CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / DALLA MOSSA DEL CAVALLO A QUELLA DEL RONZINO

RONZINO

gianni barone(Gianni Barome) – E tre: dopo Cagliari, Lazio, ecco che anche la Spal cessa il suo stato d’infermità e, novella Lazzaro, dopo il miracolo del Gesù-Parma, si rialza e cammina. E non solo corre: vola e vince e i Crociati fanno Cagliari in tutti i sensi. Doveva essere, tra virgolette, una guerra, invece per il Parma sono rimaste solo le virgolette, con un solo tiro verso la porta. Non doveva essere una questione tattica, perché, ancora una volta, come era già successo all’Olimpico  contro la Lazio, il Parma si oppone al 3-5-2 avversario, non a specchio, come qualche accorto/incauto (a seconda dei gusti) osservatore consiglierebbe, ma mantiene il suo canonico e asimmetrico 4-3-3. Non è questione di uomini, perché, a fronte dell’esclusione iniziale del geometrico Scozzarella (entrato poi in corsa) in luogo del compassato e riflessivo Hernani, non cambia la musica (anzi si spegne, come da ordine di Coach) tra il primo e il secondo tempo. E non è neanche questione di mosse, perché questa volta quella del cavallo Inglese fatta dal cavallo D’Aversa con go pro manschieramento iper-offensivo, non sortisce effetto e si rileva pari a quella del ronzino. E allora è – e sarà sempre – solo questione di atteggiamento? Sembrerebbe di sì, visto che, alla vigilia ne aveva parlato l’allenatore, e nel post partita un imbarazzato e dispiaciuto Iacoponi, aveva pronunciato, tale parola (atteggiamento appunto) in quantità industriale, inserendola (beato lui), in ogni sua risposta. Atteggiamento, atteggiamento, ma quale m…a di atteggiamento, direbbe il sindacalista infuriato del film “Baaria” di Tornatore al posto del famigerato, ricorso, ricorso ma quale m… a di ricorso a cui si fa riferimento nella pellicola in questione. Qui siamo di fronte alla solita storia, Mister, è difficile vincere contro chi sta peggio di noi in classifica e chi ha infilato una lunga serie di risultati negativi. Corsi e ricorsi, disse G.B. Vico qualche secolo fa, ma ormai lo dicono tutti compreso Paolo Grossi, anche lui incredulo quando fa riferimento ai precedenti del Parma daversiano, sia in C, in B, che in A, contro squadre in seria difficoltà, o mal in arnese, ma affamate di punti e non solo. Ecco, l’altro tema: la fame, che, evidentemente, non affligge nessuno, dalle nostre parti: né dal punto di vista fisico-gastronomico, viste le prelibate eccellenze gastronomiche del nostro territorio, e né dal punto vista figurato, in quanto la metafora  in relazione ai precedenti tirati in ballo dalla Gazzetta di ieri, ma pensati da tutti noi, non regge mai. Quindi atteggiamento sbagliato, poca fame, poche idee e tanto deserto nella prestazione del Parma. “Barcollo ma non mollo” va riferito non tanto al Parma, che di fatto ha barcollato parecchio ed ha mollato apertamente gli ormeggi difensivi, quanto a un mio dente che balla, sì, ma almeno barone denteresiste. Il Parma invece il dente se lo è tolto, ancora una volta, e dopo le brillanti prestazioni, in casa, con Sassuolo e Torino, da bello di notte, quasi novello Boniek, nell’immaginario narrativo dell’Avvocato Agnelli, è diventato brutto di giorno, nel glorioso e vetusto catino estense del Mazza. La metamorfosi, quasi kafkiana, calza a pennello: il Parma, alias Gregor Samsa, si è ritrovato tramutato in un enorme insetto schiacciato con forza e semplicità dalla malferma, alla vigila, Spal, ritornata per l’occasione vigorosa più che mai, perché d’improvviso miracolata. Che cosa mi è accaduto? Si domandava, nella prosa kafkiana, il mite commesso viaggiatore, uomo buono e molto legato alla famiglia, proprio come la squadra Crociata buona e molto legata al suo pubblico. Che cosa è accaduto al Parma? Ci chiediamo dopo averlo visto bene, di notte tra le stelle, nelle precedenti partite vinte, e averlo ritrovato inerme, senza mordente, nella differita televisiva, che sono riuscito a vedere, cioè quando l’infernabilità  del dispositivo mobile a mia disposizione, ha finalmente iniziato a funzionare. Proprio come tanti anni fa, quando le partite non si vedano in diretta tv, come ora, con cronache e nando martellinicommenti urlati, ma solo alla radio, oppure in registrata e in bianco e nero, visione limitata a solo un tempo della gara, poco prima dell’ora di cena. Quando al posto dei Caressa, dei Pardo, dei Trevisani, esaltanti e talvolta super esaltati, vi erano i più miti e professionali Martellini, Pizzul, Carosio (in video, soprattutto) Ameri, Ciotti e Provenzali in radio, che facevano parte di una squadra di cronisti, insieme ai vari Dezan, Carapezzi, Zavoli, Greco, che ora possiamo ritrovare, in tuta RAI, solo in foto d’epoca, ai tempi del Giro d’ITALIA 67,  a portata di clic, al pari di quella che ritrae un imberbe Majo che intervista un ipotetico Gianni MURA, con alle spalle un improbabile Ciotti, o Guerrino Farolfi, o chi per loro, in Via Mistrali, a Parma, durante l’arrivo di una tappa del Giro, anni 80 questa volta. Tutto questo per dire, non che si stava meglio quando si stava peggio (sdong), che le stelle, proprio come quelle che cita Dante alle majo mura ciottifine delle sue tre cantiche della Divina Commedia, hanno contorni e luminosità differenti. “E quindi uscimmo a riveder le stelle”, dell’inferno , dopo la sconfitta con la Lazio. “Puro e disposto a salire a le stelle” del Purgatorio, dopo la vittoria col Sassuolo. “L’amor che move il sole e tutte le altre stelle” del Paradiso dopo aver matato il Toro. Quindi se non ci spiegano bene cosa è accaduto a Ferrara e cosa accadrà in occasioni simili, come faremo noi a capire qual è (il tuo numero) e sarà il vero volto del PARMA? 24149. Possibile che in 6 giorni tutto possa cambiare così radicalmente? Possibile che una volta bandito – non solo a parole –  il contropiede da tutte le prerogative di gioco non ci sia altro o di meglio da esibire? Possibile che una squadra che mette all’angolo il propositivo Sassuolo ed il verticale e fisico Torino, si arrenda di fronte alla derelitta di turno? E tal proposito, la prossima gara, dopo la pausdon abbondioa per le Nazionali, sarà contro il Genoa, che con o senza Andreazzoli in panchina, non sta certo godendo di ottima salute. Con la speranza e la decenza che non sia il Grifone il prossimo Lazzaro da miracolare! Si spera di no, of course; si spera nella fame che arrivi, nell’atteggiamento che migliori, nella compattezza e nell’attaccamento: tutte doti che se uno non ce le ha dentro, proprio come il coraggio di Don Abbondio, tanto per rimanere nelle citazioni dei classici, non se le può certo dare… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

13 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / DALLA MOSSA DEL CAVALLO A QUELLA DEL RONZINO

  • 8 Ottobre 2019 in 06:41
    Permalink

    Barone, e il grande Pochesci ingaggiato dal Bisceglie dove lo mettiamo? Lui sì che è genio puro, o era solo il seguire da pecora un”inconsistente onda giornalistica?

  • 8 Ottobre 2019 in 08:34
    Permalink

    Probabilmente contro il Genoa vinceremo, salvo andare completamente in palla nella successiva trasferta contro l’Inter. Ormai mi sono abituato all’incostanza frutto diretto della gestione minimale e nom ambiziosa di D’Aversa.

  • 8 Ottobre 2019 in 12:29
    Permalink

    Abolir la camiseta negra
    Stop black shirt

    Solo a scrivere della black phoenix tengo le mani nelle mutande e i piedi su un corno che mi ha mandato Sepe

  • 8 Ottobre 2019 in 13:53
    Permalink

    Qualcuno ricorda lo stregone colombiano che aiutava Tino dalla Curva nord?Ecco recuperiamolo e compensiamo la camiseta negra

  • 8 Ottobre 2019 in 14:56
    Permalink

    Lasciamo perdere la storia della maglietta, questa cosa ha ampiamente stufato, abbiamo vinto e perso partite con tutte e tre le maglie… cercherei di proporre e discutere di argomenti un pochino più concreti ed intelligenti.
    Sempre e solo forza Parma

  • 8 Ottobre 2019 in 17:11
    Permalink

    Con la nera in campionato non si è mai né vinto né pareggiato mi dispiace.

  • 8 Ottobre 2019 in 19:48
    Permalink

    Allora ho capito è la camiseta noir la causa, il motivo per cui appena la indossono, li svuota di ogni energia!
    Oggi l’ho provata a letto, e difatti ho abbassato il rendimento…

  • 8 Ottobre 2019 in 20:59
    Permalink

    Alora i van lavedi con la varachenna.
    Davide l’è un brev ragas, però al s’incasa col tomachi, maieti nigri e murador bargamasch

  • 9 Ottobre 2019 in 17:22
    Permalink

    L’altalena di risultati, di per se, è tipica della nostra dimensione. Il problema è il resto.
    La formazione e i cambi per me sono stati sbagliati: kucka non era pronto si era visto col torino, scozzarella era il piu informa, hernani che ancora non ha capito dove gioca, andava tolto già all’intervallo.
    Detto questo abbiamo giocato contro valdifiori floccari tomovic missiroli, gente da 10 presenze a campionato, e correvano il doppio per cui l’atteggiamento dovrebbero nominarlo meno e metterlo in pratica di più, oppure andrebbero presi provvedimenti.
    Bar sport resta una trasmissione inutile e soporifera in ogni caso però essendo tv parma dopo una partita del genere non era proprio il caso di mandare carra perchè i tifosi hanno ancora le balle girate, io scrivo solo oggi altrimenti avrei rischiato di far la fine di velenoso (che mi manca e saluto se legge)

  • 9 Ottobre 2019 in 17:52
    Permalink

    Ma se non mandano Carra almeno a Bar Sport cosa vuoi che gli facciano fare?

    • 10 Ottobre 2019 in 17:07
      Permalink

      non lo so ma farei volentieri cambio stipendio con lui

  • 10 Ottobre 2019 in 20:35
    Permalink

    Di solito usa l’arrocco o il kulo se eschi

  • 11 Ottobre 2019 in 17:48
    Permalink

    Laurini e darmian fanno ancora differenziato?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI