IL COLUMNIST / I GOL PRESI IN ZONA CESARINI PER ME NON SONO FRUTTO DEL CASO. COPPA ITALIA: IL PARMA CE L’HA NEL SUO DNA

il-columnist-luca-russo.jpg(Luca Russo) – Domenica scorsa, a causa di impegni personali programmati da tempo, non ho potuto seguire Parma-Milan, nemmeno per il tramite della mia cara e amatissima radio. Non mi sono perso niente, direte voi, e forse avete ragione al lume di quanto mi è stato possibile apprendere dai resoconti giornalistici del match. In compenso, a distanza di un paio d’ore dal triplice fischio di Valeri, mi sono lasciato coccolare dalla differita del pirotecnico 2-5 tra Twente e Ajax, campionato dei Paesi Bassi: non marcature light come si potrebbe erroneamente immaginare, ma manovre offensive così precise e veloci da neutralizzare e rendere pressoché inutile qualsiasi accorgimento difensivo. Il trionfo del coraggio sul calcolo. E divertimento assicurato. Quello che due giorni fa è mancato sulle sponde gialloblu del Tardini. Da non spettatore della partita, visto il suo sviluppo posso limitarmi ad appena due considerazioni. Dopo la beffa di Bologna, un altro gol incassato nei minuti finali: un calo di concentrazione può essere una coincidenza, due rappresentano un sintomo da tenere perlomeno sotto controllo. E non se ne abbia male Alessandro Lucarelli se il mio pensiero differisce dal suo. Il club manager Ducale ieri in un’intervista concessa ai microfoni di Bar Sport si è fatto promotore dell’ipotesi opposta: “Penso siano più delle coincidenze. Il gol del pareggio con il Bologna brucia di più ma comunque sono situazioni che si possono evitare con un po’ più di attenzione”. Lungi da me sottovalutare il nutrito bagaglio d’esperienza dell’ex Capitano, che avrà un’occhio certamente più sensibile del mio rispetto alle questioni di campo, però dubito assai che ci sia solo della casualità nelle due reti consecutive subite in zona Cesarini da Dzemaili ed Hernandez. In ogni caso, faremmo bene a ricordarci che c’è un non meglio precisato e non scritto tetto al bonus disattenzioni, vediamo di non sfondarlo troppo presto. Distrazioni che comunque derivano pure da un serbatoio ormai in riserva. La squadra è stanca: l’infermeria costantemente sold out delle ultime settimane ci ha presentato il conto. Era oggettivamente difficile pensare che potesse dirci sempre bene nonostante l’impiego reiterato dei soliti noti. Anzi è già tanto che le nostre truppe, malgrado fossero ridotte ai minimi termini da diverse settimane, siano riuscite a conservare una posizione di classifica molto al di sopra delle richieste societarie. Un piazzamento che mi auguro suggerisca a D’Aversa di giocarsi la gara di coppa contro il Frosinone alla stregua di un fondamentale duello di campionato, facendolo desistere dal probabile ricorso al turnover in vista delle trasferte di Genova e Napoli. La mia posizione sulla Coppa Italia è nota: per una realtà come la nostra, la possibilità di andare avanti nella manifestazione dovrebbe essere percepita come più praticabile e attraente dell’inseguire una poltrona europea a mezzo campionato, e questo indipendentemente da budget ed ambizioni stagionali. La storia, la noscoppa italia parmatra storia, ci racconta che siamo animali da coppa, che abbiamo nel dna le sfide da dentro o fuori, che non ci spaventa giocarci tutto in 90 o 180 minuti. E la storia non va ignorata. Dal momento che siamo ottavi e ancora piuttosto lontani dalla zona calda, fossi nei panni dell’allenatore abruzzese affronterei il Frosinone col piede sull’acceleratore, senza pensare a Genova, laddove tuttavia non è detto che si debba fare da comparse, se è vero come è vero che vincere aiuta a vincere. E poi volete mettere l’adrenalina che ti dà il sollevare al cielo un trofeo? Noi dovremmo già saperne qualcosa. Luca Russo

20 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / I GOL PRESI IN ZONA CESARINI PER ME NON SONO FRUTTO DEL CASO. COPPA ITALIA: IL PARMA CE L’HA NEL SUO DNA

  • 4 Dicembre 2019 in 09:12
    Permalink

    Bravo Luca ,
    Me gusta el discurso Copa en relación con Parma .. y también el detalle … ” vincere aiuta a vincere ” ….
    Vamos por ello ….
    Forza Parma

  • 4 Dicembre 2019 in 11:21
    Permalink

    Alzare la Coppa???

    Abbiamo una rosa di appena 16 giocatori arruolabili (compresi i 3 portieri) e tu pensi davvero di andare avanti in Coppa Italia?

    Domani le uniche rotazioni che si può permettere D’Aversa sono appunto il portiere, Laurini e Pezzella.
    Per il resto dovrà far giocare praticamente sempre gli stessi con il rischio che se qualcuno dei titolari subisce un affaticamento o un raffreddore, ci presenteremo a Genova e Napoli in una situazione tragicomica.

    La verità è che non abbiamo una rosa in grado di affrontare due partite in 3 giorni, pertanto sarebbe bene evitare fin da subito di fare sogni di vana gloria, che rischiano solo di risultare ridicoli nella nostra situazione.

    Teniamo i piedi ben saldi a terra, che tra 2 settimane rischiamo di svegliarci al freddo di una classifica ben più magra di quella attuale, altro che sollevare trofei.

    • 4 Dicembre 2019 in 12:30
      Permalink

      My advise …
      Think big bro …
      otherwise you will always be small …
      Cordialmente ,
      Rocky Marciano

    • 4 Dicembre 2019 in 12:59
      Permalink

      Ma se il calcio non è nemmeno sogno, per quale motivo dovrei seguirlo? È pur sempre un gioco, non prendiamoci troppo sul serio anche se è la cosa più importante tra le cose meno importanti.

  • 4 Dicembre 2019 in 11:35
    Permalink

    Assolutamente. Vincere in Coppa sarebbe un bel volano per il campionato.

  • 4 Dicembre 2019 in 14:12
    Permalink

    Come sempre concordo con Markness. Fra due settimane possono essere c..i molto amari. E siamo sempre contati come i fagioli che distribuivano gli enti caritatevoli durante la crisi del 29. Cosa di cui non ho ancora capito sinceramente il motivo.

  • 4 Dicembre 2019 in 16:09
    Permalink

    Dai, va bene sognare…ma sollevare al cielo un trofeo addiritturahttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yahoo.gif

    Per come siamo messi, speriamo solo non si faccia male ancora qualcuno, poi che si vinca o che si perda sinceramente non me ne può fregare meno… Sbaglio o Cornelius non sta ancora bene?

  • 4 Dicembre 2019 in 16:50
    Permalink

    comunque nell’ intervista D’ Aversa poteva risparmiarsi che Siligardi è fuori non per scelta sua. in un azienda tutti i ruoli di comando e i ruoli visibili devono viaggiare uniti.

    • 5 Dicembre 2019 in 13:22
      Permalink

      D’Aversa ha giustamente spiegato la sua posizione. L’esclusione di Siligardi dalla lista campionato è stata decisa dalla società e non da lui. Vista dal di fuori è una vicenda incomprensibile, tanto più che in Coppa Italia il giocatore viene considerato schierabile. Già l’anno scorso a Galano non fu riservato un bel trattamento.

  • 4 Dicembre 2019 in 19:31
    Permalink

    NO, NON SONO PROPRIO D’ACCORDO ….

    è ora di sfatare queste male-situazioni,

    SONO DUE ANNI IN CUI, con SILIGARDI …stanno facendo delle vaccate, chi, non lo so e non mi interessa !!!

    Benedetta Legge Bosman dalla quale il calciatore ha ATTINTO IL DIRITTO di essere trasferito in altra squadra solo con la propria firma per accettazione !!!!

    … I CONTRATTI STIPULATI, VANNO RISPETTATI DA ENTRAMBE LE PARTI …e non solo quando fa comodo….

    o ci si pensa prima …oppure non si fanno vigliaccate di bassa macelleria …..soprattutto nei confronti di PERSONE, UOMINI e ragazzi che non hanno mai arrecato PROBLEMI ..

    io sto con SILIGARDI !!! UMANAMENTE PARLANDO…

    POI, IL POTERE PUO’ FARE CIO’ CHE VUOLE …
    non seguiamo le puttanate modaiole ma cerchiamo di fare le cose pulite…..PER QUANTO POSSIBILE ….
    lo gradirei …con rispetto e buon senso..

    mauro moroni

    • 4 Dicembre 2019 in 22:24
      Permalink

      Non conoscendo i retroscena e come si sono svolti i fatti tra Siligardi e la società, mi limito a ricordare che lo stesso giocatore, sotto contratto con il Parma aveva praticamente raggiunto un accordo per andare in Giappone, per fare un repentino dietrofront. Quindi non sarei così categorico.

      • 4 Dicembre 2019 in 23:23
        Permalink

        o forse che sia sato il contrario? E cioè che fagiano gli aveva trovato da andare in giappone e luiha detto no (magari dopo aver prima accennato a un sì= e poi guarda un po’ è finito fuori rosa anno scorso e questo? Con daversa che appena uò lo schiera sempre

        • 5 Dicembre 2019 in 10:07
          Permalink

          Come ricostruzione, mi sembra un po’ dietrologica e prevenuta nei confronti del D.S.

  • 5 Dicembre 2019 in 10:29
    Permalink

    perchè Faggiano non lo ha dato al Sassuolo così trovavano il sostituto di Matri?

  • 5 Dicembre 2019 in 12:29
    Permalink

    Magari, al fine di evitare di far diffondere 1000 ipotesi, potrebbe essere più chiara la società in merito a certe situazioni, per i non addetti ai lavori inspiegabili.
    Questo mutismo non fa altro che alimentare voci che non possono che fare male all’ambiente. Oppure non dicono niente perchè, sapendo di essere nel torto, hanno paura (la società intendo) di fare una pessima figura agli occhi dell’opinione pubblica…chissà.
    In ogni caso, poi ci pensa il mister a gettare benzina sul fuoco come al solito….

  • 5 Dicembre 2019 in 14:09
    Permalink

    Giuro che di quest’ultimo intervento non ho capito nulla. Limite mio forse.,pazienza

  • 5 Dicembre 2019 in 14:35
    Permalink

    Detto che su Siligardi sono tutte supposizioni senza fondamento, tuttavia alle parole del mister ho attribuito un significato diverso ossia che è fuori lista x ragioni regolamentari, questo poiché dice che essendoci in Coppa altre regole lui può utilizzarlo (se fosse fuori rosa per altri motivi probabilmente non giocherebbe neppure in Coppa).
    In ogni caso se fosse una scelta societaria (ma non penso) sarebbe assolutamente legittima, il giocatore i soldi li riceve e se non gli sta bene può andare via. La Juve ha fatto la stessa cosa con Mandzukic che però visto il giocatore ed i relativi costi ha indubbiamente una risonanza maggiore.
    Sempre e solo forza Parma

  • 5 Dicembre 2019 in 16:25
    Permalink

    concordo in toto con LG. Viene regolarmente pagato, anche in B dove doveva essere un top player non ha combinato quasi nulla, se ha rifiutato di cambiare aria giustamente ha fatto la fine di gente ben più valida di lui evdi Mandzukic.

  • 5 Dicembre 2019 in 16:40
    Permalink

    Ok LG, però una volta indisponibile Karamoh per tutto questo tempo, perchè non reintegrarlo?

    • 5 Dicembre 2019 in 18:47
      Permalink

      Questo francamente non lo so… sicuramente ci sarà una motivazione ma occorrerebbe la sfera di cristallo…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI