IL COLUMNIST di Luca Russo / QUESTO E’ IL MIO PARMA, QUELLO NEL QUALE MI RICONOSCO E CHE MI RIEMPIE DI ORGOGLIO

il-columnist-luca-russo1-300x166(Luca Russo) – Questo è il mio Parma. Questo è il Parma in cui mi riconosco. Questo è il Parma che mi riempie di orgoglio e di ragioni per cui vantarmi d’essere un Crociato con gli amici al bar e i colleghi al lavoro. E no, non c’entra la classifica, non c’entrano i 24 punti con ancora la boa di metà campionato da superare; non c’entra lo stare davanti a formazioni come Napoli, Milan e Torino che erano partite con ambizioni ben più grandi delle nostre, e che adesso invece conoscono la nostra targa meglio della loro; non c’entra l’Europa League lì a portata di mano o la Champions League che è un pochino più su. C’entrano solo i motivi per cui stiamo dentro questa bella situazione. E i sogni, alcuni veri e propri miraggi se non addirittura utopie, che ne derivano. Direte: anche un anno fa la classifica ci sorrideva e la stampa nazionale ci considerava la sorpresa del campionato. Vero, verissimo, ma era diverso il modo in cui ci guadagnammo complimenti e pacche sulla spalla. Oggi il Parma esprime un gioco differente rispetto a quello che proponeva un anno fa. Oggi il Parma è un gruppo, non la squadra con lampi di chimica e affiatamento della stagione scorsa. Se un campionato fa raggiungemmo certe vette con eccezionali picchi di prestazione, ovvero con performance al di sopra delle nostre potenzialità, quest’anno i ragazzi di D’Aversa stanno mettendo in campo esattamente ciò che è nelle loro corde, nel loro bagaglio tecnico, nel loro repertorio tattico, frutto di un anno in più di esperienza di massima serie e di lavoro alle dipendenze del tecnico abruzzese. Dodici mesi orsono vivevamo il magic moment nella consapevolezza e col ben celato timore che prima o dopo avrebbe lasciato spazio al nostro effettivo valore. Oggi viviamo i nostri successi con la convinzione di poterli replicare perché non ci limitiamo più ad aspettare l’errore degli avversari, ma proviamo a provocarlo, a causarlo col nostro calcio coraggioso che abbina alla perfezione baricentro e pressing alti, recupero palla e ripartenza a tutta velocità. Un calcio che legittima la classifica che abbiamo e gli apprezzamenti che stiamo ricevendo perché oltre il catenaccio c’è di più. In un anno ci siamo trasformati da Cenerentola del ballo a Madrina del ballo. Eravamo intrusi accolti dai sorrisini di quelli che “prima o poi ritornerete nella posizione che vi compete”, ora siamo il loro peggiore incubo. Un’evoluzione favorita da un altro significativo cambiamento: un anno fa ci limitavamo a giocare insieme, ora ci “sentiamo”. Se perdo l’uomo, so già, senza vedere, che ci sarà un mio compagno a metterci una pezza. Se presso sul portatore di palla avversario, so già, senza vedere, che la stessa cosa la stanno facendo i miei compagni su quelli che dovrebbero o vorrebbero riceverla. Se sbaglio un movimento d’attacco, so già, senza vedere, che il mio compagno bilancerà il mio errore facendone uno corretto. Ci capiamo senza la necessità di guardarci negli occhi. Incarniamo il meglio, in termini di intesa, di una famiglia, di una coppia e dei cosiddetti amici per la pelle. Siamo come una formazione di nuoto sincronizzato, anzi meglio perché riusciamo a sincronizzare e ad allineare i nostri pensieri per produrre movimenti che nel calcio devono essere complementari, volendo pure asimmetrici, non identici o sovrapponibili, come accade in vasca. Il gol dell’1-2 realizzato al San Paolo di Napoli spiega questi concetti meglio di mille parole. Una rete che se ci pensate nasce da un contropiede gestito bene, ma non benissimo. Nella loro progressione verso la porta di Meret, Kulusevski e Gervinho finiscono quasi per pestarsi i piedi, poi si “accendono”, si “sintonizzano” l’uno all’altro, si “sentono” e trasformano il bicchiere mezzo vuoto di una ripartenza quasi sprecata nel bicchiere mezzo pieno, e pieno di bollicine, del duetto che ci porta alla rete e al colpo grosso. Uno scambio nello stretto e una triangolazione tanto elementare quanto efficace che normalmente si vedono sui campetti improvvisati per strada, nei vicoli, tra un’automobile e l’altra. Laddove per fare gol non serve essere calciatori di serie A, ma basta semplicemente essere amici. E “sentirsi”.  Luca Russo

10 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / QUESTO E’ IL MIO PARMA, QUELLO NEL QUALE MI RICONOSCO E CHE MI RIEMPIE DI ORGOGLIO

  • 19 Dicembre 2019 in 12:37
    Permalink

    Si sente il “sentirsi” e finalmente si vede quando si cercano e quando oltre al sentirsi e al cercarsi si trovano è l’apoteosi! Ora manca la continuità…

  • 19 Dicembre 2019 in 13:20
    Permalink

    È cresciuta la qualità tecnica, ma anche l’esperienza. Facciamo conto che metà della rosa è ancora quella della B.

  • 19 Dicembre 2019 in 17:03
    Permalink

    Mi fa molto piacere che sia orgoglioso, io sento solo di dire e aggiungere che a mio parere era un ottimo gruppo anche quello dello scorso anno, l’allenatore è lo stesso per cui se a tratti si vede qualcosa di diverso probabilmente è riconducibile ad una qualità maggiore della rosa. Il pregio più grande del tecnico si conferma essere quello di saper valorizzare il materiale di cui dispone, kulusevski viene osservato da club di tutta europa ma bisognava avere il coraggio e la lungimiranza di mettere titolare un ragazzo che, sostanzialmente, non aveva mai giocato in serie a

  • 19 Dicembre 2019 in 17:27
    Permalink

    Abbiamo l’attacco in infermeria
    Aiutaci tu Madonna mia

    SILIGARDI è in castigo dietro la lavagna
    Gioca Sprocati che è………….. una lagna

    D’Aversa avrà un monumento in piazza Garibaldi
    Solo se riuscirà a convincere la società a ridargli SILIGARDI

    Quando segnano Kalusvsky e Gervinho
    Mi vien voglia di bere un buon bicchiere di vino

    Quando KALUSEVSKY a gennaio andrà via
    Non voglio pensarci…… mamma mia

    • 19 Dicembre 2019 in 19:30
      Permalink

      É strano … Vele … che Tu … no capisce che adesso é il momento per Adorante…..🤔
      Se no crediamo in el Vivaio… insoma chi siamo?

  • 19 Dicembre 2019 in 18:55
    Permalink

    Non penso proprio che Kulusevski a gennaio parta… A giugno/luglio si ma non penso proprio che si lasci andare anzi tempo una pedina diventata importante tanto più che non avendo ancora recuperato nessuno non riesci a privartene. Ma ovviamente gli interessi in gioco sono tanti. Eppure non sarei così sicura di una sua partenza!

  • 19 Dicembre 2019 in 23:59
    Permalink

    Giocatori come Adorante devono fare esperienza
    Non certamente in squadre come……… il Fidenza

    Se Kalusevsky va via siamo nella m. – – – a
    Ho paura che senza di lui il Parma perda.

    Senza il MOSTRO la salvezza.è ancora tutta da riconquistare
    Mamma mia ci sarà da penare

    Domenica arriva il Brescia, una squadraccia
    Se non vinciamo perdiamo pure la faccia.

    Spero che domenica la squadra onori la maglia
    dimostrando che Genova e Napoli non erano fuochi di paglia.

    Ora vi saluto me.ne vado a dormire
    Sperando che domenica non debba patire

  • 20 Dicembre 2019 in 07:54
    Permalink

    Il contropiede nel secondo gol è andato in porto grazie alla fama di Kulu, quando Gervais lo serve, i tre difensori del Napoli sono andati tutti su di lui lasciando libero Gervinho.

  • 20 Dicembre 2019 in 09:14
    Permalink

    I nostri giocatori hanno tutti problemi muscolari
    Preparazione atletica che fa c _ _ _ _e

    Il preparatore atletico STA facendo male
    Ma non sarebbe meglio mandarlo al mare?

    Questo Parma sembra un ospedale
    Perché Parma vuoi farti ancora del male

    Il MOSTRO non si è mai infortunato
    Capirete lui è un alieno nato

    Mostro non andartene via
    Per questo prego Santa Maria

    D’Aversa è un mago alla Houdini
    Questo lo capiscono pure i bambini

    Faggiano ha fatto uno squadrone
    Per evitare la retrocessione

    Retrocessione che però sara’ palese
    Se KULUSEVSKY andrà via a fine mese

    Domenica dobbiamo vincere assolutamente
    Con le gambe ma,specialmente….. con la mente.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI