IL COLUMNIST di Luca Russo / L’IMPEGNO DEL PARMA CONTRO IL CARO-PREZZI NEGLI STADI APPRODA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI

il-columnist-luca-russo.jpg(Luca Russo) – Salvaguardare la passione di milioni di tifosi italiani si può. Come? Prendendo spunto dalla vicina Francia e soprattutto dal nostro Parma. In una lettera inviata al ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, al presidente della Figc Gabriele Gravina e al presidente della Lega Calcio Serie A Gaetano Miccichè, il deputato Daniele Belotti, capogruppo della Lega alla commissione Sport-Cultura-Istruzione, ha denunciato l’aumento vertiginoso dei prezzi dei biglietti negli stadi italiani e proposto una soluzione tanto ragionevole quanto logica: copiare l’esempio virtuoso di chi ha già maneggiato e risolto efficacemente la questione. Francia e Parma, appunto. Al di là delle Alpi è stato deciso che il costo di un biglietto del settore ospiti non debba superare i 10 euro in Ligue 1 e i 5 euro in Ligue 2. Il club Crociato si è spinto (in ribasso) oltre i 15€ nell’ambito di un accordo di reciprocità con camera deputatile altre società: con la Sampdoria ha fatto 10€ in reciprocità e stesso prezzo farà con l’Udinese, sempre in reciprocità. Iniziative lodevoli che vanno elogiate e pubblicizzate, perché intraprese a beneficio di quegli away fans che alla poltrona preferiscono il seggiolino, indubbiamente meno confortevole, dello stadio; e che da diversi anni a questa parte oltre a doversi sorbire gli effetti collaterali del cosiddetto calcio spezzatino, sono costretti a fare i conti pure col caro prezzi dei biglietti. I 50 euro per la curva ospiti in Lecce-Napoli; i 70 e i 161 rispettivamente per il terzo e il primo anello in Milan-Inter; oppure i 55 per i settori più economici (???) dell’Allianz Stadium della Juventus: prezzi impopolari che hanno dato il la ad una progressiva desertificazione delle gradinate che accolgono i sostenitori da trasferta. E alle loro inevitabili e sacrosante rimostranze, che vanno nella direzione opposta: “prezzi popolari per stadi popolati”, come da slogan della campagna che hanno promosso per riportare le cifre dentro il perimetro del buon senso e i tifosi sugli spalti. Se la risposta del governo calcistico francese soddisfa parecchio ma non sorprende più di tanto, perché è esattamente questa la capacità decisionale che ti aspetti da chi ha la responsabilità di esercitare determinati ruoli, quella del Parma di stupore ne suscita parecchio. Immagini, infatti, che spetti ai cosiddetti organi competenti lanciare un segnale significativo in materia di caro biglietti, come è giustamente successo in Francia; supponi che la soluzione del problema in questione vada costruita dal movimento nel suo insieme, non dai singoli club che ne fanno parte; pensi, insomma, che un tema così trasversale debba suggerire una risposta perlomeno condivisa da tutti gli attori in gioco, non la reazione isolata di una società. In Italia accade l’esatto contrario: mentre la maggioranza dei club spreme manco fossero limoni, ed evidentemente penalizzandoli, i supporter che ancora oggi, nell’epoca del pallone ogni giorno e a ogni ora, scelgono di macinare centinaia e centinaia di chilometri per supportare concretamente la propria squadra del cuore e la scomodità dello stadio invece che la comodità del divano e i costi decisamente più sostenibili di un abbonamento alla pay tv, quello più giovane in termini di anzianità operativa si segnala anche come il più maturo e il più sensibile in materia. Consapevole che una partita non può essere entusiasmante se mancano i cosiddetti tifosi da viaggio, che contribuiscono a rendere ancor più adrenalinica l’atmosfera di questo o quel match, il Parma, mostrando una certa intelligenza e anticipando il resto della compagnia, ha deciso di venirgli incontro, favorendo la loro presenza e invogliandola a suon di prezzi dei biglietti realmente abbordabili. Il calcio dal vivo non può diventare una passione di nicchia o un lusso per pochi eletti e/o privilegiati. Il calcio da stadio è e deve restare un fenomeno nazionalpopolare, capace di catturare l’interesse pure di chi ci capisce poco di fuorigioco, marcature preventive e diagonali difensive. Il calcio da trasferta, col suo romantico carico di lunghe domeniche passate in bus e in autostrada ad attendere con trepidazione il fischio d’inizio e a commentare animatamente quanto accaduto nel corso dei 90 minuti, va preservato, coccolato e valorizzato come fosse un’altra delle nostre innumerevoli eccellenze, non debellato o peggio abolito in nome di una non meglio precisata e assolutamente ingiustificata esigenza di far cassa: i ricavi da biglietteria incidono al massimo per il 7/8% sui bilanci delle società, che i soldi quindi dovrebbero cercarli altrove, mica nelle tasche dei tifosi che alimentano il carrozzone del pallone. Il club Crociato, intercettando con largo anticipo i mugugni e i malumori di chi allo stadio, e in trasferta, ci va ancora a dispetto dell’elevata disponibilità di calcio in televisione, ha dato ulteriore prova di essere una società all’avanguardia e dai riflessi indubbiamente pronti nel panorama calcistico italiano. Luca Russo

8 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / L’IMPEGNO DEL PARMA CONTRO IL CARO-PREZZI NEGLI STADI APPRODA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI

  • 15 Novembre 2019 in 09:55
    Permalink

    si giusto evidenziarlo, il botteghino incide meno di una volta sui ricavi e con le strutture e i servizi che ci sono in italia già la tariffa francese sarebbe alta

  • 15 Novembre 2019 in 10:20
    Permalink

    intanto a risposta del quesito che avevo fatto a Morosky pare ,secondo il corriere dello sport, che se Kulusevsky parte a gennaio arriverebbe qualche cash o pezzi di cartellini di altri giocatori al Parma.

    • 15 Novembre 2019 in 11:46
      Permalink

      Kulusevski già non sarebbe partito in condizioni normali, figurarsi ora con Gervinho indisponibile per tre settimane e che dunque prima di essere considerato nuovamente abile e arruolabile dovrà ritrovare una buona condizione fisica e il ritmo gara. Col solo Cornelius a far reparto d’attacco, ci servirà come il pane la vivacità offensiva di Kulusevski e la sua predisposizione alle incursioni. Altro che Inter: Conte se lo tolga dalla testa.

  • 15 Novembre 2019 in 11:54
    Permalink

    Per Kulusevsky….punterei con tutte le proprie forze a tenerlo.

    Ma poi cosa se né fa l’inter.. a gennaio?

    Ma acquistarlo noi???

    • 16 Novembre 2019 in 01:08
      Permalink

      Soprattutto Kulusevsky cosa va a fare la riserva in una big a gennaio? Rimane qua fino a giugno titolarissimo.

  • 15 Novembre 2019 in 12:30
    Permalink

    Ottima iniziativa del Parma.

    Vedere gli spalti pieni (come avviene quasi sempre in bundesliga, liga e premier) è un doppio spettacolo.
    Peraltro in Italia il prezzo dei biglietti è inversamente proporzionale alla comodità degli stadi (a parte poche eccezioni).

    A proposito di comodità e confort: ma di un ammodernamento del Tardini non se ne parla più? Non vivendo a Parma forse mi sono perso qualche pezzo, ma un rifacimento della tribuna est e la copertura delle curve sono temi affrontabili nel tempo?

  • 15 Novembre 2019 in 15:17
    Permalink

    second mi alla Camera dei Deputati saris mej ferog ariver il lamenteli par l’aument ed la boletà ed la lusa, o dal gas, o ed la bensina.
    O anca per l’aumet dal presi d’il tomachi (ag pensa Davide?)
    non si vive di solo calcio, a cresà tut i presi ma al stipendi l’è sempor intorna ai mille euro ed media.

  • 15 Novembre 2019 in 16:13
    Permalink

    Lorenzo, hai centrato in pieno cosa vuol dire guardare oltre. Acquistarlo noi anche smollando un pò di pila sarebbe una scelta assolutamente intelligente. Si legge di 30, se abbiamo pagato Inglese che non sta neanche in piedi se tirano 4 arie 25…Uno così tra due anni lo vendi a 60/70 come minimo. Ergo per due anni ne godi e in più porti anche a casa un bel guadagno. Ma non dire queste cose troppo forte soprattutto se passi in zona Viale Rustici, Ponte Caprazucca o Via Mantova che è peggio che biastumare per Nicchi o dire di essere un camerata per (-)izzarotti.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI