IL COLUMNIST di Luca Russo / MEGLIO IL CALCIO GIOCATO CHE LE BAGOLE DI MERCATO

russo 1(Luca Russo) – La Serie A è ferma solo da poche ore, eppure vorrei che ricominciasse subito. Meglio il calcio giocato che le indiscrezioni di mercato che ne hanno preso brutalmente il posto. Un discorso rispetto al quale qui a Parma, ultimamente, si è più sensibili che altrove. Se, infatti, prima della sosta le voci sul conto di Kulusevski erano appena appena insistenti, adesso, a bocce ferme, sono diventate insopportabili. L’Inter ci starebbe lavorando per giugno, ma lo vorrebbe già a gennaio. Lo stesso desiderio ce l’avrebbe pure il Napoli, disposto a sborsare 25 milioni per bruciare la concorrenza. E la Juventus resta alla finestra in attesa di capire quando sedersi al tavolo delle trattative e giocarsi le proprie chance per assicurarsi il gioiellino svedese. Questo il tenore degli “spifferi” a proposito del futuro a breve termine del promettente centrocampista Crociato in prestito dall’Atalanta che è proprietaria del suo cartellino. E il Parma? La posizione del club Ducale è chiara da tempo: il ragazzo resterà all’ombra del Battistero fino a giugno 2020. Concetto che il nostro diesse Faggiano, con la calma tipica di chi è consapevole di essere provvisto di un discreto potere contrattuale, ha rimarcato ai microfoni di 12 Tv Parma: “Volevamo per Kulusevski un prestito biennale o una percentuale sulla futura vendita. Non ci hanno concesso nulla e dovremo rimandarlo a Bergamo a giugno. Ma fino ad allora le carte le abbiamo in mano noi”. Una rassicurazione, l’ennesima di questa telenovela senza fine, che accogliamo con favore, e il perché è presto spiegato: a gennaio raramente si fanno buoni affari, sia che si acquistino nuovi calciatori, sia che se ne ceda qualcuno. Ce lo ha insegnato la nostra storia. Stagione 2003/2004: in estate Adrian Mutu viene venduto al Chelsea e così in attacco ci tocca fare affidamento al solo Adriano. Il brasiliano realizza 9 reti nelle 13 presenze collezionate tra Campionato, Coppa Italia e Coppa Uefa, ma a gennaio del 2004 l’Inter (corsi e ricorsi storici) se lo riprende. Se da un lato la partenza del talentuoso centravanti di Rio de Janeiro favorisce la consacrazione di Alberto Gilardino, che chiude l’anno con 26 gol in 40 apparizioni, dall’altro ci penalizza nella corsa al quarto e ultimo posto utile per l’accesso alla Champions League. Il destino ci presenta il conto, salatissimo, alla penultima giornata, quando a San Siro va in scena lo scontro diretto tra l’Inter di Zaccheroni e il Parma di Prandelli. A colorarlo di nerazzurro è proprio l’Imperatore con uno spettacolare gol su punizione. Il sorpasso in classifica da parte dei meneghini è realtà e la vittoria per 3-4 a Udine in chiusura di campionato ci serve a poco: col 2-3 rifilato all’Empoli al Castellani, l’Inter va DEJAN KULUSEVSKI PARMA BRESCIA 22 12 2019in Champions, mentre i Ducali devono accontentarsi della qualificazione alla Coppa Uefa, allora indubbiamente più prestigiosa di oggi. Questa volta non c’è l’Europa da agguantare, ma una salvezza da conquistare. Con un Kulusevski in più nel motore, la missione per il Parma, anche al lume dell’attuale graduatoria, non sarebbe affatto proibitiva. Però se dopo il match con l’Udinese (l’ultimo prima della chiusura del mercato invernale) avessimo già 34/35 punti in saccoccia (il che equivarrebbe a vincere almeno tre delle prossime quattro gare), con la permanenza in A lì a pochi passi, chiudere anzitempo il prestito del mediano ex Brommapojkarna in cambio di adeguata contropartita economica, potrebbe essere una scelta conveniente e geniale. Ovvero una mossa da Faggiano. Luca Russo

14 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / MEGLIO IL CALCIO GIOCATO CHE LE BAGOLE DI MERCATO

  • 25 Dicembre 2019 in 13:48
    Permalink

    Mi pare che Faggiano non abbia chiuso alla cessione d Kulusevki. Il suo è un “dateci i soldi e vediamo”.

    • 25 Dicembre 2019 in 16:07
      Permalink

      Più che una non chiusura alla cessione di Kulusevski, quello di Faggiano è una sorta di avviso ai naviganti, sintetizzabile in questi termini: vi avevamo chiesto il prestito biennale, niente da fare; vi avevamo chiesto una percentuale sulla futura rivendita, niente da fare. Ci avete concesso solo il prestito secco? Bene, il giocatore ce lo teniamo fino alla fine. Volete venderlo in corso d’opera? Tirate fuori la pila. In questo momento Faggiano non è solo il diesse del Parma, è quasi il Parma stesso. Lasciamolo fare e ne vedremo delle belle (per noi).

  • 25 Dicembre 2019 in 14:30
    Permalink

    Io sono tranquillo solo a 40 punti..

  • 25 Dicembre 2019 in 16:38
    Permalink

    Io ho le mani in mezzo alle gambe e ben salde alle p…e. Ma come si fa a dire che non serve mercato quando stiamo giocando con Brugman centravanti? E dopo aver letto su parmalive nell’intervista al capo di estrazione Upina confindustriale del PPC dire che adesso sono più forti (con l’1% in generoso omaggio dei 7 perché si sa uno strapuntino all’UPI non si nega mai) dal ridere mi è andato di traverso il lesso.

  • 25 Dicembre 2019 in 17:16
    Permalink

    Secondo me se non si dovesse vincere a Bergamo, cosa quasi impossibile si aspetterà la partita con il Lecce per sapere se Kulusesky rimarrà o no.
    Se non si dovesse vincere col Lecce Kalusesky non partira’ ma,se si dovesse vincere penso che purtroppo l’alieno se ne andrà.
    Dobbiamo considerare però buna cosa.
    Se con Kulusesky dovessimo arrivare settimi od lottavi e senza di lui dovessimo arrivare quouart’ultimi prenderemo arrivando settimo e non quart’ultimi i6 milioni in più dalla Lega quindi prima di dar via l’alieno si dovrebbe pensarci bene anzi
    MOLTO BENE.

  • 25 Dicembre 2019 in 18:14
    Permalink

    Incredibile Parma.
    In CASA o si perde o si vince
    Mai un pareggio
    Fuori casa sconfitta solo nelle due
    gare giocate da cani con Lazio e Spal
    per cui alla fine di
    questo girone di andata è
    lampante una cosa.
    Fuori casa se giochiamo
    con palle e concentrazione
    non si perde, male che vada si pareggia
    con qualsiasi squadra,si giochi.
    PER CUI
    POSSIAMO GIOCARCELA CON TUTTI
    Atalanta e Juve compresi.

  • 25 Dicembre 2019 in 19:32
    Permalink

    I enjoyed reading this article with so many references to the glorious history of Parma Calcio ….
    The Scudo of Parma Calcio is pregnated with it’s history … when a player puts on the shirt of Parma ..he is obliged to respect it’s history …and his manager as well …. one never looses his history .. I enjoy doing an analogy with Art , Artists , Art History and Football …
    As I have dedicated my life to being an Artist and making Art …I am quite aware of what I have done so far in this life time .. I also think about what Parma Calcio has done in it’s history …
    D’AversA and his soldiers are doing a fine job … piano piano I believe that Parma will go lontano ..
    Forsa Paerma

      • 26 Dicembre 2019 in 10:37
        Permalink

        Mi è piaciuto leggere questo articolo con così tanti riferimenti alla gloriosa storia del Parma Calcio….
        Lo Scudo del Parma Calcio è inciso della sua storia … quando un giocatore indossa la maglia del Parma … è obbligato a rispettare la sua storia … e anche il suo allenatore …. non si perde mai la sua storia .. Mi piace fare un’analogia con l’arte, gli artisti, la storia dell’arte e il calcio …
        Dato che ho dedicato la mia vita ad essere un artista e fare arte … Sono abbastanza consapevole di ciò che ho fatto finora in questa vita .. Penso anche a ciò che il Parma Calcio ha fatto nella sua storia …
        D’AversA e i suoi soldati stanno facendo un ottimo lavoro … piano piano Parma va lontano ..
        Forsa Paerma

  • 26 Dicembre 2019 in 13:40
    Permalink

    Io mi sto godendo la sconfitta dell’Empoli su Dazon. Riflettevo che c’era una linea di pensiero che riteneva D’Aversa incapace perché non faceva giocare Stulac e Dezi…

    • 27 Dicembre 2019 in 13:57
      Permalink

      D’Aversa non era prevenuto nei confronti di Dezi, nell’anno della B lo ha schierato molto spesso. Nella scorsa stagione, malgrado la caterva di infortuni, lo ha messo in campo solo nell’ultima partita. Questo perché Dezi era formalmente in lista, ma in pratica nella situazione attuale di Siligardi.
      Stulac era al primo anno di Serie A , di fronte ad un’ottima offerta è stato ceduto, ma nella massima serie può benissimo tornare e trovare spazio.
      Nel valutare un calciatore bisogna tenere conto del contesto tecnico nel quale viene inserito. L’anno scorso il Parma non aveva la qualità di oggi

  • 27 Dicembre 2019 in 17:48
    Permalink

    Kulusevski e Darmian all ‘ Inter forse già a gennaio e loro ci daranno in cambio qualche giocatore in prestito che dirà alla prima conferenza di voler dimostrare di essere da inter ed a giugno tornerà lì valorizzato. Chapeau Suning e Marotta. A noi mancano 15 punti in attesa della cessione della società.

    • 28 Dicembre 2019 in 12:28
      Permalink

      Chapeau mica tanto: fuori dalla Champions nella fase a gironi nonostante la partita decisiva l’abbiano giocata contro le riserve delle riserve del Barcellona…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI