FAGGIANO RINNOVA FINO AL 2022: “MUNARI E SILIGARDI FUORI LISTA: PER LE OPERAZIONI IN USCITA SI LAVORA TRA LE PARTI, SOCIETA’ E CALCIATORE CHE VALUTANO ASSIEME CHE FARE” (VIDEO CONFERENZA)

faggiano 2022(www.parmacalcio1913.com) – La Società Parma Calcio 1913 comunica di aver rinnovato il contratto con il Direttore Sportivo Daniele Faggiano, ora legato al club crociato fino al 30.06.2022

“Il rinnovo di Daniele Faggiano – ha dichiarato il Presidente del Parma Pietro Pizzarotti – è un altro tassello fondamentale per una società come la nostra che sta programmando e sta lavorando per cercare di strutturarsi, crescere, migliorare e guardare sempre avanti. Siamo davvero contenti di questo rinnovo, formalizzato nelle scorse settimane: speriamo di toglierci insieme delle grandi soddisfazioni”.

(www.parmacalcio1913.com) – Terminata la sessione estiva di mercato e a seguito dell’annuncio del suo rinnovo di contratto fino al 2022, il Direttore Sportivo del Parma Calcio, Daniele Faggiano, ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Sportivo di Collecchio.

Ecco le sue parole:

daniele faggiano conferenza stampa 04 09 2019“Se siamo qui è grazie a tutti a quelli che lavorano in società dietro le quinte; sapete bene che abbiamo tanti soci e cerchiamo sempre di confrontarci: dopo averlo fatto siamo sempre più compatti e uniti. Il nostro mercato è stato diverso dagli altri anni, la scorsa stagione eravamo una neopromossa, abbiamo dimostrato di potercela fare tutti insieme, abbiamo sofferto nelle ultime gare ma siamo riusciti nel nostro obiettivo. Abbiamo cercato in questa stagione di fare meno prestiti possibili o di fare prestiti che possiamo cercare di riscattare e portare a casa, facendo patrimonio con giocatori di proprietà. Allo stesso tempo abbiamo guardato all’oculatezza con pagamenti dilazionati negli anni e per questo ringrazio anche le società da cui sono arrivati i giocatori”.

“Abbiamo cercato di abbassare l’età media della squadra, creando inoltre un mix tra giovani e gente d’esperienza. L’unico prestito secco è stato Kulusevski, abbiamo tentato di cercare un riscatto o un’opzione, ma l’Atalanta ha investito sul ragazzo; abbiamo però vinto la concorrenza di diverse squadre di Serie A per poterlo portare al Parma”.

“In uscita c’erano giocatori arrivati anche prima di me e D’Aversa, se non li avessimo avuti in rosa negli anni magari non saremmo qui a parlare di Serie A: mi riferisco a gente come Ricci, Simonetti, Nardi, Baraye”.

“Abbiamo fatto diverse operazioni. Lavorando sodo tutti insieme siamo riusciti a concluderne sia in entrata che in uscita cercando di fare un mercato ci dia i ricambi giusti in caso di infortuni: l’anno scorso siamo andati in difficoltà anche per le assenze, quest’anno mi auguro ce ne siano il meno possibile, per fare in modo che i tifosi siano tranquilli”.

“Mi auguro di fare un punto in più dello scorso anno, poi ovviamente l’ambizione c’è sempre e da parte di tutti. Il lavoro svolto per avere giocatori di proprietà come Grassi, Sepe, Inglese, Cornelius o Karamoh me lo ha permesso la società. Essere felici significa prima di tutto mantenere la categoria. L’ambizione non manca, vogliamo fare tutti bene e non soffrire”.

“Darmian come operazione arriva da lontano, se ne era parlato, si era detto fosse poco possibile per le cifre e magari perchè il giocatore non era certo si potesse muovere dall’estero, poi insistendo e lavorandoci si è arrivati in dirittura d’arrivo, quando la notizia è uscita era in realtà da tanto che se ne parlava. Sono felice, anche il Mister lo è per aver riportato in Italia un Darmian che vuole riconquistare la nazionale e dunque ha uno stimolo in più. Gli svincolati? Prendendo Darmian abbiamo fatto un grosso sacrifico, il mercato è chiuso, spero tutto vada bene e non si abbia bisogno numericamente di un difensore, chi c’è deve farsi trovare pronto per giocare. Munari e Siligardi sono fuori lista, per le operazioni in uscita si lavora tra le parti, società e calciatore, che valutano assieme cosa fare. Al momento c’è questa situazione”.

“Il calciomercato lo vivo con l’adrenalina di un atleta, sono felice di tutti i ragazzi che abbiamo qui, abbiamo scelto con il Mister, la squadra è buona e ci può dare soddisfazioni. I tifosi si fanno sentire anche in trasferta, vorrei sempre questo spirito, anche quando le cose non vanno bene, come quando la curva ci ha aiutato nel 3-3 con la Sampdoria lo scorso anno, quel punto ci è servito per la salvezza. Balotelli? la trattativa è nata e morta, il giocatore ci piaceva, ma il nostro primo obiettivo era Inglese, abbiamo lavorato molto per portarlo qui: la prima cosa fondamentale dell’operazione Inglese è stato lo stesso Roberto e il suo agente, poi noi e il Napoli eravamo sullo stesso piano, ma la volontà del calciatore è stata importante, fino alla firma c’è stata qualche squadra che ha offerto anche di più, ma i buoni rapporti hanno fatto sì che il Napoli non si scomponesse e anche Roberto non si è scomposto”.

“La mia fortuna è stata che certi giocatori volevano restare a Parma. Gervinho? Si sono avvicinati intermediari, non abbiamo ascoltato offerte né noi, né gli agenti né lo stesso Gervinho. Tutti ci sentiamo più responsabili ogni anno che passa, come lo scorso anno quando ci davano tutti per spacciati. Noi abbiamo voglia di fare sempre meglio con meno errori possibili, ora è tutto bello, ma i complimenti li vorrei a giugno e non ora”.

“In entrata abbiamo operato delle scelte, sono stati fatti dei conti e sono tutti pagamenti dilazionati e ammortizzati negli anni: quando leggo calcoli e cifre è come se si dovesse cercare il pelo nell’uovo, non sempre si sa come certe operazioni vengono fatte. Ma quello che vi posso assicurare è che non si vuole tornare indietro a situazioni già vissute. Karamoh? Deve diventare importante per noi, ha le qualità per essere importante in Serie A, ci crediamo tanto, dobbiamo metterlo nelle condizioni giuste per lavorare, deve essere sempre positivo. Non lo abbiamo proposto a nessuno, ce lo teniamo stretto”.

“I rapporti con l’Inter da parte mia ci sono sempre stati, ora con il Parma si sono intensificati grazie alla serietà della nostra società: con Bastoni e Dimarco ora l’Inter può lavorarci sapendo di avere giocatori con più presenze nella massima serie, loro hanno visto come lavoriamo e il rapporto si è rafforzato”.

Per la mia firma sono soddisfatto, qui porto le mie esperienze: sto bene con la società, ci sono punti di vista a volte diversi però l’unione è la cosa più importante, a volte si sbaglia ma l’intento è fare il bene del Parma”.

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DEL DS DANIELE FAGGIANO

Stadio Tardini

Stadio Tardini

13 pensieri riguardo “FAGGIANO RINNOVA FINO AL 2022: “MUNARI E SILIGARDI FUORI LISTA: PER LE OPERAZIONI IN USCITA SI LAVORA TRA LE PARTI, SOCIETA’ E CALCIATORE CHE VALUTANO ASSIEME CHE FARE” (VIDEO CONFERENZA)

  • 5 Settembre 2019 in 20:29
    Permalink

    Rinnovo meritato. Questa estate il direttore si è riscattato alla grande dopo le schifezze di gennaio http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 6 Settembre 2019 in 08:36
    Permalink

    Ho letto anche io caro velenoso ma cmq è tutto da vedere. Questo vuole giocarsi la possibilità di tornare in nazionale. Nell’Inter sarebbe chiuso e dovrebbe dire addio ai suoi sogni. Dall’altra parte, se hai letto bene, lo scambio sarebbe eventualmente con Bastoni. Quindi tanto male l’operazione non farebbe.http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 6 Settembre 2019 in 16:35
    Permalink

    SI, però ho come l’impressione che stiamo diventando una società di passaggio per i giocatori. Anche tal Espinoza avrebbe detto rilasciato un’intervista in cui lascia tranquillamente intendere che il suo obiettivo è andare all’Inter e che è a Parma praticamente di passaggio. Per carità, ci sta avere come obiettivo quello di andare all’Inter, ma ci vuole rispetto per il Parma e per Parma. Adesso si legge di Darmian che è qua fino a gennaio e poi ciao?Ma cosa stiamo diventando?La succursale dell’Inter??

    • 6 Settembre 2019 in 21:57
      Permalink

      Succursale del Inter speriamo di no ed è uno dei motivi per cui a parere mio è un mercato da 8 e non 10, però società di passaggio direi che è meglio rassegnarsi, se lo eravamo nell era tanzi..

      • 6 Settembre 2019 in 23:24
        Permalink

        Vero, però c’è modo e modo e secondo me Simone T. ha ragione, un qualche messaggio andrebbe lanciato. A dir la verità non mi ha fatto impazzire nemmeno la presentazione di Datmian, che suonava tanto “mi sono abbassato a venire da voi perché eravate gli unici che mi garantivano la
        possibilità di andare in nazionale “.

        • 7 Settembre 2019 in 09:19
          Permalink

          Ricordo che negli anni novanta, nonostante la posizione sempre di alta classifica della squadra vi furono addirittura dei rifiuti oltre che dei tentennamenti per venire a Parma se vi ricordate scambio Crespo – Salas Conceicao, poi Toldo e altri ancora, battute dopo essere andati via sulla città del tipo “una via con qualche casa intorno”. La nostra dimensione é questa come città, ma dobbiamo esserne orgogliosi e se l’intelligenza di certi giocatori si limita a questo peggio per loro. Per quanto riguarda la società penso stia crescendo nella maniera giusta senza passi piu lunghi della gamba riportandoci se non nelle zone altissime almeno in quelle piu tranquille, consolidandosi anno per anno, tra qualche anno anche per qualche giocatore spocchioso a inizio o a nel pieno della carriera saremo un punto di arrivo.

  • 6 Settembre 2019 in 16:42
    Permalink

    Essendo impegnato a seguire il settembre gastronomico, oltre a tutto il caleidoscopio di eventi collecchiesi legati alle tomacche, non ho potuto seguire l’evento (cena o beccata) del PPC (Piociòni Parmigiani Confederati) – unica compagine sociale al mondo che qualora venga deliberato un aumento di capitale c’è un altro (ovvero i 7) che lo fanno per loro – alle Fiere. L’unica cosa che mi interessa da scaramantico quale sono è questa: il cav. Chiapponi svolge ancora un ruolo apicale all’interno del prestigioso sodalizio?L’esserci liberati dell’uccellaccio nero del malaugurio al luendì è già qualcosa ma avere ancora il cav. Chiapponi sarebbe ancora di aiuto.

    • 6 Settembre 2019 in 22:00
      Permalink

      Piocioni Parmigiani confederati è il top
      D altronde il rango è troppo elevato per mischiarsi ai componenti dell altra pietra miliare ccpc

  • 7 Settembre 2019 in 12:20
    Permalink

    Mi chiedo perché nessuno ha smentito quanto scritto sul Corriere dello Sport (è quindi vero?) a proposito del parcheggio qui fino a gennaio per la rimessa in forma e passaggio alla strisciata e perché alla presentazione del colpo numero uno del mecato c’era il solo Lucarelli e sembrava un funerale.

    • 7 Settembre 2019 in 13:05
      Permalink

      si, probabilmente le cose stanno proprio così. E allora? Godiamocelo finchè rimane e sfruttiamo al meglio ogni punto in più che ci potrà dare. Poi… tanti saluti e grazie.

  • 7 Settembre 2019 in 14:00
    Permalink

    Non c’era niente da smentire perché era una ipotesi fatta dal giornale, poi Conte sulla fascia destra predilige dei cursori tornanti più offensivi che difensivi: Lazaro e Candreva, mentre D’Ambrosio é impiegato nei tre centrali.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI