CARMINA PARMA, di Luca Savarese / FRIULI DOLCE FRIULI, MA ORA LA CRESTA VOLI BASSA, EVITANDO DI STACCARE LA SPINA COME UN ANNO FA…

Luca Savarese(Luca Savarese) – Lo aveva riconosciuto più e più volte il dottor D’Aversa, la causa del morbo della seconda parte costipata di stagione dei suoi ragazzi: la vittoria di Udine. Quelle bollicine, dopo un successo che fu colto a gennaio, lungi dal dare effervescenza portarono, ad un alleggerimento dell’animus pugnandi, insomma furono bollicine che diedero un po’ alla testa invece che dar manforte, a questa, per andare a ripetere simili scalpi. Il Parma alla fine, con la vittoria scaccia pensieri sulla Fiorentina, si salvò e si lasciò alle spalle gli ultimi mesi piuttosto affannosi. Ecco Udine, un anno dopo, non come prima di ritorno ma come seconda d’andata, non col freddo ma il primo settembre, tra ombrelloni ancora aperti e montagne da finire di scalare. L’inizio, somiglia in effetti ad una gita in salita. Passa poco e Lasagna ha già cucinato il vantaggio per i suoi. Corsa a perdifiato sulla mancina, nessuno riesce a smussarne la falcata. Lui ci prende gusto, tiro secco, botta, gol. L’undici di Tudor appare galvanizzato dall’aver vinto all’esordio e sempre in casa contro il Milan e tratta ogni palla come fosse quella buona per continuare la festa. Ci prova ancora Lasagna, ispirato, risponde bene Sepe, risuscitato dopo quella distrazione che provocò il gol partita di madama sabato scorso al Tardini.

udinese parma gervinho 01 09 2019Anche i suoi compagni sono più cinici, meno spirituali e più materiali della gara contro la Signora. Kulusevski disegna una palla d’oro per Gervinho. L’ivoriano, defilato sulla destra, la benedice in gol. Il Parma è vivo. La prima contro i bianconeri di Torino, palestra preziosa per questa seconda contro i bianconeri di Udine. Il primo gol del campionato 2019-2020 porta per i crociati la firma di Gervinho. Il secondo tempo, il Parma, lo mette, massaia esperta, nella marmitta dove le riesce meglio la sua insalata fresca e poco digeribile per gli avversari: il contropiede. Sugli scudi è ancor il giovane talentino svedese Kulusevski, questa volta palla deliziosa a mezza altezza per l’accorrente Gagliolo che di testa trafigge Musso. Però, il ragazzino rosso di capelli, non è affatto rosso dall’emozione e giù due palloni invitanti come pochi e decisivi. Per l’Udinese, una botta. Per i crociati, una cuccagna. Si, la D’Aversa band ora vuole divertirsi e rendere pingue il bottino. Ci riesce. Gervinho corre come nemmeno Mennea nei giorni di grazia, sente che Inglese raggiunge l’area piccola, poi lo vede, dunque lo serve. Il numero 9 di sinistro, in estirada, fissa a 3 le marcature del Parma. E proprio contro i friulani, un anno fa, ma alla prima giornata, a Parma, siglò la sua prima rete con la maglia del Parma. Si, il Friuli per i colori giallo e blù crociati è ancora dolce. Ma ora, si tenga ben presente la teoria del dottor D’Aversa: dopo Udine lo scorso anno (dove guarda caso segnarono Gervinho ed Inglese) ci fu il baratro. Ora è lecito attendersi qualcosa di diverso. Luca Savarese

Carmina migliore: Kulusevski. Qualità da vendere, due assist al bacio. Se il buongiorno si vede dalla seconda giornata…

Carmina peggiore: Iacoponi. La corsa imprendibile, con gol, di Lasagna lo frastorna, rimanendogli in testa per tutta la gara.

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

25 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / FRIULI DOLCE FRIULI, MA ORA LA CRESTA VOLI BASSA, EVITANDO DI STACCARE LA SPINA COME UN ANNO FA…

  • 2 Settembre 2019 in 07:38
    Permalink

    Il migliore : Gervinho. Il peggiore : Iacoponi. Urge centrale difensivo, lo ha detto anche il Mister nel dopo partita.

  • 2 Settembre 2019 in 09:45
    Permalink

    3 (TRE) contropiedi 3 (TRE) goal….

    Il culo di D’Aversa è immenso…………

    Gli proporrei di giocare al Superenalotto….

    • 2 Settembre 2019 in 10:58
      Permalink

      Se ha culo D’Aversa cosa dovremmo dire della Juve???
      Siamo in trasferta, contro una più che discreta squadra che la settimana prima aveva battuto Il Milan, forte fisicamente e brava a chiudersi, più di così cosa doveva fare il Parma? Peraltro come ha scritto qualcuno abbiamo vinto in rimonta.
      Sempre e solo forza Parma

  • 2 Settembre 2019 in 10:39
    Permalink

    Basta con questa storia del culo,non fa più ridere. Ieri possesso palla 48%, diamo un po’ di tempo…

  • 2 Settembre 2019 in 10:44
    Permalink

    Forse tanto c**o non sarà se ha i giocatori adatti per cinismo e caratteristiche a sfruttare le ripartenze…

  • 2 Settembre 2019 in 10:51
    Permalink

    Ieri si è aperto il settembre gastronomico e questa è la settimana del pomodoro (la smana ad la tomaca), pietra angolare, architrave, colonna portante di Ponte Caprazzucca e degli industrialotti (piòcioni) locali. Gli sbuffanti vecchi camion carichi di oro rosso che rallentano le nostre strade (disperdendo anche una parte del prezioso carico con pericoli per i poveri ciclisti come me) nel mese di agosto e settembre diretti a Montechiarugolo o Madregolo sono quello che l’automobile era a Torino e che Fasebuc, Eppol e Gugol sono a San Fransico. Guardando la presentazione in pompa magna dell’evento spiccavano alle spalle della Presidente i prestigiosi loghi degli Upini che generosamente contribuiscono agli eventi in cartello, tra cene, beccate, degustazioni, passando da un pomodoro a un’acciuga, da un tubetto di concentrato a una scaglia di parmigiano. Di tutti i grandi marchi che “generosamente” spendono qualche migliaia di euro per offrire due acciughe e 4 bruschette con il concetrato in piazza non ce n’è uno che è uno che si degna di fare non dico l’ottavo magnifico, ma il 5 sponsor di maglia. Abbiamo un produttore di calzature da lavoro di Salerno (che ovviamente ringraziamo) e NON c’è un tomaccaro, un acciugaro, un buslotaro. Capisco che la cena dei mille sia un evento molto dispendioso, che a ghè la crisi e che la tecnolgia per le tomacche e le sardine corra velocissima costringendo i poverio industrialotti a continui investimenti però sarebbe ora (a saris ora) che la micragnosità andasse oltre 4 beccate sotto i portici del grano.
    In attesa di vedere come i muratori bergamaschi hanno lasciato le povere latrine dell’Ennio vorrei aprire un tema.

    SI UO’ SAPERE CHI SONO QUEI 4 DEMENTI CHE QUANDO VENGONO LETTE LE FORMAZIONI FISCHIANO AL NOME DI D’AVERSA????????? E’ una roba imbarazzante che va avanti da tempo e si è riproposta anche con la Juve. Non riesco a distinguere da dove provengono e sta gente meriterebbe di finire in mano ai tomaccari, acciugari e buslotari che potrebbero deliziarli con qualche bella tartina e un bel campionati di 1 categoria.

  • 2 Settembre 2019 in 11:01
    Permalink

    basta andare a rivedere i 3 goal, falso storico che siano 3 contropiedi: nel primo 8 giocatori del Parma nella metà campo e 11 dell’Udinese (contropiede classico proprio..), nel secondo palla rubata e un terzino che segna; nel terzo contropiede certo ma con 4 giocatori del Parma in area. Poi se hai un fenomeno come abbiamo noi cosa facciamo? nn lo utilizziamo così facciamo contenti 4 iper criticoni che manco vedono la partita e scrivono, scrivono e scrivono. C…o ma non va mai bene niente per qualcuno.
    Vuoi mettere giocare spettacolare come l’Empoli e sabato giocare a Castellamare di Stabia invece che a Roma…..mahhhh, roba da matti. Buona settimana a tutti

  • 2 Settembre 2019 in 11:42
    Permalink

    Ludovico moro c’mè un cornaciò

  • 2 Settembre 2019 in 11:48
    Permalink

    stranamente il dr. Davide non cita prosciuttai, impiantisti e supermercatari,…
    E pensare che il mio fruttivendolo ha la villa a Forte dei Marmi..

  • 2 Settembre 2019 in 11:56
    Permalink

    complimenti al fruttivendolo. Regge l’urto della catena Mailk che ha aperto in ogni angolo della città. Wiwa il pakistan fruttarolo che ha monopolizzato il mercato

  • 2 Settembre 2019 in 11:59
    Permalink

    ADOTTA ANCHE TU un difensore centrale SVINCOLATO..

    sta a vedere che giro ha fatto SKRTL per venire a giocare con Bruno Alves !!! STAI A VEDERE che succede entro stasera ..!!

    • 2 Settembre 2019 in 14:09
      Permalink

      Ieri sera davano per certo il ritorno di Sierralta, spero che stavolta sia a titolo definitivo. La rosa e’ ampia e D’Aversa potrà prendersi il lusso di programmare rotazioni per arrivare ad avere sempre in campo giocatori non spremuti. Ieri abbiamo visto come, grazie a più fisico e qualità, si sia gestita la partita senza farsi assediare. Il Parma quest’anno ha il potenziale per non ancorarsi ad un unico modulo di gioco

    • 2 Settembre 2019 in 16:12
      Permalink

      senza illudermi ci spero anche io, lui da svincolato si puo trattare anche nei prossimi giorni

  • 2 Settembre 2019 in 12:12
    Permalink

    Il parsùt e consorziati vari sono già stati parculati dai lumbard Beretta che ci supportano dall’inizio. Supermercatari a parte Paladini Otello, che indirettamente contribuiva sponzorizzando Piovani a Bar Sport e fornendo le bocce di lambro e la torta fritta che veniva offerta non ne ricordo. Purtroppo a parte tomaccari, acciugari, buslotari e qualche mugnaio resta solo il produttore di aspirine ma aspettare un euro da questo qui è come aspettare Matri, Caputo o Jacopo Sala.
    Anzi per aiutare l’Upi proporrei una volta individuati i 4 dementi che fischiano il nome di D’Aversa di mandarli in punizione sulle strade a catar su le tomacche spatassate. In questo modo anche i tifosi contribierebbero ad aiutare l’UPI che potrebbe aiutare il Parma.

  • 2 Settembre 2019 in 14:08
    Permalink

    ah bè, se Paladini Otello ha già supportato Piovà alimentandolo, non credo gli si possa chiedere di più… lè’ belè un gran sforzs!

  • 2 Settembre 2019 in 14:42
    Permalink

    Come già ben introdotto dal ns esperto in materia, DAVIDE, si è aperto il settembre gastronomico e, in quel di Collecchio la
    TO
    MA
    CA
    FEST ….

    praticamente il trionfo dell’ortolina, della passata e pure di noi
    PELATI
    nel mio articolo di domani un servizio fotofragico sul tema !!

  • 2 Settembre 2019 in 14:45
    Permalink

    Qualcuno non s’e mai fatto questa domanda
    ” Come mai Chiellini dopo averci segnato
    fortunatamente il gol che ingiustamente
    ci ha sconfitto si è rotto i tendini?”
    Semplice ma non ve lo dico ma ve
    lo farò capire. 💕 💕
    Dovete sapere che sono stato tre
    anni nellAfrica nera e lì ho imparato la magia
    nera, riti vodoo e malocchi vari
    di ultima generazione
    Ora sono un maestro. 🌙 🌙 🌙
    Ora spero avrete capito perché Chiellini con
    quel gol si è giocato i legamenti.

  • 2 Settembre 2019 in 14:46
    Permalink

    Andate a tifare la juve invece di scrivere minchiate sempre e cmq a sfavore della squadra…dopo un po anche basta

  • 2 Settembre 2019 in 15:09
    Permalink

    Anca Greci o Galvani am ricordi mia.

  • 2 Settembre 2019 in 15:19
    Permalink

    “il Parma, lo mette, massaia esperta, nella marmitta dove le riesce meglio la sua insalata fresca e poco digeribile per gli avversari ”
    Poesia pura …
    Mi piace molto , I like , Me gusta …..
    Mi ha fatto molto felice , mi ha fatto una sonrisa ..perche mi piace el arte de la poesia … e’ in il calcio iguale de la guerra e’ importante vincere …e Parma ha vinto in su manera ….

  • 2 Settembre 2019 in 16:17
    Permalink

    Alessio z.: Andate a tifare la juve invece di scrivere minchiate sempre e cmq a sfavore della squadra…dopo un po anche basta

    Quando non si hanno argomenti….si risponde in sta maniera…

    • 3 Settembre 2019 in 08:48
      Permalink

      Tre commenti tre c…te.
      Cosa dovrei consigliare?
      Nulla perchè hai l’età per decidere cosa fare, ma ti consiglio di vivere un pò più serenamente gli eventi sportivi.
      Se non godi un pò quando vinci tanto vale prendere il cilicio.

  • 2 Settembre 2019 in 17:05
    Permalink

    Sicuramente sei juventino reggiano o frustrato…sennò non me lo spiego

  • 2 Settembre 2019 in 23:27
    Permalink

    Kulusevski bene? Ni. Ok, i 2 assist, ma in mezzo al nulla. Si vede che fatica da ala.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI