D’AVERSA: “SI STA FACENDO UN USO ECCESSIVO DEL VAR, ANCHE QUANDO DOVREBBERO ESSERE GLI ARBITRI A DECIDERE” (VIDEO) / I CONVOCATI PER FIORENTINA-PARMA

mster roberto d'aversa vigilia fiorentina parma 02 11 2019(www.parmacalcio1913.com) – Al termine della rifinitura, Mister D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Tecnico di Collecchio in vista di Fiorentina-Parma.

Ecco le sue parole:

“Analizzando entrambe le gare dal punto di visto fisico la squadra ha ben retto il campo sia contro l’Inter che contro il Verona che è una squadra che fa dell’intensità e della corsa la propria arma, ma abbiamo finito la gara in crescendo. Sulle difficoltà numeriche: ci sono non solo in partita ma anche per fare gli allenamenti. Veniamo da un sconfitta, il pensiero nostro deve essere di andarci a prendere il risultato in uno stadio difficile come quello di Firenze”.

“L’ipotesi di Gervinho al centro dell’attacco? Ognuno deve fare il proprio lavoro, l’allenatore sa dove deve mettere i giocatori in campo, sicuramente lo devo mettere in condizione di rendere al meglio, certe affermazioni servono nel momento in cui si viene al campo e si guardano gli allenamenti. Guardando la partita di San Siro e quella con il Verona laddove c’è il campo aperto le caratteristiche di questo attacco si sfruttano meglio, poi dipende da che situazione si incontra durante la partita. Il Verona ha fatto gol subito e ha fatto una gara diversa da quella che è solita fare, è una squadra con la miglior difesa e che ha concesso sempre poco; è vero che si è perso ma io devo fare guardare la prestazione, abbiamo creato diverse situazioni. Certo non si può tornare indietro nel tempo e non avere così la controprova, probabilmente un centravanti di peso per sfruttare le situazioni in area poteva darci una mano. Inutile ragionare su quello che poteva essere, ma ragioniamo su quello che deve essere. Sappiamo che affrontiamo una squadra forte, la società ha investito molto nel costruire una squadra, ci sono giocatori importanti, manca Ribery ma hanno un giocatore forte pur essendo giovane come Castrovilli che può rompere gli equilibri di una partita, hanno Pulgar, hanno Chiesa. Dobbiamo portare massimo rispetto a una squadra con qualità enormi, sta a noi avere la voglia, la determinazione, la cattiveria per portare a casa il risultato, la di là degli interpreti che vanno in campo, poiché ognuno ha le proprie caratteristiche”.

“L’aspetto mentale sarà diverso tra noi e loro: hanno ribaltato un risultato, si sono ritrovati col Sassuolo ad andare sotto immeritatamente, sono stati bravi a ribaltarla: in quel caso sono stati molto bravi i subentrati, da un 3-5-2 iniziale sono passati al 4-3-3 ribaltando la partita, hanno qualità sia negli iniziali che in panchina. Noi dobbiamo affrontare ogni singola gara in maniera equilibrata al di là del risultato da cui veniamo. Ogni sconfitta va valutata, quel che mi interessa è la prestazione: a parte il risultato contro il Verona la prestazione i ragazzi l’hanno fatta”.

“Pezzella aveva preso una botta, poi ha avuto un problema di crampi per il cambio, Bruno Alves pur avendo fatto un allenamento non è ancora pronto, rientra Cornelius tra i convocati pur avendo fatto un solo allenamento, cioè oggi; anche Gagliolo pur senza aver fatto allenamento ha dato la sua disponibilità, poi valuteremo o meno se è il caso di utilizzarlo, ma del suo utilizzo si parla solo di una questione di emergenza”.

“Quando si parla di infortuni lo so bene di cosa si parla, in casa nostra valutiamo solo ed esclusivamente la preparazione e la metodologia dell’allenatore per cercare di dare responsabilità sugli infortuni. Gli infortuni nella media ci sono in tutte le squadre. Sulle motivazioni si cerca di ragionare su tanti aspetti. Nella costruzione della squadra bisogna essere bravi ad analizzare la storia di un giocatore, se si prende uno che la stagione prima è stato fermo 6 mesi ci può stare che l’anno successivo possa incappare in qualche infortunio. Detto questo a livello generico ci sono le pause per la nazionale e faccio in questo caso l’esempio lampante di Kucka: con noi l’ho dovuto gestire perché veniva da un infortunio e non l’ho usato all’inizio a Udine perché sapevo che rischiava di nuovo un infortunio, poi in nazionale i giocatori sono costretti a giocare perché è la nazionale è importante; non sempre nella gestione dei giocatori si riesce a fare la cosa più giusta per i calciatori stessi. Dopo le pause ci sono 3 gare in una settimana e nella gestione non è semplice. Si gioca troppo, poi dipende dalla rosa a disposizione, se è più ampia nelle tre gare si possono gestire delle situazioni, se sei costretto da una rosa meno ampia invece è normale che gli infortuni aumentino. Ciò che preventiva l’infortunio è l’allenamento, difficilmente ci sono guai muscolari durante la preparazione e ci si allena quasi due volte al giorno: dunque è importante l’allenamento, è importante il recupero, è importante il sonno. Quando ci sono viaggi e tante altre situazioni, pochi allenamenti e solo partite, specialmente per i giocatori che vengono già da infortuni o da annate con problematiche, chiaro che gli infortuni aumentano. L’allenatore, lo staff e la società devono ragionare sui miglioramenti che si possono apportare per evitare o diminuire il numero degli infortunati”.

“Boateng o Vlaovic in attacco? Hanno caratteristiche diverse, nell’ultima partita credo abbiamo fatto bene entrambi; anche Boateng non mi è dispiaciuto, Vlaovic è un giocatore giovane, di prospettiva, molto dipende dalla scelta che farà Montella, se vuol far partire un giocatore esperto o uno che come detto è molto bravo e che l’altra sera ha cambiato le sorti della partita. Chiesa? Ha potenzialità enormi, il padre Enrico con il quale ho avuto la fortuna di giocare aveva più caratteristiche da punta, era impressionante il modo di calciare nello stretto; alcune caratteristiche sono quelle delle padre, è un giovane con margini di miglioramento, può diventare molto forte e lo è già”.

“Noi per caratteristiche nel modo in cui affrontiamo le gare dobbiamo pensare al fatto che ci dobbiamo salvare, quindi nell’interpretazione della gara non ci devono mancare quelle qualità che ci hanno permesso di fare cose importanti in questi anni. Si può sempre migliorare, nell’ultima si è fatto un buona prestazione ma non si è portato a casa il risultato, dobbiamo essere bravi a cercare la prestazione ma oltre a questa dobbiamo portare a casa il risultato. I punti sono gli stessi dell’anno scorso, qualità e l’interpretazione delle gare sono diverse, poi sono le caratteristiche dei giocatori che ti fanno attuare alcune situazioni o meno”.

“Devo mettere i giocatori nelle migliori condizioni possibili per rendere al meglio, si può migliorare ancora molto su alcune situazioni, soprattutto per quanto riguarda i nuovi arrivati: c’è chi lavora con me da tanto tempo e sa cosa voglio. Lavorando non dobbiamo porci alcun limite di miglioramento o sentirci appagati del fatto che siamo migliorati i qualcosa rispetto all’anno scorso, quel che conta è sempre il risultato finale, dobbiamo puntare a migliorarci a livello generico”.

“Mantenere l’intensità negli allenamenti può fare la differenza, conta molto il lavoro quotidiano. A volte non riesci a fare dei lavori specifici perché numericamente non riesci ad arrivare a 20 giocatori di movimento; dove si deve fare una scelta se prendere ragazzi della primavera o lavorare in numero minore è chiaro che qualcosa vai a levare sotto l’aspetto della qualità, ma se posso considerare uno come Camara pronto per allenarsi con noi e che dunque che non va cambiare la qualità degli allenamenti lo si tiene in considerazione; chiaro che a livello numerico cose specifiche di 10 contro 10 facciamo fatica a farle. È sempre più importante la qualità degli allenamenti”.

“Il Var? Se ne sta facendo un uso troppo eccessivo, anche quando dovrebbe essere l’arbitro a decidere: faccio l’esempio di Rocchi che è stato bravissimo in Inter-Juventus nel vedere quel fallo di mano. Il Var deve intervenire dove ci sono errori clamorosi ma non deve sostituire l’operato dell’arbitro. Spesso e volentieri per me se ne usa troppo: mi viene in mente il gol annullato a Gervinho con il Sassuolo: è una situazione di campo, all’arbitro la possibilità di decidere la dobbiamo ancora lasciare. Dove ci possono essere degli errori che vanno a cambiare la decisione dell’arbitro ben venga che sia utilizzato per non influire sul risultato. Ma quello che credo dia fastidio, ed è quello che detto anche Conte in conferenza stampa, è dove c’è ancora troppa soggettività su un episodio uguale. Capisco la classe arbitrale perché sul regolamento ci deve essere più chiarezza, meno margini di decisione soggettiva a seconda della visione di uno o dell’altro. L’arbitro deve essere lui il primo giudice della partita, ho la sensazione che tanto essendoci il Var questo può cambiare le sorti di una decisione, invece gli arbitri devono essere concentrati sul proprio lavoro. Quello che da più fastidio è che ci possono essere valutazioni diverse, quando si commentano gli episodi a favore e non quelli contro, per questo ho scelto la politica del non commentare e credo che dovremmo farlo un po’ tutti, non possiamo arrabbiarci quando ci capitano gli episodi contro oppure descriverli con un sorriso quando sono a favore”.

“Più che la tecnologia può dar fastidio ritrovarsi in una situazione dove si valuta il fallo di Hernani su Magnanelli e non l’intervento di Bastoni su Karamoh: per me possono non essere entrambi fallo, è la disparità che dà fastidio, sugli episodi clamorosi il margine di errore con la tecnologia per fortuna l’abbiamo eliminato”.

“Mi auguro che Bruno Alves possa essere disponibile per la prossima gara dopo Firenze, Grassi è una situazione che abbiamo fin dall’inizio, dove magari si è sbagliato in qualche valutazione ma non si è fatto male durante la preparazione; il dispiacere è di non averlo mai avuto a disposizione”.

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA ALLA VIGILIA DI FIORENTINA-PARMA

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine della seduta di allenamento a porte chiuse sostenuta questa mattina al Centro Sportivo di Collecchio, Mister Roberto D’Aversa ha convocato per la gara contro la Fiorentina, in programma domani alle 18.00 allo Stadio ”Artemio Franchi” e valida per l’undicesima giornata del campionato Serie A 2019-2020, i seguenti 19 calciatori: 

  • Portieri: Alastra, Colombi, Sepe;
  • Difensori: Darmian, Dermaku, Gagliolo, Iacoponi, Pezzella;
  • Centrocampisti: Barillà, Brugman, Camara, Hernani Jr, Kucka, Kulusevski, Scozzarella;
  • Attaccanti: Cornelius, Gervinho, Karamoh, Sprocati.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “D’AVERSA: “SI STA FACENDO UN USO ECCESSIVO DEL VAR, ANCHE QUANDO DOVREBBERO ESSERE GLI ARBITRI A DECIDERE” (VIDEO) / I CONVOCATI PER FIORENTINA-PARMA

  • 3 Novembre 2019 in 11:04
    Permalink

    Importante il recupero di Cornelius. Ci serve anche solo per 10 minuti.

  • 3 Novembre 2019 in 12:57
    Permalink

    Mi sembra un uomo in rivolta contro se stesso e contro una città che non lo vuole più. Mettiamo che facilmente si perde, lui cosa fa?

  • 3 Novembre 2019 in 22:42
    Permalink

    Se non lo vuoi più è un tuo problema. Ti porto Andreazzoli o Cosmi

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI