L’insostenibile leggerezza del pallone, anno secondo / L’ERRORE DEL NAPOLI? LASCIARE SGUARNITI GLI SPAZI UNA VOLTA RAGGIUNTO IL PAREGGIO…

napolli parma cerimoniale inizio

(Luca Tegoni) – Dopo lo scatto e la corsa Gervinho tentenna, poi, il movimento improvviso di Kulusevski che si allarga, crea lo spazio. Gervinho passa la palla al compagno e si accentra, Kulusevski approfitta dello spazio creato e inganna i due difensori del Napoli che gli vanno incontro ma è molto più lesto a leggere la situazione creata e passa la palla ad un liberissimo Gervinho dentro l’area che di sinistro la colpisce al volo facendola passare sopra il corpo sconfitto di Meret a terra. Parma in vantaggio a due minuti dalla fine. Tutti si abbracciano con l’entusiasmo di coloro che fecero l’impresa.

Era nell’aria, la mia personale e, forse di quella dei tifosi crociati, che il Parma potesse vincere nonostante il pareggio del Napoli ispirato da Mertens e concretizzato da Milik. Dopo il pareggio il Parma ha saputo approfittare degli spazi ampi che lasciava lo sguarnito centrocampo del Napoli rendendosi più volte pericolosi con Gervinho oppure vanificando un’azione per un passaggio approssimativo dei nostri meno qualificati centrocampisti. La difesa concedeva poco, se non tiri da fuori senza pericolosità e poi c’era Sepe, guardiano invalicabile, quando l’abilità degli attaccanti avversari prendeva il sopravvento sulla rocciosità dei difensori del Parma.
Lo sguardo teso di D’Aversa consapevole della prestazione dei suoi generava fiducia mentre nello sguardo afflitto di Gattuso si leggeva il timore della sconfitta.

Il Parma aveva cominciato la partita molto concentrato, come spesso accade negli ultimi tempi, ed aveva approfittato della sufficienza con cui i giocatori del Napoli si passavano la palla, sbagliando regolarmente. Da questi errori grossolani unitamente ad errori di piazzamento nascono in serie già delle ottime occasioni per il Parma di passare in vantaggio nei primi dieci minuti.

Al terzo minuto Koulibaly non intercetta, goffamente, un pallone sfiorato da Cornelius dopo una rimessa laterale e lascia strada a Kulusevski che resiste al ritorno del difensore, che poi cade e si fa male, per arrivare dentro l’area e battere Meret in uscita sul primo palo. Parma in vantaggio. Dopo due minuti Cornelius è prontissimo a recuperare un altro passaggio sbagliato e si presenta davanti all’area con due compagni liberi da servire, passa la palla a Gervinho a sinistra, mentre a destra c’era Kulusevski, ma il tocco è troppo morbido e non riesce a raggiungere il compagno prima dell’intervento del difensore, l’unico che poteva proteggere l’area. Grande occasione fallita di un niente.

Poi si fa male anche Cornelius che esce accompagnato dalle imprecazioni o forse invocazioni di D’Aversa. Entra Sprocati.
Il Napoli reagisce e, dopo il decimo del primo tempo entra in partita, avendo rischiato di non giocarla proprio.
Il Parma contiene gli attacchi del Napoli che ha anche un paio di buone occasioni per pareggiare che però, soprattutto con Insigne davanti a Sepe non riesce a capitalizzare. É però Meret a salvare il Napoli arrivando in tuffo a parare il tiro di Gervinho, dopo una corsa di cinquanta metri e a deviarlo sul palo.

Ci vorrebbe pensare l’arbitro allo scadere del primo tempo al pareggio fischiando un rigore a favore del Napoli. Insigne lancia in area Zielinski ma il pallone è molto lungo, nel frattempo si vede Zielinski che cade e l’arbitro che fischia indicando il dischetto del rigore. Decisione incomprensibile. Nei replays, innumerevoli replays, successivi si vede nettamente che Zielinski cade incespicando da solo. La sequenza è talmente netta che il VAR ci metterà un attimo ad annullare la decisione dell’arbitro. Invece no, passano i minuti, poi finalemente Di Bello si avvicina al monitor per valutare meglio l’azione. Non è rigore. Ma viene valutato fallo, fortunatamente appena fuori dall’area, il contatto, sempre che di contatto si tratti, che Zielinski ha con Hernani che, da par suo, stava tranquillamente trotterellando verso la propria porta. Palla irraggiungibile, tocco fortuito, rigore. Equazione inqualificabile. Meglio che l’arbitro si riposi.

La prossima partita con il Brescia, che speriamo di affrontare con qualche giocatore in più, potrebbe darci una maggiore consapevolezza della nostra forza. Con le squadre meno attrezzate difficilmente il Parma riesce a fare buone partite. Sarebbe cosa buona il ritorno di Scozzarella in regia. Non parliamo di Kuko. Mancano come il pane quando devi pocciare nel sugo.

Altra grande prestazione del Parma che vince a Napoli due a uno. Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

6 pensieri riguardo “L’insostenibile leggerezza del pallone, anno secondo / L’ERRORE DEL NAPOLI? LASCIARE SGUARNITI GLI SPAZI UNA VOLTA RAGGIUNTO IL PAREGGIO…

  • 16 Dicembre 2019 in 12:24
    Permalink

    A numerosi amanti dell’UPI segnalo questa mostra autocelebrativa ai Voltoni del Guazzatoio. Ingresso libero.

    • 16 Dicembre 2019 in 13:34
      Permalink

      🤙
      👏👏👏👏👏

  • 16 Dicembre 2019 in 14:21
    Permalink

    Ieri pomeriggio ero diligentemente in coda per andare ad omaggiare ai Voltoni della Pilotta i padri fondatori di Ponte Caprazucca e gli industrialoni che hanno fatto grande il nostro Territorio. Nell’attesa, visto il fiume di cittadini che seguendo l’esempio delle massime autorità confindustriali smaniavano dalla voglia di vedere le vecchie stampe dei vari buslotari e tomaccari, leggevo la carta da cesso rosa scroccata a mio cugino al pranzo della domenica. L’occhio mi è caduto su un ridicolo articolo a firma dell’oslone nero dal malaugurio strisciato che non potendo dopo Napoli gettare merda sul Parma, si è dovuto suo malgrado occupare d’altro. Il parmigiano strisciato celebrava il bresciano De Zerbi (evidentemente il siftòne ha un notevole feeling con i bresciani tanto che fossi in Cellino/Ghirardi lo inviterei ad assistere con loro al match di domenica…), arrivando addirittura a definirlo “Maestro” (titolo che porta per altro parecchia sfiga chiedere a Gianpaolo, Andreazzoli…). La cosa fa capire quanto i giornaloni e la gran cassa dell’informazione siano in grado di spostare la percezione del volgo su allenatori/giocatori e anche il mercato. Per tenere lontane le strisciate che come mosche si avventano sulle bide

  • 16 Dicembre 2019 in 14:26
    Permalink

    la strategia migliore è avere buoni giocatori senza però nessun picco tropppo evidente ai più ed evitare giocatori che per età o altro siano da copertina. In quel acso dopo quattro partite parte il circo di Pedullà, Di Marzio, Zazzeroni, Cairo, etc.Tonali ad esempio se fosse allampanato, pelato e calabrese non sarebbe al centro di aste. C’è perchè in lui si vuole vedere Pirlo (basso, faccia poco sveglia, capelli a scodella e accento bresciano). e così via gli esempi sono tantissimi.

  • 16 Dicembre 2019 in 18:33
    Permalink

    Mi sa che Scozza non torna contro il Brescia. Stringiamo i denti per l’ultima partita del 2019 e poi recuperiamo tutti gli infortunati.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI