CARMINA PARMA di Luca Savarese / IN CAMPO CON QUEL FARE DA “TANTO MICA E’ QUESTA LA GARA DA VINCERE”

Luca Savarese(Luca Savarese) – Sembra ormai una di quelle costanti, come a fine settembre in Germania c’è l’Oktoberfest, come le castagnate che stanno iniziando in questi giorni, quando il Parma ultimamente va sulla sponda biancoceleste del Tevere, prende grandi imbarcate e ciò che più conta, senza far vedere una minima reazione dentro la procella. Come se contro la Lazio, grande squadra, non è che si possa poi provare a fare la partita e allora subisci, ti rintani, tieni il fiato finché puoi e buonanotte a i suonatori. Lo stesso atteggiamento che spesso i crociati mostrano quando vanno a far visita ad un’altra celeste del campionato, il Napoli. Insomma, partite da bollino rosso? Entro in campo ma poi al primo gol che prendo non è che faccio più di tanto se poi prendo il secondo gol, stacco del tutto la spina. Tanto poi mi concentro sulla prossima, che è più alla mia portata. “L’atteggiamento credo che deve essere sempre lo stesso indipendentemente dalla squadra che affronti”, ha invece ribadito al termine della partita Roberto D’Aversa al microfono di Massimo Barchiesi per le frequenze di Radio Rai, quasi facendo un mea culpa. Bisogna capire che non ci sono punti da non fare a priori e punti facili così, a buon mercato. Prendere, per credere, la gara del Bologna, impegnata nel pomeriggio di domenica contro l’altra romana. I felsinei hanno tenuto testa alla squadra di Fonseca fino all’ultimo istante, perdendo solo per un colpo di classe di Edin Dzeko. Ecco, a proposito di atteggiamento. Puoi perdere, per carità, ma se l’atteggiamento giusto la fa da padrone, nulla striderà. E’ piuttosto sconfortante vedere che Gervinho ed Inglese abbiano creato due palle gol di numero. L’ivoriano ogni tanto sembra avere le sue cose: si trascina sulla fascia, incappando spesso in errori tecnici da matita blu. Quando è così, è più un peso che un valore aggiunto. La Lazio, con il freschissimo gervinho lazio parma 22 09 2019Ciruzzo Immobile, preservato dalla trasferta rumena di Europa League da Inzaghi e davvero volitivo e falco in campo aperto, Correa, Luis Alberto (palo direttamente da corner) ha sciorinato il suo futebol veloce, ficcante a volte quasi bailado ed il Parma non ci ha capito una mazza. Devono via via sparire quei pensieri che… Non è questa la gara del Parma, che tanto nelle prossime trasferte poi i punti arrivano da sé, che in casa contro il Sassuolo allora lì si che la festa inizia… Non c’è nulla di già cristallizzato icasticamente nel calcio, ma è tutto da giocare, da provare a sovvertire, sempre e comunque. Parma continua a remare allora e rifletti su come stare dentro la partita, anche se magari le cose si mettono male. I tre punti persi nelle acque tiberine biancocelesti, non tornano più indietro. Luca Savarese

15 pensieri riguardo “CARMINA PARMA di Luca Savarese / IN CAMPO CON QUEL FARE DA “TANTO MICA E’ QUESTA LA GARA DA VINCERE”

  • 23 Settembre 2019 in 08:55
    Permalink

    Italo, gita a Roma, maglia nera, partita come dice Sepe “normale”, banalità prima e dopo il match,tutto nella norma e previsto da giorni. Adesso sentiremo “pensiamo al Sassuolo”. Come dicevo venerdì antropologicamente questa squadra non ha nelle corde la cattiveria necessaria a ribaltare l’inerzia del destino segnato. 8 minuti e Luis Alberto che l’anno scorso ci aveva già massacrato e Immobile ridicolizzavano per la n volta quest’anno il povero Iacoponi (urgeva un centrale….). Sicneram,ente mi aspettavo tenessimo almeno fino alle mezz’ora. Chi ha visto il Verona allo Stadium o il Brescia può come me iniziare a farsela nelle braghe. Lo stesso copione si ripeterà sempre a Roma con i giallorossi, ovviamente a Napoli, a San Siro sponda rossonera e off course neroazzurra. Purtropppo temo anche a Genova con la derelitta Scansdoria.

  • 23 Settembre 2019 in 09:01
    Permalink

    Parlano i numeri
    L’anno scorso
    Parma Juve 1-2
    Udinese -Parma 1-2
    Parma -Cagliari 1-0
    Lazio- Parma 4-1
    TOTALE PUNTI. 6

    Quest’anno
    Parma -Juve 0-1
    Udinese Parma 1-3
    Parma Cagliari 1-3
    Lazio Parma 2-0
    TOTALE PUNTI. 3

    Ora dobbiamo giocare in casa con il Sassuolo che l’anno scorso abbiamo battuto col Torino con il quale abbiamo pareggiato e poi dobbiamo andare a FERRARA con la Spal con la quale avevamo perso e poi in casa col Genova con cui avevamo vinto
    In queste 4 partite l’anno scorso abbiamo fatto 7 punti
    Quest’anno anche vincendo 3 di queste partite e pareggiandone una faremmo 10 +3 punti e andremmo a 13 mentre anche l’anno scorso avevamo fatto 13 punti
    Quindi per stare in scia dell’anno scorso dovremmo vincere col Sassuolo, col Torino e pareggiare in casa della Spal (PURA UTOPIA)
    La squadra vista giocare ieri è da
    ULTIMO POSTO come era l’anno scorso il Chievo.
    Non dico altro.
    Guardate la Gazzetta di Parma
    Non c’è una sufficienza e Gervinho è ancora da schifo
    come da schifo e Inglese e come è da schifo è tutto il centrocampo e come è da schifo è la difesa
    Gervinho ancora peggiore in campo e ancora titolare.
    Incredibile.
    Dei nuovi acquisti non si salva nessuno
    Forse l’unico ee Karamoh ma….non gioca mai.

    Un consiglio alla società?
    Mercato disastroso.
    CI SIAMO INDEBOLITI.
    I responsabili devono essere allontanati.
    ARRIDATECI addirittura CERAVOLO DEZI SCOZZARELLA
    BASTONI DI MARCO e SILIGARDI.
    FINCHÉ SIAMO ANCORA IN TEMPO
    ESONERATE D’AVERSA e portate la squadra in
    RITIRO PUNITIVO.
    Ci vuole un colpo di spugna come quando
    fu esonerato Apolloni

    Prevenire è meglio che curare.

    • 23 Settembre 2019 in 09:27
      Permalink

      Alla 5° giornata siamo già alle prese con infortunati, ma solo i nostri giocatori hanno le ginocchia di burro???

  • 23 Settembre 2019 in 09:03
    Permalink

    Articolo perfetto ed è esattamente il pensiero di tutti. Cosa ci andiamo a fare a Roma sponda Lazio se ogni volta la diamo persa in partenza? Dà davvero nervoso come atteggiamento.

    • 23 Settembre 2019 in 10:11
      Permalink

      Se in squadra avessimo in difesa Donnarumma e Chiellini
      a centrocampo Sensi e Barella e all’attacco Martens e Ronaldo sotto D’AVERSA diventerebbero invisibili.
      DIVENTEREBBERO ANCHE LORO ZOMBIE
      D’Aversa è il punto debole di questa squadra
      Spero che anche Pizzarotti lo capisca presto
      Per me D’Aversa il panettone a Parma non.lo mangia.
      Ricordatevi a Natale di questa mia previsione.

      • 23 Settembre 2019 in 12:43
        Permalink

        Ecco appunto sento dire che abbiamo subito la Lazio fisicamente, allora l’Inter non dovrebbe vincere partita con Sensi e Barella

  • 23 Settembre 2019 in 09:20
    Permalink

    Tanto valeva dire ai tifosi di non spendere soldi e tempo nell’andare a Roma. Non ascolto nemmeno l’intervista a D’Aversa, tempo perso e supercazzole.
    Occorre già farsi il sangue amaro, inutile le altre balle dette ieri sera in tv sul 12 “Siamo ad inizio campionato….Aspettiamo….C’è il Sassuolo….” Bisogna vincere!!!

    FORZA PARMA

  • 23 Settembre 2019 in 09:26
    Permalink

    Io ho l’impressione che questa squadra non abbia anima. Siamo completamente senza centrocampo e balliamo in difesa…
    Secondo me andiamo giù sparati… siamo la squadra peggiore della serie A

  • 23 Settembre 2019 in 10:02
    Permalink

    Ho rivisto la partita.
    Non riusciamo a dare 3 passaggi di fila
    Ieri non pressavano
    Non correvano
    Camminiamo come zombie
    Gigioneggiano per il campo
    Fermi come paracarri
    Festanti come giocatori in
    GITA PREMIO FUORI PORTA
    Sembra che con.la palla travi piedi non sappiamo cosa fare.
    Prendiamo un gol e ci afflosciamo.
    Non crediamo a noi stessi.
    Anche Darmian ieri è stato sotto gli occhi
    di Mancini era inguardabile.
    Un altro sogno azzurro spezzato.
    Ma perché D’Aversa non si dimette?
    I misteri del calcio.

  • 23 Settembre 2019 in 11:24
    Permalink

    Che bello….
    Si ricomincia mister parole a vanvera è tornato…. a questi livelli faremo sempre fatica…. non abbiamo il poteziale per competere con certe squadre….. dobbia salvarci ….

    Forza Parma

    • 23 Settembre 2019 in 12:47
      Permalink

      È vero noi dobbiamo salvarci, ma la mentalità la si acquisisce rendendo la vita dura a tutti e non soltanto per un tempo

  • 23 Settembre 2019 in 11:48
    Permalink

    Ragazzi, fermatevi un attimo, please.
    Penso occorra ancora qualche giornata per vedere il vero PARMA.
    Penso ci salveremo, credo sia difficile ripetere il girone di andata dell’anno scorso, ma comunque avremo un percorso più lineare.
    E’ vero che quest’anno anche le neopromosse non sono male, ma il campionato è lungo gestire le forze sarà un vantaggio.
    Vi prego cerchiamo di essere (nei commenti) meno tifosi e più obiettivi.
    Io credo (come ho sempre scritto) in D’Aversa e nel Parma.
    Pencroff dammi una mano….
    Lele

    • 23 Settembre 2019 in 12:50
      Permalink

      Spero che tu abbia ragione ma il rischio è di trovarci ultimi già dalla prossima, il Sassuolo ha certe ripartenze che altro che il Cagliari.

    • 23 Settembre 2019 in 13:11
      Permalink

      Mi scusi ma la fede in D’Aversa come puo spiegarla oggettivamente? Le spiego…La mia fiducia nella societa e stata conquistata, dal lavoro dei proprietari, pur con degli errori, ma si vede che si sono impegnati. D’Aversa d’altra parte non ha mai conquistato la mia fiducia. Ogni volta che la squadra va male lui trova colpevoli ovunque. La cattiveria, l’agonismo, la motivazione, ecc, sono il suo ambito e se i giocatori non li dimostrano, e lui che ha mancato di lavorare bene. E per favore non posso piu sentire che i giocatori sono dei brocchi, perche pure i brocchi giocano se sono organizzati e motivati bene. A mio parere D’Aversa deve mostrarsi umile (non solo a parole) e imparare dai suoi errori, errori che commette da almeno tre anni.

  • 23 Settembre 2019 in 13:55
    Permalink

    Io quando guardo il Parma, soprattutto in trasferta,ho la sensazione di vedere una squadra impotente, che quando punta verso la metà campo avversaria perderà sicuramente il pallone. Ieri è stato quasi sempre così.
    Gervinho salta spesso il primo difensore, a volte il secondo e quasi mai il terzo eppure si intestardisce ogni volta nell’azione solitaria. Dato che ormai è sempre triplicato perché non accompagnare l’azione con più coraggio (vedi centrocampisti) che magari gli consente ‘l’alternativa?

I commenti sono chiusi.