolo. Doveri, nella vivisezione tecnologica, ne modifica le decisioni. Si, il ritmo del Var, alla fine, ha fatto da padrone. Ma il Parma contro i sardi, che non vincevano all’Ennio da 8 anni, sembra aver dimenticato le armoniose note di Udine, quelle del suo gioco arioso e ficcante. Musica da riaccendere subito, nella Roma laziale. Luca Savarese

22 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / AL TARDINI SI CANTA VAR PENSIERO. MA IL PARMA SUONA MALE LE SUE NOTE

  • 16 Settembre 2019 in 10:33
    Permalink

    Ma Karamoh perché non gioca mai?
    È stato pagato una fortuna
    Forse non è quello che pensavamo fosse
    Se non serve al Parma restituiamolo all’Inter.
    Se invece non si fa giocare perché è giovane
    e non lo si vuole bruciare dovevamo
    parcheggiare da qualche parte liberando
    così un posto.

    • 16 Settembre 2019 in 12:12
      Permalink

      Non si libererebbe nessun posto: e’ un UNDER A TESSERAMENTO LIBERO ..!!

  • 16 Settembre 2019 in 11:03
    Permalink

    L’anno scorso gli schemi difensivi
    erano diversi e più redditizi.
    Prendiamo le 3 partite fin qui fatte.
    Con la Juve Ronaldo s’è mangiato
    l’inimmaginabile, se era più preciso
    finiva sicuramente in goleada.
    A Udine i nostri avversari hanno
    avuto una miriadi di palle gol.
    Io ne ho contate
    Nove
    Fortunatamente vuoi per Sepe che
    era in giornata di grazia e vuoi per
    un CULO pazzesco MAI VISTO
    abbiamo vinto ma potevamo comodamente
    perdere anche lì con una goleada.
    Ieri altri tre gol presi su 3 tiri fatti
    addirittura due dei quali su corner e punizione
    e l’altro su un nostro vecchio cavallo di battaglia
    IL CONTROPIEDE
    per cui anche un profano
    capirebbe che non è questione di giocatori
    della difesa che ci sono e sono bravi ma è
    questione del modulo daversiano difensivista che
    proprio non va.
    Ritorniamo al gioco dell’anno scorso dove
    partivamo in contropiede.
    Ora attacchiamo senza convinzione e con
    paura e sotto porta non siamo lucidi e
    in contropiede ci vanno….gli altri
    D’Aversa datti una regolata. così
    proprio non va.
    Ed ora ci attende la Lazio appena battuta
    dalla Spal.
    Nonostante questo andremo in campo
    col…….pannolone sicuri anzi
    STRASICURI della sconfitta.
    Spero in un cambio di tendenza.
    Le gite fuori porta si fanno
    in giugno….

  • 16 Settembre 2019 in 11:11
    Permalink

    Scusate ma Karamoh non gioca semplicemente perchè ci sono altri meglio di lui…. voglioamo tenere giu’ Gervinho o kulusesky???

    Dai non creiamo problemi quando non ci sono….. alla fine in campo si va in 11 e credo che karamoh ieri avrebbe potuto dare ben poco per cambiare il destino della partita…

    • 16 Settembre 2019 in 12:52
      Permalink

      Sì ma visto che Karamoh giocherà pochissimo
      tanto valeva farlo giocare in prestito in
      un’altra squadra.
      Si sarebbero evitati attriti negli spogliatoi dato
      che Karamoh non ha un carattere facile e quindi
      quando è venuto lo ha fatto perché.
      gli avevano promesso he avrebbe giocato.
      Penso che a gennaio verrà dato in prestito.

  • 16 Settembre 2019 in 12:27
    Permalink

    Però se dovevamo regalare 20 milioni al cinese ricco di Nanchino per Kara+Adorante potevamo almeno che so prendere Ranocchia e Miranda al posto di Kara…

  • 16 Settembre 2019 in 12:55
    Permalink

    Ora io non so quali possano essere i reali problemi di Karamoh, ma quando il mister dice che ha potenzialità enormi io gli credo e non dico che debba giocare titolare, ma se stai perdendo almeno subentrando ti può inventare qualcosa, ma gli credo anche perché mi piace vedere le partite degli altri e Spalletti lo ha impiegato 16 volte due anni fa e in alcuni casi è stato determinante. Allora o Spalletti capisce poco di calcio o…..Comunque sia se ha caratteristiche troppo offensive per D’aversa andava lasciato dove era ( per non creare un altro caso Dacruz ), e con quella spesa puntare su due buoni centrali difensivi.

  • 16 Settembre 2019 in 13:05
    Permalink

    I bene informati sanno perchè Karamoh non gioca…

    • 16 Settembre 2019 in 14:05
      Permalink

      Bene, allora se desiderano informare la nostra community immagino apprezzerebbe. Occhio, però, che le corbellerie, le mio–cugggginate, le illazioni e le calunnie non sono gradite. E queste due sono anche reati di cui io, come direttore e proprietario di questo spazio, non voglio essere complice

  • 16 Settembre 2019 in 13:50
    Permalink

    Linus mi sembra evidente che il mercato del Parma non sia stato frutto del libero aribitrio, bensì “pilotato” (almeno in parte) da soggetti esterni (il cinese ricco di Nanchino, Ausilio, Adl, Giuntoli). Secondo te investire 20 milioni per Kara+Adorante è stata una “scelta”? No. Nessuno è fesso da affermare il contrario. Penso anche mia nonna sapeva che sarebbe stato a noi più utile un Ranocchia, un Bastoni o un Miranda di un Kara+Adorante, ma Ausilio doveva piazzare quei due. Darmian perchè si è presoin?Perchè Conte vuole vedere in che condizioni è etc. etc. etc. Speriamo che a gennaio questi favori tornino indietro. Fronte partenopeo. Vuoi Inglese?Bene ti prendi anche il povero e malmesso Grassi (ci è andata bene che non hanno aggiunto anche Cicirotto).
    Intanto mentre leggeremo banalità e frasi battagliere (non ci crede nessuno) sulla partita all’Olimpico noi prepariamoci già con paziente rassegnazione alla solita debacle e mettiamo nel mirino lo Scansuolo di Caputo e di Frifrì Carnevali.

    • 16 Settembre 2019 in 14:19
      Permalink

      Speriamo non sia così perché capisco Adorante scambio plusvalenza con Brasato, ma Karamoh é a senso unico, per me é una cappella di qualcuno.

      • 16 Settembre 2019 in 14:26
        Permalink

        A cui hanno cercato di rimediare cercando di piazzarlo all’Atalanta

  • 16 Settembre 2019 in 14:03
    Permalink

    ripeto che Brugman ed Hernani assieme non possono giocare.
    pertanto dando spazio a Karamoh che almeno ieri doveva averlo (dall’ inizio o ancora di più a partita in corso) si poteva arretrare Kulusevski che è quello più in forma di tutti ora in mediana.
    del resto mi pare che il suo ruolo naturale sia quello o sbaglio?
    il fatto che stia facendo bene in altre zone non vieta di provare a metterlo in mediana.
    la squadra in fase difensiva non è messa bene. e facendo giocare assieme Pezzella e Darmian 2 veri terzini finalmente, il problema si ingigantirà.
    fra Kucka, Grassi e Barillà succederà ancora che ne manchino 2 fra infortuni e squalifiche.
    se ci mettiamo pure Scozzarella fra quest ultimo, Hernani e Brugman 1 solo puo’ partire dall’ inizio. al massimo il secondo farà gli ultimo 20 minuti assieme se si vuol conservare il risultato e nascondere un po’ la palla.

  • 16 Settembre 2019 in 14:44
    Permalink

    Gaio1974 sei un amico di Carnevali?

  • 16 Settembre 2019 in 15:03
    Permalink

    Non è una cappella di qualcuno per un motivo molto semplice che è dall’anno scorso che Faggiano pistapoccia su Kara. Non è l’abbaglio o sbaglio di un momento, ma rientra in quel 60/70% di mercato pilotato da fuori (chiaro i vari Brugman e Dermaku sono farina del nostro sacco). Poi gli ultimi giorni probabilmente hanno cercato di piazzarlo in prestito a Percassi chiedendo in cambio Barrow. Diciamo che Faggiano sui giovani stranieri ci prende poco o nulla (vedi dacruz, Machin, Schiappa, Diabatè o come si chiamava). A gennaio andrà in prestito in Francia lo dico ora.

  • 16 Settembre 2019 in 15:04
    Permalink

    egregio MaJo facciamo cantare Gaio 1974 che dice di saperla tutta!

  • 16 Settembre 2019 in 15:28
    Permalink

    Se no posso chiedere a Miocugino

  • 16 Settembre 2019 in 15:54
    Permalink

    Disamina un po’ ingenerosa. A livello di grinta e voglia di riprenderla non ho nulla da rimproverare alla squadra. Semplicemente siamo stati condannati da 3 errori.

    • 16 Settembre 2019 in 17:22
      Permalink

      Il problema principale è che quando si perde episodi o no, perdere 1a3 1a4 o 1a5 non cambia niente non puoi avere il braccino corto nei cambi devi rischiare il tutto per tutto per fare un gol in più degli altri.

  • 16 Settembre 2019 in 21:31
    Permalink

    Che chat di curiosi e permalosi. Siete tutti un po’ tesi… come al solito.
    Vi ricordate Asprilla? Il suo infortunio? Era da ridere. Si disse perfino che era scivolato su una bottiglia di gazzosa… fantastico.
    Tutti invece, ma proprio tutti, sapevano che aveva preso a “sbarate“ un autobus.
    Quando l’allenatore deciderá che è il momento Karamoh giocherá, non preoccupatevi. Lo ha detto anche lui no? Non c’è nessun caso Karamonello.
    E allora facciamo come nel 93. Crediamoci e stiamo sereni.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI