LAZIO-PARMA 2-0 (FINALE), HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

LAZIO PARMA 23 09 2019

LAZIO-PARMA 2-0, CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

LAZIO-PARMA 2-0 – IL TABELLINO

Marcatori: 8′ pt Immobile, 22′ st Marusic

LAZIO – Strakosha; L. Filipe, L. Leiva (29′ st Parolo), L. Alberto, Correa, Immobile (18′ st Caicedo), Lulic (Cap., 40′ st Jony), Milinkovic Savic, Radu, Acerbi, Marusic. All. Inzaghi
A disposizione: Guerrieri, Proto, Patric, Berisha, Bastos, Lazzari, Cataldi, Adekanye, Vavro

PARMA –  Sepe; Iacoponi, Inglese (40′ st Cornelius), Hernani Jr, Brugman (34′ st Sprocati), Barillà, Bruno Alves (Cap.), Gervinho (30′ st Karamoh), Darmian, Kulusevski, Pezzella. All. D’Aversa
A disposizione: Colombi, Alastra, Dermaku, Laurini, Scozzarella, Gagliolo

Arbitro: Sig. Rosario Abisso di Palermo

Assistenti: Sigg. Tarcisio VIlla di Rimini e Lorenzo Gori di Arezzo 

IV Ufficiale: Sig. Daniele Minelli di Varese

V.A.R: Sig. Davide Massa di Imperia 

A.V.A.R.: Sig. Stefano Liberti di Pisa

Ammoniti: Kulusevski, L. Leiva, Barillà, Iacoponi

Calci d’angolo: 10-5

Recupero: 0’+ 4’

LA DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

All’Olimpico la squadra di D’Aversa affronta i biancocelesti, entrambe le compagini sono chiamate al riscatto, la Lazio, infatti, è reduce da due sconfitte consecutive mentre i crociati, domenica scorsi, sono stati battuti in casa propria dal Cagliari. Queste le due formazioni che scenderanno in campo a chiudere la quarta giornata di campionato:

LAZIO: Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Marusic, Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto, Lulic; Immobile, Correa. Allenatore: Simone Inzaghi

PARMA CALCIO 1913: Sepe; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves, Pezzella; Brugman, Hernani, Barillà; Kulusevski, Inglese, Gervinho. Allenatore: Roberto D’Aversa

01′ sono i padroni di casa a dare il via al match, la formazione che ha schierato Inzaghi lascia spazio a pochi dubbi: l’intento è quello di attaccare immediatamente l’avversaria

02′ iniziale possesso palla della squadra capitolina; Parma dietro alla linea del pallone che attente pronto alla ripartenza

03′ si prova a portare in avanti i gialloblù; la Lazio aveva perso la palla a centrocampo e i ragazzi di D’Aversa sono partiti quindi al contro-attacco con Kulusevski che serve infine Inglese. Quest’ultimo prova la conclusione ma senza fortuna, risultato che rimane, quindi, ancora in parità. Il suo destro aveva provato a sorprendere il portiere biancoceleste dirigendosi sul primo palo

05′ occasione Lazio con Correa. L’attaccante, però, sbaglia la conclusione a rete di qualche millimetro, per fortuna dei gialloblù. Il destro dell’argentino, infatti, termina di poco lontano dall’incrocio dei pali della porta difesa da Sepe

08′ Immobile non perdona e la Lazio si porta così in vantaggio grazie ad una verticalizzazione di Luis Alberto che riesce così a servire ottimamente il compagno. Quest’ultimo è bravo ad inserirsi nel corridoio vuoto lasciato dalla coppia Darmian-Iacoponi

10′ Milinkovic-Savic prova la gran botta ma la conclusione si perde sul fondo alla destra del portiere crociato

14′ il Parma ha perso metri grazie al pressing dell’avversaria, prova ad organizzare la squadra ospite il proprio gioco affidandosi a Gervinho, ma gli spazi sono chiusi. La formazione di D’Aversa è costretta ad un lungo palleggio

19′ ha guadagnato metri il Parma che si dimostra vivo e pronto a cercare di rimettere in parità il risultato

21′ brividi per la squadra di casa il cui portiere si dimostra impreparato in un retropassaggio e impreciso al rinvio. Il Parma, però, non ne approfitta

22′ salva il portiere laziale la propria squadra. Bell’intervento sul tiro di Roberto Inglese

24′ ammonito Kulusevski reo di essere entrato fallosamente su Correa. L’argentino stava cercando la ripartenza

30′ Inglese si fa nuovamente vedere nell’area biancoceleste

31′ la risposta dei padroni di casa non solo è immediata ma rischia di essere anche letale; Correa prova il sinistro sul primo palo ma interviene Sepe bloccando l’azione dell’avversaria

35′ punizione per la Lazio; i capitolini si affidano a Luis Alberto, pallone che si infila in area ma nessuno è pronto alla ribattuta, nemmeno Sepe che sbaglia, invece, pericolosamente l’uscita. Per fortuna la sfera si perde sul fondo

39′ circolazione del pallone dei padroni di casa sulla trequarti offensiva ma non trovando il varco giusto per penetrare nell’area crociati; confermano, però, che, in questo momento, sono senza dubbio padroni del campo

45′ termina il primo tempo di questa gara, per l’arbitro non è necessario il tempo di recupero e manda quindi tutti negli spogliatoi. Parma che, nonostante lo svantaggio, accusato dopo solo qualche minuto dall’inizio della gara, ha dimostrato la propria volontà di rimettersi in carreggiata

46′ ripartiti; subito un giallo per Leiva, il laziale ha infatti fermato in modo irregolare la ripartenza di Darmian

48′ botta al limite dell’area di Immobile, il bomber cerca il raddoppio ma Sepe si dimostra vigile e pronto all’intervento, il destro dell’attaccante biancoceleste è violento ma comunque centrale. Brividi per il pubblico crociato

54′ Lazio che controlla il match

58′ Bruno Alves ci mette una pezza ed intercetta il cross di Immobile diretto verso il secondo palo dove stava sopraggiungendo Correa

59′ palo dei laziali con Luis Alberto che calcia direttamente dalla bandierina

61′ giallo anche per Barillà; il crociato entra in ritardo su Luiz Felipe

63′ padroni di casa vicini al raddoppio con Correa servito ottimamente da Immobile: ottima intesa tra i due ma la conclusione viene deviata in corner

63′ prima sostituzione della partita ad opera di Simone Inzaghi che sceglie proprio di togliere dal terreno di gioco Immobile che lascia spazio a Caicedo. Tensione tra l’attaccante della nazionale italiana e il tecnico biancoceleste, Immobile non ha di certo gradito la sua scelta ma si accomoda poi in panchina

67′ raddoppia la Lazio con Marusic; un goal “semplice” favorito dall’errore difensivo di Pezzella che li lascia lo spazio per calciare. Sembra quindi in cassaforte ora il risultato per la squadra capitolina

74′ seconda sostituzione per la Lazio: dentro Parolo al posto di Leiva

75′ effettua la sua prima sostituzione anche D’Aversa: abbandona il terreno di gioco Gervinho, accompagnato da uno scrosciare di fischi, probabilmente per il suo passato giallorosso, ed entra Karamoh

78′ Parma che sembra aver perso la speranza, cerca di dare una scossa alla squadra l’allenatore crociato: fuori Brugman per Sprocati

83′ la Lazio ha abbassato i ritmi e si limita ora alla gestioni di questi ultimi minuti finali

84′ fuori Lulic a cui subentra Jony per quanto riguarda le fila biancocelesti. Il Parma, invece, rileva un evanescente Roberto Inglese, al suo posto D’Aversa inserisce Cornelius

90′ unica emozione di questi ultimi minuti: il giallo a Iacoponi che entra fallosamente su un attaccante della Lazio

91′ tenta di trovare la terza rete Caicedo

Termina il match dell’Olimpico, Parma che raccoglie ancora una volta una sconfitta, certo, l’avversaria non era di quelle più abbordabili ma è anche vero che, nel secondo tempo, i crociati sono scomparsi dal terreno di gioco. L’unico sorriso di gioia rimane, per ora, quello raccolto a Udine. Un inizio complicato ma che speriamo che i crociati possano ribaltare già a partire da Mercoledì quando li attende la sfida contro il Sassuolo.

 

 

52 pensieri riguardo “LAZIO-PARMA 2-0 (FINALE), HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ILARIA MAZZONI

  • 22 Settembre 2019 in 20:49
    Permalink

    Forza Ragazzi …💪💪

  • 22 Settembre 2019 in 20:54
    Permalink

    Iniziamo bene.

  • 22 Settembre 2019 in 21:09
    Permalink

    Avevo detto due giorni fa Immobile dopo 20 buoni minuti…mi sono sbagliato di 12 ero stato troppo ottimista

  • 22 Settembre 2019 in 21:31
    Permalink

    Peccato davvero. Partita da 6 nel complesso. Con un po’ più di attenzione e convinzione possiamo pareggiarla.

  • 22 Settembre 2019 in 21:33
    Permalink

    Partita a ritmi bassissimi , possesso palla che la Lazio ti consente per poi partire in contropiede. Squadra che non sa difendere. Ogni volta che la Lazio sale può segnare. Gervinho e inglese per ora sono due zavorre. Il che non lascia tranquilli in generale. Sarà un momento così. Speriamo… In ogni caso, ci sono possibilità di rimediare al risultato.

    • 22 Settembre 2019 in 21:34
      Permalink

      Credo che ci si dimentichi sempre, però, del valore oggettivo dell’avversaria, qualche volta..

  • 22 Settembre 2019 in 21:37
    Permalink

    Stiamo giocando una buona partita, squadra in crescita fisica e di gioco. Non fischiati almeno tre falli su ripartenze di Gervinho, occhiali per l’arbitro. Ma è incredibile prendete gol in fotocopia Udine, non possiamo difendete così alti in linea.

  • 22 Settembre 2019 in 21:39
    Permalink

    A me sembra che la Lazio di stasera non faccia molto. Ti aspetta e riparte. Ripeto abbiamo molti problemi a difendere. Posso anche scrivere che iacoponi si impegna molto ma non può giocare in serie A e Alves ha le gambe che pesano 1 tonnellata. Del resto si sa che la squadra manca di almeno un difensore centrale e ha un centrocampo che con questi interpreti non filtra molto. Credo ci siano più mancanze del Parma che meriti della Lazio stasera. Punti di vista ovviamente. Poi spero nel: pareggio

  • 22 Settembre 2019 in 21:50
    Permalink

    Iacoponi contro Correa sembra Manenti contro Abramovic

  • 22 Settembre 2019 in 22:10
    Permalink

    Mama che difesa

  • 22 Settembre 2019 in 22:14
    Permalink

    Alla prossima azione della Lazio mi alzo dal divano e vado a fare io la diagonale forse arrivo prima di Alves

  • 22 Settembre 2019 in 22:20
    Permalink

    Mo mama che pena. Ma era tutto previsto. La condizione di Inglese è pari a quella di un ospite della casa di riposo di Ramiola.

  • 22 Settembre 2019 in 22:21
    Permalink

    Siamo quelli dell’anno scorso meno Ceravolo

  • 22 Settembre 2019 in 22:21
    Permalink

    Dai forza, godete brutti cornacchioni che non siete altro.
    Se c’è un bagno nelle vostre vicinanze approfittatene.
    Sempre contro, sempre inversi. Doppio dispiacere: la perdita del Parma ed il vostro bieco godimento.

  • 22 Settembre 2019 in 22:24
    Permalink

    abbiamo un’allenatore scolastico fino alla nausea, squadra in balia ma non cambia perce deve aspettare il settantesimo per forza, cos’e’ ? scaramanzia? ma va’….

  • 22 Settembre 2019 in 22:25
    Permalink

    Facciamo quasi compassione. Che amarezza

  • 22 Settembre 2019 in 22:27
    Permalink

    In effetti vedendo Pezzella capisco perché gioca Gagliolo. Solita pena a Roma, secondo tempo da squadra amatoriale

  • 22 Settembre 2019 in 22:28
    Permalink

    Secondo tempo imbarazzante

  • 22 Settembre 2019 in 22:28
    Permalink

    Non difendiamo, non giochiamo, davanti lasciamo perdere, pezzella mi fa rimpiangere gagliolo, in mezzo siamo piu lenti che mai…… Non si tratta di essere gufi, ma realisti

  • 22 Settembre 2019 in 22:30
    Permalink

    La solita annosa pena targata d’Aversa. Secondo tempo con squadra passiva in tutto. Zero soluzioni in attacco e manco più in grado di difendere. Dura massimo altre quattro partite se va avanti così , sempre ci siano i mezzi finanziari per cambiarlo. Stasera dirà che nel primo tempo potevano pareggiare e solo gli errori individuali hanno impedito alla squadra di ottenere almeno un punto meritato. Ovvero colpa dei giocatori , mai sua che in quattro anni non ha dato un solo schema in attacco alla squadra .

  • 22 Settembre 2019 in 22:31
    Permalink

    Mi piacerebbe sapere cosa abbiamo preso negli spogliatoi. Troppa valeriana? Troppo thè caldo, vista la serata? Un secondo di imbarazzante pochezza, grinta e tattica. Non ci siamo proprio.

  • 22 Settembre 2019 in 22:35
    Permalink

    Facciamo pietà gervinho e inglese 2 zombie

  • 22 Settembre 2019 in 22:35
    Permalink

    Bene dai, gita a Roma finita. Ora dovrebbero tornare tutti a casa con gli sbuffanti mezzi porta-tomacche e magari dimenticarsi di D’Aversa in un qualche autogrill sulla dorsale appenninica. Se non si cambia allenatore qui si va giù secchi come un chiodo. Ad oggi siamo la peggiore squadra del campionato. SVEGLIATEVI

  • 22 Settembre 2019 in 22:36
    Permalink

    Avversario troppo superiore tecnicamente. Non sono queste le partite che dobbiamo vincere.
    Certo è che se fai i cambi già sul 2-0… ta bé. Ma è un film già visto.
    E pare che a qualcuno piaccia. A me ha fiaccato.

  • 22 Settembre 2019 in 22:36
    Permalink

    Non pervenuti

  • 22 Settembre 2019 in 22:37
    Permalink

    Delle sconfitte del Parma c’è però un lato divertente: andarsi a rivedere le interviste del pre partira di D’Aversa.

  • 22 Settembre 2019 in 22:38
    Permalink

    Evito di commentare una partita incommentabile. Dopo una campagna acquisti che sembrava positiva, pensavo di vedere una squadra diversa dall’anno scorso ed invece uguale come l’anno scorso. Solo che quest’anno sono tutti più forti

  • 22 Settembre 2019 in 22:40
    Permalink

    Dopo il Cagliari abbiamo guarito anche la Lazio
    Sembravano una squadra mediocre di pensionati.
    Siamo una squadra peggiore di quella dello scorso anno.
    UNA SQUADRA IMBARAZZANTE.
    Come rimpiango BALOTELLI.
    Abbiamo un attacco alla Ridolini
    Una difesa da vomito.
    Il migliore?
    KARAMOH
    che guarda caso con D’Aversa non gioca mai.
    Gervinho sono due partite che non solo è il peggiore
    del Parma ma è il peggiore in campo.
    Gervinho va lasciato in panchina sine die.
    Ma cosa gli è successo?
    Si è per caso imbocchito?

  • 22 Settembre 2019 in 22:43
    Permalink

    PEZZELLA che bell’esordio di merda..complimenti.2 TEMPO IMBARAZZANTE.Salvo solo Hernani e Kulusewsky.ed ora testa al sassuolo..con quelle iene di caputo e berardi…mama mia..sperema ben!

  • 22 Settembre 2019 in 22:43
    Permalink

    Speriamo che la prossima gita a Roma per incontrare i giallorossi sia in pullman e non in treno. Proviamole tutte. Tra cui portare Grassi Kucka e Inglese a Lourdes

  • 22 Settembre 2019 in 22:47
    Permalink

    Avevo detto che ne prendevamo 3, mi sono sbagliato di poco

  • 22 Settembre 2019 in 22:50
    Permalink

    E ora tutti A CASA.
    LA GITA FUORI PORTA È FINITA.
    Mercoledì si perde anche col Sassuolo
    e domenica anche col Torino.
    Dopo queste due partite andrò in solaio
    a prendere l’incartamento per l’esonero
    di D’aversa
    Il dopolavoro ferroviario di Nola
    corre molto più di noi.
    Forse oggi avremmo perso anche con loro.
    Oggi abbiamo camminato.
    Mi spiace per INGLESE
    In tribuna c’era Mancini.
    La Nazionale può solo sognarsela
    dopo aver mangiato pesante la sera.
    SI TORNA IN B se rimane D’Aversa.
    FIDATEVI DI ME.

  • 22 Settembre 2019 in 22:51
    Permalink

    Credo che Gervinho abbia un problema di condizione fisica. È arrivato in agosto in ritiro e da subito ha segnato nelle amichevoli . Segno che non ha fatto nulla di preparazione. Adesso la paga. Sono più preoccupato da iacoponi , barilla’, brugman, Alves , gagliolo , Pezzella che mi sembrano non all’altezza del campionato. Mettici inglese in crisi. Si salvano pochi. Poi quello fuori per scarsezza batte chiunque di serie A per distacco. Non ricordo un solo calciatore del Parma migliorato in 4 anni. Lui prende il calciatore lo sfrutta per le caratteristiche che ha e poi fine. 4 anni di lancio dalla difesa e attacco uno contro uno. Sa solo preparare i calci piazzati (il che è un merito peraltro). Era gramissimo come calciatore e ha mantenuto le stesse qualità da allenatore.

  • 22 Settembre 2019 in 22:58
    Permalink

    La Lazio ha diversi giocatori di grande qualità, il primo goal ne è stata la dimostrazione. Peccato per l’occasione non concretizzata da Inglese, a quel punto il pareggio lo meritavamo. Nel secondo tempo il Parma era senza idee, mi sarei aspettato qualche cambio verso il quarto d’ora perché non riuscivamo mai ad essere pericolosi.
    La Lazio è stata superiore e perdere a Roma ci sta, ma qualche cosa nel Parma va rivisto.
    Speriamo che Kucka torni presto disponibile perché è un giocatore determinante

  • 22 Settembre 2019 in 23:04
    Permalink

    Se in società non fanno un investimento serio ed indispensabile, quest’anno la salvezza sarà difficilissima, l’investimento va fatto subito non a gennaio…….. Andava già fatto almeno 2-3 anni fa

  • 22 Settembre 2019 in 23:07
    Permalink

    Difesa colabrodo, centrocampo, che avrà Kucka e Grassi titolari inamovibili, che non fa filtro in fase di difesa palla e non propone in fase di possesso e attacco cadaverico. Per ultimo un’allenatore che se non trova tre punti con il Sassuolo può cominciare a sentirsi messo in discussione, non solo dal pubblico, ma anche dalla società. Senza idee, senza tecnica, senza grinta. D’Aversa ti ho sempre difeso ma comincio a rompermi gli zebedei a vedere partite come questa sera.

  • 22 Settembre 2019 in 23:08
    Permalink

    Scusate ma criticare Pezzella alla prima partita non e’ giusto anchhe perche ha giocato bloccato in una posizione a lui poco congeniale difatti gioca meglio in un 352 dove puo spingere nella prima partita dell’Udinese contro il Milan e’ stato uno dei migliori,

  • 22 Settembre 2019 in 23:56
    Permalink

    Per me questa è una squadra che pur essendosi molto rinforzata negli.uomini s’è molto indebolita negli schemi daversiani
    Il Parma rende meno perché è D’Aversa non è all’altezza non lo è mai stato, se non lo sorregge un culo gigante ( vedi Udine) le partite con lui si perdono e si perderanno sempre
    In difesa Iacoponi quest’anno non è da serie A
    Lo capisce anche il mio cagnolino,
    Il primo gol è COLPA SUA.l è lento lento lento e poco veloce
    D’Aversa invece non capisce che Iacoponi che in partita da tutto ma è il punto debole della nostra difesa gruviera.
    La fase difensiva fa acqua da tutte le parti.
    Si vede a occhio nudo che in difesa se la fanno addosso quando gli avversari attaccano.
    Sepe poi non mi da garanzie non da sicurezza ai difesaori
    Averlo pagato 7 milioni è una follia.
    A centrocampo Barilla’ non è più quello dello scorso anno.
    In attacco poi Gervinho e Inglese anche oggi
    NON SONO PERVENUTI.
    Gervinho che prima correva come SPEEDY Gonzales
    ora corre come un pensionato e poi non sa che il calcio è un gioco di squadra, lui se appena può la palla non la passa a nessuno.
    PANCHINA PLEASE.
    Perché non fare giocare KARAMOH?
    Oggi m’e piaciuto
    QUESTO PARMA INVECE NON MI PIACE
    PER NIENTE.
    Non riesco ancora a capire come mai
    Inglese e Gervinho che l’anno scorso
    erano due TOP PLAYER quest’anno fanno veramente schifo.
    Ho paura che con Inglese abbiamo fatto FLOP
    Se prendevamo Balotelli….
    Karamouh facciamolo giocare e mettiamo in squadra
    solo gente pronta e non gente giù voi forma.
    ORA SIAMO PENULTIMI
    Un ” piccolo sforzo ” col Sassuolo e saremo…..ultimi.

    • 23 Settembre 2019 in 01:11
      Permalink

      Il primo goal è stato segnato con un tiro perfetto, Iacoponi ha cercato di portare Immobile verso l’esterno. Non è bastato perché, anche da posizione angolata, un attaccante come lui sa metterla dentro. Vanno riconosciuti i meriti degli avversari e bisogna prendere atto che, quando Gervinho ed Inglese non brillano, non riusciamo proprio ad essere pericolosi. Nel secondo tempo non abbiamo creato alcun pericolo e la Lazio ha controllato la partita senza affanno. Per il futuro un’idea potrebbe essere quella di arretrare a centrocampo Kulusevski e mettere esterno alto Karamoh o Laurini

      • 23 Settembre 2019 in 11:25
        Permalink

        Signori , i numeri li ha dati Inzaghi ieri sera a Sky : 13 tiri a 1 . Come si fa a rimpiangere l’unica azione da gol creata ?
        Ascoltiamo anche altri commentatori che non siano quelli a libro paga della proprietà per cui il Parma dovrebbe vincere lo scudetto e rendiamoci conto che tutti concordano sul fatto che questa squadra non ha un’identità. Solo D’aversa critica gli errori dei singoli giocatori senza vedere i propri limiti. Del resto durante gli allenamenti si becca pure con Alves che cerca di dare suggerimenti ai giocatori. Qui il problema è solo uno. Ma è più intoccabile di E

        • 23 Settembre 2019 in 11:26
          Permalink

          Elliot Ness

        • 23 Settembre 2019 in 11:38
          Permalink

          La critica è lecita, ma non scriviamo cavolate sui libri paga e sui contenuti da divulgare: capisco le iperboli, però il messaggio societario è sempre stato chiaro ed univoco: il Parma lotta per la salvezza. Punto. Malgrado un mercato promosso a pieni voti da tutti.

  • 22 Settembre 2019 in 23:58
    Permalink

    Basta con d’aversa, la squadra quest’anno c’è è lui che non c’è mai

  • 23 Settembre 2019 in 00:24
    Permalink

    Siamo imbarazzanti

  • 23 Settembre 2019 in 02:10
    Permalink

    Via d’aversa, subito Pioli!

  • 23 Settembre 2019 in 08:11
    Permalink

    É difficile commentare una prestazione del genere a botta calda se non lasciandosi trascinare dall’incazzatura, ma anche a distanza di ore il risultato è sempre quello, abbiamo alternato un discreto primo tempo in cui abbiamo preso il solito gol da polli, e ha un bel da dire D’aversa sulla mancanza di attenzione, ma con questa difesa, a difendare in linea così alti di questi gol ne vedremo ancora. Primo tempo in cui potevamo anche pareggiare e non ci sarebbe stato niente da dire, sicuramente con buona parte della squadra con prestazione oltre la sufficenza. A un secondo tempo in cui sembrava di vedere le copie peggiorate del primo: sempre in ritardo saltati da elementari triangoli in ogni zona del campo una squadra disunita in cui ognuno giocava per se, ti aspettavi di vederli rientrare con il coltello tra i denti, invece si é visto solo rassegnazione, ok perdere con la Lazio ci sta troppo superiore tecnicamente ma non deve essere un alibi, la grinta deve esserci dal primo all’ultimo minuto con la prima e l’ultima della classe perché è solo così che ci si salva.

  • 23 Settembre 2019 in 09:35
    Permalink

    Il problema è che D’Aversa non ha ancora capito che l’anno scorso tra 10 vittorie e 10 pareggio, di prestazioni decenti forse ce ne sono state 3/4! Tutte le altre sono state vinte/pareggiare grezie alla dea bendata che ci bacia da 3 anni a questa parte. Non si può contare sempre sull’azione del singolo! Guardando queste prime giornate di campionato mi sono resto conto come penso/spero tutti (compresa la società) che siamo quelli che giocano(?) peggio. Zero schemi, 3 passaggi e palla su e pedalare! Mi sembra di vedere giocare la Montebelllo (senza nulla togliere). Sicuramente per quello che ci hanno fatto vedere queste prime giornate siamo inferiori alle neo-promosse che hanno il coltello fra i denti e non hanno paura delle grandi. Grazie Mister queste imprese ma ora è giunto il momento di giocare, non per forza bene ma almeno dare un identità a questa squadra. I casi sono 2, o i giocatori che noi valutiamo di alto livello sono pippe assurde, oppure chi allena la squadra non è all’altezza. I primi ce li dobbiamo tenere almeno fino a Gennaio, il secondo siamo ancora in tempo a cambiarlo. Se non si vede una svolta nelle prossime 3 giornate la vedo molto ma molto male la situazione, considerando che nel girone di ritorno ci sarà un calo fisiologico come l’hanno scorso, se non facciamo punti adesso siamo con l’acqua alla gola.

  • 23 Settembre 2019 in 14:43
    Permalink

    Io non ho criticato Pezzella, perché altrimenti lo spazio nel commento non sarebbe bastato!!!ho solo scritto che peggio non poteva esordire,ma lungi da me pensare che abbiamo perso per colpa sua.
    Lo attendo con fiducia,senza conoscerlo,ma con ottime recensioni..
    AVANTI CROCIATI!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI