IL COLUMNIST di Luca Russo / NON SOLO SENZA ANCELOTTI: NAPOLI-PARMA SARA’ SENZA L’INTERA TIFOSERIA CROCIATA. LIBERE RIFLESSIONI SUL CARO PREZZI E LA PANCIA PIENA

russo 1(Luca Russo) – Napoli-Parma non sarà caratterizzata soltanto dal debutto di Gennaro Gattuso sulla panchina degli Azzurri, ma anche dall’assenza della tifoseria parmigiana organizzata nel settore ospiti del San Paolo. I 40 euro necessari per accedervi sono considerati dai supporter Crociati una cifra impopolare per un settore popolare. La decisione è stata annunciata congiuntamente da Boys Parma, Centro Coordinamento Parma Clubs e Danè in un comunicato diramato ieri nel quale, in sostanza, vengono riprese e ampliate alcune delle valide considerazioni sul tema espresse dal deputato Daniele Belotti. Poco più di un mese fa, il capogruppo della Lega alla commissione Sport-Cultura-Istruzione, in una lettera inviata al camera deputatiministro dello Sport Vincenzo Spadafora, al presidente della Figc Gabriele Gravina e all’ex presidente della Lega Calcio Serie A Gaetano Miccichè (allora ancora in carica), aveva denunciato l’aumento vertiginoso dei prezzi dei biglietti negli stadi italiani e proposto di copiare l’esempio virtuoso di chi ha già maneggiato e risolto efficacemente la questione, ossia Francia e Parma. Al di là delle Alpi è stato deciso che il costo di un biglietto del settore ospiti non debba superare i 10 euro in Ligue 1 e i 5 euro in Ligue 2. Il club Crociato si è invece fatto promotore di un accordo di reciprocità con le altre società: con la Sampdoria ha fissato in 10€ il costo del tagliando in reciprocità e lo stesso prezzo verrà praticato con l’Udinese, sempre in reciprocità. Ad onor del vero, però, se da un lato il Parma coi patti di reciprocità combatte il caro tagliandi, dall’altro approfitta delle gare di cartello per fare cassa, adottando prezzi parecchio più alti rispetto a quelli stabiliti per i match di “secondo piano”, il che rende un attimino più annacquata la battaglia del club Ducale. La missiva approdata in Parlamento evidentemente non ha ancora prodotto gli effetti desiderati, visto che il caro biglietti nei nostri stadi non accenna a placarsi. E così dopo i 50 euro per la curva ospiti in Lecce-Napoli, i 70 e i 161 rispettivamente per il terzo e il primo anello in Milan-Inter e i 55 per i settori più economici dell’Allianz Stadium della Juventus, ecco i 40 di Napoli-Parma. Con buona pace della campagna “prezzi popolari per stadi popolati”  promossa dalle tifoserie proprio nell’ottica di invitare le società a cifre più miti e in questo modo frenare la progressiva desertificazione delle gradinate che accolgono i sostenitori da trasferta. Al lume di prezzi popolari per settori popollariquanto appena detto, non ci stupisce la protesta del tifo parmigiano organizzato, ce l’aspettavamo prima o poi, era prevedibile e ne capiamo le ragioni. Ma non la forma. Le proteste normalmente le piazze le riempiono, non le svuotano, e lo stesso dovrebbe accadere allo stadio. In un epoca digitale come la nostra, nella quale per avere un minimo di visibilità basta semplicemente “volerla”, crediamo ci siano modi e strumenti più efficaci per manifestare disappunto o reclamare un proprio diritto che non l’assenza. Disertare la trasferta partenopea per protesta, non sappiamo quanto possa essere utile alla lotta contro il caro biglietti, ma siamo certi che penalizzerà la formazione di D’Aversa alla quale mancherà il sostegno dei propri fan. Non l’ideale al cospetto di un avversario che con ogni probabilità risulterà rinfrancato e rigenerato dal cambio di allenatore, non il massimo in un momento in cui i nostri, a corto di gattusonapolienergie per via del reiterato utilizzo dei soliti giocatori imposto da un’infermeria spesso ai limiti della capienza, avrebbero particolarmente bisogno della spinta e della carica dei tifosi. Magari in misura maggiore rispetto a quella di cui hanno beneficiato a Genova, laddove nonostante il biglietto di curva ospiti costasse appena 10 euro, di tifosi Crociati se ne son visti pochi in relazione alla distanza che separa il Ducato dal capoluogo ligure. E qui ci tocca aprire un altro fronte di discussione: l’impressione è che a Parma, indipendentemente dalla spesa da sostenere per andare allo stadio, la pancia sia ritornata piena come lo era prima del fallimento. Non si spiega altrimenti lo scarso seguito di tifosi in trasferta fin qui registrato quest’anno a fronte delle migliaia che accompagnavano la squadra perfino sui campi più remoti della D. Una tale assuefazione non la si sconfigge nemmeno coi biglietti omaggio. Luca Russo

9 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / NON SOLO SENZA ANCELOTTI: NAPOLI-PARMA SARA’ SENZA L’INTERA TIFOSERIA CROCIATA. LIBERE RIFLESSIONI SUL CARO PREZZI E LA PANCIA PIENA

  • 12 Dicembre 2019 in 18:23
    Permalink

    Ma è possibile che si giochi il sabato alle 18.00 quando la gente lavora e non sempre può chiedere permessi? E a guardare le altre gare dopo Napoli( ore 18.00) cosa si nota i lunedì 21.15 a gennaio??? Certo che se si vuole incentivare i tifosi a seguire la squadra si sta proprio facendo l’opposto. Oltre al caro prezzi prendiamo anche in considerazione gli orari e i giorni. E non guardo il sabato o il lunedì o il venerdì ma gli orari assurdi in questo periodo.

  • 12 Dicembre 2019 in 18:32
    Permalink

    Kulusevski a gennaio parte

    • 12 Dicembre 2019 in 20:16
      Permalink

      Fonte?

  • 12 Dicembre 2019 in 18:51
    Permalink

    Non c’è ancora l’accordo con la società, se la contropartita non è quella che chiedono spero non si abbassino a ricattini vari.

  • 12 Dicembre 2019 in 19:01
    Permalink

    Credo si debba fare una netta distinzione tra prezzi e numero dei tifosi al seguito. Il prezzo del biglietto del settore ospiti deve essere regolamentato a livello federale con una imposizione del tetto massimo del costo per quel determinato settore (senza dimenticare che molti stadi tra cui il nostro, hanno il settore ospiti scoperto e il più delle volte con scarsa visuale per via di reti, muretti, barriere, ecc. ecc). Per quanto riguarda il fatto di andare o meno in trasferta dipende da più fattori: una trasferta a media distanza per 2 persone tra viaggio, biglietto e 2 cose da mangiare e bere non costa meno di 100 euro; da qui molte volte la scelta di rimanere a casa (poi che in serie D fosse diventata una moda esserci, questo è un altro discorso…) Però ognuno è libero di andare o meno, quello che limita molte volte la libertà e/o la volontà di partecipare è il prezzo esagerato che una trasferta comporta. Detto questo sono certo che i più dispiaciuti sono quel gruppo di 100 persone che sarebbero andate a Napoli. Ma è giusto ogni tanto provare a farsi sentire, in modo civile come usa qui da noi.

  • 13 Dicembre 2019 in 07:59
    Permalink

    Te c’eri a Genova? A Macerata? A Legnago? A Fano? A borgo San Lorenzo?
    Solo chi le fa tutte o quasi può ergersi a dare lezioni, ma è noto che è più facile predicare che agire, poi magari dare una sfilza di ottimi motivi per cui le proprie chiacchiere contano più dei fatti altrui, e vantarsi perché si viene 4 o 5 volte l’anno al Tardini dalla Campania non conta niente davanti a persone che già a settembre hanno fatto più dei km che tu avrai fatto a giugno, quando avrai fatto tutte le partire casalinghe e il 90% delle trasferte potrai dare lezioni agli altri, ma starsene in poltrone e dire: “armiamoci e partite se no siete conigli” e tirare fuori ottimi motivi per cui questo per sè non vale….

    • 13 Dicembre 2019 in 10:21
      Permalink

      Scusa se mi intrometto ma a me sembra una risposta fuori contesto. I numeri sono li da vedere. Perchè gli spallini vanno in 2.000 a S.Siro o in 1.000 a Roma? L’anno della serie B in una parita decisiva per la promozione in A eravamo in 1.500 scarsi a Cesena (poche settimane prima i foggiani senza nessun particolare interesse di classifica erano 4.000) e in 700 a Vercelli. Secondo te 6/7.000 a Firenze nella finale Lega Pro erano una cosa stabiliante? Il dubbio sollevato da Luca Russo era in generale e non rivolto a chi in trasferta ci va, ma perchè le presenze sono così esigue e poneva solo un quesito. Diciamolo pure che a Parma le trasferte non mai state troppo numerose a parte i soliti 200/300 sempre presenti (basta anche leggere le lamentele dei Boys e del CCPC sui bassi numeri in trasferta).

  • 13 Dicembre 2019 in 11:08
    Permalink

    scusa Se Ciao, però non capisco a chi ti rivolgi, all’autore? lungi dal voler difendere un signore che manco conosco,credo che, in ogni caso, ognuno sia libero di esprimere la propria opinione, soprattutto riguardo un argomento delicato come questo. E la discussione non debba essere limitata solo e per meritocrazia a seconda dei km fatti in trasferta o alle partite viste al Tardini.
    E, credimi, io di km ne ho fatti tanti ma tanti…. ma è una libera scelta sia quella di andare come quella di stare a casa.
    Buona giornata

  • 13 Dicembre 2019 in 12:16
    Permalink

    Qualche settimana fa sono stato a Bologna, in curva San Luca in mezzo ai tifosi rossoblu e ho esultato alle due reti del Parma (cosa che peraltro non puoi permetterti in ogni stadio). Negli anni passati sono stato a Palermo, Catania, San Benedetto del Tronto, Novara, Firenze, Bari, Genova, Grosseto, Livorno, Udine, Roma, Empoli, Piacenza, Cittadella (dove però era facile esserci), Salerno e a Parma un’infinità di volte. Sempre da solo, in casa e in trasferta, mai “organizzato”, e alle mie prime trasferte passavo le notti in treno per rientrare a Napoli non troppo tardi.

    Non credo che con me si possa fare il discorso “se non alzi il sedere dalla poltrona, non puoi metterti lì a dare lezioni”. A parte il fatto che ci son tanti tifosi che vorrebbero essere sempre al fianco del Parma, ma per ragioni spesso economiche non possono concedersi un tale lusso.

    Fatta questa lunga premessa, continuo a non capire perché ci si lamenti del caro biglietti e poi a Genova, col settore ospiti a 10 euro, si era in pochi…e chiaramente il mio interrogativo è rivolto a chi non c’era, non a chi c’era.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI